Di cosa parliamo quando parliamo di consulenza di processo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Di cosa parliamo quando parliamo di consulenza di processo

on

  • 928 views

le 2-3 cose che ho imparato facendo change management. In chiusura, una bozza di decalogo di cosa significa fare consulenza di processo.

le 2-3 cose che ho imparato facendo change management. In chiusura, una bozza di decalogo di cosa significa fare consulenza di processo.

Statistics

Views

Total Views
928
Slideshare-icon Views on SlideShare
925
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 3

http://www.linkedin.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Di cosa parliamo quando parliamo di consulenza di processo Di cosa parliamo quando parliamo di consulenza di processo Presentation Transcript

    • di cosa parliamo quando parliamo di consulenza di processo. Alessandro Pirani @alepirani meetingruppo 13-7-12lunedì 16 luglio 12
    • quid est ergo tempus? si nemo ex me quaerat, scio; si quaerenti explicare velim, nescio. (Sant’Agostino)lunedì 16 luglio 12
    • Che cos’è dunque la consulenza di processo? Quando nessuno me lo chiede, lo so; ma se qualcuno me lo chiede e voglio spiegarglielo, non lo so. (Sant’Agostino feat. Pirani)lunedì 16 luglio 12
    • cosa non è la consulenza di processo • una disciplina riconosciuta • neanche una disciplina non riconosciuta • una materia di studio • un corso di laurea • un master nè di primo nè di secondo livello • un’attività standardizzabile • un metodo scientifico • non è la consulenza strategica • non è il project management • uno strumento (e non ha strumenti propri) • un mestierelunedì 16 luglio 12
    • chi è un consulente di processo?lunedì 16 luglio 12
    • è questo, ma non solo questolunedì 16 luglio 12
    • serve il back office, ma non bastalunedì 16 luglio 12
    • non esiste un dress codelunedì 16 luglio 12
    • non è un’attività terapeuticalunedì 16 luglio 12
    • è intelligence, ma non solo questolunedì 16 luglio 12
    • il babysitteraggio non sempre aiutalunedì 16 luglio 12
    • i gruppi vanno domati, ma non bastalunedì 16 luglio 12
    • non si tratta solo di curarelunedì 16 luglio 12
    • lunedì 16 luglio 12
    • questo è consulenza di processolunedì 16 luglio 12
    • tentiamo una definizionelunedì 16 luglio 12
    • la consulenza di processo: è una pratica il cui statuto si situa nella relazione di aiuto tra un professionista (practitioner) e un cliente (customer) portatore di un bisogno.lunedì 16 luglio 12
    • cosa è la consulenza di processo • una pratica riflessiva (Schøn) la cui evidenza di osserva in doing all’interno di reti d’azione (action network), e non in astratto • nel network, il consulente di processo attiva gli altri attori facendone parte • non è orientata in se alla costruzione di strategia; può essere orientata al determinare l’insorgenza di un bisogno di strategia • principale output è la costruzione di senso (sensemaking, nel senso di Weick), la ristrutturazione del pensiero/delle logiche d’azione • in subordine, può produrre nel cliente l’emergere di progettualità e il raggiungimento di obiettivi • come tutte le pratiche, si basa sull’uso di strumenti (tutti gli strumenti!) • produce conoscenza, strategica solo per chi la usa (gli strumenti sono l’uso che se ne fa) • in quanto tale, ha nella tattica più che nella strategia il proprio modello d’azione costitutivolunedì 16 luglio 12
    • un decalogo ereticolunedì 16 luglio 12
    • 1 non esiste analisi buona o cattiva; esiste solo buono o cattivo uso dell’analisilunedì 16 luglio 12
    • 2 (corollario) l’analisi è un attore (immateriale) del processo e come tale va trattatolunedì 16 luglio 12
    • 3 programmare è importante, ma spesso un blitz funziona megliolunedì 16 luglio 12
    • 4 occorre essere parte del processo, per poterlo influenzare; non ci sono scorciatoielunedì 16 luglio 12
    • 5 il consulente non è mai disinteressato; fa fare al cliente ciò che sa fare e che in prospettiva gli crea un mercatolunedì 16 luglio 12
    • 6 un verbale di riunione è una registrazione in cui si può manipolare, ma bisogna saperlo farelunedì 16 luglio 12
    • 7 la consulenza di processo funziona quando il più debole degli attori (il consulente) diventa il più fortelunedì 16 luglio 12
    • 8 è fondamentale sapersi appropriare di risultati ottenuti da altri di fronte al clientelunedì 16 luglio 12
    • 9 se si è vanitosi, meglio fare un altro mestiere: i risultati (e gli onori) sono sempre degli altrilunedì 16 luglio 12
    • 10 c’è sempre un cliente interno: prima va soddisfatto lui. fino a quando non diventa il tuo concorrente.lunedì 16 luglio 12
    • la consulenza di processo è un’artelunedì 16 luglio 12
    • lunedì 16 luglio 12
    • grazie per l’attenzionelunedì 16 luglio 12