7 dì 2 giugno 2013

325 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

7 dì 2 giugno 2013

  1. 1. 1PD “7 Dì”San Donato Milanese Rassegna stampa2 giugno 2013Pubblichiamo gli articoli usciti sulla stampa locale negli ultimi 3 giorni.Realizzato dal nostro gruppo di comunicazione, questo servizio bisettimanaledi rassegna stampa vuole offrire ai visitatori del nostro sito la possibilità diaggiornarsi su quanto accade sul territorio sandonatese a livello politico,sociale, economico e sindacale.Buona lettura.Il PD di San Donato Milanese30 maggio / 2 giugno 2013Gli articoli di maggior rilievo di questi giorni toccano la chiusura delCentro sportivo del Parco Mattei di via Caviaga prevista per settembre,contro la quale è in corso una raccolta di firme (giovedì – il Cittadino –art.4).Alle proteste rispondono il sindaco Checchi e l’assessore allo sportSargenti motivando la decisione presa (giovedì – il cittadino art. 4 /venerdì - Milano Today – art. 1 / sabato – il Cittadino – articoli 1 e 2).Segnaliamo l’articolo 4 de Il Cittadino di ieri dal titolo:“La musica, le danze e tante risate: l’estate incomincia a San Donato -La kermesse- L’amministrazione comunale si appresta a regalare dieciserate di spettacoli ai cittadini: si parte il 21 giugno con RossanaCasale”.
  2. 2. 2Giovedì 30 maggio Fonte: IL CITTADINO1. IN STAZIONE - PIAZZALE ALLAGATO, COLPA DI UN TOMBINO CHE ERAOSTRUITOPiazzale allagato alla stazione, dipende dall’ostruzione di un tombino su un’area di proprietà delConsorzio quinto uffici. È questa la spiegazione del fenomeno che martedì mattina si è presentatoai pendolari che prendono la linea S1 alla stazione di San Donato. Martedì, per tutta la mattina,nello spiazzo all’uscita del tunnel hanno stazionato quindici centimetri di acqua alta. Dato chemartedì non pioveva, si sono fatte le ipotesi o di un ristagno d’acqua dovuto al mancato deflussonelle condotte, oppure della rottura di una tubazione nel sottopasso. L’ipotesi giusta è la prima,cioè il mancato deflusso delle precipitazioni piovose che si sono accumulate senza tregua nelmese di maggio. C’è una condotta ostruita (o con problemi di funzionamento), fra quelle chescaricano l’acqua che si accumula nel piazzale della stazione di San Donato.2. METROPOLITANA - LINEA M3 “PROMOSSA“: SECONDO UN’INDAGINE PIACEAI VIAGGIATORICresce il gradimento per la M3 che fa capolinea a San Donato. Il dato emerge da un’indaginedemoscopica, commissionata da Atm, che nel mese di aprile ha testato l’indice di soddisfazionedei milanesi in termini di trasporti. Ne è sortito un voto complessivo del 7,1 e, tra le linee dove èstato registrato un deciso miglioramento, c’è proprio la M3. La linea Gialla è infatti passata dal voto7,1 del 2012 al 7,8, a seguito di migliorie che i passeggeri hanno colto al volo, come raccontano irisultati in cui si è difesa bene la M1, con un leggero calo invece registrato per la M2, che hacomunque superato la sufficienza. In particolare, se il terminal della M3 risulta in assoluto ilservizio più gettonato dai cittadini del Sudmilano, ATM nel Sudmilano gestisce anche linee ditrasporto suburbano, che collegano tra loro i comuni dell’asse via Emilia.3. MENSE PER I BIMBI - REFEZIONE SCOLASTICA: PER L’AZIENDA SANITARIA ILSERVIZIO È OTTIMOLe pietanze servite nelle scuole sandonatesi sono state ritenute di ottima qualità, mentre è risultatacarente l’organizzazione del servizio. È quanto emerso dal sondaggio del Sian (Sezione nutrizionedell’Asl), che ha distanza di due anni ha riproposto nei plessi sandonatesi il «Menù 10 e lode»,finalizzato a testare il servizio di refezione scolastica. La qualità dei cibi ha ottenuto quasi lavalutazione massima, che è stata invece raggiunta dalle caratteristiche