Le novità della normativa italiana in tema di trasparenza

2,870 views

Published on

Il principio giuridico della trasparenza è stato oggetto di una seria evoluzione nel corso degli ultimi 20 anni, che ha seguito di pari passo l’evoluzione della Pubblica Amministrazione italiana e delle norme che la regolano. La trasparenza può essere il fine al quale giungere attraverso strumenti quali la pubblicità o il diritto di accesso, oppure può essere essa stessa uno strumento per evitare fenomeni quali la corruzione o l’elusione del principio di concorrenza. Il D.Lgs. 150/2009, le delibere della CIVIT, il Nuovo CAD affrontano il principio della trasparenza sotto varie dimensioni. Ma il principio è presente anche nella normativa sulla Comunicazione, sulla Semplificazione, sul Procurement.
Obiettivo del webinar è dunque illustrare le varie declinazioni del principio giuridico della trasparenza, in particolar modo quello relativo alla recente normativa, con la presentazione di alcune indicazioni su come un’amministrazione può essere effettivamente “trasparente”.

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,870
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
86
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le novità della normativa italiana in tema di trasparenza

  1. 1. Le novità della normativa italiana in tema di TRASPARENZA
  2. 2. Di cosa parleremo <ul><li>Il principio di trasparenza e la riforma </li></ul><ul><li>della PA </li></ul><ul><li>La normativa vigente </li></ul><ul><li>Le dimensioni della trasparenza </li></ul>
  3. 3. «Dove un superiore pubblico interesse non imponga un momentaneo segreto, la casa dell’amministrazione dovrebbe essere di vetro». Filippo Turati (1908)
  4. 4. «Tutte le operazioni dei governanti devono essere note al popolo sovrano, eccetto qualche misura di sicurezza, che egli deve far conoscere quando il pericolo è cessato». Michele Natale Vescovo di Vico Equense (Repubblica Napoletana, 1799)
  5. 5. … e la Pubblica Amministrazione?
  6. 6. Public Governance New Public Management Weber Negli ultimi 20 anni il principio di trasparenza è evoluto di pari passo alla PA
  7. 7. 1990
  8. 8. 2000
  9. 9. 1970 1980 2010 2000 1990 Managerialità Giannini Controllo Cassese Semplificazione Decentramento Bassanini Merito Premialità Trasparenza Brunetta
  10. 10. Il principio di trasparenza regola l’azione della Commissione e di ciascuna istituzione, organo od organismo europeo - Trattato di Lisbona
  11. 11. TRASPARENZA Pubblicità Diritto d’accesso Corruzione Elusione del principio di concorrenza
  12. 12. TRASPARENZA Diritto Risultato Strumento =
  13. 13. La normativa vigente
  14. 14. Trasparenza amministrativa Art. 97 C. E’ principio fondamentale dell’esercizio della funzione amministrativa, manifestazione del principio del buon andamento Art. 1 l. 241/1990 (modificato dall’art. 1 l. 15/2005) E’ uno dei principi generali attinenti alle modalità di svolgimento del rapporto tra pubblica amministrazione e privati-cittadini, insieme ad altri principi quali l’economicità, l’efficacia, la pubblicità ecc. Il soggetto privato che abbia un interesse diretto , concreto e attuale, ha diritto ad interloquire con la pubblica amministrazione, a tutela del proprio interesse , prima che sia adottata la decisione finale ( Corte cost., sent. 104/2006; art. 1, co. 1, 3, 22, l. 241/1991 ).
  15. 15. <ul><li>I casi di corruzione della PA annualmente vengono portati alla luce dalle relazioni della Corte dei Conti. Il legislatore quindi non trova di meglio che innalzare il livello di trasparenza, permettendo al cittadino di ficcare il naso nell’azione amministrativa. </li></ul>
  16. 16. L. Hinna, G. Valotti, Una lettura manageriale della riforma della PA, Maggioli ed., 2009, p. 127
  17. 18. <ul><li>Trasparenza della performance organizzativa </li></ul>
