Your SlideShare is downloading. ×
0
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Web Analytics - WHR 2012 - Guida pratica Google Analytics

4,538

Published on

Web Analytics - WHR 2012: informazioni pratiche, consigli, case history e una guida completa all'utilizzo di Google Analytics. Relatore: Enrico Ferretti

Web Analytics - WHR 2012: informazioni pratiche, consigli, case history e una guida completa all'utilizzo di Google Analytics. Relatore: Enrico Ferretti

Published in: Education
2 Comments
35 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
4,538
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
2
Likes
35
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Web AnalyticsCome misurare performancee risultati del tuo sito web
  • 2. Consulente e docente Web MarketingFondatore della web agency Secret KeyAutore del blog Turismo&ConsigliEnrico FerrettiPiacere!
  • 3. • Perchè è fondamentale utilizzare uno strumento di web analytics• Come creare un account su Google Analytics e installarlo su un sito web• Cosa sono i KPI e a cosa servono• Dati statistici ed indicatori principali su Google Analytics• Focus su Mobile e Social Analytics• Come definire obiettivi e conversioni per il proprio sito web per misurare le varie attivitàdi web marketing• Come tracciare obiettivi e conversioni ecommerce per misurare risultati e ROI• Canalizzazione multicanale• Monitoraggio in real time e rapporti personalizzaticosa spiegherò in due ore:
  • 4. il significato di web analyticsLa Web Analytics è una disciplina che si occupa diraccogliere, analizzare e interpretare dati e statisticherelative agli accessi su un sito web, per comprendernee ottimizzarne le performance.Un sito senza web analytics è come una barca chenaviga di notte, senza cartina e senza bussola.
  • 5. 5Le conseguenze possono esseredisastrose!
  • 6. 6La Web Analytics permette di conoscere ed interpretareil comportamento degli utenti su un sitoedi effettuare sulla base di queste interpretazionimodifiche e migliorienonchè di attuare nuove strategie.
  • 7. 7Google Analytics è lo strumentodi web analytics più diffuso al mondo
  • 8. • Account Google• Accesso a internet• Accesso al codice html del tuo sito web• Nozioni di base dellhtmlstrumenti necessari per installaregoogle analytics sul tuo sitoNota bene: In alternativa se non conosci lhtml puoi chiedere al tuo webmastero consulente internet di effettuare queste operazioni per te, è semplice!
  • 9. creazione di un account google analyticsSe hai già un account google (gmail, docs, picasa, etc..)potrai utilizzare la stessa username e password, perregistrarti a google analytics.Collegati allindirizzo www.google.it/intl/it/analytics/
  • 10. creazione di un account google analyticsPremi sulpulsante crea account
  • 11. creazione di un account google analyticsInserisci email epassword del tuo accountgoogle e clicca su accedioppure registrati
  • 12. creazione di un account google analyticsClicca sulpulsanteregistrazione
  • 13. Compila i dati diimpostazione delleproprietà web
  • 14. Accetta le condizioni etermini del servizio
  • 15. Preleva il codicedi tracciamento che dovraiinserire nelle pagine del tuosito web
  • 16. livelli di accesso dell’account GA• Amministratore: (di default chi crea l’account) può operare modifiche allaconfigurazione, creare modificare o eliminare filtri, gestire gli ulteriori utenti, ecc.• Utente: può solo consultare i report, non ha nessun altro tipo di diritto.Nota bene: se chiedi al tuo webmaster di creare l’account analytics, fagli utilizzare ituoi dati di accesso, in modo che sia solo tu lamministratore, eviterai di perdere i datistatistici del tuo sito, qualora dovessi cambiare fornitore. Cosa che avviene spesso...
  • 17. installare il codice di tracciamento di GANello snippet simile a quello riportato di seguito, il codice XXXXX-Y indica lID proprietà web deltuo account Analytics.<script type="text/javascript">var _gaq = _gaq || [];_gaq.push([_setAccount, UA-XXXXX-Y]);_gaq.push([_trackPageview]);(function() {var ga = document.createElement(script); ga.type = text/javascript; ga.async = true;ga.src = (https: == document.location.protocol ? https://ssl : http://www) + .google-analytics.com/ga.js;var s = document.getElementsByTagName(script)[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s);})();</script>
  • 18. installare il codice di tracciamento di GAUna volta individuato lo snippet di codice, va copiato e incollatonelle pagine web che vogliamo monitorare, subito prima del tag dichiusura </head>Se lo snippet di codice è stato inserito correttamente, nellarco dimassimo 24 ore, google analytics comincierà a tracciare ogniaccesso sul sito web.
