Isea onlus inquinamento atmosferico

1,052 views
907 views

Published on

Aria, clima, inquinamento atmosferico

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,052
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Isea onlus inquinamento atmosferico

  1. 1. Atmosfera Clima Inquinamento atmosferico ISEA ONLUS
  2. 2. L'atmosfera terrestreL'atmosfera terrestre La Terra ha una atmosfera complessa e divisa in più strati, che in ordine diLa Terra ha una atmosfera complessa e divisa in più strati, che in ordine di altezza sono:altezza sono: TroposferaTroposfera,, StratosferaStratosfera,, MesosferaMesosfera,, TermosferaTermosfera,, EsosferaEsosfera; la; la sua composizione chimicasua composizione chimica mediamedia è la seguente:è la seguente: AzotoAzoto (N2): 78,08%(N2): 78,08% OssigenoOssigeno (O2): 20,95%(O2): 20,95% ArgonArgon (Ar): 0.93%(Ar): 0.93% Vapore acqueoVapore acqueo (H2O): 0,33%(H2O): 0,33% Anidride carbonicaAnidride carbonica (CO2): 0,032% (320 ppm)(CO2): 0,032% (320 ppm) NeonNeon (Ne): 0,00181% (18 ppm)(Ne): 0,00181% (18 ppm) ElioElio (He): 0,0005% (5 ppm)(He): 0,0005% (5 ppm) MetanoMetano (CH4): 0,0002% (2 ppm)(CH4): 0,0002% (2 ppm) IdrogenoIdrogeno (H2): 0,00005% (0,5 ppm)(H2): 0,00005% (0,5 ppm) KriptonKripton (Kr): 0,000011% (0,11 ppm)(Kr): 0,000011% (0,11 ppm) XenoXeno (Xe): 0,000008% (0,08 ppm)(Xe): 0,000008% (0,08 ppm) OzonoOzono (O3): 0,000004% (0,04 ppm)(O3): 0,000004% (0,04 ppm) Non tutti gli strati hanno leNon tutti gli strati hanno le stesse concentrazioni di gas:stesse concentrazioni di gas: ad esempio il vapore acqueo èad esempio il vapore acqueo è presente quasi soltanto nellapresente quasi soltanto nella troposfera, lo strato piùtroposfera, lo strato più basso, ed è praticamentebasso, ed è praticamente assente nella termosfera eassente nella termosfera e nell'esosfera, che viceversanell'esosfera, che viceversa contengono quasi tutto l'elio econtengono quasi tutto l'elio e l'idrogeno, e l'ozono èl'idrogeno, e l'ozono è contenuto in massima partecontenuto in massima parte nella stratosfera, in cuinella stratosfera, in cui costituisce un importantecostituisce un importante strato.strato. ISEA ONLUS
  3. 3. ISEA ONLUS
  4. 4. La Troposfera : La troposfera si estende dal livello del mare ad un'altitudineLa troposfera si estende dal livello del mare ad un'altitudine di 11 km a medie latitudini. Lo spessore di questo strato varia infatti con la suadi 11 km a medie latitudini. Lo spessore di questo strato varia infatti con la sua posizione rispetto all'equatore della Terra. All'equatore la troposfera arriva aposizione rispetto all'equatore della Terra. All'equatore la troposfera arriva a 16 km di altitudine, mentre ai poli la sua altezza è di soli 9 km. La troposfera è16 km di altitudine, mentre ai poli la sua altezza è di soli 9 km. La troposfera è il più basso tra gli strati atmosferici e contiene circa il 75% dell'intera massail più basso tra gli strati atmosferici e contiene circa il 75% dell'intera massa dell'atmosfera, pur essendo lo strato più sottile. Per ogni 6 km di aumentodell'atmosfera, pur essendo lo strato più sottile. Per ogni 6 km di aumento dell'altitudine, la pressione si dimezza. Questo significa che ad altitudinidell'altitudine, la pressione si dimezza. Questo significa che ad altitudini maggiori i gas sono meno densi. La troposfera è l'area in cui si trovano le nubimaggiori i gas sono meno densi. La troposfera è l'area in cui si trovano le nubi che vediamo nel cielo. E' la parte di atmosfera che interessa la meteorologia. E'che vediamo nel cielo. E' la parte di atmosfera che interessa la meteorologia. E' l'unica parte dell'atmosfera dove piove. L'aria nella troposfera si muove intornol'unica parte dell'atmosfera dove piove. L'aria nella troposfera si muove intorno alla Terra e si muove su e giù nello strato, provocando i cambiamenti del tempo.alla Terra e si muove su e giù nello strato, provocando i cambiamenti del tempo. La temperatura della troposfera decresce fino a valori compresi tra -51°C eLa temperatura della troposfera decresce fino a valori compresi tra -51°C e -70°C col crescere dell'altitudine. E' questo il motivo per cui sulle montagne più-70°C col crescere dell'altitudine. E' questo il motivo per cui sulle montagne più alte c'è sempre neve, anche nei mesi estivi.alte c'è sempre neve, anche nei mesi estivi. ISEA ONLUS
  5. 5. La Tropopausa: La tropopausa segna il confine tra la troposfera e laLa tropopausa segna il confine tra la troposfera e la stratosfera. Gli scienziati la definiscono come quella regione dell'atmosfera instratosfera. Gli scienziati la definiscono come quella regione dell'atmosfera in cui la temperatura smette di decrescere con l'altezza e resta a valori costanticui la temperatura smette di decrescere con l'altezza e resta a valori costanti per alcuni chilometri prima di cominciare a crescere con l'altezza nellaper alcuni chilometri prima di cominciare a crescere con l'altezza nella stratosfera.stratosfera. ISEA ONLUS
  6. 6. La Stratosfera: La stratosfera è collocata tra la tropopausa e la stratopausa.La stratosfera è collocata tra la tropopausa e la stratopausa. La parte principale dello strato di ozono si trova proprio nella qui. LaLa parte principale dello strato di ozono si trova proprio nella qui. La stratosfera si estende da 12 km a 50 km di altitudine. Le temperature sonostratosfera si estende da 12 km a 50 km di altitudine. Le temperature sono pressoché costanti nella metà più bassa della stratosfera, mentre nella metàpressoché costanti nella metà più bassa della stratosfera, mentre nella metà superiore aumentano anche di 7°C. Questo punto segna la fine della stratosferasuperiore aumentano anche di 7°C. Questo punto segna la fine della stratosfera e l'inizio della stratopausa. L'aumento della temperatura è dovuto all'energiae l'inizio della stratopausa. L'aumento della temperatura è dovuto all'energia assorbita da questo strato. Questa energia è sotto forma di radiazioni, quellaassorbita da questo strato. Questa energia è sotto forma di radiazioni, quella proveniente dal Sole e quella riflessa dalla superficie della Terra. Quando i gasproveniente dal Sole e quella riflessa dalla superficie della Terra. Quando i gas atmosferici assorbono questa energia, si riscaldano. L'aria nella stratosfera siatmosferici assorbono questa energia, si riscaldano. L'aria nella stratosfera si muove solo orizzontalmente e non su e giù, come avviene invece nellamuove solo orizzontalmente e non su e giù, come avviene invece nella troposfera. Per questo motivo, le particelle che entrano nella stratosferatroposfera. Per questo motivo, le particelle che entrano nella stratosfera difficilmente ne escono prima di due o tre anni. Ad esempio la ceneredifficilmente ne escono prima di due o tre anni. Ad esempio la cenere proveniente da esplosioni vulcaniche resta nella stratosfera per periodi moltoproveniente da esplosioni vulcaniche resta nella stratosfera per periodi molto lunghi.lunghi. ISEA ONLUS
