Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
LA COLLABORAZIONE  TRA VOLONTARIATO E AZIENDA USL:  L’ESPERIENZA  DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Stefano Cugini 21° corso d...
I CCM SONO UN ORGANISMO PREVISTO DALLA  LEGGE REGIONALE 19/94  PER CONSENTIRE AI RAPPRESENTANTI DEL VOLONTARIATO DI  CONTR...
 ASSICURARE I CONTROLLI DI QUALITÀ , ANCHE IN COLLABORAZIONE CON L'URP,    SPECIE IN RIFERIMENTO AI  PERCORSI DI ACCESSO ...
   ESAME DI DOCUMENTI  E NORMATIVA;    ATTIVAZIONE DI GRUPPI DI LAVORO  A OBIETTIVO E PROGETTO CON COINVOLGIMENTO DI    ...
L’ ESECUTIVO PROVINCIALE  È COMPOSTO DAI PRESIDENTI E VICEPRESIDENTI DEI COMITATI DEI DISTRETTI E PRESIDI OSPEDALIERI, DA ...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Chi guida i CCM (mandato 2010 – 2013) ESECUTIVO PROVINCIALE  C...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Le associazioni coinvolte a Piacenza …  per ora <ul><li>Confra...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Qual è l’obiettivo dei CCM? L’obiettivo primario è quello di a...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Quale approccio? La componente dei cittadini interna al Comita...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Linee di indirizzo per il triennio (1) <ul><li>Dare visibilità...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Partecipazione … a quale livello?
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Linee di indirizzo per il triennio (2) <ul><li>Ottimizzare le ...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. I gruppi di lavoro libera adesione  dei RAPPRESENTANTI DEL VOL...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>TEMPI DI ATTESA </l...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>ORARI (UFFICI E SER...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>PERCORSI DI CURA </...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>AVVISI IN PRONTO SO...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>COMUNICAZIONE </li>...
Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>INDICATORI DI QUALI...
 
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

corso AVO 2011

729 views

Published on

intervento sul ruolo dei comitati consultivi misti

Published in: News & Politics, Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

