SlideShare a Scribd company logo
1 of 39
Download to read offline
I QUADERNI DELL’ISEA
INQUINAMENTO AMBIENTALE:
INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento
ambientale è l’introduzione
di elementi fisici
– le sostanze inquinanti –
che provocano i diversi tipi
di inquinamento.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L’inquinamento consiste nell’alterazione o contaminazione
ambientale ad opera di agenti inorganici od organici (scarichi, rifiuti,
ecc.) o di batteri, derivanti dalle varie attività umane, produttive o
stanziali.
Questi agenti possono essere in grado di provocare gravi danni alla
salute dell’uomo e degli altri animali che vivono nell’ambiente
contaminato.
A lungo termine ciò determina uno stravolgimento degli equilibri
naturali e danni ambientali che possono generare conseguenze
devastanti.
Pensiamo alla perdita di biodiversità, all’acidificazione delle falde
acquifere e allo stravolgimento generale degli equilibri naturali che a
volte risulta irreversibile.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Le cause dell’inquinamento sono legate agli elementi inquinanti.
Questi producono disagi temporanei, patologie o danni permanenti
per la vita in una data area.
L’alterazione che provoca le cause inquinamento ambientale può
essere di origine chimica o fisica.
L’inquinamento in generale è un rischio concreto per il pianeta.
TIPI DI INQUINAMENTO AMBIENTALE
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Quanti tipi di inquinamento esistono?
Ci sono diversi tipi di inquinamento della Terra e, di
conseguenza, diversi problemi inquinamento.
Anche se solitamente le varie forme di inquinamento
sono intrecciate tra di loro in quanto, all’interno della
Terra, tutto è collegato e tutto è ciclico.
INQUINAMENTO TERMICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Per inquinamento termico si intende un'anomalia, di causa antropica,
delle temperature registrate all'interno di un ecosistema.
Vi sono due tipologie d'inquinamento termico:
 l'inquinamento termico diretto: quando la sorgente inquinante agisce
direttamente immettendo energia termica nell'ecosistema in cui si
colloca, provocandone un innalzamento di temperatura immediato ed
elevato;
 l'inquinamento termico indiretto: quando gli effetti delle sorgenti
inquinanti si ripercuotono a scala globale. In questo caso le sorgenti
inquinanti sono essenzialmente gas che cambiano il clima come
il metano, idrocarburi alogenati e anidride carbonica, responsabili
dell'effetto serra.
INQUINAMENTO TERMICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L'inquinamento termico diretto è spesso riconducibile alla situazione in cui
un'industria riversa nel mare o in un fiume tonnellate di acque di raffreddamento
con pesanti effetti sulla biologia sugli ecosistemi acquatici, come:
 proliferazioni delle specie tolleranti il calore
 proliferazioni di batteri e altri agenti patogeni
 allontanamento o moria delle specie intolleranti al calore
 la morte della flora batterica
 alterazioni nella struttura delle comunità e nel funzionamento
dell'ecosistema.
Inoltre è importante ricordare che un aumento della temperatura implica
diminuzione della solubilità dell'ossigeno che può provocare la perdita di specie
sensibili.
Anche l'isola di calore urbana può considerarsi un inquinamento termico
diretto; nei centri urbani, infatti, la temperatura risulta essere maggiore di 3,5-8
°C rispetto alle periferie o alla campagna.
INQUINAMENTO TERMICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L’inquinamento termico indiretto è considerabile come un aspetto
del riscaldamento globale e dell'effetto serra.
L'effetto serra consiste in un riscaldamento del pianeta per effetto
dell'azione dei cosiddetti gas serra, cioè composti presenti nell'aria a
concentrazioni relativamente basse.
Questi particolari gas permettono alle radiazioni solari di passare
attraverso l'atmosfera, nello stesso tempo però ostacolano il passaggio
verso lo spazio di parte delle radiazioni infrarosse provenienti dalla
superficie della Terra e dalla bassa atmosfera.
INQUINAMENTO TERMICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Ci sono però conseguenze sia sull'ambiente che sull'uomo:
 L'aumento della concentrazione dei gas serra in atmosfera sta
causando un incremento della temperatura globale della Terra, gli
ultimi dodici anni infatti sono stati tra i più caldi mai registrati.
Questo aumento è stato registrato soprattutto nelle aree urbane, sia a
causa dei cambiamenti nelle coperture dei terreni che il maggior
utilizzo di energia.
 Per le persone con problemi cardiovascolari le temperature alte
provocano un maggior lavoro a carico del sistema respiratorio, e
un'attività maggiore per mantenere costante la temperatura interna.
INQUINAMENTO ACUSTICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L'inquinamento acustico è causato soprattutto da un'eccessiva
esposizione a suoni e rumori di elevata intensità.
Questo può avvenire in grandi città e ambienti naturali.
La legge n. 447/1995, art. 2 fornisce la definizione di inquinamento
acustico:
“l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno
tale da provocare fastidio o disturbo al riposo e alle attività umane,
pericolo per la salute umana, deterioramento degli ecosistemi, dei beni
materiali, dei monumenti, dell'ambiente abitativo o dell'ambiente esterno
o tale da interferire con le normali funzioni degli ambienti stessi”.
INQUINAMENTO ACUSTICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L'inquinamento acustico può causare danni psicologici, di pressione e
di stress alle persone che ne sono continuamente sottoposte.
Le cause dell’inquinamento acustico possono derivare dall’attività di fabbriche,
cantieri, aeroporti, autostrade, etc.
Gli effetti del rumore sull'uomo sono molteplici e possono essere distinti in
effetti di danno, effetti di disturbo, annoyance.
Effetti di danno:
 danno specifico: causato ai soggetti che si espongono per periodi prolungati
recando la perdita irreversibile dell'udito (ipoacusia). Si riscontra soprattutto
in ambiente lavorativo;
 danno non specifico: causato da un'esposizione sonora non sufficientemente
elevata da recare danni specifici, però può, col tempo, apportare danni
al sistema uditivo e causare malesseri di tipo psicofisico. Si riscontra in
ambito urbano.
INQUINAMENTO ACUSTICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Effetti di disturbo (alterazione temporanea di un organo o di un sistema)
Annoyance (sensazione di scontento o di fastidio generico)
L'inquinamento acustico urbano, e in particolare quello dovuto a traffico di
veicoli in superficie, determina in prevalenza effetti di disturbo, mentre assai
raramente si può parlare di danno.
La specifica sensibilità individuale può far sì che effetti di disturbo possano
essere indotti dal fenomeno di "musicalizzazione" e "sonorizzazione" degli
spazi condivisi, pubblici, o aperti al pubblico,
come bar, ristoranti, aeroporti, centri commerciali, piscine, spiagge, ecc.
INQUINAMENTO ACUSTICO
Differenza fra suono e rumore
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Lo stesso fenomeno sonoro può essere percepito sia dallo stesso individuo, sia
da più individui. Ne deriva che il suono può essere considerato sia come
fenomeno fisico, quindi misurabile attraverso strumenti oggettivi, sia come
fenomeno legato alla percezione sonora, di natura soggettiva in base allo stato
psico-fisico-emozionale del soggetto che riceve l'onda. Queste due
caratteristiche sono strettamente interdipendenti quindi è spesso non sufficiente
limitarsi a esaminarli in maniera separata. In genere l'onda sonora è un mezzo di
trasmissione di informazioni utili per il soggetto (ad es. l'ascolto di una canzone
piacevole, rumori anomali sintomatici per l'operatore di malfunzionamento della