  7. 7. La Stratopausa: La stratopausa segna il confine tra la stratosfera e laLa stratopausa segna il confine tra la stratosfera e la mesosfera. In questa zona la temperatura smette di crescere conmesosfera. In questa zona la temperatura smette di crescere con l'altezza e comincia a decrescere.l'altezza e comincia a decrescere. La Mesosfera: E' uno strato compreso tra la stratopausa e laE' uno strato compreso tra la stratopausa e la mesopausa o, in termini di altitudine, tra 50 km e 85 km. Qui lemesopausa o, in termini di altitudine, tra 50 km e 85 km. Qui le temperature decrescono con l'altezza.temperature decrescono con l'altezza. ISEA ONLUS
  8. 8. IL CLIMA Il clima è la sintesi delle fondamentali caratteristiche meteorologiche osservabili sul lungo periodo (molti decenni o centinaia di anni). Pertanto, il clima di una data area territoriale è la rappresentazione dell'insieme delle statistiche, riferite a un dato intervallo di tempo, di tutti quei fenomeni meteorologici, singolarmente presi o correlati fra loro, che nei loro andamenti tipici o caratteristici costituiscono la "norma". I fattori causali che sono alla base dello studio del clima vengono detti elementi del clima. Su di questi agiscono i fattori del clima, che determinano una variazione secondaria a livello locale. ISEA ONLUS
  9. 9. I principali elementi climatici sono: L’insolazione La temperature La pressione L’umidità Le precipitazioni La nuvolosità ISEA ONLUS
  10. 10. Insolazione:Insolazione: L'insolazione è elemento di fondamentale importanza inL'insolazione è elemento di fondamentale importanza in quanto da esso dipendono direttamente o indirettamente tutti gli altriquanto da esso dipendono direttamente o indirettamente tutti gli altri fenomeni atmosferici: dell'energia solare che arriva nell'atmosfera, unafenomeni atmosferici: dell'energia solare che arriva nell'atmosfera, una parte (radiazioni più corte) viene diffusa dalle nubi e dalle molecole deiparte (radiazioni più corte) viene diffusa dalle nubi e dalle molecole dei gas costituenti l'aria, una parte è assorbita dal vapore acqueo egas costituenti l'aria, una parte è assorbita dal vapore acqueo e dall'anidride carbonica, una parte (radiazioni lunghe) arriva al suolodall'anidride carbonica, una parte (radiazioni lunghe) arriva al suolo dove viene assorbita e nuovamente irradiata nell'atmosfera. L'entitàdove viene assorbita e nuovamente irradiata nell'atmosfera. L'entità dell'insolazione misurabile sulla superficie terrestre durante il giornodell'insolazione misurabile sulla superficie terrestre durante il giorno dipende dall'angolo di incidenza dei raggi solari e dalla durata del dì;dipende dall'angolo di incidenza dei raggi solari e dalla durata del dì; notevole influenza è esercitata dalla nuvolosità: l'insolazione, chenotevole influenza è esercitata dalla nuvolosità: l'insolazione, che teoricamente diminuisce dall'equatore ai poli, non ha infatti il suoteoricamente diminuisce dall'equatore ai poli, non ha infatti il suo massimo all'equatore, ma in corrispondenza dei tropici dove lamassimo all'equatore, ma in corrispondenza dei tropici dove la trasparenza dell'aria è maggiore.trasparenza dell'aria è maggiore. ISEA ONLUS
  11. 11. Temperatura:Temperatura: La distribuzione della temperatura sulla superficieLa distribuzione della temperatura sulla superficie terrestre viene rappresentata mediante le isoterme annue, linee cheterrestre viene rappresentata mediante le isoterme annue, linee che uniscono tutti i punti di eguale temperatura media annua, ridotta auniscono tutti i punti di eguale temperatura media annua, ridotta a livello del mare; esse indicano che la temperatura, seguendolivello del mare; esse indicano che la temperatura, seguendo l'andamento dell'insolazione, diminuisce dall'equatore ai poli: la zona piùl'andamento dell'insolazione, diminuisce dall'equatore ai poli: la zona più calda non è però quella equatoriale dove l'abbondante vegetazione e lacalda non è però quella equatoriale dove l'abbondante vegetazione e la forte umidità provocano l'abbassamento dei valori medi, ma una zonaforte umidità provocano l'abbassamento dei valori medi, ma una zona continentale (equatore termico) spostata verso il Tropico del Cancro;continentale (equatore termico) spostata verso il Tropico del Cancro; così i poli del freddo non coincidono con i poli geografici, ma sonocosì i poli del freddo non coincidono con i poli geografici, ma sono spostati nelle regioni circumpolari continentali. Per gli studi climaticispostati nelle regioni circumpolari continentali. Per gli studi climatici hanno anche grande interesse le escursioni termiche tra le medie deihanno anche grande interesse le escursioni termiche tra le medie dei massimi e dei minimi diurni, mensili e annui.massimi e dei minimi diurni, mensili e annui. ISEA ONLUS
  12. 12. Pressione:Pressione: La pressione è importante soprattutto per l'influenza cheLa pressione è importante soprattutto per l'influenza che esercita su molti fenomeni atmosferici quali i venti, le precipitazioni, iesercita su molti fenomeni atmosferici quali i venti, le precipitazioni, i moti convettivi dell'aria; notevole importanza ha anche per i cosiddettimoti convettivi dell'aria; notevole importanza ha anche per i cosiddetti clima di altitudine, poiché la diminuzione di pressione con l'altezzaclima di altitudine, poiché la diminuzione di pressione con l'altezza influisce non solo su alcuni parametri fisici (temperatura, umidità, ecc.)influisce non solo su alcuni parametri fisici (temperatura, umidità, ecc.) ma ha anche notevoli effetti fisiologici sugli organismi viventi.ma ha anche notevoli effetti fisiologici sugli organismi viventi. Umidità :Umidità : Quanto all'umidità, si possono considerare sia l'umiditàQuanto all'umidità, si possono considerare sia l'umidità assoluta sia quella relativa; agli effetti di uno studio climatico siassoluta sia quella relativa; agli effetti di uno studio climatico si preferisce considerare l'umidità relativa, la cui variazione provocapreferisce considerare l'umidità relativa, la cui variazione provoca effetti sensibili anche sugli organismi. L'umidità varia in continuazioneeffetti sensibili anche sugli organismi. L'umidità varia in continuazione con l'evaporazione e con le precipitazioni atmosferiche; le regioni menocon l'evaporazione e con le precipitazioni atmosferiche; le regioni meno umide sono quelle lontane dai mari e prive di vegetazione. L'umiditàumide sono quelle lontane dai mari e prive di vegetazione. L'umidità diminuisce anche con l'altezza, quella assoluta molto rapidamente,diminuisce anche con l'altezza, quella assoluta molto rapidamente, mentre l'umidità relativa decresce lentamente poiché diminuiscementre l'umidità relativa decresce lentamente poiché diminuisce contemporaneamente la temperatura.contemporaneamente la temperatura. ISEA ONLUS
