• Save
Psicologia online, rischi, vantaggi e prospettive
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Psicologia online, rischi, vantaggi e prospettive

on

  • 1,018 views

Il gruppo "Psicologia e nuove tecnologie" dell'Ordine Psicologi Lombardia ha presentato i risultati raccolti in questi anni di lavoro, analizzando il contesto italiano sia da un punto di vista ...

Il gruppo "Psicologia e nuove tecnologie" dell'Ordine Psicologi Lombardia ha presentato i risultati raccolti in questi anni di lavoro, analizzando il contesto italiano sia da un punto di vista normativo che operativo e facendo confronti con quanto accade nel resto del mondo per quanto riguarda la tematica della psicologia online.
Ancora molto c'è da fare, ma chi mai comincia mai arriva :-)
Queste le slide che ho preparato assieme a Davide Algeri e Matteo Radavelli per la serata in questione.

Statistics

Views

Total Views
1,018
Views on SlideShare
939
Embed Views
79

Actions

Likes
2
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 79

http://www.psicologomonzaebrianza.it 43
http://www.psicologo-milano.it 36

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Ecco perché dobbiamo puntare su internet Perchè su internet ci si fida degli sconosciuti?scegliamo alberghi consigliati su trip advisor da sconosciuti; per capire cosa leggere e che cinema vedere consultiamoblog e forum,  leggiamo le recensioni di libri su amazon, andiamo nei social a chiedere consigli su cosa comprare e dove.. Perchè questa tendenza nuova? i consumatori hanno perso fiducia nelle aziende, e i consumatori dopo anni di marketing ingannevole hanno trovato nel web un'alternativa credibile: se devono scegliere tra fidarsi della raccomandazione di un marchio o di quella di un estraneo, scelgono il secondo perchè lo percepiscono non interessato. Grazie ai social media abbiamo accesso a un enorme numero di informazioni e l'unico modo per orientarsi è la fiducia: gli utenti costruiscono l'identità sul campo, la loro reputazione e quindi la fiducia che in essi si può avere. Se mi chiedi un consiglio su Twitter io cercherò di dare la migliore risposta possibile perchè altrimentila mia reputazione crolla..Il circuito semichiuso dei social media, permette quello che la psicologia sociale chiama "sistema di controllo", che funziona secondo meccanismi precisi: la rete di contatti fa da garante per la persona.
  • Questa è una domanda che potrebbe essere estesa in maniera più ampia a come le nuove tecnologie cambieranno il nostro modo di lavorare con i pazienti, di relazionarci con le persone, di cheidere e fornire aiuto. Su questo punto segnalo un altro profgetto di cui mi sto occupando e che potete sbirciare su www.algerimazzucchelli.it, ma oggi ci limitiamo a guardare questa domanda solo da un punto di vista di marketing e promozione professionale. Vedete in verticale le varie tecnologie, e in orizzontale gli anni che hanno impiegato a raggiungere il 50% della popolazione mondiale Ne mancano alcune, però il dato ci fa capire quanto siamo veloci nell’adottare le nuove tecnologie. Le nuove tecnologie che arrivano oggi cambiano il modo in cui le persone si rapportano tra loro. Quanto dobbiamo essere veloci, allora, nel modificare le nostre modalità di fare business? Questo è vero in particolare perché interenet e le tecnologie che esso veicola, sono tecnologie diverse da quelle precedenti, nel senso che sono tecnologie sociali. Cosa è una tecnologia sociale? Una tenologia NON sociale è la lavatrice ad esempio, mentre le tecnologie sociali sono quelle che fanno cambiare alcune regole nei rapporti tra le persone, per questo le aziende ad esempio, soprattutto all’inizio della diffusione di internet, erano un po’ spaventate, più scettiche, erano abituate a uilizzare altri canali per loro fino ad allora più amici.
  • Vediamo alcune caratteristiche che sono proprie delle tecnologie sociali; Distribuzione: CI sono persone che grazie a youtube riescono ad avere visibilità assurde, ossia a raggiungere una grande distribuzione del messaggio. Ad esempio i video virali, che vogliono veicolare idee in modo originali. Condivisione di dati: i computer si parlano e i dati sono condivisi, e questo permette cosa prima impossibili. Inoltre gli utenti parlano, sono loro che hanno in mano cos’ì il controllo della comunicazione. Il rapporto tra gli utenti cambia, e soprattutto quello tra le aziende e i consumatori, (e anche tra professionista e suoi potenziali pazienti) e pertanto serve un nuovo modo di dialogare. Internet permette di personalizzare i prodotti. La Nike ti chiede come vuoi la scarpa, la apple di scrivere quello che vuoi sull’ipad, Dobbiamo cogliere l’opportunità
  • Analisi per fornire un documento sullo stato dell’arte