del capitolato d’appalto,dove erano stati fissati una serie di criteri promossi a pieni voti. C’è invece ampio spazio dimiglioramento per l’organizzazione del servizio, che è stata giudicata insufficiente. A pesare sulgiudizio negativo è stata l’assenza di verdure crude sui tavoli, nonché la sporadicità deimonitoraggi da parte della Commissione mensa.4. A SETTEMBRE CHIUDE IL CENTRO SPORTIVOMAXI “SERRATA” DEGLI IMPIANTI: UTENTI FURIOSI CON IL COMUNESale la protesta contro la serrata degli impianti del Centro sportivo Metanopoli prevista asettembre. Nel mirino della campagna promossa dalla lista “Insieme per San Donato” la chiusuradella piscina, nonché dei campi da tennis e di altre strutture. Contro la decisione annunciata nellescorse settimane dall’esecutivo di centrosinistra è in corso una raccolta firme, che avrebbe giàcollezionato centinaia di adesioni, a cui si è aggiunta una pioggia di volantini con cui lo scorso finesettimana è stata tenuta alta l’attenzione sul patrimonio pubblico che è al centro da anni di unrovente dibattito. «L’amministrazione comunale - si legge -, da settembre 2013 vuole chiudere lepiscine e la maggior parte degli impianti presenti nel parco Mattei, senza un progetto diristrutturazione che preveda tempi e costi e senza che il nuovo piano triennale delle operepubbliche preveda alcun investimento». E ancora: «Ci è stato comunicato che i lavori,probabilmente, inizieranno non prima dell’aprile 2014: non c’è un progetto e non è stata affidataalcuna gara». La stessa protesta corre anche sull’web nella pagina Fecebook “Insieme per ilparco”, che già collezionato quasi 250 componenti, dove vengono inseriti aggiornamenti econtributi intorno ad un argomento che sta facendo discutere. In particolare, tra le richieste, ilgruppo sollecita che «almeno una delle piscine deve rimanere aperta»Dall’altro fronte l’esecutivo di centrosinistra guidato da Andrea Checchi ha annunciato cheillustrerà la propria posizione nel corso di una conferenza stampa fissata per la giornata di domani.
  3. 3. 3Nel frattempo, se la minoranza ha alzato le barricate contro la sospensione dei servizi, anchealcuni cittadini hanno seguito la stessa strada, aprendo un’altra petizione senza colori politici, cheè in circolazione sul territorio. Gli interrogativi principali riguardano il progetto, di cui si parla damesi ai piani alti del Comune, che fa leva su una rete di partner. Le indiscrezioni che sono corseparlano di un tentativo di accordo con Eni, Policlinico San Donato e Università degli Studi diMilano, sebbene sino ad ora pare che siano ancora in corso gli incontri. Il sipario dovrebbe alzarsisul progetto complessivo nel periodo prima delle vacanze, almeno in base alle ipotesi formulate dalsindaco Andrea Checchi. Intanto l’assessore Matteo Sargenti in una recente nota ha ricordato chegli impianti obsoleti rappresentano un costo per il Comune e che anche gli interventi effettuati sultetto della piscina nei mesi scorsi, sono stati di carattere temporaneo, in attesa di investimenti piùconsistenti. Certo, in questi tempi di crisi, tutto a questo punto gira intorno ai potenziali investitoriche dovrebbero scommettere sul centro sportivo. L’argomento sta tenendo banco anche tracittadini e associazioni sportive, tutti in attesa di sviluppi riguardo un luogo che fa parte dellatradizione della comunità locale. Fonte: MILANO TODAY M3 “PROMOSSA” - SECONDO UNINDAGINE PIACE AI VIAGGIATORI - CRESCEIL GRADIMENTO PER LA M3 CHE FA CAPOLINEA A SAN DONATO.Il dato emerge da un’indagine demoscopica commissionata direttamente da Atm che nel mese diaprile ha testato l’indice di soddifazione dei milanesi in termini di trasporti.