Farsi in quattro n 10 aprile 2011

511 views

Published on

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Farsi in quattro n 10 aprile 2011

  1. 1. F in arsi 4 farsin4@gmail.comN. 10aprile 2011 PER ZONA QUATTRO Zona4 15-16 MAGGIO ELEZIONI PER IL CONSIGLIO DI ZONA 4 IL PARTITO DEMOCRATICO DI ZONA 4 per una zona più vivibile, solidale e sicura BENESSERE E SERVIZI SOCIALI IN ZONA 4 ANZIANI E PORTATORI DI HANDICAP - Rafforza- mento dei servizi sociali, attualmente molto deboli. Attività Una politica di welfare capace di guardare al futuro deve in- d’informazione ed orientamento dei cittadini anziani non au- teressare tutta la popolazione della zona, evitando il rischio di tosufficienti. considerarlo solo di competenza di chi si occupa del sociale Apertura di servizi che operino innanzitutto nell’offerta d’in- a livello professionale. formazioni ed orientamento per le famiglie (ascolto telefonico Non si può, infatti, fare a meno di una partecipazione diffusa, ma, anche, attività di sportello opportunamente localizzate sul che sia espressione della comunità dei residenti. territorio). I progetti di trasformazione, grandi e piccoli, devono essere Bisogna individuare in Consiglio di Zona un consigliere di ri- in grado di generare aree per il verde, spazi pubblici ben ferimento per le politiche di welfare con il potere di facilitare progettati, asili nido e scuole materne, spazi di aggregazione un lavoro comune delle diverse entità che si occupano di questi per i giovani e gli anziani, accessibilità al trasporto pubblico, problemi. reti ciclabili, aree a velocità limitata, presidi sanitari e della sicurezza, piccolo commercio, impianti di microgenerazio- “SERVIZI SENTINELLA SOCIALE” - realizzare in modo ne e teleriscaldamento e, più in generale, tutti gli spazi ed capillare sul territorio una rete di assistenza e di “sorveglianza” i servizi che sono necessari per creare comunità vivibili e delle famiglie e delle persone a più alto rischio individuale, sostenibili. sociale, assistenziale ed ambientale, a carico dei Servizi Sociali Non quartieri ghetto (siano essi popolari o di lusso) nei quali con il supporto del volontariato privato. sentirsi soli o dai quali spostarsi in auto per ogni necessità, ma nuovi centri, città nella città, forniti di tute le necessarie INTEGRAZIONE - Per stimolare la partecipazione dei nuovi funzioni. cittadini Milano dovrà valorizzare quella grande risorsa rap- Investire nei servizi civici e sociali (anche lo strumento del presentata dalle “seconde generazioni” di cittadini provenienti Piano dei Servizi) vuol dire progettare con cura, realizzando da altri paesi. Si deve cercare di integrare le diverse culture con coerenza una città ospitale e a misura di bambino e di e far sentire alle nuove generazioni che possono essere parte anziano, come garanzia della qualità di vita di tutti. essenziale del nuovo modello di sviluppo sociale. NOTIZIE A CURA DEL PARTITO DEMOCRATICO DELLA ZONA 4 1
  2. 2. I ragazzi italiani e i nuovi italiani delle seconde generazioni CENSIMENTO degli alloggi sfitti da riqualificare e da as- potranno essere impiegati come mediatori civici per prevenire segnare. o risolvere le conflittualità che l’incontro delle diverse culture e tradizioni può creare. Un servizio di tal genere potrebbe NUOVE CASE POPOLARI - completamento della costru- prendere avvio proprio dalle case popolari, dove le conflit- zione delle case Aler (ad esempio quelle di via Norico, dove tualità già esistono e vanno affrontate. ci sono 7 palazzine ferme dal 2000 per l’immobilismo Aler e problemi di inquinamento del suolo. DIRITTI E DOVERI - Istituzione di un tavolo di coordi- Riqualificazione e potenziamento del patrimonio