  13. 13. Precipitazioni:Precipitazioni: Le precipitazioni sono un elemento climatico,Le precipitazioni sono un elemento climatico, dipendente soprattutto dalla temperatura e dall'umidità dell'aria,dipendente soprattutto dalla temperatura e dall'umidità dell'aria, molto usato nelle classificazioni climatiche. Vengono usati i totalimolto usato nelle classificazioni climatiche. Vengono usati i totali mensile e annuo di tutte le precipitazioni, la frequenza e l'intensitàmensile e annuo di tutte le precipitazioni, la frequenza e l'intensità delle piogge, i valori medi mensili e, in particolare, il regime delledelle piogge, i valori medi mensili e, in particolare, il regime delle precipitazioni, cioè la loro ripartizione mensile e stagionale.precipitazioni, cioè la loro ripartizione mensile e stagionale. Nuvolosità:Nuvolosità: La nuvolosità influisce sulla temperatura in quantoLa nuvolosità influisce sulla temperatura in quanto impedisce a gran parte della radiazione solare di giungere al suolo;impedisce a gran parte della radiazione solare di giungere al suolo; d'altra parte trattiene le radiazioni caloriche emesse dal suolod'altra parte trattiene le radiazioni caloriche emesse dal suolo impedendo un forte raffreddamento notturno e riducendo quindiimpedendo un forte raffreddamento notturno e riducendo quindi l'escursione termica diurna.l'escursione termica diurna. ISEA ONLUS
  14. 14. ISEA ONLUS
  15. 15. ISEA ONLUS
  16. 16. Come tutti i corpi che hanno una temperatura superiore allo zero assoluto, anche la Terra irradia nello spazio energia, ma ad una lunghezza d’onda maggiore di quella ricevuta, e cioè con radiazioni infrarosse lunghe. Le radiazioni infrarosse emesse dalla terra non riescono, però, ad attraversare l’atmosfera, per le caratteristiche chimiche dei gas che la compongono e, rimanendo “intrappolate” fanno sì che questa si riscaldi. Questo fenomeno è noto come “Effetto Serra”. Risulta quindi che è proprio la composizione chimica dell’atmosfera, unitamente alla distanza dal sole e all’inclinazione dell’asse terrestre, a caratterizzare il clima del nostro pianeta. ISEA ONLUS
  17. 17. A questo punto risulta essenziale conoscere il bilancio energetico complessivo del sistema Sole-Atmosfera-Terra. Dell’energia che giunge alla terra da sole (342 W/m2) il 30% circa (107 W/m2) viene riflessa nello spazio dall’atmosfera, dall’aerosol e dalla superficie della terra. Il restante 70% (235 W/m2) riscalda il nostro pianeta. In particolare un terzo (67 W/m2) viene assorbito dall’atmosfera e il restante dalla terra (168 W/m2), ovvero dai suoi oceani e dalle superfici continentali. Teoricamente misurando l’energia che la terra emette verso lo spazio, che corrisponde secondo le leggi della fisica alla stessa quantità dell’energia assorbita poiché la terra si trova in equilibrio termico, si potrebbe stabilire la sua temperatura media. In effetti, un pianeta dalle dimensioni della terra che emette 235 W/m2 dovrebbe avere una temperatura media di -18°C. Si comprende, quindi, come sia fondamentale l’azione dell’Effetto Serra sul nostro pianeta, permettendo un incremento di temperatura di ben 33°C, il valore medio al suolo risulta quindi essere (-18°C +33°C) cioè 15 °C. L’effetto serra è, innanzitutto un fenomeno naturale ed essenziale per ogni forma di vita. ISEA ONLUS
  18. 18. GAS SERRA Nel 1990 l’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC), organismo istituito dal World Meteorological Organization (WMO) e United Nations Environment Program (UNEP), diede la sua prima valutazione scientifica sul cambiamento climatico concludendo che l’aumento delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra causato dalle attività umane porta ad un riscaldamento della superficie terrestre. Il "forcing radiativo" la cui traduzione in lingua italiana potrebbe corrispondere a "forzatura" radiativa, è il nome dato all’effetto che questi gas serra hanno nell’alterare il bilancio energetico del sistema Terra-atmosfera. Oltre ai gas serra anche altri fattori naturali e antropici possono produrre un forcing radiativo. ISEA ONLUS
  19. 19. INQUINAMENTO ATMOSFERICOINQUINAMENTO ATMOSFERICO L’inquinamento atmosferico è un complesso di effetti nocivi che si ripercuotono sulla biosfera e quindi sull'uomo, dipendenti dall'azione di fattori di alterazione (inquinanti) degli equilibri esistenti, liberati per lo più come sottoprodotti dell'attività umana nell'aria. L’inquinamento atmosferico può essere definito come la presenza in atmosfera di sostanze che nella naturale composizione dell’aria non sono presenti o sono presenti ad un livello di concentrazione inferiore, e che producono un effetto misurabile sull’uomo, sugli animali, sulla vegetazione o i materiali. ISEA ONLUS
  20. 20. SORGENTI INQUINANTI Le sostanze inquinanti liberate nella biosfera sono per lo più prodotte dall'attività umana nel suo vario svolgersi. Responsabili principali dell'inquinamento atmosferico sono i veicoli con motore a scoppio, le industrie, le centrali termoelettriche, i combustibili per il riscaldamento domestico, la combustione dei rifiuti specie se realizzata senza di adatti impianti di abbattimento delle polveri e di depurazione dei fumi. ISEA ONLUS
  21. 21. INQUINAMENTO PRIMARIO Vengono definiti inquinanti primari gli inquinanti direttamente emessi dalle sorgenti. I principali inquinanti primari sono quelli emessi dai processi di combustione di qualunque natura, ovvero gli idrocarburi incombusti, il monossido di carbonio, gli ossidi di azoto (principalmente sotto forma di monossido) ed il materiale particellare. Nel caso in cui i combustibili contengano zolfo, si ha inoltre anche emissione di anidride solforosa. A seguito dell’emissione in atmosfera, gli inquinanti primari sono soggetti a processi di diffusione, trasporto e deposizione, nonché a processi di trasformazione chimico-fisica che possono portare alla formazione di nuove specie inquinanti, che spesso risultano più tossici e di più vasto raggio d'azione degli inquinanti originari. ISEA ONLUS
