Chiariamoci le idee
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Chiariamoci le idee

  • 839 views
Uploaded on

Lean thinking non solo per startup

Lean thinking non solo per startup

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
839
On Slideshare
824
From Embeds
15
Number of Embeds
5

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
8

Embeds 15

https://twitter.com 5
https://www.linkedin.com 4
http://www.linkedin.com 3
http://eventifier.co 2
http://tweetedtimes.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Chiariamoci le idee Lean thinking non solo per startup Andrea Bandera Head of Products Development
  • 2. Chi sono Andrea Bandera @dottorbabba 1999 - 2001 SW Developer in ambito musicale 2002 - 2009 Web Developer 2010 - 2011 IT Manager Dal 2012 Products Development Manager
  • 3. L’azienda • Presenza sul mercato consolidata: da 12 anni nei servizi per gli acquisti • Sviluppo ed erogazione di una piattaforma software per la gestione dei processi d’acquisto • Circa un centinaio di dipendenti • Appartiene ad un gruppo multinazionale: Gruppo Unicredit
  • 4. Le priorità attuali
  • 5. Razionalizzare i costi • Riduzione dei budget di spesa dei clienti • Riduzione delle capacità di investimento
  • 6. Soddisfazione dei clienti • I clienti aumentano le richieste di evoluzione dei prodotti per essere supportati nei loro cambiamenti (domanda in trasformazione) • La valutazione dei prodotti è sempre più legata alla soddisfazione degli utenti in termini di esperienza complessiva (utilizzo ed assistenza)
  • 7. Innovazione • Le richieste del mercato impongono di affrontare problematiche mai affrontate prima • E’ necessario comprendere quali hanno un valore strategico per i nostri prodotti • E’ necessario anticipare i bisogni del mercato
  • 8. I dubbi • Come scegliere su cosa investire? • Come affrontare l’incertezza di una direzione da identificare? • Come minimizzare gli sprechi? • Come aumentare la comprensione delle reali esigenze degli utenti?
  • 9. Come fare?
  • 10. Ho bisogno di un supereroe?
  • 11. Ho bisogno di un supereroe?
  • 12. O di un metodo? • In grado di gestire l’incertezza • In grado di minimizzare gli sprechi • In grado di generare valore rapidamente
  • 13. Let’s think lean
  • 14. I principi • L’idea è un’ipotesi da verificare con un metodo di sperimentazione • Un metodo iterativo ed incrementale: idee complesse hanno bisogno di solide basi per essere validate • Le iterazioni devono essere brevi ma tali da fornire un feedback significativo per la valutazione dell’ipotesi • Misurare/raccogliere feedback è importante quanto le ipotesi • Ad ogni iterazione la conoscenza aumenta • La verifica dell’idea coinvolge tutte le strutture aziendali
  • 15. Elaborazione delle idee Ideas Build Learn Product Data Measure
  • 16. Build • Scomposizione delle idee in obiettivi intermedi al posto della ricerca di macro-obiettivi • Selezione di obiettivi prioritari al posto di progetti onnicomprensivi • Definizione di progetti su scala temporale ridotta invece che progetti semestrali o annuali • Valutazione parallela anche di scenari alternativi! • Utilizzo di un approccio customer-centric (dare maggior valore alle relazioni esistenti)
  • 17. Measure • Identificazione di metriche significative rispetto agli obiettivi (non solo revenue!) • Misurare il valore generato • Esecuzione dell’esperimento e verifica anche delle metriche
  • 18. Learn • Condivisione dei dati, delle analisi, delle attività e delle decisioni con tutte le parti coinvolte • Revisione delle ipotesi iniziali o degli indicatori • Decidere a fronte di elementi valutabili ed all’ultimo momento responsabile non costruire teorie su assunzioni da verificare
  • 19. Le conseguenze
  • 20. Migliore utilizzo delle risorse (tempo, budget) • Si ricerca il punto di equilibrio fra maggior valore conseguibile nel minor tempo possibile • Identifica prima le situazioni di non successo • Riduce le riunioni senza “learning”
  • 21. Aumento della condivisione • Aumenta la frequenza con cui ipotesi e risultati vengono condivisi • Riduce le discussioni su cosa sia meglio fare basate su pura opinione • In caso di divergenza si possono valutare anche le alternative • Aumenta la consapevolezza di quanto sta accadendo • Riduce la distanza fra chi opera e chi decide
  • 22. Consapevolezza dell’incertezza • Facilita la percezione dell’insuccesso come momento di apprendimento • Dà all’apprendimento un ruolo centrale nella professionalità delle persone/esecuzione delle attività (dopo anni di concezione statica) • Cambia la prospettiva temporale con cui vengono prese le decisioni • Cambia il rapporto con la responsabilità
  • 23. La direzione si trova strada facendo
  • 24. Come adottarlo?
  • 25. • Coaching, non consulenza • Investire sulle persone (selezione, formazione, motivazione) • Coinvolgere l’intera azienda: l’innovazione è un processo quotidiano che non può coinvolgere solo alcune persone o alcune strutture
  • 26. Grazie a tutti!