RÉAGIR POUR
L'AVENIR
Progetto multilaterale Comenius
2013-2015
PAESI PARTNERS DEL PROGETTO
• Romania -Scoala «Eugen Ionescu»- Slatina
• Germania – Europaschule Erkelenz
• Spagna – IES «...
DATE APPROSSIMATIVE DELLA MOBILITA’ (6 docenti e 15/18 alunni)
Romania Ottobre 2013 (solo docenti)
Spagna Febbraio 2014
...
‘’REAGIR pour l’avenir" è un progetto multilaterale che mette in
primo piano la dimensione europea del problema ambientale...
Il progetto ha l’ambizione di svelare la specificità dei
paesaggi per mantenere la biodiversità in Europa e
ripristinare g...
Gli obiettivi concreti del partenariato sono:
1.Condurre uno studio di impatto ambientale sulle aree geografiche dei
paesi...
5. Proporre soluzioni per migliorare gli effetti negativi delle variazioni
climatiche.
6. Coinvolgere studenti e docenti i...
•migliorare le competenze linguistiche,
•rendere gli alunni attenti osservatori della realtà che li circonda,
•sviluppare ...
Tematiche
•Ambiente
•Cittadinanza attiva
•TIC
Formazione
•Geografia
•Senso civico
•Lingue straniere
Competenze chiave
•Com...
Slatina è la capitale della contea di Olt, nella
regione storica dell'Oltenia, nel sud della
Romania.
Si trova sul fiume O...
La Scoala Gimnazială " Eugen Ionescu "di Slatina è la Scuola
coordinatrice del progetto " Reagendo al futuro . "
La scuola...
Bucarest
Bucarest è la capitale e la città più
popolosa della Romania,la sesta più
popolosa dell’Unione Europea.
Posta nel...
Grande centro di antiche tradizioni agricole e mercantili, Foggia si è
sviluppata soprattutto dopo la poderosa opera di bo...
Nonostante il terribile terremoto del 1731 ed i bombardamenti che
colpirono la città durante la Seconda Guerra Mondiale, v...
La Scuola Secondaria di primo grado
“G. Bovio” si trova a Foggia
( Puglia) nel centro della città. Si
caratterizza per la ...
Attualmente la scuola ha anche tre progetti in attività di e–twinning.
Dispone di una band che è sempre in prima linea nei...
Fondata nel 1991 , la Scuola IES "José Luis Tejada Peluffo"di El Puerto de Santa
Maria si trova al centro di un quartiere ...
La Scuola Media “Giovanni Paolo II” si
trova a Lubon, città nata nel 1954 .
La posizione di Lubon è unica: da un
lato la c...
Il Liceo “Voltaire” di Orléans
accoglie 1800 alunni che
studiano ben quattro lingue
straniere europee : l‘inglese, lo
spag...
L’ “Europaschule” si trova a Erkelenz,
una piccola città di 45.000 abitanti situata
in una zona fortemente agricola e
mine...
• Creare una rete di riflessioni e lavorare per i partner
• Conoscere e capire come altri sistemi educativi europei
• Cost...
Réagir pour l'avenir
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Réagir pour l'avenir

1,740 views
1,623 views

Published on

presentation de l'equipe italienne
Foggia,
Scuola Secondaria di I Grado
“Giovanni Bovio”

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,740
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,248
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Réagir pour l'avenir

