Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Conservazione preventiva folio

1,738 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Conservazione preventiva folio

  1. 1. CONSERVAZIONE PREVENTIVA NELLE BIBLIOTECHE DI PUGLIA PROGETTO VINCITORE DEL CONCORSO “ Principi attivi-Giovani idee per una Puglia Migliore”
  2. 2. L’associazione culturale Folio, con sede a Bitonto (Bari), si è costituita nel 2009 ed è attiva sul territorio pugliese con un progetto intitolato “Conservazione preventiva nelle biblioteche di Puglia”, finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del concorso “Principi attivi - Giovani Idee per una Puglia Migliore” e promosso dall’Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Partner del progetto è il laboratorio di restauro del libro Codex, sito a Guagnano (Lecce).
  3. 3. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO <ul><li>Idea progettuale: </li></ul><ul><li>conoscenza delle istituzioni culturali pugliesi; </li></ul><ul><li>indagine preliminare sul territorio; </li></ul><ul><li>formazione di un gruppo interdisciplinare; </li></ul><ul><li>collaborazione con i restauratori. </li></ul><ul><li>Tempi e fasi del progetto: </li></ul><ul><li>ha la dura di un anno (settembre </li></ul><ul><li>2009-settembre 2010); </li></ul><ul><li>le biblioteche coinvolte sono 4; </li></ul><ul><li>si compone di due fasi: la prima </li></ul><ul><li>consiste nel monitoraggio del </li></ul><ul><li>microclima nelle 4 biblioteche; la </li></ul><ul><li>seconda, nel restauro gratuito di </li></ul><ul><li>sei volumi presso il laboratorio </li></ul><ul><li>Codex. </li></ul>
  4. 4. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO <ul><li>Metodologia: </li></ul><ul><li>- rilevamenti mensili di umidità relativa, temperatura e lux ; </li></ul><ul><li>conoscenza e applicazione di linee guida, norme e leggi che forniscono raccomandazioni per una corretta conservazione preventiva; </li></ul><ul><li>studio dei parametri di temperatura, umidità e illuminamento; </li></ul><ul><li>stesura di semplici regole da seguire durante i monitoraggi; </li></ul><ul><li>realizzazione di schede riassuntive per ciascuna biblioteca. </li></ul>
  5. 5. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 1 oggetti e materiali conservati : libri moderi, cinquecentine, incunaboli, evangelario miniato, piccola sala museo (monete, ceramiche). struttura dell’edificio : palazzo storico del XVIII secolo edificato su preesistenze medievali. Presenza di impianto di riscaldamento in funzione durante l’inverno negli orari di apertura della biblioteca. numero di sale monitorate : monitoraggio di temperatura, umidità relativa e lux in 8 sale e 1 deposito. profilo microclimatico della biblioteca 1 sett ott nov dic g en feb sett ott nov dic gen feb
  6. 6. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 1 valori min e max di T e RH autunno inverno Valori illuminamento min e max Monitoraggio Lux RH e T nei volumi campione Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 18,2 20,2 21 54 56,3 64 Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 16,1 18,5 20 39,2 43 50,2 valori RH e T min/max nei volumi RHmin RHmax Tmin Tmax 43,3 45,2 15,3 16,7
  7. 7. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 2 oggetti e materiali conservati : antico nucleo appartenente al capitolo della cattedrale, archivi parrocchiali, archivi delle confraternite e donazioni delle antiche famiglie, pergamene del XIV secolo. struttura dell’edificio : palazzo storico dell’inizio del XVII secolo. Riscaldamento centralizzato ma attivo soltanto nella prima sala grande (sala lettura, consulatazione). numero di sale monitorate : 5 sale monitorate (una delle quali soppalcate). sett ott nov dic gen f eb Profilo microclimatico della biblioteca 2
  8. 8. valori min e max di T e RH autunno inverno ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 2 Monitoraggio Lux RH e T nei volumi campione Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 19 20,3 25,6 59 63 67,7 Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 16,1 17,8 25,3 38,3 59,7 62,7 valori min/max nei volumi RHmin RHmax Tmin Tmax 50,5 68,3 15,6 23,8
  9. 9. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 3 oggetti e materiali conservati : la biblioteca possiede incunaboli, cinquecentine, un cospicuo numero di volumi del seicento e del settecento. struttura dell’edifico : edificio storico della fine del XVII secolo – inizio XVIII. Riscaldamento centralizzato ma attivo soltanto durante le ore di apertura dell’archivio (lunedì e mercoledì dalle 17,00 alle 19,00). numero di sale monitorate : 4 sale comunicanti. profilo microclimatico della biblioteca sett ott nov dic gen feb
  10. 10. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 3 Valori minimi e massimi di T e RH autunno inverno Monitoraggio Lux RH e T nei volumi campione Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 18 19,5 20,1 56,5 63,1 69 Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 13,3 15,2 16 49,7 55,3 59,4 valori min/max nei volumi RHmin RHmax Tmin Tmax 50,5 59,2 13,3 15,5
