Successfully reported this slideshow.

Le Chiese Romaniche di Brenzone - San Nicola ad Assenza

0

Share

Loading in …3
×
1 of 16
1 of 16

More Related Content

Related Books

Free with a 14 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 14 day trial from Scribd

See all

Le Chiese Romaniche di Brenzone - San Nicola ad Assenza

  1. 1. 1 CONOSCERE IL BALDO – GARDA I° CORSO DI FORMAZIONE PER ANIMATORI TURISTICI AMBIENTALI USCITA: SABATO 7 FEBBRAIO 2015 LE CHIESETTE DI BRENZONE RELATORE/ACCOMPAGNATORE: PROF. GIULIANO SALA Trascrizione dell’uscita per la visita a 3 Chiese Medioevali di Brenzone CHIESA DI SAN NICOLA DI ASSENZA Dall’esterno si può vedere come dalla Chiesa originale sia stata allungata e la facciata sia stata rifatta con l’apertura di una finestra in stile Gotico, guardando a destra dobbiamo immaginare che la Chiesa era in linea con il muro che vediamo dopi il campanile ed era più corta quindi una Chiesa ad un’unica navata con un’abside grossomodo come quella di Sant’Antonio a Biaza. Quindi il primo intervento fu un allungamento della Chiesa con quel muro che vediamo andare verso Est, poi c’è stata la costruzione del campanile e nello stesso tempo la chiesa fu anche allungata, poi, in un ultimo intervento, intorno alla fine del 1400, fu attaccata alla navata esistente una seconda navata laterale che si attacca alla torre del campanile e prosegue in linea con la facciata e quindi la facciata venne completamente rifatta, venne centrata la porta e fatta la finestra. Quindi ci sono tre fasi costruttive: la prima fase Romanica, un allungamento della Chiesa intorno al
  2. 2. 2 1300, più o meno quando vengono eseguiti gli affreschi che sono datati 1322 e poi l’ultima fase che è un allargamento in linea col campanile e con quella che era l’unica navata interna. In genere poi i campanili erano soggetti a vari interventi nel tempo in quanto erano più soggetti a deterioramento, soprattutto a causa dei fattori atmosferici. Entrando si possono vedere quali erano le parti dell’edificio: la prima è la Chiesa Romanica, senza abside in quanto questa è stata demolita, poi si ha l’allungamento della Chiesa in direzione Ovest e poi un nuovo allungamento con anche il corpo laterale, la prima Chiesa doveva arrivate in linea con l’arcata, la seconda con l’altra, le arcate sono tutte state costruite con l’ultimo ampliamento quando è stata allungata ed allargata
  3. 3. 3 Siamo intorno alla fine del Quattrocento e sono arcate in stile Gotico. Perché come abbiamo visto c’è molto ritardo dalla città alla provincia, infatti quando in città si comincia ad arrivare al Rinascimento, nelle zone periferiche si costruisce ancora in stile Gotico, Questo però è un fatto abbastanza raro perché non abbiamo testimonianze di architettura Gotica nel nostro territorio, l’unica che mi viene in mente è l’Abbazia di Maguzzano, dalla parte Bresciana del Lago con questi arconi e questa volta a crociera e l’ampliamento fatto nella Chiesa di San Michele a Gaium che ha il Presbiterio rifatto con queste vele a crociera in stile Gotico e una finestra trilobata a fianco. Queste comunque sono le tre fasi della Chiesa, il momento più importante evidentemente risale a quello del XIV Secolo con tutta la decorazione. Partendo dalla parete Nord, possiamo vedere che abbiamo in alto un’iscrizione che ci permette di datare gli affreschi e si vede Millesimo Trecentesimo, Vigesimo Secondo, quindi 1322
  4. 4. 4 e possiamo vedere comunque che l’ultima cena è sottoposta, gli affreschi del 1322 si sovrappongono a un affresco che è stato conservato dell’ultima cena, quindi questo affresco è antecedente, probabilmente è databile tra la fine del 1200 e i primi anni del 1300. Quindi questo è l’affresco più antico presente nella Chiesa. E’ abbastanza evidente l’influsso dell’arte Bizantina, è stato chiarito anche il mistero dei vari Santi, per l’ultimo a destra si legge S. Be … ma è sempre Bartolomeo scritto Bertolomeo, come è capitato in altri casi. Il secondo intervento ha riguardato tutta la parete, sia quella a Nord che quella a Sud e da quello che si vede, l’elemento affresco doveva essere molto più importante di quello che è rimasto adesso e in parte è andato rovinato dall’ultimo ampliamento della Chiesa quando hanno costruito le volte a crociera e gli arconi che sono stati inseriti negli affreschi rovinandoli. Nella prima raffigurazione che abbiamo in alto, sotto alla data, si vede a sinistra un angelo che tiene un lembo di un mantello e sulla sinistra si vede il volto aureolato di una donna che è la Madonna della Misericordia, questo, come abbiamo visto a