  • L’interazione può avvenire per mezzo di strumenti asincroni , ossia che ritardano la comunicazione come nel caso delle email o dei gruppi di discussione sui forum, oppure attraverso strumenti sincroni , dove cioè la comunicazione si evolve in tempo reale come avviene ad esempio per le chat o le audio/video conferenze.
  • Brown, 1998 e University of Nebraska School of Medicine, 1959 dove veniva testato l’effetto di un sistema di televisioni a circuito chiuso per fornire servizi e proporre esercizi utili alla cura () osservando l’odierno concetto di Telehealth . Eliza anni ’60: software che simula l’interazione terapeuta-paziente (Weizenbaum, 1966) che analizzava e sostituiva semplici parole chiave scritte dall’utente in frasi preconfezionate, dando a volte l’illusione di avere dall’altro lato un interlocutore in carne ed ossa (Newman et al , 1997). Anni 90 quando la diffusione della tecnologia, soprattutto negli USA, ha permesso di raggiungere un buon numero di potenziali, clienti.
  • L’interazione può avvenire per mezzo di strumenti asincroni , ossia che ritardano la comunicazione come nel caso delle email o dei gruppi di discussione sui forum, oppure attraverso strumenti sincroni , dove cioè la comunicazione si evolve in tempo reale come avviene ad esempio per le chat o le audio/video conferenze.
  • E-Therapy: Nella terapia online il supporto psicologico viene affiancato da un programma di trattamento strutturato per risolvere un disturbo specifico, mediante l’utilizzo di tecniche psicoterapeutiche. Le ricerche svolte, ad oggi, si riferiscono prevalentemente ad un approccio di tipo cognitivo-comportamentale. E-Counseling: un intervento di consulenza e supporto psicologico che avviene in tempo reale attraverso uno scambio testuale tra terapeuta e paziente. L’E-counselling, pertanto, viene utilizzato per fornire assistenza a problemi psicologici generici e raramente include un programma di trattamento strutturato.
  • Rochlen, Beretvas e Zack: ad esempio hanno sviluppato uno strumento per misurare le attitudini dei clinici nei confronti della terapia online, l’Online Counseling Attitude Scale (OCAS), corrispondente al Face- to-Face Counseling Attitude Scale (FCAS) per gli incontri vis-à-vis . In generale è emerso come i clinici si fossero mostrati maggiormente favorevoli agli incontri in vivo. C’è da dire tuttavia che nessuno degli interpellati aveva mai avuto esperienza di counseling online. C’è da dire tuttavia che nessuno degli interpellati aveva mai avuto esperienza di counseling online. Più di 2 milioni di persone, su una popolazione di 16 milioni, hanno cercato informazioni, consigli e sostegno via internet. Di questi più di 200.000 hanno ricevuto aiuto via chat o e-mail. L’assistenza via internet sta diventando in Olanda una pratica sempre più consolidata. Molti colloqui vengono sostituiti da un incontro online dove i clienti, a volte sotto la guida di un terapeuta, eseguono dei compiti, tengono aggiornato il loro diario e ricevono feedback. Le persone sono soddisfatte e valutano con la media dell’otto questo tipo di aiuto. Tra i vantaggi di questo tipo di intervento c’è che non devi uscire per ricevere aiuto, che puoi ricevere nel momento in cui ne hai maggiormente bisogno. Inoltre online le persone si vergognano meno dei loro problemi, per cui più facilmente son disposte a parlarne. Informazione si può trovare su: http://www.e-hulp.nl/about-e-hulpnl-foundation/ Alla Libera Università di Amsterdam, Università protestante, è stata fatta e viene fatta molta ricerca sull’efficacia e implementazione degli interventi via internet con persone che hanno problemi mentali. Da queste ricerche emerge che gli interventi online sono efficaci e stanno acquistando un proprio spazio o come sostituto all’intervento face-to-face o come integrazione e sostegno a questo.
  • La maggior parte di loro ha cercato di individuare se gli interventi online portassero a miglioramenti clinici rispetto a un punteggio di partenza o in confronto a gruppi di controllo. In generale queste ricerche hanno portato a risultati incoraggianti: infatti sono stati riportati miglioramenti significativi, almeno dal punto di vista sintomatico, nei soggetti che hanno partecipato a diversi interventi psicologici online, con una gamma di disturbi clinici che includono disturbi 5 di panico (Klein & Richards, 2001), disturbi alimentari (Robinson & Serfaty, 2001), disturbi post-traumatici da stress (Lange et al., 2000) e in casi di lutto (Lange, van de Ven, Schrieken, & Emmelkamp, 2001).
  • - La “telepresenza”, ossia la percezione (o illusione) di condividere con l'altro uno spazio fisico e l'ipertestualità, cioè la possibilità di dare alle proprie parole un valore supplementare tramite collegamenti ipertestuali e materiale multimediale.
  • , la tutela della privacy (attraverso strumenti di criptaggio dati)