  • 19. concessione dell’accesso GA ad altri utenti12E’ semplice,basta andaresul profilo del sito web e:1) cliccare sulla tab utenti2) cliccare sul pulsante creanuovo utente
  • 20. concessione dell’accesso GA ad altri utenti3453) inserire la mail dellutente al qualevuoi dare laccesso4) Scegliere il livello di accesso al profilo5) Cliccare sul pulsante crea utente
  • 21. creazione di un filtro per il trafficoUn filtro comune che è buona regola applicare, è quello relativoal traffico interno dei dipendenti dellazienda, che in molti casipuò falsare i vari report di un sito.Per escludere tale traffico, conviene mettere un filtro che inibisce ilconteggio degli accessi di un determinato range di indirizzi ip.
  • 22. nome filtroip aziendalisalva e confermaQuesta operazione è molto semplice,cliccate sul profilo creato e dopo di chesulla tab filtri.Poi cliccate sul pulsante nuovo filtro esuccessivamente inserite i parametrirelativi agli indirizzi ip da escludere.creazione di un filtro per il traffico
  • 23. key performance indicators (kpi)Avinash KaushikGoogle Analytics evangelist, in manieramolto semplice definisce i KPI in questomodo:“I kpi sono le misure che ci permettonodi capire come stiamo andandorispetto agli obiettivi prefissati.”
  • 24. Il KPI perfettoIndicalità: un KPI misura (indica) il valore di una variabile,individuabile dal rapporto tra metriche proprie della web analytics. Talerapporto è solitamente rappresentato in forma di numero percentuale.Temporalità: un KPI è temporale in quanto le tendenze che rispecchiasono individuabili confrontando il valore dello stesso indice nel tempo.Azionabilità: al variare di un KPI nel tempo deve corrispondereun’azione mirata a trattare eventuali fenomeni riscontrati, siano essipositivi o negativi.
  • 25. facciamo un esempio“Sul sito dellHotel Secret Key si è riscontrato, nel mese di novembre, un calo deltasso di conversione del 50%.”L’azionabilità e il processo che ne deriva è infine rappresentata dall’affermazionestessa. Conseguentemente al calo del tasso di conversione, infatti verranno attivatele verifiche per determinerare le cause possibili, che per esempio potrebbero essereattribuibili alla perdita di posizioni su google organic per determinate parolechiave. Appurato ciò forniremo tali informazioni preziose al consulente SEO chedovrà rimediare (azionabilità).La temporalità è rappresentata dal mese di novembre, rispetto al mese precedente.L’indicalità è rappresentata dal calo del 50%
  • 26. i kpi in google analyticsIn google analytics i kpi sono suddivisi in cinque gruppi principali di indicatoriPubblico: indicatori sugli utenti che accedono al sitoSorgenti di traffico: indicatori sulle sorgenti di trafficoContenuti: indicatori sulla fruizione dei contenutiConversioni: indicatori sul raggiungimento degli obiettiviPubblicità: indicatori sulle campagne di advertising online
  • 27. • visite: (nota bene non è il numero di visitatori unici)• visitatori unici: il numero totale di persone che ha effettuato 1 o più accessi al sito• visualizzazioni di pagina: il numero totale di pagine singole visualizzate• pagine/visita: indica il numero medio di pagine visualizzate durante una visita al tuo sito.• durata media visita: indica la durata media di una visita del tuo sito• nuovi visitatori: il numero di visitatori nuovi rispetto al numero dei visitatori totali• frequenza di rimbalzo: indica la percentuale di visite di una sola pagina, ossia visite in cuila persona esce dal sito dalla stessa pagina in cui è entrata. E comunemente conosciutoanche come bounce rate.• % nuove visite: indica la percentuale di visite che erano prime visite (di persone che nonavevano mai visitato il tuo sito prima di allora).• returning visitor: visitatori di ritorno che avevano precedentemente già visitato il sitoIndicatori sul pubblico
  • 28. analisi degli Indicatori sul pubblicoPer effettuare una prima analisisu questi indicatori, dobbiamoprendere un secondo periodo diriferimento da mettere aconfronto, selezionandolonellintervallo di date.seleziona un periodo damettere a confronto
  • 29. analisi degli Indicatori sul pubblicoIn questo report ad esempio si evince un incremento di visite nel 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011
  • 30. Fra gli altri rapporti relativi alpubblico, trovate tutta unaserie di informazioni, fra cuila lingua degli utenti e lalocalità dalla quale si sonoconnessi (paese, città,continente) con una intuitivamappa interattivaanalisi degli Indicatori sul pubblico
  • 31. analisi degli Indicatori sul pubblicoIn questo altro report invece vienemesso a confronto il traffico per localitàda gennaio a novembre 2010, con lostesso lasso di tempo del 2012.I dati evidenziano un incremento divisite da tutti i paesi target, conpercentuali che vanno dal 21 a al 105%.
