Finanziamenti Lombardia - Guida Agevolazioni Finlombarda

1,917 views

Published on

Guida alle agevolazioni per le imprese gestite da FinLombarda

Published in: Economy & Finance, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,917
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Finanziamenti Lombardia - Guida Agevolazioni Finlombarda

  1. 1. Guida alle agevolazionigestite da Finlombarda Marzo 2011
  2. 2. INDICESTATUS OPERATIVITÀ ................................................................................................................................................. 3DG INDUSTRIA ARTIGIANATO EDILIZIA E COOPERAZIONE .......................................................................................... 5 MADE IN LOMBARDY ............................................................................................................................................................ 7 FONDO DI ROTAZIONE PER LIMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEE DI INTERVENTO “ SVILUPPO AZIENDALE”; CRESCITA DIMENSIONALE”; “TRASFERIMENTO DI IMPRESA ............................................................................................................................................... 9 FRIM - FESR ...................................................................................................................................................................... 12 FRIM - LINEA DI INTERVENTO “ COOPERAZIONE” ..................................................................................................................... 15 FONDO JEREMIE FESR ......................................................................................................................................................... 18 FONDO DI ROTAZIONE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE (FRI) .................................................................................................... 20 MISURA “AGEVOLAZIONI PER L’ACQUISTO DI MACCHINARI” – EX SABATINI ................................................................................... 22 FONDO ARTIGIANO - MISURA A - MICROCREDITO.................................................................................................................... 24 FONDO ARTIGIANO - MISURA B - INVESTIMENTI ...................................................................................................................... 26 FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 1 “AVVIAMENTO DI NUOVE INIZIATIVE” ............................................................................ 28 FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 2A “SVILUPPO PRODUTTIVO” ......................................................................................... 30 FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 2B “SVILUPPO TECNOLOGICO”........................................................................................ 32 FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 3 “CRESCITA DIMENSIONALE” ........................................................................................ 34 FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 4 “TRASFERIMENTO D’IMPRESA” .................................................................................... 36 BANDO INTEGRATO PER LO SVILUPPO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI ARTIGIANI E DELLA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA PRODUTTIVO ...... 38 PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE DIRETTE REGIONALI A FAVORE DEL SETTORE PRODUTTIVO DELLA MODA. ......................................... 42 LEGGE REGIONALE 21/2003 – IMPRESE COOPERATIVE ............................................................................................................ 44 LEGGE REGIONALE 22/2006 – NUOVA IMPRENDITORIA ........................................................................................................... 46DG AGRICOLTURA ......................................................................................................................................................49 BANDO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO DI FUNZIONAMENTO A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ...................................................... 51DG COMMERCIO TURISMO E SERVIZI ........................................................................................................................53 BANDO INNOVA RETAIL 2008 .............................................................................................................................................. 55 BANDO INNOVA RETAIL 2009 .............................................................................................................................................. 58 BANDO INNOVA RETAIL 2010 .............................................................................................................................................. 62 DISTRETTI DEL COMMERCIO 2008 ........................................................................................................................................ 66 DISTRETTI DEL COMMERCIO 2009 ........................................................................................................................................ 69 FONDO PER LO SVILUPPO DEL COMMERCIO DEI PICCOLI COMUNI NON MONTANI ............................................................................. 72 BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PROGETTO “SKIPASS LOMBARDIA” ..................................................... 74 BANDO PER L’ACCESSO ALLE RISORSE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE TURISTICHE LOMBARDE - MISURE A E B ...... 76 FONDO DI ROTAZIONE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA TURISTICO LOMBARDO - MISURA C SVILUPPO TURISTICO.................................... 78 FONDO PER L’INNOVAZIONE E L’IMPRENDITORIALITÀ DEL SETTORE AI SERVIZI ALLE IMPRESE – FIMSER ............................................... 80DG CULTURA..............................................................................................................................................................83 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CULTURA ................................................................................................................................. 85 FONDO DI ROTAZIONE “SPETTACOLO” PER RISTRUTTURAZIONE E ADEGUAMENTO TECNOLOGICO DI SALE DESTINATE AD ATTIVITÀ DI SPETTACOLO ..................................................................................................................................................................... 88 FONDO DI ROTAZIONE “SPETTACOLO” PER PROGETTI DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA ............................................................... 90 FONDO DI GARANZIA “SPETTACOLO” ................................................................................................................................... 92DG ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO .................................................................................................................95 FONDO JEREMIE FSE........................................................................................................................................................... 97DG CASA ....................................................................................................................................................................99 CONTRIBUTO STRAORDINARIO AD INTEGRAZIONE DEL FONDO SOSTEGNO AFFITTO ......................................................................... 101 BANDO PER L’ACCESSO AL FONDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SERVIZI ABITATIVI A CANONE CONVENZIONATO ................... 102DC PROGRAMMAZIONE INTEGRATA - STRUTTURA UNIVERSITÀ E RICERCA .............................................................105 FONDO SEED ................................................................................................................................................................. 107 BANDO PER LA PROMOZIONE DELLE ESPRESSIONI DI INTERESSE PER I SOGGETTI PRIVATI .................................................................. 109 1
