SlideShare a Scribd company logo
La PdR 150: formazione qualificata
Fabio Giuseppe Ferrara
Coordinatore Tavolo di lavoro UNI/PdR 150/2024
CEO DPO Advisory S.r.l.
fabio.ferrara@dpoadvisory.eu
certificazioni@assocontact.it
Tel +39 3356681007
LA FORMAZIONE QUALIFICATA
La formazione qualificata, rispetto al contesto di riferimento, specificamente peer ciò che inerisce alle norme
ISO e al Quadro Europeo delle Qualificazioni (EQF - European Qualifications Framework), rappresenta un
approccio standardizzato alla valutazione e certificazione delle competenze e delle qualificazioni
professionali. Questo sistema ha lo scopo di facilitare il riconoscimento dei titoli di studio e delle competenze
professionali su scala europea e internazionale, promuovendo così la mobilità lavorativa e l'apprendimento
lungo tutto l'arco della vita professionale dei cittadini.
EQF
Il Quadro Europeo delle Qualificazioni (EQF), è quindi un sistema di riferimento che collega i sistemi di
qualificazione dei paesi europei, rendendo più facile il confronto e la comprensione dei livelli di
qualificazione tra diversi sistemi educativi e formativi. L'EQF classifica le qualificazioni in base a otto livelli,
dal più basso (livello 1, che indica l'apprendimento di base) al più alto (livello 8, che corrisponde a un
dottorato di ricerca). La formazione qualificata secondo l'EQF implica quindi che i percorsi educativi e
formativi siano mappati a questi livelli, facilitando il riconoscimento e la trasferibilità delle qualifiche in tutta
Europa.
QNQ
Il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ) è uno strumento ormai adottato da molti paesi per classificare i
titoli di studio e le qualificazioni professionali secondo livelli ben definiti di conoscenza, competenze e abilità.
Questi quadri sono progettati e collegati con gli EQF, per migliorare la trasparenza, la comparabilità e il
riconoscimento delle qualificazioni sia a livello nazionale che internazionale.
Obiettivi e Funzioni dei QNQ sono:
Trasparenza: i QNQ rendono più chiare e comprensibili le qualificazioni, illustrando i percorsi di
apprendimento e le opportunità di carriera disponibili.
Comparabilità: favoriscono il confronto tra qualificazioni, aiutando enti datoriali, aziende e datori di lavoro
anche piccoli e istituzioni educative a comprendere il valore relativo dei diversi titoli di studio.
Riconoscimento: Semplificano il riconoscimento delle qualificazioni a livello nazionale e internazionale,
supportando così la mobilità degli studenti e dei lavoratori.
Qualità: Promuovono l'assicurazione della qualità nell'istruzione e nella formazione, garantendo che le
qualificazioni riflettano adeguatamente le competenze acquisite.
Nello sviluppo della UNI/PdR 150/2024 sono stati osservati i principi e le indicazioni di cui allo EQF. Dal punto di
vista metodologico, si è stabilito in particolare che:
- i termini e le definizioni di base adottate sono, in massima parte, ripresi dallo EQF e dal QNQ (Quadro Nazionale
della Qualificazioni) e dalla terminologia pertinente in vigore in ambito comunitario;
- ai fini della declinazione dei requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità della specifica figura
professionale, è stato necessario partire da una preliminare identificazione dei compiti e delle attività specifiche
della figura professionale (attività che deve essere fatta SEMPRE in questi ambiti);
- i requisiti della specifica figura professionale sono stati definiti in termini di conoscenza, abilità e autonomia e
responsabilità e sono state inoltre identificate, per quanto applicabile, le capacità personali attese;
- le competenze e le abilità descritte sono state individuate anche alla luce degli elementi di novità introdotti dal