  • 32. rapporti visite mobileVisto lincremento di accessi al webtramite dispositivi mobile (smartphonee tablet), google analytics haintrodotto da quasi un paio di anni,un rapporto esclusivamente dedicatoa questo tipo di visite, nel quale sievidenziano anche i vari modelli didispositivi utilizzati.
  • 33. Google ha pronosticato che entro lafine del 2013 gli utenti chenavigheranno su internet tramitedispositivi mobile sarà superiore aquelli desktop. Queste immaginirelative allaumento di trafficomobile sul sito di un hotel miocliente, (confronto 2011/2012) nesono la conferma, le visite mobilesono aumentate oltre il 1000%!rapporti visite mobile
  • 34. Una enorme mole di potenziali clienti da tenere in considerazione,che va accolta con un sito ottimizzato, in grado di offrire unapiacevole esperienza di navigazione.Un sito desktop può essere difficile da navigare con unosmartphone, poiché implica caricamenti di contenuti pesanti, ecostringe lutente ad effettuare continui zoom per visionarecorrettamente testi ed immagini.conviene trascurare le visite mobile?
  • 35. Il sito desktop di un mio cliente che su smartphone si vedeva cosi:sito mobile ready si o no? famo de si!
  • 36. E che con la versione mobile si vede cosi:
  • 37. Ha registrato un incremento di accessi più profondi e duraturi, sintomo che con il nuovosito creato ad hoc lesperienza mobile è più che soddisfacente rispetto al passato.
  • 38. • traffico diretto: accessi diretti digitando il nome a dominio nel campo indirizzo di unbrowser, dai preferiti o da altre fonti dove non esistono sistemi di rintracciabilità della fonte• referral: sono gli accessi provenienti da siti esterni su cui è presente un link al tuo sito• ricerca: è il traffico proveniente dai motori di ricerca, e viene suddiviso ulteriormente inrisultati organici e a pagamento (adwords).• risultati organici: quali sono le parole chiave che hanno generato traffico non a pagamento.• a pagamento: quali sono le parole chiave a pagamento che hanno generato traffico• campagne: riepilogo del traffico generato da attività come PPC ed Email MarketingIndicatori sulle sorgenti di trafficoNota bene: per tracciare correttamente il traffico proveniente da Google Adwordscome a pagamento, è necessario collegare laccount che gestisce la campagna conquello di analytics. La procedura è molto semplice ed illustrata in maniera esaustivaqui: http://support.google.com/analytics/bin/answer.py?hl=it&answer=1033961
  • 39. analisi delle sorgenti di traffico• È positivo l’aumento di traffico diretto perché determina un buon lavoro a livello di brand efidelizzazione dei visitatori• È positivo un incremento di referral se questi portano traffico profilato che effettua visiteprofonde (e possibilmente che converte), poichè vuole dire che probabilmente stiamolavorando bene a livello di strategic placement e content marketing.• È positivo un incremento di accessi organici per parole chiave generiche, sia con volumi altisia long tail. Indica che dal punto di vista SEO stiamo andando nella giusta direzione,merito magari di una ottimizzazione del sito, o anche attribuibile ad attività di link buildinge content marketing di qualità.• E positivo un incremento di visite a pagamento (adwords) soprattutto se il budget mensilerimane invariato, sintomo che la campagna sta migliorando a livello di rendimento.Sulla base di questi rapporti, ha senso dire che:
  • 40. analisi del traffico organicoAd esempio in questo report si evince un incremento di visite organiche pari al 27%
  • 41. seo case historyMentre in questo altro reportrelativo ai risultati organici deimotori di ricerca, si evince comediverse parole chiave hannogenerato un consistente aumento diaccessi sul sito.Risultato frutto di attività SEO chehanno portato un miglior rankingsu google.