macchina, ecc.) oppure interferenti con il suo stato psicofisiologico o con
l'attività da lui svolta in quel momento. Nel primo caso è appropriato parlare di
suono, mentre nel secondo solitamente si usa il termine di rumore in quanto
suono non desiderato che il soggetto percepisce come negativo per il suo stato
di benessere.
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
I campi elettromagnetici hanno assunto un'importanza crescente legata
allo sviluppo dei sistemi di telecomunicazione diffusi capillarmente sul
territorio.
Anche l'intensificazione della rete di trasmissione elettrica nonché la
diffusa urbanizzazione, hanno contribuito a destare interesse circa i
possibili effetti sulla salute derivanti dalla permanenza prolungata in
prossimità di queste fonti di emissioni di onde elettromagnetiche.
Il fenomeno definito "inquinamento elettromagnetico" è legato alla
generazione di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici artificiali,
cioè non attribuibili al naturale fondo terrestre o ad eventi naturali, ad
esempio il campo elettrico generato da un fulmine.
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
La propagazione di onde elettromagnetiche come gli impianti radio-TV
e per la telefonia mobile, o gli elettrodotti per il trasporto e la
trasformazione dell'energia elettrica, da apparati per applicazioni
biomedicali, da impianti per lavorazioni industriali, come da tutti quei
dispositivi il cui funzionamento è subordinato a un'alimentazione di rete
elettrica, come gli elettrodomestici.
Mentre i sistemi di tele radiocomunicazione sono progettati per
emettere onde elettromagnetiche, gli impianti di trasporto e gli
utilizzatori di energia elettrica, emettono invece nell'ambiente
circostante campi elettrici e magnetici in maniera non intenzionale.
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
I campi elettromagnetici si propagano sotto forma di onde
elettromagnetiche, per le quali viene definito un parametro, detto
frequenza, che indica il numero di oscillazioni che l'onda
elettromagnetica compie in un secondo.
L'unità di misura della frequenza è l'Hertz (1 Hz equivale a una
oscillazione al secondo).
Sulla base della frequenza viene effettuata una distinzione tra:
 inquinamento elettromagnetico generato da campi a bassa frequenza
(0 Hz - 10 kHz), nel quale rientrano i campi generati dagli elettrodotti
che emettono campi elettromagnetici a 50 Hz;
 inquinamento elettromagnetico generato da campi ad alta frequenza
(10 kHz - 300 GHz) nel quale rientrano i campi generati dagli impianti
radio-TV e di telefonia mobile.
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Questa distinzione è necessaria in quanto le caratteristiche dei campi in
prossimità delle sorgenti variano al variare della frequenza di
emissione, così come variano i meccanismi di interazione di tali campi
con gli esseri viventi e quindi le possibili conseguenze per la salute.
In risposta alla necessità, oramai da tempo avvertita sia a livello
nazionale ma ancor più a livello locale, di un censimento delle sorgenti
inquinanti e sulla base anche di quanto previsto dallo scenario
normativo, è in corso la costituzione di specifici catasti (nazionale e
regionali) delle sorgenti di campo elettromagnetico come supporto per
le attività di controllo, di informazione della cittadinanza e, soprattutto,
per l'attività di pianificazione.
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Sia nel settore delle radiofrequenze che in quello delle frequenze
estremamente basse l'entità delle attività di controllo è in fase di
continua crescita; ciò è dovuto sia alla crescente pressione sul territorio
che alle richieste da parte della popolazione.
La tendenza futura va verso l'adozione di nuove tecnologie che
modificheranno l'assetto ambientale e paesaggistico, principalmente dei
siti urbani.
L'adozione di tecnologie a basso impatto e una buona pianificazione
territoriale consentiranno di raggiungere un buon compromesso tra la
diffusione delle sorgenti impattanti e la tutela dell'ambiente.
INQUINAMENTO ATMOSFERICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L'inquinamento atmosferico è la presenza nell'atmosfera terrestre, di
agenti fisici (come il carbonioso), chimici (come gli idrocarburi)
e inquinanti biologici (come per esempio l'antrace) che modificano le
caratteristiche naturali atmosferiche causando un effetto dannoso su
esseri viventi e ambiente.
INQUINAMENTO ATMOSFERICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Gli effetti sulla salute umana dovuti alla scarsa qualità
dell'aria coinvolgono principalmente il sistema respiratorio e il sistema
cardiovascolare.
Le reazioni individuali agli inquinamenti atmosferici dipendono dal tipo
di inquinante a cui una persona è esposta, dal grado di esposizione,
dallo stato di salute dell'individuo e dalla genetica.
L'inquinamento dell'aria interna e la scarsa qualità dell'aria urbana sono
elencati come due dei peggiori problemi di inquinamento tossico al
mondo.
INQUINAMENTO ATMOSFERICO
Differenza fra inquinante e contaminante
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Nel 1973 Williamson ha proposto la distinzione tra inquinante e
contaminante: un contaminante è "ogni cosa che viene aggiunta
all'ambiente che causa una deviazione dalla composizione geochimica
media"; l'inquinante, invece, è un contaminante che causa effetti nocivi
all'ambiente.
I fenomeni di inquinamento atmosferico sono il risultato di una
complessa competizione tra fattori, che portano ad un accumulo degli
inquinanti, ed altri che invece determinano la loro rimozione e la loro
diluizione nell'atmosfera. L'entità e le modalità di emissione (sorgenti
puntiformi o diffuse, altezza di emissione), i tempi di persistenza degli
inquinanti e il grado di mescolamento dell'aria sono alcuni dei principali
fattori che producono variazioni spazio-temporali della composizione
dell'aria.
INQUINAMENTO IDRICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
L’inquinamento idrico riguarda la qualità dell’acqua a disposizione.
Nell’acqua l’inquinamento è dovuto alla contaminazione da sostanze
nocive e tossiche, da rifiuti di natura biologica (le fogne).
L’acqua inquinata rappresenta un grave rischio per la salute umana e
per quella degli altri animali.
Questo costituisce inquinamento biologico dell’acqua.
INQUINAMENTO IDRICO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Tra le cause dell’inquinamento idrico ci sono gli scarichi delle attività
industriali e agricole e delle consuete attività umane (chimici e biologici
come nel caso delle fogne).
Le cause inquinamento dell’acqua arrivano nei mari, attraverso le falde
acquifere di superfice, i fiumi e i laghi. Si provoca così inquinamento
fluviale.
Il risultato di inquinamento idrico si traduce a lungo termine
nell’acidificazione delle piogge.
INQUINAMENTO MARINO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Per inquinamento marino si intende la contaminazione e
l’avvelenamento del mare che, come noto, ricopre la maggior parte della
nostra superficie terrestre.
Le conseguenze sono tra le più disastrose: si parla, infatti, di
impoverimento delle risorse ittiche, danno al turismo, pericolo per i
bagnanti che immergendosi nelle acque rischiano di incontrare
sostanze nocive e perdita di tantissime specie marine sia per
soffocamento che per il contatto con materiali davvero pericolosi.
INQUINAMENTO MARINO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Purtroppo, le cause sono davvero tante:
 Plastica: secondo lo studio di Science Advances, negli ultimi anni la
produzione di plastica è aumentata di circa 20 tonnellate nel mondo,
ma di queste solo il 20% viene correttamente riciclata. La restante
parte spesso viene depositata nelle acque del mare. La plastica è