  3. 3. DC PROGRAMMAZIONE INTEGRATA – STRUTTURA CINEMA ...................................................................................112 FONDO DI ROTAZIONE PER PROGETTI DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA .................................................................................. 114APPENDICE ..............................................................................................................................................................117 I TASSI APPLICATI NELLE MISURE IN COFINANZIAMENTO CON GLI ISTITUTI DI CREDITO ..................................................................... 117 2
  4. 4. STATUS OPERATIVITÀ AGEVOLAZIONI OPERATIVITÀ MADE IN LOMBARDY FRIM - LINEE DI INTERVENTO “ SVILUPPO AZIENDALE”; CRESCITA DIMENSIONALE”; “TRASFERIMENTO DI IMPRESA FRIM - FESR FRIM - LINEA DI INTERVENTO “ COOPERAZIONE” FONDO JEREMIE FESR FONDO DI ROTAZIONE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE (FRI) MISURA “AGEVOLAZIONI PER L’ACQUISTO DI MACCHINARI” – EX SABATINI FONDO ARTIGIANO - MISURA A - MICROCREDITO DG INDUSTRIA, FONDO ARTIGIANO - MISURA B - INVESTIMENTI ARTIGIANATO, EDILIZIA E FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 1 “AVVIAMENTO DI NUOVE COOPERAZIONE INIZIATIVE” FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 2A “SVILUPPO PRODUTTIVO” FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 2B “SVILUPPO TECNOLOGICO” FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 3 “CRESCITA DIMENSIONALE” FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 4 “TRASFERIMENTO D’IMPRESA” BANDO INTEGRATO PER LO SVILUPPO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI ARTIGIANI E DELLA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA PRODUTTIVO PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE DIRETTE REGIONALI A FAVORE DEL SETTORE PRODUTTIVO DELLA MODA LEGGE REGIONALE 21/2003 – IMPRESE COOPERATIVE LEGGE REGIONALE 22/2006 – NUOVA IMPRENDITORIA BANDO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO DI FUNZIONAMENTO A FAVORE DELLEDG AGRICOLTURA IMPRESE AGRICOLE BANDO INNOVA RETAIL 2008 BANDO INNOVA RETAIL 2009 BANDO INNOVA RETAIL 2010 DISTRETTI DEL COMMERCIO 2008 DISTRETTI DEL COMMERCIO 2009 DG COMMERCIO FONDO PER LO SVILUPPO DEL COMMERCIO DEI PICCOLI COMUNI NONTURISMO E SERVIZI MONTANI BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PROGETTO “SKIPASS LOMBARDIA” BANDO PER L’ACCESSO ALLE RISORSE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE TURISTICHE LOMBARDE - MISURE A E B FONDO DI ROTAZIONE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA TURISTICO LOMBARDO - MISURA C SVILUPPO TURISTICO FONDO PER L’INNOVAZIONE E L’IMPRENDITORIALITÀ DEL SETTORE AI SERVIZI ALLE IMPRESE – FIMSER 3
  5. 5. FONDO DI ROTAZIONE PER LA CULTURA FONDO DI ROTAZIONE “SPETTACOLO” RISTRUTTURAZIONE E ADEGUAMENTO TECNOLOGICO DELLE SALE DG CULTURA FONDO DI ROTAZIONE “SPETTACOLO” PROGETTI DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA FONDO DI GARANZIA “SPETTACOLO” DG ISTRUZIONE FORMAZIONE E FONDO JEREMIE FSE LAVORO CONTRIBUTO STRAORDINARIO AD INTEGRAZIONE DEL FONDO SOSTEGNO AFFITTO DG CASA BANDO PER L’ACCESSO AL FONDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SERVIZI ABITATIVI A CANONE CONVENZIONATO DC FONDO SEED PROGRAMMAZIONE INTEGRATA STRUTTURA BANDO PER LA PROMOZIONE DELLE ESPRESSIONI DI INTERESSE PER I UNIVERSITÀ E SOGGETTI PRIVATI RICERCA DC PROGRAMMAZIONE FONDO DI ROTAZIONE PER PROGETTI DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA INTEGRATA EX ART. 5 L.R. 30.7.2008 N. 21 STRUTTURA CINEMABando/Sportello ApertoBando/Sportello Chiuso 4
  6. 6. DG Industria ArtigianatoEdilizia e Cooperazione 5
  7. 7. 6
  8. 8. MADE IN LOMBARDY 500 milioni di euro, sono le risorse finanziarie disponibili per la concessione di finanziamenti, di cui 400 milioni di euro da parte di BNL e Artigiancassa - Gruppo BNP Paribas e 100 milioni di euro da parte di Finlombarda. IDOTAZIONE finanziamenti Made in Lombardy sono garantiti fino all’80% da garanzia regionale del valore complessivo di euro 33 milioni a valere su risorse comunitarie (POR FESR Competitività 2007-2013). Il Made in Lombardy si rivolge alle micro, piccole, medie e grandi imprese – in qualsiasi forma costituite - appartenenti al settore manifatturiero, con sedeSOGGETTI BENEFICIARI operativa in Lombardia ed effettivamente operanti alla data di presentazione della domanda di intervento finanziario.OGGETTO INTERVENTO Il Made in Lombardy finanzia i programmi di investimento volti allo sviluppo Finalità e Attività competitivo, alla ricerca, all’innovazione, all’ammodernamento finalizzato finanziabili all’innovazione di processo e allo sviluppo aziendale. Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spesa: - costi per impianti, macchinari, strumenti e attrezzature purché direttamente connessi all’attività di ricerca e sviluppo o alla produzione di nuovi prodotti, all’attivazione di nuovi processi produttivi o di sviluppo della capacità produttiva; - spese di deposito, conferma, acquisto di brevetti, licenze e know-how; - costi del personale di ricerca e sviluppo, del personale tecnico e di altro personale ausiliario, per le attività di ricerca e sviluppo svolte a valere sul programma di investimento; - costi dei servizi di consulenza utilizzati esclusivamente ai fini dellattività di Spese ammissibili ricerca, solo se acquisiti all’esterno delle imprese beneficiarie; - costi per materie prime e componenti da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto / processo sino ad un massimo del 5% del costo del programma di investimento ammesso; - spese generali ed altri costi di esercizio sino ad un massimo del 10% del costo del programma di investimento ammesso; - opere murarie ed impiantistiche per ristrutturazione ed ampliamento di fabbricati già esistenti entro il limite del 25% della spesa ammissibile sul programma di investimento. I programmi dovranno essere ultimati entro 24 mesi a decorrere dalla Durata dei progetti sottoscrizione del contratto di intervento finanziario. Ogni singolo finanziamento dovrà coprire almeno il 60% del fabbisogno Costo totale finanziario dell’intero programma di investimento, sino ad un massimo di 2 ammissibile milioni di euro.AGEVOLAZIONE Finanziamenti a medio-lungo termine, con rimborso amortizing e Tipologia di finanziamenti subordinati o ibridi (ad es. mezzanini e partecipativi) con agevolazione rimborso amortizing o bullet. L’intensità di aiuto sarà calcolata: 1) per gli aiuti concessi entro il 31 dicembre 2010, salvo proroga, nei limiti ed alle condizioni previste per gli aiuti di importo limitato dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009 concernente le modalità di applicazione della Comunicazione della Commissione europea – Intensità di aiuto “Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di stato per l’accesso ai finanziamenti nell’attuale situazione di crisi finanziaria ed economica” del 22 gennaio 2009, in particolare con riferimento agli aiuti di importo limitato e compatibili, come da autorizzazione della Commissione europea, decisione del 28 maggio 2009 (aiuto di stato N 248/2009); 2) per gli aiuti concessi dal 1 gennaio 2011, nei limiti ed alle condizioni previsti 7
  9. 9. dal Regolamento CE n. 1998/2006, salvo proroga del regime di cui al precedente punto 1. a). Durata Il finanziamento agevolato ha una durata compresa tra i tre e i dieci anni di cui massimo un anno di preammortamento. b). Importo - finanziamenti a medio-lungo termine: importo minimo di 200 mila euro e massimo di 2 milioni di euro; - finanziamenti subordinati o ibridi: importo minimo di 500 mila euro e massimo di 2 milioni di euro. Caratteristiche c). Tassi applicati dell’agevolazione Per i finanziamenti finanziamenti a medio-lungo termine, il tasso è pari alla somma di: - tasso Euribor o Irs a seconda che sia variabile o fisso; - spread compresi tra l’1,25% e il 2,90% a seconda del rating assegnato all’impresa e fino a rating B+ sulla scala di S&P. Per i finanziamenti subordinati e ibridi, il tasso è pari alla somma di: - tasso Euribor o Irs a seconda che sia variabile o fisso; - spread compresi tra 1,50 e 1,75% su prestiti subordinati a seconda del rating assegnato all’impresa e fino a rating BB+ sulla scala di S&P. Garanzia regionale a copertura dell’80% dell’importo di ogni singolo Garanzie finanziamento a prima richiesta. Non sono previste garanzie reali sui finanziamenti.PROCEDURE Bando a sportello La domanda di accesso all’Avviso pubblico potrà essere presentata mediante compilazione della relativa modulistica (domanda di intervento finanziario, domanda di accesso al Fondo di garanzia Made in Lombardy, domanda di contributo per la predisposizione del Business Plan) disponibile sui seguenti siti: www.finlombarda.it; www.artigiancassa.it; www.bnl.it, www.regione.lombardia.it, unitamente al testo integrale dell’Avviso pubblico. La domanda potrà essere presentate presso gli info point “Made In Lombardy”, istituiti presso le dipendenze BNL e gli Artigiancassa Point Presentazione presenti nelle sedi delle Associazioni e dei Confidi artigiani, attivi sul territorio della Lombardia e i cui elenchi sono reperibili sui siti di Finlombarda, BNL, Artigiancassa e Regione Lombardia, Esclusivamente per il Business Plan del programma di investimento – che dovrà essere presentato insieme alla domanda di accesso all’Avviso - è richiesta anche una copia in digitale da inviare alla e-mail: madeinlombardy@finlombarda.it, avendo cura di indicare nell’oggetto della comunicazione la denominazione dell’impresa la la seguente dicitura “BP – MIL” La Banca e Finlombarda, a seguito della propria valutazione di fattibilità Selezione tecnica ed economico-finanziaria degli interventi richiesti, erogheranno il finanziamento. Erogazione La Banca eroga la quota propria e di Finlombarda. 8