È emerso uno voto complessivo di 7,2 e tra le linee maggiormente gradite c’è la M3. La linea giallaè infatti passata dal voto 7,1 del 2012 al 7,8 a seguito di interventi e migliorie, si è difesa bene lalinea M1 e un leggero calo si è registrato per la linea M2. Il terminal della M3 risulta in assoluto ilservizio più gettonato .Venerdì 31 maggio Fonte: 7GIORNi.Info1. CHIUSURA DI ALCUNE STRUTTURE DEL PARCO MATTEI DI SAN DONATO: LAGIUNTA SPIEGA LE RAGIONI DEI PROVVEDIMENTI PROPEDEUTICI ALRILANCIO DELL’AREADopo tanti, troppi anni di azioni improvvisate è ora di pensare a un progetto di lungo periodo, cherimetta in moto il Parco nella sua totalità e che ne garantisca il funzionamento con una gestioneefficiente ed economicamente sostenibile».Così Matteo Sargenti, assessore sandonatese allo Sport, ha motivato la decisione della GiuntaChecchi di chiudere alcuni impianti dell’ex parco Snam a partire da settembre, in vista del suorilancio. Oggetto della chiusura saranno la piscina coperta, tre campi da tennis e il palazzetto inmuratura, che resterà tuttavia a disposizioni delle società sportive per le gare dei rispettivicampionati, il sabato e la domenica. «Il sacrificio, peraltro parziale, di una stagione sportiva – haaggiunto Sargenti – è il prezzo da pagare lungo questo percorso virtuoso». E proprio tale percorsoassume i contorni di un ambizioso progetto di riqualificazione e potenziamento, alla cui confezionestanno partecipando, accanto al Comune, altri importanti partner privati, fra cui Eni e l’UniversitàStatale di Milano. Redazione Web2. POLICLINICO SAN DONATO: ENTRO IL 2015 ANCHE LA VECCHIA ALA SARÀRIMESSA COMPLETAMENTE A NUOVORisale ormai al 2009 l’inaugurazione della nuova ala del policlinico di San Donato, comprensiva delmoderno pronto soccorso.Ora, a distanza di qualche anno, sono partiti anche i lavori per il completo rifacimento del bloccopiù datato, le cui strutture hanno sulle spalle oltre 40 anni di vita e attività sanitaria. I cantieriproseguono a ritmo serrato e, in base al cronoprogramma previsto dall’azienda sanitaria, già con iltermine dell’anno in corso dovrebbe vedere la luce la palazzina che ospiterà diagnostica perimmagini (risonanza magnetica e tac) e servizio dialisi. I successivi interventi riguarderanno poi lazona di degenza, con l’introduzione di stanze a un massimo di due posti letto, nuovi ascensori eadeguamenti degli impianti a tutti i più moderni standard tecnologici. La tabella di marcia prevedela chiusura dei cantieri entro il 2015, anno dell’Expo milanese, quando il gruppo Rotelli consegneràa San Donato un istituto di ricovero e cura totalmente rinnovato. Redazione Web
  4. 4. 4 Fonte: IL CITTADINO1. SANITÀ - IL POLICLINICO APRE I CANTIERI PER SISTEMARE LA PARTEVECCHIA - AMPLIAMENTI E NUOVE DOTAZIONIUn piano di ristrutturazione per la parte vecchia del Policlinico San Donato, che risale agli anniSettanta. Dopo il completamento del nuovo blocco, inaugurato nel 2009, sono infatti iniziati neimesi scorsi gli interventi presso l’edificio più datato, che è attualmente al centro di un progettosuddiviso in lotti. I cantieri si dovrebbero concludere nel 2015, anno dell’Expo. Ma nel frattempo leprime novità, stando alla tabella di marcia, non si faranno comunque attendere. In base a fontiufficiali, entro la fine del 2013 dovrebbe infatti essere pronta per il taglio del nastro la palazzinacollocata a destra della parte di complesso ospedaliero che si affaccia su via Morandi. Inriferimento alle anticipazioni, una volta conclusi i cantieri attualmente in corso, l’edificio ospiterà ladiagnostica per immagini, come Tac e risonanza magnetica, nonché la dialisi. Sarà dunque unpunto di riferimento dedicato ad alcune prestazioni di carattere ambulatoriale, attualmentedistribuite in diverse parti