  22. 22. Sorgenti : Il monossido di carbonio, CO, si forma durante laIl monossido di carbonio, CO, si forma durante la combustione delle sostanze organiche, quando questa è incompleta percombustione delle sostanze organiche, quando questa è incompleta per difetto di ossigeno.difetto di ossigeno. La quantità maggiore di questa specie è prodottaLa quantità maggiore di questa specie è prodotta dagli autoveicoli e dall'industria (impianti siderurgici e raffinerie didagli autoveicoli e dall'industria (impianti siderurgici e raffinerie di petrolio). Nettamente minore è l'emissione di CO dalle centralipetrolio). Nettamente minore è l'emissione di CO dalle centrali termoelettriche e degli impianti di riscaldamento, perché latermoelettriche e degli impianti di riscaldamento, perché la combustione è meglio controllata. Tra i motori degli autoveicoli, quelli acombustione è meglio controllata. Tra i motori degli autoveicoli, quelli a ciclo Diesel ne emettono in minima quantità, perché la combustione delciclo Diesel ne emettono in minima quantità, perché la combustione del gasolio avviene in eccesso di aria. Le emissioni naturali del monossido digasolio avviene in eccesso di aria. Le emissioni naturali del monossido di carbonio comprendono l’ossidazione del metano e degli altri idrocarburicarbonio comprendono l’ossidazione del metano e degli altri idrocarburi naturalmente emessi nell’atmosfera, l’emissione diretta dalle piante enaturalmente emessi nell’atmosfera, l’emissione diretta dalle piante e l’attività microbica negli oceani. Le emissioni naturali ed antropogenichel’attività microbica negli oceani. Le emissioni naturali ed antropogeniche di questa specie sono globalmente dello stesso ordine di grandezza.di questa specie sono globalmente dello stesso ordine di grandezza. GLI INQUINANTI PRIMARI CO (Monossido di carbonio) ISEA ONLUS
  23. 23. Effetti sulla saluteEffetti sulla salute:: Il monossido di carbonio è un gas incolore,Il monossido di carbonio è un gas incolore, inodoro e fortemente tossico: esplica la sua azione sull’uomo formandoinodoro e fortemente tossico: esplica la sua azione sull’uomo formando con l'emoglobina un complesso irreversibile che inibisce il trasporto dicon l'emoglobina un complesso irreversibile che inibisce il trasporto di ossigeno nel sangue, causando problemi al sistema respiratorio e, adossigeno nel sangue, causando problemi al sistema respiratorio e, ad elevate concentrazioni, la morte per asfissia. L'affinità del CO perelevate concentrazioni, la morte per asfissia. L'affinità del CO per l'emoglobina è di oltre 200 volte superiore a quella dell'ossigeno: lal'emoglobina è di oltre 200 volte superiore a quella dell'ossigeno: la carbossiemoglobina che si forma impedisce l'ossigenazione dei tessuti:carbossiemoglobina che si forma impedisce l'ossigenazione dei tessuti: i primi sintomi dell'avvelenamento sono cefalea e vertigine.i primi sintomi dell'avvelenamento sono cefalea e vertigine. L'esposizione prolungata a concentrazioni di 50 ppm (valore che vieneL'esposizione prolungata a concentrazioni di 50 ppm (valore che viene spesso superato nelle vie a forte traffico) è notevolmente dannosa. Laspesso superato nelle vie a forte traffico) è notevolmente dannosa. La quantità di CO emessa dagli scarichi degli autoveicoli è negli ultimi anniquantità di CO emessa dagli scarichi degli autoveicoli è negli ultimi anni diminuita a causa della migliorata efficienza dei motori, del controllodiminuita a causa della migliorata efficienza dei motori, del controllo delle emissioni autoveicolari e dell’utilizzo di marmitte catalitiche.delle emissioni autoveicolari e dell’utilizzo di marmitte catalitiche. Attualmente, la concentrazione atmosferica localizzata di questoAttualmente, la concentrazione atmosferica localizzata di questo inquinante risulta in genere in diminuzione.inquinante risulta in genere in diminuzione. ISEA ONLUS
  24. 24. Ruolo in Atmosfera: La concentrazione atmosferica di CO è di circa 120 ppb nella troposfera non inquinata e di 1-10 ppm nell’aria inquinata di aree intensamente urbanizzate. Il ruolo del monossido di carbonio nella chimica troposferica delle aree industrializzate è di trascurabile importanza, data la scarsa reattività di questa molecola. Il tempo medio di residenza del CO in atmosfera è di circa quattro mesi, e quindi il monossido di carbonio può essere utilizzato come tracciante dell'andamento temporale degli inquinanti primari al livello del suolo. ISEA ONLUS
  25. 25. SO2 (Anidride solforosa) Sorgenti: L’emissione di anidride solforosa deriva dal riscaldamento domestico dai motori alimentali a gasolio, dagli impianti per la produzione di energia, ed in generale dalla combustione di carbone, gasolio ed oli combustibili contenenti piccole percentuali di zolfo, dalla produzione dell'acido solforico, dalla lavorazione di molte materie plastiche, dall'arrostimento delle piriti, dalla desolforazione dei gas naturali. L’emissione naturale di anidride solforosa proviene principalmente dai vulcani. Le emissioni naturali ed antropogeniche di questa specie sono all’incirca dello stesso ordine di grandezza. ISEA ONLUS
  26. 26. Effetti sulla saluteEffetti sulla salute:: L’anidride solforosa è un gas fortementeL’anidride solforosa è un gas fortemente irritante e già a 3 ppm se ne apprezza l’odore pungente. Gli effettiirritante e già a 3 ppm se ne apprezza l’odore pungente. Gli effetti nocivi conseguenti alla sua inalazione interessano le mucose delle primenocivi conseguenti alla sua inalazione interessano le mucose delle prime vie respiratorie e può causare costrizione dei bronchi in soggettivie respiratorie e può causare costrizione dei bronchi in soggetti predisposti, anche a concentrazioni dell’ordine delle centinaia di ppb.predisposti, anche a concentrazioni dell’ordine delle centinaia di ppb. Ruolo in AtmosferaRuolo in Atmosfera:: Per ossidazione radicalica, il biossido di zolfoPer ossidazione radicalica, il biossido di zolfo forma acido solforico, ed è quindi coinvolto nei processi diforma acido solforico, ed è quindi coinvolto nei processi di acidificazione dell’atmosfera, che hanno effetti negativi siaacidificazione dell’atmosfera, che hanno effetti negativi sia sull’ecosistema che sui monumenti e manufatti umani. Negli ultimi anni,sull’ecosistema che sui monumenti e manufatti umani. Negli ultimi anni, in seguito agli interventi operati sulla qualità dei combustibili,in seguito agli interventi operati sulla qualità dei combustibili, l’emissione di biossido di zolfo nelle aree urbane è stata drasticamentel’emissione di biossido di zolfo nelle aree urbane è stata drasticamente ridotta, e quindi la sua importanza come inquinante è notevolmenteridotta, e quindi la sua importanza come inquinante è notevolmente diminuita. I livelli tipici di concentrazione attualmente non superano lediminuita. I livelli tipici di concentrazione attualmente non superano le poche decine di ppbpoche decine di ppb ISEA ONLUS
