Istant Report  Open Space Technology   QUALI PROPOSTE?22 dicembre 2010 – Facoltà di Economia, Bari
Il metodo OST (Open Space Technology)Secondo Harrison Owen, che ha sviluppato questa metodologia, passione e responsabilit...
PARTECIPANTI    Nome          Cognome    Marilena      Saracino    Vito Angelo   Cimmarusti    Pasquale      Rienzo    Cla...
RELAZIONI DEI GRUPPI
CREDITI           ORGANIZZAZIONE             www.aiesec.org               PARTNERS           Facoltà di Economia          ...
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Ost report aiesec 22-12-2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Ost report aiesec 22-12-2010

634

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
634
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ost report aiesec 22-12-2010

  1. 1. Istant Report Open Space Technology QUALI PROPOSTE?22 dicembre 2010 – Facoltà di Economia, Bari
  2. 2. Il metodo OST (Open Space Technology)Secondo Harrison Owen, che ha sviluppato questa metodologia, passione e responsabilità sonofondamentali per promuovere il cambiamento, e su questo concetto si basa l’Open SpaceTechnology. L’OST è stato estensivamente utilizzato da organizzazioni private e pubbliche, in tuttoil mondo, per gestire convegni e laboratori di progettazione partecipata con un numero dipartecipanti compreso tra 5 e 2000 persone.Questa tecnica è molto utile per aprire un confronto su questioni complessedove non esiste una soluzione univoca.L’OST è un modo nuovo di organizzare conferenze, è molto “libero” infattinon ci sono interventi programmati e predefiniti o una scaletta di lavorogià organizzata. Tutto gira attorno ad una domanda/tema su cuisi vuole discutere e chiunque è interessato a proporre un tema che“gli sta a cuore”, può farlo assumendosi in questo modo la responsabilità di seguire ladiscussione del gruppo e di restituirne i risultati rispondendo in questo alla domanda posta all’inizioalla plenaria.In estrema sintesi, il processo si svolge in questo modo: - apertura dei lavori da parte di un facilitatore; - i presenti propongono i temi da discutere coerentemente con la domanda/tema principale; - tutti i presenti scelgono i temi di cui vogliono discutere, aggregandosi a chi lo ha proposto; - si formano i gruppi di lavoro sui singoli temi; - alla conclusione i gruppi presentano a tutti ciò di cui hanno discusso; - Votazione delle proposte per definire le priorità (facoltativo)Per maggiori informazioni sull’Open Space Technology • Open Space Institute: www.openspaceworld.org • Open Space Training: www.openspaceworld.com
  3. 3. PARTECIPANTI Nome Cognome Marilena Saracino Vito Angelo Cimmarusti Pasquale Rienzo Claudio Erriquez Giancarlo Ostuni Rossella Martino Enrico Nicolò Francesca Massari Marco Lagioia Francesca Lonoce Giuseppina Maldarizzi Annallisa Anaclerio Mariagrazia Tanzi Letizia Zaccaro Annamaria Tarantino Claudio De Girolamo Antonella Petruzzellis Giusy Malda Rizzi Graziana Saccente
  4. 4. RELAZIONI DEI GRUPPI
  5. 5. CREDITI ORGANIZZAZIONE www.aiesec.org PARTNERS Facoltà di Economia www.conetica.it www.madeinpeople.org CONDUZIONE Andrea Gelao Germana Pignatelli Conetica di Andrea Gelao – andrea.gelao@conetica.it

×