Finanziamenti europei - Guida ai principali programmi comunitari 2011

3,108 views

Published on

Guida gratuita di 30 pagine sui principali finanziamenti europei a gestione diretta - I Programmi comunitari

Published in: Business, Education
1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
  • EGREGIO Salamanna Dino,
    TRAMITE STEFANO COBELLO DI EUROPA ALTERNATIVA MOVIMENTO M5S A vERONA MI è GIUNTA QUESTA NOTIZIA.
    ma scorrendo su e giù non ho trovato quello che cercavo anche perchè rimasto solo a gestirmi non conosco l'inglese e non sono molto esperto al compter e non ho più l' età da potermi incuriosire sui nuovi progetti di finaziamento in europa . Ma chiedo avendone già presentato uno alla commissione petizioni e denunce in Europa 5 progetti di matematica finanziaria semplice a risolvere tutta la crisi economica dei governi anche in difficoltà sulla povertà ma chiuso il 9 luglio 2012 per avermi inviato 12 fotocopie della risoluzione europa 6 luglio 2011 no ho ancora capito il motivo per cui nessuno parla del invito del parlamento alla commissione di trovare un futuro in eurobbligazioni sitemico e coeso che valga per tutti gli stati membri anche in America di sostenere 23 milioni anche
    + enne di persone economicamente attive a rischio di disoccupazione e indigenza + centinaia di migliaia di aziende anche in difficoltà +++ ecc.
    Quindi come semplice cittadino italiano in pensione e dal 2005 dopo aver informato anche tutti i maggiori e minori responsabili economici dei governi anche ultimi in italia su questa possibilità finanziaria ed economica in Italia e in Europa a quale ultima persona, organo, istituzione ecc posso inviare il mio progetto per avere finalmente la definitiva risposta se fattibile o no, e perchè ?
    E nel rigraziare Lei e l'amico Stefano Cobello da Verona la saluto cordialmente
    Luigi.crocco@gmail.com
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
3,108
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
180
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Finanziamenti europei - Guida ai principali programmi comunitari 2011

  1. 1. Guida ai programmi europei di finanziamentoAREA IMPRESE.............................................................................................................................................................. 41. Programma "ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI" ............................................................................. 4 DESCRIZIONE ............................................................................................................................................................ 4 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................... 4 AZIONI AMMISSIBILI ............................................................................................................................................... 4 SOGGETTI BENEFICIARI ......................................................................................................................................... 5 MODALITA DI PARTECIPAZIONE ....................................................................................................................... 52. Programma "PROGRAMMA QUADRO PER LA COMPETITIVITA E LINNOVAZIONE - CIP (2007-2013)" ................................................................................................................................................................................. 5 DESCRIZIONE ............................................................................................................................................................ 5 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................... 5 TIPOLOGIE DI AZIONI ............................................................................................................................................. 5 SOGGETTI BENEFICIARI ......................................................................................................................................... 5 BUDGET A DISPOSIZIONE ...................................................................................................................................... 6AREA ISTRUZIONE E CULTURA ............................................................................................................................. 71. Programma APPRENDIMENTO PERMANENTE ............................................................................................... 7 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................... 7 TIPOLOGIA DI AZIONI ............................................................................................................................................ 7 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 10 BUDGET A DISPOSIZIONE (2007/2013) .............................................................................................................. 102. Programma MEDIA 2007 ......................................................................................................................................... 10 DESCRIZIONE ED OBIETTIVI ............................................................................................................................... 10 PAESI COINVOLTI ................................................................................................................................................... 11 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 11 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 113. Programma GIOVENTU IN AZIONE ................................................................................................................. 11 DESCRIZIONE ED OBIETTIVI ............................................................................................................................... 11 PRIORITA PERMANENTI E ANNUALI .............................................................................................................. 11 Priorità permanenti ............................................................................................................................................... 11 Priorità annuali ...................................................................................................................................................... 12 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 13 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 134. Programma EUROPA PER I CITTADINI ............................................................................................................ 13 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 13 TIPOLOGIA DI AZIONI .......................................................................................................................................... 13 PAESI COINVOLTI ................................................................................................................................................... 14 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 14“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 1
  2. 2. BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 145. Programma Cultura (2007-2013) ............................................................................................................................. 14 DESCRIZIONE ED OBIETTIVI ............................................................................................................................... 14 TIPOLOGIA DI AZIONI .......................................................................................................................................... 14 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 15 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 156. Programma ERASMUS MUNDUS II .................................................................................................................... 15 DESCRIZIONE ED OBIETTIVI ............................................................................................................................... 15 TIPOLOGIE DI AZIONI ........................................................................................................................................... 16 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 16 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 16ALTRI PROGRAMMI AREA SETTORE ISTRUZIONE E CULTURA .............................................................. 16AREA OCCUPAZIONE, AFFARI SOCIALI E PARI OPPORTUNITA ............................................................. 171. Programma PROGRESS .......................................................................................................................................... 17 DESCRIZIONE ED OBIETTIVI ............................................................................................................................... 17 TIPOLOGIE DI AZIONI ........................................................................................................................................... 17 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 18 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 18AREA RICERCA E INNOVAZIONE ........................................................................................................................ 191. VII° Programma Quadro ......................................................................................................................................... 