Your SlideShare is downloading. ×
Bottai. La Partecipazione nello scenario nazionale e internazionale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Bottai. La Partecipazione nello scenario nazionale e internazionale

1,057
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,057
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La Partecipazione nello scenario nazionale e internazionale a cura di Roberta Bottai Settore Qualità, Partecipazione e Diritti
  • 2. Normativa nazionale di riferimento
  • 3. ART. 14 DIRITTI DEI CITTADINI PERSONALIZZAZIONE ED UMANIZZAZIONE DELL'ASSISTENZA . DIRITTO ALL'INFORMAZIONE SISTEMA DI INFORMAZIONE SULLE PRESTAZIONI EROGATE, SULLE TARIFFE, SULLE MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI CONFERENZA DEI SERVIZI ACCORDI O PROTOCOLLI CON ORGANISMI DI VOLONTARIATO RECLAMI CONSULTAZIONE CON I CITTADINI NELLE FASI DI IMPOSTAZIONE, PROGRAMMAZIONE E VERIFICA DEI --RISULTATI FORME DI PARTECIPAZIONE Decreto legislativo 30 dicembre 92 n. 502
  • 4. Lgs. 29/93 ISTITUZIONE URP D.P.C.M. 11/10/94 FUNZIONAMENTO URP D.P.C.M. 19/05/95 SCHEMA DI RIFERIMENTO CARTA DEI SERVIZI PUBBLICI SANITARI - LINEE GUIDA N.2/95 Adozione e attuazione Carta dei Servizi nel SSN D.P.C.M. 27/01/94 PRINCIPI SULL’EROGAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI (Standard, semplificazione procedure valutazione della qualità rapporti con gli utenti, reclami, rimborsi) L. 273/95 Semplificazione procedimenti amministrativi e miglioramento efficienza pubblica amministrazione D.P.R. 14/11/97 Atto di indirizzo e coordinamento sui req. strutturali, tecnologici, organizzativi minimi per l’esercizio di strutture sanitarie pubbliche e private L. 150/2000 COMPITI E ORGANIZZAZIONE URP NORMATIVA NAZIONALE Lgs. 214/90 Nuove norme per procedimento amm.vo e diritto di accesso agli atti amministrativi Dir. 7/02/02 Direttiva sulle attività di comunicazione delle P.A. TRASPARENZA SE MPLIFICAZIONE ACCESSO ACCOGLIENZA DPR 184/2006 Reg. recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi
  • 5. DMS 24/7/95 N. 224 Indicatori per il monitoraggio efficienza e qualità del SSN DMS 15/10/96 N. 79 Indicatori per la valutazione dimensioni qualitative del servizio (umanizzazione, diritto all’informazione, prestazioni alberghiere) In Toscana: Osservatorio regionale carta dei servizi sanitari dal 1997 Indicatori per la Corte dei Conti, circolare n.40/95 Ministero del Tesoro Indicatori art. 28, comma 10, L. 448/98
    • DMS 12/12/2001 N. 91 Indicatori per il monitoraggio dell’assistenza (LEA)
    • Percentuale di strutture che hanno verificato e/o aggiornato la Carta dei servizi nel periodo di riferimento.
    • a- Percentuale di segnalazioni/reclami relativi ai tempi di attesa per le prestazioni ospedaliere
    • b- Percentuale di segnalazioni/reclami relativi ai tempi di attesa per le prestazioni specialistiche
    • 3) Percentuale di strutture di ricovero ospedaliero dotate di protocolli di dimissioni protette che prevedono il coinvolgimento del territorio.
    • 4) Percentuale di unità operative di degenza che hanno rilevato il gradimento degli utenti rispetto ai servizi
    STRUMENTI di CONTROLLO NORMATIVA NAZIONALE -
  • 6. Piano sanitario nazionale 2006-2008 4.2. Il ruolo del cittadino e della società civile nelle scelte e nella gestione del Servizio sanitario nazionale
    • Dal consenso informato all’empowerment
    • Il cittadino deve essere il primo attore delle scelte che riguardano
    • la sua salute. Perché questo si realizzi occorre promuoverne la partecipazione
    • attiva nei processi sanitari che lo coinvolgono (...)
    • La partecipazione nelle attività di programmazione e di valutazione
    • Vanno previste forme di partecipazione delle organizzazioni dei cittadini nelle
    • attività relative alla programmazione, al controllo ed alla valutazione dei servizi
    • socio-sanitari sia a livello regionale che aziendale, che distrettuale. In tale ottica
    • va valorizzato il ruolo degli organismi di partecipazione a partire dal
    • Comitato Misto Consultivo (….)
  • 7.