  10. 10. FONDO DI ROTAZIONE PER LIMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEE DI INTERVENTO “ SVILUPPO AZIENDALE”; CRESCITA DIMENSIONALE”; “TRASFERIMENTO DI IMPRESADOTAZIONE BANDO Micro, piccole e medie imprese iscritte al Registro Imprese aventi sede operativa in Lombardia ed operanti nei settori manifatturiero (ATECO 2007SOGGETTI BENEFICIARI lettera C) e costruzioni (ATECO 2007 lettera F) fatte salve le esclusioni di cui al Regolamento (CE) n.1998/2006 relativo agli aiuti di importanza minore (de minimis). Sono escluse le imprese artigiane.OGGETTO INTERVENTO Linee di intervento finalizzate a: - “Sviluppo aziendale” - investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo (linea sviluppo aziendale); - “Crescita dimensionale” - mediante acquisizione di altra impresa di capitale, non già collegata, con l’acquisto diretto di quote od azioni in misura tale da consentirne il controllo ai sensi del art. 2359 del cc. (linea Finalità e Attività crescita dimensionale); finanziabili - “Trasferimento d’impresa” - trasferimento della proprietà aziendale di imprese attraverso operazioni di acquisizione da parte di nuove società (New-Co) costituite da persone fisiche (familiari o manager dell’impresa o esterni) con la finalità di favorire il passaggio generazionale ed il mantenimento sul mercato di imprese valide e competitive o la trasformazione di imprese a carattere preminentemente familiare in imprese manageriali (linea trasferimento d’impresa). Il programma di investimento deve essere ultimato: - entro 18 mesi dalla data di presentazione della domanda per la linea di Durata dei progetti intervento “Sviluppo aziendale”; - entro 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione per le linee di intervento “Crescita dimensionale” e “Trasferimento di impresa”. Linea di intervento “Sviluppo aziendale” - opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati fino al 30% dell’investimento complessivo ammissibile; - macchinari, impianti specifici ed attrezzature – nuovi di fabbrica – necessari per il conseguimento delle finalità produttive; - sistemi gestionali integrati (software & hardware, fino al 10% dell’investimento complessivo ammissibile); - acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione. Linea di intervento “Crescita dimensionale” Spese ammissibili - prezzo di acquisizione della quota di partecipazione il cui valore dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. Linea di intervento “Trasferimento di impresa” - prezzo di acquisizione della totalità delle quote o delle azioni rappresentative dell’intero capitale sociale dell’impresa oggetto di trasferimento, con esclusione delle quote/titoli detenuti da eventuali investitori istituzionali. Il valore della transazione dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. Sono ammissibili le spese sostenute successivamente la data di inoltro elettronico della domanda di agevolazione. - “Sviluppo aziendale”: da un minimo di Euro 150.000 fino ad un massimo di Euro 1.500.000,00 Costo totale - “Crescita dimensionale” e “Trasferimento d’impresa”: da un minimo di ammissibile Euro 300.000 fino ad un massimo di Euro 1.500.000,00 Sono comunque presentabili progetti che prevedano livelli superiori di spesa fermo restando i limiti di agevolazione indicati. 9
  11. 11. AGEVOLAZIONE Finanziamento o prestito partecipativo a tasso agevolato fino ad un massimo del 70% dell’investimento ammesso. Tipologia di Per il finanziamento agevolato la quota a carico del Fondo regionale è pari al agevolazione 30% dell’intervento finanziario; per il prestito partecipativo la quota a carico del Fondo è pari al 50% dell’intervento finanziario. La restante quota dell’intervento agevolativo è a carico dell’Istituto di credito co-finanziatore. - Fino al 70% dell’investimento ammesso per la linea di intervento “Sviluppo aziendale” - Fino al 50% dell’investimento ammesso per la linea di intervento Intensità di aiuto “Crescita dimensionale” - Fino al 30% dell’investimento ammesso per la linea di intervento “Trasferimento di impresa” a). Durata L’intervento agevolato ha una durata massima di 7 anni, di cui 2 di preammortamento. b). Tassi applicati Il tasso di interesse dell’operazione è pari alla media ponderata del tasso applicato alla quota di finanziamento erogato a valere sul Fondo ed il tasso applicato sulla quota del finanziamento erogato dagli istituti convenzionati. Per “Sviluppo aziendale” Il finanziamento agevolato il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento a valere del Fondo (30%) - tasso applicato sulla restante quota (70%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,15%. Il prestito partecipativo il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di Caratteristiche finanziamento a valere del Fondo (50%) dell’agevolazione - tasso applicato sulla restante quota (50%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,15%. Per “Crescita dimensionale” e “Trasferimento d’impresa” Il finanziamento agevolato il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento a valere del Fondo (30%) - tasso applicato sulla restante quota (70%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,40%. Il prestito partecipativo il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento a valere del Fondo (50%) - tasso applicato sulla restante quota (50%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,40%. Da definire di volta in volta - garanzie reali sul patrimonio dellazienda richiedente e/o di terzi; Garanzie - garanzie bancarie o assicurative; - garanzie personali dei soci e/o di terzi.PROCEDURE Bando a sportello Presentazione La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale 10
  12. 12. per le agevolazioni finanziarie deve essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: http://89.96.190.11/. Nell’apposita sezione del sito saranno disponibili le modalità di accesso previa registrazione e rilascio dei codici di accesso personali (login/password). L’impresa richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, debitamente bollato, entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico a Finlombarda, allegando la documentazione richiesta. Le domande presentate sono oggetto di valutazione economico finanziaria, da parte di Finlombarda e dell’Istituto di credito convenzionato. Le risultanze Selezione dell’istruttoria saranno presentate alla Regione per la decretazione della concessione dell’agevolazione. Previa rendicontazione dei costi del programma di investimento, si procede all’erogazione dell’intervento finanziario tramite l’Istituto di credito convenzionato che potrà avvenire in massimo 3 tranches: - la prima, di importo pari al 30% dell’intervento finanziario, sulla base di una rendicontazione delle spese ammissibili sostenute pari ad almeno il 30% dell’investimento ammesso; - la seconda, di importo pari al 30% dell’intervento finanziario, sulla base di Erogazione una rendicontazione delle spese ammissibili sostenute pari ad almeno un ulteriore 30% dell’investimento ammesso; - il saldo sarà erogato a conclusione del progetto sulla base della rendicontazione della totalità delle spese ammissibili sostenute e quietanzate. I programmi di investimento devono essere realizzati per almeno il 70% del costo dichiarato ed ammesso ad agevolazione, pena la revoca dell’agevolazione medesima. Gli interventi finanziari saranno concessi nei limiti del Regolamento Regime di aiuto comunitario n. 1998/2006 della Commissione Europea “de minimis”. - Legge Regionale 1/2007RIF. NORMATIVO - D.D.U.O. n. 995 del 05.02.2009 - D.D.U.O n. 1439 del 17.02.2011 11