19 Descrizione e obiettivi ............................................................................................................................................... 19AREA AGRICOLTURA E PESCA ............................................................................................................................. 211. Programma AZIONI DI INFORMAZIONE RIGUARDANTI LA POLITICA AGRICOLA COMUNE .. 21 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 21 SOGGETTI BENEFICIARI - ENTITA DEL FINANZIAMENTO ....................................................................... 212. PROGRAMMA DI SOSTEGNO A MISURE DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE DEI PRODOTTIAGROALIMENTARI SUL MERCATO INTERNO E NEI PAESI TERZI ......................................................... 22 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 22 TIPOLOGIE DI AZIONI ........................................................................................................................................... 22 PAESI COINVOLTI ................................................................................................................................................... 22 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 22 ENTITA DEL FINANZIAMENTO ......................................................................................................................... 22 MODALITA DI PARTECIPAZIONE ..................................................................................................................... 22AREA AMBIENTE........................................................................................................................................................ 231. Programma LIFE + .................................................................................................................................................... 23 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 23 TIPOLOGIE DI AZIONI ........................................................................................................................................... 23 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 23 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 232. Programma STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE 2007-2013 ............................ 24“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 2
  3. 3. OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 24 TIPOLOGIA DI AZIONI .......................................................................................................................................... 24 PAESI COINVOLTI ................................................................................................................................................... 24 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 24 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 24AREA COOPERAZIONE ............................................................................................................................................ 251. Programma EIDHR STRUMENTO EUROPEO PER LA DEMOCRAZIE E DI DIRITTI UMANI (2007-2013) ................................................................................................................................................................................. 25 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 25 AZIONI ....................................................................................................................................................................... 25 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 262. Programma Investire nelle persone 2007-2013..................................................................................................... 26 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 26 AZIONI ....................................................................................................................................................................... 26 PAESI COINVOLTI ................................................................................................................................................... 27 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 27 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 27ALTRI PROGRAMMI SETTORE COOPERAZIONE: .......................................................................................... 27AREA ENERGIA E TRASPORTI .............................................................................................................................. 281. Programma ENERGIA INTELLIGENTE-EUROPA (CIP-EIE) 2007/2013 ....................................................... 28 OBIETTIVI .................................................................................................................................................................. 28 AZIONI PREVISTE ................................................................................................................................................... 28 SOGGETTI BENEFICIARI ....................................................................................................................................... 29 BUDGET A DISPOSIZIONE .................................................................................................................................... 29ALTRI PROGRAMMI ENERGIA E TRASPORTI: ................................................................................................ 29AREA GIUSTIZIA E AFFARI INTERNI .................................................................................................................. 30 I programmi ............................................................................................................................................................... 30AREA SALUTE E TUTELA DEL CONSUMATORE ............................................................................................. 30 I programmi ............................................................................................................................................................... 30“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 3
  4. 4. AREA IMPRESE1. Programma "ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI"DESCRIZIONEIl programma Erasmus per Giovani Imprenditori è un programma di scambio dellUnioneEuropea che ha come obiettivo quello di aiutare nuovi imprenditori ad acquisire lecompetenze necessarie per gestire una piccola e media impresa offrendo loro la possibilitàdi trascorrere del tempo in un altro paese europeo presso un imprenditore già affermato.Il programma, in sostanza, promuove limprenditorialità e la concorrenzialità,linternazionalizzazione e la crescita di imprese in fase davviamento e di PMI consolidatenellUnione Europea. Favorisce il trasferimento di know-how e lacquisizione di competenzedi gestione per la direzione di PMI.OBIETTIVI Offrire ai nuovi imprenditori la possibilità di rapportarsi direttamente con imprenditori già affermati che gestiscono PMI in un altro paese dellUE, per conoscerne ed acquisirne le competenze. Favorire lo scambio di esperienze tra nuovi imprenditori e professionisti già affermati. Facilitare laccesso a nuovi mercati e la ricerca di potenziali partner commerciali. Rafforzare i network di imprenditori e PMI. Permettere, anche ad imprenditori già affermati, di sviluppare relazioni commerciali con nuovi attori ed a livello comunitario.AZIONI AMMISSIBILIIl processo di selezione, la convalida, lattuazione e la valutazione degli scambi si divide inquattro fasi :1. Fase di candidatura: il neo-imprenditore e limprenditore esperto compilanodirettamente on-line un modulo di registrazione e prendono contatto con lorganizzazioneintermediaria locale, che valuterà ed eventualmente validerà i profili inseriti.2. Fase dincontro: lorganizzazione intermediaria facilita il contatto tra imprenditori erealizza gli accoppiamenti tra i differenti profili. Gli imprenditori possono consultare unapposito database di profili ed indicare la proprie preferenze allorganizzazione locale.3. Stipula del contratto e fase di preparazione: le parti (imprenditori e organizzazioneintermediaria responsabile) raggiungono un accordo sul piano dapprendimento e dilavoro, sui compiti, le responsabilità, i risultati, le condizioni finanziarie, delle implicazionigiuridiche, etc e firmano gli accordi necessari. La Commissione dà lapprovazione finalesullaccoppiamento. Entrambi gli imprenditori partecipano in queste attività preliminarigestite ed indirizzate dallorganizzazione intermediaria locale.4. Fase dapplicazione: gli imprenditori svolgono lattività prevista - sulla base degliaccordi presi - in uno o più step e redigono un report. Il Programma fornisce un supportofinanziario ai partecipanti. Lorganizzazione intermediaria locale monitora la qualitàdellattività svolta e valuta i risultati ottenuti. Il soggiorno allestero deve esserecompletato entro un lasso di tempo massimo di dodici mesi e deve avere una duratacompresa tra uno e sei mesi.Lo scambio può effettuarsi in step distinti (della durata minima di una settimana).“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 4