davvero dannosa in particolar modo per le specie marine che,
scambiandola per frammenti per cibo, la ingurgitano e rischiano
seriamente di morire soffocati;
 Petrolio: una delle principali fonti di inquinamento idrico, causa di
disastri ambientali. Non di rado avvengono i cosiddetti incidenti tra
petroliere che portano al riversamento in mare di un’ingente quantità
di petrolio, pericolosissima per la salute del pianeta.
INQUINAMENTO MARINO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
 Scarichi industriali: anche questi colpiscono moltissimo la salute
delle acque marine. Nei paesi in via di sviluppo e privi di controllo,
nella totale illegalità, non di rado vengono scaricate diverse sostanze
in mare, come solfati, metalli pesanti e solventi. Il rischio? Morte dei
pesci e serio rischio per la salute umana;
 Liquami fognari: il mare non viene contaminato solo da sostanze
chimiche ma anche biologiche. In particolar modo, in Occidente, tutti
gli scarichi riversati da corsi d’acqua interni del nostro territorio,
portano al riversamento di liquami ma anche di sostanze
chimiche come liquidi igienici, detersivi e carta, solo per citarne
alcuni. A causa del mancato rispetto delle norme, anche gli
allevamenti animali e i loro scarichi portano alla distruzione del
benessere delle acque del nostro pianeta.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
COME SI INQUINA L’AMBIENTE ?
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Come si inquina l’ambiente?
I modi per inquinare l’ambiente sono tanti e corrispondono ai vari tipi di
inquinamento ambientale, che sia idrico, acustico, marino etc..
Come si inquina la Terra? La terra inquinata si ha quando si rilasciano
nell’ambiente sostanze chimiche nocive, scaricando in mare o nei fiumi i
prodotti di scarico delle industrie, la plastica e i rifiuti, abbandonando rifiuti
nell’ambiente, utilizzando in modo massiccio diserbanti e pesticidi.
Ci sono poi modi indiretti di inquinare che riguardano la deforestazione, il
prelievo eccessivo di acque di falda o da fiumi e canali, l’erosione del suolo
per il prelievo di materiali da costruzione, la produzione e l’utilizzo eccessivo
di plastica non riciclata.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Per abbassare la soglia di inquinamento ambientale e di inquinamento rifiuti
è necessario uno sforzo politico di regolamentazione dei processi di
produzione, di riciclo e di smaltimenti dei rifiuti speciali e un netto
spostamento della nostra economia nel senso di un’economia circolare,
basata su manutenzione e riciclo, piuttosto che sulla produzione di nuovi
beni di consumo, utilizzo di energie rinnovabili, grazie all’aria, acqua e
suolo, ed autosostentamento degli edifici e delle comunità locali.
Ognuno di noi può fare uno sforzo mutando le abitudini di acquisto e di
consumo, incrementando il fai da te e il riciclo di oggetti ed abiti, la raccolta
differenziata e l’abitudine di non lasciare rifiuti inquinanti nell’ambiente
compresi i mozziconi di sigaretta.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Quali sono gli inquinanti più pericolosi provenienti dalle industrie?
Ogni inquinante agisce in modo diverso a seconda del suolo e dell’ambiente
in cui viene immesso.
Non è possibile prevedere quali saranno le conseguenze di un inquinante in
un dato ambiente, ma ci sono sostanze chimiche che sono più nocive di
altre.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Studi sugli inquinanti ambientali hanno individuato le sei sostanze
inquinanti più pericolose provenienti dalle industrie:
 Inquinamento ambientale da cromo esavalente
 Inquinamento ambientale da piombo
 Il problema dell’inquinamento da mercurio
 Pesticidi e il loro problema inquinamento ambientale
 Radionuclidi e i danni all’ambiente
 Inquinamento ambientale da cadmio
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da cromo esavalente
Tra le industrie che utilizzano il cromo esavalente figurano le concerie e
quelle che si occupano di lavorazione di metalli, saldature in acciaio
inossidabile, produzione di cromati e della manifattura di pigmenti di cromo.
I coloranti giallo, arancione e rosso spesso contengono pigmenti di cromo,
per cui tracce di questa sostanza inquinante possono essere trovate nel
cuoio conciato con solfato di cromo, nelle pentole in acciaio inox e nel legno
trattato con bicromato di rame.
A seconda del percorso di esposizione, il cromo può causare danni al
sistema respiratorio e a quello gastrointestinale nonché diversi tipi di
tumore.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da piombo
Il piombo viene estratto dalle miniere sotterranee e successivamente
impiegato per una vasta gamma di prodotti e combinato con altri metalli per
produrre leghe.
Spesso viene rilasciato nell’ambiente durante i processi di estrazione,
fusione e anche durante le fasi di riciclo delle batterie piombo-acido usate
(ULAB).
L’esposizione al piombo per inalazione di aria, ingestione orale di terra,
acqua o prodotti alimentari contaminati, così come attraverso il contatto con
la pelle, può comportare inquinamento conseguenze negative per la salute,
tra cui disturbi neurologici, ridotto IQ, anemia, disturbi nervosi e tante altre
malattie.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da mercurio
Il mercurio elementare è rilasciato più frequentemente nell’ambiente durante
il suo processo di estrazione dal solfuro di mercurio rosso e dalle emissioni
delle centrali elettriche a carbone.
Viene utilizzato in molti processi industriali, ad esempio per l’estrazione
dell’oro dalla roccia, ed è inoltre contenuto in prodotti quali termometri,
otturazioni dentali e lampade a risparmio energetico.
L’esposizione al mercurio elementare può causare danni al cervello, ai reni e
al sistema immunitario.
Può avere un effetto negativo anche sullo sviluppo del feto.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da pesticidi
I pesticidi sono sostanze di natura chimica prodotte dalle industrie ed
utilizzate in agricoltura.
Con la pioggia i pesticidi vengono lavati via dai campi e raggiungono le
falde acquifere.
L’esposizione prolungata ai pesticidi può avere un esteso impatto negativo
sulla salute neurologica, riproduttiva e dermatologica.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da radionuclidi
Il rilascio di radionuclidi nell’ambiente è principalmente dovuto a processi
industriali.
Di questi sono compresi anche l’estrazione di uranio, lo smaltimento dei
rifiuti minerari, la produzione di energia nucleare, la creazione e i test sulle
armi nucleari. E infine, anche lo sviluppo e l’utilizzo di prodotti di radiologia
in campo medicale.
L’esposizione ai radionuclidi per inalazione o ingestione orale può avere
gravi conseguenze sulla salute. Tra queste troviamo nausea, vomito e mal di
testa fino ai problemi cronici, come affaticamento, letargia, febbre, perdita di
capelli, vertigini, disorientamento, diarrea, sangue nelle feci, pressione,
sanguigna bassa, e anche la morte nonché tumori.
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
Inquinamento ambientale da cadmio
Il cadmio è presente in particolar modo in Asia, come sottoprodotto delle
attività minerarie per l’estrazione dello zinco, del piombo e del rame, così
come della produzione di pesticidi e fertilizzanti.
Anche una minima quantità di cadmio può avere un impatto molto grave
sulla salute.
A causa dell’elevata tossicità, l’Unione europea ne ha proibito l’utilizzo per la
produzione di gioielli, leghe e PVC.
L’avvelenamento da cadmio, causato per inalazione di polveri e fumi o
ingestione di suoi composti, causa rapidamente vertigini, gola secca e
nausea.
I QUADERNI DELL’ISEA
INQUINAMENTO AMBIENTALE
INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO
ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

