Fare lo spin-off di se stessi: Opportunità Professionali post dottorato
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Fare lo spin-off di se stessi: Opportunità Professionali post dottorato

  • 707 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
707
On Slideshare
707
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Fare lo spin-off di se stessi…Opportunità professionali post-dottoratoProf. Giuseppe RivaMilano, 10 Maggio 2013 – Scuola di dottorato in psicologia
  • 2. INDICE• Personal Branding: Come presentarsi epresentare le proprie idee– Il concetto di personal branding– Gli strumenti del personal branding• Spin-off: Come finanziare le proprie idee– I concorsi– Le fondazioni– I progetti europei ERC, Marie Curie e Cooperation
  • 3. Il Personal BrandingCome presentarsi e presentare le proprie idee
  • 4. Parte 1• Personal Branding: Come presentarsi epresentare le proprie idee–Che cos’è un brand–Il concetto di personal branding–Come fare personal branding–Gli strumenti da usare nel personal branding–Cosa non fare nel personal branding
  • 5. LA MAGGIOR PARTE DEILAUREATI IDENTIFICAANCORA NEL CV ILPRINCIPALE STRUMENTO DIPROMOZIONE
  • 6. Esempio di Brand
  • 7. Esempio di Brand
  • 8. • Un brand è la somma deipensieri, sensazioni,emozioni, percezioni(positivi e negativi) che lepersone hanno di unprodotto o di un servizioad esso associati.• I brand vengono generatidalle esperienze egenerano la reputazioneIl Brand
  • 9. Personal Branding• E’ il processoche porta afarvirappresentarein modo unicoed irripetibilenella mente deivostri clienti odatori di lavoro
  • 10. Personal Branding• È il processo che caratterizza una persona inmaniera unica, creando un’immagine forte ericonoscibile (il marchio) che riflette unamissione, un valore, un proprio stile dicomunicazione• ll personal brand permette alle persone didifferenziarsi, di stabilire le peculiarità che lerendono influenti e uniche nell’essere portatoridel proprio valore.
  • 11. Personal Branding:Perché?• Quando dobbiamo scegliere, ci rivolgiamo a chiha meritato la nostra fiducia => costruzione delbrand• Il brand è la garanzia e la promessa di unVALORE• Attraverso di esso attiro un pubblico pre-selezionato di appassionati perfetti me e per ilmio prodotto (senza bisogno di pubblicità!)• In pratica, attraverso il valore del brand creo unacommunity interessata a ciò che faccio/dico
  • 12. Personal Branding:Perché?• E ci conviene farlo noi perché altrimenti cipensano gli altri: il personal branding èinevitabile
  • 13. Suggerimenti• Iniziamo dal porci le 5 domande:– # 1 Quale è il mio scopo?– # 2 In quali valori credo?– # 3 Che cosa mi appassiona/caratterizza?– # 4 Quali sono le leve che mi motivano?– # 5 Che cosa mi rende unico e speciale? Checosa posso offrire?
  • 14. • Crea la tua base• Identifica un puntodi riferimentoprincipale (sito,blog, paginaFacebook, ecc.) perchi cercainformazioni su di teSuggerimenti
  • 15. • Trova la tua voce# 1 Essere diligenti# 2 Essere coerenti# 3 Dire coseinteressanti# 4 Dire cose rilevanti# 5 Essere se stessiSuggerimenti
  • 16. Suggerimenti• Stabilisci le tue caratteristiche e comunicale. Se seibravo e nessuno lo sa, è tutto inutile;• Più ti focalizzi, più verrai percepito come esperto;• Dimostra sempre passione. Per influenzare le sceltedegli altri, devi generare un’emozione positiva;• Si faceva anche una volta ma con il web le info sonoper tutti, per sempre, facili da trasferire, da trovare,da referenziare.• E non dimenticare: offri sempre un po„di più di quello che prometti.
  • 17. • Semplifica• Le idee più genialisono inutili se glialtri non lecapiscono(presentazione 10slide, abstract 2pagine)Suggerimenti
  • 18. • Usa i Nuovi Media• I servizi di Blogging eSocial Networkingonline come spaziodi condivisione,incontro e confrontoSuggerimenti
  • 19. Suggerimenti• Facebook: forse è meglio averedue pagine (fan page)• Gestisci bene gli accessi,soprattutto a foto e video• Non essere presenti o avere unapresenza in contrasto conl’immagine professionale puòessere penalizzante;• Perché è indispensabile essere suFacebook?