  5. 5. 5 Campo, è un culto che nel Trecento si diffonde notevolmente e la Madonna viene invocata a protezione da quelli che erano i mali del tempo, cioè “a peste fame et bello” dalla peste, dalla fame, dalla carestia e dalla guerra e a fianco dla Madonna abbiamo l’apostolo Giovanni, San Giovanni Evangelista, con sopra il titolo e il libro, che è un attributo dei dottori della Chiesa, degli Evangelisti in primis. Sotto abbiamo un Santo a cavallo E davanti al cavallo c’è una figura, si intravede una testa, questo ci permette di ricostruire la scena nella donazione del mantello di San Martino al mendicante, sotto abbiamo delle iscrizioni che ricordano i committenti cioè le persone che hanno pagato per gli affreschi
  6. 6. 6 Si legge Dominicus, il nome appunto del committente. Vicino ci sono le raffigurazioni di Santo Stefano e poi un Santo monaco, probabilmente San Nicola, ma non ci sono elementi per riconoscerlo con precisione. Poi si vede l’immagine di un altro Santo. Procedendo abbiamo dei riquadri meglio leggibili Dove a sinistra vediamo Santo Stefano, in mezzo San Zeno e San Bartolomeo con il solito motivo dell’abito a fiori, poi l’altro riquadro
  7. 7. 7 dove abbiamo ancora San Zeno Vescovo quindi un riquadro più complesso in cui si vede la figura della madre della Vergine, quindi della Madonna e quindi del Bambino, è come se fosse una Trinità composta da Sant’Anna, La Madonna e il Bambino come scritto sopra. Quello di Sant’Anna era un culto abbastanza diffuso, per esempio nella zona di Bardolino è la patrona di Calmasino come a Malcesine, era evocata soprattutto dalle partorienti, dalle donne in età di marito. L’altro riquadro, purtroppo rovinato dal basamento dell’arcata, è una Crocifissione con gli elementi simbolici canonici, vediamo il –cristo con il capo già reclinato, gli occhi chiusi che ha già ceduto alla morte, in alto San Michele che viene ad accoglierlo, poi abbiamo la figura del sole e della luna ai lati che stanno a rimarcare la nobiltà del personaggio. A lato di Gesù c’è san Giovanni Apostolo, vicino a
  8. 8. 8 sinistra si vede probabilmente la Vergine o la Maddalena ma non abbiamo più alcun riferimento leggibile, simbolicamente il monte del Calvario e questo oggetto strano Cristo sarebbe stato sacrificato. Ai lati sono raffigurati i committenti. In questo caso un tal Johannes Focola fecit … fece dipingere questa immagine, un’immagine molto bella. L’altra immagine raffigura San Nicola fra i Santi Benigno e Caro i due Santi Monaci e infatti c’è il famoso affresco, all’interno della Basilica di San Zeno, entrando più o meno a metà sulla destra, dove si vede una bara col corpo del Santo Vescovo e i due Santi Eremiti uno da una parte e uno dall’altra che la stanno sollevando. che dovrebbe alludere al cranio di Adamo perché secondo la tradizione nella Leggenda Aurea si dice che dove fosse stato sepolto Adamo, si fosse messo un piccolo ramoscello nella sua bocca e da lì sarebbe nato l’albero da cui avrebbero fatto la Croce sulla quale che, secondo la tradizione, nell’anno 807, quando venne costruita la nuova Basilica di San Zeno e in questa Basilica vennero trasportate le reliquie del Santo, vennero chiamati questi Santi Eremiti che vivevano sul Baldo sopra Cassone perché nessuno si azzardava a toccare le reliquie
  9. 9. 9 I Santi Benigno e Caro trasportano il corpo di San Zeno - Artista veronese (Basilica di San Zeno) San Nicola è un culto diffusissimo sul Lago perché è invocato contro i pericoli del Lago appunto, c’è un famoso dipinto che si trova nei Musei Vaticani del Beato Angelico che raffigura una nave in mezzo alla tempesta e San Nicola che salva l’equipaggio Beato Angelico, Storie di S. Nicola: Incontro di San Nicola con il messo imperiale, Miracolo del grano, Miracoloso salvataggio di una nave (predella Guidalotti), Città del Vaticano, Musei Vaticani e quindi su tutti i paesi del Lago c’è questo culto, a Bardolino c’è una Chiesa di San Nicola, come a Lazise sul porto, qui ad Assenza sul porto, e il Santo è raffigurato un