del noscomio, che a partire dal 2014 in base alle prospettive, verrannoaccorpate. Nelle tappe successive di un disegno che punta innanzitutto a rispondere agli standardmoderni, verrà sistemata anche tutta l’area degenti dove sono previste stanze a due letti conbagno, nonché l’adeguamento degli ascensori, a cui si aggiungeranno una serie di altre migliorie dicarattere funzionale, contenute in un disegno che nell’insieme dovrebbe significare passi in avantiin termini di accoglienza dei pazienti. L’obiettivo del gruppo guidato da Giuseppe Rotelli punta delresto ad equiparare sul piano strutturale la prima ala a quella più recente, attraverso uninvestimento che è già decollato. Arriva al tempo stesso conferma che i servizi rimarranno invariati,così come non sono in programma modifiche riguardo il numero delle camere, soprattutto aseguito di una fase in cui come è noto gli accreditamenti sono congelati. Il piano era già statopreventivato nella fase di progettazione dell’ampliamento, con l’indirizzo di dare avvio alle operenon appena si fosse completamente concluso il massiccio cantiere per la realizzazione dellastruttura a cui si accede da piazza Malan. In particolare, l’alternanza con cui si sono susseguiti gliinvestimenti ha garantito la prosecuzione ininterrotta dei servizi. Una volta inaugurata la nuova ala,che è un funzione ormai da quattro anni, dopo una serie di preparativi si è quindi alzato il sipario suun una scommessa giocata sulla parte di Policlinico che da più di 40 anni fa parte di questo trattodi hinterland sudmnilanese. Nei prossimi mesi si dovrebbero dunque scorgere man mano deglielementi novità in base ad uno schema, distribuito su più tappe, che dovrebbe trovare una svoltadecisiva per l’anno dell’Expo, in cui l’attenzione mondiale sarà puntata sul capoluogo lombardo e ilsuo territorio. I sandonatesi, intanto, hanno già notato i lavori in corso sulla parte di complesso chesi incontra lungo l’asse Morandi, dove troveranno sede la dialisi e la diagnostica per immagini.2. IL 13 GIUGNO - UNA SERATA DEDICATA AGLI STUDENTI PIÙ MERITEVOLIGli studenti meritevoli, che sono usciti dall’anno scolastico 2011/2012 con il voto di maturità a duezeri verranno premiati il 13 giugno nel corso di una serata di approfondimento, che si terrà nelgiardino della biblioteca centrale di via Martiri di Cefalonia. Nel corso dell’evento, organizzatodall’amministrazione in collaborazione con l’associazione “Sando Calling”, porteranno la propriatestimonianza alcuni ragazzi del percorso di studi, hanno avviato delle attività artigianali. Spunti diriflessione, quindi, insieme ad applausi che verranno dedicati ai più bravi, ai quali verrà consegnatauna targa, a cui si aggiungerà un aperitivo condito da musica che verrà garantita dalla presenzadelle band locali. Ulteriori notizie circa il programma saranno a breve a disposizione di tutti gliinteressati .3. IN MUNICIPIO - CODE BANDITE CON ALCUNI SERVIZIPiù organizzazione per evitare le code davanti agli sportelli ai cittadini che devono recarsi inmunicipio per avanzare richiesta di accedere ai servizi comunali a tariffa agevolata,come ad esempio le rette per le mense. Chi ha presentato il modello 730/Unico può già prenotarel’appuntamento, contattando dal lunedì al giovedì dalle 8.45 alle 12.45 il municipio al numero 0252772338-9.Inoltre, grazie ai volontari che hanno aderito al progetto “Cittadini attivi”, è disponibileper i sandonatesi un sibile accedere senza appuntamento il lunedì e il martedì dalle 9 alle 12,nonché il mercoledì dalle 14 alle 16 presso l’apposito ufficio collocato al secondo piano delComune. È possibile inoltre trovare informazioni consultando il sito Internet webwww.comune.sandonatomilanese.mi.it.