corso AVO 2011

  1. 1. LA COLLABORAZIONE TRA VOLONTARIATO E AZIENDA USL: L’ESPERIENZA DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. 29 marzo 2011
  2. 2. I CCM SONO UN ORGANISMO PREVISTO DALLA LEGGE REGIONALE 19/94 PER CONSENTIRE AI RAPPRESENTANTI DEL VOLONTARIATO DI CONTRIBUIRE AL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI SANITARI E ALLA TUTELA DEI DIRITTI DEI CITTADINI , CONTROLLANDO LA QUALITÀ PERCEPITA DEI SERVIZI DA PARTE DEI CITTADINI STESSI. L’AZIENDA NE REGOLAMENTA COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO. SONO ORGANIZZATI IN COMITATI DISTRETTUALI , PRESENTI NEI TRE AMBITI TERRITORIALI E OPERANO IN COLLABORAZIONE CON I DIRETTORI DEI DISTRETTI E DEI PRESIDI OSPEDALIERI SU TEMI SPECIFICI DEL TERRITORIO DI RIFERIMENTO. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Cosa sono i Comitati Consultivi Misti? … sono un esercizio di cittadinanza attiva
  3. 3.  ASSICURARE I CONTROLLI DI QUALITÀ , ANCHE IN COLLABORAZIONE CON L'URP, SPECIE IN RIFERIMENTO AI PERCORSI DI ACCESSO AI SERVIZI ;  PROMUOVERE L'UTILIZZO DI INDICATORI DI QUALITÀ DEI SERVIZI DAL LATO DELL'UTENTE, DEFINITI A LIVELLO AZIENDALE E REGIONALE;  SPERIMENTARE MODALITÀ DI RACCOLTA E ANALISI DEI SEGNALI DI DISSERVIZIO E INSODDISFAZIONE; I CCM, AI SENSI DELLA CIRCOLARE REGIONALE N.10 DEL 16 LUGLIO 2010, HANNO IL COMPITO DI VERIFICARE IL GRADO DI COINVOLGIMENTO DELLE AZIENDE NEL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA COMUNICAZIONE E DELLE RELAZIONI COL CITTADINO ATTRAVERSO INIZIATIVE DI RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DELL'UTENZA , DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE E DI PROTEZIONE DAL RISCHIO. È IN CAPO AI CCM ANCHE L' AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI SERVIZI AZIENDALI E IL MANTENIMENTO DEGLI IMPEGNI ASSUNTI DALL'AZIENDA NELLA CARTA DEI SERVIZI STESSA. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Che funzioni hanno i CCM?
  4. 4.  ESAME DI DOCUMENTI E NORMATIVA;  ATTIVAZIONE DI GRUPPI DI LAVORO A OBIETTIVO E PROGETTO CON COINVOLGIMENTO DI DIPENDENTI AZIENDALI E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER AREE TEMATICHE ;  PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ FORMATIVE INTERNE O RIVOLTE AGLI UTENTI;  PROMOZIONE DI INCONTRI CON I CITTADINI PER ILLUSTRARE I PROGETTI E I RISULTATI;  COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI NELLA DEFINIZIONE DEI BISOGNI E NELLA PROGETTAZIONE DI SERVIZI;  PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ AZIENDALI DI INDAGINE DELLA SODDISFAZIONE;  PROMOZIONE DI ATTIVITÀ DI VERIFICA (INDAGINI DI GRADIMENTO SUI SERVIZI, AUDIT CIVICI, ETC.);  PARTECIPAZIONE AL MONITORAGGIO DEI SEGNALI DI DISSERVIZIO E RILEVAZIONE DI CRITICITÀ EMERGENTI. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Quali attività svolgono i CCM?
  5. 5. L’ ESECUTIVO PROVINCIALE È COMPOSTO DAI PRESIDENTI E VICEPRESIDENTI DEI COMITATI DEI DISTRETTI E PRESIDI OSPEDALIERI, DA UN MEDICO DI MEDICINA GENERALE E/O PEDIATRA DI LIBERA SCELTA, DA RAPPRESENTANTI DELL’AZIENDA USL E DELLA CONFERENZA SOCIALE SANITARIA TERRITORIALE.  COORDINA , GARANTISCE LA REALIZZAZIONE E CURA LA RENDICONTAZIONE DEL PROGRAMMA DI LAVORO DEI SINGOLI COMITATI;  CURA I CONTENUTI INFORMATIVI DELLA PAGINA WEB “LA VOCE DEL CITTADINO”;  ASSICURA LA MESSA IN RETE DEI CONTENUTI IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI DEI CITTADINI, ATTRAVERSO LA PARTECIPAZIONE AL COMITATO CONSULTIVO REGIONALE PER LA QUALITÀ PERCEPITA ( CCQR ). Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. L’esecutivo provinciale dei CCM
  6. 6. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Chi guida i CCM (mandato 2010 – 2013) ESECUTIVO PROVINCIALE Coordinatore : Mario Sassi COMITATO CITTÀ DI PIACENZA Presidente: Stefano Cugini Sede: Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) Cantone del Cristo 40 tel. 0523/303123        COMITATO DI LEVANTE (FIORENZUOLA) Presidente: Giovanni Ferrari Sede: Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) p.le S. Giovanni n° 2 tel. 0523/989620        COMITATO DI PONENTE (CASTEL SAN GIOVANNI) Presidente: Laura Groppi Sede: Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) viale 2 Giugno tel. 0523/880131       