edilizio esi- namento con i referenti dei gruppi sociali, dei gruppi etnici e stente. delle forze dell’ordine a garanzia di una corretta integrazione Contratti di quartiere: monitoraggio e verifica dei contratti in per una civile convivenza. zona (ad esempio il Lotto 64 di via Salomone). ABITARE E VIVERE IN ZONA 4 SCUOLA, GIOVANI E SPORT IN ZONA 4 Il PD vuole essere al fianco dei cittadini dei quartieri, sup- PIÙ ASILI NIDO E SCUOLE PER L’INFANZIA - Pro- portandone le iniziative muovere la realizzazione di nuove strutture pubbliche. “ADOTTIAMO OGNI ANNO UNA VIA DEI NOSTRI REALIZZAZIONE DI SCUOLE CIVICHE diurne e serali QUARTIERI” - Con gli abitanti, i commercianti, le rinnovandone gli indirizzi anche con corsi di specializzazione associazioni e comitati di quartiere, iniziando dalla via artigianale in collaborazione con le associazioni di categoria Lomellina in ricordo delle vittime del tragico incidente degli artigiani e delle professioni. del 2006 SOCIETÀ ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE - Sostegno e PIÙ TEMPO PER STARE CON GLI ALTRI - Maggiore possibilità di utilizzare le palestre scolastiche. vivibilità e vitalità dei quartieri: mercati serali o feste di via con apertura straordinaria dei negozi PISCINE - Potenziamento degli impianti natatori con creazio- ne di una nuova piscina pubblica nella zona dell’ex stazione di STRADE PIÙ LUMINOSE - Miglioramento dell’illuminazio- Porta Vittoria e recupero della Piscina Botta in affiancamento ne stradale, favorendo soluzioni a risparmio energetico alle esistenti strutture di Mecenate e Saini rivolte per lo più alle attività agonistiche. NO AL RUMORE - Contenimento dell’inquinamento acu- stico (abbassamento degli indici di zonizzazione acustica GIOVANI Politiche di integrazione efficaci, sportelli di ascolto, secondo le nostre richieste, già fatte in Consiglio di Zona). accesso dei giovani stranieri alla rete territoriale del welfare, individuazione delle situazioni di fragilità e prevenzione del ORTOMERCATO - Contenimento del traffico verso l’Or- disagio giovanile, coordinandosi con le associazioni di volon- tomercato, in particolare dei Tir, che provocano rumore ed tariato presenti sul territorio. inquinamento ambientale, sì al progressivo spostamento delle merci su rotaia. DIRITTO ALLO STUDIO - Garantire e aumentare il fondo per il diritto allo studio. COMMISSIONE EDILIZIA - Controllo su tutte le nuove edi- ficazioni e sulle opere di riqualificazione degli stabili esistenti. No alle case torri nei cortili. IL VERDE IN ZONA 4 SANTA GIULIA - Si intende adottare provvedimenti per la NUOVI SPAZI PER BAMBINI, ANZIANI E GIOVANI - riqualificazione della Zona. Si farà un attento monitoraggio Aree destinate ai giochi dei bambini, aree dedicate agli anziani del quartiere, abbandonato dalla giunta Moratti e si farà il e all’aggregazione giovanile censimento dei servizi mancanti a Rogoredo. SPAZI VERDI E STRADE PULITE - Aumento del numero PONTE LAMBRO - Completamento del Progetto Renzo di cestini e maggiore frequenza della loro pulizia, rimozione Piano, definizione sull’utilizzo dell’Ecomostro “Mondiali dei pali inutilizzati e delle carcasse di veicoli 90”e realizzazione delle opere per contenere le esondazioni del fiume Lambro. VALORIZZARE E FAR VIVERE I NOSTRI PARCHI: Parco Alessandrini: completamento della parte mancante del parco e collegamento con il “percorso verde del Parco Sud” e EDILIZIA POPOLARE realizzazione del percorso “raggio verde Sud Est”. Parco delle Rose: bonifica, riqualificazione con spazi per lo Ridare dignità alle case popolari Aler e del Comune con la cre- sport ed usi sociali. Creazione di una cittadella degli artigliani, azione di un’apposita Commissione che dia concrete risposte che sono già presenti sul terreno dell’ex canale Navigabile. agli inquilini e ripristini la legalità. Parco Forlanini: estensione dell’area verde attraverso il re-2
