7Dì 25 novembre 2012

411 views
368 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
411
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

7Dì 25 novembre 2012

  1. 1. PDSan Donato Milanese “7 Dì” Rassegna stampa25 novembre 2012Pubblichiamo gli articoli usciti sulla stampa locale nei giorni di venerdì 24 esabato 25 novembre. Realizzato dal nostro gruppo di comunicazione, ilservizio bisettimanale di rassegna stampa vuole offrire ai visitatori del nostrosito la possibilità di aggiornarsi su quanto accade sul territorio sandonatese alivello politico, sociale, economico e sindacale .Buona lettura. Il PD di San Donato Milanese 22 / 24 novembre 2012NotizieIl fatto di maggior rilievo è di questi giorni è stato l’appuntamento al Troisi digiovedì serà col Sindaco Checchi e con la giunta a 6 mesi dalla nomina (6mesi dopo…La Giunta incontra la città). L’evento, ripreso da 7 Giorni.Infodi venerdì e da Il cittadino di ieri, ha visto un buona partecipazione dellacittadinanza. Molte le domande e le richieste di chiarimenti rivolte al primocittadino e agli assessori.Da evidenziare anche la delibere di giunta per la sistemazione ai varchi dellacittà di 6 telecamere ad alta tecnologia destinate a registrare le targhe iningresso e in uscita: l’assessore alla sicurezza Andrea Battocchio le hadefinite come parte di un piano che potenzierà gli strumenti per il controllo delterritorio (Il cittadino – venerdì 23).CuriositàSegnaliamo una vera chicca: l’intervista concessa dall’ex sindaco Dompè alsettimanale Settegiorni (articolo n°1 - venerdì 23) titolata “Dompè rompe ilsilenzio”. L’ex primo cittadino torna a parlare e fa alcune rilevazioni alquantooriginali. Citiamo come esempio quella sulla ACS, l’azienda comunale deiservizi consegnatagli nel 2007 con un utile di circa 185 mila euro e restituita afine mandato con un debito di oltre 2 milioni di euro (con una proiezione di 3milioni a fine dicembre). Da notare che ora parla di soluzioni per coprire ildisavanzo dell’azienda dimenticandosi che ha ne lasciato senza firma ilbilancio, non assumendosi in tal modo le responsabilità d’un dissesto fruttodella sua gestione. Ve ne consigliamo la lettura. 1
  2. 2. Venerdì 23 novembre! Fonte: SETTEGIORNI1. Dompé rompe il silenzio: «Sono tornato a scuola . Checchi? Su Acs fatte scelte diverse, vedremo...»E intanto lex sindaco Mario Dompè, lontano dai riflettori di palazzo, cosa fa? Siamo andati adintervistarlo nel suo studio dentistico sandonatese. Si chiama fuori dai giochi politici, dei quali nonfa più parte dal maggio 2012, quando sulla poltrona di comando i cittadini, a seguito di votazione,hanno voluto Andrea Checchi, esponente del centro sinistra.Ma Dompè continua ad osservare quello che succede in città con occhi di chi dice di aver credutomolto nella politica ma dalla quale ne è uscito anche scottato.«Non è stato un voto di scelta, quanto di stanchezza - ha detto lex primo cittadino in merito alleultime elezioni - Senza nulla togliere a Checchi, se devo fare un discorso politico dico che ha vintolastensione. Mai si era registrata una percentuale più alta. Le ultime elezioni hanno significatomolto a livello ontologico: i cittadini non sanno più di chi fidarsi e di chi no, e decidono di nonvotare. Mi sono stupito pure del fatto che in una città come la nostra il Movimento 5 stelle abbiaottenuto il 10 per cento. Non ho niente contro le persone che ne fanno parte a livello locale, ma misembra pura demagogia, mi sembra un partito che tutto vuole distruggere senza un progetto,senza regole. Credo che questo sia il modo per uccidere la società».Circa l’operato di Checchi, Dompè preferisce non esprimersi più di tanto.