  • 42. rapporti visite socialGoogle afferma che:“Gli utenti condividono, discutono einteragiscono sempre di più con icontenuti di un sitotramite i social network.L’80% delle interazioni concontenuti avviene su siti diversi dalsito web del proprietario deicontenuti.
  • 43. • Sorgenti e pagine: identifica reti e community in cui le persone possono interagire con i tuoicontenuti e il traffico generato verso il tuo sito.• Visite provenienti dai referral social• Conversioni: Misura il successo e limpatto delle tue campagne sociali allineandole ai tuoiobiettivi on-site, alle tue conversioni e alle tue transazioni e-commerce. Identifica le reti chegenerano il maggiore impatto sotto il profilo delle entrate.• Plug-in sociali: misura il coinvolgimento dei tuoi utenti on-site, per mezzo dei vari pulsantisocial, come i +1 di google, like button e like box di facebook, tweet, etc...• Flusso di visitatori sociali: è un grafico che mostra il comportamento che i visitatori deisocial network hanno intrapreso sul tuo sito, attraverso il percorso di navigazione.gli indicatori socialiVediamo ora qualche screenshot per capire meglio i rapporto social più interessanti
  • 44. rapporti social: visite da referral social
  • 45. rapporti social: visite da referral socialCliccando sul nome del social network, si vedono le pagine condivise dagli utenti di quel determinato social
  • 46. rapporti social: visite da referral socialNel caso di google +, cliccando sulla tab flusso delle attività, si può addirittura visualizzare lelenco delleconversazioni fra utenti in cui viene condiviso lurl di una delle pagine del sito web. Questo report èparticolarmente utile per capire quali sono gli orari migliori per condividere un contenuto, basandosi sullericondivisioni generate.
  • 47. rapporti social: visite da referral socialCliccando sul pulsante altro accanto ad ogni singola conversazione,si aprirà un menù a tendina, cliccate sul pulsante ecoclicca sul pulsante eco
  • 48. rapporti social: visite da referral socialVedremo nel dettaglio il grafico delleco di ogni singola condivisione, che mostrala diffusione di questo post a mano a mano che gli utenti lo condividono su Google+.
  • 49. Per monitorare le interazioni Google +1 che si verificano sul tuosito, non occorre alcuna impostazione.Mentre per monitorare le interazioni su altri social come facebooke twitter, bisogna modificare il codice di monitoraggio. Taleoperazione è molto complessa, questo il link ufficiale con le lineeguida.monitoraggio delle interazioni sociali
  • 50. rapporti social: conversioniMisura il successo e limpatto delle tue campagne sociali allineandole ai tuoi obiettivi on-site,alle tue conversioni e alle tue transazioni e-commerce.
  • 51. rapporti social: conversioni indiretteÈ il numero (e il valore monetario) di vendite e conversioni a cui il social network ha contribuito.Si verifica un evento indiretto quando un utente visita il tuo sito, esce senza effettuare la conversione,ma torna in seguito per effettuare la conversione durante una visita successiva.
  • 52. rapporti social: plug in socialiwidget box difacebookpuslanti interattivivaripulsante mi piace
  • 53. rapporti social: flusso di visitatori socialiÈ un grafico che mostra il comportamento che i visitatori dei social network hanno intrapreso su un sito,attraverso il percorso di navigazione. Ad esempio, se pubblichi un link che promuove una determinatapagina, puoi scoprire se i visitatori provenienti da un determinato social network sono entrati nel tuo sitotramite quella pagina e se hanno proseguito verso altre parti del sito oppure sono usciti.