  3. 3. cupero e la fruizione dell’area agricola compresa fra l’attuale stazione, la seconda di Milano per traffico passeggeri (FF.Parco Forlanini e il quartiere Argonne e completamento del SS, M3, Passante, linee S) e della zona circostante (nuoveraggio verde EST (Centro-Idroscalo). Difesa dalla cementi- attività economiche, nuovi servizi, parcheggio e luoghi dificazione prevista dal PGT (Piano di Governo del Territorio. aggregazione).Parco Monluè: riqualificare l’area del ponte sul Lambro emessa in sicurezza delle sue sponde. PASSANTE FERROVIARIO - Riqualificazione e valorizza- zione degli ambienti nelle stazioni di Porta Vittoria e piazzale Dateo.LA CULTURA IN ZONA 4 TUNNEL LINATE/PERO - No alla realizzazione del tunnel,BIBLIOTECA EUROPEA (BEIC) Rifinanziamento e revi- che porterebbe più auto dentro la cittàsione del progetto in zona ex stazione di Porta Vittoria.Biblioteche: Valorizzazione attraverso l’organizzazione e la Su due ruotepromozione di eventi culturali e l’apertura fino alle ore 23 con Parcheggi sorvegliati per moto e biciclette. Da realizzare inspazi di studio ed ascolto prossimità delle fermate di grande scambio dei mezzi pubblici.Spazi multifunzionali: sale prove per musica, teatro, per fa- Noleggio biciclette di ATM (Bike – sharing). Estensione delvorire l’aggregazione giovanile. servizio anche in periferia.Costruzione di un cinema Multisala come da progetto in- Piste ciclabili. Controllo, manutenzione ed ampliamento delletervento integrato di Porta Vittoria siglato con il Comune. In piste anche con coinvolgimento delle associazioni di ciclisti.questa sede sarebbe opportuno che ci siano anche spazi per ilteatro e per iniziative culturali dei giovani. In automobile Parcheggi di corrispondenza. Abbonamenti agevolati perSCUOLE APERTE - Promozione e sostegno di attività ri- incentivare l’uso dei mezzi pubblici.creative in orari pomeridiani e/o serali. Le scuole devono di- No alla “sosta selvaggia”. Razionalizzazione e controllo deiventare luogo di aggregazione e di supporto per gli studenti in parcheggi.difficoltà in collaborazione con le associazioni di volontariato Attività artigianali e commerciali. Ridefinizione delle asse-presenti sul territorio. gnazioni dei permessi di parcheggio gratuito per particolari attività professionali con sede in zona.RETE WIRELESS DI ZONA - Per mettere a disposizione Noleggio orario delle auto (Car–sharing). Potenziamentodel quartiere una rete gratuita. e promozione del servizio di noleggio auto con più vetture e più postazioni.SPOSTARSI IN ZONA 4 A piedi Vie e strade più sicure. Dissuasori di velocità e rotatorie,Con i mezzi pubblici eliminazione delle buche.LINEA 4 DELLA METROPOLITANA - Dopo 10 anni di No alle barriere architettoniche. Monitoraggio e rispettopromesse non mantenute...realizzazione e completamento del- della normativa.la nuova linea M4 (Azzurra) apertura della stazione Forlanini Scuole. Riqualificazione e creazione di zone di sicurezza neidi scambio M4 e di quella di via Zama del passante ferroviario. pressi degli edifici scolasticiIntrodurre nel progetto esecutivo della M4 la realizzazione “Piedibus” autobus umano formato da bambini accompa-della diramazione sul tracciato per Mecenate - Ungheria – gnati da adulti volontari: un aiuto alle famiglie, un modo perSanta Giulia con prolungamento fino a San Donato (M3) e ridurre il traffico, le doppie file di auto davanti alle scuole eSan Giuliano Milanese (FFSS) l’inquinamento. Marciapiedi e aree pedonali dissestate. Monitoraggio e ri-STAZIONE FS ROGOREDO - Riqualificazione della qualificazione. Zona4 15-16 MAGGIO ELEZIONI PER IL CONSIGLIO DI ZONA 4 3