«Bisogna dare tempo alle persone affinchè si raccolgano i risultati. Posso solo dire che in alcunequestioni avrei fatto diversamente, come per esempio nella gestione di Acs. Noi abbiamo trovato isoldi per coprire il disavanzo creato dal problema di gestione del parco, abbiamo predisposto ilbando di concorso, con tanto di determina del dirigente, per lassegnazione dello stesso, maancora non si è deciso nulla, sembra tutto bloccato. La strada cera per risolvere la questione, etutelare anche i dipendenti e i loro posti di lavoro. Probabilmente il sindaco Checchi ha deciso peruna strada diversa, starò a vedere come tutti i cittadini. Certo però è che se non farà nulla, e senon andrà davanti alla Corte dei Conti, ci andrò io!».La vita dellex sindaco è tornata quindi nel suo studio, dove ogni giorno si dedica ai suoi pazienti.«Mi alzo sempre prestissimo, intorno alle 6.30, per leggere i giornali, anche se quelli locali non liseguo più. Vado in studio, sto di più con mia moglie Tullia e le mie due figlie, Silvia, di 23 anni, eCecilia, di 20. Limpegno politico era tanto, e in casa mi reclamavano. Però non riesco a starfermo: ho ripreso a studiare. Sto facendo il corso per osteopata. Tre anni più uno di master, mipiace molto, sono anche in mezzo ai giovani, è divertente».Lex sindaco ha mantenuto puri rapporti di amicizia con chi, nella sua squadra di governo, lhasempre sostenuto. Il resto per lui non esiste.«Ho deciso di non ricandidarmi perché non ne volevo più sapere. Vuoi sapere cosa ho visto inquesti cinque anni? Un mondo corrotto dal punto di vista morale. Basta con questa storia che lapolitica è marcia: è una bella cosa, perché è al servizio dei cittadini. Quello che invece è sbagliatoè il fatto che è costituita da troppe persone sporche. Quello che dovrebbe guidare loperato di chigoverna è il bene pubblico. Per quello che ho visto, posso solo dire che invece le priorità sono ipiccoli interessi, il bisogno di apparire, larroganza, lo sfruttamento a fini carrieristici, che svuotanodi valore tutto. Non cè lintellettualità morale necessaria, e di conseguenza non esiste il ricambiodella classe dirigente. Sono sempre loro. E lItalia non va avanti». Settegiorni – venerdì 23novembre ’122. SAN DONATO, NEL 2013 IL SUK SI SPOSTA ALTROVEQuestione «suk» in fase di soluzione. Nel 2013 infatti verrà spostato in unaltra area di Milano. ASan Donato si potrà dunque ospitare finalmente altro. Tra le idee più auspicabili, il vice sindacoSímona Rullo ha parlato della possibilità di costruire un terzo silos per le automobili, visto che unproblema molto sentito dei cittadini è; proprio quello della carenza di parcheggi nellarea vicino allametropolitana. E previsto nei prossimi giorni, tra le altre cose, anche un tavolo di confronto conlassessore alla sicurezza milanese Marco Granella sulla presenza di rom alla stazione. Settegiorni– venerdì 23 novembre ’12 2
  3. 3. 3. Sindaco e Giunta, raffica di domande dai giovanissimi - Dall’impianto di calcio alle piste ciclabili: tutte le domande degli alunni delle scuole,Duecento studenti delle elementari e medie provenienti dai tre circoli didattici e da MariaAusiliatrice hanno partecipato al consiglio comunale straordinario indetto nella mattinata di martedì20 novembre in occasione della Giornata internazionale per i diritti dellInfanzia edellAdolescenza, alla presenza, oltre che del sindaco Andrea Checchi, di componenti dellaGiunta e del consiglio, anche di Stefano Taravella, presidente del comitato regionale dellUnicef.Per la speciale occasione gli studenti hanno potuto rivolgere le loro domande di naturaamministrativa agli esponenti politici cittadini. Molto gettonate le curiosità sul possibile arrivo in cittàdel nuovo stadio dellInter, così come richieste per più piste ciclabili o più strutture per i parchicittadini. «Confrontarci con i nostri giovani concittadini - ha commentato Checchi - è stataunesperienza gratificante. Abbiamo avuto la possibilità di osservare la città attraverso il punto divista di chi di solito non ha voce in capitolo nelle scelte che li riguarda. Faremo tesoro deisuggerimenti ricevuti e, di certo, in futuro troveremo il modo di promuovere altri momenti di dialogotra lAmministrazione e i bambini. Dalla prossima settimana - ha concluso il sindaco - proprionellottica di avviare e rafforzare lo scambio di idee con i piccoli sandonatesi e con il mondo dellascuola, insieme allAssessore allIstruzione Chiara Papetti, avvieremo un giro nei diversi plessiscolastici di San Donato fermandoci a mangiare insieme agli scolari e agli insegnanti.Unoccasione, questa, anche per testare la qualità del servizio di refezione”. 