lezione Micucci

489 views
412 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
489
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Quella che diffonde e unifica il mondo della industrializzozione è è la prima rete di telecomunicazioni regolata Ma il significato delle rete come oggetto che connette e trasmette viene con
  • Quella in cui le informazioni . La cultura e il sapere sono e i prodotti basati su questi caratterizz
  • COMPLESSITA’ CHE CARATTERIZZA QUESTA EPOCA
  • Non facciamoci ingannare :
  • Un dipendente di Amazon ha descritto la coda lunga nei seguenti termini: "Oggi abbiamo venduto più libri tra quelli che ieri non sono affatto andati di quanti ne abbiamo venduti tra quelli che ieri sono andati". Analogamente, Wikipedia , pubblicata dagli utenti della rete, conta un grande numero di voci di bassa popolarità, che collettivamente generano più traffico rispetto al numero limitato di voci molto popolari presenti in una enciclopedia convenzionale come la Encyclopædia Britannica . La coda lunga presenta implicazioni destinate a influenzare la cultura e la politica. Ove i costi di magazzino e distribuzione sono elevati, vengono venduti solo i prodotti più popolari. Ove al contrario la coda lunga funziona, i gusti delle minoranze vengono soddisfatti e gli individui hanno maggiore possibilità di scelta. Nelle situazioni in cui la popolarità è determinata dal minimo comun denominatore, un modello a coda lunga può generare un miglioramento del livello culturale della società . Alcune delle aziende internet devono il loro successo allo sfruttamento del principio della coda lunga nel loro modello economico. Tra le grandi compagnie spiccano eBay (aste), Yahoo! e Google (motori di ricerca), Amazon (vendita al dettaglio) e iTunes Store (musica e podcast), seguite da imprese minori quali Audible (audiolibri) and Netflix (videonoleggio). Spesso presentato come un fenomeno che investe principalmente i rivenditori di prodotti di massa e aziende che operano sul web, il modello coda lunga si ripercuote anche sui produttori di contenuti, in particolare su quelli i cui prodotti – per motivi economici – erano tagliati fuori dai canali di distribuzione pre-internet controllati dalle case editrici, dalle case discografiche, dalle case di produzione cinematografiche e dalle reti televisive. Dal punto di vista dei produttori, la coda lunga ha generato un fiorire di creatività in tutti i campi dell’ingegno umano.
  • Questo ha spinto a definirli come lobby, credo che anche qui si tratti più di un network di contiguità un po’ stile oldboyz network,un po’ area di formazione, esperienza di management , stima reciproca hanno creato una rete di cmounicazione reputazione reciproca dove “forti informazioni e esperienza nella finanza che un programma o progetto. Piuttosto un luogo di legami su closeness e similarity, homophily. Certo si tratta di un fattore importante per chi faccia public affairs …..questi decision makers sono più influenzati da una interazione o una consultazione tra loro che da un articolo di giornale
  • Sono sopravvissute microgalassie dovute a contiguità di esperienze politiche e di governo ( anche di impresa pubblica) senza che si possa dire ….
  • Twittere è un microblog instantaneo assorbito da facebook
  • Misura il nostro network
  • .(per,in , con sul, di,al..)
  • Media Tradizionali lontani dai flussi informativi e vicini alle istituzioni Politici lontani dalla società e più vicino alla diecisone Ma mai come le istituzion i internazionali e la comapgnie globali assai più vicien alle decisioni che influenzano Il flusso info passa sempre più attraverso i new media ed è più vicino alla società che non i tradizionali Tra le info così percepite si muovono sia i social networks che gfli individui connessi Le aziende non in rete sono anche esse più vicine alle istituzioni e alla decisione Quelle in rete più vicine alla società in movimento e alla società Ma mai come le aziende globali Dove vanno i trabnnds new media coccupano tutto lo spazio info Medi Trad si riducono verso i new Si alimentano i social networks e gli individui connessi e sis postano verso la decisone Incontrano la espansione delle global companies già posizionate Vicino ci sono e. govarnment Noi lobbyisti Dobbiamo spostarsi verso il basso e verso destra In una second fase verso destra