  4. 4. Candidati del PARTITO DEMOCRATICO della ZONA 4 alle ELEZIONI COMUNALI DI MILANO del 15-16 maggio 2011 FILIPPO BARBERIS Mi lano Ho 28 anni. Sono laureato in giurisprudenza e sto frequentando un dottorato in diritto del lavoro. Sono diplomato in pianoforte al Conservatorio, musica e teatro sono le mie grandi passioni. L’impegno politico nasce dalla curiosità e dalla voglia di fare. Prima, Rappresentante degli studenti, poi responsabile provinciale Scuola e Università per il PD milanese, ho coordinato l’elaborazione delle proposte su Uni- versità, Ricerca e Innovazione, per il programma di Pisapia. NATALE COMOTTI Architetto, nato nel 1945, è coniugato, ha due figlie e due nipotine. Ha svolto l’attività di tecnico del settore Edilizia scolastica del Comune di Milano. Oggi si dedica alla professione e alla cooperazione. Ha presieduto la Cooperativa Edificatrice di Rogoredo fino alla fusione che nel 2008 ha dato vita ad E.Co.Polis, una delle più grandi cooperative di abitanti di Milano, della quale è vice-presidente. Dal 2010 presiede la polisportiva Rogoredo 84 Asd, che gestisce l’impianto sportivo di via Pizzolpasso aperto a tutti i cittadini. È stato eletto consigliere comunale di Milano nel 2006. La sua esperienza professionale gli ha consentito di proporre novità normative che tengono conto delle peculiarità della cooperazione e di sostenere anche tecnicamente la battaglia del PD sul PGT di Milano. Oggi mantiene aperto il contatto tra gli abitanti del quartiere coinvolto nella vicenda delle bonifiche ed il Comune. MARCO CORMIO Sono nato a Milano 48 anni fa, dove vivo attualmente. Dopo anni di impegno nel sociale, nel volontariato ed in particolare nel campo della disabilità, dal 1990 mi sono dedicato all’attività politica dapprima come Consigliere e Presidente della Zona 13 e, a partire dal 2001, in qualità di Consigliere comunale. Sono convinto che l’esperienza diretta nella realtà dei quartieri cittadini, il confronto costante con le associazioni e i cittadini attivi sul territorio e la competenza siano i punti di forza della mia azione politica.4
  5. 5. LAURA D’ALFONSO Nata a Milano il 20 Agosto 1972, sono laureata in Fisica e lavoro come ricercatore all’Università degli Studi di Milano-Bicocca, presso il Dipartimento di Fisica. Sono sposata con Paolo ed ho un figlio di 6 anni, Andrea. Ho prestato servizio per più di 10 anni nello scoutismo laico milanese, nel movimento educativo CNGEI (Corpo Na- zionale Giovani Esploratori Italiani), la cui carta d’identità associativa costituisce i miei valori di riferimento: la laicità vissuta come percorso di crescita personale, l’attenzione ai giovani ed ai loro diritti, la coeducazione e valorizzazione delle specificità e differen- ze, l’attenzione all’ambiente vissuto in modo sostenibile, la solidarietà e lo sviluppo di relazioni paritetiche, la democrazia come partecipazione attiva e responsabile in ogni ambito, l‘impegno civile come assunzione di responsabilità verso la propria comunità. lano È da questi valori che nasce il mio desiderio di candidarmi per il comune di Milano.LAURA GUERRINI Mi Nata a Novara nel maggio del 1952, vivo e lavoro a Milano da oltre trent’anni. Sono sposata e ho due figli ormai grandi. Ho cominciato a lavorare presto, quando ancora frequentavo l’università. Sono stata per 15 anni lavoratrice dipendente in una casa editrice di riviste tecniche; qui è ini- ziato il mio interesse per i problemi legati al mondo del lavoro. Sono stata delegata sindacale e rappresentante sindacale della Cgil, vivendo in prima persona le trasfor- mazioni