More Related Content

What's hot (20)

Parini
PariniParini
Parini
 
Didattica inclusiva, sostenibile, creativa
Didattica inclusiva, sostenibile, creativaDidattica inclusiva, sostenibile, creativa
Didattica inclusiva, sostenibile, creativa
 
Marco aurelio 2 testi
Marco aurelio   2 testiMarco aurelio   2 testi
Marco aurelio 2 testi
 
Gli strumenti compensativi informatici
Gli strumenti compensativi informaticiGli strumenti compensativi informatici
Gli strumenti compensativi informatici
 
Donatello
DonatelloDonatello
Donatello
 
Carlo Goldoni
Carlo GoldoniCarlo Goldoni
Carlo Goldoni
 
Pedagogia speciale
Pedagogia specialePedagogia speciale
Pedagogia speciale
 
Psicologia generale la memoria
Psicologia generale   la memoriaPsicologia generale   la memoria
Psicologia generale la memoria
 
Giulio Romano
Giulio RomanoGiulio Romano
Giulio Romano
 
Benvenuti a teatro
Benvenuti a teatroBenvenuti a teatro
Benvenuti a teatro
 
9 Storia Della Scenografia Novecento
9 Storia Della Scenografia Novecento9 Storia Della Scenografia Novecento
9 Storia Della Scenografia Novecento
 
LA MUSICA NEL MEDIOEVO
LA MUSICA NEL MEDIOEVOLA MUSICA NEL MEDIOEVO
LA MUSICA NEL MEDIOEVO
 
Inquinamento elettromagnetico
Inquinamento elettromagneticoInquinamento elettromagnetico
Inquinamento elettromagnetico
 
Storia della Pedagogia 01
Storia della Pedagogia 01Storia della Pedagogia 01
Storia della Pedagogia 01
 
Il metabolismo
Il metabolismoIl metabolismo
Il metabolismo
 
Personalita' n
Personalita' nPersonalita' n
Personalita' n
 
Apprendimento
ApprendimentoApprendimento
Apprendimento
 
016 Analisi del periodo
016 Analisi del periodo016 Analisi del periodo
016 Analisi del periodo
 
Apprendimento e pensiero
Apprendimento e pensieroApprendimento e pensiero
Apprendimento e pensiero
 
Attività e giochi su empatia, emozioni
Attività e giochi su empatia, emozioniAttività e giochi su empatia, emozioni
Attività e giochi su empatia, emozioni
 

Similar to I QUADERNI DELL'ISEA - INQUINAMENTO AMBIENTALE: INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO.pdf

Inquinamento Dell'aria
Inquinamento Dell'ariaInquinamento Dell'aria
Inquinamento Dell'ariapincop
 
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazione
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazioneInquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazione
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazioneOdgToscana
 
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario Canciani
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario CancianicENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario Canciani
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario CancianiErmanno Furlanis
 
Scienze_Edwin_Castri.pptx
Scienze_Edwin_Castri.pptxScienze_Edwin_Castri.pptx
Scienze_Edwin_Castri.pptxEdwinCastri
 
Cambiamenti Climatici
Cambiamenti ClimaticiCambiamenti Climatici
Cambiamenti Climaticiboma21
 
Rifiuti Non Bruciamo Il Nostro Futuro
Rifiuti   Non Bruciamo Il Nostro FuturoRifiuti   Non Bruciamo Il Nostro Futuro
Rifiuti Non Bruciamo Il Nostro Futurofacc8
 
Il degrado dell'ambiente Leila Orlando
Il degrado dell'ambiente Leila OrlandoIl degrado dell'ambiente Leila Orlando
Il degrado dell'ambiente Leila OrlandoLeila Orlando
 
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambiente
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambienteInquinamento atmosferico e patologia legata all'ambiente
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambienteDario
 
Climate changes- I cambiamenti climatici
Climate changes- I cambiamenti climaticiClimate changes- I cambiamenti climatici
Climate changes- I cambiamenti climaticiAnna Caldarelli
 

Similar to I QUADERNI DELL'ISEA - INQUINAMENTO AMBIENTALE: INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO.pdf (20)

Esercizio 4
Esercizio 4Esercizio 4
Esercizio 4
 
Inquinamento Dell'aria
Inquinamento Dell'ariaInquinamento Dell'aria
Inquinamento Dell'aria
 
L'AMBIENTE
L'AMBIENTEL'AMBIENTE
L'AMBIENTE
 
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazione
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazioneInquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazione
Inquinamento, ambiente e salute: concetti generali e fonti di documentazione
 