  7. 7. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Le associazioni coinvolte a Piacenza … per ora <ul><li>Confraternita della Misericordia </li></ul><ul><li>Associazione Armonia </li></ul><ul><li>Gruppo Accoglienza Pronto Soccorso </li></ul><ul><li>Associazione Laringectomizzati </li></ul><ul><li>Associazione Paraplegici Piacenza </li></ul><ul><li>Unione Ciechi </li></ul><ul><li>Avis provinciale </li></ul><ul><li>Associazione Diabetici </li></ul><ul><li>Associazione Bambino Cardiopatico </li></ul><ul><li>Associazione Volontari Ospedalieri </li></ul><ul><li>Progetto Vita </li></ul><ul><li>Associazione Dializzati </li></ul>
  8. 8. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Qual è l’obiettivo dei CCM? L’obiettivo primario è quello di affrontare con una visione ampia e realistica i potenziali interventi al vaglio, verificando – prima di intervenire – criticità , punti di forza ed effettive possibilità di apportare contributi significativamente utili.
  9. 9. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Quale approccio? La componente dei cittadini interna al Comitato si attiverà per individuare (direttamente o recependo le indicazioni degli utenti) i temi oggetto di analisi . L’approccio sarà improntato alla critica costruttiva , in funzione del miglioramento del servizio e della qualità percepita dal cittadino , impegnandosi a evitare sia forme di opposizione precostituita sia di condiscendenza acritica rispetto alle iniziative aziendali.
  10. 10. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Linee di indirizzo per il triennio (1) <ul><li>Dare visibilità al Comitato </li></ul><ul><li>( fare in modo che i cittadini ne conoscano la realtà e le funzioni ); </li></ul><ul><li>Dare credibilità al Comitato </li></ul><ul><li>( per creare un patto fiduciario con il cittadino ); </li></ul><ul><li>Consolidare la collaborazione fattiva e paritetica con l’Azienda Usl </li></ul><ul><li>( innalzare la “soglia della partecipazione” ) </li></ul>
  11. 11. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Partecipazione … a quale livello?
  12. 12. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Linee di indirizzo per il triennio (2) <ul><li>Ottimizzare le procedure operative </li></ul><ul><li>( gruppi di lavoro più strutturati ); </li></ul><ul><li>Ampliare la base di partecipazione ai lavori ( interesse verso gli invitati permanenti ); </li></ul><ul><li>Adottare una forma di comunicazione che permetta al Comitato di diventare un punto di riferimento noto per i cittadini utenti ( esporre in modo chiaro le singole attività realizzate e i risultati, conseguiti o mancati ) </li></ul>
  13. 13. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. I gruppi di lavoro libera adesione dei RAPPRESENTANTI DEL VOLONTARIATO c/o i CCM porte aperte alle altre ASSOCIAZIONI interessate gestione affidata a un COORDINATORE scelto dal Presidente Partecipazione del DIRIGENTE AZIENDALE COMPETENTE per il campo oggetto di analisi
  14. 14. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>TEMPI DI ATTESA </li></ul><ul><li>Analisi relativa alle liste di attesa, partendo dai servizi prenotabili attraverso il CUP, per verificare e porre rimedio a eventuali carenze nell’informazione e/o nella conoscenza da parte dei cittadini dei percorsi disponibili; </li></ul><ul><li>QUALITÀ PERCEPITA </li></ul><ul><li>L’idea è quella di aumentare la significatività numerica dei ritorni ai questionari sulla qualità percepita, con attenzione particolare alle prestazioni ambulatoriali prenotate CUP (visite specialistiche/esami strumentali/accertamenti diagnostici/ trattamenti riabilitativi) – non in regime di intramoenia – dove l’affluenza è presumibilmente maggiore rispetto alle degenze in reparto. </li></ul><ul><li>Si propone lo studio di forme semplificate e multilingue di questionari tali da consentire la consegna e la compilazione in loco. </li></ul>
  15. 15. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>ORARI (UFFICI E SERVIZI) </li></ul><ul><li>Verifica sugli orari di apertura al pubblico degli uffici amministrativi e della </li></ul><ul><li>farmacia dell’ospedale per facilitare la fruizione dei vari servizi all’utenza. </li></ul><ul><li>In merito al confort alberghiero, ci si propone di verificare l’esperienza di </li></ul><ul><li>Castel San Giovanni relativa alla revisione degli orari di distribuzione dei </li></ul><ul><li>pasti serali e di confrontarla con i dati raccolti a Piacenza attraverso la </li></ul><ul><li>specifica voce aggiunta nei questionari (come riportato dal report </li></ul><ul><li>segnalazioni URP 2008, pagina 17) per valutare l’opportunità di suggerire </li></ul><ul><li>anche nel distretto cittadino un orario serale posticipato. </li></ul><ul><li>PRENOTAZIONE VISITE PAZIENTI NON AUTOSUFFICIENTI </li></ul><ul><li>Si pensa di verificare le effettive modalità di presa in carico delle persone non </li></ul><ul><li>autosufficienti che accedono alla struttura in barella, sedie a rotelle, o comunque </li></ul><ul><li>accompagnate da servizi di trasporto (pubbliche assistenze, misericordie). </li></ul>
  16. 16. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>PERCORSI DI CURA </li></ul><ul><li>Si ritiene opportuno monitorare ed eventualmente integrare/migliorare le </li></ul><ul><li>indicazioni fornite ai pazienti (disabilità cronica o momentanea successiva alle </li></ul><ul><li>dimissioni o al trauma) allo scopo di produrre documentazione informativa su: </li></ul><ul><li>visita di controllo / percorsi di riabilitazione </li></ul><ul><li>ausili protesici </li></ul><ul><li>esenzione ticket e previdenze (domande di invalidità INPS/INAIL) </li></ul><ul><li>assegni di cura e supporti assistenziali domiciliari </li></ul><ul><li>INFORMAZIONE </li></ul><ul><li>Impegno al miglioramento dell’informazione e della segnaletica relativa l’accesso </li></ul><ul><li>ai reparti e agli ambulatori della struttura ospedaliera, tenendo in considerazione </li></ul><ul><li>le varie categorie interessate: normodotati, portatori di handicap (disabili, non </li></ul><ul><li>vedenti, non udenti, daltonici, …). </li></ul>
  17. 17. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>AVVISI IN PRONTO SOCCORSO </li></ul><ul><li>Presa in carico da parte del Comitato dell’iniziativa GAPS di far transitare le informazioni relative ai codici colore in attesa e in visita sullo schermo Lcd in Pronto Soccorso. </li></ul><ul><li>COINVOLGIMENTO </li></ul><ul><li>Valutare il possibile coinvolgimento dei CCM: </li></ul><ul><li>nella definizione del piano di formazione obbligatoria dei MMG , inserendo nel percorso argomenti relativi a: </li></ul><ul><ul><li>trasfusioni, </li></ul></ul><ul><ul><li>specifiche necessità dei pazienti paratetraplegici, </li></ul></ul><ul><ul><li>allergie (p.e. celiachia) e intolleranze alimentari (p.e. lattosio) </li></ul></ul><ul><li>nella verifica della qualità percepita in riferimento alle case di cura private convenzionate, prevedendo la possibilità di azione dei Comitati all’interno della convenzione stessa o attraverso altre forme ufficiali da individuarsi. </li></ul>
  18. 18. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>COMUNICAZIONE </li></ul><ul><li>Migliorare l’informazione alla cittadinanza e alle odv: </li></ul><ul><li>destinando una parte dello spazio periodico a disposizione dell’azienda sulla stampa locale per attivare un’area dedicata alle relazioni CCM/cittadini </li></ul><ul><li>(l’ipotesi del titolo potrebbe essere: “ i comitati rispondono ”). </li></ul><ul><li>coinvolgendo SVEP nella distribuzione delle comunicazioni del CCM. </li></ul><ul><li>Specifica attenzione sarà posta al tema della usabilità web del sito aziendale, declinato in due obiettivi: </li></ul><ul><li>aumentando, nel sito aziendale, la facilità di accesso alle informazioni desiderate e dando maggiore visibilità al menù “ la voce del cittadino ”; </li></ul><ul><li>rendendo operativa la newsletter (con relativa creazione del gruppo di lavoro che si occuperà della gestione); </li></ul><ul><li>attivando appositi indirizzi mail per contattare i presidenti di distretto dei CCM. </li></ul>
  19. 19. Stefano Cugini 21° corso di formazione per volontari A.V.O. Proposta PIANO DI LAVORO triennale <ul><li>INDICATORI DI QUALITÀ </li></ul><ul><li>Si ritiene fondamentale che il gruppo di lavoro possa agire individuando a priori i criteri di selezione . L’esposizione dei risultati della verifica in fase di rendicontazione annuale dovrà essere esaustiva: sarà cura dei CCM motivare le scelte ma soprattutto dettagliarle abolendo il linguaggio tecnico in funzione della trasparenza necessaria e dovuta al cittadino utente. </li></ul>

×