  11. 11. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 4 oggetti e materiali : incunaboli, cinquecentine, carte geografiche e topografiche, manoscritti. struttura dell’edificio : palazzo moderno degli anni ‘60 del XX secolo (precedentemente adibito a teatro). Assenza di riscaldamento nei depositi della biblioteca, i soli che conservano l’intera collezione; gli altri ambienti sono adibiti a sala lettura e uffici amministrativi. sale monitorate : il deposito si compone di tre sale nel seminterrato; la prima si sviluppa lungo tutto il corpo della biblioteca, la seconda, affiancata da una riserva idrica, è adibita a deposito di faldoni e di pochi libri moderni; la terza è invece quella che conserva gli incunaboli e i libri di maggiore pregio della biblioteca. profilo microclimatico della biblioteca sett ott nov dic gen feb
  12. 12. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Biblioteca 4 Valori minimi e massimi di T e RH autunno inverno Monitoraggio Lux RH e T nei volumi campione Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 17 22 25,7 56,7 63 73,9 Tmin Tmed Tmax RHmin RHmed RHmax 14 18,4 23,9 41,5 45,6 73,8 valori min/max nei volumi RHmin RHmax Tmin Tmax 42,2 69 16 23,9
  13. 13. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO <ul><li>radiazioni elettromagnetiche </li></ul><ul><li>SOLE </li></ul><ul><li>LAMPADE FLUORESCENTI </li></ul><ul><li>LUCE A INCANDESCENZA </li></ul><ul><li>FOTOSSIDAZIONE della molecola: </li></ul><ul><li>imbrunimento/ingiallimento della carta; </li></ul><ul><li>rigidità e fragilità; </li></ul><ul><li>scarsa resistenza alle sollecitazioni meccaniche. </li></ul>
  14. 14. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO confronto della T nelle quattro biblioteche monitorate La cellulosa è particolarmente sensibile anche al calore, compreso quello proveniente dall’assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche infragilimento e perdita di elasticità del materiale autunno/inverno
  15. 15. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO <ul><li>Confronto dell’umidità relativa nelle quattro biblioteche monitorate </li></ul><ul><li>elevato grado di umidità : </li></ul><ul><li>danni di natura meccanica (erosione del materiale), </li></ul><ul><li>- estetica (foxing) </li></ul><ul><li>chimica (riduzione della funzionalità del supporto) </li></ul>autunno/inverno
  16. 16. ASSOCIAZIONE CULTURALE FOLIO Spolveratura La polvere può essere fonte di rischio, in concomitanza di fattori climatici favorevoli, per l’integrità del materiale archivistico. Scaffalature Il modello di scaffalatura deve essere realizzato valutando la tipologia di materiale archivistico nel deposito, la specificità delle condizioni microclimatiche, le esigenze di tutela e, non ultime, quelle legate alle strutture architettoniche degli ambienti
  17. 17. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX Codex , laboratorio di legatoria, restauro e conservazione di beni archivistico-librari, nasce nel 2006 ed è diretto da Giuseppe De Filippis, formatosi presso l’Istituto Centrale di Patologia del libro e al Centro di Fotoriproduzione di Roma. Il laboratorio, accreditato presso il Ministero dei Beni Culturali, si avvale di tecniche, metodologie e attrezzature all’avanguardia . Codex, in qualità di partner del progetto, è attivo nel restauro dei sei volumi dati in consegna dalle quattro biblioteche coinvolte. <ul><li>4 manoscritti : </li></ul><ul><li>Obbligazioni - V D 8, XVI-XVIII, volume cartaceo, 210X230X125, n. carte 835; </li></ul><ul><li>Visita pastorale, vescovo Cornelio Musso, 1543-1565, allegato cartaceo, 325X225X4, n. carte 26; </li></ul><ul><li>Manoscritto A-35, frammento di scrittura del notaio Giovan Bernardino Helia, 1578, volume cartaceo, 320X230X10, n. carte 27; </li></ul><ul><li>Manoscritto A-34, frammenti di scrittura del notaio Morea, 1612, allegato cartaceo, 300X203X4, n. carte 7. </li></ul><ul><li>2 libri a stampa : </li></ul><ul><li>Encyclopédie, tomo primo, 1765, 450X280X80, n. carte 299; </li></ul><ul><li>Sacra rituum Congregatione, P. Josephi a Cupertino, 1751, 310X210X25, n. carte 74. </li></ul>
  18. 18. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX BIBLIOTECA 1 2 volumi manoscritti da restaurare stato di conservazione pessimo, presenza di: - lacune; - gore; - strappi; - camminamenti di insetti; - depolimerizzazione delle carte; - vecchi restauri; - trasmigrazione di inchiostri; - perforazione del supporto per via dell’acidità degli inchiostri. Vol.1 Vol.2
  19. 19. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX BIBLIOTECA 2 volume da restaurare: primo tomo dell’encyclopédie stampato a Lucca nel 1765 stato di conservazione Il volume è in pessimo stato di conservazione. Le carte sono gravemente danneggiate da perforazioni di camminamenti di insetti che hanno causato vistose lacune lungo i quattro tagli. Le cuciture sono state compromesse dai microorganismi che ne hanno deteriorato gli spaghi creando delle rotture lungo i nervi di cucitura. I capitelli, parzialmente presenti, sono ugualmente danneggiati. L’esemplare privo di indorsatura, è condizionato da una coperta in piena pergamena rigida mutila del dorso. I piatti versano in condizioni di degrado a causa delle numerose lacune.