  13. 13. FRIM - FESR PER LE SOTTOMISURE N. 1. "INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO" E N.2. "APPLICAZIONE INDUSTRIALE DEI RISULTATI DELLA RICERCADOTAZIONE BANDO Micro, piccole e medie imprese iscritte al Registro Imprese aventi sede operativa in Lombardia ed operanti nel settore manifatturiero di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 nonché, per la Sottomisura 1” Innovazione di prodotto e di processo, le PMI operanti nel settore dei servizi alle imprese di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 (62 Produzione di software,SOGGETTI BENEFICIARI consulenza informatica e attività connesse; 63 Attività dei servizi d’informazione e altri servizi informatici; 72 Ricerca scientifica e sviluppo). Le imprese individuali che alla data di domanda non risultino ancora iscritte al predetto registro devono essere almeno in possesso del numero di partita I.V.A.; liscrizione al Registro delle imprese deve comunque avvenire nei termini indicati nell’atto di concessione delle agevolazioni.OGGETTO INTERVENTO Migliorare le condizioni di accesso al credito partecipando al rischio finanziario connesso alle singole operazioni creditizie sostenendo programmi di investimento da realizzare in Lombardia finalizzati a: - Sottomisura 1 – Innovazione di prodotto e di processo, per la realizzazione di progetti che comportino attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale Finalità e Attività finanziabili - Sottomisura 2 - Applicazione industriale dei risultati della ricerca, per la realizzazione di progetti connessi all’applicazione industriale di risultati della ricerca, sviluppata dallimpresa internamente e/o commissionata allesterno ad Università e Centri di ricerca o mediante acquisizione di "know-how" per la realizzazione di nuovi prodotti o lo sviluppo di nuovi processi produttivi finalizzati allindustrializzazione degli stessi. Durata dei progetti 18 mesi dall’invio telematico della domanda di partecipazione. Sottomisura 1” Innovazione di prodotto e di processo”: - Spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario purché impiegati per la realizzazione del progetto (fino al massimo del 50% dell’investimento complessivo ammissibile); - consulenze tecniche esterne; - i costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto; - materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (fino ad un massimo del 10% dell’investimento complessivo ammissibile); - i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, Spese ammissibili acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, nonché i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca Sottomisura 2” Applicazione industriale di risultati della ricerca”: - Opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati, (fino al 30% dell’investimento ammissibile); - acquisto di macchinari, impianti specifici ed attrezzature – nuovi di fabbrica – destinati alla nuova linea produttiva; modificazione di macchinari e impianti specifici ed attrezzature, nuovi o esistenti, destinati alla nuova linea produttiva; - acquisizione di consulenze tecniche esterne utilizzate nelle fasi di industrializzazione del prototipo/processo, sperimentazione e collaudi ; - acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know how o 12
  14. 14. di conoscenze tecniche non brevettate. Sono ammissibili solo le spese sostenute successivamente alla data di inoltro elettronico della domanda di agevolazione. Costo totale Da un minimo di Euro 100.000 ad un massimo di Euro 2.000.000 per ammissibile entrambe le sottomisure.AGEVOLAZIONE Finanziamento o prestito partecipativo a tasso agevolato fino ad un massimo del 70% dell’investimento ammesso. Tipologia di Per il finanziamento agevolato la quota a carico del Fondo regionale è pari al agevolazione 50% dell’intervento finanziario; per il prestito partecipativo la quota a carico del Fondo è pari al 70% dell’intervento finanziario. La restante quota dell’intervento agevolativo è a carico dell’Istituto di credito co-finanziatore Limiti massimi in termini di ESL. Sottomisura 1 – Innovazione - Fino ad un massimo del 70% dell’investimento ammesso nel caso di Micro e Piccole Imprese che realizzano progetti di ricerca industriale (60% per Medie Imprese); Intensità di aiuto - Fino ad un massimo del 45% dell’investimento ammesso nel caso di Micro e Piccole Imprese che realizzano progetti di Sviluppo Sperimentale (35% per Medie Imprese) Sottomisura 2 – Applicazione industriale - 20% dell’investimento ammesso per Micro e Piccole Imprese; - 10% dell’investimento ammesso per Medie Imprese. a). Durata L’intervento agevolato ha una durata che va da 3 anni ad un massimo di 7 anni, di cui 2 di preammortamento. b). Tassi applicati Il tasso di interesse dell’operazione è pari alla media ponderata del tasso applicato alla quota di finanziamento erogato a valere del Fondo ed il tasso applicato sulla quota del finanziamento erogato dagli istituti convenzionati. Per il finanziamento agevolato il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento Caratteristiche a valere del Fondo (50%) dell’agevolazione - tasso applicato sulla restante quota (50%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,15%. Per il prestito partecipativo il tasso è pari a: - tasso applicato 0,50% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento a valere del Fondo (70%) - tasso applicato sulla restante quota (30%) messa a disposizione degli istituti di credito convenzionati: IRS (tasso fisso) o Euribor (tasso variabile) + spread massimo 1,15%. Da definire di volta in volta: - garanzie reali sul patrimonio dellazienda richiedente e/o di terzi; Garanzie - garanzie bancarie o assicurative; - garanzie personali dei soci e/o di terzi.PROCEDURE Bando a sportello La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on- Presentazione line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: http://89.96.190.11/. Nell’apposita sezione del sito saranno disponibili le modalità di accesso previa registrazione e rilascio dei codici di accesso personali (login/password). 13
  15. 15. L’impresa richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, debitamente bollato, entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico a Finlombarda, allegando la documentazione richiesta. Le domande presentate sono oggetto di valutazione tecnica ed economico finanziaria, da parte del Soggetto Gestore e dell’Istituto di creditoSelezione convenzionato. Le risultanze dell’istruttoria saranno presentate alla Regione per la decretazione della concessione dell’agevolazione. Previa rendicontazione dei costi del programma di investimento, si procede all’erogazione dell’intervento finanziario tramite l’Istituto di credito convenzionato che potrà avvenire in massimo 3 tranches: - la prima, di importo pari al 30% dell’intervento finanziario, sulla base di una rendicontazione delle spese ammissibili sostenute e quietanzate pari ad almeno il 30% dell’investimento ammesso; - la seconda, di importo pari al 30% dell’intervento finanziario, sulla base diErogazione una rendicontazione delle spese ammissibili sostenute e quietanzate pari ad almeno un ulteriore 30% dell’investimento ammesso; - il saldo sarà erogato a conclusione del progetto sulla base della rendicontazione della totalità delle spese ammissibili sostenute e quietanzate. Il programma di investimento dovrà essere realizzato per almeno il 70% del costo dichiarato ed ammesso a contributo pena la revoca dell’agevolazione. Aiuti alla R&S e alle PMI secondo il Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione, del 6 agosto 2008 “che dichiara alcune categorie di aiutiRegime di compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 delagevolazione trattato (regolamento generale di esenzione per categoria)”, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea L 214/3 del 9 agosto 2008. - Legge Regionale 1/2007Rif. normativo - D.D.U.O. n.15526 del 23.12.2008 14
