Scritture di integrazione

1,259 views

Published on

Materia: Economia
Autore: prof.Claudio Gomba

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,259
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Scritture di integrazione

  1. 1. I.S.I.S. “BONALDO STRINGHER”TURISTICO/ALBERGHIERO/COMMERCIALEPROF. GOMBA CLAUDIOLE SCRITTURE DI INTEGRAZIONERETTIFICA E DI AMMORTAMENTO 1)SCRITTURE DI INTEGRAZIONE 2)SCRITTURE DI RETTIFICA 3)SCRITTURE DI AMMORTAMENTO
  2. 2. SCRITTURE DI INTEGRAZIONELE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE HANNO LAFUNZIONE DI INSERIRE LA PARTE DI COSTI E RI-CAVI CHE IN PRECEDENZA NON STATI REGISTRA-TI E CHE PER RISPETTARE IL PRINCIPIO DELLAPRUDENZA VENGONO INSERITI NEL PERIODOCHE SI STA CHIUDENDO.I PRINCIPI CONTABILI SUI QUALI SI ISPIRANO LESCRITTURE DI INTEGRAZIONE SONO QUELLIDELLA COMPETENZA ECONOMICA E DELLA PRU-DENZA ECONOMICA.LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE RIGUARDANOLA SVALUTAZIONE DEI CREDITI, RATEI ATTIVI ERATEI PASSIVI, FONDI ONERI E FONDI RISCHI.I CREDITI VERSO CLIENTI VENGONO VALUTATIIN PRIMO LUOGO AL VALORE NOMINALE, SUC-
  3. 3. CESSIVAMENTE PER IL PRINCIPIO DELLA PRUDE-NZA I CREDITI DI NATURA COMMERCIALE, COMECREDITI VERSO CLIENTI E LE CAMBIALI ATTIVEVENGONO SVALUTATI SECONDO IL RISCHIO SPE-CIFICO E IL RISCHIO GENERICO.PER EVIDENZIARE IL RISCHIO SPECIFICO A FINEESERCIZIO SI DEVE FORMARE IL FONDO SVALU-TAZIONE CREDITI, MENTRE PER LA COPERTURADEI RISCHI GENERICI SI ATTIVA IL FONDO RIS-CHI SU CREDITI CHE IN BASE ALLE DECISIONIDEL C.D.A. PUO ESSERE ADEGUATO OD INCRE-MENTATO INTERAMENTE ALLE PERCENTUALIDECISE DAGLI AMMINISTRATORI.LE SCRITTURE CHE SI EFFETTUANO SONO: D A31/12 SVALUTAZ. CREDITI X FONDO SVALU.CREDITI X
  4. 4. D A31/12 SVALUTAZIONE CREDITI X FONDO RISCHI SU CRED. XESEMPIO DI UTILIZZO:10/03 CREDITI V/CLIENTI X FONDO SVALU.CREDITI X PERDITA SU CREDITI XRATEII RATEI SONO DEI CONTI FINANZIARI CHE INDI-CANO I DEBITI E I CREDITI MATURATI E HANNOLA FUNZIONE DI EVIDENZIARE I COSTI E I RICA-VI DI COMPETENZA DELLESERCIZIO CHE SI STAPER CHIUDERE, I PAGAMENTI GLI INCASSI AV-VENGONO IN VIA POSTICIPATA.AD ESEMPIO, INTERESSI PASSIVI SU UN MUTUO