recente Codice di condotta per le attività di telemarketing e teleselling approvato in data 24/03/2023 dall’Autorità
Garante per la Protezione dei Dati Personali. al fine di normare e stabilire alti standard di qualità nel trattamento
dei dati dal contatto al contratto.
All’interno dell’ Appendice A (normativa) sono stati definiti gli elementi utili circa le modalità di valutazione
delle conformità applicabili. Tali elementi sono stati sviluppati tenendo in debita considerazione quanto già
consolidato nell’articolato ambito della normazione tecnica volontaria, anche con riferimento al corpus
normativo riguardante la valutazione della conformità ossia, serie
UNI CEI EN ISO/IEC 17000);
L’appendice specifica delle linee guida per la valutazione della conformità relativa ai risultati
dell’apprendimento, con specifico riferimento al processo di certificazione di terza parte (anche detto
“esame di certificazione”), in conformità alla UNI CEI EN ISO/IEC 17024: 2012, di cui si mira ad assicurare
una sempre maggiore uniformità e trasparenza.
I crediti formativi vengono riconosciuti da un Organismo di Certificazione accreditato, necessari per i
professionisti del settore di Customer & Data Management, questo caso, per l’accesso all’esame di
Certificazione e per il suo mantenimento e rinnovo devono essere acquisiti nelle seguenti aree di
competenza:
- competenza imprenditoriale;
- competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali;
- competenza linguistica;
- competenza personale, sociale e di imparare ad imparare;
- DigComp.
I contenuti e gli obiettivi formativi specifici dei percorsi formativi di cui si presentano le evidenze al fine del
riconoscimento dei crediti devono essere in linea con il competence framework presentato nella presente
PdR, rispettandone gli ambiti, gli item e i livelli di padronanza esplicitati, nel rispetto di ciascun schema
professionale e della proporzionalità dei crediti formativi.
METODI DI VALUTAZIONE APPLICABILI… E APPLICATI 1/2
Per la valutazione della conformità relativa ai risultati dell’apprendimento non formale e informale, oggetto del presente
schema, è necessario tener presente che devono essere valutate, in modo oggettivo e direttamente le conoscenze,
abilità, autonomia e responsabilità, così come descritte al precedente punto 5 del presente schema. È quindi
considerata una combinazione di più metodi di valutazione:
- analisi e valutazione del CV: verranno accettate domande di certificazione da parte di chiunque presenti i requisiti
conformi alla descrizione della tabella dei requisiti, attestati da opportuna documentazione comprovante;
- esame scritto per la valutazione delle conoscenze: deve consistere in una prova con 30 domande a risposta
multipla, così suddivise in 30 domande di verifica di conoscenze e skills tecniche.
Per ogni domanda vengono proposte almeno 4 risposte delle quali 1 sola è corretta. La valutazione è fatta a fronte
del modello delle risposte esatte. Il candidato deve evidenziare la risposta per lui corretta, ciascuna risposta corretta
vale 1 punto, quelle sbagliate o non date valgono 0 punti, non si assegnano punteggi negativi.
METODI DI VALUTAZIONE APPLICABILI… E APPLICATI 2/2
L’esame scritto ha durata massima di 30 minuti;
- esame orale: necessario per approfondire eventuali incertezze riscontrate nella prova scritta e/o per approfondire il
livello delle conoscenze acquisite dal candidato, è richiesto esclusivamente per i profili professionali di Data Analyst
e Responsabile di Commessa di Customer & Data Management.
L’esame orale deve durare almeno 15 minuti e non oltre 30 minuti.
Il superamento dell’esame si ottiene al raggiungimento del punteggio minimo del 70% del risultato massimo ottenibile
per ciascuna prova di esame.
GRAZIE!!
certificazioni@assocontact.it