  • 54. analisi dei rapporti sociali• contenuti di valore che vengono condivisi spontaneamente dagli utenti• giusta frequenza di pubblicazione sui profili social (nè poco nè troppo)• conoscenza della propria audience e giusto modo di relazionarsi con gli utenti• corretta integrazione dei widget social sul sito, che rendono più facile lacondivisione da parte degli utentiSulla base di questi rapporti, ha senso dire che è positivo l’aumento di traffico einterazioni social perché implica un buon lavoro a livello di social media marketing,che può essere determinato da diversi fattori come ad esempio:Consiglio: per una corretta misurazione del traffico e delle interazioni social, a googleanalytics vanno affiancati altri tool di analisi, che riescono a dare un quadro piùpreciso della portata e dellengagement generato dalle varie attivitià social, comefacebook insights, tweetreach, trackur, sproutsocial o radian6 e vari altri.
  • 55. • tutte le pagine: elenco delle pagine del sito web con relativi numeri di visualizzazioni, tempi medi pervisita e frequenza di rimbalzo• pagine di destinazione: quale sono le pagine di entrata dalle quali gli utenti effettuano il primo accesso• pagine di uscita: quale solo le pagine di uscita, cioè l’ultima pagina visualizzata prima di lasciare il sitoweb• velocità sito: indica i tempi e le performance del sito, fornendo anche il dettaglio sul tempo dicaricamento medio di ogni singola pagina.• ricerca su sito: disponibile solo per i siti che hanno un motore di ricerca interno (blog, ecommerce eportali), fornisce informazioni sulle visite che hanno effettuato ricerche, indicando le keywords utilizzate.• eventi: informazioni relative ad azioni compiute dagli utenti come il click su unindirizzo email, ildownload di un pdf, ma anche il click su un link verso un sito esterno.• analisi dati in page: con una visuale interattiva del tuo sito, google analytics mostra su ogni link e voce dimenù presente nelle varie pagine, le percentuali di click da parte degli utenti.gli indicatori sui contenutiSono dati che forniscono informazioni sulla navigabilità di un sito web, fondamentaliper capire se i contenuti delle varie pagine funzionano o meno.
  • 56. analisi dati in pageMolto utile per capire se ci sono voci di menù troppo sacrificate o di scarso appeal.
  • 57. analisi dei rapporti sui contenuti• verifica quali sono le pagine di entrata del sito, per ottimizzare contenuti• e call to action che generano conversioni• determina quali sono le pagine più visitate per capire i reali interessi degli utenti• analizza le pagine con le maggiori percentuali di uscita dal sito per definire lacausa dellabbandono da parte di potenziali clienti (tempi di caricamento lenti,malfunzionamenti tecnici, contenuti poco accattivanti e respingenti, etc..)• studia lanalisi dei dati in page per comprendere dove cliccano gli utenti e diconseguenza apportare cambiamenti nellarchitettura dellinformazione del tuo sitoper rendere accessibili soprattutto i link e i pulsanti che portano a pagine diconversione.Nei rapporti relativi ai contenuti, concentrati sui seguenti aspetti:
  • 58. • avere obiettivi concreti• avere la possibilità di misurare il livello di raggiungimento di tali obiettivi, grazie adalcuni indicatori (KPI)• definire i risultati che si intendono conseguire in un determinato periodo di tempo perpoterci ritenere soddisfattiIndicatori sul raggiungimento diconversioni e obiettiviQuesti sono i rapporti più importanti di google analytics, poiché, indicano ilraggiungimento degli obiettivi prefissati.Premessa, per capire se un sito web sta performando bene o male dobbiamo:
  • 59. tipologie di obiettiviUn sito Web può avere diversi tipi di obiettivi, che possono esseredi tipo monetario, come la vendita di prodotti o servizi (nel casodegli hotel si vendono room nights), oppure obiettivi di altro tipo,quali l’acquisizione di nuovi clienti e contatti (lead) o di iscritti allamailing list, il download di file, la durata di una visita, etc...Va considerato un obiettivo raggiunto, il compimento da parte deivisitatori, di un’azione che noi avevamo predeterminato (chiamatacon il termine “conversione”).
