Slide realizzate da Luca Santoro
Consulente informatico
www.santoroluca.it - info@santoroluca.it
santoroluca85
santoroluca...
 Le banche dati, in inglese database, sono un insieme di
dati (opportunamente strutturati), ma comunemente
l’espressione ...
 All’inizio i dati non erano considerati oggetti separati ma parte
integrante del programma, organizzati seguendo i cosi ...
 Dato: è la più piccola unità significativa che rappresenta un
oggetto, un evento, un fatto, un’astrazione, un concetto d...
 Un dato è semplicemente un elemento noto, senza
alcuna connotazione: il numero “222333444”, è un dato,
ma non è un’infor...
 lettura
 scrittura - inserimento
 modificazione
 cancellazione
 ricerca
 Per comprendere come è formato un archivio occorre
partire dall’unità di base ossia il Record (o
registrazione) ossia l’...
I Campi I Record
Nome: testo, 20 caratteri (è il massimo di caratteri) Tizio Caio
Via Tal dei Tali, 17
00100
Mario Rossi
V...
 Un file strutturato é destinato a contenere un insieme
di record dotati della medesima struttura(formato);
esso viene cr...
File
sequenziali
•I dati sono memorizzati in sequenza e si accedono in sequenza
•Per leggere l’ultimo record occorre scorr...
I DBMS consentono l’indipendenza dei dati dai programmi
garantendo le seguenti caratteristiche:
 persistenza - i dati per...
 Livello fisico: insieme di record memorizzati nella
memoria fisica
 Livello logico: organizzazione dei dati e delle sue...
I database si creano dunque in diverse fasi seguendo lo
schema dei livelli di astrazione:
 Livello concettuale – Ideazion...
 Hardware: da singolo PC a una rete di computer
 Software: DBMS, sistema operativo, programmi
applicativi, software di r...
Le transazioni sono operazioni che agiscono sulla banca
dati e non alterano la sua integrità :
 Commit – fine della trans...
 Entità: oggetti (fatti, persone,cose) con proprietà
comuni e con esistenza “autonoma”.
 Relazione (o associazione): leg...
La chiave primaria di una tabella è il campo i cui valori
identificano univocamente ciascun record della
tabella: ad esemp...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Database - Appunti teorici

425 views

Published on

Appunti teorici sui database

Published in: Data & Analytics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
425
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Database - Appunti teorici