che hanno interessato il settore editoriale. Lasciato il lavoro per organizzare meglio la mia vita con i figli piccoli, ho poi iniziatol’attività, che svolgo ancora, come collaboratrice “autonoma” per una casa editrice del settore scolasticoMi sono sempre occupata di politica, con la convinzione che tutto ciò che riguarda il bene comune debbaessere vissuto e praticato in prima persona.CARLO MONGUZZI ZZI Z È ingegnere chimico e insegna matematica. Ha tenuto lezioni di economia ambientale o insegna n lezion all’Università Bocconi, è autore di diverse pubblicazioni scientifiche ed è coautore oni,i sc di “Illusione Nucleare”. re”. ”. È stato presidente regio regionale di Legambiente e come assessore regionale ha pro- gionale o ass mosso la prima legge sulla raccolta differenziata e i primi provvedimenti strutturali ge sulla p contro lo smog.MAURO VENEGONI ONI N Sono nato nel 1947, da 41 anni faccio il medico. , a 41 Sono stato medico di famiglia, medico ospedaliero per 30 anni (per dieci anni pri- famiglia, am mario di un reparto di Medicina dell’Ospedale Fatebenefratelli). o i Medicina Fatebenefra Mi sono occupato degli effetti indesiderati dei farmaci, e dal 2005 al 2009 ho la- degli gi vorato a Roma come responsabile della sicurezza dei farm me responsabile s farmaci per l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). . Ho fatto politica da studente, come genitore ( presidente de studente, ude dell’assemblea dei genitori della Scuola elementare “Morosini”), nel sindacato Medi CGIL; come medico ho entare ta t e Medicilavorato per i diritti dei malati, intesi come persone nella loro interezza, rispett me persone e rispettandone sempre le scelte.Da due anni sono medico volontario del Naga, l l’associazione che dif d i di itt degli stranieri irregolari. i i h difende diritti 5
  6. 6. Lista candidati del Partito Democratico per il Consiglio di ZONA 4 - 15-16 maggio 2011 LOREDANA BIGATTI Candidata PRESIDENTE del Consiglio di ZONA 4 Nata a Milano il 26 gennaio 1962, consulente informatico dal 1981, ho fatto varie esperienze professionali anche come libera professionista. Oggi sono delegata sin- dacale e conosco dall’interno lo stato di crisi delle PMI italiane. Nel PD ho visto la possibilità dell’apertura della vita politica attiva anche a persone provenienti dalla vita civile e ho deciso di aderire come fondatrice al mio circolo di Rogoredo. Ho deciso di candidarmi come Presidente del Consiglio di Zona 4 perché sono nata e ho sempre vissuto in questa zona e amo questa città. Sento che è giunto il momento e la possibilità per persone come me, con passione e che credono in quello che fanno, di partecipare alla costruzione di una Milano migliore e di una zona 4 più vivibile. MISANI Angelo Bellusco (Mi) 25/9/1948, impiegato COLOMBO Emma Milano 10/11/1939, diplomata ragioneria, pensionata MAPELLI Francesco Milano 7/7/1984, educatore OLIVIERI Daniele Milano 24/1/1984, studente ALENI Stefania Milano 28/8/1949, laurea in matematica, insegnante e pubblicista BRAMBILLA Franco Milano 3/11/1959, funzionario universitario BACCANELLI Roberta Edolo (Bs) 8/11/1982, impiegata - studentessa BRIOSCHI Maurizio Milano 25/2/1961, commerciante BARBARANO Luciana Santa Margherita Lig. (Ge) 21/11/1951, laureata medicina, pensionata CORRADI Giorgio Milano 31/5/1986, studente BELLINI Michela Milano 28/6/1957, pensionata COSTANZO Luigi Flawil (Svizzera) 1/7/1969, laureato scienze pubblica amministrazione,funzionario6