  • 60. come impostare un obiettivo non monetarioIn questo lab vi mostrerò come impostare obiettivi riconducibili alla visualizzazione di unadeterminata pagina. Ipotizziamo di voler impostrare come obiettivo, liscrizione allanewsletter di un sito web. Prendiamo come esempio il mio blog Turismo&Consigli.Step 1: l’utente si iscrive alla newsletter:
  • 61. come impostare un obiettivo non monetarioStep 2: l’utente riceve una mail di verifica, nella quale cè un link che va cliccato perconfermare la sottoscrizione.
  • 62. come impostare un obiettivo non monetarioStep 3: l’utente quando clicca su tale linkviene indirizzato su una specifica paginadi ringraziamento, che avrà un urlunivoco, come ad esempio:www.turismoeconsigli.com/conferma.htmlOra che vi ho illustrato gli stepnecessari, vediamo come tracciare ilnumero di iscritti alla newsletter,impostando lurl di conferma finale,come obiettivo.
  • 63. tracciare il numero di iscritti alla newsletter• Fai clic sulla scheda Amministratore nella parte in alto a destra• Fai clic sul nome dellaccount e poi sul nome della proprietà su cui desideri aggiungere un obiettivo.• Fai clic sulla scheda Obiettivi sotto il menu Profilo.• Fai clic su + Obiettivo per aggiungere un obiettivo a uno degli insiemi di obiettivi.• Inserisci un Nome obiettivo facilmente riconoscibile nei rapporti, in questo caso sarà Newsletter.• Seleziona Attivo se desideri che lobiettivo venga applicato subito dopo essere stato creato e salvato.• Seleziona il Tipo obiettivo: usa destinazione URL• Dettaglio obiettivo: Inserisci nel campo vuoto url obiettivo, lindirizzo della pagina relativaallobiettivo, in questo caso va inserito lurl della pagina /conferma-iscrizione/ senza il dominio.• Seleziona il tipo di corrispondenza dal menù a tendina come “corrispondenza esatta”• Imposta un valore per lobiettivo. Questo campo è facoltativo.Nel mio caso ipotizzando che circa il 4% degli utenti che si iscrivonoalla newsletter, alla fine acquistano dal sottoscritto una consulenza del valore mediodi 1000 Euro, significa che il valore dellobiettivo Newsletter sarà di 40 euro.
  • 64. tracciare il numero di iscritti alla newsletterScreenshot di riepilogo delle informazioni per l’impostazione dell’obiettivo
  • 65. come impostare un obiettivo non monetarioQuesto è solo un esempio, ma con lostesso metodo possiamo tracciarediversi tipi di obiettivi non economici everificarne il completamento.Per configurare altri tipi di obiettivi èdisponibile la guida ufficiale fornita daGoogle Analytics.
  • 66. • quante vendite online genera il sito web• quali sono le camere più vendute• qualè il loro valore medio• quali sono le fonti di traffico che generano più acquisti e più entrate• dove conviene investire per promuoversi online• quali sono le lacune del sito web che incidono negativamente su conversioni eprocesso di acquistoVeniamo ora alla conversione più importante per il sito di un hotel, la prenotazione di unacamera, un servizio che ha un valore economico e che in questo caso richiede ilmonitoraggio ecommerce. Misurando le prenotazioni online possiamo ottenere tutta unaserie di informazioni preziose che ci aiuteranno a comprendere:tracciamento ecommerce
  • 67. Grazie al tracciamento ecommerce, abbiamo dunque la possibilità dimisurare con precisione, il ritorno sullinvestimento(ROI) di ogni attività diweb marketing, come seo, keyword & display advertising, emailmarketing, strategic placement, e anche social media marketing.E, sulla base di questi risultati possiamo prendere decisioni strategichebasate su dati certi.Per attivare il tracciamento ecommerce sul sito dellhotel è indispensabileavere un booking engine, che è lo strumento che consente agli utenti diverificare la disponibilità delle camere e successivamente di prenotareonline con carta di credito.tracciamento ecommerce
  • 68. Il tracciamento ecommerce implica laggiunta del codice di monitoraggionel codice html dei vari step di prenotazione, fino alla conferma finale.Essendo il booking engine un software che risiede su server esterno e diproprietà altrui, questa operazione può essere effettuata unicamente dalfornitore del booking engine.Bisogna dare gli accessi come amministratore del profilo google analyticsal fornitore del booking engine, e sarà sua cura attivare il monitoraggioecommerce, impostare gli step del processo dacquisto (funnel), e inserire ilcodice di tracciamento nella pagina di conferma della prenotazione.Per capire meglio i vari passaggi per attivare il tracciamento ecommerce,questo è il link alla guida ufficiale.tracciamento ecommerce: chi fa cosa?