  27. 27. NO (Monossido di azoto) Sorgenti:Sorgenti: Gli ossidi di azoto, monossido (NO) e biossido (NO2), che,Gli ossidi di azoto, monossido (NO) e biossido (NO2), che, essendo presenti contemporaneamente nell'aria, sono comunementeessendo presenti contemporaneamente nell'aria, sono comunemente indicati come NOx e si formano da tutti i processi di combustione cheindicati come NOx e si formano da tutti i processi di combustione che avvengono ad alta temperatura. Il monossido di azoto si forma peravvengono ad alta temperatura. Il monossido di azoto si forma per reazione dell’ossigeno con l’azoto, nel corso di qualsiasi processo direazione dell’ossigeno con l’azoto, nel corso di qualsiasi processo di combustione che avvenga in aria e ad elevata temperaturacombustione che avvenga in aria e ad elevata temperatura (T>2000°C); l’ulteriore ossidazione del monossido di azoto produce(T>2000°C); l’ulteriore ossidazione del monossido di azoto produce anche tracce di biossido di azoto, che in genere non supera il 5% deglianche tracce di biossido di azoto, che in genere non supera il 5% degli NOx totali emessi. Le emissioni antropogeniche sono principalmenteNOx totali emessi. Le emissioni antropogeniche sono principalmente dovute ai trasporti, all’uso di combustibili per la produzione didovute ai trasporti, all’uso di combustibili per la produzione di elettricità e di calore ed, in misura minore, alle attività industriali.elettricità e di calore ed, in misura minore, alle attività industriali. ISEA ONLUS
  28. 28. Forti quantità sono prodotte dai motori delle automobili, dagli impiantiForti quantità sono prodotte dai motori delle automobili, dagli impianti termici e dalle industrie che producono composti azotati. Negli ultimitermici e dalle industrie che producono composti azotati. Negli ultimi anni le emissioni antropogeniche di ossidi di azoto sono aumentateanni le emissioni antropogeniche di ossidi di azoto sono aumentate notevolmente e questa è la causa principale dell’incremento dellanotevolmente e questa è la causa principale dell’incremento della concentrazione atmosferica delle specie ossidanti. Su scala globale, leconcentrazione atmosferica delle specie ossidanti. Su scala globale, le emissioni naturali ed antropogeniche di NOx sono dello stesso ordine diemissioni naturali ed antropogeniche di NOx sono dello stesso ordine di grandezza.grandezza. Effetti sulla salute: Il monossido di azoto non è causa di danni diretti all'uomo e all'ambiente in generale. Ruolo in Atmosfera: La concentrazione atmosferica del monossido di azoto è di 10-50 ppt nella troposfera non inquinata e di 50-750 ppb nell’aria inquinata. L’importanza del ruolo del monossido d’azoto in atmosfera è legata alla reazione di ossidazione che produce biossido d'azoto (NO2), intermedio fondamentale nei processi di inquinamento secondario ed in particolare di smog fotochimico. ISEA ONLUS
  29. 29. COV - C6H6 (Benzene) Sorgenti:Sorgenti: Per composti organici volatili (COV) si intende un insieme diPer composti organici volatili (COV) si intende un insieme di classi di specie di natura organica caratterizzate da basse pressioni diclassi di specie di natura organica caratterizzate da basse pressioni di vapore a temperatura ambiente che si trovano quindi in atmosferavapore a temperatura ambiente che si trovano quindi in atmosfera principalmente in fase gassosa. Il numero dei composti organici volatiliprincipalmente in fase gassosa. Il numero dei composti organici volatili osservati in atmosfera, sia in aree urbane sia remote, è estremamenteosservati in atmosfera, sia in aree urbane sia remote, è estremamente alto e comprende oltre agli idrocarburi (composti contenenti soltantoalto e comprende oltre agli idrocarburi (composti contenenti soltanto carbonio e ossigeno) anche specie ossigenate quali chetoni, aldeidi,carbonio e ossigeno) anche specie ossigenate quali chetoni, aldeidi, alcoli, acidi ed esteri.alcoli, acidi ed esteri. ISEA ONLUS
  30. 30. Le emissioni naturali dei COV comprendono l'emissione diretta dallaLe emissioni naturali dei COV comprendono l'emissione diretta dalla vegetazione e la degradazione del materiale organico; le emissionivegetazione e la degradazione del materiale organico; le emissioni antropogeniche sono principalmente dovute alla combustioneantropogeniche sono principalmente dovute alla combustione incompleta degli idrocarburi, all’evaporazione di solventi e carburanti,incompleta degli idrocarburi, all’evaporazione di solventi e carburanti, e alle industrie di trasformazione. Su scala globale, le emissionie alle industrie di trasformazione. Su scala globale, le emissioni naturali ed antropogeniche dei COV sono dello stesso ordine dinaturali ed antropogeniche dei COV sono dello stesso ordine di grandezza. L’emissione di benzene nell'atmosfera è principalmentegrandezza. L’emissione di benzene nell'atmosfera è principalmente dovuta ai processi combustivi per la produzione di energia (inclusi idovuta ai processi combustivi per la produzione di energia (inclusi i veicoli a motore) e per il riscaldamento domestico. Il benzene,veicoli a motore) e per il riscaldamento domestico. Il benzene, prodotto commercialmente da petrolio, gas naturale e carbone, vieneprodotto commercialmente da petrolio, gas naturale e carbone, viene utilizzato come solvente e come intermedio nella produzione diutilizzato come solvente e come intermedio nella produzione di composti chimici; tuttavia, da quando è stata riconosciuta la suacomposti chimici; tuttavia, da quando è stata riconosciuta la sua potenziale cancerogenicità, l’utilizzo di questa specie è statopotenziale cancerogenicità, l’utilizzo di questa specie è stato notevolmente ridotto.notevolmente ridotto. ISEA ONLUS
  31. 31. Effetti sulla salute: Per gli effetti diretti sulla salute umana, particolare attenzione viene rivolta ai composti organici aromatici, che rientrano nella classe dei COV; tra gli aromatici volatili, la specie di maggiore interesse per l’inquinamento urbano è il benzene, relativamente stabile (tempo di vita medio di circa quattro giorni) e dotato di accertate proprietà cancerogene. Ruolo in Atmosfera: Il principale ruolo atmosferico dei composti organici volatili è connesso alla formazione di inquinanti secondari. Il benzene è una molecola stabile e relativamente inerte e non ha un ruolo significativo nei processi di inquinamento secondario. Proprio per la sua stabilità e per la prevalente antropicità delle sue sorgenti questa specie può essere utilizzata come tracciante dell'andamento temporale degli inquinanti primari al livello del suolo. La concentrazione di benzene nelle aree urbane varia fra le poche unità e le poche decine di ppb. ISEA ONLUS