  16. 16. FRIM - LINEA DI INTERVENTO “ COOPERAZIONE” 2 Milioni di Euro, oltre alle risorse derivanti dalle disponibilità residue, nonchéDOTAZIONE BANDO dai rientri dei finanziamenti precedentemente concessi con i fondi rotativi ex Foncooper ed ex LR 21/03 Imprese cooperative e loro consorzi che rientrano nella definizione di piccola e media impresa e che abbiano sede operativa in Lombardia. Le cooperative alla data di presentazione della domanda devono essere iscritte o aver richiesto l’iscrizione negli Albi e Registri previsti dalla normativa vigente; leSOGGETTI BENEFICIARI cooperative sociali e loro consorzi devono essere inoltre iscritte o aver richiesto, l’iscrizione all’Albo regionale istituito ai sensi della L. 381/91. Non rientrano nei soggetti ammissibili le cooperative edilizie e di abitazione e quelle che operano nei settori esclusi di cui al Reg. CE 1998/2006 (de minimis).OGGETTO INTERVENTO Sostegno di progetti di sviluppo aziendale di imprese cooperative, in particolare operanti nel settore socio-assistenziale ed educativo, finalizzati Finalità e Attività all’ammodernamento e ampliamento produttivo, tecnologico, commerciale, finanziabili ambientale per la sicurezza dell’ambiente di lavoro e all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate nonché alla costituzione di nuove cooperative. Il programma di investimento dovrà essere iniziato successivamente alla data di presentazione della domanda e deve essere ultimato entro 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione, elevato a 18 mesi per investimenti a Durata dei progetti carattere immobiliare. L’avvio del progetto deve avvenire entro due mesi dalla data di concessione. Nel caso di locazione finanziaria il contratto dovrà essere stipulato successivamente alla domanda di agevolazione. - acquisto di beni strumentali nuovi o usati (Reg. CE 448/2004) quali attrezzature, macchinari, impianti specifici, arredi e automezzi strumentali; - acquisto, impiantistica generale e ristrutturazione degli immobili sede dell’attività; - solo per le cooperative costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione: oneri di locazione dell’immobile sede dell’attività per un anno; - acquisizione di servizi reali, forniti sulla base di appositi contratti, per Spese ammissibili l’aumento della produttività, il trasferimento di tecnologie progettuali, organizzative e produttive, ricerca di nuovi mercati e sviluppo di sistemi di qualità; - acquisto di brevetti, licenze di produzione, software destinato alla produzione / gestione; - spese esterne per la formazione del personale (max 10% del programma di investimento ammissibile); - spese generali (max 10% del programma di investimento ammissibile). L’entità delle spese del progetto di investimento agevolabile non potrà essere inferiore ad € 25.000,00 e non potrà essere superiore ad € 1.000.000,00. Per le cooperative costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione la spesa d’investimento ammissibile all’intervento Costo totale finanziario è compresa tra un minimo di € 20.000,00 ed un massimo di € ammissibile 250.000. Sono presentabili programmi di investimento di valore superiore fermo restando i tetti massimi di spesa ammissibile. Trattandosi di programmi di spesa, l’acquisto di un singolo bene non costituisce un progetto di investimento ammissibile.AGEVOLAZIONE Tipologia di Finanziamento a medio lungo termine a tasso agevolato e locazione agevolazione finanziaria di beni strumentali. L’investimento è agevolabile fino ad un massimo del 80% dell’investimento Intensità di aiuto ammesso. L’intervento potrà essere elevato fino al 100% in presenza di programmi di investimento per l’acquisizione di beni strumentali finalizzati 15
  17. 17. all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate (L. 381/91 e Reg. CEE 2204/2002) e programmi di tutela dell’ambiente di lavoro. a) Durata - Finanziamento: fino ad un massimo di 7 anni di cui fino ad un massimo di 2 anni di preammortamento. In presenza di investimenti di carattere immobiliare la durata potrà essere elevata sino a 12 anni. - Locazione finanziaria: fino ad un massimo di 7 anni. b) Quota fondo regionale Per le cooperative sociali è pari al 70% dell’intervento finanziario complessivo, per le altre cooperative è pari al 50% dell’intervento finanziario complessivo; la restante quota dell’intervento è a carico degli Istituti di credito / Società di leasing convenzionate. c) Tassi applicati In funzione della tipologia di cooperativa, il tasso di interesse dell’operazione è pari alla media ponderata dei tassi applicati sul Fondo regionale e sulla Caratteristiche quota della banca / società di leasing: dell’agevolazione - Cooperative sociali: o tasso fisso dello 0,10% nominale annuo applicato sulla quota di intervento a carico del Fondo regionale; o tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 0,90% annuo applicato sulla quota degli Istituti di Credito; o tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 1,70% annuo applicato sulla quota delle società di leasing. - Altre cooperative: o tasso fisso dello 0,50% nominale annuo applicato sulla quota di intervento del Fondo regionale; o tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 1,30% annuo applicato sulla quota degli Istituti di Credito; o - tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 2,00% annuo applicato sulla quota delle società di leasing. Da definire di volta in volta: - garanzie reali; Garanzie - garanzie bancarie o assicurative; - garanzie personali dei soci e/o di terzi; - garanzie rilasciate da Consorzi o Cooperative di garanzia fidiPROCEDURE Bando a sportello La domanda dovrà essere presentata esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ Nell’apposita sezione del sito saranno disponibili le modalità di accesso previa registrazione e rilascio dei codici di accesso personali (login/password). L’impresa richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, Presentazione debitamente bollato, al Soggetto Gestore entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico. Le cooperative sociali sono esentate dall’imposta di bollo sulla domanda. Il modulo dovrà essere corredato da copia fotostatica della carta d’identità del legale rappresentante in corso di validità e dalla documentazione richiesta (ultimo bilancio e situazione economica aggiornata, elenco dei soci e Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà concernente determinati aiuti di stato dichiarati incompatibili dalla Commissione Europea). Le domande presentate sono oggetto di valutazione tecnica ed economico finanziaria, da parte del Soggetto Gestore e dell’Istituto di credito / Società di leasing convenzionato. L’istruttoria viene effettuata su base cronologica ed è Selezione di natura selettiva (criteri di valutazione del Bando) in quanto orientata a supportare le cooperative competitive. Le risultanze saranno presentate alla Regione per la decretazione della concessione dell’agevolazione. 16
  18. 18. Si procederà all’erogazione dell’intervento finanziario tramite l’Istituto di credito / Società di leasing convenzionato in funzione dello stato di avanzamento del progetto o della tipologia di intervento; le erogazioni dei finanziamenti avverranno di norma in due tranche: - la prima, di importo pari al 60% dell’intervento finanziario, sulla base di una rendicontazione delle spese ammissibili pari ad almeno il 30% Erogazione dell’investimento ammesso; - il saldo sarà erogato a conclusione del progetto sulla base di una rendicontazione delle spese ammissibili quietanzate. La presentazione di una successiva domanda è subordinata all’avvenuta conclusione del periodo di preammortamento del finanziamento precedentemente concesso, e comunque non prima di un anno dalla precedente istanza. Gli interventi finanziari saranno concessi nei limiti del Regolamento Regime di aiuto comunitario n. 1998/2006 della Commissione Europea “de minimis”.RIF. NORMATIVO - D.G.R. n VIII/11329 del 10 febbraio 2010 17