  5. 5. SOGGETTI BENEFICIARI1. Nuovi imprenditori: imprenditori che stanno seriamente pianificando di costituire unapropria impresa o lhanno costituita nel corso degli ultimi tre anni.2. Imprenditori già affermati: titolari o responsabili di una PMI nellUnione Europea.MODALITA DI PARTECIPAZIONELassistenza finanziaria per i nuovi imprenditori per contribuire al costo del viaggio dalpaese di origine al paese ospitante, nonché le spese relative al soggiorno (anche perquanto riguarda lalloggio) viene pagata dall organizzazione attraverso il nuovoappaltatore. Limporto di tale aiuto e le condizioni che laccompagnano sono oggetto di unaccordo tra il nuovo imprenditore e la sua organizzazione di intermediazione. ----------------------------2. Programma "PROGRAMMA QUADRO PER LA COMPETITIVITA ELINNOVAZIONE - CIP (2007-2013)"DESCRIZIONEIl programma quadro di azione comunitaria nel settore della competitività edell’innovazione contribuisce alla competitività e alla capacità innovativa della Comunità inquanto società della conoscenza avanzata, con uno sviluppo sostenibile basato su unacrescita economica equilibrata e un’economia sociale di mercato altamente concorrenzialecon un elevato livello di tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente.OBIETTIVIa) promuovere la competitività delle imprese, in particolare delle piccole e medie imprese(PMI);b) promuovere l’innovazione, compresa l’eco-innovazione;c) accelerare lo sviluppo di una società dell’informazione competitiva, innovativa e capaced’integrazione;d) promuovere l’efficienza energetica e fonti energetiche nuove e rinnovabili in tutti isettori, compreso il trasporto.TIPOLOGIE DI AZIONIGli obiettivi del programma quadro sono perseguiti mediante l’attuazione dei seguentiprogrammi specifici:a) il programma per l’innovazione e l’imprenditorialità;b) il programma di sostegno alla politica in materia di TIC;c) il programma Energia intelligente – Europa.SOGGETTI BENEFICIARIIl programma quadro è aperto alla partecipazione dei seguenti paesi:a) paesi dellAssociazione europea di libero scambio (EFTA) membri dello Spazioeconomico europeo (SEE), conformemente alle condizioni previste dallaccordo SEE;b) paesi in via di adesione e paesi candidati nei cui confronti si applichi una strategia dipreadesione, conformemente ai principi generali e alle condizioni generali per lapartecipazione di tali paesi ai programmi comunitari stabiliti nei rispettivi accordi quadro enelle rispettive decisioni dei consigli di associazione;“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 5
  6. 6. c) paesi dei Balcani occidentali, conformemente alle disposizioni da definire con detti paesia seguito della conclusione di accordi quadro relativi alla loro partecipazione a programmicomunitari.BUDGET A DISPOSIZIONE3.621.300.000 Euro (2007-2013)“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 6
  7. 7. AREA ISTRUZIONE E CULTURA1. Programma APPRENDIMENTO PERMANENTEOBIETTIVIa) promuovere lo sviluppo di un apprendimento permanente di qualità, nonchélinnovazione e una dimensione europea nei sistemi e nelle pratiche del settore;b) sostenere la realizzazione di uno spazio europeo dellapprendimento permanente;c) contribuire a migliorare la qualità, laccessibilità delle opportunità di apprendimentopermanente disponibili negli Stati membri;d) rafforzare il contributo dellapprendimento permanente alla coesione sociale, allacittadinanza attiva, al dialogo interculturale, alla parità tra le donne e gli uomini e allarealizzazione personale;e) contribuire a promuovere la creatività, la competitività, loccupazione e lo sviluppo diuno spirito imprenditoriale;f) incentivare una maggiore partecipazione di persone di tutte le età allapprendimentopermanente, incluso quelle con esigenze particolari o appartenenti a categoriesvantaggiate;g) promuovere lapprendimento delle lingue e la diversità linguistica;h) promuovere lo sviluppo, nel campo dellapprendimento permanente, di contenuti,servizi, soluzioni pedagogiche e prassi a carattere innovativo basati sulle TIC;i) rafforzare il ruolo dellapprendimento permanente nello sviluppo della cittadinanzaeuropea e nella promozione della tolleranza e del rispetto degli altri popoli e delle altreculture;j) promuovere la cooperazione in materia di garanzia della qualità in tutti i settoridellistruzione e della formazione in Europa;k) incoraggiare l’utilizzo ottimale di risultati, prodotti, processi innovativi e buone prassiscaturiti dal programma, al fine di migliorare la qualità dellistruzione e della formazione.TIPOLOGIA DI AZIONI  mobilità  partenariati bilaterali o multilaterali  progetti multilaterali  progetti unilaterali e nazionali  reti multilaterali  indagini e analisi sulle politiche e i sistemi  sovvenzioni di funzionamento  misure di accompagnamentoIl programma è costituito da: sei sottoprogrammi: quattro settoriali, uno di misuretrasversali e dal sottoprogramma Jean Monnet.I sottoprogrammi settoriali sono:- Comenius, dedicato all’istruzione scolastica in generale, dal livello prescolare fino allascuola media superiore;- Erasmus, dedicato all’istruzione universitaria e allistruzione e formazione professionaledi terzo livello;- Leonardo da Vinci, dedicato allistruzione e alla formazione professionale in generale,escluso quelle di terzo livello;- Grundtvig, dedicato allistruzione degli adulti in tutte le sue forme.- Sottoprogramma trasversale- Sottoprogramma Jean Monnet“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 7
  8. 8. “Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 8
  9. 9. “Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 9
  10. 10. SOGGETTI BENEFICIARIa) allievi, studenti, persone in formazione e discenti adulti;b) insegnanti, formatori ed altro personale coinvolto nellapprendimento permanente;c) persone attive sul mercato del lavoro;d) istituzioni od organizzazioni che forniscono opportunità di apprendimento nellambitodel programma di apprendimento permanente o nei limiti dei sottoprogrammi;e) persone e organismi responsabili, a livello locale, regionale e nazionale, dei sistemi edelle politiche riguardanti qualsiasi aspetto dellapprendimento permanente;f) imprese, parti sociali e organizzazioni a tutti i livelli, comprese le organizzazioniprofessionali e le camere di commercio e industria;g) organismi che forniscono servizi di orientamento, consulenza e informazione connessi aqualsiasi aspetto dellapprendimento permanente;h) associazioni che operano nel settore dellapprendimento permanente, comprese leassociazioni di studenti, persone in formazione, allievi, insegnanti, genitori e discentiadulti;i) enti di ricerca e centri che si occupano delle tematiche dellapprendimento permanente.BUDGET A DISPOSIZIONE (2007/2013)6.970.000.000 Euro ----------------------------2. Programma MEDIA 2007DESCRIZIONE ED OBIETTIVIIl programma si propone di:- conservare e valorizzare la diversità culturale e linguistica europea e il patrimonioaudiovisivo cinematografico, garantire l’accesso al pubblico dello stesso e favorire ildialogo tra le culture;- accrescere la circolazione e la visibilità delle opere audiovisive europee all’interno eall’esterno dell’Unione europea, intensificando fra l’altro la cooperazione fra le parti attive;- rafforzare la concorrenzialità del settore audiovisivo europeo nel quadro di un mercatoeuropeo aperto e concorrenziale propizio all’occupazione, promuovendo fra l’altro icollegamenti tra i professionisti dell’audiovisivo.Il programma interviene sostenendo:a) a monte della produzione audiovisiva: l’acquisizione e il perfezionamento dellecompetenze nel settore audiovisivo e lo sviluppo delle opere audiovisive europee;b) a valle della produzione audiovisiva: la distribuzione e promozione delle opereaudiovisive europee;c) progetti pilota intesi a garantire l’adeguamento del programma agli sviluppi delmercato.Sono quindi previsti sostegni finanziari per:1. Formazione2. Sostegni ai produttori3. Distribuzione4. Promozione5. Festival6. Nuove Tecnologie“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 10
  11. 11. PAESI COINVOLTI- i paesi dell’EFTA membri del SEE;- i paesi in fase di adesione che beneficiano di una strategia di preadesione all’Unioneeuropea;- i paesi dei Balcani occidentali.SOGGETTI BENEFICIARII beneficiari del programma possono essere persone fisiche e giuridicheBUDGET A DISPOSIZIONE755 milioni di euro per il periodo 2007 - 2013 ----------------------------3. Programma GIOVENTU IN AZIONEDESCRIZIONE ED OBIETTIVIIl programma "Gioventù in azione", mira a sviluppare la cooperazione nel settore dellagioventù nell’Unione europea.Obiettivi:a) promuovere la cittadinanza attiva dei giovani, in generale, e la loro cittadinanzaeuropea in particolare;b) sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza fra i giovani, in particolare perrafforzare la coesione sociale dell’UE;c) favorire la comprensione reciproca tra i giovani di paesi diversi;d) contribuire allo sviluppo della qualità dei sistemi in sostegno alle attività dei giovani edallo sviluppo della capacità delle organizzazioni della società civile nel settore dellagioventù;e) favorire la cooperazione europea nel settore della gioventù.PRIORITA PERMANENTI E ANNUALINellambito di ciascun progetto saranno perseguiti i seguenti obiettivi generali, costituiti dapriorità permanenti e priorità annuali.Priorità permanentiCittadinanza europeaLa sensibilizzazione dei giovani sul proprio essere cittadini europei è una priorità delprogramma Gioventù in Azione. Lobiettivo è di incoraggiarli a riflettere su temi dirilevanza europea e di coinvolgerli nel dibattito sulla costruzione e sul futuro dellUnioneEuropea. Su questa base, i progetti dovrebbero essere caratterizzati da una forte"dimensione europea" e stimolare la riflessione sulla nascente società europea e sui suoivalori.Partecipazione dei giovaniLa partecipazione si realizza nelle seguenti dimensioni, stabilite dalla Risoluzione delConsiglio sugli obiettivi comuni in materia di partecipazione einformazione dei giovani:incentivare la partecipazione dei giovani alla vita civile della propria comunità;“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 11
