Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Gli ordini di protezione tra diritto civile e penale

166 views

Published on

Slide del mio intervento nell'evento organizzato dall'ass.ne Teatra A.p.s., con il Patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna - Quartiere di San Lazzaro, dal Titolo: "Violenza Psicologica: cosa è e come riconoscerla"

Published in: Law
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Gli ordini di protezione tra diritto civile e penale

  1. 1. Ordini di protezione tra diritto civile e penale Ass.neTeatra Bologna 20 mar. 2017
  2. 2. Legge 04.04.2001 n. 154: “misure contro la violenza nelle relazioni familiari”. • Artt. 342 bis e 342 ter c.c.; • Art. 736 bis c.p.c.; • Artt. 282 bis e II comma del 291 c.p.p.
  3. 3. Art. 342 bis Ordini di protezione contro gli abusi familiari Quando la condotta del coniuge o di altro convivente è causa di grave pregiudizio all'integrità fisica o morale ovvero alla libertà dell'altro coniuge o convivente, il giudice, su istanza di parte, può adottare con decreto uno o più dei provvedimenti di cui all'articolo 342-ter
  4. 4. Art. 342 ter Contenuto degli ordini di protezione Con il decreto di cui all'articolo 342-bis il giudice ordina al coniuge o convivente, che ha tenuto la condotta pregiudizievole, la cessazione della stessa condotta e dispone l'allontanamento dalla casa familiare del coniuge o del convivente che ha tenuto la condotta pregiudizievole prescrivendogli altresì, ove occorra, di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall'istante, ed in particolare al luogo di lavoro, al domicilio della famiglia d'origine, ovvero al domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone ed in prossimità dei luoghi di istruzione dei figli della coppia, salvo che questi non debba frequentare i medesimi luoghi per esigenze di lavoro. Il giudice può disporre, altresì, ove occorra l'intervento dei servizi sociali del territorio o di un centro di mediazione familiare, nonché delle associazioni che abbiano come fine statutario il sostegno e l'accoglienza di donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattati; il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che, per effetto dei provvedimenti di cui al primo comma, rimangono prive di mezzi adeguati, fissando modalità e termini di versamento e prescrivendo, se del caso, che la somma sia versata direttamente all'avente diritto dal datore di lavoro dell'obbligato, detraendola dalla retribuzione allo stesso spettante. Con il medesimo decreto il giudice, nei casi di cui ai precedenti commi, stabilisce la durata dell'ordine di protezione, che decorre dal giorno dell'avvenuta esecuzione dello stesso. Questa non può essere superiore a un anno e può essere prorogata, su istanza di parte, soltanto se ricorrano gravi motivi per il tempo strettamente necessario (1). Con il medesimo decreto il giudice determina le modalità di attuazione. Ove sorgano difficoltà o contestazioni in ordine all'esecuzione, lo stesso giudice provvede con decreto ad emanare i provvedimenti più opportuni per l'attuazione, ivi compreso l'ausilio della forza pubblica e dell'ufficiale sanitario .
  5. 5. Art. 342 ter Contenuto minimo • ordine di cessare la condotta pregiudizievole; • disporre l'allontanamento dalla casa familiare; Accessori: • prescrizione di non avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima (luogo di lavoro, al domicilio della famiglia d'origine, al domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone ed in prossimità dei luoghi di istruzione dei figli della coppia), salvo che questi non debba frequentare i medesimi luoghi per esigenze di lavoro; • Disporre l'intervento dei servizi sociali del territorio o di un centro di mediazione familiare, nonché delle associazioni che abbiano come fine statutario il sostegno e l'accoglienza di donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattati; • disporre il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che rimangono prive di mezzi adeguati (fissando modalità e termini di versamento e prescrivendo il versamento diretto dal datore di lavoro dell'obbligato); • stabilire la durata dell'ordine di protezione, che decorre dal giorno dell'avvenuta esecuzione dello stesso. Questa non può essere superiore a un anno e può essere prorogata, su istanza di parte, soltanto se ricorrano gravi motivi per il tempo strettamente necessario; • (ove sorgano difficoltà o contestazioni in ordine all'esecuzione) provvedere con decreto ad emanare i provvedimenti più opportuni per l'attuazione, ivi compreso l'ausilio della forza pubblica e dell'ufficiale sanitario . Risposta tutelante con uno strumento al tempo stesso: forte: per la protezione pronta ed efficace della vittima garantita attraverso l’ordine di allontanamento; flessibile: dal momento che permette e favorisce, laddove beninteso sia possibile, anche la ricostruzione della relazione familiare.
