• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Caso diesel
 

Caso diesel

on

  • 6,999 views

Lezione @Iulm Feb. 2009

Lezione @Iulm Feb. 2009

Statistics

Views

Total Views
6,999
Views on SlideShare
6,857
Embed Views
142

Actions

Likes
3
Downloads
103
Comments
0

7 Embeds 142

http://comunicazionedimoda.blogspot.it 121
http://comunicazionedimoda.blogspot.com 15
http://www.linkedin.com 2
http://plus.url.google.com 1
http://comunicazionedimoda.blogspot.de 1
http://comunicazionedimoda.blogspot.co.uk 1
http://comunicazionedimoda.blogspot.se 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Caso diesel Caso diesel Presentation Transcript

    • Caso DIESEL: For Successful BrandingStrategie di marketing alternative per prodotti alternativi
    • LA STORIA- Nel 1978 Renzo Rosso fonda il brand Diesel, il nome è facile da capire, viene pronunciato nellostesso modo in tutto il mondo e ha un suono “ruvido”; all’epoca il diesel era consideratoun’”energia alternativa”, un approccio innovativo nel mondo del casual.- Nel 1985 Renzo Rosso acquisisce il controllo dell’azienda e si circonda di un team internazionaledi designers e collaboratori, tra cui Wilbert Das, entrato in Diesel nel 1988.- La prima campagna pubblicitaria della serie “For Successful Living” nasce nel 1991, stabilendosubito la fama di Diesel nel mondo della comunicazione.- I primi flagship-store, a New York, Roma e Londra nascono nel 1996, e nel 2000 Diesel acquisisceStaff International, azienda italiana che produce e distribuisce molti brand internazionali.- Due anni dopo, Renzo Rosso diventa azionista di maggioranza di Maison Martin Margiela.
    • RENZO ROSSO• Nasce a Padova nel 1955, il giovane• Realizza il suo primo paio di jeans con la macchina da cucire della madre.• Tutti i suoi amici ne vogliono un paio: è nato un pioniere dell’abbigliamento!• Nel 1975, dopo essersi diplomato all’istituto tecnico tessile, comincia a produrre i propri capi.• Nel 1978 si unisce ad altri imprenditori della zona, fondando il Genius Group: nascono cosi unaserie di marchi di successo quali Katherine Hamnett, Replay e Diesel.• Nel 1985 Renzo Rosso rileva il controllo totale del marchio Diesel• Grazie alla sua immagine originale e alla sua comunicazione innovativa, Diesel diventa unbrand di culto, collezionando negli anni un’incredibile serie di riconoscimenti.• Nel 2005 Renzo Rosso celebra il suo cinquantesimo compleanno con un libro intitolato Fifty• Oggi Renzo Rosso continua a guidare il marchio nella sua evoluzione da pioniere del jeans aleader dell’abbigliamento casual di lusso.• Renzo Rosso afferma da sempre: “ Diesel non è la mia azienda, è la mia vita”.
    • WILBERT DAS • Wilbert Das, Direttore Creativo di Diesel, nasce in Olanda nel 1963.• -Cresce lavorando nell’azienda agricola di famiglia, prima di partire per Arnhem all’età di 19 anni per studiare fashion design all’Academy of Fine Arts.• Nel 1988, dopo la laurea, arriva in Italia per un colloquio in Diesel: Renzo Rosso gli offre immediatamente un lavoro e Wilbert inizia il giorno stesso!• Wilbert Das comincia la sua carriera in Diesel come assistente designer per le linee Uomo, Accessori, Bambino e Pelle, arrivando in breve tempo a dirigere l’intero ufficio stile.
    • • Nel 1993 diventa ufficialmente Direttore Creativo di Diesel, con responsabilità che spaziano dal design delle collezioni di abbigliamento e accessori, all’ ideazione e supervisione delle campagne pubblicitarie e delle attività di comunicazione, dal retail & interior design (inclusi i negozi, gli showrooms e progetti come l’Hotel Pelican a Miami) al merchandising e alla supervisione di eventi e sfilate.• Il tranquillo approccio di Wilbert Das al suo lavoro si è rivelato un contributo fondamentale per l’armoniosa cultura creativa di Diesel.•  Oltre ai suoi frequenti viaggi e collaborazioni in tutto il mondo, Wilbert Das partecipa attivamente ad eventi come ITS ( International Talent Support ), al progetto Diesel Wall e a tutte le attività nate per supportare i giovani talenti, che rappresentano da sempre una naturale estensione dei suoi interessi creativi.
