Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Quintaliani raccomandazioni raccolta_urine sin

184 views

Published on

raccomandazioni raccolta_urine sin
how collect urine 24 h

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Quintaliani raccomandazioni raccolta_urine sin

  1. 1. Il contenitore non deve essere sterile, lo si può’ comperare in un ferramenta ma deve essere graduato ai 50-100 cc come scala e contenere almeno 2500 cc. Prima della raccolta pulirlo e lavarlo ma risciacquarlo più volte solo solo con acqua. Ecco come eseguire la raccolta: 1. La mattina del giorno in cui inizia la raccolta, appena alzato, getti via tutte le prime urine; 2. Da questo momento in poi, per tutto l'arco della giornata, fino alla mattina successiva, raccolga le urine in un contenitore ogni volta che deve recarsi in bagno. Nel caso in cui dovesse andare di intestino deve sempre prima evacuare la vescica (urinare). 3.Terminata la raccolta, il contenitore deve essere portato prima possibile al laboratorio per gli esami richiesti dal medico. In alternativa, può usare un contenitore graduato (con intervalli di almeno 100 ml - o cc) e quindi appuntare la quantita' di urina totale. In questo caso, dopo aver agitato il contenitore, ne prelevi un campione e lo porti al laboratorio. I compiti del rene nel corpo umano sono tantissimi, perché è coinvolto nella maggior parte dei processi metabolici. Al contrario di altri organi, non può essere visitato, ascoltato, palpato e l’immagine che se ne ottiene attraverso un’ecografia, pur se esaustiva in molte condizioni, dice poco sulla sua effettiva funzione. Per questo motivo, di solito, il nefrologo non visita molto il paziente ma si concentra sugli esami. E’ soprattutto sulla base degli esami di laboratorio che il nefrologo riesce a valutare in maniera appropriata la funzione renale. Infatti, anche se il rene è di difficile valutazione clinica, è in grado di fornirci un liquido prezioso: l’urina. A cura del Gruppo SIN sulla nutrizione nella malattia renale cronica (edited by Quintaliani)
  2. 2. L’urina è il sistema con cui il rene elimina le sostanze di rifiuto che si accumulano. E’una specie di nettezza urbana dell’organismo, perciò è preziosa per capire cosa non funziona. Il rene è un grande filtro che agisce per mantenere in equilibrio le sostanze nel sangue. Il meccanismo con cui lo fa è l’aumentarle o diminuirle nelle urine, se necessario. Grazie ad una sola raccolta delle urine di un'intera giornata è possibile valutare una serie di parametri: 1.  la funzione renale con la Clearance della creatinina. 2.  L’introduzione e il metabolismo di varie sostanze come: Na-K, Fosforo, Calcio, Urea urinaria, acido urico, ossalati, citrati, proteine. Sarebbe possibile dosare ben a l t r e s o s t a n z e . T u t t a v i a , m o l t e richiederebbero laboratori sofisticati per la determinazione di tutte quelle utili. Il panel descritto è quello che può essere effettuato nella maggioranza dei laboratori italiani. 3.  Rischio di saturazione di alcune sostanze nelle urine. In altri termini, un aumento della loro concentrazione che può portare alla formazione di calcoli. Quindi, la raccolta delle urine delle ventiquattr’ore è uno strumento indispensabile al nefrologo per capire una serie di problemi. A volte l'esame della raccolta delle urine viene reso non valido da errori, imprecisioni o approssimazioni- Un errore nella raccolta non solo può portare ad avere risultati non esatti, ma anche a consigli o terapie del tutto sbagliate, addirittura dannose. Per questo il gruppo di nutrizione dell’ insufficienza renale della Società Italiana di Nefrologia ha rilascato un opuscolo per spiegare in dettaglio come effettuare la raccolta delle urine delle 24 ore. Questo opuscolo, che si avvale anche di una parte grafica in cartoon, è stato sviluppato inizialmente dal professor Cianciaruso, purtroppo non più tra di noi. È alla sua memoria e alla sua grande sensibilità che dedichiamo questa prima uscita di utilità per il paziente nefropatico. A cura del Gruppo SIN sulla nutrizione nella malattia renale cronica (edited by Quintaliani)

×