  12. 12. incentivare la partecipazione dei giovani al sistema della democrazia partecipativa;fornire maggiore sostegno a varie forme di educazione alla partecipazione.Diversità culturaleIl rispetto per la diversità culturale, insieme alla lotta contro il razzismo e la xenofobia,costituisce una priorità per il programma Gioventù in Azione.Favorendo attività comuni tra giovani con bagagli culturali, etnici e religiosi diversi, ilprogramma mira infatti ad arricchire la loro formazione interculturale.Inserimento di giovani con minori opportunitàUna priorità importante per lUnione Europea è offrire accesso al programma Gioventù inAzione a tutti i giovani, inclusi i giovani con minori opportunità.I giovani con minori opportunità sono quelli che si trovano in condizione di svantaggiorispetto ai loro coetanei per una o più tra le situazioni e difficoltà elencate nella listaesemplificativa che segue. In alcuni contesti tali situazioni e difficoltà impediscono aigiovani un accesso efficace alleducazione formale e non formale, alla mobilità epartecipazione transnazionale, alla cittadinanza attiva, allautonomia decisionale e alcoinvolgimento nella società in generale.Priorità annualiLe priorità annuali definite dalla Commissione europea per il 2011 sono 6 e sono di seguitoprecisate:Anno europeo del Volontariato: Questa priorità intende promuovere progetti finalizzatiad accrescere la consapevolezza dei giovani riguardo al valore e allimportanza delleattività di volontariato come forma di impegno attivo e come strumento per svilupparecompetenze atte a favorire il proprio sviluppo personale, sociale e professionale.Disoccupazione giovanile: Questa priorità intende promuovere progetti che favoriscanolaccesso dei giovani disoccupati al Programma Gioventù in Azione.Saranno considerati altrettanto prioritari i progetti che affrontano il tema delladisoccupazione giovanile e/o incoraggiano la mobilità e la partecipazione attiva deigiovani disoccupati alla vita sociale.Crescita inclusiva: Questa priorità intende promuovere progetti che abbiano come temala povertà e la marginalizzazione e stimolino la consapevolezza e limpegno dei giovani aconfrontarsi con queste tematiche nella prospettiva di costruire una società più inclusiva.Unattenzione particolare sarà data allinclusione dei giovani migranti, delle persone condisabilità e, se significativi rispetto a specifici contesti, dei giovani Rom.Sfide globali dellambiente e dei cambiamenti climatici: Questa priorità intendepromuovere progetti finalizzati a rendere consapevoli e mobilitare i giovani riguardo allesfide globali ambientali e al cambiamento climatico, così da favorire lo sviluppo di abilità ecomportamenti "verdi" fra i giovani e gli operatori giovanili, stimolando altresì il loroimpegno per una crescita più sostenibile.Creatività e imprenditorialità: Questa priorità intende promuovere progetti - inparticolare le Iniziative Giovani- che abbiano come obiettivo quello di stimolare lo spiritodi iniziativa dei giovani, la loro capacità a pensare in modo creativo ed originale, la loroprontezza ad assumersi dei rischi e la loro ingegnosità per cercare di raggiungere obiettivieconomici, politici, sociali o ambientali.Anno europeo della Gioventù Europa-Cina (limitatamente allAzione 2 e alla sotto-azione 3.2)“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 12
  13. 13. SOGGETTI BENEFICIARI  Operatori del settore  GiovaniBUDGET A DISPOSIZIONE885 milioni di euro ----------------------------4. Programma EUROPA PER I CITTADINIOBIETTIVIIl Programma "Europa per i cittadini" 2007-2013 persegue i seguenti obiettivi generali: Promuovere la cittadinanza europea attiva, costruendo unEuropa più vicina ai suoi cittadini Sviluppare unidentità europea unitaria fondata su comuni esperienze storiche e culturali, a partire dalla valorizzazione del pluralismo delle realtà comunitarie Creare un senso di appartenenza allUnione Europea Incoraggiare lo scambio di esperienze fra cittadini di diverse aree geografiche, al fine di contribuire al dialogo interculturale e alla reciproca conoscenza.Gli obiettivi specifici del Programma sono: a) Favorire incontri tra persone provenienti da diverse aree geografiche dellUnione Europea, finalizzati al confronto intersoggettivo, allo scambio di idee e di esperienze, alla riflessione sul futuro, etc. b) Promuovere conferenze, dibattiti, pubblicazioni, etc. incentrati su tematiche civili quali la cittadinanza e la democrazia, sui valori condivisi, sulla storia e la cultura comuni c) Diffondere tra i cittadini la consapevolezza della loro appartenenza allUnione Europea, rendendola più prossima e tangibile attraverso la promozione dei valori comunitari e la preservazione della memoria del passato d) Contribuire al dialogo interculturale, in particolare mediante linterazione fra gli Stati membri dellUnione dei 15 e quelli che hanno aderito allUnione Europea nel 2004 e nel 2007, nonché gli altri Stati partecipanti al Programma (attualmente Croazia, Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Albania)TIPOLOGIA DI AZIONIAl fine di raggiungere i suoi obiettivi, il programma "Europa per i cittadini" proponequattro azioni, suddivise in misure differenti.Azione 1 - Cittadini attivi per lEuropa;Misura 1 - Gemellaggio tra città Misura 1.1. Incontri fra cittadini nellambito del gemellaggio fra città Misura 1.2. Reti di città gemellateMisura 2 - Progetti dei cittadini e misure di sostegno Misura 2.1. Progetti dei cittadini Misura 2.2. Misure di sostegnoAzione 2 - Una società civile attiva in Europa; Misura 1 - Sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee (gruppi di riflessione) Misura 2 - Sostegno strutturale alle organizzazioni della società civile“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 13
  14. 14. Misura 3 - Sostegno a favore di progetti promossi dalle organizzazioni della societa civileAzione 3 - Insieme per lEuropa;Azione 4 - Memoria europea attivaPAESI COINVOLTIa) gli Stati membri; b) i paesi dellEFTA; c) i paesi candidati per i quali è in atto unastrategia di preadesione; d) i paesi dei Balcani occidentali.SOGGETTI BENEFICIARIEE.LL, ONG, Centi di ricerca , Parti sociali e AssociazioniBUDGET A DISPOSIZIONE215 milioni di euro ----------------------------5. Programma Cultura (2007-2013)DESCRIZIONE ED OBIETTIVIIl Programma "Cultura"costituisce il programma comunitario per il finanziamento diattività e progetti nel settore culturale.Lobiettivo generale del programma è quello di contribuire alla valorizzazione di uno spazioculturale condiviso dagli europei e basato su un comune patrimonio culturale, sviluppandola cooperazione culturale tra i creatori, gli operatori culturali e le istituzioni culturali deipaesi partecipanti al programma, al fine di favorire lemergere di una cittadinanzaeuropea. Il programma è aperto alla partecipazione delle industrie culturali nonaudiovisive, in particolare delle piccole imprese culturali, laddove tali industrie svolganouna funzione culturale senza scopo di lucro.Gli obiettivi specifici del programma sono i seguenti:a) promuovere la mobilità transnazionale degli operatori culturali;b) incoraggiare la circolazione transnazionale delle opere e dei prodotti artistici e culturali;c) favorire il dialogo interculturale.TIPOLOGIA DI AZIONIIl programma è organizzato in tre Azioni:1. Sostegno alle azioni culturali1.1 I progetti di cooperazione pluriennaliProgetti di cooperazione culturale di una durata compresa tra 3 e 5 anni. A ciascunprogetto devono partecipare almeno sei operatori di sei paesi diversi partecipanti alprogramma. Il sostegno comunitario non può superare il 50 % del bilancio del progettocon un contributo fino a 500.000 EUR lanno per un massimo complessivo di 2.500.000EUR.1.2. Le azioni di cooperazioneIl programma sostiene azioni di cooperazione culturale di una durata compresa tra 12 e 24mesi. A ciascun progetto devono partecipare almeno tre operatori di tre paesi diversipartecipanti al programma. Il sostegno comunitario non può superare il 50 % del bilancio“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 14
  15. 15. del progetto con un contributo complessivo minimo di 50.000 EURO e massimo di 200.000EURO.1.3. Le azioni specialiIl programma sostiene anche azioni speciali che presentino una dimensione e una portatarilevanti per i cittadini europei e contribuiscano a migliorare il senso di appartenenza eidentità europea, il dialogo interculturale e internazionale.I finanziamenti per queste azioni verranno accordati sulla base di specifici bandi o garedappalto.2. Sostegno a organismi attivi a livello europeo nel settore culturaleIl programma sovvenziona le spese di funzionamento di un organismo che perseguaobiettivi dinteresse generale europeo nel settore della cultura.Questi organismi devono avere una reale dimensione europea, esercitando le loro attivitàa livello europeo, autonomamente o in coordinamento con altre associazioni. La lorostruttura e le loro attività devono interessare almeno sette paesi europei.Il sostegno viene erogato sulla base di specifici bandi annuali.3. Sostegno a lavori danalisi nonché alla raccolta e alla diffusionedellinformazione e ad attività che ottimizzano limpatto dei progetti nel settoredella cooperazione culturaleIl programma sostiene la realizzazione di studi e di lavori danalisi nel settore dellacooperazione culturale e dello sviluppo della politica culturale europea.Il programma sostiene inoltre la raccolta e la diffusione dellinformazione sulle attivitàvolte a ottimizzare limpatto dei progetti attraverso la concezione di uno strumentoInternet adeguato alle necessità dei professionisti della cultura nel settore dellacooperazione culturale europea.Il sostegno viene erogato sulla base di specifici bandi annuali.SOGGETTI BENEFICIARI  Centri di ricerca  Imprese  Università  Associazioni culturali  Fondazioni  Associazioni  Pubbliche amministrazioniBUDGET A DISPOSIZIONE400 milioni di euro ----------------------------6. Programma ERASMUS MUNDUS IIDESCRIZIONE ED OBIETTIVIIl programma promuove, da un lato, la qualità nellistruzione superiore europeo e lacomprensione interculturale mediante la cooperazione con i paesi terzi e, dallaltro,favorisce lo sviluppo dei paesi terzi nel campo dellistruzione superiore.Le finalità del programma Erasmus Mundus sono di promuovere listruzione superioreeuropea, contribuire ad ampliare e migliorare le prospettive di carriera degli studenti efavorire la comprensione interculturale tramite la cooperazione con i paesi terzi, in linea“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 15