    • DA PIONIERE DEL CASUAL A ICONA DEL LIFESTYLE Diesel è da sempre considerato un brand pioniere nel denim e nella moda casual, famosoperché rifiuta i trend del mercato e perché segue uno stile personale. Pur continuando amantenere il suo DNA, negli ultimi anni Diesel si è evoluto nel mondo del casual “premium”diventando una vera alternativa nell’industria del lusso. Nonostante questa straordinariacrescita, la filosofia dell’azienda rimane la stessa di quando Renzo Rosso la fondò nel 1978: siera immaginato un brand che diventasse sinonimo di passione, stile individuale e espressionedi sé.Il “Diesel Planet” è composto da 4.000 persone uniche e diverse: questo colorato gruppocosmopolita condivide una passione per l’avventura e la sperimentazione in ogni campo,dalle collezioni al design dei punti vendita, dal retail al marketing. Diesel si nutre dicambiamenti: produce non meno di 3000 nuovi prodotti ogni stagione e ciascuno nasce daun processo di enorme libertà creativa, assicurando una costante innovazione. 
    • DIESEL = CREATIVITA’ & COMUNICAZIONE C’è una caratteristica unica che contraddistingue ogni prodotto Diesel, dalle collezioni allecampagne pubblicitarie: Il Diesel Creative Team, guidato dallo storico direttore creativoWilbert Das, composto non solo da coloro che disegnano vestiti, ma anche i talenti che sioccupano di graphic design, pubblicità, eventi e spettacoli, arredamento, vetrine e sitointernet.Il Creative Team vola nei più remoti angoli del pianeta, cercando ispirazione da qualsiasielemento: antico, moderno o superfuturistico, non ci sono limiti a ciò che viene esplorato.I designer ritornano con appunti, fotografie e oggetti che danno poi forma ad un temacreativo per la collezione, durante un’ elettrizzante sessione di brainstorming.Un altro famoso aspetto della creatività di Diesel è la sua pubblicità. I primi cataloghi di Dieselerano cosi eclettici da diventare un oggetto di culto nei circoli del design.Dai primi anni 90 ad oggi, il Diesel Creative Team ha creato le leggendarie campagne dellaserie “For Successful Living”.
    • Queste pubblicità hanno generato sorpresa, risate e perplessità, ma anche vagonatedi premi, come quelli del prestigioso Cannes International Advertising Festival, del Gold Prix, delGrand Prix, e dell’Advertiser of the Year.Gli ingredienti delle campagne Diesel sono gli stessi di sempre: ironia, imprevedibilità,intelligenza e sex-appeal.Diesel tratta i consumatori come esseri pensanti che sono in grado di apprezzare un messaggioprovocatorio.E’ anche per questo che Diesel riesce ad avere un dialogo così forte e intimo con i propriconsumatori: più di mezzo milione sono membri del Diesel Cult, una community web.L’azienda ha avuto molti riconoscimenti per le proprie iniziative nel mondo virtuale: il sitowww.diesel.com, lanciato nel 1995, ha dato vita a molti progetti rivoluzionari nel campo delnew media marketing, continuando ancora oggi ad offrire una vera e propria immersione“interattiva” nel Diesel Planet.
    • L’AZIENDA Diesel è un’organizzazione internazionale che gestisce oltre 15 filiali in Europa, Asia e Americadalla propria sede centrale di Molvena, in provincia di Vicenza. Ad oggi l’azienda è presentein più di 80 nazioni, con 5000 punti vendita che includono oltre 300 negozi monomarca.Diesel fa parte della holding Only the Brave, che include anche 55DSL - un brand legato allacultura urbana e all’abbigliamento street&urban - , Staff International - una importanteazienda italiana che produce e distribuisce marchi quali Diesel Denim Gallery, Maison MartinMargiela, Sophia Kokosalaki, DSquared, Vivienne Westwood - e Neuf, l’azienda proprietariadel marchio Maison Martin Margiela, della quale Renzo Rosso è azionista di maggioranza.Nel 2006, il fatturato del gruppo è ammontato a 1,180 miliardi di euro.Renzo Rosso è da sempre un grande sostenitore del Made in Italy, e continua a produrregran parte delle collezioni Diesel in Italia; la stessa Staff International è tra le venti aziende piùimportanti nella produzione di abbigliamento di lusso in Italia.
