2G CONSULTING SRL - MODULO DI COLLABORAZIONE

1,104 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,104
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2G CONSULTING SRL - MODULO DI COLLABORAZIONE

  1. 1. Modulo di Collaborazione <br />Obiettivo: esame e definizione di<br />interventi per l’ottimizzazione dell’impresa<br />Proposito: consulenza e partecipazione<br />per dare valore allo sviluppo dell’impresa<br />Settembre 2010<br />
  2. 2. Interventi per l’Ottimizzazione dell’ImpresaPRIMA PARTE: ESAME DEL CONTESTO <br />Esame del contesto economico e finanziario; indicazione delle<br />Linee d’azione<br /><ul><li> la curva dell’ EBIT, del Cash-Flow e le zone di rischio </li></ul> politiche gestionali e finanziarie, linee d’azione<br />la curva di Cash-Flow e il reperimento di risorse finanziarie<br />
  3. 3. Introduzione: Analisi del Contesto (attuale, e delle prospettive)<br />Analisi dell’EBIT e del Cash-Flowin qualità di principali indicatori <br />dell’andamento dell’azienda - e segnalatori di criticità.<br />Fase di<br />Startup<br />Fase di <br />Primo sviluppo<br />Fase di <br />Sviluppo sostenibile<br />EBIT Curve<br /> EVOLUZIONE ED EQUILIBRIO ECONOMICO<br />Cash-Flow Curve<br /> SOSTENIBILITA’ E SUPPORTO ALLA CRESCITA<br />
  4. 4. Analisi della curva dell’ EBIT (cumulativo)<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />nuova S-curve<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br />consolidamento<br />Fase di<br />Startup<br />T<br />Seed capital<br />
  5. 5. Analisi della curva dell’ EBIT e del Cash-Flow<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />EBIT (cumulativo)<br />nuova S-curve<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br />consolidamento<br />Fase di<br />Startup<br />T<br />Seed capital<br />Cash-Flow<br />Punto di equilibrio finanziario spostato<br />Nuovo modello di business<br />Punto di flesso spostato<br />
  6. 6. Analisi dell’ EBIT– Zone di Rischio<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />Dove siamo ?<br />EBIT (cumulativo)<br />nuova S-curve<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br />consolidamento<br />:: modello di business<br />da rivedere/rinnovare<br />Fase di<br />Startup<br />:: gestione della marginalità<br />T<br />Seed capital<br />:: la criticità principale: i costi fissi<br />
  7. 7. Analisi dell’ EBIT– Politiche gestionali e finanziarie<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />EBIT (cumulativo)<br />Sostegno allo<br />Sviluppo (II)<br />Sostegno allo<br />Sviluppo (I)<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br />Superamento della <br />crisi d’impresa<br />Fase di<br />Startup<br />Recupero margini <br />di redditività<br />Sostegno allo startup<br />
  8. 8. Politiche gestionali e finanziarie – Linee d’azione I<br /><ul><li>Strategie di acquisizione
  9. 9. Mercati internazionali
  10. 10. Crescita mercato domestico
  11. 11. Partnership (offerta complementare P/S )</li></ul>Sostegno allo<br />Sviluppo (II)<br />Sostegno allo<br />Sviluppo (I)<br />Recupero margini <br />di redditività<br /><ul><li>Ottimizzazione </li></ul>processi e costi<br /><ul><li>Dismissioni</li></li></ul><li>Politiche gestionali e finanziarie – Linee d’azione II<br />Superamento della <br />crisi d’impresa<br /><ul><li>Piani di risanamento
  12. 12. Accordi ristrutturazione debiti
  13. 13. Concordato preventivo</li></ul>Sostegno allo startup<br /><ul><li>Condivisione strutture (no overhead)
  14. 14. Costi variabili (legati ai risultati)</li></li></ul><li>Analisi EBIT e Cash-Flow – Criticità e necessità finanziarie<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />EBIT (cumulativo)<br />nuova S-curve<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br />consolidamento<br />Fase di<br />Startup<br />T<br />Seed capital<br />Cash-Flow<br />Punto di equilibrio finanziario spostato<br />- Risorse per il sostegno<br />Nuovo modello di business<br />- Risorse per investimenti<br />Punto di flesso spostato<br />- Risorse aggiuntive<br />