  • lezione Micucci

    1. 1. Nuove frontiere del lobbying IL POTERE DEI NETWORKS
    2. 2. LA RETE PRIMA DI INTERNET
    3. 3. NETWORKED SOCIETY <ul><li>Castells : la società informazionale è organizzata a rete; la tecnologia (computer, connessione , internet) ne abilita la crescita. </li></ul><ul><li>Il potere dei flussi vince sui flussi di potere </li></ul><ul><li>Comunicazione e/è Potere </li></ul>
    4. 4. TEORIE DELLE RETI <ul><li>BARABASI - LINK LA SCIENZA DELLE RETI : SPIEGA NUMEROSI FENOMENI IN TERMINI DI FORMA E INTENSITÀ DELLE RELAZIONI </li></ul><ul><li>FITJOF CAPRA - LA RETE DELLA VITA : BIOLOGIA MOLECOLARE , CERVELLO , MATERIA FUNZIONANO A RETE) </li></ul><ul><li>MARK BUCHNAN- NEXUS E L’ATOMO SOCIALE : RICETTE PER LEGGERE LA COMPLESSITÀ ANCHE SOCIALE; PERSINO NEL CAOS SI RITROVANO REGOLE ESSENZIALI : RELAZIONI E INTERAZIONI </li></ul>
    5. 5. LA SOCIETA’LIQUIDA E LA RETE <ul><li>GLOBALIZZAZIONE, FINANZIARIZZAZIONE ,INTERCONNESSIONE COLLABORATIVA : IL MONDO PIATTO </li></ul><ul><li>FINE DEGLI STATI NAZIONALI, DELLE NARRAZIONI TRADIZIONALI,DELLE ISTITUZIONI E DELLE RELAZIONI TRADIZIONALI (MINOR RUOLO DEI GOVERNI) : SOCIETÀ LIQUIDA BAUMAN </li></ul><ul><li>RISPOSTA PESSIMISTA : LA RETE GIUSTIFICA IL CAMBIAMENTO SPOSSESSA DI RAPPRESENTANZA E FORZA E “IMPRIGIONA” GLI INDIVIDUI TRASFORMATI IN MOLTITUDINE (MUSSO,NEGRI,FORMENTI) </li></ul><ul><li>RISPOSTA OTTIMISTICA : LA RETE PUÒ CREARE MOVIMENTI (CASTELLS) LIBERA LA GLI INDIVIDUI (YOCHAI BENKLER) E LA CULTURA LIBERA FONDATA SULLA COLLABORAZIONE (LESSIG) </li></ul>
    6. 6. LA COMUNICAZIONE CHIAVE DEL POTERE forza e consenso : volpi e leoni (Machiavelli) COMUNICAZIONE : PRIMA DELLE SOCIETA’ A RETE MARKETING : ONE TO MANY POLITICA : LEADERSHIP MEDIATICA PERSONALIZZATA ORGANIZZAZIONI AZIENDALI : STRUTTURE VERTICALI PRODUZIONE IMMATERIALE : COPYRIGHT
    7. 7. VIVIAMO UN CAMBIO DI PARADIGMA <ul><li>La Governance è globale, il mondo è piatto gli stati sono nazionali.. declinanti o pericolosi </li></ul><ul><li>Lo spazio pubblico (e di potere) si è spostato dalle istituzioni alla comunicazione </li></ul><ul><li>Media e new media sono ” l’ambito in cui il potere viene deliberato” </li></ul><ul><li>Del quadro fa parte crescente la auto-comunicazione di massa , web 2.0. </li></ul>
    8. 8. Nell’epoca di internet si formano le code lunghe <ul><li>La coda lunga : il mercato </li></ul><ul><li>La coda lunga : i media </li></ul><ul><li>La coda lunga del potere </li></ul>
    9. 9. La lunga coda : new marektplace <ul><li>Un dipendente di Amazon </li></ul><ul><li>&quot;Oggi </li></ul><ul><li>abbiamo venduto più libri tra </li></ul><ul><li>quelli che ieri non sono affatto </li></ul><ul><li>andati di quanti ne abbiamo </li></ul><ul><li>venduti tra quelli che ieri sono </li></ul><ul><li>andati&quot;. </li></ul><ul><li>Wikipedia , </li></ul><ul><li>pubblicata dagli utenti della </li></ul><ul><li>rete, conta un grande numero </li></ul><ul><li>di voci di bassa popolarità, </li></ul><ul><li>che collettivamente generano </li></ul><ul><li>più traffico rispetto al numero </li></ul><ul><li>limitato di voci molto popolari </li></ul><ul><li>presenti in una enciclopedia </li></ul><ul><li>convenzionale come la </li></ul><ul><li>Encyclopædia Britannica . </li></ul>
    10. 10. La lunga coda del potere
    11. 11. COME CAMBIA LA COMUNICAZIONE <ul><li>Off-line </li></ul><ul><li>Astratta </li></ul><ul><li>Di massa </li></ul><ul><li>Politica </li></ul><ul><li>Influente </li></ul><ul><li>Puntuale </li></ul><ul><li>Trasmessa </li></ul><ul><li>Ubiqua </li></ul><ul><li>Reale </li></ul><ul><li>Delle masse </li></ul><ul><li>Diretta </li></ul><ul><li>Trasparente </li></ul><ul><li>Permanente </li></ul><ul><li>Disintermediata </li></ul>
    12. 13. LA CAPACITÀ DI NETWORKING È CRESCIUTA ESPONENZIALMENTE GRAZIE A INTERNET. (PC,SERVER,UTENTI) POI.. … .C’E’ STATO UN SALTO
    13. 14. UN WEB BASATO SU CONTENUTI PRODOTTI DAGLI INDIVIDUI CON TECNOLOGIE CHE RENDONO FACILI : LETTURA , PUBBLICAZIONE, RACCOLTA E MESCOLANZA, PROMOZIONE … WEB 2.0 ?