  6. 6. Art. 282-bis. c.p.p. - Allontanamento dalla casa familiare 1. Con il provvedimento che dispone l'allontanamento il giudice prescrive all'imputato di lasciare immediatamente la casa familiare, ovvero di non farvi rientro, e di non accedervi senza l'autorizzazione del giudice che procede. L'eventuale autorizzazione può prescrivere determinate modalità di visita. 2. Il giudice, qualora sussistano esigenze di tutela dell'incolumità della persona offesa o dei suoi prossimi congiunti, può inoltre prescrivere all'imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa, in particolare il luogo di lavoro, il domicilio della famiglia di origine o dei prossimi congiunti, salvo che la frequentazione sia necessaria per motivi di lavoro. In tale ultimo caso il giudice prescrive le relative modalità e può imporre limitazioni. 3. Il giudice, su richiesta del pubblico ministero, può altresì ingiungere il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che, per effetto della misura cautelare disposta, rimangano prive di mezzi adeguati. Il giudice determina la misura dell'assegno tenendo conto delle circostanze e dei redditi dell'obbligato e stabilisce le modalità ed i termini del versamento. Può ordinare, se necessario, che l'assegno sia versato direttamente al beneficiario da parte del datore di lavoro dell'obbligato, detraendolo dalla retribuzione a lui spettante. L'ordine di pagamento ha efficacia di titolo esecutivo. 4. […] 5. […] 6. […]
  7. 7. “ ” le prescrizioni dell’ordine di protezione di cui agli artt. 342 bis e 342 ter c.c. di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, consentono una tempestiva e adeguata tutela in una prospettiva di attenuazione della conflittualità e di recupero delle relazioni familiari T. Napoli, ord. 01.02.2002 Art. 342 ter, c. II: Il giudice può disporre, altresì, ove occorra l'intervento dei servizi sociali del territorio o di un centro di mediazione familiare, nonché delle associazioni che abbiano come fine statutario il sostegno e l'accoglienza di donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattati
  8. 8. Abuso familiare Nuova categoria giuridica (civile)
  9. 9. Art. 342 bis Ordini di protezione contro gli abusi familiari Quando la condotta del coniuge o di altro convivente è causa di grave pregiudizio all'integrità fisica o morale ovvero alla libertà dell'altro coniuge o convivente, il giudice, su istanza di parte, può adottare con decreto uno o più dei provvedimenti di cui all'articolo 342-ter.