  10. 10. 10 po’ dappertutto come il protettore dei pescatori, della gente che si affida all’acqua per la sua vita ordinaria. Alla sinistra di San Nicola abbiamo quindi San Caro, leggiamo la C la H e la R e completiamo chiaramente con Carus e poi abbiamo l’immagine di Sant’Antonio Abate dove al di là dell’abito eremitico si vede un po’ il campanaccio, che, secondo la tradizione, quando era nel deserto, il suono della campana allontanava il demonio, si dice anche che in Francia, a Parigi, nel Trecento, ci fosse un ordine di monaci Antoniniani i quali avevano ottenuto come privilegio dal re di poter pascolare i loro maiali su suolo pubblico e per essere contraddistinti dagli altri portavano il campanaccio al collo, questi maiali poi venivano macellati e distribuiti ai poveri nella festa di Sant’Antonio il 17 gennaio. Una curiosità; il Fuoco di Sant’Antonio è un tipo di malattia che era molto diffuso nel Medioevo, contro la quale veniva evocato anche Sant’Antonio e richiama un’altra leggenda che nasce soprattutto dalla Sardegna dove si dice che il Santo si fosse recato all’Inferno per prendere il fuoco e portarlo agli uomini, quindi per questa malattia ci sono tanti riferimenti tutti leggendari perché comunque il culto di Sant’Antonio è uno di quelli
  11. 11. 11 più diffusi, a Costermano per esempio c’è la Parrocchiale di Sant’Antonio, un tempo si faceva la benedizione degli animali, si portavano gli animali domestici. Ecco quindi il valore apotropaico ** del suono della campana, anche la campana della chiesa per esempio, io ho sempre citato come riferimento quel bellissimo film di Walt Disney che era “Fantasia” dove c’erano i vari brani musicali, a un certo punto c’è il brano di Mussorgsky, “Una notte sul Monte Calvo” dove si vede questo paesaggio notturno, funesto, pieno della presenza di demoni e a un certo punto questi demoni che scorrazzano in giro, a un certo punto il cielo comincia a tingersi di rosa e si sentono i rintocchi di una campana che preannunciano l’altro brano musicale che segue “L’Ave Maria” di Schubert, a questo suono i diavoli prima si fermano, si guardano intorno e poi fuggono impauriti. Quindi c’è questo discorso del suono della campana che ha valore apotropaico, poi la campana viene inserita nelle nostre Chiese anche per quello, oltre che per altri motivi, per esempio a San Nicola di Lazise, che era sul porto, quando c’era la nebbia il suono della campana guidava le barche all’entrata in porto, quando da piccolo andavo in campagna con mio nonno si sentivano i rintocchi della campana di San Severo, si segnava il tempo, suonavano “a martello” in caso di pericolo. La campana era situata sul campanile, e la torre campanaria era uno degli edifici più robusti del luogo, tanto che, almeno a Lazise, c’è un documento che dice che nella parte inferiore del campanile venivano rinchiusi i criminali, era adibita a prigione perché era una zona chiusa da mura. L’altro poi è San Giacomo (Jacobus) che abbiamo visto raffigurato a Biaza che è il protettore dei viandanti o meglio dei pellegrini, coloro che si muovono per pellegrinaggio. Poi nella parete a Est, che chiaramente è stata rifatta, non si vede più niente se non qualche frammento, la Chiesa originaria proseguiva con l’abside circolare che è stata chiusa. Prima di vedere la Pala dell’altare guardiamo gli altri affreschi che sono sopravvissuti che sono coevi con quelli appena visti. In riferimento poi al San Cristoforo della Chiesa di San Zeno a Castelletto, che per me è del 1300, trovo abbastanza somiglianze con questo pittore, nella frontalità di certi Santi con l’aureola a raggera, graffita, quindi credo siano contemporanei. **L'aggettivo apotropaico (dal greco αποτρέπειν, apotrépein = "allontanare") viene solitamente attribuito ad un oggetto o persona atti a scongiurare, allontanare o annullare influssi maligni. Si parla ad esempio di monile apotropaico, rito o gesto apotropaico.