    14. 15. Weblogs = blogs : diari INTERATTIVI sul web Social bookmarking : indicizzazione sociale (con persone con analoghi interessi) Filtering Wiki : sistemi di condivisione DELLA conoscenza elaborati da utenti e molto rapidi Podcast : sistemi di registrazione e emissione in differita di trasmissioni (broadcast) RSS feed : aggregazione contenuti Social software : software elaborato collettivamente API : interfacce che aiutano realizzare applicazioni sul web Ebay aste on line , garanzie Gmail rafforzamento rispetto alla pura lettura
    15. 16. 184 milioni di bloggers 73% di utilizzatori online attivi hanno letto un blog 45 % ha aperto un blog proprio 57% si sono unito ad un social network 55% ha caricato foto 83% ha guardato dei video 39 % ha sottoscritto un RSS
    16. 17. What’s your Social Spectrum?
    17. 18. COME POSSO CREARE UN NETWORK? DOMANDA SBAGLIATA
    18. 19. I SOCIAL NETWORKS già esistono : pensiamo a come farne parte e a come far sì che condividano le nostre idee o contenuti
    19. 20. VOI AVETE GIA’ I VOSTRI NETWORKS LA RUBRICA DEL CELLULARE
    20. 21. LA RUBRICA CARTACEA
    21. 22. OLD BOYS NETWORK : I compagni di scuola
    22. 23. I COLLEGHI
    23. 24. I VOSTRI CONTATTI OUTLOOK
    24. 25. TRANQUILLI ANCHE IL VOSTRO PROFILO FACEBOOK E’ UN SOCIAL NETWORK MA NE PARLIAMO DOPO
    25. 26. I NETWORKS E I SOCIAL MEDIA SONO GIA’ IMPORTANTI ANZI SONO GIA’ AL POTERE
    26. 27. Blog Her/Compass Partners 2008 Social Media Study TUTTE QUESTE ATTIVITA’ DI SOCIAL NETWORKING HANNO DIVERSE MOTIVAZIONI
    27. 28. PRODUCE CAMBIAMENTI VIRALI MOLTO POTENTI
    28. 30. I mercati sono conversazioni : Aggregazione e distribuzione di contenuti Il Brand al centro non sopra
    29. 32. MOVIMENTI NETWORK
    30. 34. Goldman Sachs : La Merchant che parla inglese <ul><li>Robert Rubin , segretario al Tesoro presidenza Clinton </li></ul><ul><li>Henry M. Paulson , Segretario al Tesoro sotto presidenza G.W. Bush </li></ul><ul><li>Robert Zoellich , vicesegretario U.S.A. </li></ul><ul><li>William Dudley , capo della Federal Reserve Bank di New York, il distretto principale azionista della Federal Reserve </li></ul><ul><li>Joshua Bolten, capo del gabinetto dell Casa Bianca </li></ul><ul><li>Mario Draghi , Da Vicepresidente Goldman Sachs a Governatore della Banca d'Italia </li></ul><ul><li>Romano Prodi, Mario Monti Il sottosegretario Tononi </li></ul><ul><li>Costamagna , etc </li></ul>
    31. 35. IL NETWORK TERRITORIALE
    32. 36. No networks no Party <ul><li>Né i vecchi , né i nuovi partiti hanno saputo adeguarsi alla logica di rete (pur avendone inventate di interessantissime, il cosiddetto collateralismo) </li></ul><ul><li>Prevalse autodifese e network in chiave di resistenza , che non aprire in network a forme nuove </li></ul><ul><li>Questo garantisce una sopravvivenza e anche una mutevole influenza ma in verità è una delle ragioni che rende più debole che nel passato la politica . </li></ul><ul><li>Fuori dalla comunicazione tra mondi ed esperienze lontane . Senza un processo verticale irrevocabile di decision making restano senza voce e via via anche senza leadership </li></ul>