  16. 16. con gli obiettivi della politica estera dellUnione per contribuire allo sviluppo sostenibile deipaesi terzi nel settore dellistruzione superiore.Il programma ha per obiettivi specifici: a) favorire una cooperazione strutturata tra gli istituti di istruzione superiore e favorire unofferta di qualità elevata in materia distruzione superiore; b) contribuire allarricchimento reciproco delle società sviluppando le qualifiche di uomini e donne affinché dispongano di competenze adeguate, in particolare per quanto concerne il mercato del lavoro; c) contribuire allo sviluppo delle risorse umane e della capacità di cooperazione internazionale degli istituti di istruzione superiore nei paesi terzi tramite flussi di mobilità rafforzati tra lUnione i paesi terzi; d) migliorare laccessibilità e rafforzare il profilo e la visibilità dellistruzione superiore europea nel mondo;TIPOLOGIE DI AZIONILe finalità e gli obiettivi specifici del programma, sono perseguiti mediante le seguentiazioni:Azione 1: programmi comuni Erasmus Mundus (master e dottorati) di eccellente qualitàaccademica, incluso un regime di borse di studio;Azione 2: partenariato Erasmus Mundus tra istituti di istruzione superiore europei e dipaesi terzi, quale base per la cooperazione strutturata, gli scambi e la mobilità a tutti ilivelli di istruzione superiore, incluso un regime di borse di studio;Azione 3: promozione dellistruzione superiore europea attraverso misure che rafforzanolattrattiva dei paesi europei in quanto meta educativa e centro di eccellenza mondiale.SOGGETTI BENEFICIARIIl programma è aperto alla partecipazione:a) di paesi EFTA membri del SEE, conformemente alle condizioni previste dallaccordoSEE;b) di paesi candidati dotati di una strategia di preadesione, conformemente ai principigenerali nonché ai termini e alle condizioni generali previsti dagli accordi quadro conclusicon tali paesi riguardo alla loro partecipazione ai programmi comunitari;c) di paesi dei Balcani occidentali, conformemente ai principi generali nonché ai termini ealle condizioni generali previsti dagli accordi quadro conclusi con tali paesi riguardo allaloro partecipazione ai programmi comunitari;d) della Confederazione svizzera, a condizione che con tale paese sia stato concluso unaccordo bilaterale che ne prevede la partecipazione.BUDGET A DISPOSIZIONE493.690.000 Euro ----------------------------ALTRI PROGRAMMI AREA SETTORE ISTRUZIONE E CULTURA7. Programma UE - USA Cooperazione nei settori dellistruzione e della formazione8. Programma UE - CANADA Coooperazione nei settori dellstruzione e della formazione9. Programma TEMPUS IV - E volto a promuovere lammodernamento dei sistemidistruzione superiore in Europa orientale, Asia centrale, Balcani occidentali, Africasettentrionale e Medio Oriente.10. Programma MEDIA MUNDUS - Programma di cooperazione nel settore audiovisivocon i paesi terzi11. Programma AZIONE PREPARATORIA MEDIA INTERNATIONAL“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 16
  17. 17. AREA OCCUPAZIONE, AFFARI SOCIALI E PARI OPPORTUNITA1. Programma PROGRESSDESCRIZIONE ED OBIETTIVINuovo strumento di finanziamento destinato a sostituire i diversi programmi comunitarioperativi fino alla fine del 2006 nei settori della solidarietà sociale e delloccupazioneObiettivi:Il programma è suddiviso nelle seguenti cinque sezioni: a) Occupazione b) Protezione sociale e integrazione c) Condizioni di lavoro d) Diversità e lotta contro la discriminazione e) Parità fra uomini e donneTIPOLOGIE DI AZIONIIl programma finanzia i seguenti tipi di azioni, che possono essere svolte, se del caso, inambito transnazionale:a) attività analitiche: i) raccolta, elaborazione e diffusione di dati e statistiche; ii) elaborazione e diffusione di metodologie e, se del caso, di indicatori o criteri di riferimento; iii) realizzazione di studi, analisi e indagini e diffusione dei risultati; iv) realizzazione di valutazioni e analisi dell’impatto e diffusione dei risultati; v) elaborazione e pubblicazione di guide, relazioni e materiale didattico tramite Internet o altri supporti mediatici;b) attività di apprendimento reciproco, sensibilizzazione e diffusione: i) identificazione e scambio di buone prassi, impostazioni ed esperienze innovative, organizzazione di valutazioni a pari livello e apprendimento reciproco mediante riunioni/workshop/seminari a livello nazionale, transnazionale o europeo, tenendo presenti, se possibile, circostanze specifiche nazionali; ii) organizzazione di conferenze/seminari della presidenza; iii) organizzazione di conferenze/seminari a sostegno dello sviluppo e dell’attuazione della normativa e degli obiettivi politici della Comunità; iv) organizzazione di campagne e manifestazioni nei mezzi di comunicazione; v) raccolta e pubblicazione di materiali al fine di diffondere informazioni e risultatidel programma;c) sostegno ai principali operatori: i) sostegno alle spese di funzionamento delle principali reti di livello europeo le cui attività sono collegate allattuazione degli obiettivi del programma; ii) organizzazione di gruppi di lavoro costituiti da funzionari nazionali per seguire l’applicazione del diritto comunitario; iii) finanziamento di seminari specializzati destinati a coloro che sono attivi nel settore, ai principali funzionari e ad altri operatori pertinenti; iv) creazione di reti fra organismi specializzati a livello europeo; v) finanziamento di reti di esperti; vi) finanziamento di osservatori a livello europeo; vii) scambio di personale fra amministrazioni nazionali; viii) cooperazione con istituzioni internazionali.“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 17
  18. 18. SOGGETTI BENEFICIARILaccesso al programma è aperto a tutti gli organismi, operatori e istituzioni pubblici e/oprivati, in particolare:a) Stati membri;b) servizi pubblici delloccupazione e relative agenzie;c) autorità regionali e locali;d) organismi specializzati previsti dalla normativa comunitaria;e) parti sociali;f) ONG, in particolare quelle organizzate a livello europeo;g) istituti di istruzione superiore e istituti di ricerca;h) esperti di valutazione;i) istituti statistici nazionali;j) mezzi di comunicazione.Il programma è aperto alla partecipazione dei seguenti paesi:- i paesi EFTA/SEE, in conformità delle condizioni stabilite dallaccordo SEE,- i paesi in fase di adesione e i paesi candidati associati allUnione europea, nonché i paesidei Balcani occidentali che partecipano al processo di stabilizzazione e associazione.BUDGET A DISPOSIZIONE743.250.000 euro“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 18
  19. 19. AREA RICERCA E INNOVAZIONE1. VII° Programma QuadroDescrizione e obiettiviLa Ricerca e Innovazione, nel contribuire a migliorare il corso della vita, portandoprosperità e benessere, realizzano un importante ed essenziale fattore per la competitivitàche rappresenta, ad oggi, una grande sfida per lUnione Europea.Obiettivi primari:- coordinare le attività di ricerca europee con quelle svolte a livello degli Stati membri- sviluppare la politica dellU.E. nel settore della Ricerca e Sviluppo favorendo la crescitaeconomica sostenibile- crescita tecnologica, con conseguente contributo alla competitività internazionaledellindustria europea- sostenere le politiche dellUnione in altri ambiti quali sanità ,ambiente, energia, trasporti,agricoltura, comunicazione;- promuovere una più chiara comprensione della scienza nella società modernaincentivandone il dibattito pubblico sui temi di ricerca a livello europeo.Traducendo questi obiettivi in azione, uno degli strumenti impiegati per lattuazione diquesta politica è rappresentato dal 7° Programma Quadro pluriennale che contribuisceallorganizzazione e al sostegno finanziario.Con una dotazione di bilancio di oltre 50 miliardi di euro, pari a più del doppio di quelladisponibile del 6PQ precedente nel periodo 2002-2006 , il 7PQ per il periodo 2007-2013rappresenta lo strumento principale dellU.E. per il finanziamento della ricerca in Europa.Articolato in quattro aree specifiche:- Programma Cooperazione (32.413 milioni di euro) che, nel promuovere lacollaborazione tra lindustria e la ricerca accademica in tutta Europa, offrirà sostegno allacooperazione trasnazionale in una serie di aree tematiche che corrispondono ai principalisettori della conoscenza e delle tecnologie ( salute, prodotti alimentari, agricoltura, pescae biotecnologie , nanoscienze, nanotecnologie , materiali e nuove tecnologie diproduzione,tecnologie dellinformazione e della comunicazione,ambiente, trasporti ,scienze socioeconomiche e scienze umanistiche,spazio e sicurezza ).