Psicologia online, rischi, vantaggi e prospettive Psicologia online, rischi, vantaggi e prospettive Presentation Transcript

  • Psicologia e nuove tecnologie: Caratteristiche e Opportunità OPL anno 2012 Luca Mazzucchelli Davide Algeri Matteo Radavelli
  • Alcuni dati...Rapporto Nielsen su 28.000 utenti in 56 paesi: il 70% reputa le opinioni sul web determinante nelle scelte di consumo (più 15% rispetto al 2008).  Secondo solo alle raccomandazioni degli amici.Rapporto ICM/Guardian: i consigli sui social network sono credibili per il 75% dei ragazzi tra 18 e 24 anni, e per il 50% degli adulti.
  • Ci fidiamo degli sconosciuti Chi si fida più del marketing tradizionale? •Fidarsi di uno sconosciuto disinteressato è meglio che fidarsi del marchio •Nel web ci orientiamo grazie alla fiducia nella reputazione, che va costruita e alimentata
  • Le nuove tecnologie cambiano lamodalità di relazionarci tra noi? http://www.flickr.com/photos/adam_thierer/2199183611/
  • Le tecnologie sociali: opportunità dipromozione 1. Distribuzione 2. Condivisione (di dati e tra le persone) 3. Personalizzare
  • Nuove forme di terapie…
  • Contesto ItalianoCNOP  Linee guida che vietano pisco-diagnosi e psicoterapia a distanza (2003, in revisione)Ordine Lazio  Vieta la diagnosi a distanza e limita lo svolgimento di queste prestazioni esclusivamente in forma gratuita e solo nei casi in cui il paziente, già in psicoterapia, sia impossibilitato momentaneamente a mantenere il rapporto lavorativo (2004)Ordine Piemonte  Avvia un gruppo di studio simile al nostro nel 2012
  • Alcune attività del gruppo di lavoroPrimo e sommario censimento degli usi e abitudini degli psicologi OPL rispetto l’utilizzo delle nuove tecnologie nella pratica professionale;Collaborazione con Maura Carta su alcune tematiche relative alla privacy e alla sicurezza dei dati online;Analisi della letteratura scientifica sul tema “interventi psicologici online” e stesura di un report riassuntivo da diffondere agli iscritti come prima bussola per orientarsi nella professione online;Creazione del Kit per lo psicologo online (FAQ, strumenti online, documenti sopra esposti)
  • IL GRUPPO DI RICERCA OPL LO STATO DELL’ARTE
  • L’INTERVENTO A DISTANZADefinizione: si riferisce allinterazione trapsicologo e utente mediata dall’uso ditecnologie per la comunicazione attraverso ilweb.
  • TRACCE NEL PASSATO Freud, 1909: lettere come strumento di terapia. University of Nebraska School of Medicine, 1959: sistema di televisioni per proporreesercizi utili alla cura (odierno Telehealth). Eliza, anni ’60: software che simula l’interazione terapeuta-paziente Anni ‘90: prime consultazioni psicologiche online.
  • LA COMUNICAZIONEASINCRONA SINCRONA
  • TIPOLOGIE DI INTERVENTO Letteratura internazionale E-Therapy: supporto psicologico + programma di trattamento strutturato (cognitivo- comportamentale). E-Counseling: supporto e assistenza problemi psicologici generici
  • COME VIENE PERCEPITA?Rochlen, Beretvas e Zack, in press: Online Counseling AttitudeScale (OCAS) per misurare le attitudini dei clinici nei confrontidella terapia online -> i clinici maggiormente favorevoli agliincontri dl vivo, anche se senza esperienza.Rochlen, Zack & Speyer, 2004: fiducia degli utenti sembraessere leggermente inferiore rispetto a quella generalmenteriposta nelle consultazioni psicologiche dal vivo, ma con unaumento nel corso degli anni.OGGI: in Olanda nel 2011 più di 200.000 persone con problemipsichici e/o sociali hanno ricevuto aiuto via chat o email. I datisono stati comunicati in un congresso sull’assistenza via internettenutosi a Utrecht all’inizio di novembre.http://www.e-hulp.nl/about-e-hulpnl-foundation/
  • STUDI SUL PROCESSO Cook e Doyle (2002): analisi alleanza terapeutica, valutata dai pazienti, sviluppatasi durante un counseling online svolto tramite chat e email. letteratura sulla psicoterapia vis-à-vis e valori di soddisfazione abbastanza elevati