  5. 5. 5DOMENICA DALLE 15 - “BALLA CON NOI”: A METANOPOLI DANZE, SAGGI EMUSICALPer i sandonatesi che hanno frequentato i corsi comunali, ormai giunti a conclusione, è tempo diesibizioni in cui sfoderare passi e volteggi.L’appuntamento con “Balla con noi” è fissato per domenica a partire dalle 15 presso il palazzettodel centro sportivo Metanopoli. Partecipanti e curiosi troveranno una vasta gamma di ritmi su cuiscatenarsi che spaziano dalle musiche sudamericane, alle danze orientali, fino a swing e hip pop.In serata, alle 21, il sipario si alzerà sul musical “We will rock you”, che vedrà in scena il gruppo dipattinaggio a rotelle.Gli eventi sono aperti a tutti, compresi coloro che hanno l’intenzione di cimentarsi in qualchedisciplina a ritmo di musica, i quali potrebbero cogliere l’occasione per osservare il lavoro fatto e irisultati ottenuti dachi ha già aderito all’iniziativa. Fonte: MILANO TODAY1. PARCO MATTEI: UNO STOP-AND-GO PER IL RILANCIOA settembre chiuderanno piscina coperta, 3 campi da tennis e palazzetto: una "serrata" dolorosama necessaria per riqualificare gli impianti e dare un futuro al Centro«Una scelta dolorosa e, per certi versi, impopolare, ma necessaria per regalare una prospettiva dirilancio al Parco Mattei senza pesare ulteriormente sulle casse del Comune con spese, oltretuttoinutili e improduttive».Con queste parole “forti” e dirette il Sindaco di San Donato Andrea Checchi ha motivato lascelta di chiudere a partire da settembre alcuni impianti dell’ex parco Snam in vista del suorilancio, affidato a un ambizioso progetto di riqualificazione e potenziamento alla cui confezionestanno partecipando, accanto al Comune, altri importanti partner privati, fra cui Eni e l’UniversitàStatale di Milano.Il primo passo concreto verso questo obiettivo passa per uno stop, sicuramente non indolore, adalcune attività sportive ospitate nel Parco: la piscina coperta, tre campi da tennis e il palazzetto inmuratura, che resterà tuttavia a disposizioni delle società sportive per le gare dei rispettivicampionati, il sabato e la domenica. Tutte le rimanenti attività potranno continuare a essereesercitate normalmente e il Centro resterà fruibile alla cittadinanza anche per quanto concerneviali, aree verdi e spazio giochi.«Come giustificheremmo ai sandonatesi – ha proseguito l’assessore allo Sport MatteoSargenti – la spesa di almeno un milione e mezzo di euro, oltre le utenze, (dopo il milione e250mila euro di passivo degli ultimi 12 mesi) per sistemare provvisoriamente e per una solastagione sportiva strutture che a breve saranno oggetto di un ripensamento generale? Dovremmoforse andare ad alzare il carico fiscale sui cittadini, in momenti difficili come gli attuali, pereffettuare nuovi interventi-tampone al Parco? Noi crediamo di no; dopo tanti, troppi anni di azioniimprovvisate e rabberciate è ora di pensare a un progetto di lungo periodo, che rimetta in moto ilParco nella sua totalità e che ne garantisca il funzionamento con una gestione efficiente edeconomicamente sostenibile».Una decisione, quella dell’Amministrazione Checchi, che non vuole produrre danni erariali alComune oggi più che mai intollerabili davanti a una crisi durissima e al drastico taglio deitrasferimenti pubblici, pur realizzando opere che daranno nuova luce ad uno dei parchi simbolo diSan Donato.2. IL POLICLINICO APRE I CANTIERIAL VIA I LAVORI PER SISTEMARE LA PARTE VECCHIA RISALENTE AGLI ANNI 70.SI CONCLUDERANNO ENTRO IL 2015, MA GIÀ QUESTANNO CI SARANNO ALCUNEINAUGURAZIONIDopo il