  32. 32. IPA: C20H12 (Benzo(a)pirene) Sorgenti:Sorgenti: Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono compostiGli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono composti organici la cui struttura è caratterizzata dalla fusione di due o piùorganici la cui struttura è caratterizzata dalla fusione di due o più anelli aromatici. Gli idrocarburi policiclici aromatici possono derivareanelli aromatici. Gli idrocarburi policiclici aromatici possono derivare da sorgenti naturali (alghe, microrganismi, piante, incendi) ma lada sorgenti naturali (alghe, microrganismi, piante, incendi) ma la principale sorgente atmosferica è di origine antropica ed è laprincipale sorgente atmosferica è di origine antropica ed è la combustione incompleta degli idrocarburi. Nelle aree urbane la fontecombustione incompleta degli idrocarburi. Nelle aree urbane la fonte principale di idrocarburi policiclici aromatici è rappresentata dagliprincipale di idrocarburi policiclici aromatici è rappresentata dagli scarichi autoveicolari.scarichi autoveicolari. ISEA ONLUS
  33. 33. Effetti sulla salute: Gli idrocarburi policiclici aromatici si sono rivelati potenti cancerogeni, favorendo tra l'altro l'insorgere di tumori polmonari. Inoltre, assieme all'ossido di carbonio e al piombo tetraetile, gli idrocarburi, concorrono, a livello cellulare, al blocco enzimatico della catena respiratoria. In particolare il benzopirene, è dotato di forte azione cancerogena, soprattutto sulla cute e sulle strutture dell'apparato respiratorio. Gli IPA sono stati i primi inquinanti atmosferici classificati come cancerogeni e tra questi, quelli costituiti da quattro o più anelli aromatici sono ritenuti i più pericolosi. Ruolo in Atmosfera: Data la stabilità della loro struttura, gli idrocarburi policiclici aromatici risultano piuttosto inerti. In atmosfera questi composti si trovano principalmente nel materiale particellare: benché essi vengano emessi in fase vapore, infatti, a causa della loro bassa tensione di vapore, condensano rapidamente e si adsorbono sulle particelle carboniose. ISEA ONLUS
  34. 34. GLI INQUINANTI SECONDARI O3 (Ozono) Sorgenti:Sorgenti: L’ozono, è uno degli inquinanti secondari dell'atmosfera cheL’ozono, è uno degli inquinanti secondari dell'atmosfera che hanno origine dagli inquinanti primari per effetto di complesse reazionihanno origine dagli inquinanti primari per effetto di complesse reazioni fotochimiche causate dalla radiazione solare. Nella troposfera lafotochimiche causate dalla radiazione solare. Nella troposfera la sorgente principale di ozono è rappresentata dall'ossigeno atomicosorgente principale di ozono è rappresentata dall'ossigeno atomico messo a disposizione dalla fotolisi del biossido d'azoto:messo a disposizione dalla fotolisi del biossido d'azoto: NONO22 + h+ hvv--> NO + O--> NO + O O + OO + O22 --> O--> O33 I processi che determinano la produzione di biossido d’azoto, e quindiI processi che determinano la produzione di biossido d’azoto, e quindi di ozono, vanno sotto il nome di processi radicalici fotochimici,di ozono, vanno sotto il nome di processi radicalici fotochimici, nell’ambito dei quali l'ozono rappresenta la specie fotochimica piùnell’ambito dei quali l'ozono rappresenta la specie fotochimica più importante. L’ozono viene rimosso per fotolisi e per reazione conimportante. L’ozono viene rimosso per fotolisi e per reazione con composti organici volatili e con ossidi di azoto.composti organici volatili e con ossidi di azoto. ISEA ONLUS
  35. 35. Effetti sulla salute: Lo smog fotochimico, oltre a effetti irritanti e tossici sull'uomo (occhi e vie respiratorie) provoca danni particolarmente gravi alla vegetazione. La concentrazione dell'ozono nell'atmosfera è rilevata come indice della presenza di smog fotochimico: l'OMS ha stabilito un massimo di 0,1 ppm. Gli effetti irritanti dell'ozono (bruciore agli occhi e irritazione alla gola) si manifestano già alla concentrazione di 0,1 ppm. Gli effetti biologici nocivi dell’ozono sono legati alle sue proprietà ossidanti. Per quanto riguarda la salute umana, l’ozono in concentrazione superiore agli 80 ppb ha effetti acuti sui polmoni, le cavità nasali e la gola (ma i soggetti sensibili, ad es. gli asmatici, risentono degli effetti dell’ozono anche a concentrazioni più basse). Per quanto riguarda la vegetazione, l’effetto ossidante della molecola si esplica nell’inibizione della fotosintesi e del trasporto delle sostanze nutrienti dalle radici alle foglie e nell’accelerazione del l’invecchiamento. ISEA ONLUS
  36. 36. Ruolo in AtmosferaRuolo in Atmosfera:: Oltre ad essere un prodotto dell'inquinamentoOltre ad essere un prodotto dell'inquinamento fotochimico, l’ozono è anche un precursore di radicali OH, e quindi unfotochimico, l’ozono è anche un precursore di radicali OH, e quindi un iniziatore di processi fotochimici:iniziatore di processi fotochimici: OO33 +h+hvv --> O--> O22 + O+ O O + HO + H22O --> 2OHO --> 2OH Il ruolo di questa specie nei processi di inquinamento fotochimicoIl ruolo di questa specie nei processi di inquinamento fotochimico ossidativo è quindi di primaria importanza. La concentrazione di ozonoossidativo è quindi di primaria importanza. La concentrazione di ozono in atmosfere inquinante può variare da qualche ppb a 200-250 ppb. Lain atmosfere inquinante può variare da qualche ppb a 200-250 ppb. La concentrazione di fondo di questo inquinante varia invece, alle nostreconcentrazione di fondo di questo inquinante varia invece, alle nostre latitudini, fra i 30 ed i 70 ppb, a seconda del periodo dell’annolatitudini, fra i 30 ed i 70 ppb, a seconda del periodo dell’anno.. ISEA ONLUS
  37. 37. NO2 (Biossido di azoto) Sorgenti:Sorgenti: Il biossido d'azoto (NO2) emesso direttamente nei processiIl biossido d'azoto (NO2) emesso direttamente nei processi di combustione costituisce non più del 5% degli ossidi di azoto totali.di combustione costituisce non più del 5% degli ossidi di azoto totali. La presenza in atmosfera di quantità elevate di biossido di azoto èLa presenza in atmosfera di quantità elevate di biossido di azoto è dovuta alla rapida ossidazione del monossido d'azoto da parte didovuta alla rapida ossidazione del monossido d'azoto da parte di ossidanti quali l’ozono e i radicali perossido generati durante i processiossidanti quali l’ozono e i radicali perossido generati durante i processi di ossidazione dei composti organici volatili.di ossidazione dei composti organici volatili. Effetti sulla salute: Concentrazioni atmosferiche elevate di biossido di azoto possono causare all'uomo irritazione delle vie respiratorie e diminuzione delle funzioni polmonari. Sono stati anche ipotizzati effetti negativi sulla crescita delle piante. Il colore giallo-bruno di questa molecola causa inoltre riduzione della visibilità. ISEA ONLUS