- Programma Idee (7.510 milioni di euro) che sotto la guida di un Consiglio europeo perla ricerca stimolerà creatività, dinamismo, sostenendo progetti di ricerca avviati da singoleèquipe in concorrenza a livello europeo su iniziativa dei ricercatori stessi e svolti in tutti isettori.- Programma Persone (4.750 milioni di euro) che nello sviluppare quantitativamente equalitativamente il potenziale umano nel campo della tecnologia e ricerca in Europa,offrirà un importate contributo per incoraggiare i ricercatori europei a rimanere in Europa,rendendola così più attraente a tutti i ricercatori del mondo intero, offrendo in tal senso unefficace sostegno significativo alla mobilità e alla realizzazione della carriera.- Programma Capacità (4.097 milioni di euro) che migliorerà la ricerca e le capacitàdinnovazione in tutta Europa,garantendone un utilizzo ottimale per realizzareuneconomia prospera basata sulla conoscenza, ottimizzando luso e lo sviluppo delleinfrastrutture per la ricerca; sostenendo lo sviluppo coerente delle politiche in materia diricerca e di raggruppamenti regionali orientati alla ricerca stessa; riavvicinare scienza esocietà , sviluppare una politica di cooperazione internazionale nel campo della scienza“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 19
  20. 20. sostenendo la ricerca a vantaggio delle PMI, liberando altresì tutto il potenziale di ricercaesistente nelle regioni più esterne e in quelle più convergenti dellU.E.La Ricerca e lInnovazione rappresentano pertanto un fondamentale elemento per il futurodellEuropa, dove la nascita di piattaforme europee di eccellenza e il finanziamento diprogrammi di ricerca permetteranno di poter raggiungere lobiettivo che farà dellEuropauneconomia basata sulla conoscenza più dinamica e competitiva al mondo, conlopportunità di sostenere una crescita economica, unoccupazione e una più efficacecoesione sociale che comporterà laumento della produttività e valore aggiunto di prodottie servizi.“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 20
  21. 21. AREA AGRICOLTURA E PESCA1. Programma AZIONI DI INFORMAZIONE RIGUARDANTI LA POLITICAAGRICOLA COMUNELa politica agricola comune (PAC) ha come obiettivo quello di garantire un prodottoalimentare sano e sicuro nel rispetto dell’ambiente, un alimento di qualità presentato sulmercato da un giusto prezzo nella tutela e garanzia delle piccole e medie imprese agricoleaffinché la produzione dello stesso risponda alle aspettative dei consumatori.OBIETTIVILa Commissione europea cofinanzia azioni di informazione sulla politica agricola comunevolte in particolare a:1. contribuire, da una parte, ad illustrare e, dallaltra, ad attuare nonché a sviluppare talepolitica;2. promuovere il modello agricolo europeo e favorirne la comprensione;3. informare gli agricoltori e gli altri operatori del mondo rurale;4. sensibilizzare lopinione pubblica circa le prospettive e le finalità della politica agricola.Il fondo Europeo Agricolo di Orientamento e Garanzia (FEAOG), relativo al finanziamentodella PAC, costituisce una parte considerevole nel bilancio generale dell’U.E. dove, inparticolare, la sezione “Garanzia “finanzia le spese dell’organizzazione comune dei mercatiagricoli,le misure di sviluppo rurale che accompagnano il sostegno dei mercati e le misurerurali non comprese nelle regioni dell’obiettivo 1, alcune spese veterinarie oltre ad azioniintese a fornire informazioni sulla politica agricola comune , mentre la sezione“Orientamento” finanzia altre misure di sviluppo rurale non finanziate dalla sezione“Garanzia”. I fondi prevedono concessioni di pagamento dirette agli agricoltori senzaprocedure di valutazione della qualità dei progetti proposti da parte di esperti esterni.La Comunità può, altresì, finanziare iniziative sul mercato interno o al di fuori dei confinidell’Unione, Paesi Terzi, a mezzo di azioni d’informazione e di promozione dei prodottiagricoli, del loro metodo di produzione e che mettano in evidenza i vantaggi dei prodottieuropei in termini di qualità, igiene sicurezza alimentare nutrizione, etichettatura epromuovere altresì conferenze, seminari, visite d’informazione.SOGGETTI BENEFICIARI - ENTITA DEL FINANZIAMENTOA questi tipi d’azioni possono partecipare organizzazioni agricole o di sviluppo rurale,associazioni di consumatori o di tutela dell’ambiente, autorità pubbliche degli Statimembri, mass-media o Istituti Universitari il cui cofinanziamento non potrà superare lapercentuale massima del 50% delle spese ammissibili o, su richiesta del proponente, al75% delle spese ammissibili per azioni d’informazione specifica che rivestano interesseeccezionale.Gli inviti a presentare proposte di azioni d’informazione, indicandone i temi e i tipi di azioniprioritarie, sono comunicati ogni anno entro e non oltre il 31 luglio, a mezzo della GazzettaUfficiale della Comunità Europea. ----------------------------“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 21
  22. 22. 2. PROGRAMMA DI SOSTEGNO A MISURE DI INFORMAZIONE EPROMOZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI SUL MERCATO INTERNO ENEI PAESI TERZIOBIETTIVISostenere ed attuare le attività di divulgazione e le attività di informazione dei prodottiagricoli e alimentari e delle loro metodologie di produzioneTIPOLOGIE DI AZIONIa) azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievole caratteristiche intrinseche e i vantaggi dei prodotti comunitari in termini di qualità,sicurezza degli alimenti, metodi di produzione specifica, aspetti nutrizionali e sanitari,etichettatura, benessere degli animali e rispetto dellambiente;b) partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza nazionale o europea,con lallestimento di padiglioni finalizzati a valorizzare limmagine dei prodotti comunitari;c) campagne di informazione, in particolare sui regimi comunitari delle denominazionidorigine protette (DOP), delle indicazioni geografiche protette (IGP), delle specialitàtradizionali garantite (STG) e della produzione biologica, nonché su altri regimi comunitariconcernenti le norme di qualità e letichettatura dei prodotti agricoli e alimentari nonché isimboli grafici previsti nella pertinente normativa comunitaria, in particolare il simbolografico per le regioni ultraperiferiche;d) azioni di informazione sul regime comunitario dei vini di qualità prodotti in regionideterminate (VQPRD), dei vini con indicazione geografica e delle bevande spiritose conindicazione geografica o indicazione tradizionale riservata;e) studi intesi a valutare i risultati delle azioni promozionali e di informazione.PAESI COINVOLTIStati membriSOGGETTI BENEFICIARIOrganizzazioni professionaliENTITA DEL FINANZIAMENTOIl contributo comunitario arriva fino al 50% dei costi ammissibili del progetto. Il restante50% è a carico dell’organizzazioni professionali proponentiMODALITA DI PARTECIPAZIONELe organizzazioni professionali interessate devono inviare le loro proposte alle autoritàcompetenti degli Stati membri in seguito alla pubblicazione di un bando di gara. Leautorità nazionali competenti trasmettono poi alla Commissione lelenco dei programmiselezionati, con una copia di ciascun programma. La Commissione esamina i programmiproposti e decide se possano essere cofinanziati o meno.“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 22
  23. 23. AREA AMBIENTE1. Programma LIFE +OBIETTIVIObiettivo generale di LIFE+ è contribuire allattuazione, allaggiornamento e allo sviluppodella politica e della normativa comunitarie in materia di ambiente, compresalintegrazione dellambiente in altre politiche, contribuendo in tal modo allo svilupposostenibile In particolare, LIFE+ favorisce lattuazione del 6° Programma comunitario inmateria di ambiente, comprese le strategie tematiche, e finanzia misure e progetti convalore aggiunto europeo negli Stati membri.TIPOLOGIE DI AZIONII tre sottoprogrammi sono:- LIFE+ Natura e biodiversità;- LIFE+ Politica e governance ambientale;- LIFE+ Informazione e comunicazione.LIFE+ Natura e biodiversità:a) contribuire allattuazione della politica e della normativa comunitarie in materia dinatura e biodiversità;b) contribuire a consolidare la base delle conoscenze per la formulazione, il monitoraggio ela valutazione della politica e della normativa comunitarie in materia di natura ebiodiversità;c) fornire un sostegno alla messa a punto e allattuazione di approcci e strumenti per ilmonitoraggio e la valutazione della natura e della biodiversità e dei fattori,d) fornire un sostegno al miglioramento della governanza ambientale favorendo unamaggiore partecipazione dei soggetti interessati.LIFE+ Politica e governance:a) contribuire allo sviluppo e alla dimostrazione di approcci, tecnologie, metodi e strumentiinnovativi;b) contribuire a consolidare la base delle conoscenze per la formulazione, il monitoraggio ela valutazione della politica e della legislazione di ambiente;c) fornire un sostegno alla messa a punto e allattuazione di approcci per il monitoraggio ela valutazione dello stato dellambiente e dei fattori;d) agevolare lattuazione della politica comunitaria in materia di ambiente, soprattutto alivello locale e regionale;e) fornire un sostegno al miglioramento della governanza ambientale, favorendo unamaggiore partecipazione dei soggetti interessati;LIFE+ Informazione e comunicazionea) assicurare la diffusione delle informazioni e sensibilizzare alle tematiche ambientali,inclusa la prevenzione degli incendi boschivi;b) fornire un sostegno alle misure di accompagnamento, quali informazione, azioni ecampagne di comunicazione, conferenze e formazione, inclusa la formazione in materia diprevenzione degli incendi boschi.SOGGETTI BENEFICIARIOrganismi, soggetti e istituzioni pubblici e/o privati.BUDGET A DISPOSIZIONE2.143.409.000 Euro.“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 23