  15. 15. Reperimento risorse finanziarie<br />Fase di<br />Sviluppo sostenibile<br />Fase di<br />Primo sviluppo<br /><ul><li>Accesso al credito ordinario
  16. 16. Prestito obbligazionario
  17. 17. Apertura a nuovi soci
  18. 18. Fondo Private Equity
  19. 19. Project financing</li></ul>Fase di<br />Startup<br />Utilizzo riserve e ricapitalizzazione<br />Nuovo Seed capital <br /><ul><li>Prestiti chirografari
  20. 20. Ingresso soci “angels”
  21. 21. Fondo Venture Capital</li></ul>Reperimento risorse finanziarie<br />per i nuovi investimenti<br />Sostegno finanziario <br />allo startup<br />
  22. 22. Analisi della Situazione e Proposte di Intervento<br />Primo: capire<br />Parole d’ordine: velocità, semplicità, preparazione<br />Analisi<br />-SCHEMI E MODELLI<br />-CHECKLIST E STRUMENTI<br />-RIFERIMENTI ED ESEMPI<br />Secondo: agire<br />Parole d’ordine: concretezza, flessibilità, produttività<br />Interventi<br />-PROD SW E SEMILAVORATI<br />-CAPACITA’ PROGETTUALE<br />-RISPETTO TEMPI E COSTI<br />
  23. 23. Analisi della Situazione e Proposte di InterventoPrimo: Capire<br />SCHEMI DI ANALISI<br />Analisi<br />-SCHEMI E MODELLI<br />-CHECKLIST E STRUMENTI<br />-RIFERIMENTI ED ESEMPI<br />Analisi dello stadio di sviluppo dell’Impresa e del modello di business<br />Analisi Strategica, del Mercato e dell’Organizzazione<br />Analisi Finanziaria, Scoring e Rating<br />Definizione Interventi e Piano d’Azione<br />Primo Contatto = istituzione della relazione con il Cliente<br />
  24. 24. Analisi della Situazione e Proposte di InterventoSecondo: Agire<br />LINEE DI INTERVENTO<br />Interventi<br />-PROD SW E SEMILAVORATI<br />-CAPACITA’ PROGETTUALE<br />-RISPETTO TEMPI E COSTI<br />Ottimizzazione delle attività e riduzione dei costi<br />Revisione dei processi e ristrutturazione organizzativa<br />Posizionamento dei prodotti, marketing e sviluppo commerciale<br />Ristrutturazione del debito e reperimento risorse<br />Esplorazione possibili partnership e nuovi mercati<br />Supervisione e controllo - sistemi di budget e rendicontazione<br />In Realizzazione = dalle parole (… schemi, diagrammi, studi)<br />ai fatti – ciak!, si gira<br />
  25. 25. Interventi per l’Ottimizzazione dell’ImpresaSECONDA PARTE: PROPOSTA <br />Analisi dello stato attuale, identificazione degli interventi e piano d’azione<br /><ul><li>primo passo: valutazione della fase di crescita</li></ul> secondo passo: esame obiettivi, criticità e vincoli<br />terzo passo: definizione dei risultati attesi e del piano d’azione<br />
  26. 26. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Analisi dello stato attuale, identificazione degli interventi e piano d’azione<br />primo passo: valutazione della fase di crescita<br />Riferimento: modello di crescita in 6 fasi secondo Greiner<br />… e della necessità <br />(politiche finanziarie e risorse):<br />-sostegno allo startup<br /><ul><li>sostegno allo sviluppo (I) e (II)</li></ul>-recupero margini di redditività<br />-superamento della crisi d’impresa<br />1. Crescita attraverso creatività – crisi di leadership<br />2. Crescita attraverso struttura e direzione – crisi di autonomia<br />3. Crescita attraverso delega e decentramento – crisi di controllo<br />4. Crescita attraverso coordinamento e monitoraggio – crisi di rigidità<br />5. Crescita attraverso modelli di collaborazione – crisi di crescita interna<br />6. Crescita attraverso alleanze e acquisizioni – crisi di …<br />