4. Poasco-Sorigherio, ecco chi sono elettiSono stati 395 i cittadini di Poasco e Sorigherio (sui 2.100 aventi diritto) che si sono recati alle urneper eleggere i propri rappresentanti nel comitato di quartiere.I risultati sono stati resi noti nella giornata di lunedì 19 novembre e sette risultano così essere inominati. Si tratta di Oliviero Lorenzini (111 voti), Giuseppina Quaranta (105 voti), StefanoMoro (104 voti), Cristiana Gatti (74 voti), Andrea De Cillis (69 voti), Sabrina Rivalta (64 voti) eManuela Tondini (59 voti).«Nellaugurare buon lavoro ai rappresentanti di Poasco-Sorigherio - ha dichiarato il sindacoAndrea Checchi - voglio assicurare loro che da parte dellAmministrazione troveranno ampiadisponibilità allascolto e alla collaborazione. Lobiettivo comune per tutti noi deve essere ilmiglioramento della qualità di vita nella frazione». Settegiorni – venerdì 23 novembre ’12 5. Stadio dellInter: si fa o non si fa?Si fa o non si fa? I 55 milioni di euro necessari per la costruzione del nuovo stadio dellInter chepotrebbe sorgere a San Donato sono ben lontani dallessere messi sul tavolo. Tutto rimandato:senza il supporto economico dellinvestitore straniero, ossia la China Railways Corporation, il clubnon farà proprio nulla. Quindi il Comune poco ha da fare, se non attendere decisioni altrui.«Certamente - ha detto lassessore allo sport Matteo Sargenti - non risponderemo di sì aprescindere nel caso fosse scelta come area quella sandonatese. Valuteremo infatti le propostedella dirigenza, e soprattutto quale interesse ne avrà la cittadinanza. Da lì, e solo da lì, partiremoper formulare una decisione condivisa con i cittadini. Per ora però tutto è fermo. Cè stato solo unprimo incontro, risalente a questestate, tra il sindaco e i vertici della squadra, poi più nulla». Lazona che sarebbe interessata dallarrivo di questo nuovo stadio sarà quella di San Francesco, fra ilquartiere Affari ad est e Poasco ad ovest. In realtà però lopinione è divisa tra chi ritiene questoevento negativo per la città, e chi invece ne sarebbe entusiasta. Settegiorni – venerdì 23 novembre’12! Fonte: IL CITTADINO1. Sei telecamere ad alta tecnologia - I dispositivi saranno sistemati ai varchi della città - Nati da un accordo con l’Eni, gli occhi elettronici serviranno a registrare le targhe in ingresso e in uscitaL’esecutivo di Andrea Checchi dà il via al Patto sicurezza. In base ad una delibera approvata neigiorni scorsi sei telecamere ad alta definizione, in grado di filmare le targhe dei mezzi, siaccenderanno in prossimità di alcuni varchi di accesso al centro. In particolare i dispositivi,finanziati da Eni in base ad un accordo con il Comune, verranno installati seguendo la seguentemappa: via Emilia (in prossimità del supermercato Billa), Piazza Supercortemaggiore all’incrociocon la via Emilia, via Fabiani, via Fermi in prossimità del centro sanitario, via XXV Aprile, stazione 3
  4. 4. ferroviaria. «Questo primo passo, che si pone l’obiettivo in futuro di stringere ulteriori sinergie conle realtà produttive del territorio - spiega l’assessore alla sicurezza Andrea Battocchio -, siconcretizzerà con un investimento effettuato da Eni in una nuova tecnologia che verrà messa adisposizione di vigili e forze dell’ordine attraverso un piano che potenzierà gli strumenti per ilcontrollo del territorio».Entrando negli aspetti tecnici del provvedimento, l’assessore prosegue:«Esiste già un programma informatico che consente di individuare in tempo reale le targhe deimezzi rubati: sarebbe