    • Tavoli di lavoro nazionali
    • Ministero della salute
    • Agenas
  • 8. Ministero della salute Tavolo di lavoro sulla partecipazione : Emilia Romagna, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana e Veneto, CEREF (Centro Ricerca e Formazione di Padova) Primo risultato: Censimento nazionale - Risultati della indagine svolta presso le Regioni: RAPPORTO INDACO
  • 9. Censimento nazionale: partecipazione nella programmazione Fonte: Rapporto INDACO
  • 10. Censimento nazionale: organizzazione e gestione Fonte. Rapporto INDACO
  • 11. Censimento nazionale: iniziative promosse dalla Regione per la formazione alla partecipazione Fonte. Rapporto INDACO
  • 12. Censimento nazionale: valutazione Fonte. Rapporto INDACO
  • 13. AGENAS Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Gruppo di lavoro interregionale permanente sull’empowerment : Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche Molise, Toscana, Trento, Umbria, Veneto (13 regioni ) Primi risultati : 1) Costrutto metodologico (cosa intendere per empowerment, scheda di analisi dei progetti) 2) Selezione e raccolta buone pratiche 3) Attività formativa a livello locale
  • 14. Definizione di empowerment
    • L’empowerment è un processo dell’azione sociale attraverso il quale le persone , le organizzazioni e le comunità acquisiscono competenza sulle proprie vite al fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico per migliorare l’equità e la qualità di vita
    • Costrutto multilivello
    Wallerstein N. (2006), What is the evidence on effectiveness of empowerment to improve health? , Copenhagen, WHO Regional Office for Europe (Health Evidence Network report; http://www.euro.who.int/Document/E88086.pdf , Dec. 2007)
  • 15. Il potere nei termini di capacità di azione, di mobilitare le risorse, di ottenere e utilizzare ciò che è indispensabile per mantenere o far evolvere i sistemi sociali organizzati nei quali gli attori sono impegnati. (Kreisberg,1992) Potere come capacità di azione Una pratica di intervento orientata all’empowerment si basa sull’aiutare le persone ad utilizzare le proprie forze, abilità e competenze per mobilitare le proprie risorse verso la soluzione dei problemi e la conquista di maggior potere.
  • 16. LIVELLI DI ANALISI COMPONENTI Modello di analisi volto a rilevare e promuovere il trasferimento di esperienze significative Griglia elaborata in base a quanto pubblicato in: Zimmerman M. (1999), Empowerment e partecipazione della comunit à , Animazione Sociale, n°2, anno XXIX, Febbraio: 10 – 24.
  • 17. I risultati
    • 38 empowerment individuale
    • 19 empowerment organizzativo
    • 9 empowerment di comunità
    Sono state raccolte attraverso la scheda di rilevazione 66 esperienze di empowerment Standardizzazione di una modalità di rappresentazione delle iniziative di empowerment sviluppata sulla base di elementi teorici condivisi
    • 9 empowerment individuale
    • 1 empowerment organizzativo
    • 3 empowerment di comunità
    La Toscana ha inviato 13 esperienze di empowerment
  • 18. Rete di conoscenza che interconnette persone e istituzioni, offrendo “strumenti, luoghi, tempi e incoraggiamento per l’interagire di saperi e la possibilità di azione” (Knowledge Management – Nonaka e Takeuchi) I gruppi interregionali hanno generato una…
  • 19. Ministero della salute PROQUAL Programma Nazionale per la Promozione permanente della Qualità nel SSN 5 OBIETTIVI STRATEGICI 1. Promuovere il coinvolgimento dei cittadini e dei pazienti ed attuare forme costanti e strutturate di valutazione 2. Promuovere l’erogazione di prestazioni sanitarie efficaci comprese nei LEA 3. Migliorare l’appropriatezza delle prestazioni comprese nei livelli essenziali di assistenza 4. Promuovere la sicurezza del paziente e la gestione del rischio clinico 5. Sviluppare e/o migliorare i processi di supporto alle attività cliniche per una governance integrata
  • 20. Alcune esperienze internazionali
  • 21. Danimarca
  • 22.
    • Danish Society for Patient Safety
      • Pazienti segnalano i “quasi errori” e gli eventi avversi
      • Gruppi di lavoro
      • partecipano ai percorsi della sicurezza
      • partecipano alla root cause analysis
      • Depliant informativo, che spiega al paziente come essere attivo nei confronti della tutela dal rischio clinico
    Danimarca
  • 23. Inghilterra
    • Indagine ospedali (Picker)
      • Dal 2000 incide sul finanziamento
      • Obbligatoria per le 169 organizzazioni ospedaliere
    • Danuhe: valutazione da parte dei bambini
    • Consultazione dei cittadini
      • sulle priorità ed aspettative
    • (Governo inglese, novembre 2003)
  • 24. Grazie della Vostra attenzione! [email_address]