  • 20. • LinkedIn e gli altrinetwork professionali• Trova gli spazi doveincontrare altriprofessionisti della tuacategoria (ResearchGate, Academia.edu,Scienceblogs, ecc.)Suggerimenti
  • 21. • Porta l‟onlineoffline e viceversa• Non solo in Rete,ma anche faccia afaccia (convegni,conferenze, corsi,periodi all’estero,summer school)http://www.karikaturas.lv/Suggerimenti
  • 22. http://mashable.com/2009/02/05/personal-branding-101/http://www.businessinsider.com/10-ways-to-build-your-personal-brand-2010-4?op=1www.personalbranding.it..per il resto c’è sempre Google :)Per approfondire
  • 23. Il Fund-RaisingCome finanziare le proprie idee
  • 24. INDICE• Fund Raising: Come finanziare le proprie idee– R&S in azienda– I premi/concorsi– Le fondazioni– I progetti europei ERC, Marie Curie e Cooperation
  • 25. Finanziamenti daAzienda• Dimensione Piccola/Media: 10-150.000 Euro• L’azienda commissiona all’università/centro diricerca una ricerca e in cambio ottiene un creditodi imposta del 90%• La dotazione delle risorse è di 180,8 per lanno2012, 157,2 per lanno 2013 e di 91 milioni di europer lanno 2014.• Competitività sui bandi: Bassa (se si trova l’aziendasono finanziati praticamente tutti)
  • 26. Finanziamenti daAzienda• Scarica un esempio di utilizzo del creditodi imposta per investimenti in R&S relativia 3 diverse aziende• Decreto legislativo n. 70 del 2011• Circolare dellAgenzia delle Entrate n. 51del 28 novembre 2011
  • 27. Finanziamenti da Premi• Dimensione Piccola: 10-25.000 Euro• Richiesto da aziende e supportato da businessplan (valutazione dell’idea di business)• La maggior parte dei fondi passano attraversobandi specifici: no progetti generici• Preparazione del business plan: 2-3 mesi e sonorichieste competenze tecniche• Competitività sui bandi: Alta (1 su 10/15finanziato)
  • 28. Finanziamenti da Premi• Start Up 2.0: supporto al progetto• StartCup Milano Lombardia: 10.000 Euro• Working Capital Accelerator: 25.000 Euro• Premio Gaetano Marzotto: 100.000 Euro
  • 29. Finanziamenti daFondazioni• Dimensione Piccola/Media: 10-150.000 Euro• Spesso ancorato a realtà locale: città/regione• Richiesto da ente no-profit: no aziende• La maggior parte non richiede aggregazioni traenti• La maggior parte dei fondi passano attraversobandi specifici: no progetti generici• Preparazione del progetto: 1-2 mesi• Competitività sui bandi: Media (1 su 3 finanziato)
  • 30. • ELENCO FONDAZIONI BANCARIE• Fondazione CARIPLO• Fondazione Compagnia San Paolo di Torino• Fondazione Monte dei Paschi di Siena• Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia - IIT• Agenzia di Ricerca per la Sclerosi LateraleAmiotrofica• Fondazione Telecom Italia• Fondazione VodafoneFinanziamenti daFondazioni
  • 31. Finanziamenti Europei• Dimensione Medio/Grande: 150K/1MEuro• Diversi tipi di finanziamenti: occorre orientarsi• Richiesto da ente no-profit o aziende• La maggior parte richiede aggregazioni tra enti dinazioni UE diverse (almeno 3)• La maggior parte dei fondi passano attraverso bandispecifici• Preparazione del progetto: 3-6 mesi• Competitività sui bandi: Alta (1 su 10 finanziato)
  • 32. I finanziamenti comunitari si suddividono in direttie indiretti:Finanziamenti comunitari sono diretti se erogatidirettamente dalla Commissione Europea.Finanziamenti comunitari sono indiretti se sonoerogati tramite i fondi strutturali gestiti, a livellonazionale e regionale, da ciascuno degli Statimembri.Progetti comunitari
  • 33. Nel caso di finanziamenti indiretti la selezione e lagestione dei progetti sono di competenza esclusiva delleautorità nazionali.Ogni Stato Membro, basandosi sugli orientamentiprogrammatici dell’Unione Europea, elabora un quadro diriferimento strategico nazionale che viene negoziato con laCommissione, diventando il contesto di riferimento per lasuccessiva programmazione a livello regionale.Una volta selezionati, i progetti ricevono un finanziamentomisto: nazionale e comunitario.Progetti comunitariindiretti