completamento del nuovo blocco, inaugurato nel 2009, sono iniziati nei mesi scorsi gliinterventi presso l’edificio più datato, che è attualmente al centro di un progetto suddiviso in lotti. Icantieri si dovrebbero concludere entro il 2015, anno dell’Expo. Le prime novità stando alla tabelladi marcia dell’ente ospedaliero non si faranno comunque attendere. In base a fonti ufficiali entro lafine del 2013 sarà pronta per il taglio del nastro la palazzina collocata a destra della parte dicomplesso ospedaliero che si affaccia su via Morandi. L’edificio ospiterà la diagnostica perimmagini, come Tac e risonanza magnetica e la dialisi. Sarà dunque un nuovo punto di riferimentodedicato ad alcune prestazioni di carattere ambulatoriale, attualmente distribuite in diverse parti delnosocomio, che a partire dal 2014 verranno accorpate.
  6. 6. 63. AL VIA IL CONCORSO "CRONACA DI UNASSENZA"APERTE LE ADESIONI AL XV CONCORSO LETTERARIO "CRONACA DIUNASSENZA"La Commissione Biblioteca organizza il concorso “Cronaca di un’assenza”.Il testo del XV Concorso letterario dovrà pervenire dal 2 al 12 settembre 2013 in orario di aperturadel banco prestiti alla biblioteca Comunale Simona Orlandi.Il concorso è da sempre molto seguito e gettonato sul territorio di San Donato.Sabato 1 giugno Fonte: IL CITTADINO1. LA PISCINA “PERDE” ACQUA E SOLDI: «LA CHIUDIAMO PER SISTEMARLA»RILANCIO ALLO STUDIO PROGETTO DA 20 MILIONI CON IL CONCORSO DIPRIVATI, FRA CUI L’ENIA partire da settembre, le piscine e tre campi da tennis del centro sportivo “Enrico Mattei” sarannochiusi al pubblico, coinvolti in un progetto di rinnovamento che li restituirà alla cittadinanza, entrol’inizio di Expo 2015, ammodernati e riqualificati. Anche il palazzetto sarà oggetto di lavori, marimarrà fruibile nei fine settimana per permettere lo svolgimento delle gare. Il resto degli impianti,oltre a viali e spazi verdi, continuerà a rimanere a disposizione della città. Sono questi i risultatisostanziali dell’incontro con la stampa organizzato ieri mattina dal sindaco Andrea Checchie dall’assessore allo sport Matteo Sargenti, con l’obiettivo di far conoscere lo stato dell’arte diuna situazione su cui, negli ultimi mesi, non sono mancate le schermaglie polemiche. Il datoconcreto è che diverse strutture del centro necessitano di importanti operazioni di adeguamento.Limitatamente alla piscina coperta, come spiegato da Sargenti, per garantire la prossimastagione sarebbero necessari 1.500.000 euro. Una somma da destinare alla rimessa in sicurezzae ad altri interventi volti a ridurre le perdite energetiche causate dall’inadeguatezza della coperturae degli impianti idraulici. «Ha senso spendere una somma simile per una sola stagione o è megliopensare ad un piano di riqualificazione generale?» è la questione su cui si è riflettuto nelle stanzedei bottoni comunali. Tanto più che il centro è già in perdita, e anche altre strutture, tra cui trecampi da tennis che presentano coperture gravemente ammalorate, richiedono manutenzione. Diconseguenza, da settembre gli impianti più danneggiati chiuderanno, e nella primavera 2014prenderà il via un progetto di rilancio il cui completamento è fissato per Expo 2015. Solo una partedell’utenza verrà riassorbita dalla piscina di via Parri. Sui dettagli del piano, in via di definizione,viene per ora mantenuto un certo riserbo. Di fatto, al centro del nuovo parco Mattei vi saranno gliinvestimenti privati di una serie di soggetti, tra cui Eni, con cui l’interlocuzione è a buon punto.Sarebbe coinvolta anche