More Related Content

Similar to FERRARA presentazione webinar 11 aprile.pdf

S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF) S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
Istituto nazionale di statistica
 
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
TogetherToSolve
 
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdfI-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
UNI - Ente Italiano di Normazione
 
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
UNI - Ente Italiano di Normazione
 
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigmaIl sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
Anna Maria Tammaro
 
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
OpenQAsS
 
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
Redazione InnovaPuglia
 
Storia della Pedagogia 09
Storia della Pedagogia 09Storia della Pedagogia 09
Storia della Pedagogia 09
Eleonora Guglielman
 
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
ARTI-Apulian Regional Agency for Technology and Innovation
 
Profili professionali della funzione risorse umane
Profili professionali della funzione risorse umaneProfili professionali della funzione risorse umane
Profili professionali della funzione risorse umane
UNI - Ente Italiano di Normazione
 
Entrepreneurial skills pass 20 21
Entrepreneurial skills pass 20 21Entrepreneurial skills pass 20 21
Entrepreneurial skills pass 20 21
JA Italia
 
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
Ciro Strazzeri
 
Misurazione Analisi E Miglioramento
Misurazione Analisi E MiglioramentoMisurazione Analisi E Miglioramento
Misurazione Analisi E Miglioramento
Alfonso Micuccio
 
Smau Milano 2016 - AICA
Smau Milano 2016  - AICASmau Milano 2016  - AICA
Smau Milano 2016 - AICA
SMAU
 
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
ARTI-Apulian Regional Agency for Technology and Innovation
 
Apprendistato
ApprendistatoApprendistato
Apprendistato
Silvio Grosso
 
Risultati Progetto IMO
Risultati Progetto IMORisultati Progetto IMO
Risultati Progetto IMO
ConfindustriaFirenze
 
Il miglioramento continuo della qualità
Il miglioramento continuo della qualitàIl miglioramento continuo della qualità
Il miglioramento continuo della qualità
mario d'andreta
 
TÜV Examination Institute
TÜV Examination InstituteTÜV Examination Institute
TÜV Examination Institute
Stefano Bolletta
 
Presentazione del progetto CAST
Presentazione del progetto CASTPresentazione del progetto CAST
Presentazione del progetto CAST
Adriano De Vita
 

Similar to FERRARA presentazione webinar 11 aprile.pdf (20)

S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF) S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
S. D'Agostino - IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICAZIONI (EQF)
 
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
La valutazione della competenza del personale nei laboratori: le competenze c...
 
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdfI-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
I-23-004 FQ001-00 Intervento Ziantoni Stanislao UNI11889ProfessioniQualita.pdf
 
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
Prime esperienze di certificazione UNI 11554 ai sensi della PdR 11
 
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigmaIl sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
Il sistema delle competenze ed il portfolio: un cambio di paradigma
 
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
OpenqAsS Newsletter nr. 5 (Italiano)
 
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
Zaccaro progetto e skill ip x fiera 12-9-18
 
Storia della Pedagogia 09
Storia della Pedagogia 09Storia della Pedagogia 09
Storia della Pedagogia 09
 
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
 
Profili professionali della funzione risorse umane
Profili professionali della funzione risorse umaneProfili professionali della funzione risorse umane
Profili professionali della funzione risorse umane
 
Entrepreneurial skills pass 20 21
Entrepreneurial skills pass 20 21Entrepreneurial skills pass 20 21
Entrepreneurial skills pass 20 21
 
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
2011 07 25 Catalogo Corsi Qualificanti Portale 231 Rev 00ter
 
Misurazione Analisi E Miglioramento
Misurazione Analisi E MiglioramentoMisurazione Analisi E Miglioramento
Misurazione Analisi E Miglioramento
 
Smau Milano 2016 - AICA
Smau Milano 2016  - AICASmau Milano 2016  - AICA
Smau Milano 2016 - AICA
 
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
Workshop 'Il riconoscimento delle qualificazioni regionali sul territorio naz...
 