  1. 1. RÉAGIR POUR L'AVENIR Progetto multilaterale Comenius 2013-2015
  2. 2. PAESI PARTNERS DEL PROGETTO • Romania -Scoala «Eugen Ionescu»- Slatina • Germania – Europaschule Erkelenz • Spagna – IES «José Luis Tejada Peluffo» El Puerto de Santa Maria • Francia – Lycée Voltaire Orléans • Italia – Scuola Secondaria di 1° grado «G. Bovio» Foggia • Polonia – Gimnazjum nr 2 im. Jana PawlaII- Lubon
  3. 3. DATE APPROSSIMATIVE DELLA MOBILITA’ (6 docenti e 15/18 alunni) Romania Ottobre 2013 (solo docenti) Spagna Febbraio 2014 Francia Marzo 2014 Germania Aprile 2014 Italia Ottobre 2015 Francia Febbraio 2015 Polonia Marzo 2015 Romania Aprile 2015
  4. 4. ‘’REAGIR pour l’avenir" è un progetto multilaterale che mette in primo piano la dimensione europea del problema ambientale.  "AGIRE PER REAGIRE“! Il progetto ha lo scopo di: •creare una rete di discussione e di azione in materia di cambiamento climatico; • motivare le Scuole, gli studenti, il personale e il partner a lavorare in team; •utilizzare le TIC per realizzare il prodotto finale, pubblicizzare e diffondere i risultati. 
  5. 5. Il progetto ha l’ambizione di svelare la specificità dei paesaggi per mantenere la biodiversità in Europa e ripristinare gli ecosistemi minacciati dallo sviluppo degli insediamenti umani.  Sono attivamente coinvolte nel progetto le Istituzioni Regionali e Provinciali preposte alla tutela dell'ambiente e alla salute delle persone, gli Istituti di Ricerca, le autorità locali e le organizzazioni non governative presenti sul territorio.
  6. 6. Gli obiettivi concreti del partenariato sono: 1.Condurre uno studio di impatto ambientale sulle aree geografiche dei paesi partners: fauna, flora, clima, economia, stile di vita e senso civico. 2. Determinare i cambiamenti climatici 3. Trarre conclusioni circa le cause dei cambiamenti climatici osservati. 4. Analizzare in una prospettiva comparativa, i cambiamenti climatici osservati nelle aree geografiche dei partners.
  7. 7. 5. Proporre soluzioni per migliorare gli effetti negativi delle variazioni climatiche. 6. Coinvolgere studenti e docenti in azioni di volontariato. 7. Educare le comunità locali sul cambiamento climatico. 8. Educare le persone a reagire ai danni delle variazioni climatiche perché i non siano un processo irreversibile. Fauna, la flora e il clima saranno osservate a seconda della stagione. Il primo anno della partnership si concentrerà sulla osservazione e sulla ricerca, il secondo anno sull'analisi e sul confronto dei cambiamenti climatici.
  8. 8. •migliorare le competenze linguistiche, •rendere gli alunni attenti osservatori della realtà che li circonda, •sviluppare la capacità critica, •educare alla discussione libera ed al confronto, •arricchire il bagaglio culturale. Gli alunni avranno la possibilità scambiare e-mail, foto, video, ….visitare le Nazioni coinvolte nel progetto Ricaduta culturale
  9. 9. Tematiche •Ambiente •Cittadinanza attiva •TIC Formazione •Geografia •Senso civico •Lingue straniere Competenze chiave •Comunicare in lingua straniera •Competenza numerica •Competenza civica e sociale  
  10. 10. Slatina è la capitale della contea di Olt, nella regione storica dell'Oltenia, nel sud della Romania. Si trova sul fiume Olt (è sede di una delle nove dighe installate sull’ Olt), sulla strada nazionale DN65 (Strada Europea 70), 50 km a nord est di Craiova, 70 km a sud ovest di Pitesti e 192 km da Bucarest. La città è servita dalla linea ferroviaria Craiova Bucarest-Pitesti-ferro. Nel 2011 contava 63.254 abitanti. La città ha una delle più grandi fonderie di alluminio d’ Europa, fabbriche tessili, industrie meccaniche e alimentari. Romania: Slatina Slatina presenta alcuni interessanti monumenti : il monastero Clocociov (XVI secolo), il monastero Strehareţ e Sf Treime (XVII secolo), il Duomo (XVIII secolo), il ponte di ferro sull’ Olt (XIX secolo) e più di 130 monumenti storici dichiarati (Ottocento e Novecento). La città è gemellata con Imola e Ispica.
  11. 11. La Scoala Gimnazială " Eugen Ionescu "di Slatina è la Scuola coordinatrice del progetto " Reagendo al futuro . " La scuola si trova nel centro della capitale . E’ stata fondata nel 1976 come Scuola Elementare e Scuola Media. Attualmente la Scuola conta 29 classi, con 750 studenti di età compresa tra 6 e 15 anni, e 50 insegnanti . La Scuola organizza un concorso di creazioni letterarie interdipartimentale, un concorso di matematica e due festival inter teatrali in romeno e in francese in memoria del grande drammaturgo rumeno di origine francese Eugène Ionesco, nato a Slatina.
  12. 12. Bucarest Bucarest è la capitale e la città più popolosa della Romania,la sesta più popolosa dell’Unione Europea. Posta nel sud del Paese, sul fiume Dâmboviţa, è il maggiore centro industriale e commerciale. E‘ una delle capitali europee più incantevoli e gioiose, come spiega anche l'etimologia del nome (bucura: esser contenti). Affascina   la sua architettura di fin de siècle, la sua intensa vita culturale e artistica, tanto da meritarsi anche il soprannome di “Piccola Parigi”. Uno dei monumenti più belli di Bucarest è l’Arco di Trionfo dal quale inizia Soseaua Kiseleff, un grande viale, anche più lungo del celebre Champs Elysees  