l’Università degli studi di Milano, con una notevole possibilità sul tavolo:quella di portare al “Mattei” la sede della facoltà di scienze motorie, «una soluzione d’eccellenza -così Sargenti -, che permetterebbe di riempire il parco dalla mattina al primo pomeriggio, negliorari in cui è meno frequentato». La stima dell’entità totale delle opere di riqualificazione si aggiraintorno ai 20 milioni di euro, dei quali solo 750mila previsti nel piano triennale del Comune. Il restosarà pagato dai privati. I dettagli del progetto verranno illustrati alla città non appena l’accordo saràstato siglato, presumibilmente entro la fine dell’estate.2. CONTI IN ROSSO - SOLO NEL 2012 IL PASSIVO SUPERA IL MILIONESono 1.250.000 euro di perdite nel 2012: in occasione dell’incontro di ieri sono state divulgate lecifre che renderebbero evidente il carattere obsoleto delle strutture del parco Mattei, a dimostrareche l’intervento di riqualificazione in grande stile non è uno sfizio, ma una necessità. Dati che sonostati messi al servizio dell’“operazione verità” voluta dal sindaco Checchi, destinata a risponderealla levata di scudi, con tanto di petizioni, effettuata dall’opposizione nel momento in cui le primevoci di una chiusura, parziale o meno, del parco Mattei hanno iniziato a circolare. Il centro, cosìcom’è, hanno illustrato Checchi e Sargenti, non è economicamente sostenibile: a fronte di250mila euro di entrate provenienti dagli affitti degli spazi sportivi, sono stati 1.500.000 gli eurospesi nel 2012 per mantenere le strutture, di cui 250mila usati per interventi di manutenzionestraordinaria. Tra gli altri, la riparazione provvisoria del controsoffitto della piscina in seguito alparziale crollo di dicembre. I 900mila euro di utenze, inoltre, sono anche dovuti alle gravi perditeenergetiche di una struttura che «in alcune parti non è mai stata toccata da quando è nata, 50 annifa». L’efficienza energetica sarà quindi uno degli elementi chiave di un piano di rilancio volto a darevita ad un parco Mattei «che avrà al centro il tema della sostenibilità economica». Ricc. Sch.
  7. 7. 73. UNA MATTINA DI SPORT E SANA ALIMENTAZIONE CON IL PROGETTO EATQuattordici classi delle scuole medie al parco Mattei per una mattinata di festa all’insegna delmangiare e del viver sano. Si è svolto ieri presso il centro di via Caviaga il momento conclusivo del“Progetto Eat”, promosso dal Gruppo ospedaliero San Donato, che dal 2009 coinvolge gliadolescenti della città dell’Eni in una serie di attività mirate alla divulgazione dei principidell’educazione alimentare. Durante la mattinata si sono tenute gare di atletica, pallamano eorienteering, per terminare con la premiazione degli 80 vincitori. Ospite d’onore, il manager delcomplesso hip-hop Club Dogo, Emi Lo Zio (nella foto con alcuni studenti).4. LA MUSICA, LE DANZE E TANTE RISATE: L’ESTATE INCOMINCIA A SANDONATO - LA KERMESSE- L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI APPRESTA AREGALARE DIECI SERATE DI SPETTACOLI AI CITTADINI: SI PARTE IL 21GIUGNO CON ROSSANA CASALEUn’estate al mare? No, o almeno, non ancora. Non prima di aver assaporato l’antipasto tutto notee risate messo in tavola dall’amministrazione comunale a San Donato. Dieci serate sotto le stelle,con un menù che dalla musica (a partire da Rossana Casale, una delle voci italiane più belle)arriva fino al cabaret, quella con il marchio “doc” della risata di Zelig. Si apre il 21 giugno lakermesse pensata per salutare l’estate, dopo una primavera imprevedibile come non mai. Ognisera