  19. 19. FONDO JEREMIE FESR JEREMIE - JOINT EUROPEAN RESOURCES FOR MICRO TO MEDIUM ENTERPRISESDOTAZIONE FONDO 20 Milioni di Euro Micro, Piccole e Medie Imprese operanti in Lombardia, in qualsiasi formaSOGGETTI BENEFICIARI costituite, anche in fase di primissimo avvio, appartenenti ai settori manifatturiero e servizi alle imprese.OGGETTO INTERVENTO Sostegno allo sviluppo e agli investimenti delle microimprese e delle PMI lombarde facilitandone l’accesso a fonti di finanziamento e il rafforzamento dei Confidi di primo grado attivi in Lombardia. Finalità Tale rafforzamento avviene grazie alla concessione a Confidi di primo grado (selezionati tramite bando ad evidenza pubblica) di risorse finanziarie per la costituzione di un Fondo di garanzia da impiegare per la concessione di garanzie su portafogli di finanziamenti accordati dalle banche alle imprese, a copertura parziale dei rischi di prima perdita. Progetti di investimento di Ricerca e Sviluppo Tecnologico e organizzativo Attività finanziabili aziendale. - Minimo: 18 mesi più un giorno. Durata dei progetti - Massimo: 60 mesi. Investimenti materiali ed immateriali ad elevato contenuto innovativo Spese ammissibili funzionali alla realizzazione dei progetti. Finanziamenti a copertura del fabbisogno finanziario originato dai progetti di investimento e, comunque, in misura non inferiore al 60% del costo Costo totale dell’investimento; importi pari a: ammissibile - Minimo: Euro 30.000,00 - Massimo: Euro 500.000,00AGEVOLAZIONE Il Fondo di Garanzia garantisce i singoli portafogli di Finanziamenti fino ad un importo massimo pari al 12% degli stessi (a seconda dell’offerta dei Confidi Intensità di aiuto aggiudicatari) ed i singoli finanziamenti fino ad un importo massimo pari all80%. Tipologia di Contributo in conto garanzia. agevolazione E’ prevista una copertura parziale dei rischi di prima perdita fino all’80% del Caratteristiche singolo finanziamento fino a concorrenza del Fondo di Garanzia. dell’agevolazione I termini e le caratteristiche della garanzia sono stati definiti da ciascun Confidi aggiudicatario in sede di partecipazione al bando di selezione.PROCEDURE Confidi di primo grado accreditato e selezionato ovvero banca convenzionata Presentazione con il Confidi medesimo. La selezione delle domande per la concessione della garanzia sarà effettuata Selezione da parte dei Confidi accreditati e selezionati. Erogazione Il Finanziamento è erogato dalla Banca. - Reg. generale di esenzione 800/2008; Regime di aiuto - Regolamento (CE) 1998/2006 (aiuti cd. de minimis); - Altro Regolamento approvato dalla CE.RIF. NORMATIVO - Regolamento generale (CE) n. 1083/2006; 18
  20. 20. - Regolamento attuativo (CE) n. 1828/2006;- Nota della Commissione europea sull’Ingegneria finanziaria nel periodo di programmazione 2007 - 2013 (del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01-EN)- Quadro Strategico Nazionale;- POR Competitività 2007-2013 di Regione Lombardia;- Linee guida di attuazione del POR Competitività 2007-2013;- DGR 24 luglio 2008, n. 7687 (BURL n. 32 del 4 agosto 2008). 19
  21. 21. FONDO DI ROTAZIONE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE (FRI)DOTAZIONE BANDO 8 Milioni di Euro Piccole e medie imprese, con codice di attività manifatturiero, costituite inSOGGETTI BENEFICIARI forma di società di capitali, con sede operativa in Lombardia e operatività nel settore manifatturiero da almeno 2 anni.OGGETTO INTERVENTO Il Fondo di Rotazione per l’Internazionalizzazione è finalizzato alla concessione di interventi finanziari a sostegno della Piccole e Medie Imprese Lombarde tramite: - Investimento diretto (100% del capitale sociale detenuto dall’impresa Finalità beneficiaria) oppure - Joint Venture con imprese estere (almeno il 30% del capitale sociale deve essere detenuto dall’impresa beneficiaria). I programmi di investimento ammissibili agli interventi finanziari devono riguardare: - la realizzazione di nuovi insediamenti produttivi permanenti all’estero; Attività finanziabili - la realizzazione di nuovi centri di assistenza tecnica post-vendita permanenti all’estero; - la realizzazione di nuove strutture logistiche permanenti all’estero di transito e distribuzione internazionale di prodotti. Durata dei progetti 18 mesi 1. Per i programmi di investimento che prevedono la realizzazione di investimenti detenuti in forma diretta (100% del capitale sociale detenuto da parte dell’impresa beneficiaria), sono ammissibili, al netto di IVA se dovuta, le seguenti tipologie di spesa: a) Acquisto, ristrutturazione e realizzazione di beni immobili all’estero ad esclusione di terreni; b) Acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature destinati all’insediamento produttivo o al centro di assistenza tecnica post-vendita o alla struttura logistica permanente; c) Oneri per la registrazione dei diritti industriali (marchi e brevetti); d) Acquisto sistemi gestionali integrati (massimo pari al 10% delle spese Spese ammissibili ammissibili di cui ai punti sub. a., b., c.), incluso l’installazione e il potenziamento di collegamenti telematici tra imprese; e) Spese per il personale tecnico ed amministrativo dipendente dell’impresa beneficiaria dell’intervento finanziario utilizzato all’estero per la realizzazione del progetto (con esclusione dei soci non dipendenti), trasferte e viaggi del suddetto personale, (massimo pari al 10% delle spese ammissibili di cui ai punti sub. a., b., c.). 2. Per i programmi di investimento che prevedono la realizzazione di Joint Venture (almeno 30% del capitale sociale deve essere detenuto dall’impresa beneficiaria), sono ammissibili, le seguenti tipologie di spesa: conferimento in denaro o in natura (macchinari, impianti e attrezzature) a titolo di capitale sociale della Joint Venture. Costo totale Minimo: Euro 150.000. ammissibileAGEVOLAZIONE - Contributo a fondo perduto fino al 40% dell’intervento finanziario Tipologia di complessivo; agevolazione - Finanziamento agevolato pari ad almeno al 60% dell’intervento finanziario complessivo 20
  22. 22. Gli interventi finanziari saranno pari al 40% delle spese ammissibili del Intensità di aiuto progetto presentato. a). Durata L’intervento agevolato ha una durata massima di 7 anni, di cui fino a 2 di preammortamento. Il rimborso avviene in rate semestrali costanti di capitale Caratteristiche ed interessi. dell’agevolazione b). Tassi applicati Il tasso di interesse applicato alla quota erogata sotto forma di finanziamento è pari allo 0,25% su base semestrale. Garanzie Fidejussione bancaria o assicurativa di importo pari alla somma da erogare.PROCEDURE La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo di Rotazione per l’internazionalizzazione dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: http://89.96.190.11/. Nell’apposita sezione del sito saranno disponibili le modalità di accesso previa Presentazione registrazione e rilascio dei codici di accesso personali (login/password). L’impresa richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, debitamente bollato, entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico a Finlombarda, allegando la documentazione richiesta. La selezione delle domande prevede una procedura articolata in due fasi: - una fase di pre-selezione finalizzata alla verifica dell’ammissibilità formale delle domande, alla verifica del rispetto del regime di aiuto “de minimis” e della sussistenza dei requisiti soggettivi, nonché alla verifica dell’ammissibilità dei programmi di investimento e ammissibilità delle Selezione spese; - una fase di valutazione basata su criteri di valutazione del programma d’investimento e su elementi relativi al modello gestionale, posizionamento rispetto al mercato e valutazione economico –finanziaria dell’impresa. L’agevolazione viene erogata in 2 tranche: - 60% dell’intervento finanziario complessivo, relativo alla quota del finanziamento a tasso agevolato, viene erogato, a titolo di anticipazione successivamente al Decreto di concessione dell’intervento finanziario; Erogazione - 40% dell’intervento finanziario complessivo, relativo al contributo a fondo perduto, sarà erogato al termine del programma di investimento e ad avvenuta verifica della rendicontazione finale di tutte le spese regolarmente sostenute e quietanzate. Gli interventi finanziari saranno concessi nei limiti del Regolamento Regime di aiuto comunitario n. 1998/2006 della Commissione Europea “de minimis”. - Legge Regionale 1/2007RIF. NORMATIVO - D.D.S. n. 1686 del 20/02/2009 21