solo necessario che le forze dell’ordine al momento di ciascuna denunciaper furto, caricassero i relativi dati, dopodiché il sistema di videocontrollo le individuerebbe,accelerando fortemente le indagini attraverso un monitoraggio ininterrotto». I dispositivi installatinegli anni scorsi dalla giunta Dompè, che sono entrati in funzione dopo una serie di traversie eritardi, non hanno una definizione sufficiente per rendere visibili nei filmati i numeri di targa;pertanto rappresentano un aiuto per altri tipi di controlli, ma in base a quanto emerge dalleverifiche condotte dagli addetti ai lavori il risultato rimane incompleto. Per questo è maturata ladecisione, anche in virtù di un’esigenza sentita da Eni di tutelare il proprio personale, di potenziareulteriormente la tecnologia dedicata alla sicurezza. Dopo questa prima tappa, viene manifestatal’intenzione di coinvolgere ulteriormente il mondo del terziario sandonatese. «Ad esempio -conclude Battocchio -, vorrei portare avanti un confronto con le imprese che si avvalgono delservizio di guardiania privata, al fine di mettere in rete le risorse in campo a beneficio anche dellearee pubbliche circostanti, quale potenziamento del presidio».La prima alleanza tra pubblico eprivato è avvenuta con Eni, l’azienda più importante di San Donato: in base a questo non è daescludere che in futuro si possano creare sinergie con altri grossi marchi della città per cercare dirafforzare i dispositivi di sicurezza nell’interesse delle aziende stesse, ma soprattutto dell’interacittà. Giulia Cerboni – Il cittadino – Venerdì 23 novembre2. In aula consiliare stasera la ricetta Pdl sul riordino delle scuole a San Donato«La spaccatura della scuola media De Gasperi non è ancora scongiurata, in quanto la giunta difatto non ha assunto alcuna decisione, inviando alle istituzioni competenti una delibera che era giàstata bocciata dalla Provincia». Il capogruppo della lista “Insieme per San Donato”, Marco Zampieriannuncia così l’incontro organizzato dal suo gruppo politico, insieme al Pdl, «con l’obiettivo di farchiarezza rispetto ad un tema particolarmente sentito». L’appuntamento è fissato per questa seraa partire dalle 21 in aula consiliare alla presenza anche di esperti in materia che forniranno uncontributo al dibattito. In particolare, l’esponente di minoranza fa presente: «L’obiettivo non èquello di far polemica, in quanto anche noi abbiamo condiviso la prima proposta riguardo laformazione di due istituti e di un circolo senza scuola media, ma questa strada, dal momento chenon rispetta i requisiti previsti dalla normativa generale sulla verticalizzazione, non scongiura latemuta spaccatura della De Gasperi». Il centrodestra presenterà nell’occasione le alternative sultappeto. Lo stesso Zampieri aveva caldeggiato l’idea di inserire nella programmazione futura unaterza scuola media, in modo tale da poter formare tre istituti comprensivi in base ai criteri impostidal Pirellone. Il cittadino – Venerdì 23 novembre ! Fonte: 7GIORNI.INFOLa Giunta sandonatese “festeggia” i primi 6 mesi di lavoro incontrando i cittadini -Dopo la vittoria elettorale dello scorso maggio, al termine dei primi 6 mesi di lavoroamministrativo, la Giunta Checchi ha invitato i cittadini di San Donato a una seratadi incontro/confronto.Al cospetto di un pubblico che, ieri sera, ha praticamente colmato il cinema-teatro Troisi, la Giuntaha tracciato una sintesi del proprio operato, ricordando i primi provvedimenti assunti e le linee diintervento avviate. Ma l’aspetto più rilevante dell’appuntamento è stato quello legato agli interventidei sandonatesi, che non hanno mancato di sottoporre alcune problematiche particolarmentesentite. Tra queste, traffico e viabilità hanno rappresentato i temi più caldi, principalmente riguardole problematiche di attraversamento della città sull’asse Paullese-Emilia. Forte è stato anchel’interesse verso i futuri sviluppi di San Donato (il Sesto Palazzo Eni e i nuovi insediamentiresidenziali), le politiche in favore delle famiglie e del lavoro, la manutenzione del verde e dellestrade, la sicurezza e il mondo dell’associazionismo. Questo appuntamento rientra di fatto nelprogetto delle “Giunte itineranti” che l’Amministrazione ha recentemente proposto: le prossimetappe saranno Cascina Roma (3 dicembre) e via Parri (10 dicembre). 7Giorni.info - venerdì 23novembre - Redazione Web 4