Inquinamento atmosferico
Inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico
Inquinamento atmosferico
 
Suolo
Suolo Suolo
Suolo
 
1 N
1 N1 N
1 N
 
L ambiente (2)
L ambiente (2)L ambiente (2)
L ambiente (2)
 
Ambiente fisico
Ambiente fisicoAmbiente fisico
Ambiente fisico
 
Energia in gioco e clima
Energia in gioco e climaEnergia in gioco e clima
Energia in gioco e clima
 
Slide Prof. Tamino
Slide Prof. TaminoSlide Prof. Tamino
Slide Prof. Tamino
 
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario Canciani
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario CancianicENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario Canciani
cENTRALE SEDEGLIANO RELAZIONE dott. Mario Canciani
 
Scienze_Edwin_Castri.pptx
Scienze_Edwin_Castri.pptxScienze_Edwin_Castri.pptx
Scienze_Edwin_Castri.pptx
 
Ambiente (1)
Ambiente   (1)Ambiente   (1)
Ambiente (1)
 
Cambiamenti Climatici
Cambiamenti ClimaticiCambiamenti Climatici
Cambiamenti Climatici
 
Rifiuti Non Bruciamo Il Nostro Futuro
Rifiuti   Non Bruciamo Il Nostro FuturoRifiuti   Non Bruciamo Il Nostro Futuro
Rifiuti Non Bruciamo Il Nostro Futuro
 
Il degrado dell'ambiente Leila Orlando
Il degrado dell'ambiente Leila OrlandoIl degrado dell'ambiente Leila Orlando
Il degrado dell'ambiente Leila Orlando
 
6 Biomasse
6 Biomasse6 Biomasse
6 Biomasse
 
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambiente
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambienteInquinamento atmosferico e patologia legata all'ambiente
Inquinamento atmosferico e patologia legata all'ambiente
 
Climate changes- I cambiamenti climatici
Climate changes- I cambiamenti climaticiClimate changes- I cambiamenti climatici
Climate changes- I cambiamenti climatici
 

More from ISEA ODV

I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptxI QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptxISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptxI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptxISEA ODV
 
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptx
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptxI QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptx
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptxISEA ODV
 
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdfSegnalibro numero 3 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdfISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdfISEA ODV
 
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdfSegnalibro numero 2 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdfISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdfISEA ODV
 
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdf
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdfDossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdf
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdfISEA ODV
 
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdfISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdfISEA ODV
 
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdf
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdfOPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdf
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdfISEA ODV
 
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdfSegnalibro numero 1 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdfISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdfISEA ODV
 
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdf
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdfA - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdf
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdfISEA ODV
 
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdf
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdfBROCHURE ISEA ODV - 2023.pdf
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdfISEA ODV
 
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdfISEA ODV
 
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdfSegnalibro numero 3 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdfISEA ODV
 
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdfSegnalibro numero 2 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdfISEA ODV
 
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdfSegnalibro numero 1 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdfISEA ODV
 
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...ISEA ODV
 

More from ISEA ODV (20)

I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptxI QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - IL BISFENOLO A.pptx
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptxI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptx
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL CASTAGNO.pptx
 
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptx
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptxI QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptx
I QUADRNI DELL'ISEA - GHOSTING.pptx
 
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdfSegnalibro numero 3 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2023.pdf
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - LA QUERCIA.pdf
 
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdfSegnalibro numero 2 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2023.pdf
 
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - ALBERI - IL PLATANO.pdf
 
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdf
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdfDossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdf
Dossier Impianti Alternativi agli Inceneritori.pdf
 
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf
26.03.2019 - PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO.pdf
 
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - LA GESTIONE DEI CONFLITTI.pdf
 
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdf
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdfOPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdf
OPUSCOLO INFORMATIVO SU CAMPI ELETTROMAGNETICI.pdf
 
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdfSegnalibro numero 1 anno 2023.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2023.pdf
 
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - DIETA VEGETARIANA.pdf
 
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdf
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdfA - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdf
A - I QUADERNI DELL'ISEA - LINEE GUIDA SULL'IMPATTO ACUSTICO - COMPLETO.pdf
 
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdf
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdfBROCHURE ISEA ODV - 2023.pdf
BROCHURE ISEA ODV - 2023.pdf
 
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdfI QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdf
I QUADERNI DELL'ISEA - UCCELLI.pdf
 
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdfSegnalibro numero 3 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 3 anno 2022.pdf
 
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdfSegnalibro numero 2 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 2 anno 2022.pdf
 
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdfSegnalibro numero 1 anno 2022.pdf
Segnalibro numero 1 anno 2022.pdf
 
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...
La storia rivista con i nostri occhi - SALERNO - Il trasporto collettivo e il...
 

I QUADERNI DELL'ISEA - INQUINAMENTO AMBIENTALE: INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO.pdf

