Gestire i dati 
1
Basi di dati 
Def. generica 
Insieme organizzato di dati utilizzati come 
supporto allo svolgimento delle attività di 
un’...
Classificazione dei database - 1 
Ora vediamo di classificare i database in base 
alla loro architettura. 
Consideriamo tr...
Classificazione dei database - 2 
 Distribuzione, il fatto che i dati possano essere 
distribuiti nello spazio, su divers...
Classificazione dei database - 3 
Distribuzione 
Eterogeneità 
5. Peer to peer 
Autonomia 
3. Data 
Warehouse 
4. Cooperat...
I sistemi monolitici 
Sistemi monolitici. Un unico server molto 
potente elabora transazioni, in genere 
semplici, su un’u...
I sistemi distribuiti - 1 
Sistemi distribuiti. Le basi di dati sono 
distribuite nello spazio, ma fanno parte di un 
unic...
I sistemi distribuiti - 2 
Esempio. Abbiamo diversi supermercati che fanno parte di 
una catena. Ogni punto vendita ha un ...
I data warehouse 
Data warehouse. È un sistema per il supporto alle decisioni. 
Alimentato da diverse basi di dati operati...
I sistemi cooperativi e peer to peer 
Sistemi cooperativi. Diversi sistemi informativi 
progettati da organizzazioni diver...
DBMS: gestione delle basi di dati 
Un DBMS (DataBase Management System) è un 
sistema in grado di gestire basi di dati, ci...
DBMS 
…garantendo quattro qualità fondamentali: 
 Affidabilità, cioè la resistenza a guasti hardware e 
malfunzionamenti ...
Alcuni DBMS 
DBMS a pagamento: 
 Oracle sviluppato dalla Oracle Corporation 
 Microsoft SQL Server 
 Microsoft Access (...
L’evoluzione dei DBMS 
Modello gerarchico. I dati sono organizzati 
secondo una struttura ad albero. Oggi viene 
utilizzat...
La struttura ad albero 
Persone 
Clienti Studenti 
Limite del modello gerarchico: un file che si 
trova nella cartella “Cl...
Le etichette 
Oggi alcuni software come la rubrica di 
Gmail supera la limitazione dell’imposta- 
gerarchica grazie a una ...
L’evoluzione dei DBMS 
Modello reticolare. Considera un record alla 
volta. Esso è molto vicino alla struttura fisica 
di...
L’evoluzione dei DBMS 
Modello relazionale. A differenza del modello 
reticolare, il modello relazionale, basato sulla 
s...
Verifica se hai capito… 
Argomento: database e DBMS 
Domande di verifica: 
 Che cos’è una base di dati? 
 Quali sono le ...
E ora che avete capito… 
memorizzate! 
20
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

3 database dbms

576

Published on

CORSO DI INFORMATICA AZIENDALE [presentazione 3/7]
Che cos'è un DB e un DBMS.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
576
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