  23. 23. MISURA “AGEVOLAZIONI PER L’ACQUISTO DI MACCHINARI” – EX SABATINI LR 1/2007 – D.D.U.O. N° 613 DEL 27/01/2009DOTAZIONE BANDO PMI di cui ai settori C – Estrazione di minerali -, D – Attività manifatturiere -, E – Produzione e distribuzione di energia elettrica - e F – Costruzioni – della “Classificazione delle attività economiche ISTAT – ATECO 2002” (ad esclusione della sottosezione DA e dei settori “sensibili” ai sensi dellaSOGGETTI BENEFICIARI normativa comunitaria) Per operazioni di sconto effetti sono ammissibili anche interventi effettuati da PMI appartenenti ai settori G – Commercio – e H – Alberghi e ristoranti – della predetta classificazione ISTAT.OGGETTO INTERVENTO Finalità e Attività Acquisizione di macchine utensili o di produzione mediante operazioni di finanziabili finanziamento o su effetti cambiari (sconto effetti / sovvenzione cambiaria). Durata dei progetti 12 mesi I beni oggetti dell’investimento devono essere: - Nuovi di fabbrica; - Funzionalmente collegati, in termini di utilizzo, all’attività economica svolta dal beneficiario; - Utilizzati dal beneficiario in propria unità produttiva situata in Lombardia. Con riferimento ad operazioni cambiarie sono altresì ammissibili le seguenti Spese ammissibili spese: - montaggio, collaudo, trasporto e imballaggio, nel limite massimo complessivo del 15% del costo della macchina; - interessi sulla dilazione di pagamento calcolati ad un tasso non superiore a quello di riferimento vigente al momento dell’emissione degli effetti. Sono escluse le somme relative all’IVA ed a qualsiasi altro onere accessorio fiscale o finanziario. Sono ammissibili operazioni riferite ad una stessa unità produttiva di importo Costo totale non inferiore a Euro 50.000 (€ 15.000 per operazioni di sconto effetti ammissibile effettuate a favore di soggetti beneficiari appartenenti ai settori ISTAT G ed H) e non superiore a Euro 1.000.000.AGEVOLAZIONE Contributo in conto interessi concessi a fronte del perfezionamento da parte Tipologia di degli Istituti di credito / Intermediari finanziari convenzionati di operazioni di: agevolazione - finanziamento bancario perfezionato sotto qualsiasi forma tecnica, - operazioni su effetti cambiari. Nel caso di finanziamento bancario, il tasso di contribuzione è determinato nella misura del 40% del tasso di riferimento europeo maggiorato di un margine fisso di 100 punti base. Intensità di aiuto Nel caso di operazioni su effetti cambiari, il contributo è pari alla differenza tra il ricavo netto dell’operazione di sconto calcolata al tasso di riferimento maggiorato di un margine fisso di 100 punti base ed al tasso di sconto vigente che ad ogni modo non potrà superare Euro 200.000 in Equivalente Sovvenzione Lorda (ESL). Operazione di Finanziamento I contributi sono determinati sulla base di un piano di ammortamento standard Caratteristiche di durata massima di 5 anni di cui al massimo 1 di pre-ammortamento. dell’agevolazione Operazione di Sconto effetti / Sovvenzioni cambiarie I contributi sono calcolati sulla base di uno specifico piano a fronte dell’emissione di effetti cambiari di durata massima di 5 anni. 22
  24. 24. Garanzie Liberamente concordatePROCEDURE L’impresa presenta richiesta di agevolazione ai sensi della Misura Presentazione “Agevolazioni per l’acquisto di macchinari” presso uno degli Istituti di credito / Intermediari finanziari convenzionati. L’Istituto di credito / Intermediario finanziario, perfezionata l’operazione di finanziamento o cambiaria, a fronte dell’avvenuto sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario, invia specifica richiesta di ammissione ad agevolazione a Finlombarda. Finlombarda, comunicato al soggetto beneficiario e all’Istituto di credito / Intermediario finanziario numero e data di protocollo, verifica l’ammissibilità della richiesta e provvede a determinare l’ammontare dell’importo concedibile Selezione a titolo di contributo, formulando alla Struttura regionale competente specifica proposta di decretazione. A fronte dell’assunzione del decreto di concessione da parte del Dirigente della Struttura regionale competente, Finlombarda comunica l’esito della richiesta al soggetto beneficiario e all’Istituto di credito / Intermediario finanziario richiedente, provvedendo ad erogare, per il tramite dell’Istituto stesso l’importo concesso a titolo di contributo. I contributi sono erogati in forma anticipata ed attualizzata a fronte dell’avvenuto perfezionamento dell’operazione finanziaria (finanziamento o Erogazione operazione cambiaria) e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. Gli interventi finanziari saranno concessi nei limiti del Regolamento Regime di aiuto comunitario n. 1998/2006 della Commissione Europea “de minimis”. - DGR n. 14094 dell’8 agosto 2003 - DDUO n. 21948 del 5 dicembre 2003 - DDUO n. 3076 del 1 marzo 2004RIF. NORMATIVO - DDS n. 3048 del 1 marzo 2005 - L.R. 1/ 2007 - DGR n. 8909 del 27 gennaio 2009 - DDUO n. 613 del 27 gennaio 2009 23
  25. 25. FONDO ARTIGIANO - MISURA A - MICROCREDITO Imprese artigiane, regolarmente iscritte al Registro delle imprese ed all’AlboSOGGETTI BENEFICIARI delle Imprese Artigiane, singole o associate, anche di nuova costituzione, con sede legale e sede operativa in Lombardia.OGGETTO INTERVENTO Finalità e Attività Sostegno all’accesso al credito per finanziamenti di microcredito mediante la finanziabili concessione di contributi in conto garanzia. Durata dei progetti Cfr. durata del contributo in “Caratteristiche dell’agevolazione” - attrezzature e macchinari - costi di manutenzione ordinaria e straordinaria - scorte - consolidamento a medio termine di passività a breve - apertura di linee di credito a breve Spese ammissibili Le attrezzature ed i macchinari devono essere nuovi di fabbrica. Sono ammessi le attrezzature ed i macchinari usati, se in regola con le norme comunitarie. L’impresa non potrà cedere i beni oggetto dell’agevolazione per tutta la durata del finanziamento, pena la revoca del contributo in conto garanzia. Costo totale Massimo di 15.000 € (relativamente all’investimento a fronte del quale è ammissibile ammissibile il contributo richiesto a valere sul finanziamento)AGEVOLAZIONE Tipologia di Contributo in conto garanzia. agevolazione E’ ammissibile al contributo in conto garanzia un finanziamento che, sommato all’esposizione residua di un intervento (microcredito, finanziamento o Intensità di aiuto leasing) precedentemente ottenuto ai sensi dei relativi Regolamenti, non superi il massimo previsto dai medesimi Regolamenti sia in termini di importi in essere che in termini di contributo massimo concedibile pari a € 10.000. 1. Caratteristiche dell’agevolazione: 1.a) La garanzia è pari a massimo l’0,8% annuo dell’importo garantito per la durata del finanziamento. Il costo della garanzia è gratuito per l’impresa. 1.b) La durata dell’agevolazione è pari al massimo a 5 anni. L’agevolazione viene calcolata per un periodo massimo di 5 anni compreso l’eventuale periodo di preammortamento anche in presenza di un finanziamento superiore a 5 anni. 2. Caratteristiche del finanziamento a fronte del quale viene concessa Caratteristiche l’agevolazione: dell’agevolazione 2.a) Il finanziamento ammissibile al contributo non potrà essere superiore a 15.000 €. 2.b) La durata del finanziamento è liberamente concordato con le Banche e società di leasing convenzionate. Generalmente ha una durata minima di 2 anni e massima di 5 anni. 2.c ) Il finanziamento può essere concesso fino al 100% dell’investimento ammesso. 2.d) I finanziamenti saranno erogati alle condizioni (tassi) previste dagli accordi in essere tra banche e Confidi. Per i finanziamenti è prevista la garanzia collettiva rilasciata dai Confidi Garanzie associati a Federfidi Lombarda S.r.l. consortile . che copre fino all’80% del finanziamento. Non è prevista la garanzia sulle operazioni di leasing.PROCEDURE 24
  26. 26. Bando a sportello. Le imprese artigiane lombarde possono presentare la domanda di Presentazione finanziamento con agevolazione in conto garanzia tramite i Confidi o Cooperative di garanzia fidi di primo grado associati a Federfidi Lombarda S.r.l. consortile. Gli Intermediari finanziari convenzionati, a seguito della propria valutazione di fattibilità degli interventi richiesti, potranno erogare subito il finanziamento. I Confidi, entro il termine di 4 mesi dall’erogazione del finanziamento garantito, trasmettono a Federfidi Lombarda i dati delle singole richieste pervenute. Selezione Federfidi Lombarda, con cadenza trimestrale, provvede a trasmettere a Finlombarda le richieste da sottoporre all’approvazione del Comitato Tecnico Regionale, entro 15 giorni dalla data della delibera viene data comunicazione a Federfidi Lombarda. Il contributo in conto garanzia viene erogato da Finlombarda in unica soluzione, entro 60 giorni dalla delibera di concessione, a Federfidi Erogazione Lombarda, che provvederà a riconoscere ai Confidi il contributo di competenza a totale compenso del costo di garanzia dovuto dall’impresa beneficiaria. Il contributo in conto garanzia ricade sotto la normativa “De Minimis” (Reg. CE Regime di aiuto 1998/2006). - l.r. 1/2007 - DGR n. 4549 del 18/04/2007 - DDG n. 7203 del 29/06/2007RIF. NORMATIVO - DDG n. 8326 del 24/07/2007 - DDG n. 113 del 11/01/2008 - DDG n. 3854 del 17/04/08 - DDG n. 7907 del 30/07/2009 25