  10. 10. “ ” l’accertamento dell’esistenza di comportamenti violenti è presupposto per l’allontanamento del coniuge dalla casa familiare, a prescindere da qualsiasi indagine sulle cause di quei comportamenti e sulle rispettive colpe T.Terni 26.09.2003
  11. 11. Integrità morale, fisica e libertà
  12. 12. Trib. Bari 18.07.2002 Per potersi configurare il "grave pregiudizio all'integrità morale" di un coniuge, che legittima il ricorso ex art. 342 bis c.c., deve verificarsi un "vulnus" alla dignità dell'individuo di entità non comune, o per la particolare delicatezza dei profili della dignità stessa concretamente incisi, o per le modalità - forti - dell'offesa arrecata, o per la ripetitività o la prolungata durata nel tempo della sofferenza patita dall'offeso
  13. 13. “ ” è escluso il grave pregiudizio in presenza di una situazione di reciproca incomunicabilità ed intolleranza dei coniugi, caratterizzata da litigi che, benché aspri nei toni, non sono stati aggravati da violenze fisiche o minacce T. Bari 11.12.2001
  14. 14. Condotta
  15. 15. “ ” Integra il grave pregiudizio alla integrità morale di un coniuge il comportamento dell’altro che si concretizzi in continui pedinamenti e controlli telefonici, nell’uso di epiteti dispregiative e nella negazione di ogni sostegno economico T. Bari 18.07.2001
  16. 16. “ ” ai sensi e per gli effetti dell’art. 342 bis la condotta deve essere costituita da reiterate azioni ravvicinate nel tempo e consapevolmente dirette a ledere i beni dell’integrità fisica o morale, ovvero della libertà di un familiare convivente, per modo che, mancando l’uno (reiterazione) o l’altro (volontarietà e consapevolezza) elemento, sarebbe preclusa al giudice la pronuncia di un ordine di protezione T.Trani 12.10.2001; 18.06.2005
  17. 17. Ma anche un singolo ed isolato episodio Parte della giurisprudenza di merito è più diffusamente nel senso che gli ordini di protezione possano essere adottati anche nel caso di di violenza. Proprio in accoglimento di tale soluzione è stato ordinato l'allontanamento dalla casa coniugale del marito che, con il sostegno dei propri familiari, abbia aggredito ed insultato la moglie, in presenza di figli minorenni (T. Palermo, 4.6.2001).
  18. 18. Soggetto agente
  19. 19. Incapacità di intendere e di volere Si tende a negare rilevanza al carattere abituale della condotta ed al dolo dell’agente, posto che il dettato dell’art. 342 bis autorizza a ritenere integrato l’illecito de quo ogni qualvolta si realizzi l’evento dannoso descritto, il quale deve essere collegato alla condotta da un nesso di causalità adeguato, irrilevante restando tanto l’abitualità della condotta stessa, quanto l’atteggiamento soggettivo dell’autore della medesima […] l’ordine di protezione deve poter emettersi anche a fronte di situazioni di grave pregiudizio alla integrità fisica o morale, ovvero alla libertà del familiare convivente, cagionate dalla condotta di soggetti incapaci di intendere e di volere perché affetti da turbe psichiche (T. Palermo 04.06.2000)
  20. 20. “ ” A norma degli artt. 342 bis e 342 ter, gli ordini di protezione contro gli abusi familiari possono essere adottati dalTribunale allorché le parti occupino, seppure in linea di mero fatto, lo stesso immobile, anche senza formare un unico nucleo familiare. È irrilevante, pertanto, che sia controverso tra le parti, se la codetenzione dell’alloggio abbia, o meno, un fondamento giuridico che la legittimi T. Prato 08.06.2009
  21. 21. La reiterazione di atti di aggressività del figlio nei confronti dei genitori, idonea ad arrecare nel tempo una rilevante lesione a beni giuridici fondamentali quali la dignità delle persone, la serenità della vita familiare, la funzione di guida e di indirizzo che spetta ai genitori nei confronti dei figli, giustifica l’adozione di un ordine di protezione. Ne consegue che se non viene meno il dovere dei genitori di istruire, mantenere ed educare i figli, questi possono nondimeno essere allontanati dalla casa familiare qualora la loro condotta ingiustificatamente aggressiva e violenta, protrattasi nel tempo, sia idonea ad arrecare gravi danni ai genitori. A diverse conclusioni non sembra possibile giungere nemmeno in presenza di situazioni nelle quali non sarebbe difficile individuare eventuali errori educativi dei genitori stessi nei confronti dei figli. (T. Modena 30.05.2006)