  5. 5. Sabato 24 novembre! Fonte: IL CITTADINO1. Il traffico sul banco degli imputatiI disagi della rete urbana nell’incontro fra giunta e cittadini - Sotto accusasoprattutto l’asse Paullese - via Emilia, il sindaco: «Studieremo delle soluzioni»Traffico di attraversamento sul banco degli imputati, nel faccia a faccia di giovedì sera tra giuntaChecchi e cittadinanza. I sandonatesi intervenuti al teatro Troisi hanno dimostrato grandeattenzione alla mole di auto che percorre le vie del territorio urbano, specialmente sull’assePaullese - via Emilia, per raggiungere sedi di lavoro o abitative al di fuori dei confini cittadini. Moltopartecipato l’incontro tra i rappresentanti dell’esecutivo (con l’unica assenza, per malattia, delvicesindaco Simona Rullo) e la comunità cittadina: teatro quasi pieno per un appuntamento postosul tornante del primo semestre di governo dell’amministrazione insediatasi a maggio. La serata siinserisce nel percorso di “giunta itinerante” che ha già portato la giunta a confrontarsi con i cittadinidi Poasco, Bolgiano e Metanopoli. Alla sintetica illustrazione, da parte dei membri dell’esecutivo,del lavoro fin qui svolto e dei progetti in cantiere per i prossimi anni è seguita una lunga sezionededicata alle domande dei presenti. Tra le azioni prospettate dagli assessori, l’obiettivo di «avereuna città a rifiuti zero - così Andrea Battocchio, titolare della delega all’ambiente -, attraverso ilmiglioramento della raccolta differenziata e incentivi a diminuire la quantità di scarti prodotti» e lavolontà di «realizzare un’importante copertura di wifi cittadino, che si leghi a quella di Milano»,nelle parole dell’assessore alle nuove tecnologie Matteo Sargenti. Passata la palla ai cittadini, ladiscussione si è incentrata principalmente sul traffico automobilistico. Checchi ha spiegato che «laProvincia non ha fondi disponibili per la bretella tra la Galleria Borromea e il cimitero di Monticello,che pertanto non si farà. Senza contare che il parere del Parco sud è sempre stato negativo.Studieremo i dispositivi migliori per ridurre la quantità di traffico. Tuttavia - la conclusione del primocittadino -, bisogna considerare che San Donato è sede di numerose eccellenze, come l’ospedalee gli uffici di terziario: in qualche modo questi posti vanno raggiunti». Nel complesso, una serataestremamente pacata, in cui si è discusso anche di ridimensionamento scolastico, manutenzionedel verde pubblico e integrazione dei giovani nel mondo del lavoro. Numerose le dimostrazioni digradimento, da parte dei cittadini, di queste occasioni di confronto, che continueranno nel mese didicembre con gli ultimi appuntamenti itineranti di cascina Roma e Certosa. Riccardo Schiavo – Ilcittadino – sabato 24 novembre 20122. Festa per le coppie che celebrano il 50esimo di nozzeFesta per le coppie sandonatesi che nel 2012 hanno raggiunto il traguardo di 50 anni dimatrimonio, con quasi 400 sandonatesi che riceveranno un applauso speciale. L’evento si terrànella giornata di domani al Crowne Plaza dalle 15.30. Si partirà con il saluto del sindaco AndreaChecchi e a seguire il primo cittadino e l’assessore alle politiche sociali Gianfranco Ginellipremieranno le coppie con un omaggio floreale e una stampa. Tra i protagonisti anche due tra isadonatesi più longevi della città. Dopo le premiazioni, spazio alla musica della banda cittadina eper il rinfresco, in cui non mancherà un brindisi dedicato ai “maratoneti” del matrimonio. Il cittadino– sabato 24 novembre 2012 5

×