Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il web e la sua evoluzione

856 views

Published on

La storia di internet, l'evoluzione del web, le caratteristiche del web 2.0, il mobile e l'ubiquitous computing.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

Il web e la sua evoluzione

  1. 1. Il web e la sua evoluzione info@ninolopez.com gooddesignsociety.blogspot.com @ninolopez ninolopez1
  2. 2. Arpanet La prima rete telematica risale alla fine degli anni ‘60. Nasce come progetto del Ministero della Difesa americano.
  3. 3. Ridondanza Architettura policefala Senza un unico nodo centrale. Due punti della rete potevano essere messi in comunicazione attraverso percorsi diversi.
  4. 4. A B
  5. 5. Internet Viene coniato nella prima metà degli anni ’70. Da Inter-Networking. Insieme di reti e computer collegate tra loro attraverso canali trasmissivi diversi (cavi, onde radio, satelliti) e unite dal gruppo di protocolli Tcp/Ip.
  6. 6. NsfNet Nel 1986 nasce NsfNet, gestito dal National Science Foundation (l’equivalente Usa del Cnr), che introduce gli strumenti telematici negli ambienti accademici.
  7. 7. World Wide Web Nel ‘91 la Nsf toglie le restrizioni sull’uso commerciale della rete. Nasce al Cern da un’intuizione di Tim Berners-Lee.
  8. 8. Mosaic Nel ‘93 nasce il primo browser dotato di interfaccia grafica.
  9. 9. Studiare Cittadino / Istituzioni / Aziende Acquistare Giocare Flirtare
  10. 10. Browser programma disponibile su pc e dispositivi mobili che consente agli utenti di visualizzare e interagire con testi, immagini e altre informazioni, contenute in una pagina web.
  11. 11. Chrome 48,4% (2013) Firefox 30,2% IE 14,3% Safari 4,2% per Mac Opera 1.9% Altri 1%
  12. 12. LinkIl web è un insieme di documenti ipertestuali scritti in HTML. Un documento HTML ha testi, immagini, video. 30.000.000.000 di pagine.
  13. 13. Mainframeuna macchina (mainframe) effettua tutte le operazioni sui dati, li memorizza e li distribuisce all’utente. L’utente ha a disposizione un terminale stupido che viene usato come unità di visualizzazione e di inserimento dati. La struttura di un sistema informativo può essere basata su due filosofie diverse:
  14. 14. Client/Serverarchitettura software costituita da due moduli, integrati ma residenti generalmente su calcolatori diversi. Client (interagisce l’utente) gestisce: l’interfaccia utente, verificando i dati inseriti e inviando le richieste dell’utente Server svolge le operazioni necessarie per realizzare un servizio; (gestione banche dati, aggiornamento dati e loro integrità)
  15. 15. Protocolli HTTP (Hyper-Text Transfer Protocol) su cui si basa il Web e con cui avviene l’interazione C/S FTP (File transfer Protocol) trasferimento di file tra host SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) per la posta elettronica Per poter scambiare messaggi sulla rete si appoggiano sui protocolli di rete TCP/IP. Linguaggio comune che consente il dialogo tra client e server.
  16. 16. URL http://www.google.com/ Path Il documento che vogliamo prendere Protocollo Host Domain name/ Indirizzo IP Locazione della macchina fisica
  17. 17. Pathpuò essere molto più complicato http://www.athenaonlus.it/chisiamo http://www.athenaonlus.it/images/foto_chisiamo http://www.athenaonlus.it/corsi?p=barletta
  18. 18. Statici Il browser invia al server la richiesta di una pagina specificando l’URL richiesto dall’utente; il web server preleva il file HTML e lo invia al browser che decodifica l’HTML, che specifica il contenuto e come deve essere visualizzato. Attività relativamente complessa: non è necessario conoscere l’HTML, basta un editor visuale che genera l’HTML. insieme di pagine ipertestuali predefinite, tra le quali l’utente può navigare cliccando su link.
  19. 19. Dinamici Oltre a navigare l’utente può usare funzioni interattive: registrazione, acquisti, ricerche in DB Spesso sono usati moduli diversi, che andranno integrati. Molto più complessi, la loro progettazione è più complessa, servono conoscenze avanzate di linguaggi e database. Le pagine vengono generate dinamicamente in base alla richiesta degli utenti
  20. 20. e-mailUno dei servizi principali di internet. Per poter utilizzare il servizio di posta elettronica è necessario avere una casella di posta per i messaggi identificata da un indirizzo.
  21. 21. pippo@pippo.it