    33. 37. LA RETE OFFRE STRUMENTI DI SOCIALNETWORKING <ul><li>AGGREGATORI DI CONTENUTI </li></ul><ul><li>MASH UP </li></ul><ul><li>COMUNITA’ DI INTERESSI </li></ul>
    34. 38. Aggregatori: per trovare ,raccogliere e ricordare contenuti <ul><li>Wikipedia </li></ul><ul><li>Stumbleupon </li></ul><ul><li>Digg.it </li></ul><ul><li>Technorati </li></ul><ul><li>De.li.ci.ous </li></ul>
    35. 41. COME E’ AVVENUTO CON I MARCHI PER INCONTRARE ME ASSIEME A COLORO DI CUI MI FIDO , IO SONO IL MEDIUM O IL CANALE I MEDIA TRADIZIONALI SONO VENUTI VERSO DI ME IL WEB 2.0 MI VIENE DIETRO
    36. 42. SOCIAL MEDIA R- EVOLUTION <ul><li>Mainstream Media vanno on Line </li></ul><ul><li>PERSONALIZZABILI </li></ul><ul><li>TRACCIABILI </li></ul><ul><li>MULTIMEDIALI </li></ul><ul><li>OBBLIGATORI </li></ul><ul><li>REDDITIZI ? </li></ul>
    37. 45. L’andamento della pubblicità sui media <ul><li>Gennaio sett 2009 investimenti pubblicitari = 5.990 MLN -16,0% </li></ul><ul><li>Settembre 2009 verso settembre 2008 la variazione è del -12,8%. </li></ul><ul><li>La Televisione -13,2% sul periodo cumulato e del -7,1% sul singolo mese. </li></ul><ul><li>La Stampa, nel suo complesso, da gennaio ha un calo del -23,6%. </li></ul><ul><li>I Periodici diminuiscono del -28,8% </li></ul><ul><li>Quotidiani a pagamento -19,5% </li></ul><ul><li>La Radio diminuisce da gennaio del -14,0% ed è in leggera crescita nel confronto mensile settembre 2009 su settembre 2008 (+0,6%). </li></ul><ul><li>Affissioni (-26,0%), Cinema (-12,4%), Out of Home Tv (-1,1%) e Direct Mail (-17,9%) </li></ul><ul><li>Internet che cresce del +5,2% raggiungendo i 421,4 milioni di euro </li></ul>
    38. 46. DA DOVE SI COMINCIA ?
    39. 47. <ul><li>HO BISOGNO DI UN PROFILO PER DIRE AGLI ALTRI QUELLO CHE VOGLIO , CHE MI PIACE E CHE VOGLIO SAPERE </li></ul>
    40. 48. VI MOSTRO LA/E MIA/E IDENTITA’
    41. 49. <ul><li>Appartenenza identitaria : MySpace, Bebo, Friendster, Orkut, Facebook (blogging, tempo libero, amicizie), Neurona, LinkedIn, Xing, Ecademy (referenze professionali, cv), Openpolis (politica) </li></ul><ul><li>Comunicazione/relazione : Youtube , blip . tv , Buzznet (video), Digg, Newsvine, Ok.Notizie.alice.it, Wikio (notizie), Scrive.it, 2spaghi.it, bookrepusblic, LibraryThing (recensioni), Match.com, People Aggregator (social network personali), 30boxes, upcoming.org (agenda, appuntamenti, eventi), Twitter (attività in tempo reale), last . fm (musica) </li></ul><ul><li>Produzione cooperativa : Wikipedia (enciclopedia), Flickr, Photobucket (foto) Del.icio.us, Taggly, Segnalo, Furl (bookmarking), Wink (motore di ricerca) </li></ul><ul><li>Piattaforme transazionali : eBay , Zopa , Amazon . </li></ul><ul><li>… </li></ul>Qualche classificazione e 37 esempi noti
    42. 53. Può diventare quotidiano
    43. 57. Sono connesso ! Come ci lavoro ?