  38. 38. Ruolo in AtmosferaRuolo in Atmosfera:: Il biossido d'azoto gioca un ruolo centrale neiIl biossido d'azoto gioca un ruolo centrale nei fenomeni di inquinamento fotochimico in quanto è l'intermediofenomeni di inquinamento fotochimico in quanto è l'intermedio fondamentale per la produzione di ozono, acido nitrico,fondamentale per la produzione di ozono, acido nitrico, perossiacetilnitrato, acido nitroso e di tutta una serie di nitrocompostiperossiacetilnitrato, acido nitroso e di tutta una serie di nitrocomposti tra cui gli idrocarburi policiclici aromatici nitrati. La concentrazionetra cui gli idrocarburi policiclici aromatici nitrati. La concentrazione atmosferica di biossido di azoto varia tra alcune decine e circa 200atmosferica di biossido di azoto varia tra alcune decine e circa 200 ppbppb ISEA ONLUS
  39. 39. La dispersione degli inquinanti in atmosfera, determinata daiLa dispersione degli inquinanti in atmosfera, determinata dai fenomeni di diffusione turbolenta e di trasporto delle masse d’aria,fenomeni di diffusione turbolenta e di trasporto delle masse d’aria, come pure la loro rimozione, determinata dai processi dicome pure la loro rimozione, determinata dai processi di deposizione, sono strettamente dipendenti dal comportamentodeposizione, sono strettamente dipendenti dal comportamento dinamico dei bassi strati dell’atmosfera. Ne consegue che per lodinamico dei bassi strati dell’atmosfera. Ne consegue che per lo studio del comportamento degli inquinanti primari è necessario siastudio del comportamento degli inquinanti primari è necessario sia conoscere il profilo qualitativo, quantitativo e temporale delleconoscere il profilo qualitativo, quantitativo e temporale delle emissioni, sia avere informazioni sui processi meteorologici cheemissioni, sia avere informazioni sui processi meteorologici che regolano il comportamento dinamico della bassa troposfera (classiregolano il comportamento dinamico della bassa troposfera (classi di stabilità, direzione ed intensità del vento).di stabilità, direzione ed intensità del vento). ISEA ONLUS
  40. 40. INQUINAMENTO SECONDARIO Vengono definiti inquinanti secondari quelle specie inquinanti che si formano a seguito di trasformazioni chimico-fisiche degli inquinanti primari, ovvero delle specie chimiche direttamente emesse in atmosfera dalle sorgenti. Fra i processi di formazione di inquinanti secondari, particolare importanza è assunta dalla serie di reazioni che avvengono fra gli ossidi di azoto e gli idrocarburi in presenza di luce solare. Questa catena di reazioni porta all’ossidazione del monossido di azoto (NO) a biossido di azoto (NO2), alla produzione di ozono (O3) ed all’ossidazione degli idrocarburi, con formazione di perossiacetilnitrato (PAN), formaldeide, acido nitrico, nitrati e nitroderivati in fase particellare, e centinaia di altre specie chimiche minori. L’insieme dei prodotti di queste reazioni viene definito come smog fotochimico, che rappresenta una delle forme di inquinamento più dannose per l’ecosistema. L’uso del termine smog è dovuto alla forte riduzione della visibilità che si determina nel corso degli episodi di inquinamento fotochimico, dovuta alla formazione di un grande numero di particelle di notevoli dimensioni. ISEA ONLUS
  41. 41. SMOG FOTOCHIMICO Per l’innesco di un processo di smog fotochimico è necessaria la presenza di luce solare, ossidi di azoto e composti organici volatili; inoltre, il processo è favorito dalla temperatura atmosferica elevata. Poichè gli ossidi di azoto ed i composti organici volatili sono fra i componenti principali delle emissioni nelle aree urbane, le città poste nelle aree geografiche caratterizzate da radiazione solare intensa e temperatura elevata (es. aree mediterranee) costituiscono dei candidati ideali allo sviluppo di episodi di inquinamento fotochimico intenso. Le conoscenze che è necessario acquisire per poter comprendere gli eventi di inquinamento secondario riguardano quindi i processi di trasformazione chimica e chimico-fisica degli inquinanti, i processi dinamici della bassa atmosfera (classi di stabilità, direzione ed intensità del vento) e l’intensità della radiazione solare. ISEA ONLUS
  42. 42. Nella bassa atmosfera, l’ozono si forma dalla reazione dell’ossigeno atmosferico con l’ossigeno atomico prodotto dalla fotolisi del biossido di azoto, e l’ozono formato viene a sua volta rimosso dal monossido di azoto, con nuova formazione di NO2: Nelle atmosfere non inquinate, ove non sono presenti altre specie chimiche in concentrazione apprezzabile, questa serie di reazioni costituisce un ciclo (ciclo fotostazionario dell’ozono) e non vi è alcuna possibilità di inquinamento fotochimico. Il passaggio fondamentale affinché l’atmosfera si possa arricchire di ozono e di altre specie fotossidanti (ovvero di specie chimiche ossidanti formate mediante reazioni chimiche che avvengono solo in presenza di luce) è costituito dalla formazione di NO2 attraverso vie alternative, che non implicano la rimozione di ozono. L’identificazione delle di vie di formazione di NO2 costituisce quindi la chiave di volta per la comprensione dei processi fotochimici ossidativi. ISEA ONLUS
  43. 43. La principale via alternativa per la formazione di NO2 è costituita dall’ossidazione di NO ad opera dei radicali perossido (RO2). Questi radicali liberi si formano dalla degradazione di molecole di idrocarburi volatili (RH) e dalla loro successiva reazione con l’ossigeno atmosferico. L’attacco agli idrocarburi volatili è dovuto alla presenza in atmosfera di altri radicali liberi, i radicali ossidrile (OH): I processi che generano i radicali ossidrile costituiscono quindi i processi fondamentali per l’avvio dei processi di inquinamento fotochimico. ISEA ONLUS
  44. 44. La produzione di radicali OH è anche essa fondamentalmente di tipo fotochimico, ed i principali precursori sono l’acido nitroso, la formaldeide e lo stesso ozono. L’ozono, dunque, non è solo il prodotto quantitativamente più importante dei processi di inquinamento fotochimico, ma è anche parte del "combustibile" che attiva il processo. Lo stesso vale, in misura diversa, per l’acido nitroso e la formaldeide, che sono precursori di radicali OH ma che hanno a loro volta una via di formazione essenzialmente secondaria a partire da specie coinvolte nei processi fotochimici (biossido di azoto per l’acido nitroso e idrocarburi e radicali oppure ozono per la formaldeide). Queste osservazioni permettono di comprendere per quale motivo gli episodi acuti di smog fotochimico spesso persistano, con intensità crescente, per più giorni consecutivi. ISEA ONLUS