  5. 5. PASSIVO CON RATA SEMESTRALE CON INIZIODAL 01/09 E PAGAMENTO IN VIA POSTICIPATA: D A31/12 INTERESSI PASS. X RATEI PASSIVI XOPPURE31/12 INTERESSI ATTIVI X RATEI ATTUVI XALTRE OPERAZIONI CHE RIGUARDANO LINTE-GRAZIONE DI COSTI E RICAVI SONO GLI ACCAN-TONAMENTI A FONDI ONERI FUTURI E AI FONDIRISCHI.PRECISAMENTE AVREMO ACCANTONAMENTI DITIPO PREVISIONALE NEL FONDO GARANZIE PRO-DOTTI NEL FONDO MANUTENZIONE PROGRAM-MATE E FONDO BUONI SCONTO E CONCORSO:
  6. 6. LE SCRITTURE SONO: D A31/12 ACCANTON.GARA.PROD. X FONDO GARANZIA PROD. X31/12 ACCANTON. PROGRAM. X FONDO MANUT. PROGR. X31/12 ACCANTON. CONCORSI X FONDO CONCORSI XI PRINCIPALI FONDI RIGUARDANO IL FONDO PERIMPOSTE ED IL FONDO RESPONSABILITA CIVILELE SCRITTURE DI FINE ANNO DI TALI FONDIRISCHI SONO: D A31/12 ACCANT.RESPON.CIVIL. X FONDO RESP. CIVILE X
  7. 7. D A31/12 IMPOSTE E TASSE X FONDO IMPOSTE XOPERAZIONI DI RETTIFICALE OPERAZIONI DI RETTIFICA CERCANO DI TO-GLIERE COSTI E RICAVI NON DI COMPETENZA,RETTIFICANDO LE PARTI DI COSTO E DI RICAVOCHE SPETTANO AD ALTRI PERIODI.UNA DELLE PRIME OPERAZIONI RIGUARDA LAVALUTAZIONE DELLE RIMANENZE FINALI CHEPOSSONO ESSERE EFFETTUATE CON LINVENTA-RIO DI FATTO O CON LINVENTARIO DI TIPO CON-TABILE.LE RIMANENZE POSSONO ESSERE COSTITUITEDA BENI DESTINATI ALLA VENDITA E DA BENI
  8. 8. CHE CONCORRONO ALLA PRODUZIONE DI BENIDESTINATI ALLA VENDITA.LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE PUO AVVE-NIRE SECONDO LART. 2426 COMMA 9 IN BASE ALCOSTO DI ACQUISTO O DI PRODUZIONE, OVVEROSECONDO IL VALORE DI REALIZZO DESUMIBILEDALLANDAMENTO DEL MERCATO SE QUESTUL-TIMO E MINORE.LIMPRESA DEVE CONFRONTARE I DUE VALORIINDICATI E SCEGLIERE IL MINORE APPLICANDOCOSI IL PRINCIPIO DELLA PRUDENZA.IL COSTO DI PRODUZIONE E UNULTERIORE CRI-TERIO ED E DATO DAL COSTO INDUSTRIALE INCUI RIENTRANO I COSTI INDIRETTI INDUSTRIA-LI.I COSTI DI PRODUZIONE SONO LEGATI ALLA CO-
  9. 9. NTABILITA GESTIONALE, MEDIANTE LA QUALELAZIENDA IDENTIFICA I COSTI DIRETTI ED INDI-RETTI DA ATTRIBUIRE AI BENI IN RIMANENZA E ICRITERI PIU IDONEI ALLA LORO ASSEGNAZIO-NE.ALTRI METODI DI VALUTAZIONE DELLE RIMANE-NZE DOVE CE UNA ROTAZIONE NOTEVOLEDELLE QUANTITA DEI BENI IN BASE AI CRITERIDELLART. 2426 COMMA 10 CHE INDICA I SEGUEN-TI METODI DI VALUTAZIONE:-METODO DELLA MEDIA PONDERATA SI CALCO-LA IL COSTO MEDIO DI ACQUISTO O DI PRODU-ZIONE DEL BENE DA VALUTARE, PONDERATOPER LE QUANTITA ACQUISTATE E PRODOTTEE VIENE APPLICATA ALLE QUANTITA IN RIMA-NZA.