  • 1. I QUADERNI DELL’ISEA INQUINAMENTO AMBIENTALE: INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
  • 2. Inquinamento ambientale è l’introduzione di elementi fisici – le sostanze inquinanti – che provocano i diversi tipi di inquinamento. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
  • 3. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L’inquinamento consiste nell’alterazione o contaminazione ambientale ad opera di agenti inorganici od organici (scarichi, rifiuti, ecc.) o di batteri, derivanti dalle varie attività umane, produttive o stanziali. Questi agenti possono essere in grado di provocare gravi danni alla salute dell’uomo e degli altri animali che vivono nell’ambiente contaminato. A lungo termine ciò determina uno stravolgimento degli equilibri naturali e danni ambientali che possono generare conseguenze devastanti. Pensiamo alla perdita di biodiversità, all’acidificazione delle falde acquifere e allo stravolgimento generale degli equilibri naturali che a volte risulta irreversibile.
  • 4. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Le cause dell’inquinamento sono legate agli elementi inquinanti. Questi producono disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area. L’alterazione che provoca le cause inquinamento ambientale può essere di origine chimica o fisica. L’inquinamento in generale è un rischio concreto per il pianeta.
  • 5. TIPI DI INQUINAMENTO AMBIENTALE ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Quanti tipi di inquinamento esistono? Ci sono diversi tipi di inquinamento della Terra e, di conseguenza, diversi problemi inquinamento. Anche se solitamente le varie forme di inquinamento sono intrecciate tra di loro in quanto, all’interno della Terra, tutto è collegato e tutto è ciclico.
  • 6. INQUINAMENTO TERMICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Per inquinamento termico si intende un'anomalia, di causa antropica, delle temperature registrate all'interno di un ecosistema. Vi sono due tipologie d'inquinamento termico:  l'inquinamento termico diretto: quando la sorgente inquinante agisce direttamente immettendo energia termica nell'ecosistema in cui si colloca, provocandone un innalzamento di temperatura immediato ed elevato;  l'inquinamento termico indiretto: quando gli effetti delle sorgenti inquinanti si ripercuotono a scala globale. In questo caso le sorgenti inquinanti sono essenzialmente gas che cambiano il clima come il metano, idrocarburi alogenati e anidride carbonica, responsabili dell'effetto serra.
  • 7. INQUINAMENTO TERMICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L'inquinamento termico diretto è spesso riconducibile alla situazione in cui un'industria riversa nel mare o in un fiume tonnellate di acque di raffreddamento con pesanti effetti sulla biologia sugli ecosistemi acquatici, come:  proliferazioni delle specie tolleranti il calore  proliferazioni di batteri e altri agenti patogeni  allontanamento o moria delle specie intolleranti al calore  la morte della flora batterica  alterazioni nella struttura delle comunità e nel funzionamento dell'ecosistema. Inoltre è importante ricordare che un aumento della temperatura implica diminuzione della solubilità dell'ossigeno che può provocare la perdita di specie sensibili. Anche l'isola di calore urbana può considerarsi un inquinamento termico diretto; nei centri urbani, infatti, la temperatura risulta essere maggiore di 3,5-8 °C rispetto alle periferie o alla campagna.
  • 8. INQUINAMENTO TERMICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L’inquinamento termico indiretto è considerabile come un aspetto del riscaldamento globale e dell'effetto serra. L'effetto serra consiste in un riscaldamento del pianeta per effetto dell'azione dei cosiddetti gas serra, cioè composti presenti nell'aria a concentrazioni relativamente basse. Questi particolari gas permettono alle radiazioni solari di passare attraverso l'atmosfera, nello stesso tempo però ostacolano il passaggio verso lo spazio di parte delle radiazioni infrarosse provenienti dalla superficie della Terra e dalla bassa atmosfera.
  • 9. INQUINAMENTO TERMICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Ci sono però conseguenze sia sull'ambiente che sull'uomo:  L'aumento della concentrazione dei gas serra in atmosfera sta causando un incremento della temperatura globale della Terra, gli ultimi dodici anni infatti sono stati tra i più caldi mai registrati. Questo aumento è stato registrato soprattutto nelle aree urbane, sia a causa dei cambiamenti nelle coperture dei terreni che il maggior utilizzo di energia.  Per le persone con problemi cardiovascolari le temperature alte provocano un maggior lavoro a carico del sistema respiratorio, e un'attività maggiore per mantenere costante la temperatura interna.
  • 10. INQUINAMENTO ACUSTICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L'inquinamento acustico è causato soprattutto da un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata intensità. Questo può avvenire in grandi città e ambienti naturali. La legge n. 447/1995, art. 2 fornisce la definizione di inquinamento acustico: “l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale da provocare fastidio o disturbo al riposo e alle attività umane, pericolo per la salute umana, deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dell'ambiente abitativo o dell'ambiente esterno o tale da interferire con le normali funzioni degli ambienti stessi”.
  • 11. INQUINAMENTO ACUSTICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L'inquinamento acustico può causare danni psicologici, di pressione e di stress alle persone che ne sono continuamente sottoposte. Le cause dell’inquinamento acustico possono derivare dall’attività di fabbriche, cantieri, aeroporti, autostrade, etc. Gli effetti del rumore sull'uomo sono molteplici e possono essere distinti in effetti di danno, effetti di disturbo, annoyance. Effetti di danno:  danno specifico: causato ai soggetti che si espongono per periodi prolungati recando la perdita irreversibile dell'udito (ipoacusia). Si riscontra soprattutto in ambiente lavorativo;  danno non specifico: causato da un'esposizione sonora non sufficientemente elevata da recare danni specifici, però può, col tempo, apportare danni al sistema uditivo e causare malesseri di tipo psicofisico. Si riscontra in ambito urbano.
  • 12. INQUINAMENTO ACUSTICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Effetti di disturbo (alterazione temporanea di un organo o di un sistema) Annoyance (sensazione di scontento o di fastidio generico) L'inquinamento acustico urbano, e in particolare quello dovuto a traffico di veicoli in superficie, determina in prevalenza effetti di disturbo, mentre assai raramente si può parlare di danno. La specifica sensibilità individuale può far sì che effetti di disturbo possano essere indotti dal fenomeno di "musicalizzazione" e "sonorizzazione" degli spazi condivisi, pubblici, o aperti al pubblico, come bar, ristoranti, aeroporti, centri commerciali, piscine, spiagge, ecc.
  • 13. INQUINAMENTO ACUSTICO Differenza fra suono e rumore ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Lo stesso fenomeno sonoro può essere percepito sia dallo stesso individuo, sia da più individui. Ne deriva che il suono può essere considerato sia come fenomeno fisico, quindi misurabile attraverso strumenti oggettivi, sia come fenomeno legato alla percezione sonora, di natura soggettiva in base allo stato psico-fisico-emozionale del soggetto che riceve l'onda. Queste due caratteristiche sono strettamente interdipendenti quindi è spesso non sufficiente limitarsi a esaminarli in maniera separata. In genere l'onda sonora è un mezzo di trasmissione di informazioni utili per il soggetto (ad es. l'ascolto di una canzone piacevole, rumori anomali sintomatici per l'operatore di malfunzionamento della macchina, ecc.) oppure interferenti con il suo stato psicofisiologico o con l'attività da lui svolta in quel momento. Nel primo caso è appropriato parlare di suono, mentre nel secondo solitamente si usa il termine di rumore in quanto suono non desiderato che il soggetto percepisce come negativo per il suo stato di benessere.