  24. 24. 2. Programma STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE2007-2013OBIETTIVIQuesto strumento finanziario è destinato a sostenere ed integrare le attività degli Statimembri finalizzate principalmente alla protezione delle persone ma anche dellambiente edei beni compreso il patrimonio culturale, in caso di catastrofi naturali o provocate dagliuomini, atti di terrorismo e catastrofi tecnologiche, radiologiche o ambientali, nonché adagevolare il rafforzamento della cooperazione tra gli Stati membri nel settore dellaprotezione civile. Con la decisione dell8 agosto 2007 n. 2007/606/CE, Euratom laCommissione ha stabilito le modalità di attuazione in materia di trasporto degli aiuti nelcaso di emergenza ad un paese colpito.TIPOLOGIA DI AZIONIa) studi, indagini, modelli e sviluppo di scenari volti a: i) agevolare la messa in comune di conoscenze, migliori prassi e informazioni; e ii) rafforzare la prevenzione, la preparazione e la risposta efficace;b) formazione, esercitazioni, seminari, scambio di personale ed esperti, creazione di reti,progetti di dimostrazione e trasferimento di tecnologie al fine di rafforzare la prevenzione,la preparazione e la risposta efficace;c) informazione dellopinione pubblica, istruzione e sensibilizzazione e connesse attività didivulgazione per ridurre al minimo gli effetti delle emergenze sui cittadini dellUE e metterliin condizione di autoproteggersi con maggiore efficacia;d) mantenimento delle funzioni fornite dal centro di informazione e monitoraggio delmeccanismo (MIC) per agevolare una risposta rapida in caso di emergenza grave;e) attività e misure di comunicazione finalizzate a promuovere la visibilità della rispostadella Comunità;f) contributo allo sviluppo di sistemi di rilevamento e di allerta rapida per le catastrofi chepossono colpire il territorio degli Stati membri, per consentire agli Stati membri e allaComunità di rispondere rapidamente, nonché alla creazione di tali sistemi tramite studi evalutazioni sulla necessità e la fattibilità di detti sistemi e azioni intese a promuovernelinterconnessione e la connessione con il MIC e il sistema CECIS. Tali sistemi tengonoconto e si basano sulle informazioni esistenti, il monitoraggio o le fonti di rilevamento;g) creazione e mantenimento di un sistema comune di comunicazione e di informazione incaso di emergenza che permetta la comunicazione e lo scambio di informazioni tra i MIC ei punti di contatto degli Stati membri e di altri partecipanti nellambito del meccanismo;h) attività di monitoraggio e valutazione;i) creazione di un programma basato sulle esperienze acquisite da interventi edesercitazioni nellambito del meccanismo.PAESI COINVOLTIStati Membri, Paesi candidati, paesi terzi che abbiano accordi con la comunità cheprevedano la possibilità di partecipazione ai programmi comunitariSOGGETTI BENEFICIARIIl sostegno finanziario di cui allo strumento può essere concesso a persone fisiche ogiuridiche, di diritto pubblico o privato.BUDGET A DISPOSIZIONE189.800.000 Euro“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 24
  25. 25. AREA COOPERAZIONE1. Programma EIDHR STRUMENTO EUROPEO PER LA DEMOCRAZIE E DIDIRITTI UMANI (2007-2013)OBIETTIVILo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani in virtù EIDHR del quale laComunità eroga assistenza, nellambito delle politiche comunitarie di cooperazione allosviluppo e di cooperazione economica, tecnica e finanziaria con i paesi terzi, coerente conla politica estera complessiva dellUnione europea, contribuendo allo sviluppo e alconsolidamento della democrazia e dello Stato di diritto, alla tutela dei diritti umani e dellelibertà fondamentali.Lassistenza mira: a. ad un maggior rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali e alla loro osservanza, come proclamato nella Dichiarazione universale dei diritti delluomo e in altri strumenti internazionali e regionali in materia di diritti delluomo, promuovendo e consolidando la democrazia e le riforme democratiche nei paesi terzi, principalmente mediante il sostegno alle organizzazioni della società civile, a fornire sostegno e solidarietà ai difensori dei diritti delluomo e alle vittime di repressioni e maltrattamenti e a rafforzare la società civile attiva nel settore dei diritti delluomo e della promozione della democrazia; b. a sostenere e rafforzare il contesto internazionale e regionale per la protezione, la promozione e il monitoraggio dei diritti umani, promuovere la democrazia e lo stato di diritto per rafforzare il ruolo attivo della società civile in questi contesti; c. promuovere la fiducia nei processi elettorali e poteziandone laffidabilità, in particolare mediante missioni di osservazione elettorale e mediante il sostegno alle organizzazioni locali della società civile coinvolte in questi processi.AZIONILassistenza comunitaria sosterrà interventi nei seguenti settori:a) promozione e potenziamento della democrazia partecipativa e rappresentativa,compresa la democrazia parlamentare, sostegno alla democrazia e ai processi didemocratizzazione, principalmente mediante le organizzazioni della società civile;b) promozione e protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali quali proclamatidalla dichiarazione universale dei diritti delluomo e da altri strumenti internazionali atutela dei diritti civili, politici, economici, sociali e culturali, principalmente mediante leorganizzazioni della società civile;c) Il rafforzamento del quadro internazionale a tutela dei diritti umani della giustizia, delloStato di diritto e per la promozione della democrazia;d) La diffusione della fiducia nei processi elettorali democratici e ampliandone laffidabilitàe la trasparenza.Ove opportuno, tutti gli interventi di aiuto prestano attenzione alla promozione e allaprotezione delluguaglianza uomo-donna, dei diritti del fanciullo, dei diritti dellepopolazioni autoctone, dei diritti delle persone con disabilità e a principi qualilemancipazione, la partecipazione, la non discriminazione dei gruppi vulnerabili elassunzione di responsabilità.Gli interventi di aiuto trovano applicazione nel territorio dei paesi terzi ovvero devonoavere unattinenza diretta con le situazioni presenti nei paesi terzi ovvero esseredirettamente collegati alle azioni a livello mondiale o regionale.“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 25
  26. 26. BUDGET A DISPOSIZIONE1.104.000.000 euro. ----------------------------2. Programma Investire nelle persone 2007-2013OBIETTIVILobiettivo del programma è sostenere le azioni nei settori che incidono sul tenore di vita esul benessere delle popolazioni per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi stabiliti nelMillenium Development Goals, con particolare attenzione ai Paesi più poveri e menosviluppati e alle fasce svantaggiate della popolazione.AZIONITipologia di azioni:SALUTE PER TUTTI  lotta contro le malattie legate alla povertà, lotta alle principali malattie trasmissibili, (HIV/AIDS, malaria e tubercolosi) e in particolare:  azioni volte a migliorare e garantire la salute riproduttiva e sessuale nei PVS;  sostegno a un più equo accesso agli operatori, ai prodotti e ai servizi sanitari;  meccanismi adeguati a finanziare laccesso equo alle cure sanitarie;  la promozione dellequilibrio tra prevenzione, cure e assistenza.ISTRUZIONE, CONOSCENZA E COMPETENZE  attenzione alle azioni adottate nel contesto degli OSM/MDGs al fine di garantire: unistruzione primaria per tutti entro il 2015 e del piano dazione di Dakar sullistruzione universale;  sostegno allistruzione di base, allinsegnamento secondario e superiore e allistruzione e alla formazione professionale;  promozione di unistruzione di base di elevata qualità per tutti,;  sviluppo di metodi per misurare i risultati dellapprendimento al fine di valutare meglio la qualità dellistruzione, soprattutto per quanto riguarda la capacità di leggere, scrivere e far di conto, e le abilità essenziali per la vita;  promozione dellarmonizzazione e dellallineamento dei donatori per sostenere listruzione per tutti, obbligatoria, libera e di elevata qualità mediante iniziative internazionali o multinazionali;  sostegno a una società dellinformazione che favorisca linserimento e promuova attività tese a colmare il divario digitale e le lacune in materia di conoscenza e di informazione;  miglioramento della conoscenza e dellinnovazione tramite la scienza e la tecnologia, dello sviluppo di reti di comunicazione elettronica e dellaccesso a tali reti.PARITÀ DI GENERE  Promozione della parità di genere e dei diritti delle donne, attraverso lattuazione degli impegni assunti a livello mondiale; le attività comprendono i seguenti elementi:  programmi di sostegno al conseguimento degli obiettivi della Piattaforma dazione di Pechino;  rafforzamento delle capacità istituzionali e operative dei principali operatori, delle organizzazioni della società civile, delle organizzazioni e delle reti femminili;“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 26