  10. 10. – METODO DEL PRIMO ENTRATO, PRIMO USCITO (F.I.F.O.) PRESUPPONE CHE VENGANO SCARICA- TI PER PRIMI I BENI CHE SONO ENTRATI IN MA- GAZZINO PER PRIMI, MENTRE GLI SCARICHI VENGONO VALORIZZATI AI PREZZI PIU LON- TANI NEL TEMPO LE RIMANENZE VENGONO VALUTATE A PREZZI PIU RECENTI.– METODO DELLULTIMO ENTRATO, PRIMO USCITO (L.I.F.O.) DI SOLITO VIENE UTILIZZATO IL LIFO A SCATTI CHE PRESUPPONE IL CON- FRONTO FRA RIMANENZE FINALI ED ESISTEN- ZE INIZIALI DI UN BENE IN RELAZIONE A UN DATO PERIODO, SE SI E VERIFICATO UN INCRE- MENTO DI QUANTITA, LA PARTE PARI ALLE ESISTENZE INIZIALI VIENE VALUTATA CON ILVALORE UTILIZZATO ALLINIZIO DELLESERCI-
  11. 11. ZIO, MENTRE PER LA PARTE ECCEDENTE SIRICORRE AL COSTO MEDIO PONDERATO DIACQUISTO O DI PRODUZIONE DELLESERCIZIO.SE LE RIMANENZE SONO IN QUANTITA UGUALEA QUELLA DELLE ESISTENZE INIZIALI LA VALU-TAZIONE NON CAMBIA, SE LA QUANTITA E DIMI-NUITA RISPETTO A QUELLA INIZIALE LA VALUTA-ZIONE SARA AL CRITERIO DI QUELLA INIZIALE.LE SCRITTURE SONO: D A31/12 MATERIE PRIME X MAT.PRIME C/RIM.FIN X31/12 PRODOTTI FINALI X PROD.FINITI C/RIM.FIN X
  12. 12. RISCONTII RISCONTI SONO QUOTE DI COSTO O DI RICAVONON ANCORA MATURATE, MA CHE HANNO GIAAVUTO LA LORO MANIFESTAZIONE FINANZIARIAI RISCONTI ATTIVI SONO COSTI SOSPESI DA RIN-VIARE AI FUTURI ESERCIZI.I RISCONTI PASSIVI SONO RICAVI SOSPESI DARINVIARE AI FUTURI ESERCIZI.AMMORTAMENTOLAMMORTAMENTO E IL PROCEDIMENTO CON-TABILE PER MEZZO DEL QUALE UN COSTO PLU-RIENNALE RELATIVO A UN BENE A UTILITA RI-PETUTA VIENE ASSEGNATO AI VARI ESERCIZIAMMINISTRATIVI.NEL CALCOLO DELLE QUOTE PER MEZZO DELPIANO DI AMMORTAMENTO OCCORRE CONSIDE-
  13. 13. RARE:A)COSTO STORICOB)PRESUNTO VALORE DI REALIZZOC)VALORE DA AMMORTIZZARED)VITA UTILE DEL BENEE)CRITERIO DI SUDDIVISIONELAMMORTAMENTO DEI FABBRICATI DEVE ESSE-RE SCORPORATO IL VALORE DEL TERRENO PERCUI LA QUOTA DI AMMORTAMENTO SI CALCOLASOLO SUL VALORE DEI FABBRICATI.VENGONO AMMORTIZZATI SIA I BENI MATERIALICOME I FABBRICATI, GLI AUTOMEZZI, GLI IMPI-ANTI, SIA I BENI IMMATERIALI COME LAVVIAM-ENTO, LE SPESE DI IMPIANTO, LE SPESE DI PUB-BLICITA.
  14. 14. SCRITTURE:AMMORTAMENTO INDIRETTO: D A31/12 AMMORT. FABBRICATI X FONDO AMM. FABBRICATI X31/12 AMMORT. AVVIAMENTO X AVVIAMENTO X

×