  12. 12. 12 Ritornando agli affreschi vediamo un San Michele a sinistra e San Gabriele infatti si può notare a sinistra il braccio della bilancia che è quello alla sinistra del Santo quindi quello dei dannati, quindi l’Arcangelo Gabriele che è sempre raffigurato con una sorta di bastone araldico che a volte termina con un giglio perché Gabriele è quello che annuncia la nascita di Gesù alla Vergine e è l’Araldo di Dio per eccellenza. Poi abbiamo San Bartolomeo, sempre con un mantello con motivo floreale, quindi un’altra scrostatura e infine la figura di Santa Lucia Vergine, vedete che gli occhi Sono belli, in evidenza, non li ha chiusi, non si vede che siano stati strappati, non li porta come attributo, ha solo un ramo di palma che allude al suo martirio e quindi siamo in una fase in cui non è stato ancora associato il concetto di protezione dalle malattie degli occhi da parte della Santa.
  13. 13. 13 Sotto la scritta “fecit fieri” e viene ancora ribadita la data MCCCXX che si legge e poi Probabilmente c’è spazio ancora per II quindi 1322. Con l’ampliamento della Chiesa poi, avvenuto verso la fine del Quattrocento, massimo primi anni del Cinquecento, si crea la parte adiacente al campanile e la parete è affrescata, si nota la decorazione floreale e le figure come anche il trono della Vergine molto stilizzate. In mezzo c’è la Madonna col Bambino, e ai lati Santa Caterina d’Alessandria, sempre con la palma del martirio, la corona, altro attributo del martirio e la ruota dentata che è lo strumento. La palma perché è simbolo di vittoria, la corona perché è stata incoronata da Dio nel momento in cui subisce il martirio e col suo martirio vince sulla morte eterna e poi San Lorenzo la cui rappresentazione non è molto diffusa, non lo ricordo nel nostro territorio in altri affreschi Medioevali, anche lui raffigurato con la palma e la graticola.
  14. 14. 14 La pala d’altare è una pala molto bella, a differenza di quella di Biaza che non Abbiamo neanche preso in considerazione, perché è molto semplice e molto rozza, qua abbiamo la Vergine in Gloria fra gli Angeli e con il Bambino in braccio, ai suoi lati abbiamo San Nicola, vestito in abito vescovile e alla destra Sant’Antonio Abate con il campanaccio, in particolare San Nicola è ritratto con i 3 pomi, questo allude, secondo la tradizione, alla donazione di 3 sacchi di monete, 3 palle d’oro, che avrebbe fatto il Santo a un vicino che aveva delle figlie ma non aveva la dote per maritarle e quindi il Santo sarebbe intervenuto, ecco anche perché San Nicola è collegato con i doni, San Niccolò, per esempio una volta a Bardolino c’era San Niccolò che portava i doni il 6 dicembre che poi è diventato Santa Klaus, Babbo Natale, c’è tutta una tradizione che comunque richiama l’abitudine di portare i doni in quel periodo dell’anno, perché si parla comunque di un Santo a cui sembra si
  15. 15. 15 siano abbinate la tradizioni pre cristiane, soprattutto del mondo Celtico e Germanico. Ecco poi il nostro Sant’Antonio sempre con il campanaccio e il maiale che appunto lo accompagna sempre, e il committente che è raffigurato con un bellissimo ritratto e poi si intravede ilmotivo araldico, E’ una pala molto bella, guardate per esempio il ritratto del committente, i volti dei due Santi, come sia originale la figura di Sant’Antonio Abate rispetto ad altre raffigurazioni. un grifone con corona a 5 punte. Questo riporterebbe in effetti alla famiglia Ivani, bandita da Sarzana e stabilitasi a Brenzone nel primo '500 dove esercitò il notariato per poi inurbarsi. Qui siamo nei primi decenni del Cinquecento e il riferimento è a Ermanno Rigozzi che è il precursore di Paolo Jacopo Rigozzi che andò a Firenze alla corte dei Medici e Paolo dipinge in tantissime Chiese agli inizi del Seicento.
  16. 16. 16 Richiama un po’ la pittura Fiamminga. Abbiamo una pala simile anche se di minor qualità, alla Madonna del Soccorso a Marciaga e anche in quella c’è una veduta di un paesaggio lacustre immaginario, come anche a San Michele a Gaium c’è un affresco con lo sfondo fra l’Adige e il Garda, probabilmente andavano di moda questi paesaggi di fantasia che ovviamente qui vanno a riferirsi al lago e alle montagne del Baldo. Il committente doveva essere un personaggio importante, si vede dal vestito, dall’anello che porta al dito, probabilmente era inurbato, viveva qui. Anche la cornice è molto bella, all’apice, nel triangolo, è raffigurato il volto di Gesù. L’altra pala d’altare, nel secondo altare laterale di stile Tardo Barocco, probabilmente siamo intorno ai primi del Settecento, raffigurante San Francesco che riceve le stimmate, e anche qui siamo di fronte a una pala di una certa qualità, il periodo può essere fra il fine Seicento e i primo del Settecento.

×