  20. 20. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX interventi di restauro: - ricognizione fotografica; - progettazione ; - collazione e analisi chimico-fisiche; - smontaggio; - lavaggio e deacidificazione (Barrow); - restauro lif-casting e manuale; - asciugatura e spianatura; - collazione, fascicolazione, controllo; - cucitura su tracce originali; - realizzazione dei capitelli a mano; - indorsatura; - allestimento e montaggio nuova coperta.
  21. 21. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX <ul><li>BIBLIOTECA 3 </li></ul><ul><li>2 volumi manoscritti da restaurare </li></ul><ul><li>stato di conservazione </li></ul><ul><li>pessimo, presenza di: </li></ul><ul><li>gore; </li></ul><ul><li>camminamenti di insetti; </li></ul><ul><li>lacune; </li></ul><ul><li>margini sfrangiati; </li></ul><ul><li>carte indebolite e feltrose; </li></ul><ul><li>tracce di cucitura a filzetta; </li></ul><ul><li>mutili di coperte. </li></ul>vol.1 vol.2
  22. 22. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX <ul><li>interventi di restauro (vol.1): </li></ul><ul><li>rilevamenti fotografici; </li></ul><ul><li>progettazione; </li></ul><ul><li>analisi chimico-fisiche; </li></ul><ul><li>collazione; </li></ul><ul><li>smontaggio; </li></ul><ul><li>lavaggio e deacidificazione (Barrow); </li></ul><ul><li>restauro lif-casting (meccanico e manuale); </li></ul><ul><li>velatura ove necessario; </li></ul><ul><li>asciugatura; </li></ul><ul><li>fascicolazione e collazione; </li></ul><ul><li>cucitura (ancoraggio diretto). </li></ul>
  23. 23. LABORATORIO DI RESTAURO CODEX <ul><li>BIBLIOTECA 4 </li></ul><ul><li>1 volume a stampa </li></ul><ul><li>stato di conservazione </li></ul><ul><li>pessimo, presenza di: </li></ul><ul><li>camminamenti di insetti; </li></ul><ul><li>imbrunimento delle carte; </li></ul><ul><li>lacune di varia entità; </li></ul><ul><li>gore; </li></ul><ul><li>strappi di entità meccanica. </li></ul><ul><li>interventi di restauro : </li></ul><ul><li>rilevamenti fotografici; </li></ul><ul><li>progettazione; </li></ul><ul><li>analisi chimico-fisiche; </li></ul><ul><li>collazione; </li></ul><ul><li>smontaggio; </li></ul><ul><li>lavaggio e deacidificazione (Barrow); </li></ul><ul><li>restauro lif-casting (meccanico e manuale); </li></ul><ul><li>velatura ove necessario; </li></ul><ul><li>asciugatura; </li></ul><ul><li>fascicolazione e collazione; </li></ul><ul><li>cucitura (ancoraggio diretto). </li></ul>
  24. 24. CONCLUSIONI Il nostro progetto mira a sensibilizzare il personale delle biblioteche alla complessa disciplina della conservazione preventiva fornendo loro delle linee giuda il più possibile semplici ed efficaci. Grazie al finanziamento della Regione Puglia nell’ambito del progetto Principi attivi, l’associazione Folio e il laboratorio di restauro Codex stanno tentando di applicare sul territorio una buona pratica, finalizzata al rispetto del nostro patrimonio archivistico-librario. Occorrerebbe un impegno maggiore su tutto il territorio affinché la conservazione preventiva fosse applicata a livello regionale, mappando e registrando il microclima di tutte le strutture in possesso di patrimonio storico artistico attivando convenzioni e collaborazioni con enti e laboratori specializzati e creando gruppi di lavoro interdisciplinare impegnato nella raccolta dei dati.

×