  27. 27.  inserimento di una prospettiva di genere nel controllo e nella creazione di capacità statistiche, sostenendo lo sviluppo e la diffusione di dati e indicatori disaggregati per sesso, nonché di dati e di indicatori relativi alla parità di genere;  riduzione del tasso di analfabetismo degli adulti, con particolare attenzione per lalfabetizzazione femminile;  azioni contro la violenza nei confronti delle donne;ALTRI ASPETTI DELLO SVILUPPO UMANO E SOCIALE:  cultura  occupazione e coesione sociale  gioventù e infanziaPAESI COINVOLTIUE 27, Paesi ENPI, Paesi candidati Croazia, Ex Repubblica iugoslava di Macedonia eTurchia efta-see Norvegia, Islanda e Liechtenstein.SOGGETTI BENEFICIARI  paesi e regioni partner e relative istituzioni;  enti decentralizzati dei paesi partner (regioni, dipartimenti, province e comuni);  organismi misti istituiti dai paesi e dalle regioni partner e dalla Comunità;  organizzazioni internazionali, tra cui le organizzazioni regionali, gli organismi, i servizi o le missioni che rientrano nel sistema delle Nazioni Unite, le istituzioni finanziarie internazionali e le banche di sviluppo;  le agenzie dellUnione europea.  enti pubblici o parastatali, amministrazioni o autorità locali e relative associazioni rappresentative;  società, imprese e altre organizzazioni e operatori economici privati;  istituzioni finanziarie dedite alla concessione, alla promozione e al finanziamento degli investimenti privati nei Paesi e nelle regioni partner;  attori non statali: ONG; organizzazioni rappresentative di popolazioni autoctone, organizzazioni rappresentative delle minoranze nazionali e/lo etniche, associazioni professionali e gruppi diniziativa locali, cooperative, sindacati, organizzazioni rappresentative degli attori economici e sociali, organizzazioni che combattono la corruzione e la frode e promuovono la buona governance, organizzazioni per i diritti civili e organizzazioni che combattono le discriminazioni, organizzazioni locali (comprese le reti) operanti nel settore della cooperazione e dellintegrazione regionali decentralizzate,  associazioni di consumatori, associazioni di donne e di giovani, organizzazioni di insegnamento, culturali, di ricerca e scientifiche, università, chiese e associazioni o comunità religiose, mass-media, e infine tutte le associazioni non governative e fondazioni indipendenti che possono dare il proprio contributo al conseguimento degli obiettivi del programma.  persone fisiche.BUDGET A DISPOSIZIONE1.060.000.000 euroALTRI PROGRAMMI SETTORE COOPERAZIONE:  Programma URB-AL III  4. Programma TACIS  5. Programma IPA  6. Programma COOPERAZIONE EUROPEAID“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 27
  28. 28. AREA ENERGIA E TRASPORTI1. Programma ENERGIA INTELLIGENTE-EUROPA (CIP-EIE) 2007/2013OBIETTIVIIl programma Energia intelligente - Europa è stato istituito a favore dellefficienzaenergetica, delle fonti di energia rinnovabili e della diversificazione energetica. Ilprogramma contribuisce ad assicurare unenergia sicura e sostenibile per lEuropa, e nerafforza la competitività.Il programma prevede misure dirette in particolare a:a) incoraggiare lefficienza energetica e luso razionale delle risorse energetiche;b) promuovere le fonti denergia nuove e rinnovabili e incoraggiare la diversificazioneenergetica;c) promuovere lefficienza energetica e luso di fonti denergia nuove e rinnovabili neitrasporti.Gli obiettivi operativi del programma Energia intelligente-Europa sono i seguenti:a) fornire gli elementi necessari per migliorare la sostenibilità, per sviluppare il potenzialedelle città e delle regioni e per preparare le misure legislative grazie alle quali potrannoessere raggiunti i relativi obiettivi strategici; mettere a punto mezzi e strumenti checonsentano di seguire, monitorare e valutare lincidenza delle misure adottate dallaComunità e dagli Stati membri nei settori dazione del programma;b) sostenere, in tutti gli Stati membri, gli investimenti in tecnologie nuove e altamenteredditizie in termini di efficienza energetica, uso di fonti denergia rinnovabili ediversificazione energetica, anche nel settore dei trasporti, colmando la lacuna esistentetra la dimostrazione riuscita di tecnologie innovative e la loro effettivacommercializzazione su vasta scala al fine di stimolare gli investimenti pubblici e privati,promuovere tecnologie strategiche chiave, diminuire i costi, aumentare lesperienza dimercato, ridurre i rischi finanziari e di altro tipo ed eliminare gli ostacoli che frenano gliinvestimenti in queste tecnologie;c) eliminare gli ostacoli non tecnologici che frenano ladozione di modelli efficienti eintelligenti di produzione e consumo di energia, incoraggiando il miglioramento dellecapacità delle istituzioni, anche a livello locale e regionale, sensibilizzando il pubblico, inparticolare attraverso il sistema educativo, favorendo gli scambi di esperienze e di know-how tra i principali soggetti interessati, le imprese ed i cittadini in generale e stimolando ladiffusione delle migliori pratiche e delle migliori tecnologie disponibili, in particolaremediante loro campagne promozionali a livello comunitario.AZIONI PREVISTEIl programma prevede azioni nelle seguenti aree di intervento: 1. Efficienza energetica e uso razionale delle risorse (SAVE)Le azioni a favore dellefficienza energetica e delluso razionale delle risorse energetichesono dirette tra laltro:a) a migliorare lefficienza energetica e luso razionale dellenergia, in particolare neisettori industriale ed edilizio;b) a sostenere lelaborazione e lattuazione di provvedimenti legislativi. 2. Fonti denergia nuove e rinnovabili (ALTENER)Le azioni a favore delle fonti denergia nuove e rinnovabili sono dirette tra laltro:“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 28
  29. 29. a) a promuovere le fonti denergia nuove e rinnovabili per la produzione centralizzata edecentrata di elettricità, di calore e di freddo, e a sostenere così la diversificazione dellefonti denergia, ad eccezione delle azioni di cui allarticolo 41;b) a integrare le fonti denergia nuove e rinnovabili nel contesto locale e nei sistemienergetici;c) a sostenere lelaborazione e lattuazione di provvedimenti legislativi. 3. Energia e trasporti (STEER)Le azioni a favore dellefficienza energetica e delluso di fonti denergia nuove e rinnovabilinei trasporti sono dirette tra laltro:a) a sostenere iniziative riguardanti tutti gli aspetti energetici dei trasporti e ladiversificazione dei carburanti;b) a promuovere i carburanti rinnovabili e lefficienza energetica nei trasporti;c) a sostenere lelaborazione e lattuazione di provvedimenti legislativi. 4. Iniziative integrateLe azioni che riguardano due o più dei settori specifici o che si riferiscono ad alcunepriorità comunitarie sono dirette tra laltro:a) ad integrare lefficienza energetica e le fonti denergia rinnovabili in diversi settorieconomici;b) ad associare vari strumenti e soggetti nel quadro della stessa iniziativa o dello stessoprogetto.SOGGETTI BENEFICIARIa) paesi dellAssociazione europea di libero scambio (EFTA) membri dello Spazioeconomico europeo (SEE), conformemente alle condizioni previste dallaccordo SEE;b) paesi in via di adesione e paesi candidati nei cui confronti si applichi una strategia dipreadesione, conformemente ai principi generali e alle condizioni generali per lapartecipazione di tali paesi ai programmi comunitari stabiliti nei rispettivi accordi quadro enelle rispettive decisioni dei consigli di associazione;c) paesi dei Balcani occidentali, conformemente alle disposizioni da definire con detti paesia seguito della conclusione di accordi quadro relativi alla loro partecipazione a programmicomunitari;d) altri paesi terzi qualora consentito dagli accordi e dalle procedure.BUDGET A DISPOSIZIONE3.621.300.000 di euro (2007-2013) ----------------------------ALTRI PROGRAMMI ENERGIA E TRASPORTI:2. Programma TEN-T3. Programma Marco Polo II“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 29
  30. 30. AREA GIUSTIZIA E AFFARI INTERNII programmi 1. DAPHNE III 2. DIRITTI FONDAMENTALI E GIUSTIZIA: DIRITTI FONDAMENTALI E CITTADINANZA (2007-2013) 3. DIRITTI FONDAMENTALI E GIUSTIZIA: GIUSTIZIA PENALE 2007/2013 4. IMMIGRAZIONE: COOPERAZIONE CON I PAESI TERZI 5. PERICLE (2007/2013) 6. PREVENZIONE E INFORMAZIONE IN MATERIA DI DROGA DEL PROGRAMMA GENERALE "DIRITTI FONDAMENTALI E GIUSTIZIA" 7. PREVENZIONE, PREPARAZIONE E GESTIONE DELLE CONSEGUENZE IN MATERIA DI TERRORISMO E DI ALTRI RISCHI 8. PROGRAMMA "GIUSTIZIA CIVILE" DEL PROGRAMMA GENERALE "DIRITTI FONDAMENTALI E GIUSTIZIA" 9. PROGRAMMA SICUREZZA E TUTELA DELLE LIBERTA - PREVENZIONE E LOTTA CONTRO LA CRIMINALITA (2007-2013) 10.SOLIDARIETA E GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI - FONDO EUROPEO PER I RIMPATRI (2008/2013) 11.SOLIDARIETA E GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI - FONDO EUROPEO PER LINTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI (2007/2013) 12.SOLIDARIETA E GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI - FONDO PER LE FRONTIERE ESTERNE (2007/2013) 13.SOLIDARIETA E GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI- FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI (2008/2013) ----------------------------AREA SALUTE E TUTELA DEL CONSUMATOREI programmi1. Programma INTERNET PIU SICURO2. Programma POLITICA DEI CONSUMATORI (2007-2013)3. PROGRAMMA DI AZIONE IN MATERIA DI SALUTE (2008/2013) ----------------------------“Guida ai programmi europei di finanziamento” Pagina 30

×