  27. 27. FONDO ARTIGIANO - MISURA B - INVESTIMENTISOGGETTI BENEFICIARI Imprese artigiane aventi sede legale e operativa in Lombardia.OGGETTO INTERVENTO Sostegno all’accesso al credito per finanziamenti a medio termine ed Finalità e Attività operazioni di leasing mediante la concessione di contributi in conto finanziabili interessi/canoni. Durata dei progetti Cfr. durata del contributo in “Caratteristiche dell’agevolazione” - Impianto, ampliamento e ammodernamento dell’unità produttiva (laboratori, capannoni, ecc.); - acquisto di macchine, attrezzi ed automezzi nuovi e/o usati. Spese ammissibili Sono ammissibili le attrezzature ed i macchinari usati, se in regola con le norme comunitarie. Sono ammissibili le spese sostenute non oltre i 12 mesi precedenti la data di richiesta dell’agevolazione. Minimo 15.000,00 €. - Massimo 350.000,00 € (relativamente all’investimento a Costo totale fronte del quale è ammissibile il contributo richiesto a valere sul ammissibile finanziamento).AGEVOLAZIONE Tipologia di Contributo in conto interessi/canoni su operazioni di finanziamento o leasing agevolazione agevolato. Il contributo in conto interessi/canoni non potrà superare € 10.000 e comunque non potrà superare il limite previsto dal regime comunitario “de Intensità di aiuto minimis” vigente. Il contributo è pari a 250 punti base (e comunque non superiore al tasso di riferimento europeo applicato). 1. Caratteristiche dell’agevolazione: 1.a) I tassi impiegati corrispondono a: - Per operazioni a tasso variabile: Euribor 3/6 mesi pro-tempore maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per le operazioni di finanziamento, per le operazioni di leasing lo spread massimo è di 2 punti; - Per operazioni a tasso fisso: IRS vigente, in funzione della durata del finanziamento/leasing, maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti Solo per le operazioni di finanziamento che sono assistite da una garanzia rilasciata da Confidi a valere su fondi pubblici lo spread applicato sarà ridotto di 25 punti base. 1.b) Qualunque sia la durata del finanziamento bancario, il contributo in conto interessi/canoni è riconosciuto per una durata massima, comprensiva dell’eventuale periodo di utilizzo e/o preammortamento, di: Caratteristiche dell’agevolazione - 10 anni per i finanziamenti/leasing destinati allimpianto, ampliamento e ammodernamento di laboratori; - 5 anni per i finanziamenti/leasing destinati allacquisto di macchine, automezzi e attrezzature. Non sono ammesse a contributo operazioni finanziarie della durata inferiore a 3 anni. 2. Caratteristiche del finanziamento a fronte del quale viene concesso l’agevolazione: 2.a) Il finanziamento/leasing ammissibile al contributo è compreso tra un: - minimo di 15.000 € - massimo di 350.000 €. L’erogazione del finanziamento o leasing agevolato può prevedere, qualora l’azienda al momento della presentazione della domanda non sia in possesso della documentazione probante l’investimento (fatture quietanzate o altri giustificativi di spesa), un periodo di pagamento di soli interessi della durata 26
  28. 28. massima di 12 mesi. 2.b) La durata del finanziamento/leasing è liberamente concordato con le Banche e Società di leasing convenzionate (generalmente minimo 3 anni, massimo 10 anni). 2.c ) Il finanziamento può essere concesso fino al 100% dell’investimento ammesso. Garanzie Liberamente concordatePROCEDURE Bando a sportello. Le imprese artigiane lombarde possono presentare la domanda di agevolazione: - direttamente agli sportelli degli Intermediari finanziari convenzionati (banche e società di leasing); - tramite i Confidi o Cooperative di garanzia fidi di primo grado associati a Federfidi Lombarda i quali dovranno poi inoltrare le copie della domanda sempre e direttamente agli Intermediari finanziari convenzionati. Presentazione Per la concessione del contributo in conto interessi è richiesta la presentazione della documentazione di spesa che e’ costituita da fatture quietanzate (in luogo delle fatture può essere prodotta una dichiarazione di ultimazione dell’investimento ovvero, per l’acquisto di locali, dalla copia registrata del relativo contratto). Per quanto riguarda la concessione del contributo in conto canoni la documentazione di spesa consiste nel verbale di consegna del bene debitamente sottoscritto. Dal momento dellapprovazione della domanda sarà possibile recuperare labbattimento del tasso previsto anche sulle rate già versate. Gli Intermediari finanziari convenzionati a seguito della propria valutazione di fattibilità degli interventi richiesti potranno erogare subito il finanziamento/leasing e provvederanno ad inoltrare la domanda di richiesta di contributo al Comitato Tecnico Regionale che delibera nel termine di 45 giorni Selezione dalla data di ricezione della richiesta. Entro 15 giorni dalla data della delibera viene data comunicazione agli Intermediari finanziari convenzionati e allimpresa beneficiaria dellammissione medesima e del responsabile dellunita organizzativa competente per la gestione delle agevolazioni. L’erogazione del contributo in conto interessi/canoni avviene in ununica soluzione in forma attualizzata a fronte dell’avvenuto perfezionamento Erogazione dell’operazione finanziaria e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. Il contributo in conto interessi/canoni ricade sotto la normativa “De Minimis” Regime di aiuto (Reg. CE 1998/2006). - l.r. 1/2007 - DGR n. 4549 del 18/04/2007 - DDG n. 7203 del 29/06/2007RIF. NORMATIVO - DDG n. 8326 del 24/07/2007 - DDG n. 113 del 11/01/2008 - DDG n. 3854 del 17/04/2008 - DDG n. 7907 del 30.01.2009 27
  29. 29. FONDO ARTIGIANO - MISURA C - LINEA 1 “AVVIAMENTO DI NUOVE INIZIATIVE” SVILUPPO AZIENDALE Nuove imprese artigiane, aventi sede legale e operativa in Lombardia,SOGGETTI BENEFICIARI costituite sotto qualsiasi forma, iscritte all’Albo delle imprese artigiane da non più di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione.OGGETTO INTERVENTO Sostegno all’accesso al credito per interventi finanziari a medio termine Finalità e Attività mediante la concessione di finanziamenti ed operazioni di leasing a tasso finanziabili agevolato. Durata dei progetti 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione - spese di costituzione - oneri di locazione dell’immobile sede dell’attività per un anno - macchinari, automezzi, impianti specifici, attrezzature (nuovi di fabbrica o usati) e arredi (questi nel limite massimo del 20% delle spese ammesse all’investimento) - scorte (massimo fino a euro 10.000) - sistemi gestionali integrati (software ed hardware) Spese ammissibili - acquisizione di marchi, brevetti e licenze di produzione - opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati (fino al 50% dell’investimento complessivo) - oneri relativi agli allacciamenti tecnologici. Non sono ammissibili le spese riferite a beni oggetto di programmi di investimento non allocati nell’ambito del territorio lombardo. Sono ammissibili solo le spese ancora da sostenere alla data di inoltro elettronico della domanda di agevolazione, non sono ammissibili titoli di spesa (fatture) di importo unitario inferiore ad €. 516. Costo totale Minimo: 50.000,00 € Massimo: 300.000,00 €. ammissibileAGEVOLAZIONE Tipologia di - Finanziamento agevolato a medio/lungo termine agevolazione - Leasing agevolato Fino al 100% dell’investimento ammesso. Si precisa che la quota a carico del Fondo regionale è pari al 70% per i soggetti costituiti nella forma di Società di capitali (mentre è pari al 40% per gli Intensità di aiuto altri soggetti) del finanziamento o del leasing; le banche e le società di leasing convenzionate con Regione Lombardia coprono la restante quota rispettivamente pari al 30% o 60%. a). Durata Il finanziamento agevolato ha una durata che va da 3 anni a 6 anni compreso un periodo di pre-ammortamento massimo di 2 semestri. Il rimborso avviene in rate semestrali posticipate costanti di capitali ed interessi (solo interessi nel periodo di preammortamento e capitale ed interessi nel periodo di ammortamento). Il leasing agevolato ha una durata fino a massimo 6 anni. Il rimborso avviene Caratteristiche in rate trimestrali o mensili. dell’agevolazione b). Tassi applicati Il tasso di interesse dell’operazione è pari alla media ponderata del tasso applicato alla quota di finanziamento erogato a valere del Fondo ed il tasso applicato sulla quota del finanziamento erogato dagli istituti convenzionati. Per il finanziamento agevolato, il tasso è pari a: - tasso applicato 0,5% nominale annuo fisso sulla quota di finanziamento a valere sul Fondo (cfr. “intensità di aiuto”) 28

×