  • 34. I fondi strutturali rappresentano lo strumento privilegiato dellapolitica regionale dell’Unione Europea diretta a rafforzare losviluppo economico degli Stati membri.Sono stati formulati come strumento di finanziamento mirato adeliminare il divario socio-economico tra le regioni dellUnione e asostenere la coesione economica e sociale, al fine di favorire unosviluppo armonioso e equilibrato delle attività economiche.Per il periodo di programmazione 2007-2013 sono stati previsti treFondi strutturali.Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)Fondo sociale europeo (FSE)Fondo di coesionehttp://fondistrutturali.formez.it/Fondi strutturali
  • 35. I Programmi Quadro rientrano nella tipologia di finanziamenti agestione direttaIl trasferimento dei fondi viene effettuato direttamente dallaCommissione europea ai beneficiari.La gestione è centralizzata: le procedure di selezione,assegnazione, controllo e revisione (audit) sono gestite dallaCommissione europea.La Commissione europea predispone dei programmi diretti asostenere diversi settori, sulla base degli obiettivi che si prefiggedi realizzare.I Programmi Quadro sono generalmente di durata pluriennale.Programmi Quadro
  • 36. Settimo Programma Quadro = 7PQSeventh Framework Program = 7FPhttp://cordis.europa.eu/fp7/home_en.htmlPer il finanziamento dei progetti di ricerca e sviluppotecnologico.Adottato con decisione 969/2006/CEpubblicato su GU L391 del 30.12.06Riguarda il periodo 2007 – 2013Sarà sostituito da Horizon 2020http://ec.europa.eu/research/horizon2020/index_en.cfmIl Settimo ProgrammaQuadro
  • 37. http://cordis.europa.eu/home_it.html Home 7FP4 blocchi principali rappresentati da 4 programmispecifici e un quinto programma specifico sullaricerca nucleare:1. Cooperazione – Ricerca in collaborazione2. Idee – Consiglio europeo della ricerca (CER)3. Persone – Potenziale umano4. Capacità – Capacità di ricercaAree di priorità
  • 38. Altre aree di priorità
  • 39. Azioni di “ricerca di frontiera”ERC Consiglio europeo della ricerca (finanziaprogetti INDIVIDUALI di ricerca quinquennali da 1Meuro a 2,5 M euro)http://erc.europa.eu/• Starting Grants• Consolidator Grants• Advanced Grant (per docenti di successo)FP7 - Idee
  • 40. • Destinate a ricercatori di qualsiasi nazionalità con 2-7 anni diesperienza maturata dopo il conseguimento del dottorato diricerca (o di un altro titolo equipollente) e con un curriculumscientifico molto promettente• Un’eccellente proposta di ricerca• Le attività di ricerca devono essere svolte pressoun’organizzazione di ricerca pubblica o privata (nota come“istituzione ospitante”)• Finanziamento per ciascuna borsa di ricerca: fino a 1,5 milioni diEUR (in alcuni casi fino a 2 milioni di EUR)• Durata: fino a 5 anni• Criterio di valutazione: eccellenza scientifica• Inviti a presentare proposte: sono pubblicati annualmenteFP7 - CooperazioneStarting Grant
  • 41. • Destinate a ricercatori di qualsiasi nazionalità con 7-12 anni diesperienza maturata dopo il conseguimento del dottorato diricerca (o di un altro titolo equipollente) e con un curriculumscientifico molto promettente• Un’eccellente proposta di ricerca• Le attività di ricerca devono essere svolte presso un’organizzazionedi ricerca pubblica o privata (nota come “istituzione ospitante”)• Finanziamento per ciascuna borsa di ricerca: fino a 2 milioni diEUR (in alcuni casi fino a 2,75 milioni di EUR)• Durata: fino a 5 anni• Criterio di valutazione: eccellenza scientifica• Inviti a presentare proposte: sono pubblicati annualmenteConsolidator Grant