una sorpresa nella cornice di piazza della Pieve, con il gran finale in programma perdomenica 30 giugno. da gaber al rockSi parte nel giorno del solstizio d’estate, venerdì 21 giugno,con Il Signor G e l’amore, tributo a Giorgio Gaber e al teatro canzone, apparecchiato da unaspecialista della canzone italiana come Rossana Casale, in compagnia di pianoforte, contrabbassoe sax. Sabato 22, invece, spazio al liscio e al latino, anche qui con gli esperti del genere, lo staff diFesta in Piazza, programma di punta di Antenna 3 con Eugenio Ban, Clara Taormina e il LatinClub, in cui non mancheranno anche i passi a due del latino e la passione del tango argentino,insieme all’animazione di un dj. Anche la musica “made in San Donato” avrà palco e tempi peresibirsi nell’appuntamento con il concerto di fine anno della scuola di rock e musica moderna che,domenica 23, coinvolgerà 200 musicisti divisi tra la sessione acustica (alle 17) e le 25 band chedalle 21 in poi animeranno la città. divertimento assicuratoIl primo appuntamento con la risata saràlunedì 24 con il duo di Zelig Off I sequestratori, mentre martedì 25 sarà la volta di Gisella Cozzo &Friends, cantautrice italo-austrialiana, sandonatese d’adozione, già autrice di colonne sonore perspot pubblicitari, che porterà un omaggio a Lucio Dalla. Il 26 si torna a ridere con uno dei volti piùnoti della comicità di Zelig, quello dello scienziato più cinico della tv, Paolo Migone, che con il suoocchio nero, il camice bianco e il capello scarmigliato regalerà le sue perle sul quotidiano. granfinale Chiusura tutta in musica per il cartellone di eventi a partire da giovedì 27 e dal concerto dellaband Bandido, con il suo repertorio che fonde ska e raggae, anticipata dai Noema chepresenteranno il loro ultimo album. Il 28 si torna a ballare con Festa in Piazza, mentre sabato 29 ilpalco sarà tutto di Vic & The Doctors of Jive, ovvero il sandonatese Vittorio Marzioli, alle prese conla rivisitazione dei grandi classici dello swing, da Buscaglione, a Sinatra e Carosone. A chiudere lamusica live che dalle 17.30 accenderà la piazza il 30 giugno, le migliori band giovanili e di sera larock folk band di Dario Tornaghi. Appuntamenti a ingresso libero, presentati e trasmessi in direttada Twenty’z Radio: per tutta la durata della rassegna sarà attivo un punto ristoro.5. SAGGIO DI FINE ANNO DEL “CIM” AL CINEMA-TEATROSCARPETTE E SEI CORDE BABY AL TROISIA volte anche il Troisi è sottodimensionato: è il caso del saggio di danza dell’istituto civico dimusica sandonatese G. B. Sammartini, svoltosi giovedì sera. Platea gremita di genitori, amici,studenti e studentesse per un appuntamento che, come da tradizione, è pensato per chiudere neimigliori dei modi l’anno di lezioni. Protagonisti, i giovani allievi della struttura comunale con sede invia De Gasperi, nella quale si svolgono corsi di musica, teatro e danza. Al centro delle esibizioni digiovedì sera sono state le allieve dei corsi di ballo, numerosissime, che hanno catalizzatol’attenzione degli spettatori nel corso di un lungo programma di pezzi dalla variegata provenienza,preparato dalla docente e direttore artistico Claudia De Natale. Il repertorio ha spaziato dai braniclassici di Mozart e Tchaikovski fino ai pezzi contemporanei dei pianisti Allevi ed Einaudi,passando per una breve sezione di performance di chitarre dirette dal maestro Luca Nobis, connutrite ensamble di studenti riuniti per l’occasione ad esibirsi sui ritmi sincopati del ragtime epacate melodie cool jazz. Riccardo Schiavo

×