Apprendistato
ApprendistatoApprendistato
Apprendistato
 
Risultati Progetto IMO
Risultati Progetto IMORisultati Progetto IMO
Risultati Progetto IMO
 
Il miglioramento continuo della qualità
Il miglioramento continuo della qualitàIl miglioramento continuo della qualità
Il miglioramento continuo della qualità
 
TÜV Examination Institute
TÜV Examination InstituteTÜV Examination Institute
TÜV Examination Institute
 
Presentazione del progetto CAST
Presentazione del progetto CASTPresentazione del progetto CAST
Presentazione del progetto CAST
 

More from postaSimo

SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptxSlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
postaSimo
 
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdfRughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
postaSimo
 
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptxDRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
postaSimo
 
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdfDel Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
postaSimo
 
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptx
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptxPresentazione Maatana 2023 rev3.pptx
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptx
postaSimo
 
Presentazione ATerracina+GBacile.pptx
Presentazione ATerracina+GBacile.pptxPresentazione ATerracina+GBacile.pptx
Presentazione ATerracina+GBacile.pptx
postaSimo
 
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdf
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdfSlide_Perissinotti_13nov2023.pdf
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdf
postaSimo
 
Pagano presentazine.pdf
Pagano presentazine.pdfPagano presentazine.pdf
Pagano presentazine.pdf
postaSimo
 
Laura Pompei_25ott.pdf
Laura Pompei_25ott.pdfLaura Pompei_25ott.pdf
Laura Pompei_25ott.pdf
postaSimo
 
Blaso Laura_slide_25ott.pdf
Blaso Laura_slide_25ott.pdfBlaso Laura_slide_25ott.pdf
Blaso Laura_slide_25ott.pdf
postaSimo
 
Bisegna_25ott_00.pdf
Bisegna_25ott_00.pdfBisegna_25ott_00.pdf
Bisegna_25ott_00.pdf
postaSimo
 
Bellomo presentazione.pdf
Bellomo presentazione.pdfBellomo presentazione.pdf
Bellomo presentazione.pdf
postaSimo
 
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenicaRequisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
postaSimo
 
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
postaSimo
 
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
postaSimo
 
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
postaSimo
 
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTECAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
postaSimo
 
CAPITOLATI ARREDI
CAPITOLATI ARREDICAPITOLATI ARREDI
CAPITOLATI ARREDI
postaSimo
 
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATOCAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
postaSimo
 
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arrediLa normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
postaSimo
 

More from postaSimo (20)

SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptxSlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
SlideErgonomo_RICCIO_20240531_rev00.pptx
 
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdfRughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
Rughi_ Webinar Norma Ergonomo_16 maggio 2024 - Rughi.pdf
 
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptxDRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
DRAICCHIO slide_Ergonomo_16maggio2024 slides 2.pptx
 
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdfDel Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
Del Giudice_slide_PdR150C-Center_11aprile2024_Accredia.pdf
 
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptx
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptxPresentazione Maatana 2023 rev3.pptx
Presentazione Maatana 2023 rev3.pptx
 
Presentazione ATerracina+GBacile.pptx
Presentazione ATerracina+GBacile.pptxPresentazione ATerracina+GBacile.pptx
Presentazione ATerracina+GBacile.pptx
 
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdf
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdfSlide_Perissinotti_13nov2023.pdf
Slide_Perissinotti_13nov2023.pdf
 
Pagano presentazine.pdf
Pagano presentazine.pdfPagano presentazine.pdf
Pagano presentazine.pdf
 
Laura Pompei_25ott.pdf
Laura Pompei_25ott.pdfLaura Pompei_25ott.pdf
Laura Pompei_25ott.pdf
 
Blaso Laura_slide_25ott.pdf
Blaso Laura_slide_25ott.pdfBlaso Laura_slide_25ott.pdf
Blaso Laura_slide_25ott.pdf
 
Bisegna_25ott_00.pdf
Bisegna_25ott_00.pdfBisegna_25ott_00.pdf
Bisegna_25ott_00.pdf
 
Bellomo presentazione.pdf
Bellomo presentazione.pdfBellomo presentazione.pdf
Bellomo presentazione.pdf
 
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenicaRequisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
Requisiti di realizzazione e di sicurezza di una sala criogenica
 