  • 69. rapporti sulle conversioni ecommerceVediamo finalmente i rapporti sulleconversioni ecommerce!Cliccando su conversioni esuccessivamente sulla scrittaecommerce, avremo unapanoramica di questo tipo
  • 70. rapporti sulle conversioni ecommercePiù in basso è presente la sezione sorgente/mezzo, che riporta ogni singolasorgente e le relative entrate generate anche a livello di percentuale.
  • 71. rapporti sulle conversioni ecommerceAd esempio nel caso di questo cliente, analizzando i referral abbiamo appurato chelinvestimento per la business listing su tripadvisor, genera una grossa mole diprenotazioni e quindi un ROI positivo.
  • 72. analisi delle transazioni generate dalla seoQuesto rapporto ecommerce mette in luce le prenotazioni generate dalle visite provenienti dagoogle organic, andando ad elencare le varie parole chiave.cliccare sudimensione secondariasuccessivamente selezionare“parola chiave”
  • 73. analisi delle conversioni seoL’elenco riporta le parole chiave che hanno generato una o più transazioni, le entrate complessive persingola keyword, il valore medio delle transazioni, il tasso di conversione e il valore per singola visita.
  • 74. analisi delle conversioni seoPer escludere le transazioni generate da keywords brandizzate, possiamo aggiungere dei filtridi esclusione, cliccando sulla scritta avanzata accanto al campo di ricerca e inserendo leparole chiave che vogliamo escludere in una o più dimensioni.1) clicca su avanzatainserisci il nomedell’hotel
  • 75. analisi delle transazioni generate dai PPCPer visionare le conversioni ecommerce generate da adwords, bisogna cliccare sulla fonte googlecpc, e successivamente selezionare come dimensione secondaria sorgenti di traffico > parola chiave
  • 76. analisi delle transazioni generate da DEMSe spedisci newsletter periodiche, contenenti promozioni, last minute e newsriguardanti il tuo hotel, come per le altre attività di web marketing dovrestimonitorare i risultati generati da questo tipo di attività promozionale, per capire se èefficace o meno.Se utilizzi un software di direct email marketing professionale non devi fare nulla,poiché di default dovrebbe avere integrato uno script di tracciamento in ogni link.Detto ciò se il software non traccia o se spedisci aimè le email con un client di postatipo outlook (aaaargghhhh), puoi comunque tracciare i link contenuti nel corpo dellaemail, che portano gli utenti sulle varie landing page, come ad esempio delle offertestagionali.Per fare ciò puoi utilizzare lo strumento di creazione url di google analytics.
  • 77. strumento di creazione url di ga
  • 78. Adottando questa tecnica, ogni visita proveniente dalle newsletter, che genera una conversione,verrà attribuita alla newsletter spedita, per cui anche in questo caso possiamo analizzare i risultatie le transazioni attribuibili ad ogni singolo invio, e fare dei test per capire come ottimizzare lenewsletter a livello di forma e contenuto.
  • 79. rapporti sulle conversioni ecommerceAltro rapporto ecommerce da tenere in considerazione è quello del tempo allacquisto, che indica ilnumero di giorni trascorsi dalla prima visita e il totale di visite impiegato per completare le transazioni.
  • 80. canalizzazione multicanaleFra le principali novità introdotterecentemente da google analytics, cèsicuramente la canalizzazione multicanale.Fino a qualche tempo fa le conversionivenivano attribuite erroneamente soloallultimo passaggio compiuto dallutente,che magari prima di convertire avevacompiuto un percorso molto articolato fattodi ricerche organiche, click su annunci ppc,accessi diretti, etc...veniva conteggiato solol’ultimo passaggio cheprecedeva il canestro
  • 81. Cera insomma un sommerso che non dava il giusto peso ai vari canali di web marketingche precedevano e assistevano la conversione finale.Non si capiva quanto tempo trascorreva tra linteresse iniziale del visitatore e il suoacquisto.I rapporti Ecommerce sulle canalizzazioni multicanale rispondono a queste e ad altredomande mostrando in che modo i canali di marketing interagiscono per generare venditee conversioni, permettendoci di:canalizzazione multicanale• scoprire in quale misura ogni sorgente di traffico contribuisce alle conversioni• visualizzare tutte le interazioni del ciclo di vendita.
  • 82. conversioni indirette
  • 83. principali percorsi di conversioneIl rapporto Principali percorsi di conversione invece mostra i percorsi di conversione che i clienti hanno seguito perarrivare allacquisto, evidenziando i passaggi molteplici che gli utenti effettuano nel processo decisionale che li portaad effettuare la conversione finale.
  • 84. principali percorsi di conversioneGrazie a questo report si comprende nel dettaglio come i vari canali di marketing, ovvero google organic, ppc,social, email, e referral vari, se ben miscelati tra loro, contribuiscano chi più chi meno a far ottenere delleconversioni. Senza questo report non avremmo mai potuto capire ad esempio che anche i social network, sono unafonte preziosa di conversioni e revenue.
  • 85. principali percorsi di conversioneI rapporti Tempo alla conversione e Lunghezza del percorso infine mostrano il tempo (in giorni e interazioni)impiegato dai visitatori per diventare clienti, evidenziando come il processo decisionale sia lungo e articolato.Per maggiori informazioni sulla canalizzazione multicanale è disponibile la guida ufficiale di google analytics.
  • 86. monitoraggio in real timeIl monitoraggio in real time è una funzione che ci consente di sapere in maniera immediata il traffico ele performance di un sito web. Questo report è utilissimo soprattutto per misurare in tempo realelimpatto di campagne social e di email marketing.
  • 87. monitoraggio in real timeVedremo il conteggioaggiornato secondo per secondodei visitatori sul sito, le pagineche navigano, lubicazionegeografica dellutente e le fontidi traffico che lhanno portatosul sito (referral, socia, search).
  • 88. Google analytics oltre ai rapporti standard, consente di creare rapporti personalizzati, che cipermettono di avere a disposizione solo i dati che reputiamo necessari ai fini della nostraanalisi.rapporti personalizzatiPer creare un rapporto personalizzato è possibile di seguire la procedura illustrata sulla guida ufficiale.
  • 89. In questo lab ti segnalo a mio avviso i migliori rapporti personalizzati, disponibili in rete eapplicabili al sito di un hotel (e non solo), cosi eviterai di perder tempo nella ricerca delreport ideale.Per associare questi report personalizzati al proprio profilo google bisogna prima loggarsia google analytics, cliccare sui link riportati di seguito, e associare ogni report al profilodesiderato, fatto ciò si apriranno i report in tutto il loro splendore... :-)rapporti personalizzati: i migliori
  • 90. Se hai attivato una campagna PPC ad esempio, di certo vorrai sapere quali sono le keyword più performanti, magariper ottimizzare le tue strategie SEO. Controllando i valori presenti in questo report potrai perfezionare la tua campagna ecapire quali keyword sospendere e su quali spendere più soldi.
  • 91. Ecco i report, fanne buon uso!rapporti personalizzati• Keyword Analysis Report• Link Analysis Report• PPC Keywords Report• Social Media Report• E-commerce Traffic Report
  • 92. Enrico FerrettiI miei contatti:Grazie perl’attenzione! www.turismoeconsigli.comwww.secretkey.ithttp://www.secretkey.it/blog/https://twitter.com/turismoconsiglihttp://www.facebook.com/webmarketingturisticohttp://it.linkedin.com/in/enricoferrettihttps://plus.google.com/117826918801968827838http://www.slideshare.net/enricoferretti1

×