  7. 7. BONOMI SilviaBuenos Aires 13/4/1949, pensionataDEL MONTE AlessioMilano 28/5/1975, laurea in fisica teorica, progettista softwareCORRADINI OrnellaMilano 3/2/1951, pensionataDIANI MassimoMilano 27/6/1972, educatore professionaleD’ALESSIO DianaMilano 29/7/1960, agente di viaggioFASULO FrancescoRoma 3/10/1972, commercianteD’AMICO SimonettaIsola del Gran Sasso d’Italia (Te) 9/10/1973, avvocatoLONETTO AntonioMesoraca (Kr) 7/12/1953, insegnanteFABRIS CristinaMilano 7/12/1964, laureata scienze politiche, coordinatrice didatticaMARGIOTTI StefanoOrtona (Ch) 15/10/1956, laureato ingegneria, settore informaticoFERRIERI RitaBrescia 5/11/1970, impiegataMATTIOLI EnricoCusano Milanino 22/1/1963, ragioniere, lavora in bancaFONTANA NadiaLanghirano (Pr) 14/3/1949, pensionataMAZZOCCHI MicheleRoma 8/6/1974, impiegatoGIRUZZI LucianaMilano 24/10/1962, giornalistaMISURIELLO ElioPotenza 14/12/1971, designer - artigianoMANGIA AgneseNeviano (Le) 13/2/1950, pensionata, ex insegnanteNARDIN AlessandroMilano 8/9/1977, giornalistaMILANINI FrancescaMilano 12/1/1973, laurea in fisica ambientale, tecnico informatico 7
  8. 8. OGLIARI Paolo Milano 26/9/1988, studente laureando in scienze motorie NICOLAI Sara Milano, 20/1/1988, studentessa universitaria lettere moderne PUSATERI Demetrio Milano 26/9/1981, impiegato PIEPOLI Cristina Milano 21/5/1952, insegnante SAMPIERO Pietro Milano 27/3/1951, vice presidente Cooperativa 25 Aprile SANTI Stella Piombino (Li) 3/6/1970, dirigente d’azienda ZINGARELLI Marco Brindisi, 1/9/1987, impiegato - studente VIOLATO Michela Milano 3/10/1986, stagista ZIO Marco Milano 29/7/1963, giornalista Quando si vota?domenica 15 (dalle 8 alle 22) - lunedì 16 (dalle 7 alle 15) Come si vota? Mettendo una croce sul simbolo Si può esprimere una sola preferenza(SCHEDA VERDE) Puoi scrivere un solo nome (Nome e Cognome in caso di omonimia) COGNOME 8
  9. 9. 27 marzo, Milano Santa Giulia fa festa per i bambiniI l quartiere Santa Giulia così com’è va proprio stretto ai suoi abitanti. Eccoperché i residenti domenica 27 mar- deva anche attività dedicate agli adulti. Tra le più originali ricordiamo la colon- na dello Sfoghimetro sulla quale ognu- all’Urbanistica, Carlo Masseroli il quale sostanzialmente ha dichiarato che • l’Arpa terminerà tutte le analisi entrozo, nel pomeriggio, hanno animato la no poteva scrivere i propri desideri. E la fine di maggiopromenade con una festa promossa dal allora piccoli e grandi hanno detto basta • le analisi della promenade (che nonComitato di Quartiere. Sono davvero alle transenne, hanno chiesto l’apertu- è sotto sequestro) partiranno entro lastufi delle transenne che fanno del via- ra dell’asilo, l’immediato utilizzo del fine di marzo e i risultati si avrannole pedonale un cantiere che impedisce Parco Trapezio e la trasparenza sugli entro la metà di aprileai bambini di giocare e alle famiglie di esiti delle bonifiche. Il Comitato ha • confida (ma non promette) che entrofruire degli spazi. Non ne possono più allestito un banchetto (affollatissimo) la fine di aprile la promenade si possadelle lungaggini burocratiche che non per permettere ai residenti di fare se- aprireconsentono agli abitanti una vita norma- gnalazioni e proposte per la risoluzione • auspica (ma non garantisce) che l’asilole. Protagonisti dell’evento sono stati i dei problemi del quartiere e anche per sia aperto per l’inizio del prossimo an-bambini ai quali erano rivolte numerose informare i cittadini sulle ultime azioni no scolastico, ma consiglia di iscrivereiniziative. E così un simpatico clown di- che lo hanno visto impegnato. I cittadini i figli ad un’altra scuolastribuiva colorati palloncini modellabi- hanno comunque usato altri strumenti • tutti gli Enti che hanno partecipato alleli. Un ragazzo regalava zucchero filato. per esprimere la loro protesta nei con- analisi sono concordi nel dire che “nonLe operatrici dell’asilo-nido La pepita fronti delle varie Istituzioni