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
SICUREZZA PER LE SALE CRIOGENICHE: ECCO LA UNI 11827
 
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
 
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
Sinergie tra norma UNI e Linee guida CNT (Centro Nazionale Trapianti)
 
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTECAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
CAPITOLATI TECNICI TIPO PER LA FORNITURA DI SEDUTE
 
CAPITOLATI ARREDI
CAPITOLATI ARREDICAPITOLATI ARREDI
CAPITOLATI ARREDI
 
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATOCAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
CAPITOLATI ARREDI ACQUISTI A NORMA PER PUBBLICO E PRIVATO
 
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arrediLa normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
La normativa tecnica come strumento di garanzia per l’acquisto di arredi
 

FERRARA presentazione webinar 11 aprile.pdf

  • 1. La PdR 150: formazione qualificata Fabio Giuseppe Ferrara Coordinatore Tavolo di lavoro UNI/PdR 150/2024 CEO DPO Advisory S.r.l. fabio.ferrara@dpoadvisory.eu certificazioni@assocontact.it Tel +39 3356681007
  • 2. LA FORMAZIONE QUALIFICATA La formazione qualificata, rispetto al contesto di riferimento, specificamente peer ciò che inerisce alle norme ISO e al Quadro Europeo delle Qualificazioni (EQF - European Qualifications Framework), rappresenta un approccio standardizzato alla valutazione e certificazione delle competenze e delle qualificazioni professionali. Questo sistema ha lo scopo di facilitare il riconoscimento dei titoli di studio e delle competenze professionali su scala europea e internazionale, promuovendo così la mobilità lavorativa e l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita professionale dei cittadini.
  • 3. EQF Il Quadro Europeo delle Qualificazioni (EQF), è quindi un sistema di riferimento che collega i sistemi di qualificazione dei paesi europei, rendendo più facile il confronto e la comprensione dei livelli di qualificazione tra diversi sistemi educativi e formativi. L'EQF classifica le qualificazioni in base a otto livelli, dal più basso (livello 1, che indica l'apprendimento di base) al più alto (livello 8, che corrisponde a un dottorato di ricerca). La formazione qualificata secondo l'EQF implica quindi che i percorsi educativi e formativi siano mappati a questi livelli, facilitando il riconoscimento e la trasferibilità delle qualifiche in tutta Europa.
  • 4. QNQ Il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ) è uno strumento ormai adottato da molti paesi per classificare i titoli di studio e le qualificazioni professionali secondo livelli ben definiti di conoscenza, competenze e abilità. Questi quadri sono progettati e collegati con gli EQF, per migliorare la trasparenza, la comparabilità e il riconoscimento delle qualificazioni sia a livello nazionale che internazionale. Obiettivi e Funzioni dei QNQ sono: Trasparenza: i QNQ rendono più chiare e comprensibili le qualificazioni, illustrando i percorsi di apprendimento e le opportunità di carriera disponibili. Comparabilità: favoriscono il confronto tra qualificazioni, aiutando enti datoriali, aziende e datori di lavoro anche piccoli e istituzioni educative a comprendere il valore relativo dei diversi titoli di studio. Riconoscimento: Semplificano il riconoscimento delle qualificazioni a livello nazionale e internazionale, supportando così la mobilità degli studenti e dei lavoratori. Qualità: Promuovono l'assicurazione della qualità nell'istruzione e nella formazione, garantendo che le qualificazioni riflettano adeguatamente le competenze acquisite.
