Ascoltare il web - articolo a cura di Valeria Severini, CEO Freedata Labs
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Ascoltare il web - articolo a cura di Valeria Severini, CEO Freedata Labs

on

  • 544 views

Vuoi conquistare il mercato? Ascoltalo sul web! Oggi le aziende hanno un’opportunità imperdibile: sfruttare gli strumenti digitali per raggiungere l’enorme massa di popolazione in rete per ...

Vuoi conquistare il mercato? Ascoltalo sul web! Oggi le aziende hanno un’opportunità imperdibile: sfruttare gli strumenti digitali per raggiungere l’enorme massa di popolazione in rete per costruire una relazione produttiva di business.

Articolo a cura di Valeria Severini, CEO di Freedata Labs, per la rivista Dirigente di Manageritalia.

Statistics

Views

Total Views
544
Views on SlideShare
533
Embed Views
11

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

2 Embeds 11

https://twitter.com 9
https://hoot.weisuite.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ascoltare il web - articolo a cura di Valeria Severini, CEO Freedata Labs Document Transcript

  • 1. Business ASCOLTARE IL WEB Vuoi conquistare il mercato? Ascoltalo sul web! Mai quanto oggi le aziende hanno un’opportunità imperdibile: sfruttare gli strumenti digitali per raggiungere l’enorme massa di popolazione in rete per costruire una relazione produttiva O un’azienda italiana ha l’opportu- fare business è quel- nità di inserirsi nel panorama di- lo digitale. In parti- gital del mondo. Solo per fare colare, il social commerce rappre- qualche esempio, in Asia gli in- senta la soluzione più innovativa ternauti nel giugno 2012 hanno e travolgente grazie alla quale le superato il miliardo; nell’Ameri- aziende italiane possono fare bu- ca del Nord i 273 milioni; in Afri- siness anche all’estero. Ma perché ca i 167 milioni (fonte Internet questo è vero oggi e non lo era in world stats). A tutto ciò si ag- passato? Cosa è cambiato nel pa- giunge un’altra considerazione norama digitale degli ultimi anni? importante: se fino al 2010 oltre il Anche se non ce ne siamo accorti, 90% del traffico verso siti di tutti noi siamo stati i protagonisti ecommerce proveniva dai moto- di una vera e propria rivoluzione ri di ricerca (e comunque la po- che ha portato, tra il 2010 e il 2013, polazione internauta era sensi- a una crescita degli internauti nel bilmente più piccola), oggi circa mondo di circa il 42%. Se nel 2010 la metà dei visitatori proviene la popolazione internet mondiale dai social media (un 50% di flus- si aggirava intorno a 1,9 miliardi so si mantiene costante dai moto- di utenti, nel marzo 2013 abbiamo ri di ricerca). In altre parole, sono cambiate le net world stats). tecnologie e i luoghi di relazione tra utenti e aziende, e si tratta di gi per la prima volta le aziende un fenomeno in continua espan- possono sfruttare gli strumenti sione: le persone desiderano en- digitali e raggiungere l’enorme trare in relazione con le aziende massa di popolazione che naviga in luoghi digitali “nuovi” e con la rete per costruire con questa modalità sempre più mobili. Il una relazione produttiva. Tale si- mobile, insieme ai social media, tuazione diventa ancora più inteOTTOBRE 2013 più importanti per Cosa significano questi dati? Og- 44 ressante nel momento in cui superato i 2,7 miliardi (fonte Inter- Valeria Severini GGI uno dei canali è un’altra grande evidenza e op-
  • 2. portunità per le aziende: circa la molto semplice ma fondamenta- metà del traffico internet avviene le: prima di agire ascoltiamo cosa oggi via mobile, in ogni luogo e avviene intorno a noi, interpre- in qualsiasi momento. tiamolo e poi pianifichiamo una strategia e mettiamola in atto. Una strategia Questo principio può essere ap- di social intelligence plicato in modo funzionale anche Quindi, come fare? Come utilizza- al mondo digitale e all’esplora- re questo potenziale digital per al- zione di nuovi territori nei quali largare il proprio business anche costruire un business aziendale. oltre i confini nazionali, verso pae- Stiamo parlando della social in- si interessanti e potenzialmente telligence, di analisi remunerativi? Una cosa è certa: e ricerche che, occorre avere una strategia solida e ben definita per non sbagliare rotta e per andare incontro a realtà straniere che spesso sono poco conosciute nelle loro dinamiche e caratteristiche digitali. Il web raggiunge qualsiasi continente, per sua natura non ha confini, ma con il sup- ogni realtà locale ha caratteristi- porto dell’adeguata che anche digitali che la contrad- tecnologia, permettono di com- distinguono. Conoscerle può dav- prendere quanto, dove e con vero fare la differenza sulla riusci- quale “sentiment” si parla nel ta di un business model. web delle aziende, dei loro pro- Ecco allora che la tecnologia e dotti o di tematiche specifiche. l’esperienza sul campo possono Come abbiamo detto, il mondo venire a sostegno delle aziende digitale è globale per definizio- che decidono di sfruttare la pre- ne, ma per fare business non ba- senza online di oltre 2,7 miliardi sta più presentare il proprio pro- di persone. I segreti del mestiere dotto, non è questo che si aspet- sono racchiusi in un processo tano i consumatori digitali: è Le persone desiderano entrare in relazione con le aziende in luoghi digitali “nuovi” e con modalità sempre più mobili OTTOBRE 2013 45