responsabili esiste rischio di salute per nessuno eintrattenevano i bambini più piccoli con del degrado e dell’abbandono di Santa per niente”.stimolanti attività ludiche. Un allegro e Giulia. Vale la pena di ricordare alcuni La festa è riuscita. Ma la Milano dellechiassoso torneo di minibasket impe- striscioni attaccati alle grate di ferro sui eccellenze, la Milano dell’Expo nongnava diverse squadre di atleti in erba. quali con amara ironia era scritto: Ben- dovrebbe costringere un’intera co-E nell’atelier del Truccabimbi un’abile venuti nella città ideale!, Città 2000 munità a ricorrere a questi mezzi pertruccatrice trasformava tanti piccini in +MSG=3000 famiglie-Zero servizi, rivendicare ciò a cui ha diritto. Anzi:buffi personaggi. Fate con calma: aspettiamo da tre ciò che ha pagato.Ma naturalmente il programma preve- anni! Alle 16,30 è arrivato l’assessore Antonio LonettoIL PARCHEGGIO che... NON C’ÈS ono passati circa due anni da quel 31 agosto quando il parcheggio pubbli-co, posto in prossimità dell’incrocio tra ta di firme avve- nuta nel quartiere e consegnata alleViale Ungheria e Via Salomone, è stato autorità, e l’impe-chiuso al pubblico dalla Società che ha gno in Consiglioacquistato dal Demanio l’area dell’ex Comunale delcampo volo di Taliedo. gruppo consiliareRicordiamo che questa iniziativa ha por- del Partito Demo-tato un grandissimo disagio tra i residenti cratico e soprattut-che da allora trovano difficoltà incredi- to del Consiglierebili per parcheggiare. Non si contano le Marco Cormio non hanno scalfito la corribile sarà quella di coinvolgere nuo-multe ricevute per parcheggio compatta assenza della Giunta e del sin- vamente i residenti con qualche formain divieto di sosta o in posizioni fan- daco Moratti che si sono completamente di mobilitazione, magari coinvolgendotasiose. disinteressati al problema. giornali e televisioni, per riproporreIl terreno da allora è recintato e inuti- Lo stesso Cormio aveva chiesto l’inter- all’attenzione delle autorità il proble-lizzato, sottolineo “inutilizzato” perché vento del Prefetto di Milano, ricevendo, ma, visto che dalla Giunta Moratti nonnulla è seguito alla vendita del terreno, nel novembre 2010, un cortese rifiuto è stata trovata alcuna soluzione.non si capisce ancora lo scopo, infatti a interessarsi della caso essendo, a suo Aggiungo che questo sarà sicuramentedalla Società acquirente sembra non sia dire, una questione privata di competen- una battaglia che il prossimo gruppomai stata presentata agli uffici comunali za esclusiva dell’Amministrazione Co- consiliare del PD in Consiglio di Zonanessun progetto di costruzione o valo- munale, in relazione all’uso dei terreni 4 dovrà affrontare per dare una solu-rizzazione dell’area. La conseguenza destinati a parcheggio rapportato alla zione finalmente positiva alle legittimenegativa di ciò è che permane il disagio percentuale di utenti abitanti la zona. aspirazioni degli abitanti del quartiereper gli abitanti. A questo punto, vista la situazione di Ungheria/Bonfadini.Gli appelli della cittadinanza, la raccol- stallo in cui siamo, l’unica strada per- Enrico Mattioli 9
  10. 10. Partigiani in ogni quartiere e 2 5 aprilC on organizzazione a cura della Re- te Antifascista Partigiani in OgniQuartiere si è svolta il 25 aprile sera dell’ottantaseienne partigiano Sergio Ricaldone, dell’ANPI, che ha voluto fare una sorta di “passaggio di testimo- 13 giugno, sia da difendere con forza. Una serata dall’atmosfera complessiva- mente gioiosa pur con attenzione alleuna manifestazione che ha reso vivo e ne” ai ragazzi giovani sotto al palco: tematiche drammatiche da non dimen-allegro il quartiere Corvetto, restituendo il sacrificio di tanti partigiani