  • STUDI SULL’EFFICACIADIVERSI STUDI: confronto con gruppi di controllo evalutazione pre –post intervento onlineESITIMiglioramenti significativi dei sintomi nei soggettisottoposti ad interventi psicologici onlinePanico (Klein & Richards, 2001),Disturbi alimentari (Robinson & Serfaty, 2001),PTSD (Lange et al., 2000)Lutto (Lange, van de Ven, Schrieken, &Emmelkamp, 2001)
  • CONTROINDICAZIONIAbbott e colleghi (2008) consigliano di escludere dalla presain carico i soggetti che presentano disturbi psichiatrici conevidenti problemi inerenti all’esame di realtà, ideazionesuicidaria, persone attualmente vittime di violenza o abusisessuali.
  • BENEFICIACCESSIBILITA’ STIGMA RESISTENZA RIFLESSIONE TELEPRESENZA
  • CRITICITA’NON VERBALE IDENTITA’ PRIVACYDIMESTICHEZZA CONNESSIONE
  • CNOPLinee guida per prestazioni psicologiche a distanza (in revisione)Al momento attuale, in base alla deliberazione n. 19 del 23 marzo 2002del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi Italiani, le pratichedi attività psicodiagnostica e psicoterapeutica effettuate via Internetpotrebbero risultare non conformi ai principi espressi negli artt. 6, 7 e11 del vigente Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, ed in talcaso sarebbero sanzionabili.
  • Codice DeontologicoArticolo 6... Lo psicologo salvaguarda la propria autonomia nellascelta dei metodi, delle tecniche e degli strumenti psicologici, nonchédella loro utilizzazione; è perciò responsabile della loro applicazioneed uso, dei risultati, delle valutazioni ed interpretazioni che nericava...Articolo 7...Lo psicologo, su casi specifici, esprime valutazioni egiudizi professionali solo se fondati sulla conoscenza professionalediretta ovvero su una documentazione adeguata ed attendibile. Articolo 11Lo psicologo è strettamente tenuto al segretoprofessionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioniapprese in ragione del suo rapporto professionale, né informa circa leprestazioni professionali effettuate o programmate, a meno che nonricorrano le ipotesi previste dagli articoli seguenti.
  • la Psicologia Online nel mondoStati Uniti Inghilterra Italia
  • la Psicologia Online nel mondoStati Uniti Inghilterra Italia
  • Servizidivulgazione Presa in carico
  • Psychology Onlinewww.psychologyonline.co.uk • NHS • Chat • In presenza attacchi di panico depressione ossessivo compulsivo post traumatico
  • After Deployment http://afterdeployment.orgvideo workshop modularitàassestment file veterani e famiglie
  • Kids Help6000 ragazzi a settimana www.kidshelp.com.au 5 25 ascolto, analisi, fiducia, strategie
  • Zheng un amico www.zhengun amico.itfacebook email in presenza scuolaaffetti < 20 famiglia sesso
  • la cassetta degli attrezzi
  • Agenda
  • Pagamento
  • Rete inviante
  • Frequently Asked Questions
  • l’appuntamentoprimo contatto proposta appuntamentoconsenso informato privacy pagamento colloquio
  • Erogabile a tutti? NO SI dca cronici a minori previo consenso dialterazione realtà entrambi i tentato suicidio genitori
  • Quanto costa il costo della prestazione è a discrezione delprofessionista, pertanto la cifra è simile all’incontro in presenza economicità online tempo trasferimento struttura
  • Riflessioni del gruppo di lavoro Non siamo attualmente in grado di esprimere unopinione definitiva e fondata sulla psicoterapia online (problem vs solution oriented?). Gli studi che abbiamo visto indicano una buona potenzialità, in ottica di valutazione dellefficacia. Alcuni possibili scenari possono essere approfonditi  Un primo contatto via webcam di pochi incontri (3-4) per fare un’analisi della domanda e poi inviare l’utente sul territorio;  Fare seguire al primo contatto via webcam ulteriori incontri a distanza solo in caso non si ravvedano controindicazioni Ad oggi, non si individuano elementi per scoraggiare luso di questo strumento in attività di supporto psicologico, sostegno, councelling e coaching. Servono comunque ulteriori approfondimenti che verranno dati dalla ricerca negli anni a venire, poiché i dati non sono definitivi (in un senso e nell’altro) Necessità di una posizione ordinistica di osservazione e monitoraggio della situazione in evoluzione
  • DUBBI???
  • Grazie