  45. 45. La genesi di un evento di smog fotochimico consta quindi di diverse fasi, che possono essere così schematizzate: •un’atmosfera ricca di inquinanti primari, quali ossidi di azoto e idrocarburi volatili, nonché di precursori di radicali OH, come acido nitroso, formaldeide e ozono, viene investita dalla radiazione solare UV; •la radiazione UV provoca la fotolisi di acido nitroso, formaldeide ed ozono (in ordine crescente di livello di energia ultravioletta necessaria per la fotolisi), con produzione di radicali OH; •i radicali OH attaccano varie specie di idrocarburi volatili reattivi, innescando una serie di reazioni a catena che portano alla degradazione delle molecole di idrocarburi e alla formazione di radicali perossido; •i radicali RO2 ossidano il monossido di azoto, producendo NO2; ogni radicale partecipa a parecchi cicli di conversione di NO ad NO2 prima di estinguersi; •il biossido di azoto, per fotolisi, produce ozono, rigenerando una molecola di NO che torna ad essere disponibile per una nuova ossidazione; •in alternativa, il biossido di azoto reagisce con radicali OH, formando acido nitrico, o con radicali perossiacetile formando perossiacetilnitrato (prodotti terminali che esauriscono la catena di reazioni) e viene in tal caso rimosso dal ciclo fotochimico. ISEA ONLUS
  46. 46. CLOROFLUOROCARBURI (CFC) I gas tecnologici climalteranti, a differenza dei precedenti non esistono in natura e sono creati appositamente per l’uso come solventi, nella produzione di schiume isolanti, nei cicli di refrigerazione, ecc,. I clorofluorocarburi, che sono liberati in atmosfera con l’impiego diffuso di vari prodotti industriali, presentano concentrazioni atmosferiche, di per sé basse ma egualmente capaci di dare forti effetti radiativi. La concentrazione CFC-11 che era di 0.175 parti per miliardo (ppb) alcuni anni fa, sta aumentando con un tasso medio annuo del 5.7%. quella di CFC-12, che era di 0.300 ppb una decina di anni fa, sta aumentando con un tasso medio annuo di circa il 6%. I clorofluorocarburi, scoperti da Midgley nel 1928, erano di fatto sostanze chimiche considerate miracolose per i processi di refrigerazione, e per molti anni furono comprensibilmente ritenuti un grande successo industriale. Nel 1974, S. Rowland e M. Molina, in un articolo pubblicato su “Nature” dimostrarono che il cloro dei CFC può agire da catalizzatore in una serie di reazioni chimiche e fitochimiche distruggendo le molecole di ozono. Le emissioni di CFC furono regolamentate nel 1987 con il Protocollo di Montreal. ISEA ONLUS
  47. 47. ISEA ONLUS
  48. 48. Sistemi di abbattimento La necessità di limitare la presenza delle sostanze inquinanti nell’aria comporta spesso l’utilizzo di svariati sistemi di abbattimento. Questi sistemi si sono rivelati pressoché indispensabili nell’ambito delle attività industriali che producono inquinanti aerodispersi in grandi quantità. A seconda della loro funzione, le tecnologie di abbattimento degli inquinanti presenti nelle emissioni industriali si suddividono in tre grandi categorie. Nel caso in cui all’inquinante sia associato un valore economico rilevante, si scelgono dei processi che permettono il suo recupero e l’eventuale riciclo, come l’adsorbimento oppure la condensazione. Se gli inquinanti presenti nelle emissioni sono caratterizzati da un buon potere calorifico e non è molto conveniente dal punto di vista economico un loro recupero per riutilizzarli nel ciclo produttivo, si procede invece al loro incenerimento con il recupero della loro energia sotto forma termica. Se i processi industriali comportano la liberazione di emissioni gassose ricche di particolato si deve invece procedere all’abbattimento degli inquinanti mediante l’utilizzo di sistemi come le camere a deposizione, i cicloni, i separatori ad umido, i precipitatori elettrostatici o i filtri tessili. ISEA ONLUS
  49. 49. PREDEPURAZIONE CAMERE A DEPOSIZIONE CICLONI E MULTICICLONI ISEA ONLUS
  50. 50. FILTRAZIONE TESSILE FILTRI CON PULIZIA A GETTO D’ARIA COMPRESSA FILTRI CON PULIZIA AD INVERSIONE DI FLUSSO ISEA ONLUS
  51. 51. PRECIPITAZIONE ELETTROSTATICA ELETTROFILTRI A SECCO CON CORONA NEGATIVA ELETTROFILTRI UMIDI CON CORONA NEGATIVA ISEA ONLUS
  52. 52. CONDENSAZIONE CONDENSATORI CONVENZIONALI I condensatori a miscela sono in definitiva dei dispositivi molto simili a quelli di lavaggio: depurano le emissioni mettendo a contatto diretto il flusso d’aria da trattare con il liquido di raffreddamento, di solito l’acqua. Il principale vantaggio dei condensatori per contatto consiste nella loro semplicità e nel basso costo. Lo svantaggio è invece dato dal miscelamento dei contaminanti che si sono condensati con l’acqua, cosa che implica un aumento del trattamento delle acque di scarico o costi supplementari per il recupero dei contaminanti. ISEA ONLUS
  53. 53. COMBUSTIONE TORCE COMBUSTORI TERMICI COMBUSTORI CATALITICI ISEA ONLUS
  54. 54. ADSORBIMENTO ADSORBITORI A CARBONI ATTIVI ADSORBITORI A ZEOLITI SINTETICHE L’adsorbimento è un fenomeno che consiste nell’adesione e nel concentramento di sostanze disciolte o aerodisperse a ridosso della zona superficiale di un corpo. Nel campo dei sistemi di bonifica delle emissioni si sfrutta questo processo facendo fluire l’aria da trattare attraverso un materiale poroso; il materiale, detto adsorbente, è in grado di trattenere gli inquinanti sulla sua superficie e permette così di ripulire il flusso dai contaminanti volatili. L’adsorbimento viene generalmente utilizzato quando l’aria è contaminata da uno o due composti pregiati che devono essere riutilizzati nei processi industriali; in questo caso il materiale adsorbente permette di raccogliere queste sostanze per poi reimpiegarle nel ciclo produttivo. ISEA ONLUS
  55. 55. BIOFILTRAZIONE Una volta effettuato il condizionamento, l’aria viene immessa nel biofiltro vero e proprio, facendola passare attraverso un reticolo che permette un afflusso regolare. Il corpo filtrante è costituito da un materiale di supporto caratterizzato dall’avere un’estesa superficie per unità di volume ed è composto solitamente da materiale organico, anche per fornire ai microrganismi il necessario apporto di sostanze nutritive nei periodi non operativi. Per prevenire l’eventuale consumo di questo supporto, in alternativa vengono anche utilizzati dei materiali inerti ricoperti da composti organici, fra cui il carbone attivo che facilita l’assorbimento degli inquinanti. La popolazione microbica si trova nella sottilissima pellicola d’acqua che, per l’alta umidità, ricopre il materiale filtrante; questi microrganismi proliferano degradando i vari composti inquinanti che si disciolgono nello strato acquoso. Risulta chiaro, quindi, che tanto più i contaminanti dell’effluente sono solubili, tanto maggiore sarà la loro eliminazione. . ISEA ONLUS
  56. 56. Grazie per l’attenzione ISEA ONLUS

×