3 database dbms

  1. 1. Gestire i dati 1
  2. 2. Basi di dati Def. generica Insieme organizzato di dati utilizzati come supporto allo svolgimento delle attività di un’organizzazione (azienda, ufficio, impie-gato). Def. specifica, tecnologica Insieme di dati gestito da un DBMS A cura di Jacques Bottel 2
  3. 3. Classificazione dei database - 1 Ora vediamo di classificare i database in base alla loro architettura. Consideriamo tre dimensioni:  Distribuzione  Eterogeneità  Autonomia A cura di Jacques Bottel 3
  4. 4. Classificazione dei database - 2  Distribuzione, il fatto che i dati possano essere distribuiti nello spazio, su diverse basi dati che si scambiano flussi informativi.  Eterogeneità, di varia natura, ad esempio il formato (data italiana e inglese: 11.09.2001; data americana: 09.11.2001; l’indirizzo può avere un campo o diversi campi), il significato (es. studente e cliente per indicare persone che acquistano di un corso serale).  Autonomia delle singole organizzazioni nelle scelte progettuali, la modalità di aggiornamento e il tipo di informazioni da gestire. A cura di Jacques Bottel 4
  5. 5. Classificazione dei database - 3 Distribuzione Eterogeneità 5. Peer to peer Autonomia 3. Data Warehouse 4. Cooperativi 1. Monolitici 2. Distribuiti sì sì semi totale no A cura di Jacques Bottel 5
  6. 6. I sistemi monolitici Sistemi monolitici. Un unico server molto potente elabora transazioni, in genere semplici, su un’unica base di dati. È un sistema rigido con flussi di dati predefiniti. Esempio. Database memorizzato sul computer di casa o in un piccolo ufficio. In questo caso il computer funge da server, ma si può usare un server dedicato quando si condividono le informazioni con altri computer. A cura di Jacques Bottel 6
  7. 7. I sistemi distribuiti - 1 Sistemi distribuiti. Le basi di dati sono distribuite nello spazio, ma fanno parte di un unico progetto: le decisioni sulla gestione delle informazioni, sul formato, sulla modalità di aggiornamento dei dati sono centralizzate. A cura di Jacques Bottel 7
  8. 8. I sistemi distribuiti - 2 Esempio. Abbiamo diversi supermercati che fanno parte di una catena. Ogni punto vendita ha un database locale dove registra i dati delle vendite, ma è comunque possibile accedere alla totalità delle informazioni come se fosse un’unica base di dati. Ma allora perché avere più basi di dati locali? Non sarebbe uguale avere un’unica base di dati centralizzata (sistema monolitico)? No, perché in questo modo, con un sistema distribuito, si può accedere velocemente alle informazioni locali (quelle usate più spesso) senza connettersi alla Rete e, nel contempo, si può accedere alla totalità delle informazioni a una velocità inferiore. A cura di Jacques Bottel 8
  9. 9. I data warehouse Data warehouse. È un sistema per il supporto alle decisioni. Alimentato da diverse basi di dati operative, consente di formulare aggregazioni sui dati che vengono utilizzate dai manager per prendere decisioni importanti. Esempio di decisione. Devo chiudere lo stabilimento FIAT di Pomigliano? Faccio un confronto con il numero di auto prodotte dagli altri stabilimenti, il costo di produzione, il costo per il trasporto dei veicoli e delle materie prime, il profitto generato dalle singole catene di montaggio e dallo stabilimento nel complesso. A cura di Jacques Bottel 9
  10. 10. I sistemi cooperativi e peer to peer Sistemi cooperativi. Diversi sistemi informativi progettati da organizzazioni diverse vengono integrati e coordinati parzialmente per permet-tere lo scambio di servizi e la realizzazione di processi amministrativi o aziendali integrati. Sistemi Peer to Peer. Sistemi in cui è possibile accedere a informazioni e servizi forniti da organizzazioni diverse che hanno progettato e gestiscono i loro sistemi informativi in modo totalmente autonomo. IlWeb è un sistema P2P. A cura di Jacques Bottel 10
  11. 11. DBMS: gestione delle basi di dati Un DBMS (DataBase Management System) è un sistema in grado di gestire basi di dati, cioè un software in grado di gestire collezioni di dati:  Grandi, di dimensioni molto maggiori della memoria centrale dei sistemi di calcolo utilizzati  Persistenti, con un periodo di vita indipendente dalle singole esecuzioni dei programmi che le utilizzano  Condivise, utilizzate da diverse applicazioni A cura di Jacques Bottel 11
  12. 12. DBMS …garantendo quattro qualità fondamentali:  Affidabilità, cioè la resistenza a guasti hardware e malfunzionamenti hardware e software  Sicurezza, grazie al controllo degli accessi  Efficienza, utilizzando al meglio le risorse di spazio e tempo di elaborazione del sistema.  Efficacia, aumentando la produttività delle attività dei suoi utilizzatori A cura di Jacques Bottel 12
  13. 13. Alcuni DBMS DBMS a pagamento:  Oracle sviluppato dalla Oracle Corporation  Microsoft SQL Server  Microsoft Access (incluso nella suite di Office)  DB2 sviluppato da IBM DBMS gratuiti:  MySQL  SQLite per il mondo mobile (iOS e Android) A cura di Jacques Bottel 13
  14. 14. L’evoluzione dei DBMS Modello gerarchico. I dati sono organizzati secondo una struttura ad albero. Oggi viene utilizzato solamente per la gestione dei file nei sistemi operativi per questioni tecniche ed economiche. Il modello gerarchico è molto semplice, per cui garantisce un ottimo tempo di risposta. La realizzazione un nuovo file system sarebbe molto costoso A cura di Jacques Bottel 14
  15. 15. La struttura ad albero Persone Clienti Studenti Limite del modello gerarchico: un file che si trova nella cartella “Clienti” non può trovarsi contemporaneamente nella cartella “Studenti”. A cura di Jacques Bottel 15
  16. 16. Le etichette Oggi alcuni software come la rubrica di Gmail supera la limitazione dell’imposta- gerarchica grazie a una tecnologia che utilizza la metafora delle “etichette”: a ogni contatto l’utente può apporre una o più etichette. Cliccando su una data etichetta (corrispondente alla “vecchia” cartella), verrà visualizzato l’elenco di tutti i contatti a cui è stata associata l’etichetta corrispondente. A cura di Jacques Bottel 16
  17. 17. L’evoluzione dei DBMS Modello reticolare. Considera un record alla volta. Esso è molto vicino alla struttura fisica di memorizzazione dei record: infatti, per poter “navigare” all'interno della base di dati si devono utilizzare i puntatori, proprio come avviene nella memoria fisica del computer. A cura di Jacques Bottel 17
  18. 18. L’evoluzione dei DBMS Modello relazionale. A differenza del modello reticolare, il modello relazionale, basato sulla struttura tabellare, considera un insieme di record. Oggi è il modello di DBMS più utilizzato. A cura di Jacques Bottel 18
  19. 19. Verifica se hai capito… Argomento: database e DBMS Domande di verifica:  Che cos’è una base di dati?  Quali sono le tre dimensioni per la classificazione delle basi di dati? Illustra i diversi tipi di database.  Che cos’è un DBMS? Fai alcuni esempi di database tra i più diffusi, gratuiti e a pagamento.  Descrivi i modelli gerarchico, reticolare e relazionale. A cura di Jacques Bottel 19
  20. 20. E ora che avete capito… memorizzate! 20

×