Modelli Collaborativi per il terzo millennio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Modelli Collaborativi per il terzo millennio

on

  • 1,589 views

In questa presentazione sottopongo all'attenzione di amici networkers la possibilità di promuovere sul web e nel territorio modelli collaborativi di interazione sociale applicabili a diversi ambiti ...

In questa presentazione sottopongo all'attenzione di amici networkers la possibilità di promuovere sul web e nel territorio modelli collaborativi di interazione sociale applicabili a diversi ambiti delle attività umane (dalla governance all'azienda al gruppo di amici....

Statistics

Views

Total Views
1,589
Views on SlideShare
1,504
Embed Views
85

Actions

Likes
3
Downloads
9
Comments
0

8 Embeds 85

http://mauriziosalamone.blogspot.com 42
http://silviatlantide.wordpress.com 27
http://mauriziosalamone.blogspot.it 8
http://www.slideshare.net 3
http://silviatoffolon.it 2
http://www.mauriziosalamone.blogspot.com 1
http://webcache.googleusercontent.com 1
http://www.linkedin.com 1
More...

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Modelli Collaborativi per il terzo millennio Presentation Transcript

  • 1. Modelli collaborativi per il terzo millennio Maurizio Salamone
  • 2. Modelli collaborativi per il terzo millennio Se neghiamo che una cosa sia possibile ne ostacoliamo la manifestazione
  • 3. E’ possibile pensare a nuovi modelli di sviluppo basati su: • riscoperta e valorizzazione delle conoscenze tradizionali • rapporto equilibrato con l’ambiente • collaboratività vs. competizione per il bene comune • libertà individuale e rispetto delle diversità
  • 4. Possiamo combattere con maggiore determinazione: • il nostro individualismo esasperato; • l’inerzia e la mancanza di slancio nella ricerca della Verità; • la nostra infinita presunzione (in fondo viviamo solo pochi decenni)
  • 5. Secondo il modello collaborativo il nemico non è l’altro (individuo, gruppo o azienda) ma: -l’ignoranza -la mancanza di volontà -la mancanza di fiducia in un mondo migliore Con un modello collaborativo se vinciamo, vinciamo TUTTI……
  • 6. Sincronicita’: La causa- effetto puo’ mancare ma talvolta c’e’ una relazione di SIGNIFICATO tra eventi apparentemente slegati
  • 7. (Hormesis) Ormesi: Piccole cose producono effetti inaspettati su larga scala Fonte della foto: Jeffrey Bland PhD
  • 8. Siamo liberi di scegliere se ascoltare la voce delicata del nostro essere profondo o accettare le meccaniche conseguenze dei nostri comportamenti. Provvidenza – Liberta’ - Destino
  • 9. In natura troviamo parassiti, predatori, detritivori, simbionti, commensali Quale ruolo vorreste avere in questo “gioco divino” ?
  • 10. C’e’ bisogno di una élite intellettuale che fornisca guida e ispirazione…
  • 11. Saldi su valori condivisi possiamo Crescere, Migliorare, Ispirare INSIEME
  • 12. Non e’ opportuno focalizzarsi sugli strumenti operativi ma sulle intenzioni profonde che animano il nostro agire
  • 13. Il web offre strumenti nuovi per fare le stesse cose ma anche opportunita’ di plasmare realta’ piu’ o meno virtuali a nostra immagine e somiglianza
  • 14. Il web partecipativo è interazione sociale realizzata, facilitata e amplificata da strumenti tecnologici e multimediali... E’ più che un semplice strumento E’ un nuovo paradigma che richiede innanzitutto uno sforzo di comprensione poi la volontà di metterlo alla prova…..
  • 15. In azienda come in altri sistemi umani strutturati si parla sempre più di: - modelli collaborativi - social enterprise -open enterprise - adaptive enterprise Immagine tratta da uno studio della School od Management del Politecnico di Milano
  • 16. Governance 2.0 Professionisti della politica Pro-Ams Progresso e valori post-industriali Immaginazione e creatività Controllo dell’informazione Promozione della fase “elaborativa” Consultazioni, referendum Coinvolgimento e partecipazione Gestione del rischio Assunzione di responsabilità e innovazione Lotta alle complicazioni Adattamento e studio della complessità Partiti e programmi al centro Persone e Networks al centro Obiettivo aumentare il consenso Obiettivo il valore percepito dei risultati di gestione e il supporto a valori condivisi
  • 17. Grazie per la vostra attenzione www.nordestcreativo.it www.metagenics.it http://mauriziosalamone.blogspot.com