  • 14. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO I campi elettromagnetici hanno assunto un'importanza crescente legata allo sviluppo dei sistemi di telecomunicazione diffusi capillarmente sul territorio. Anche l'intensificazione della rete di trasmissione elettrica nonché la diffusa urbanizzazione, hanno contribuito a destare interesse circa i possibili effetti sulla salute derivanti dalla permanenza prolungata in prossimità di queste fonti di emissioni di onde elettromagnetiche. Il fenomeno definito "inquinamento elettromagnetico" è legato alla generazione di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici artificiali, cioè non attribuibili al naturale fondo terrestre o ad eventi naturali, ad esempio il campo elettrico generato da un fulmine.
  • 15. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO La propagazione di onde elettromagnetiche come gli impianti radio-TV e per la telefonia mobile, o gli elettrodotti per il trasporto e la trasformazione dell'energia elettrica, da apparati per applicazioni biomedicali, da impianti per lavorazioni industriali, come da tutti quei dispositivi il cui funzionamento è subordinato a un'alimentazione di rete elettrica, come gli elettrodomestici. Mentre i sistemi di tele radiocomunicazione sono progettati per emettere onde elettromagnetiche, gli impianti di trasporto e gli utilizzatori di energia elettrica, emettono invece nell'ambiente circostante campi elettrici e magnetici in maniera non intenzionale.
  • 16. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO I campi elettromagnetici si propagano sotto forma di onde elettromagnetiche, per le quali viene definito un parametro, detto frequenza, che indica il numero di oscillazioni che l'onda elettromagnetica compie in un secondo. L'unità di misura della frequenza è l'Hertz (1 Hz equivale a una oscillazione al secondo). Sulla base della frequenza viene effettuata una distinzione tra:  inquinamento elettromagnetico generato da campi a bassa frequenza (0 Hz - 10 kHz), nel quale rientrano i campi generati dagli elettrodotti che emettono campi elettromagnetici a 50 Hz;  inquinamento elettromagnetico generato da campi ad alta frequenza (10 kHz - 300 GHz) nel quale rientrano i campi generati dagli impianti radio-TV e di telefonia mobile.
  • 17. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Questa distinzione è necessaria in quanto le caratteristiche dei campi in prossimità delle sorgenti variano al variare della frequenza di emissione, così come variano i meccanismi di interazione di tali campi con gli esseri viventi e quindi le possibili conseguenze per la salute. In risposta alla necessità, oramai da tempo avvertita sia a livello nazionale ma ancor più a livello locale, di un censimento delle sorgenti inquinanti e sulla base anche di quanto previsto dallo scenario normativo, è in corso la costituzione di specifici catasti (nazionale e regionali) delle sorgenti di campo elettromagnetico come supporto per le attività di controllo, di informazione della cittadinanza e, soprattutto, per l'attività di pianificazione.
  • 18. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Sia nel settore delle radiofrequenze che in quello delle frequenze estremamente basse l'entità delle attività di controllo è in fase di continua crescita; ciò è dovuto sia alla crescente pressione sul territorio che alle richieste da parte della popolazione. La tendenza futura va verso l'adozione di nuove tecnologie che modificheranno l'assetto ambientale e paesaggistico, principalmente dei siti urbani. L'adozione di tecnologie a basso impatto e una buona pianificazione territoriale consentiranno di raggiungere un buon compromesso tra la diffusione delle sorgenti impattanti e la tutela dell'ambiente.
  • 19. INQUINAMENTO ATMOSFERICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L'inquinamento atmosferico è la presenza nell'atmosfera terrestre, di agenti fisici (come il carbonioso), chimici (come gli idrocarburi) e inquinanti biologici (come per esempio l'antrace) che modificano le caratteristiche naturali atmosferiche causando un effetto dannoso su esseri viventi e ambiente.
  • 20. INQUINAMENTO ATMOSFERICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Gli effetti sulla salute umana dovuti alla scarsa qualità dell'aria coinvolgono principalmente il sistema respiratorio e il sistema cardiovascolare. Le reazioni individuali agli inquinamenti atmosferici dipendono dal tipo di inquinante a cui una persona è esposta, dal grado di esposizione, dallo stato di salute dell'individuo e dalla genetica. L'inquinamento dell'aria interna e la scarsa qualità dell'aria urbana sono elencati come due dei peggiori problemi di inquinamento tossico al mondo.
  • 21. INQUINAMENTO ATMOSFERICO Differenza fra inquinante e contaminante ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Nel 1973 Williamson ha proposto la distinzione tra inquinante e contaminante: un contaminante è "ogni cosa che viene aggiunta all'ambiente che causa una deviazione dalla composizione geochimica media"; l'inquinante, invece, è un contaminante che causa effetti nocivi all'ambiente. I fenomeni di inquinamento atmosferico sono il risultato di una complessa competizione tra fattori, che portano ad un accumulo degli inquinanti, ed altri che invece determinano la loro rimozione e la loro diluizione nell'atmosfera. L'entità e le modalità di emissione (sorgenti puntiformi o diffuse, altezza di emissione), i tempi di persistenza degli inquinanti e il grado di mescolamento dell'aria sono alcuni dei principali fattori che producono variazioni spazio-temporali della composizione dell'aria.
  • 22. INQUINAMENTO IDRICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO L’inquinamento idrico riguarda la qualità dell’acqua a disposizione. Nell’acqua l’inquinamento è dovuto alla contaminazione da sostanze nocive e tossiche, da rifiuti di natura biologica (le fogne). L’acqua inquinata rappresenta un grave rischio per la salute umana e per quella degli altri animali. Questo costituisce inquinamento biologico dell’acqua.
  • 23. INQUINAMENTO IDRICO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Tra le cause dell’inquinamento idrico ci sono gli scarichi delle attività industriali e agricole e delle consuete attività umane (chimici e biologici come nel caso delle fogne). Le cause inquinamento dell’acqua arrivano nei mari, attraverso le falde acquifere di superfice, i fiumi e i laghi. Si provoca così inquinamento fluviale. Il risultato di inquinamento idrico si traduce a lungo termine nell’acidificazione delle piogge.
  • 24. INQUINAMENTO MARINO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Per inquinamento marino si intende la contaminazione e l’avvelenamento del mare che, come noto, ricopre la maggior parte della nostra superficie terrestre. Le conseguenze sono tra le più disastrose: si parla, infatti, di impoverimento delle risorse ittiche, danno al turismo, pericolo per i bagnanti che immergendosi nelle acque rischiano di incontrare sostanze nocive e perdita di tantissime specie marine sia per soffocamento che per il contatto con materiali davvero pericolosi.
  • 25. INQUINAMENTO MARINO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Purtroppo, le cause sono davvero tante:  Plastica: secondo lo studio di Science Advances, negli ultimi anni la produzione di plastica è aumentata di circa 20 tonnellate nel mondo, ma di queste solo il 20% viene correttamente riciclata. La restante parte spesso viene depositata nelle acque del mare. La plastica è davvero dannosa in particolar modo per le specie marine che, scambiandola per frammenti per cibo, la ingurgitano e rischiano seriamente di morire soffocati;  Petrolio: una delle principali fonti di inquinamento idrico, causa di disastri ambientali. Non di rado avvengono i cosiddetti incidenti tra petroliere che portano al riversamento in mare di un’ingente quantità di petrolio, pericolosissima per la salute del pianeta.