  • 42. • I richiedenti devono avere almeno una (starting) o diverse(consolidator) pubblicazioni importanti senza la partecipazionedel loro supervisore del dottorato di ricerca.• I richiedenti devono inoltre essere in grado di vantare uncurriculum promettente che mostri risultati precocementeraggiunti, consono al loro settore di ricerca e alla fase della lorocarriera, tra cui pubblicazioni di rilievo (in qualità di primi autori)sulle principali riviste scientifiche internazionali multidisciplinari osulle riviste internazionali più importanti del loro settore.• Possono altresì dimostrare di essere stati invitati (Keynote) aintervenire a conferenze internazionaliEccellenza Scientifica
  • 43. Potenziale umano, azioni “ Marie Curie”http://cordis.europa.eu/fp7/people/home_en.html•Formazione iniziale dei ricercatori – reti Marie Curie•Formazione continua e sviluppo della carriera –Borse di studio individuali per formazioneall’estero (12-24 mesi)•Percorsi e partenariati congiunti industria-università•Dimensione internazionale – borse di studio in uscitae in entrata, meccanismo di cooperazioneinternazionale, contributi per il reinserimento•Premi di eccellenzaFP7 - Persone
  • 44. Capacità di ricercahttp://cordis.europa.eu/fp7/capacities/home_en.html• Infrastrutture per la ricerca•Ricerca a vantaggio delle PMI•Regioni della conoscenza (partner di ricerca in una regione)•Potenziale di ricerca•Scienza nella società•Sostegno allo sviluppo delle politiche di ricerca•Attività specifiche di cooperazione internazionaleFP7 - Capacità
  • 45. I progetti di ricerca europei classicihttp://cordis.europa.eu/fp7/cooperation/home_en.html•Salute•Prodotti alimentari, agricoltura e biotecnologia•Tecnologie dell’informazione e della comunicazione•Nanoscienze, nanotecnologie•Energia•Ambiente (inclusi cambiamenti climatici)•Trasporto (inclusa aeronautica)•Scienze socioeconomiche e umanistiche•Sicurezza•SpazioFP7 - Cooperazione
  • 46. Può partecipare Qualsiasi impresa, università, centro diricerca, organizzazione o individuo, legalmente stabilito inun Paese Membro, Associato o Terzo, può partecipare a unprogetto in collaborazione (detto anche azione indiretta) acondizione che vengano rispettate le condizioni minimestabilite nelle Regole di partecipazione al 7PQ, CapitoloII, Sezione 1, p. 12 ftp://ftp.cordis.europa.eu/pub/fp7/docs/fp7-ga-annex2-v2_en.pdf), ivi comprese anche eventuali condizionifissate dai programmi specifici o dai programmi di lavoroindividuali.FP7 - Cooperazione
  • 47. Criteri minimi (regola generale):3 soggetti giuridici indipendenti da 3 differenti statimembriStati membri UEStati candidati associati (Croazia, Serbia e Turchia) + altripaesi associati al 7FP (Islanda, Israele, Lichtenstein,Norvegia, Svizzera)Una volta garantita partecipazione minima, sono ammessi:ICPC (International Cooperation Partner Countries)paesi terzi (con condizioni)FP7 - Cooperazione
  • 48. Call for proposals (bandi di sovvenzione, per aderire a una propostadi progetto per ottenere il finanziamento) si distinguono in:Bandi periodici: inviti a presentare proposte su ambiti definiti e conscadenze predefinite. A questo tipo di bandi ricorrono i programmiprincipalmente gestiti da Direzioni generali che agiscono nel quadrodi settori determinati quali l’energia, l’ambiente o l’istruzione (adesempio 7°PQ);Bandi aperti: offerte di finanziamento per progetti inerenti un’areageografica o tematica di particolare rilevanza per la Commissioneeuropea. Sono privi di scadenze o caratterizzati da un’ampia durata eda frequente periodicità.FP7 - Cooperazione
  • 49. Settimo PQhttp://cordis.europa.eu/fp7/home_it.htmlHORIZON 2020http://ec.europa.eu/research/horizon2020/index_en.cfmGranieri M., Innovation law and policy in the EuropeanUnion. Towards Horizon 2020, Springer, 2012Importante: http://cordis.europe.eu/fp7/callsSportello APRE: consulenzaPer Approfondimenti