    • LE COLLEZIONIDiesel offre ai suoi clienti oltre 3000 capi a stagione da combinare in modo da creare cosiuno stile del tutto personale. • Diesel - abbigliamento “premium casual” per uomo e donna; ogni collezione prevede dettagli unici, trattamenti e finiture particolari. La collezione Diesel è molto ampia e include ogni tipo di abbigliamento, maglieria e capi in pelle, mentre il denim rimane un elemento fondamentale: la linea di 5-tasche prevede oltre 40 modelli e centinaia di lavaggi per ogni stagione.• L’ultimo sviluppo del brand è la linea Diesel Intimate, una collezione di intimo e Beachwear caratterizzata da un approccio unico e originale.• Accessori - la collezione Diesel è completata da una vasta gamma di borse, scarpe e oggetti in pelle, tutti in linea con lo stile indipendente e imprevedibile di Diesel.• Diesel Denim Gallery - pezzi unici, in edizione limitata, da collezione! Dai jeans che suscitano il desiderio dei collezionisti ai pezzi originali con dettagli curati a mano e vintage.
    • • Diesel Shades (occhiali da vista e da sole prodotti da Safilo), Diesel Time Frames & Jewellery (orologi e gioielli prodotti e distribuiti da Fossil, USA) e dal settembre 2007 anche un profumo, grazie all’accordo siglato con L’ORÉAL - Luxury Products Division.• Diesel Kids - una linea di abbigliamento per baby (3-24 mesi), kids (2-10 anni) e teens (6-16 anni) dal tocco avventuroso.
    • DIESEL E’ ANCHE… • TALENT SUPPORT – un concorso annuale per giovani designer, che si svolge a Trieste. Diesel sostiene da sempre questo progetto, offrendo come premio il Diesel Award e una collezione in edizione limitata che viene venduta nei negozi Diesel di tutto il mondo.• Gli astri nascenti della musica possono invece prendere parte a DIESEL:U:MUSIC, una competizione internazionale per artisti ancora senza contratto discografico, un’iniziativa nata per proporre un percorso alternativo ai giovani che si affacciano al competitivo mondo dell’industria discografica.• Nel campo dell’arte ci sono molte opportunità, tra cui DIESEL WALL, che offre a giovani artisti e designer la possibilità di mostrare le proprie opere in monumentali pareti verticali, situate al centro delle più importanti città nel mondo: un modo originale per portare l’espressione artistica più fresca e vibrante nelle strade.• Un altro progetto è DIESEL NEW ART – una galleria online e un concorso vero e proprio che supporta i talenti emergenti dell’arte in tutte le sue forme.
    • DIESEL FARMQuando Renzo Rosso scoprì che un terreno di oltre 100 ettari sulle colline vicino a Marostica(Vicenza) correva il rischio di essere lottizzato, lo comprò. La Diesel Farm è ora una zonasoggetta a vincolo ambientale e include pascoli, zone boschive e quattro ettari di uliveti.Oltre quattro ettari sono inoltre coltivati a vigneti di Chardonnay, Merlot, Cabernet Sauvignone Pinot Nero. Con tradizioni antiche e tecniche moderne, alla Farm si producono tre viniesclusivi: Rosso di Rosso, Bianco di Rosso e Nero di Rosso. La collezione unica dei prodottiDiesel Farm include anche due tipologie di olio extra-vergine d’oliva e un’eccellente Grappadi Rosso. Oltre ad essere uno dei luoghi preferiti di Renzo, la Diesel Farm è utilizzata per riunionidi lavoro, brainstorming creativi e naturalmente per le feste leggendarie di Diesel!
    • GUERRILLA MARKETINGDefinizione linguistica-Guerrilla: tattica di lotta armata condotta da piccole formazioni irregolari contro un esercitoregolare che si sviluppa con attacchi brevi e improvvisi-Marketing: l’insieme delle attività e dei metodi volti a una migliore commercializzazione dei benie dei servizi prodotti da una societàNell’universo della comunicazione in continuo divenire, i paradigmi del marketing tradizionalehanno subito una radicale trasformazione.I presupposti del cambiamento sono i seguenti:-Affollamento dei canali tradizionali-Credibilità dei media ufficiali in declino-Necessità di lanciare in modo originale e impattante nuovi prodotti-Ricerca di nuovi gruppi di utenti artefici di una comunicazione spontanea(passaparola)-Ricerca di complicità di un pubblico più giovane
    • Queste necessità hanno portato le maggiori aziende ad affiancare le campagne tradizionalicon delle modalità di intervento innovative che privilegiano la qualità della comunicazionealla quantità dei contatti immediati.Le campagne di guerrilla marketing sono quindi utilizzate come campagne complementari ingrado di accelerare un posizionamento o sottolineando specifici valori della marca.Definizione di Guerrilla Marketing“Insieme di pratiche emergenti e sovversive della comunicazione o tattiche coerenti efunzionali alla creazione di un valore aggiunto per un prodotto o per un brand”Partendo dal luogo in cui si sviluppano tali azioni, ovvero la strada, abbiamo comesottoclassificazioni di guerrilla marketing i seguenti termini tecnici:-street marketing-buzz marketing-stealth marketing-stickering-viral marketingOgni azione sul territorio deve potersi trasformare in qualcosa di memorabile, che vienesuccessivamente raccontato e che può diventare interessante per i media.
    • Le strategie alla base di azioni di guerrilla marketing risultano la combinazione di vari livelli eattività. evento street, internet, media notizia, passaparola, viralità brand awarness, brand equity valueAlcuni esempi di tecniche di guerrilla marketing:-Stickering-Newsmaking-Trojan marketing
    • Esempio 1:55DSL –Junior Lucky Bastard marzo, aprile 2007
    • Dettagli tecnici:-Street Team vestiti 55DSL-Azioni di street promotion a mezzo flyer e spille hand to hand.-Guerrilla tramite stickering, stanciling, annunci e magneti su auto e supporti ad alta visibilità enei punti di passaggio obbligatori per il pubblico.-11 città coinvolte: Napoli,Catania, Padova, Venezia, Torino, Roma, Bari, Firenze, Perugia, Milano e Bologna-Partnership con MINI,Lastminute.com e Triumph.
    • Esempio 2:Diesel Beachwear, Padova, Roma, Genova maggio 2007
    • VIRAL MARKETINGAnalogamente al guerrilla il Viral Marketing si sviluppa parallelamente e prende il via daglistessi bisogni delle aziende di comunicare e di interagire con il consumatore.Gli incredibili risultati raggiunti e il successo delle tecniche alla base hanno conferito al Viralmarketing (word of mouth) il titolo del più efficace e potente strumento di comunicazione almondo, ma al tempo stess il più sconosciuto.Perché viral???Perche si sviluppa in luoghi virtuali (internet e community) dove si svolgono le conversazionitra gli utenti, dove basta un click per cambiare discorso, interlocutori e luogo.Definizione di Viral Marketing“Insieme di strategie che permettono un più semplice, accelerato ed economico sistema perdiffondere il messaggio, creando al contempo una piattaforma virtuale in grado di potersupportare tale diffusione esponenziale e aumentandone l’impatto”
    • Tale definizione introduce il valore aggiunto delle nuove tecnologie secondo le seguenticaratteristiche:- Semplicità di diffusione delle informazioni- Velocità di diffusione- Aumento dell’impatto e dei volumi di informazioniI contesti digitali presentano caratteristiche estremamente diverse da quelle reali e tali nonpossono che avere una conseguenza sul consumatore, modificandone il comportamento ele attitudini.Tecniche virali maggiormente utilizzate:- Email- Tell a friend- Online games- Cool microsites- Ecards- Video clip- PodcastIn questo modo è venuto meno il baricentro azienda-consumer che si è spostato sul livelloconsumer-consumer.
    • Consumatore 2.0Il consumatore è diventato il centro del’universo commerciale, a causa di:-insofferenza alla comunicazione commerciale-maggior consapevolezza nel consumo-completo controllo informativo-capacità e volontà di condivisioneL’universo delle nuove tecnologie è infatti fortemente incentrata sul singolo individuo a partiredai nomi delle applicazioni (Ipod, Myspace, Youtube, Wii) e non si parla più di prime time madi MY timeIl singolo, cosciente del suo potere, plasma lo spazio di internet con la sua creatività e con lapropria voce.E viene ascoltato, in virtù del suo ruolo di protagonista.E la comunicazione commerciale su questo canale passa attraverso la raccolta del suofavore e dei suoi interessi.Non a caso internet permette di :-personalizzare servizi e prodotti in virtù della sua virtualità-strategie di prezzo ad personam-accessibilità e velocità nella ricerca di informazioni e nell’esecuzione di acquisti ed azioni.
    • Esempio55DSL –Junior Lucky Bastard 2007
    • EVENTIPiccola parentesi a favore degli eventi, strumento di marketing funzionale alla presentazionead un vasto pubblico di prodotti o servizi nuovi sia per quanto riguarda il prodotto in se sia inrelazione al core business dell’azienda che lo propone.Esempio 1Diesel One Precious Night in collaborazione con Fossil Gioielli
    • Esempio 2Diesel Sister Yes Night- Jesolo, Riccione, Forte dei Marmi, Giardini di Naxos, Lecce.