  1. 1. Slide realizzate da Luca Santoro Consulente informatico www.santoroluca.it - info@santoroluca.it santoroluca85 santoroluca85 santoroluca85santoroluca85 santoroluca85 santoroluca85
  2. 2.  Le banche dati, in inglese database, sono un insieme di dati (opportunamente strutturati), ma comunemente l’espressione indica anche il software con cui questi dati sono gestiti. Il termine “strutturati” sta a significare che sono state stabilite delle regole con cui inserire i dati e che questi sono in relazioni e collegamento tra loro in modo da poter essere oggetto di ricerca e di analisi.  Il software per la gestione dei database è denominato DBMS (Data Base Management System) il quale consente all’utente di definire,creare, e mantenere il database e fornisce accesso controllato ad esso.
  3. 3.  All’inizio i dati non erano considerati oggetti separati ma parte integrante del programma, organizzati seguendo i cosi detti “modelli degli archivi”.  Per esempio, se si disponeva di un nastro magnetico per archiviare i dati di una banca, i dati dovevano essere trattati in modo sequenziali per la natura del mezzo fisico di memorizzazione (pensiamo all’usare una audio cassetta in cui per ascoltare la canzone 3 dobbiamo prima arrivare al termine della canzone 2)  Questo creava problemi di diversa natura e si è iniziato a pensare di modellare i dati come oggetto indipendente: nasce così la disciplina dell’organizzazione dell’informazione, nota come “Sistemi informativi e database”.  L’obiettivo di questa disciplina è organizzare concettualmente e logicamente i dati per rappresentarli indipendentemente dal supporto fisico di memorizzazione (memorie di massa) o dalla funzione che devono assolvere (programma).
  4. 4.  Dato: è la più piccola unità significativa che rappresenta un oggetto, un evento, un fatto, un’astrazione, un concetto di senso compiuto;  Il Dato ha un ciclo di vita (potrebbe cambiare o non servire più), un valore (sia numerico che testuale), una necessità per qualche unità organizzativa (serve per qualche motivo a chi lo inserisce o lo consulta);  Un dato si dice persistente quando, spento il calcolatore, mantiene la sua integrità;  Il dato è una risorsa preziosa;  Il dato deve essere rappresentato nel suo valore intensionale (ossia legato alle qualità essenziali del significato) e astratto, indipendentemente dalle attuali e contingenti applicazioni.  Il dato persistente è memorizzato in apposite strutture dati, dette ARCHIVI o file;  Un archivio è una collezione di dati organizzati secondo uno schema, detto record logico (a lunghezza fissa o lunghezza variabile);
  5. 5.  Un dato è semplicemente un elemento noto, senza alcuna connotazione: il numero “222333444”, è un dato, ma non è un’informazione, perché non ci dice niente su cosa rappresenta  Un’informazione è l’elaborazione di questo elemento, ovvero un dato connotato: Se definiamo un campo “numero di telefono” a cui assegnare il numero “222333444”, otteniamo un’informazione; sapremo, cioè, che quel numero è assegnato a un’utenza telefonica.
  6. 6.  lettura  scrittura - inserimento  modificazione  cancellazione  ricerca
  7. 7.  Per comprendere come è formato un archivio occorre partire dall’unità di base ossia il Record (o registrazione) ossia l’insieme di dati (anche eterogenei, quindi di diversa tipologia) relativi ed un singolo elemento. I Campi sono invece elementi omogenei ovvero con caratteristiche simili tra loro ma che nell’archivio si riferiscono a molteplici elementi.  negli archivi strutturati ogni record è suddiviso in campi, ciascuno dei quali codifica una singola informazione elementare, numerica o alfanumerica;  negli archivi di testo il record è composto da una riga o paragrafo
  8. 8. I Campi I Record Nome: testo, 20 caratteri (è il massimo di caratteri) Tizio Caio Via Tal dei Tali, 17 00100 Mario Rossi Via Taranto, 30 00200 Cognome: testo, 30 caratteri // Indirizzo: testo, 30 caratteri // Numero Civico: numero intero CAP: numero intero I CAMPI CONTENGONO NELL’ARCHIVIO SEMPRE LA STESSA TIPOLOGIA DI INFORMAZIONI STRUTTURATE MA CHE SARANNO RIFERITE A MOLTEPLICI SOGGETTI I RECORD CONTENGONO DIVERSE TIPOLOGIE DI INFORMAZIONI MA RIFERITE AI SINGOLI SOGGETTI
  9. 9.  Un file strutturato é destinato a contenere un insieme di record dotati della medesima struttura(formato); esso viene creato o modificato mediante il linguaggio di programmazione o interfacce grafiche.  Esistono vari tipi di file: sequenziale, ad accesso diretto, ad accesso con chiave, invertiti.
  10. 10. File sequenziali •I dati sono memorizzati in sequenza e si accedono in sequenza •Per leggere l’ultimo record occorre scorrere tutto il file •Per scrivere un nuovo record occorre leggere tutto il file, posizionarsi sull’ultimo record e poi accodare il nuovo record File ad accesso diretto •I dati sono memorizzati casualmente sulla memoria •La posizione dei dati è data da un campo detto chiave. •Si accede al dato in modo diretto sia in lettura sia in scrittura File con chiave •I dati sono memorizzati a blocchi sequenziali sulla memoria •I record sono identificati con un campo detto chiave primaria •Le chiavi sono inserite in un file a parte detto indice •Per accedere ai dati si utilizza il file indice che rimanda all’indirizzo dove sono memorizzati i dati File invertiti •Tutti i dati del record sono chiavi di accesso ai dati •Si costruiscono delle tabelle accessorie per l’accesso ai dati •Poiché lo stesso dato può ricorrere in più record si crea una tabella di valori contenente gli indirizzi in cui i valori si trovano •La ricerca agisce sulle tabelle dei valori e recupera gli indirizzi dei record in cui questi valori ricorrono
  11. 11. I DBMS consentono l’indipendenza dei dati dai programmi garantendo le seguenti caratteristiche:  persistenza - i dati persistono nel tempo  non ridondanza dei dati - i dati vengono memorizzati una sola volta  sicurezza - meccanismi di accesso autorizzato ai dati  integrità - ad ogni dato vengono associati vincoli di integrità e i programmi che non rispettano queste regole vengono “bloccati”  utilizzo concorrente - i dati possono essere utillizzati da più programmi contemporaneamente  sistemi di backup e recovery dei dati in caso di errore
  12. 12.  Livello fisico: insieme di record memorizzati nella memoria fisica  Livello logico: organizzazione dei dati e delle sue relazioni  Livello esterno o vista o livello concettuale: i dati così come vengono visti da un utente È inoltre importante evidenziare altre due caratteristiche:  Indipendenza fisica - si può ridefinire il livello fisico senza modificare il modello logico  Indipendenza logica - si può estendere il modello logico senza alterare il livello esterno
  13. 13. I database si creano dunque in diverse fasi seguendo lo schema dei livelli di astrazione:  Livello concettuale – Ideazione delle relazione dei dati  Livello logico – Scelta del modello del DBMS e modellazione delle tabelle  Livello fisico – Creazione del supporto di memorizzazione e della programmazione utile per la gestione dei supporti di memorizzazione
  14. 14.  Hardware: da singolo PC a una rete di computer  Software: DBMS, sistema operativo, programmi applicativi, software di rete (se necessario)  Dati: organizzazione e loro struttura  Procedure: istruzioni e regole da applicare al progetto e all’uso del database e dal DBMS  Persone: Data Base Administrator – DBA, Data administrator, programmatori applicativi, Progettisti di database (sia logici che fisico), Utenti
  15. 15. Le transazioni sono operazioni che agiscono sulla banca dati e non alterano la sua integrità :  Commit – fine della transazione con esito positivo  Roll-back – fine della transazione con esito negativo e quindi ritorno allo stato precedente l’inizio della transazione
  16. 16.  Entità: oggetti (fatti, persone,cose) con proprietà comuni e con esistenza “autonoma”.  Relazione (o associazione): legame logico, significativo per l’applicazione di interesse, fra due o più entità.  Part-of (composizione)  Is-a (gerarchica)  Associazione funzionale  Attributi: proprietà elementare di un’entità o di una relazione, che associa ad ogni entità o relazione un valore appartenente a un insieme, il quale è detto dominio dell’attributo
  17. 17. La chiave primaria di una tabella è il campo i cui valori identificano univocamente ciascun record della tabella: ad esempio, in un database di studenti, il numero di matricola può costituire la chiave primaria. La chiave primaria deve essere:  Univoca  Persistente nel tempo  Non dipendere da nessun altro campo

×