Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

UX e Mixed Reality: 3Dsorder? @ Nicola Rovetta [Golin]

1,517 views

Published on

//WUD Milan 2016

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

UX e Mixed Reality: 3Dsorder? @ Nicola Rovetta [Golin]

  1. 1. 1 UX E MIXED REALITY: 3DSORDER? NICOLA ROVETTA
  2. 2. 2 ORDINE O DISORDINE? Ecco due principi che polarizzano l’umanità più di Donald e Hillary.
  3. 3. 3 ANCHE IN QUESTO CASO, UNA MAGGIORANZA VINCE.
  4. 4. 4 N o n c h e l a m i n o ra n z a n o n a b b i a d e i b u o n i av vo c a t i . - ANCHE IN QUESTO CASO, UNA MAGGIORANZA VINCE.
  5. 5. 5 ELIMINARE IL SUPERFLUO In realtà, pare che ordine e disordine siano due facce della stessa medaglia. I nostri spazi virtuali possono essere il riflesso o l’antitesi dei nostri spazi reali: le interfacce e le realtà virtuali ci offrono una seconda possibilità. 5
  6. 6. 6 UNO SPAZIO BIDIMENSIONALE Abbiamo imparato a bidimensionalizzare il nostro spazio con l’avvento delle GUI.     I disordinati non si sono spaventati di dover rinunciare a una delle tre dimensioni. C’è addirittura chi ha progettato un’interfaccia appositamente simile al disordine umano. (Bumptop, 2007)
  7. 7. 7 MIXED REALITY Alcune opzioni esistenti sostituiscono la realtà dell’utente con una realtà virtuale; altre, come la “augmented reality” o la “mixed reality”, le integrano.   Siamo all’inizio dell’estensione di queste tecnologie al di fuori della sfera dell’entertainment e dell’espansione, ad esempio, agli spazi di lavoro ordinari.
  8. 8. 8 I DISORDINATI SONO PRONTI PER UNA NUOVA FRONTIERA. 8
  9. 9. 9 ANGOLI Il punto di vista cambia l’angolazione. Questo aspetto della realtà non era disponibile nelle interfacce 2D. S o u r c e : M c K i n s e y S t u d y
  10. 10. 10 DIMENSIONE “Z” Ora pienamente operativa e mescolata con la realtà, introduce nuove possibilità di disordine. Oltre che “sotto” e “intorno”, ora un oggetto può essere “dietro” (completamente nascosto) a oggetti reali o virtuali, o addirittura “fuori dal campo visivo”. Le cose possono essere lasciate in giro e dimenticate in 3D.
  11. 11. 11 MOVIMENTO Gli oggetti che si avvicinano, eliminata la protezione dello schermo che percettivamente funge da limite per l’avvicinamento degli oggetti, possono infastidire l’utente. E costituire un'altra opzione per orientarsi fra oggetti disposti a caso.
  12. 12. 12 SUONO L’uso del suono direzionale è un nuovo strumento per chi disegna l’interfaccia. Visto che nella logica del disordine la catalogazione viene sostituita dalle possibilità di aggregazione e di etichettatura, non si trovano le cose perché si sa dove sono ma perché si è in grado di ritrovarle, il suono è un’opzione in più anche per l’orientamento.
  13. 13. 13 LA MIXED REALITY DEVE ADEGUARSI O SUPERARE LA REALTÀ? E S E M P I O : Agire sulla dimensione relativa degli oggetti è una buona idea?
  14. 14. 14
  15. 15. 15 LA MIXED REALITY DEVE ADEGUARSI O SUPERARE LA REALTÀ? E S E M P I O : Agire sulla dimensione relativa degli oggetti è una buona idea? È possibile aumentare le possibilità di manipolazione degli oggetti virtuali rispetto ai loro equivalenti reali. Quali caratteristiche della metafora virtuale vanno mantenute e portate nella realtà per renderla più efficiente?
  16. 16. 16 ORDINE O DISORDINE? …come affronterete la “terza dimensione” del disordine. Scegliete da che parte stare, ma ricordatevi di riflettere su…
  17. 17. 17 N ex t s t e p … VIRTUAL MOM
  18. 18. 18 @ n i c o l a r o v e t t a GRAZIE. WUD 2016

×