  22. 22. hosting Servizio che consiste nell’allocare su un server web le pagine di un sito. Il server web, definito “host”, è connesso a Internet in modo da garantire l’accesso al sito mediante browser, con identificazione dei contenuti tramite dominio e indirizzo IP.
  23. 23. ISP Internet Service Provider Fornitore di servizi Internet: - accesso a Internet e posta elettronica - registrazione di nomi a dominio DNS In Italia, gli ISP che forniscono questo servizio si chiamano anche Maintainers (MNT). Spesso è lo stesso MNT che registra un nome a occuparsi di impostare i servizi correlati.
  24. 24. DNS Sistema utilizzato per la risoluzione di nomi di host in indirizzi IP e viceversa. È realizzato tramite un database distribuito, costituito dai server DNS. Il nome DNS denota anche il protocollo che regola il funzionamento del servizio, i programmi che lo implementano, i server su cui questi girano, l’insieme di questi server che cooperano per fornire il servizio.
  25. 25. web 2.0 Il Web 1.0 (anni 90) è caratterizzato da siti statici, senza interazione “attiva” con l’utente, se non la navigazione tra le pagine a fini essenzialmente di “ricerca di informazioni”. Oggi l’esigenza è quella di avere Applicazioni Web: pagine create dinamicamente in funzione delle richieste dell’utente comportamento dell’applicazione dipendente dalle azioni precedenti, quindi necessità di mantenere la sessione utente
  26. 26. Con Web 2.0 si indica uno stato di evoluzione di Internet e l’insieme di applicazioni che consentono un elevato livello di interazione con l’utente. blog, forum, chat, sistemi quali wikipedia, social
  27. 27. 2.0 vs 1.0 Da un punto di vista strettamente tecnologico, il Web 2.0 è equivalente al Web 1.0 l’infrastruttura di rete continua ad essere costituita da TCP/IP e HTTP e l’ipertesto è ancora la modalità di relazioni tra i contenuti. La differenza è nell’interazione utenti/web UGC dalla consultazione --> possibilità di contribuire con propri contenuti
  28. 28. Siti personali Necessità conoscenza di Html Css PHP, ASP, JSP Sql, Mysql Blog Chiunque può aprirsene uno per condividere informazioni 2.0 vs 1.0
  29. 29. Sistemi gestione contenuti Possibilità di gestione dei contenuti senza possedere conoscenze tecniche attraverso un pannello di controllo Wiki tecnologia che può essere considerato il punto di arrivo della gestione dei contenuti in quanto ne implementa tutti i paradigmi 2.0 vs 1.0
  30. 30. Stickiness contenuto che vuol far ritornare l’utente più volte sullo stesso sito quindi creare una community Syndication si rende disponibile il contenuto sotto altra forma per poterlo fruire (i feed RSS) 2.0 vs 1.0
  31. 31. Tassonomia categorizzazione tradizionale delle informazioni (gerarchico). Mancanza di flessibilità Folksonomia categorizzazione collaborativa che sfrutta di tag e parole chiave. Le categorie sono costruite dal basso, dagli utenti Vicinanza al modello concettuale della popolazione in cui il progetto viene realizzato 2.0 vs 1.0
  32. 32. C1 C1 C2 C2 Tag 1 Tag 2Tag 2 Tag 2 Tag 4Tag 3
  33. 33. Svantaggi Omonimia Assenza di una struttura uniforme delle tag (declinazione nomi, coniugazione verbi) Assenza di un insieme comune di parole chiave Vantaggi Possibile concretizzazione del web semantico Siti basati su questo modello: Flickr e Delicious Folksonomia
  34. 34. sistema per la distribuzione di contenuti che permette a un utente (previa sottoscrizione) di ricevere gli aggiornamenti di un sito. RSS definisce una struttura adatta a contenere un insieme di notizie, composte da vari campi (nome, autore, titolo, testo, riassunto, ecc.). Quando si pubblicano notizie in formato RSS, la struttura viene aggiornata con i nuovi dati. Feed
  35. 35. La fruizione di RSS avviene attraverso due modalità: • attraverso appositi lettori che interpretano un feed • integrando i contenuti del feed all’interno di un sito Web Vantaggi rispetto al ricevere contenuti tramite email: • nell’iscrizione a un feed, gli utenti non rivelano l’e-mail evitando spam, virus, furto di identità • è sufficiente annullare la sottoscrizione Feedly / Feeder Feed
  36. 36. Mobile• un quarto di tutto il traffico web • le vendite di tablet nel 2013 sono state più di 100 milioni • entro il 2014 il numero di dispositivi mobili supererà la popolazione mondiale
  37. 37. Ubi Comp
  38. 38. Realtà aumentata
  39. 39. Augmented Adv

×