• Save
Progetto Sinergia  (ITA)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Progetto Sinergia (ITA)

  • 891 views
Uploaded on

Progetto Sinergia (www.progettosinergia.it) è un'organizzazione di professionisti che opera da anni nell'ambito dell'ICT con servizi e prodotti ad alto valore aggiunto.

Progetto Sinergia (www.progettosinergia.it) è un'organizzazione di professionisti che opera da anni nell'ambito dell'ICT con servizi e prodotti ad alto valore aggiunto.

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
891
On Slideshare
885
From Embeds
6
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 6

http://www.progettosinergia.it 5
http://www.mefeedia.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. The Enterprise 2.0 Architecting Company
  • 2. Chi siamo Siamo un gruppo di professionisti che da anni collaborano con le organizzazioni ed il management contribuendo a trattare problematiche di gestione dell’informazione e della comunicazione Per affrontare i problemi legati alle organizzazioni abbiamo cercato di comprendere: che cosa è un’organizzazione quali sono le sue esigenze come trattarle
  • 3. La nostra visione La visione comune vede le organizzazioni come strutture statiche e gerarchiche La nostra visione è invece quella di un complesso (sistema) di entità connesse tra loro attraverso relazioni che comunicano (in quanto ricevono, elaborano e producono) informazione (e quindi dei significati) Abbiamo quindi approcciato queste esigenze in termini di:  sistema  fabbisogno informativo  strutture di comunicazione … in altri termini … di sistema informativo SISTEMA INFORMATIVO ORGANIZZAZIONE
  • 4. Le esigenze apparenti Le esigenze di un’organizzazione spesso sono apparenti e non rappresentano correttamente i veri problemi:  il cliente normalmente ipotizza un’esigenza e contemporaneamente individua già le soluzioni che ritiene opportune In realtà ci si trova di fronte ad un problema da comunicare e l’obiettivo deve essere quello di tradurre il problema in reali esigenze
  • 5. Quali problemi Gli studi condotti e l'esperienza che abbiamo maturato sino ad oggi nelle organizzazioni hanno evidenziato la presenza di due tipologie di problemi Tra le esigenze che abbiamo riscontrato Tra le esigenze legate alla comunicazione nelle organizzazioni : è emersa la necessità di:  comprendere la propria natura  creare e mantenere un'efficace sistemica (dinamica) comunicazione tra ambienti diversi  comprendere il proprio fabbisogno (business e IT) informativo (dinamico)  conservare i significati contenuti nei  “formalizzare” il proprio fabbisogno requirements lungo tutto il ciclo di vita informativo dei progetti  tradurre il fabbisogno informativo in  definire “quanta” ma soprattutto strutture versatili e in processi “quale” comunicazione è richiesta flessibili in grado di soddisfarlo nell’organizzazione
  • 6. L’approccio alternativo Creazione di infrastrutture trasparenti che si integrano con il presente e sono capaci di restare “aperte” al futuro. Questo è stato raggiunto attraverso:  riflessioni informative e comunicative  individuazione di processi informativi e comunicativi  realizzazione dell’infrastruttura
  • 7. La riflessione informativa Gli errori più frequenti che abbiamo riscontrato sono quelli di:  considerare il fabbisogno informativo come predefinibile e statico  confondere metodo con metodologia  ri-applicare metodi replicati dai casi di successo, limitando la creazione di un vantaggio competitivo e sottovalutando i reali significati dei requirements Le riflessioni hanno portato a:  riconoscere che il fabbisogno informativo genera ed è generato dall'evolvere dell'organizzazione  orientarsi verso le metodologie per studiare i metodi  definire un protocollo di comunicazione in grado di comprendere e mantenere i “significati” dei requirements dalla fase di definizione alla quella di realizzazione
  • 8. La riflessione comunicativa La nostra riflessione si fonda sulla convinzione che la comunicazione, e quindi la gestione delle relazioni sia il core del business in quanto core delle organizzazioni. Questo ci ha portato a studiare:  il problema delle organizzazioni come sistemi  l’organizzazione come sistema che comunica (cosa e come comunica: corporate identity e corporate image)  il rispetto delle individualità come contributo alla visione: il contrasto, la diversità e l’errore come opportunità  le relazioni come la “cifra” della comunicazione: tipologie, protocolli e significati.  i significati come un processo di continua rinegoziazione  il significato come concetto dinamico
  • 9. Il processo informativo Le riflessioni sul fabbisogno informativo ci hanno portato ad individuare dei modelli in grado di:  formalizzare il fabbisogno informativo  comunicare la formalizzazione in modo chiaro e non ambiguo  individuare i modelli e quindi l'architettura informativa più idonea al fabbisogno  definire quali siano i processi e gli attori coinvolti per realizzarla  utilizzare efficacemente i nuovi paradigmi emergenti quali SOA, Social Computing, Web 2.0 e Business Intelligence 2.0
  • 10. Il processo comunicativo La riflessione sugli aspetti comunicativi ci ha portato ad individuare un processo che agevoli la comunicazione a un ragionevole livello di comprensione e di accettabile univocità, raggiungibile solo attraverso una negoziazione di contenuti (significati) primari.
  • 11. Le esigenze effettive COSA: L’informazione è il risultato di un processo continuo di attribuzione di significati ai dati. CON CHI: Trattare il tema della comunicazione significa riconoscere la soggettività e l'eterogeneità dei significati contenuti nell’informazione. COME: L'importanza del valore dei significati ha determinato la nascita di nuove correnti e nuove tendenze quali WEB 2.0, BI 2.0, ENTERPRISE 2.0 L’ICT con le sue metodologie e i suoi strumenti è in grado di agevolare e migliorare i processi della comunicazione
  • 12. WOOFER: generatore di modelli Dalle nostre riflessioni è nato WOOFER il cui obiettivo è quello di agevolare la comunicazione e migliorare la gestione dell'informazione all'interno delle organizzazioni. WOOFER non è un modello ma un generatore di modelli WOOFER privilegia l’aspetto descrittivo e comunicativo a quello normativo WOOFER agevola la comunicazione tra i professionisti che operano nell'ICT e quelli che operano nel business attraverso la negoziazione di metafore condivise e quindi attraverso una descrizione e modellazione della realtà ponendosi ad un accettabile livello "meta" che ne consenta una descrizione condivisa
  • 13. L’infrastruttura generata Abbiamo realizzato sovrastrutture informative in grado di:  catturare e recuperare informazione e quindi significati (dato + relazione semantica)  salvaguardare e ottimizzare gli attuali strumenti a disposizione delle organizzazioni integrandosi con essi  organizzare l'informazione a supporto dei processi decisionali  utilizzare efficacemente nuovi paradigmi emergenti SOA, Social Computing, Web 2.0 e Business Intelligence 2.0 al servizio dell’organizzazione
  • 14. Una soluzione “possibile” Coerentemente con quanto espresso, abbiamo studiato e realizzato un framework in grado di agevolare il trattamento semantico dell’informazione. Personal Semantic Organizer www.wooferframework.org/pso Con Personal Semantic Organizer si possono costruire strumenti in grado di aiutare sia le organizzazioni che i singoli professionisti nelle loro attività quotidiane, sia quelle considerate “personali” sia quelle orientate al business.
  • 15. Grazie per l’attenzione www.progettosinergia.it www.wooferframework.org The Enterprise 2.0 Architecting Company