    44. 58. Reader
    45. 60. CHE ME NE FACCIO ? <ul><li>DEBBO SEGUIRE,POPOLARE, INTERAGIRE INFLUENZARE CONVERSANDO </li></ul><ul><li>PER RAGIONI DI STUDIO, DI LAVORO, DI DIVERTIMENTO…. PER TUTTE QUELLE RAGIONI CHE SONO “ME” NEL CORSO DEL TEMPO </li></ul>
    46. 61. Posso farne uno strumento di dialogo interno esterno alla azienda
    47. 64. DOMANDA SE DOVESTE FAR ARRIVARE UN MESSAGGIO A UN DECISORE COSA SCEGLIERESTE ? <ul><li>UNA E-MAIL </li></ul><ul><li>UNA TELEFONATA </li></ul><ul><li>UN POST SUL SUO BLOG </li></ul><ul><li>UNA LETTERA </li></ul>PERCHE’ ?
    48. 65. E SE DOVESTE SCRIVERE A OBAMA ?
    49. 71. Social mapping_York Le strade di una città come New York sono piene di oggetti interessanti, utili e soprattutto potenzialmente utilizzabili. E alcuni sono nella spazzatura . Grazie all’intuizione di Jim Nachlin, autore del progetto, oggi si può, girando per le strade della metropoli, fotografare un rifiuto abbandonato , in buone condizioni o utilizzabile e inviare la foto via email al sito GarbageScout.com descrivendo la posizione esatta dell’oggetto. Qui, col supporto di GoogleMap , le foto vengono visualizzate sulla cartina di New York quasi in tempo reale. Gli interessati possono quindi andare sul posto e prelevare l ’ oggetto prima che la nettezza urbana o, soprattutto, un altro fan di GarbageScout lo facciano sparire. In più un motore di ricerca permette di trovare proprio l’oggetto abbandonato che si sta cercando. Un sistema che in molti definiscono impeccabile. R iduce la spazzatura, fa risparmiare soldi e tiene pulite le strade della città . Per questo il GarbageScout ha assunto anche la forma di una caccia al tesoro urbana , con migliaia di segnalazioni ogni giorno e garbagescout party , in cui la gente invita a casa gli amici per far vedere come ha arredato la casa con materiali recuperati. 

    50. 72. Obama : la nuova piramide del potere
    51. 74. LA POLITICA E’ GIA’ SUL WEB CHE I POLITICI LO SAPPIANO O NO ALCUNI LO SANNO VALE PER TANTE ISTITUZIONI E DECISORI..
    52. 75. Personal branding Politica 2.0
    53. 76. martedì 25 maggio 2010 Un esempio di Lobbying 2.0
    54. 77. martedì 25 maggio 2010
    55. 78. martedì 25 maggio 2010
    56. 79. martedì 25 maggio 2010
    57. 80. Grassroot lobbying : SKY ed il raddoppio dell’IVA
    58. 82. Mesi dopo : la conversazione continua . Attenzione !
    59. 83. Communication and power <ul><li>Reti un gruppo di comunicazione e potere </li></ul><ul><li>Communication Power Company: </li></ul><ul><li>Mission : Rifare la politica ; Prodotti costruire politiche (policy building) </li></ul><ul><li>Rifondare la comunicazione (ideando e formando) </li></ul><ul><li>Dare potere alle persone , (agli attori) con l’auto-comunicazione </li></ul>
    60. 84. Tips per essere : alfieri del caos e evangelizzatori del potere <ul><li>Il cambiamento non è tecnologico è sociale </li></ul><ul><li>La paura della crisi può dare coraggio : Il rischio di fallire è la massima spinta a innovare </li></ul><ul><li>C’era poca, non troppa libertà rispetto a ciò di cui le persone hanno bisogno: potere diretto e non “Stato o Mercato” </li></ul><ul><li>Comunicare tra network, nei network, sui networks </li></ul>
    61. 85. NETWORKS E SOCIAL MEDIA STANNO DIVENTANDO ENORMEMENTE PIU’ POTENTI E VASTI NELLA SOCIETA’ DELLA INFORMAZIONE The groundswell : l’ondata A social trend in which people use technologies to get the things they need from each other, rather than from traditional institutions like corporations. GROUNDSWELL : L’ONDATA
    62. 86. Istituzioni Flussi di informazione Società a rete Decision making Media tradizionali New media bloggers,networks,web-press,etc . Networked individuals Global companies Politici locali Politici nazionali Social networks Aziende in rete tv Radio Aziende non in rete Stampa Manager e dipendenti pubblici E-governament Istituzioni internazionali
    63. 87. Cosa serve uscendo da qui <ul><li>Saper fare network </li></ul><ul><li>Trasformare la polis in comunicazione </li></ul><ul><li>Trasformare gli interessi in scelte responsabili </li></ul><ul><li>Esercitare il potere </li></ul>
    64. 88. The net wants you….. to take the power

    ×