  27. 27. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Analisi dello stato attuale, identificazione degli interventi e piano d’azione<br />primo passo: valutazione della fase di crescita<br />Riferimento: modello di crescita in 6 fasi secondo Greiner<br />… e della necessità <br />(politiche finanziarie e risorse):<br />-sostegno allo startup<br /><ul><li>sostegno allo sviluppo (I) e (II)</li></ul>-recupero margini di redditività<br />-superamento della crisi d’impresa<br />1. Crescita attraverso creatività – crisi di leadership<br />2. Crescita attraverso struttura e direzione – crisi di autonomia<br />3. Crescita attraverso delega e decentramento – crisi di controllo<br />4. Crescita attraverso coordinamento e monitoraggio – crisi di rigidità<br />5. Crescita attraverso modelli di collaborazione – crisi di crescita interna<br />6. Crescita attraverso alleanze e acquisizioni – crisi di …<br />Leader<br />Try harder<br />Double or quit<br /> secondo passo: esame obiettivi, criticità e vincoli<br />Riferimento: modello di posizionamento GE-McKinsey: attrattività del mercato | forza rispetto ai concorrenti<br />ALTA<br />Growth<br />Proceed with care<br />Harvest<br />ATTRATTIVITA’ DEL MERCATO<br />Cash Generator<br />Harvest<br />Dismiss<br />ALTO<br />POSIZIONAMENTO RISPETTO ALLA CONCORRENZA<br />
  28. 28. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Analisi dello stato attuale, identificazione degli interventi e piano d’azione<br />primo passo: valutazione della fase di crescita<br />Riferimento: modello di crescita in 6 fasi secondo Greiner<br />… e della necessità <br />(politiche finanziarie e risorse):<br />-sostegno allo startup<br /><ul><li>sostegno allo sviluppo (I) e (II)</li></ul>-recupero margini di redditività<br />-superamento della crisi d’impresa<br />1. Crescita attraverso creatività – crisi di leadership<br />2. Crescita attraverso struttura e direzione – crisi di autonomia<br />3. Crescita attraverso delega e decentramento – crisi di controllo<br />4. Crescita attraverso coordinamento e monitoraggio – crisi di rigidità<br />5. Crescita attraverso modelli di collaborazione – crisi di crescita interna<br />6. Crescita attraverso alleanze e acquisizioni – crisi di …<br /> secondo passo: esame obiettivi, criticità e vincoli<br />Riferimento: modello di posizionamento GE-McKinsey: attrattività del mercato | forza rispetto ai concorrenti<br />1a. Esame variabili di attrattività del mercato <br /><ul><li>profittabilità, crescita, barriere di ingresso, tecnologia, segmentazione, variabilità</li></ul>1b. Esame variabili di forza delle Business Unit verso la concorrenza<br /><ul><li>assets e competenze, risorse finanziarie, quota di mercato, fidelizzazione clienti, struttura relativa costi e margini, management</li></ul>2. Posizionamento delle Business Unit | dei prodotti/servizi <br /><ul><li>valutazione punti di forza e debolezza = risultante sui 9 settori</li></ul>3. Per ogni posizionamento: definizione della strategia/tattica prevalente <br /><ul><li>crescita, investimento, rinforzo, ristrutturazione, raccolta, disimpegno, dismissione</li></li></ul><li>Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Analisi dello stato attuale, identificazione degli interventi e piano d’azione<br />primo passo: valutazione della fase di crescita<br />Riferimento: modello di crescita in 6 fasi secondo Greiner<br />… e della necessità <br />(politiche finanziarie e risorse):<br />-sostegno allo startup<br /><ul><li>sostegno allo sviluppo (I) e (II)</li></ul>-recupero margini di redditività<br />-superamento della crisi d’impresa<br />1. Crescita attraverso creatività – crisi di leadership<br />2. Crescita attraverso struttura e direzione – crisi di autonomia<br />3. Crescita attraverso delega e decentramento – crisi di controllo<br />4. Crescita attraverso coordinamento e monitoraggio – crisi di rigidità<br />5. Crescita attraverso modelli di collaborazione – crisi di crescita interna<br />6. Crescita attraverso alleanze e acquisizioni – crisi di …<br /> secondo passo: esame obiettivi, criticità e vincoli<br />Riferimento: modello di posizionamento GE-McKinsey: attrattività del mercato | forza rispetto ai concorrenti<br />1a. Esame variabili di attrattività del mercato <br /><ul><li>profittabilità, crescita, barriere di ingresso, tecnologia, segmentazione, variabilità</li></ul>1b. Esame variabili di forza delle Business Unit verso la concorrenza<br /><ul><li>assets e competenze, risorse finanziarie, quota di mercato, fidelizzazione clienti, struttura relativa costi e margini, management</li></ul>2. Posizionamento delle Business Unit | dei prodotti/servizi <br /><ul><li>valutazione punti di forza e debolezza = risultante sui 9 settori</li></ul>3. Per ogni posizionamento: definizione della strategia/tattica prevalente <br /> crescita, investimento, rinforzo, ristrutturazione, raccolta, disimpegno, dismissione<br />4. Analisi della situazione finanziaria: <br />RATING<br /><ul><li> andamento storico, criticità
  29. 29. proposta azioni correttive e “what if”</li></ul>terzo passo: definizione dei risultati attesi e del piano d’azione; DISCUSSIONE<br />Riferimento: analisi del rischio e valutazione di fattibilità<br />
  30. 30. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Valore<br />primo passo: valutazione della fase di crescita<br />politiche finanziarie e risorse<br />Per valutazioni migliori delle necessità e delle alternative<br /> secondo passo: esame obiettivi, criticità e vincoli<br />Per decisioni migliori e per accedere al credito<br />situazione finanziaria: <br />RATING<br />Per non sbagliare nell’impostazione<br />del percorso e per ottenere <br />migliori condizioni di credito<br />Per prevenire e intervenire efficacemente: <br />nel modo giusto e nel momento giusto<br />terzo passo: definizione dei risultati attesi e del piano d’azione<br />
  31. 31. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Piano d’azione: direttrici di intervento<br />Priorità !<br />Strategia<br /> Project Management<br /> Finanza<br /> Marketing<br />Organizzazione<br /> Commerciale<br />Gestione Risorse<br /> Amministrazione<br />Processi<br />Procedure<br /> Applicazioni IT verticali<br />ERP – CRM – Supply Chain<br /> Controllo di Gestione<br /> Piattaforma Sistemi IT corporate<br />Corporate DB – ADM – HR – DWH <br />Area Strategica<br /> Area Sviluppo business<br /> Area Operativa<br /> Area Supporto<br /> Area Tecnologica<br /> Interventi Trasversali<br />
  32. 32. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Piano d’azione: “consulenza per il valore”<br /> Primo intervento, “a corpo” <br />(con quota scontabile sul secondo stadio)<br />Fatturare Valore<br />Primo Stadio: Analisi e pianificazione<br />Secondo Stadio: Interventi di attuazione<br /> Prima componente = fissa, “a corpo”<br />  Seconda componente = variabile, “a raggiungimento obiettivi”<br />Assistenza specialistica, a richiesta e “a consumo”, su temi specifici fuori ambito<br />… eventuale accordo quadro: sconti sui volumi<br />
  33. 33. Interventi per l’Ottimizzazione dell’Impresa Schema dell’ offerta di consulenza<br />CONSULENZA<br />FINANZIARIA<br />GESTIONALE<br />Primo Stadio: Analisi e pianificazione<br />STADIO DI SVILUPPO/MODELLO DI BUSINESS<br />STRATEGIA, MERCATO, ORGANIZZAZIONE<br />INDICATORI E RATING<br />INTERVENTI E PIANO D’AZIONE<br />XX<br />X<br />XXX<br />XX<br />(integrati)<br />XX<br />XXX<br />X<br />XX<br />(integrati)<br />Secondo Stadio: Interventi di attuazione<br />OTTIMIZZAZIONE E RIDUZIONE COSTI<br />PROCESSI E STRUTTURA ORGANIZZATIVA<br />POSIZIONAMENTO MKTG/COMMERCIALE<br />RISTRUTTURAZIONE DEBITO/REPERIMENTO RISORSE<br />ESPANSIONE NUOVI MERCATI E PARTNERSHIP<br />SUPERVISIONE E CONTROLLO/CDG<br />XX<br />X<br />X<br />XXX<br />X<br />XX<br />XX<br />XXX<br />XX<br />X<br />XXX<br />XX<br />GRADO DI PERTINENZA:<br />X – MEDIO<br />XX – ALTO<br />XXX - ESSENZIALE<br />

×