  18. 19. Fare bene e farlo sapere Trasparenza Pubblica Amministrazione Controllo sociale Cittadini Performance
  19. 20. Art. 11 comma 1. La trasparenza e' intesa come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento della pubblicazione sui siti istituzionali delle amministrazioni pubbliche, delle informazioni concernenti ogni aspetto dell'organizzazione, degli indicatori relativi agli andamenti gestionali e all'utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali, dei risultati dell'attività di misurazione e valutazione svolta dagli organi competenti, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo del rispetto dei principi di buon andamento e imparzialità . Essa costituisce livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni pubbliche ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione. strumenti oggetto motivazione
  20. 21. E EFFICIENZA EFFICACIA ECONOMICITA ’ EQUITA ’ ETICA
  21. 23. <ul><li>ACCESSIBILITA’ TOTALE delle informazioni concernenti ogni aspetto dell’organizzazione, degli indicatori relativi agli andamenti gestionali e all’utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali, dei risultati dell’attività di misurazione e valutazione (art. 11 comma 1 D.Lgs. 150/09) </li></ul>
  22. 25. Piano triennale della trasparenza e dell’integrità Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti
  23. 26. Oggetto Strumenti Processo
  24. 27. Dati da pubblicare Quali? Come?
  25. 28. Iniziative
  26. 29. Attuazione del programma triennale della trasparenza <ul><li>Modi </li></ul><ul><li>Tempi </li></ul><ul><li>Organizzazione </li></ul><ul><li>Risorse </li></ul><ul><li>Valutazione dell’efficacia </li></ul>PROGRAMMA
  27. 30. Piano delle performance Piano delle performance Obiettivi Indicatori Target Trasparenza Risultati della performance
  28. 31. Coinvolgimento stakeholders Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti
  29. 32. PEC
  30. 33. Giornate della trasparenza Giornata della Trasparenza
  31. 34. Esempio di struttura del sito trasparenza, valutazione e merito, Del. CIVIT 105/10
  32. 35. art. 4 della Direttiva 8/09 del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione
  33. 36. Nuovo CAD – D.Lgs. 82/05 aggiornato con D.Lgs. 235/10
  34. 37. Posizione soggettiva del cittadino Risultati perseguiti dalle PA Miglioramento continuo nell’uso delle risorse e nell’erogazione dei servizi I tre volti della Trasparenza
  35. 38. Accesso agli atti URP Siti web Numeri verdi Carta dei servizi Bilancio sociale Piano delle performance Coinvolgimento degli stakeholder TRASPARENZA
  36. 39. Le dimensioni della trasparenza
  37. 40. +Trasparenza significa +Integrità ( -Corruttibilità ) del sistema che può essere ottenuta con +Controlli e la separazione dei ruoli sensibili +Responsabilità +Visibilità dei processi per i beneficiari, +Tracciabilità delle attività e +Accesso Pubblico alle informazioni questo potrebbe comportare tempi più lunghi e -Efficienza e, con l’aumento dei passaggi e dei ruoli coinvolti una -Semplificazione dei processi +Semplificazione significa ottimizzazione con -Passaggi organizzativi , -Tempi per l’intervento di altri Attori e l’accesso ai Dati +Innovazione tecnologica è la leva per rendere compatibile +Trasparenza con +Semplificazione
  38. 41. Una PA è trasparente se la sua organizzazione interna è trasparente
  39. 43. Una PA trasparente attraverso la Comunicazione
  40. 44. Una PA trasparente attraverso la Partecipazione
  41. 45. Una PA è trasparente attraverso la Tracciabilità
  42. 46. Una PA trasparente attraverso le procedure di Procurement
  43. 47. Una PA trasparente attraverso il Controllo
  44. 48. Una PA trasparente e Etica
  45. 49. Una PA trasparente e Semplice
  46. 50. Una PA trasparente attraverso l’ Innovazione
  47. 51. Misurare la trasparenza
  48. 52. Mariarosaria Russo mrusso( chicciolina )formez( punto )it http://www.innovatoripa.it/users/mrusso

×