  13. 13. Grande centro di antiche tradizioni agricole e mercantili, Foggia si è sviluppata soprattutto dopo la poderosa opera di bonifica del Tavoliere, seconda pianura più grande d'Italia Hanno sede a Foggia industrie operanti in vari settori: alimentare, tessile, chimico e di produzione dei materiali da costruzione. La città di Foggia è sede arcivescovile metropolitana, nonché città universitaria con varie facoltà disseminate su tutto il territorio cittadino. Italia: Foggia
  14. 14. Nonostante il terribile terremoto del 1731 ed i bombardamenti che colpirono la città durante la Seconda Guerra Mondiale, vanta un importante centro storico arricchito da palazzi di rilievo, chiese e monumenti di epoca federiciana, come il maestoso Duomo del XII secolo e l' arco di Federico II addossato al museo civico. Recentemente sono stati riportati alla luce alcuni camminamenti sotterranei che collegano gran parte del centro antico della città e che venivano utilizzati in epoca medievale. Sviluppatasi durante tutto l'Ottocento ed il periodo fascista, la città è caratterizzata da piazze e ampi viali alberati.
  15. 15. La Scuola Secondaria di primo grado “G. Bovio” si trova a Foggia ( Puglia) nel centro della città. Si caratterizza per la moltitudine di progetti scolastici che offre agli studenti : dalla musica all’informatica, dal teatro all’orchestra, dai corsi di lingua con certificazione alle competizioni sportive, che consentono agli alunni di partecipare Bovio a gare e olimpiadi scolastiche a livello locale, nazionale e europeo. Sono un migliaio gli alunni che frequentano la nostra scuola
  16. 16. Attualmente la scuola ha anche tre progetti in attività di e–twinning. Dispone di una band che è sempre in prima linea nei concorsi musicali nazionali. Lo stesso dicasi per la squadra di pallavolo. La "Bovio" è Scuola Polo per la diffusione della dimensione europea dell'istruzione è Test Center autorizzato dall'AICA per il rilascio della Patente Europea in informatica è Test Center per lo svolgimento degli esami Trinity è Presidio Progetto Mat@.abel è Presidio Piano nazionale Qualità e Merito (PQM) realizza Progetti Comenius. www.bovionline.it/
  17. 17. Fondata nel 1991 , la Scuola IES "José Luis Tejada Peluffo"di El Puerto de Santa Maria si trova al centro di un quartiere operaio, con un livello economico e sociale relativamente basso (la percentuale di disoccupazione si aggira intorno al 35 %) . Naturalmente questo causa grossi problemi di disgregazione nelle famiglie con gravi conseguenze per molti studenti . La partecipazione al progetto Comenius per la maggior parte di questi studenti è l'unica possibilità per viaggiare e per stabilire un contatto con le culture giovanili e con i diversi modi di vivere dei Paesi partners, oltre a favorire il potenziamento delle competenze di base nella lingua Francese. Spagna: El Puerto de Santa Maria Al fine di porre l’accento sulla biodiversità si possono visitare le meraviglie naturali della regione: il Parco Nazionale di Doñana, la Riserva della Biosfera dall'Unesco , il parco naturale di Grazalema , l’" Alcornocales”, la più grande foresta di quercia da sughero d'Europa , e ancora il Parco naturale dello Stretto di Gibilterra .
  18. 18. La Scuola Media “Giovanni Paolo II” si trova a Lubon, città nata nel 1954 . La posizione di Lubon è unica: da un lato la città, una grande fonte di inquinamento, dell'altra il Parco Nazionale della Grande Polonia, dominata da boschi, prati e laghi. Gli studenti possono osservare due ambienti molto diversi. Polonia: Lubon
  19. 19. Il Liceo “Voltaire” di Orléans accoglie 1800 alunni che studiano ben quattro lingue straniere europee : l‘inglese, lo spagnolo, il tedesco e l'italiano. La scuola si trova a sud DI Orléans, in una zona che presenta un'alta percentuale di giovani immigrati e di giovani provenienti dai villaggi circostanti. Un punto di forza di questo Istituto è la presenza di un polo artistico: teatro e arte plastica. Francia: Orleans
  20. 20. L’ “Europaschule” si trova a Erkelenz, una piccola città di 45.000 abitanti situata in una zona fortemente agricola e mineraria, a metà strada tra Aix-la- Chapelle e Düsseldorf, nel Nord Reno- Westfalia. La scuola è una Realschule ad orientamento professionale, ha un organico di 65 docenti e 1.100 studenti. Dal 2008 la scuola appartiene alle 172 scuole europee dello Stato. Da molto tempo mantiene un attivo programma di scambio di studenti con due Scuole francesi (San Giacomo e Granville) e dei Paesi Bassi (Roermond). Gli studenti che partecipano a questo nuovo progetto fanno parte della sezione bilingue tedesco-francese. Germania: Erkelenz
  21. 21. • Creare una rete di riflessioni e lavorare per i partner • Conoscere e capire come altri sistemi educativi europei • Costruire relazioni durature con i docenti dei partner • Rispettare i valori europei • Formare gli studenti alle tematiche del progetto e coordinare il loro lavoro • Scambio di metodi e tecniche di lavoro • Comunicare in lingue straniere : francese e inglese • Educare gli studenti ai problemi ambientali • Utilizzare le TIC Risultati attesi

×