  22. 22. Ritenuta, alla stregua della sommaria istruzione svolta, la sussistenza dei presupposti per disporre l’allontanamento del residente dall’abitazione familiare dei genitori, ove vive altresì il fratello minore, i comprovati eccessi di ira, caratterizzati da episodi di violenza sulle cose, spesso connotati da particolare intensità (senza contare la continuata aggressività verbale, non giustificata dall’atteggiamento asseritamente “arrogante”, ed invero rimasto del tutto indimostrato, dei genitori odierni ricorrente) oggettivamente recano nocumento apprezzabile all’integrità morala quantomeno del fratello minore (T.Venezia 9-10.08.2005)
  23. 23. Attualità della condotta
  24. 24. “ ” Il grave pregiudizio, quale presupposto per l’emanazione di ordini di protezione, non deve necessariamente essere attuale, rilevando anche il pericolo concreto di lesioni che potrebbero verificarsi nell’immediato futuro T. Reggio Emilia 21.05.2002
  25. 25. Iter processuale
  26. 26. Art. 736 bis c.p.c. - Provvedimenti di adozione degli ordini di protezione contro gli abusi familiari Nei casi di cui all'articolo 342bis del codice civile, l'istanza si propone, anche dalla parte personalmente, con ricorso al tribunale del luogo di residenza o di domicilio dell'istante […]. […] Il giudice, sentite le parti, procede nel modo che ritiene più opportuno agli atti di istruzione necessari, disponendo, ove occorra, anche per mezzo della polizia tributaria, indagini sui redditi, sul tenore di vita e sul patrimonio personale e comune delle parti, e provvede con decreto motivato immediatamente esecutivo. Nel caso di urgenza, il giudice, assunte ove occorra sommarie informazioni, può adottare immediatamente l'ordine di protezione fissando l'udienza di comparizione delle parti davanti a sè entro un termine non superiore a quindici giorni ed assegnando all'istante un termine non superiore a otto giorni per la notificazione del ricorso e del decreto. All'udienza il giudice conferma, modifica o revoca l'ordine di protezione. Contro il decreto con cui il giudice adotta l'ordine di protezione o rigetta il ricorso, ai sensi del secondo comma, ovvero conferma, modifica o revoca l'ordine di protezione precedentemente adottato nel caso di cui al terzo comma, è ammesso reclamo al tribunale entro i termini previsti dal secondo comma dell'articolo 739. […]
  27. 27. Istruttoria «agevolata» -Sommarie informazioni rese da persone informate dei fatti; -Referti medici; -Querele; -Provvedimenti T.M.; -Relazioni A.S.; -Il giudice procede nel modo che ritiene più opportuno agli atti di istruzione necessari, disponendo anche per mezzo della polizia tributaria, indagini sui redditi, sul tenore di vita e sul patrimonio personale e comune delle parti
  28. 28. Art. 736 bis c.p.c. - Provvedimenti di adozione degli ordini di protezione contro gli abusi familiari Nel caso di urgenza, il giudice, assunte ove occorra sommarie informazioni, può adottare immediatamente l'ordine di protezione fissando l'udienza di comparizione delle parti davanti a sè entro un termine non superiore a quindici giorni ed assegnando all'istante un termine non superiore a otto giorni per la notificazione del ricorso e del decreto. All'udienza il giudice conferma, modifica o revoca l'ordine di protezione.
  29. 29. “ ” la misura di protezione può essere prorogata su istanza di parte, qualora ricorrano gravi motivi, cioè in tutti i casi in cui si verifichino fatti e comportamenti che, pur senza tradursi direttamente in nuovi episodi di violenza, siano tuttavia tali da ingenerare ulteriori occasioni di contrasto e da esporre nuovamente a pregiudizio la persona protetta T.Taranto 01.12.2001 In questo caso è stato prorogato la durata dell’ordine di protezione in quanto il soggetto, al quale era stato ordinato l’allontanamento dalla casa familiare, almeno in una occasione si era recato nello stabile ove la moglie dimorava, con ciò facendo temere che la sua presenza nei luoghi che gli erano stati temporaneamente interdetti fosse finalizzata o comunque potesse sfociare nel compimento di ulteriori atti lesivi dell’integrità fisica della moglie.
  30. 30. Grazie per l’attenzione j.savi@studiosavi.net

×