  • 5. Nello sviluppo della UNI/PdR 150/2024 sono stati osservati i principi e le indicazioni di cui allo EQF. Dal punto di vista metodologico, si è stabilito in particolare che: - i termini e le definizioni di base adottate sono, in massima parte, ripresi dallo EQF e dal QNQ (Quadro Nazionale della Qualificazioni) e dalla terminologia pertinente in vigore in ambito comunitario; - ai fini della declinazione dei requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità della specifica figura professionale, è stato necessario partire da una preliminare identificazione dei compiti e delle attività specifiche della figura professionale (attività che deve essere fatta SEMPRE in questi ambiti); - i requisiti della specifica figura professionale sono stati definiti in termini di conoscenza, abilità e autonomia e responsabilità e sono state inoltre identificate, per quanto applicabile, le capacità personali attese; - le competenze e le abilità descritte sono state individuate anche alla luce degli elementi di novità introdotti dal recente Codice di condotta per le attività di telemarketing e teleselling approvato in data 24/03/2023 dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali. al fine di normare e stabilire alti standard di qualità nel trattamento dei dati dal contatto al contratto.
  • 6. All’interno dell’ Appendice A (normativa) sono stati definiti gli elementi utili circa le modalità di valutazione delle conformità applicabili. Tali elementi sono stati sviluppati tenendo in debita considerazione quanto già consolidato nell’articolato ambito della normazione tecnica volontaria, anche con riferimento al corpus normativo riguardante la valutazione della conformità ossia, serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000); L’appendice specifica delle linee guida per la valutazione della conformità relativa ai risultati dell’apprendimento, con specifico riferimento al processo di certificazione di terza parte (anche detto “esame di certificazione”), in conformità alla UNI CEI EN ISO/IEC 17024: 2012, di cui si mira ad assicurare una sempre maggiore uniformità e trasparenza.
  • 7. I crediti formativi vengono riconosciuti da un Organismo di Certificazione accreditato, necessari per i professionisti del settore di Customer & Data Management, questo caso, per l’accesso all’esame di Certificazione e per il suo mantenimento e rinnovo devono essere acquisiti nelle seguenti aree di competenza: - competenza imprenditoriale; - competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali; - competenza linguistica; - competenza personale, sociale e di imparare ad imparare; - DigComp. I contenuti e gli obiettivi formativi specifici dei percorsi formativi di cui si presentano le evidenze al fine del riconoscimento dei crediti devono essere in linea con il competence framework presentato nella presente PdR, rispettandone gli ambiti, gli item e i livelli di padronanza esplicitati, nel rispetto di ciascun schema professionale e della proporzionalità dei crediti formativi.
  • 8. METODI DI VALUTAZIONE APPLICABILI… E APPLICATI 1/2 Per la valutazione della conformità relativa ai risultati dell’apprendimento non formale e informale, oggetto del presente schema, è necessario tener presente che devono essere valutate, in modo oggettivo e direttamente le conoscenze, abilità, autonomia e responsabilità, così come descritte al precedente punto 5 del presente schema. È quindi considerata una combinazione di più metodi di valutazione: - analisi e valutazione del CV: verranno accettate domande di certificazione da parte di chiunque presenti i requisiti conformi alla descrizione della tabella dei requisiti, attestati da opportuna documentazione comprovante; - esame scritto per la valutazione delle conoscenze: deve consistere in una prova con 30 domande a risposta multipla, così suddivise in 30 domande di verifica di conoscenze e skills tecniche. Per ogni domanda vengono proposte almeno 4 risposte delle quali 1 sola è corretta. La valutazione è fatta a fronte del modello delle risposte esatte. Il candidato deve evidenziare la risposta per lui corretta, ciascuna risposta corretta vale 1 punto, quelle sbagliate o non date valgono 0 punti, non si assegnano punteggi negativi.
  • 9. METODI DI VALUTAZIONE APPLICABILI… E APPLICATI 2/2 L’esame scritto ha durata massima di 30 minuti; - esame orale: necessario per approfondire eventuali incertezze riscontrate nella prova scritta e/o per approfondire il livello delle conoscenze acquisite dal candidato, è richiesto esclusivamente per i profili professionali di Data Analyst e Responsabile di Commessa di Customer & Data Management. L’esame orale deve durare almeno 15 minuti e non oltre 30 minuti. Il superamento dell’esame si ottiene al raggiungimento del punteggio minimo del 70% del risultato massimo ottenibile per ciascuna prova di esame.