  • 3. Business locali ben precise; conoscerle permette alle aziende di fare scelte strategiche di posizionamento sui singoli canali, anche sulla base del paese individuato come potenzialmente interessante. Pensiamo a Twitter: la sua rilevanza e penetrazione nel Regno Unito è molto più forte rispetto a quanto non lo sia per il momento in Italia; in Cina il vuoto di Facebook e Twitter è stato colmato da Weibo: un social network ibrido che registra più di 300 milioni di iscritti e le cui logiche agli occidentali possono sfuggire, tanto che la registrazione può avvenire non tramite inmercati esteri e in quelli emer- dirizzo email, ma attraverso il genti. Per esempio, è possibile ri- proprio numero di telefono, a te- levare quali sono gli argomenti stimonianza del fatto che ogni re- di cui si conversa in rete; quali so- altà ha le sue peculiarità che per no i toni delle conversazioni e gli essere sfruttate devono prima es- stili di comunicazione utilizzati; sere conosciute e comprese. chi sono gli influencer; quali con- Un altro esempio interessante è tenuti sono più adatti alla comu- quello dei forum: in Italia esiste nicazione dell’azienda rispetto a infatti un’evidente prevalenza di un determinato target; chi sono i forum dal taglio femminile e dedi- competitor, quanto si parla di lo- cati alle mamme, a prova del fatto ro e come se ne parla; quanto e che la fisionomia di un paese si ri- necessario raccontare una storia, con che aspettative si parla di flette anche nelle sue scelte e ten- la migliore possibile, per colpire mercati e prodotti simili al pro- denze digitali. il target del paese di riferimento. prio. Questo significa capire qua- È per questo che è fondamentale le storia raccontare e in quale mo- Conversazioni mirate capire qual è la realtà digitale al- dalità, per essere davvero compe- Fare un ascolto della rete signifi- l’interno della quale posizionare titivi sul mercato che si desidera ca andare ancora più nel detta- i contenuti migliori. conquistare. glio rispetto a tutto questo: signi- Ascoltando il web e interpretando i risultati si possono avere informazioni preziosissime non solo su quanto sta accadendo in Italia, ma anche nei mercati esteri fica capire qual è la storia giusta Ascoltando il web, e interpretando i risultati dell’ascolto, si pos- da raccontare, il cosiddetto story- sono avere informazioni prezio- Per fare qualche esempio, i social telling, e quale il giusto tone of voi- sissime non solo su quanto sta ac- network sono un fenomeno sì ce e i canali da utilizzare. Per cadendo in Italia, ma anche nei 46 Le differenze tra i paesi globale, ma con caratteristiche esempio, l’esperienza della social OTTOBRE 2013
  • 4. intelligence ci insegna che se ci l’onda delle emozioni già presen- muoviamo nel settore alimentare ti e instaurare una relazione, è bene non parlare del prodotto in aprire una conversazione e crea- sé, ma creare un racconto che re network intorno al proprio bu- metta al centro dell’attenzione le siness. Dopotutto, la rete è fatta ricette nelle quali il prodotto vie- di persone che interagiscono e ne utilizzato; se parliamo di og- comunicano tra di loro; è questo gettistica per la casa, decliniamo- che si aspettano dalle aziende, la nelle occasioni d’uso relative; un dialogo e un confronto aper- se il focus è l’energia, raccontia- to, nei luoghi dove essi si trova- mo una storia di tutela ambienta- no e secondo le modalità tipiche le ed eco-sostenibilità. della propria realtà digitale. Ma ancora, andiamo a scoprire Le aziende oggi devono non solo anche grazie al bagaglio strategi- dove le persone sul web conver- attrarre potenziali clienti verso il co-informativo della social intel- sano di più, chi sono gli infuencer proprio ecommerce, ma devono ligence che possiamo davvero e dove gli acquirenti compiono le anche avvicinarsi al loro pubbli- aprire le porte verso un mercato proprie scelte d’acquisto: in que- co di riferimento cavalcando estero… comodamente seduti al- sto modo è possibile cavalcare l’onda delle relazioni digitali: è la nostra scrivania. Fare un ascolto della rete significa capire qual è la storia giusta da raccontare, il cosiddetto storytelling, e quale il giusto tone of voice e i canali da utilizzare Ⅵ