avrebbe ticare, e da ricordare il 25 Aprile, maai cittadini uno spazio dove divertirsi in maggior senso se i giovani si impegnas- non solo. Un evento adatto a tutte lesintonia, con serenità: una festa in ricor- sero a cambiare questo Paese, a miglio- età (presenti anche bambini e soprat-do dei partigiani che tanto hanno dato, rarlo. Poco oltre metà serata l’intervento tutto giovani venti-quarantenni): tra unin molti la vita, per la Libertà dell’Italia di Bebo Storti e Renato Sarti, che hanno cous cous e una salamella, si è respiratadal nazifascismo. Alcuni gruppi ed asso- recitato un brano del provocatorio e for- un’aria che in questa zona di Milanociazioni hanno avuto l’occasione di fare te “Mai morti” (il nome di uno dei più pareva quasi dimenticata. E si è messoun breve intervento su iniziative recenti terribili battaglioni della Decima Mas, il punto su una delle caratteristiche chedi resistenza od opposizione ad abusi, formazione che operò a fianco dei na- il quartiere ha il bisogno e il diritto diper esempio i migranti protagonisti del- zisti nella repressione antipartigiana), ritrovare: spazi adatti ad attività socialila lotta sulla gru a Brescia: un intervento scegliendo una parte dedicata alla strage come questa; il prato di via San Dionigia favore del Diritto al Lavoro, difeso di Piazza Fontana. è una di queste aree, come PD Corvet-dall’articolo 1 della nostra Costituzione. In precedenza, il comico Diego Parasso- to ci impegneremo anche nella riqua-È stata anche l’occasione per ascoltare le con la sua abituale ironia, ha ricordato lificazione del Parco delle Rose e nelbuona musica: prima nelle strade del come l’acqua, bene al quale è dedicato completamento del Parco Alessandrini.quartiere, con l’Arci Corvetto e l’Arci uno dei referendum dei prossimi 12 e Francesca MilaniniScighera, e i “Voci di mezzo”, gruppodi canto popolare, e poi sul palco conl’esibizione dell’Orchestra MultietnicaFurastè e i Gente Strana Posse. Abbia-mo potuto ascoltare il bell’intervento diDario Venegoni, presidente della sezio-ne milanese dell’Associazione naziona-le ex deportati politici nei campi nazisti,che ha messo l’indice sulla necessità dirafforzare i valori che hanno portatoavanti con coraggio i partigiani torturatio morti per la Libertà dal nazifascismo:un inno alla dignità, nel ricordo di chitanto ha dato, anche per le attuali e fu-ture generazioni. Per una memoria unpo’ più viva, meno eroico-retorica. Ditono ed intensità analoghi l’intervento Associazione Calcio MACALLESI I n data 28 aprile 2010 è stata sti- pulata la convenzione per il riaf- fidamento del centro sportivo alla zazione di un nuovo impianto sportivo. Le Commissioni Territorio e Sport, ri- unitesi il 22 febbraio successivo, han- cui una coperta. Verranno realizzati anche 20 posti auto che saranno uti- lizzati dagli allenatori e dagli arbitri. Società Macallesi in viale Ungheria 5. no esaminato il progetto preliminare, Si prevede che per la realizzazione Premesso che il Consiglio di Zona nel presentato dagli arch. Paolo Mariani del nuovo impianto i lavori avranno dicembre 2008 aveva dato parere fa- e Fabio Vender, presente anche il Di- una durata di 12 mesi. vorevole all’utilizzo dell’area comuna- rettore Generale dell’A.C. Macallesi Il Consiglio, riunitosi in data 24 feb- le adiacente l’impianto, il 14 febbraio Francesco Capriglia. braio, ha espresso parere favorevole scorso il Settore Sport ha trasmesso Il rinnovato Centro Sportivo prevede sia al progetto che all’ampliamento la richiesta di parere all’ampliamento due campi di calcio a 11 giocatori, due dell’area in convenzione. dell’area in convenzione per la realiz- campi di calcio a 5 e due tribune di Emma Colombo10

×