  • 26. INQUINAMENTO MARINO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO  Scarichi industriali: anche questi colpiscono moltissimo la salute delle acque marine. Nei paesi in via di sviluppo e privi di controllo, nella totale illegalità, non di rado vengono scaricate diverse sostanze in mare, come solfati, metalli pesanti e solventi. Il rischio? Morte dei pesci e serio rischio per la salute umana;  Liquami fognari: il mare non viene contaminato solo da sostanze chimiche ma anche biologiche. In particolar modo, in Occidente, tutti gli scarichi riversati da corsi d’acqua interni del nostro territorio, portano al riversamento di liquami ma anche di sostanze chimiche come liquidi igienici, detersivi e carta, solo per citarne alcuni. A causa del mancato rispetto delle norme, anche gli allevamenti animali e i loro scarichi portano alla distruzione del benessere delle acque del nostro pianeta.
  • 27. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO
  • 28. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO COME SI INQUINA L’AMBIENTE ?
  • 29. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Come si inquina l’ambiente? I modi per inquinare l’ambiente sono tanti e corrispondono ai vari tipi di inquinamento ambientale, che sia idrico, acustico, marino etc.. Come si inquina la Terra? La terra inquinata si ha quando si rilasciano nell’ambiente sostanze chimiche nocive, scaricando in mare o nei fiumi i prodotti di scarico delle industrie, la plastica e i rifiuti, abbandonando rifiuti nell’ambiente, utilizzando in modo massiccio diserbanti e pesticidi. Ci sono poi modi indiretti di inquinare che riguardano la deforestazione, il prelievo eccessivo di acque di falda o da fiumi e canali, l’erosione del suolo per il prelievo di materiali da costruzione, la produzione e l’utilizzo eccessivo di plastica non riciclata.
  • 30. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Per abbassare la soglia di inquinamento ambientale e di inquinamento rifiuti è necessario uno sforzo politico di regolamentazione dei processi di produzione, di riciclo e di smaltimenti dei rifiuti speciali e un netto spostamento della nostra economia nel senso di un’economia circolare, basata su manutenzione e riciclo, piuttosto che sulla produzione di nuovi beni di consumo, utilizzo di energie rinnovabili, grazie all’aria, acqua e suolo, ed autosostentamento degli edifici e delle comunità locali. Ognuno di noi può fare uno sforzo mutando le abitudini di acquisto e di consumo, incrementando il fai da te e il riciclo di oggetti ed abiti, la raccolta differenziata e l’abitudine di non lasciare rifiuti inquinanti nell’ambiente compresi i mozziconi di sigaretta.
  • 31. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Quali sono gli inquinanti più pericolosi provenienti dalle industrie? Ogni inquinante agisce in modo diverso a seconda del suolo e dell’ambiente in cui viene immesso. Non è possibile prevedere quali saranno le conseguenze di un inquinante in un dato ambiente, ma ci sono sostanze chimiche che sono più nocive di altre.
  • 32. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Studi sugli inquinanti ambientali hanno individuato le sei sostanze inquinanti più pericolose provenienti dalle industrie:  Inquinamento ambientale da cromo esavalente  Inquinamento ambientale da piombo  Il problema dell’inquinamento da mercurio  Pesticidi e il loro problema inquinamento ambientale  Radionuclidi e i danni all’ambiente  Inquinamento ambientale da cadmio
  • 33. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da cromo esavalente Tra le industrie che utilizzano il cromo esavalente figurano le concerie e quelle che si occupano di lavorazione di metalli, saldature in acciaio inossidabile, produzione di cromati e della manifattura di pigmenti di cromo. I coloranti giallo, arancione e rosso spesso contengono pigmenti di cromo, per cui tracce di questa sostanza inquinante possono essere trovate nel cuoio conciato con solfato di cromo, nelle pentole in acciaio inox e nel legno trattato con bicromato di rame. A seconda del percorso di esposizione, il cromo può causare danni al sistema respiratorio e a quello gastrointestinale nonché diversi tipi di tumore.
  • 34. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da piombo Il piombo viene estratto dalle miniere sotterranee e successivamente impiegato per una vasta gamma di prodotti e combinato con altri metalli per produrre leghe. Spesso viene rilasciato nell’ambiente durante i processi di estrazione, fusione e anche durante le fasi di riciclo delle batterie piombo-acido usate (ULAB). L’esposizione al piombo per inalazione di aria, ingestione orale di terra, acqua o prodotti alimentari contaminati, così come attraverso il contatto con la pelle, può comportare inquinamento conseguenze negative per la salute, tra cui disturbi neurologici, ridotto IQ, anemia, disturbi nervosi e tante altre malattie.
  • 35. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da mercurio Il mercurio elementare è rilasciato più frequentemente nell’ambiente durante il suo processo di estrazione dal solfuro di mercurio rosso e dalle emissioni delle centrali elettriche a carbone. Viene utilizzato in molti processi industriali, ad esempio per l’estrazione dell’oro dalla roccia, ed è inoltre contenuto in prodotti quali termometri, otturazioni dentali e lampade a risparmio energetico. L’esposizione al mercurio elementare può causare danni al cervello, ai reni e al sistema immunitario. Può avere un effetto negativo anche sullo sviluppo del feto.
  • 36. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da pesticidi I pesticidi sono sostanze di natura chimica prodotte dalle industrie ed utilizzate in agricoltura. Con la pioggia i pesticidi vengono lavati via dai campi e raggiungono le falde acquifere. L’esposizione prolungata ai pesticidi può avere un esteso impatto negativo sulla salute neurologica, riproduttiva e dermatologica.
  • 37. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da radionuclidi Il rilascio di radionuclidi nell’ambiente è principalmente dovuto a processi industriali. Di questi sono compresi anche l’estrazione di uranio, lo smaltimento dei rifiuti minerari, la produzione di energia nucleare, la creazione e i test sulle armi nucleari. E infine, anche lo sviluppo e l’utilizzo di prodotti di radiologia in campo medicale. L’esposizione ai radionuclidi per inalazione o ingestione orale può avere gravi conseguenze sulla salute. Tra queste troviamo nausea, vomito e mal di testa fino ai problemi cronici, come affaticamento, letargia, febbre, perdita di capelli, vertigini, disorientamento, diarrea, sangue nelle feci, pressione, sanguigna bassa, e anche la morte nonché tumori.
  • 38. ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Inquinamento ambientale da cadmio Il cadmio è presente in particolar modo in Asia, come sottoprodotto delle attività minerarie per l’estrazione dello zinco, del piombo e del rame, così come della produzione di pesticidi e fertilizzanti. Anche una minima quantità di cadmio può avere un impatto molto grave sulla salute. A causa dell’elevata tossicità, l’Unione europea ne ha proibito l’utilizzo per la produzione di gioielli, leghe e PVC. L’avvelenamento da cadmio, causato per inalazione di polveri e fumi o ingestione di suoi composti, causa rapidamente vertigini, gola secca e nausea.
  • 39. I QUADERNI DELL’ISEA INQUINAMENTO AMBIENTALE INQUINANTI E TIPI DI INQUINAMENTO ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO