Cerqua Alessia  "Strategic Choice"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Cerqua Alessia "Strategic Choice"

on

  • 1,539 views

Il concetto di “territorio” ha subito negli ultimi decenni, una trasformazione radicale: da risorsa materiale suscettibile di sfruttamento, da spazio controllabile ove le diversità sono viste ...

Il concetto di “territorio” ha subito negli ultimi decenni, una trasformazione radicale: da risorsa materiale suscettibile di sfruttamento, da spazio controllabile ove le diversità sono viste come resistenze alla trasformazione, si è giunti ad una interpretazione in cui è riconosciuto il carattere relazionale e incerto proprio di un sistema complesso. Di conseguenza, la pianificazione esige nuovi approcci: la sfida della complessità, come ricorda Morin, può essere affrontata con successo tramite una maggiore complessità, ovvero una maggiore ideazione di risposte multiple ed intelligibili. Si vuole quindi proporre una riflessione sulle possibili evoluzioni della pianificazione, intesa sia come strumento di apprendimento delle dinamiche evolutive dei sistemi territoriali - capace di focalizzarsi sulle interazioni tra/nelle componenti (ecologiche, economiche, sociali,..) piuttosto che su classificazioni gerarchiche - sia come percorso ad alta valenza sociale e politica, in grado di individuare azioni volte a concordare soluzioni tra i soggetti che interagiscono nel processo di piano.

Statistics

Views

Total Views
1,539
Views on SlideShare
1,490
Embed Views
49

Actions

Likes
0
Downloads
19
Comments
0

3 Embeds 49

http://alessiacerqua.wordpress.com 30
http://www.linkedin.com 14
http://www.slideshare.net 5

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Cerqua Alessia  "Strategic Choice" Cerqua Alessia "Strategic Choice" Presentation Transcript

    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Alessia Cerqua Dipartimento di Studi Urbani (DipSU)- Laboratorio TIPUS Università degli Studi Roma Tre 1 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali La riforma degli strumenti urbanistici passa necessariamente attraverso la g p sperimentazione di approcci alla pianificazione che si basano su nuovi modelli e paradigmi. Un approccio particolarmente innovativo è STRATEGIC CHOICE che, tramite una procedura ciclica e interattiva, consente di generare e selezionare scelte di piano e progetti reciprocamente compatibili e coerenti con gli obiettivi degli attori. Questo approccio può essere utilizzato sia per migliorare l’efficacia di specifici interventi di riqualificazione i contesti caratterizzati d complessità di situazioni i t ti i lifi i in t ti tt i ti da l ità it i i ambientali e decisionali, sia per favorire lo sviluppo di nuove modalità di pianificazione e progettazione interattiva “bottom-up”. 2 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Alla base dell’approccio vi sono alcuni assunti (cfr. J. Friend & A. Hickling): • adozione di una visione olistica • approccio trans-scalare ed inter-temporale che sia in grado di cogliere le relazioni di processo e le dinamiche d’interazione spaziale alle diverse scale • impossibilità di separare, nei processi decisionali, gli aspetti tecnici da quelli politici • necessità di superare i conflitti d’interesse tra i differenti attori coinvolti nel processo decisionale tramite una procedura di elaborazione d l piano e d i progetti che consenta di confrontare, l b i del i dei tti h t f t valutare e scegliere tra opzioni che sono spesso divergenti ed incompatibili • sviluppo delle opzioni progettuali attraverso una procedura incrementale che consenta di elaborarle progressivamente in forma sempre più articolata e definita 3 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali STRATEGIC CHOICE è una procedura in cui i differenti momenti della pianificazione e della progettazione interagiscono tra loro in modo ciclico. La procedura comporta quattro fasi operative (o modalità di lavoro) : STRUTTURARE, PROGETTARE, CONFRONTARE e SCEGLIERE SCEGLIERE. La ciclicità della procedura consiste nel poter passare da una modalità all’altra anche prima che le attività in corso siano state completate. p Ciò consente ad ogni istante di • riformulare i problemi e ritornare su alcune scelte già f tt ià fatte • confrontare e scegliere anche retroattivamente le opzioni di piano e progettuali • modificare/approfondire l opzioni i difi / f di le i i in ffunzione i delle nuove informazioni e degli imprevisti che possono emergere nel corso del processo decisionale. 4 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali STRUTTURARE Sono individuati i problemi presenti nel contesto e le loro relazioni. Ogni AREA DI DECISIONE rappresenta uno specifico problema; l’elenco delle AREE è aperto e può essere aggiornato in ogni momento momento. 5 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali PROGETTARE Le soluzioni alternative (OPZIONI) di og ogni AREA DI DECISIONE sono C S O so o individuate/elaborate separatamente. L’analisi delle OPZIONI consente di identificare le incompatibilità (LEGAMI p ( D’INCOMPATIBILITA’) tra OPZIONI di AREE DI DECISIONE differenti. 6 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali CONFRONTARE Viene scelto un insieme di criteri (o AREE DI CONFRONTO) allo CO O O) a o scopo di valutare e confrontare i vantaggi specifici dei diversi SCHEMI DI DECISIONE. 7 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali SCEGLIERE Sono individuate le incertezze che riguardano gli aspetti ambientali, p politico-decisionali ed organizzativi. g Al fine di eliminare o ridurre le incertezze vengono decise ed attuate le necessarie OPZIONI ESPLORATIVE. 8 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Il prodotto principale del processo incrementale e ciclico di STRATEGIC CHOICE è il PACCHETTO DI PRESCRIZIONI o PROGRESS Il PROGRESS sintetizza i risultati “visibili” del processo: azioni da attuare subito, opzioni esplorative da intraprendere per ridurre le incertezze decisioni da incertezze, differire nel tempo, azioni contingenti da attuare in sostituzione di quelle stabilite nel caso di imprevisti. Risultati Ri lt ti di f d fondamentale i t l importanza sono anche quelli “i i ibili” che t h lli “invisibili”, h riguardano diversi aspetti: soprattutto il miglioramento dei processi di comunicazione tra gli attori, conseguente ad una maggiore conoscenza reciproca dei sistemi di valori delle personali modalità di lavoro nonché valori, lavoro, delle pressioni e dei vincoli cui sono soggetti gli altri attori. 9 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Alcuni esempi di applicazione: •Programma di sviluppo urbano per il territorio g pp p della Laguna di Venezia (2006); •Preliminare del Piano di Recupero per il Quartiere di Centocelle Vecchia (2001); • Pianificazione Ambientale Strategica area di Valco San Paolo, Roma (2008). Applicazioni 10 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Un caso studio: il Programma di sviluppo urbano per il territorio della Laguna di Venezia Obiettivo: DEFINIZIONE DI SCENARI DI TRASFORMAZIONE ORIENTATO Obi tti ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO DELLA LAGUNA. La compresenza di terra ed acqua e di funzioni potenzialmente in conflitto connesse al loro utilizzo rende improbabile ogni approccio riduzionista e costringe a considerare la complessità del contesto. I numerosi fattori di incertezza relativi, ad esempio, alle questioni gestionali, alla molteplicità di attori coinvolti, ai fattori socio-economici, ai problemi del turismo, alla tutela naturalistica ecc rendono necessario un approccio progettuale che metabolizzi da subito le incertezze intrinseche della realtà in cui si va ad operare. 11 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali L’analisi preliminare del territorio, è stata effettuata attraverso … • Sopralluoghi • Ricerche bibliografiche • Studio degli strumenti di pianificazione esistenti alle diverse scale (PRUSST di Venezia, Piano Territoriale di Coordinamento, PTGU della Municipalità di Marghera ecc) • Interviste, incontri informali, riunioni con diversi soggetti, scelti in quanto profondi conoscitori del contesto in esame o perché potenzialmente interessati a partecipare al processo di decisione (politici, amministratori locali, imprenditori, liberi professionisti, comitati di quartiere, associazioni ambientaliste ecc). 12 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Inoltre, molte informazioni sono state acquisite con la tecnica del visioning - o “costruzione di scenari futuri”… Metodologia M t d l i per l costruzione d li scenario: la t i degli i In linea di massima la realizzazione di “visioning” si struttura in 2 fasi: 1 - Una prima fase “sul campo”, nel corso di sopralluoghi, in cui si è stimolati direttamente dal contesto in maniera intuitiva e diretta un contesto, diretta, brainstorming creativo in cui si appuntano visioni e sensazioni suggeriti dal contesto) 2 - Durante incontri successivi in cui si sono metabolizzati e razionalizzati gli input acquisiti nel contatto diretto con il territorio, anche alla luce delle conoscenze che man mano si acquisiscono, derivanti da ricerche bibliografiche, analisi di documenti e cartografie, incontri con i molteplici attori interessati al processo progettuale. Per la costruzione dello scenario, ci si immagina di essere un abitante del contesto che ritorna nei suoi luoghi di origine dopo 30 anni e racconta le differenze e le modifiche avvenute nel territorio in questo periodo di tempo tempo… 13 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nel caso in esame, l’analisi svolta ha consentito di individuare come particolarmente urgenti ed importanti le seguenti problematiche: • Mobilità: collegamenti tra la città storica e le aree di gronda, sistema degli accessi; • Sviluppo futuro del porto e sua compatibilità con l’ecosistema circostante; • Sviluppo economico del contesto (localizzazione di attività produttive ed eventuale loro riconversione); • Qualità urbana del territorio dell’entroterra (Marghera, Mestre, ecc.) • Problemi connessi alla “monocultura turistica”, capacità di carico del sistema naturale; Nell’ambito delle problematiche sono state individuate quindi le specifiche AREE DI DECISIONE 14 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali L’applicazione di STRATEGIC CHOICE ha comportato l’utilizzo del programma STRAD (STRategic ADvisor). La figura mostra l’overview, una finestra che contiene la maggior parte dei dati inseriti nel programma. Sulla sinistra sono elencate le AREE DI DECISIONE, in basso LE AREE DI CONFRONTO e sulla destra le AREE D’INCERTEZZA. Al centro della finestra le AREE D’INCERTEZZA compaiono all’interno di tre diversi settori che consentono di identificarne le caratteristiche (UE = incertezze relative all’ambiente fisico; UR = incertezze dcovute a carenze di coordinamento; UV = incertezze relative ai valori). Nel cerchio sono elencate le AREE DI DECISIONE che fanno parte del FUOCO DEL PROBLEMA (in questa fase nessun FUOCO era stato ancora scelto: pertanto tutte le ventidue AREE DI DECISIONE compaiono nel cerchio). 15 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nella modalità STRUTTURARE sono state individuate ventidue AREE DI DECISIONE. L’elenco delle AREE DI DECISIONE non è definitivo, ma può essere modificato in ogni momento: alcune possono essere aggiunte in seguito, altre eliminate. Ciò consegue dal carattere incrementale dell’approccio che si pone come strumento di dell approccio, aiuto alle decisioni operative. Un’AREA DI DECISIONE viene espressa con una frase interrogativa interrogativa, sintetizzata da una label (etichetta). Nella finestra che la definisce è contenuto anche l’elenco delle l elenco OPZIONI che ne rappresentano le La finestra descrive un’AREA DI DECISIONE, i suoi livelli di possibili soluzioni alternative. importanza e di urgenza e le OPZIONI che la riguardano 16 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Le AREE DI DECISIONE sono: 1. COLLEGAM? Come migliorare i collegamenti tra la città storica e le aree di gronda ? 2. ACCESSI? Quale assetto per il sistema degli accessi a Venezia? 3. PORTO? Quali interventi per il sistema portuale? 4. TERZIARIO? Quali localizzazioni per le attività direzionali e terziarie? 5. ECOLAGUN? Quali interventi per riqualificare e tutelare l’ecosistema lagunare? 6. PETROLCHIM? Quale assetto per l' l l'area i d industriale d l Nuovo Petrolchimico ? i l del l hi i 7. TURISMO? Quali azioni per la gestione del sistema turistico? 8. ACQALTA? Quali interventi per contrastare il fenomeno dell'acqua alta? 9. ARSENALE? Quale utilizzo dell’Arsenale? 10. 0 ACCESSIMAR? Q li i CC SS ? Quali interventi per migliorare l’ accessibilità a Marghera? i i li ibili à h ? 11. TRASPMARG? Quali interventi per migliorare il trasporto pubblico a Marghera? 12. VERDEMARGH? Come migliorare l'offerta di verde a Marghera? 13. CENTROMARG? Quali attività per rivitalizzare il centro di Marghera? 14. 14 PEDONIMARG? C Come rendere sicuri e piacevoli gli spostamenti pedonali a M d i i i li li i d li Marghera? h ? 15. PARCOFERR? Quale assetto per l'area del vecchio parco ferroviario? 16. ALUVENICE? Quale assetto per l'area industriale dimessa ex “Aluvenice”? 17. AZOTATI? Quale assetto per l'area industriale dimessa ex “Azotati”? 18. 18 SAPLO? Q l assetto per l' Quale tt l'area i d t i l di industriale dimessa ex “S l ”? “Saplo”? 19. CIPISARTOR? Quale assetto per l'area industriale dimessa “Cipi Sartori”? 20. COMPLESSI? Quale assetto per l'area industriale dimessa “Complessi”? 21. POSCONTAN? Quale assetto per l'area industriale dismessa “Pos Containers”? 22. 22 MACCHINE? Q l assetto per l' Quale tt l'area di Vi d ll M Via delle Macchine? hi ? 17 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali 18 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nella N ll modalità PROGETTARE sono state i di id t d lità t t individuate, per ogni AREA DI i DECISIONE, un insieme di ipotesi o soluzioni alternative (OPZIONI OPZIONI). Le OPZIONI non sono scelte progettuali definitive ma evolvono in funzione della mutevolezza del contesto e della nostra capacità di ridurre ed eliminare le incertezze presenti nel contesto. 19 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali AREA DI DECISIONE 16: PARCOFERR? Quale assetto per l'area del vecchio parco ferroviario? PIANIFICAZIONE VIGENTE: Riutilizzo dell area per la realizzazione di servizi connessi dell’area alle attività portuali OPZIONI DIREZIONALE Realizzazione di una cittadella direzionale e commerciale SOCIOCULT Spazi per attività sportive, culturali ed espositive PORTO Riutilizzo dell’area per la realizzazione di servizi connessi alle attività portuali 20 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali AREA DI DECISIONE 15: PEDONIMARG? Come rendere sicuri e piacevoli gli spostamenti pedonali a Marghera? PIANIFICAZIONE VIGENTE: Realizzazione di una serie di percorsi pedonali protetti OPZIONI PERCORSI Realizzazione di percorsi pedonali protetti ISOLEAMB Creazione di una serie di isole ambientali collegate tra loro da percorsi protetti 21 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Dal GRAFO DI DECISIONE sono stati ricavati cinque q FUOCHI DEL PROBLEMA, ovvero, cinque gruppi di AREE DI DECISIONE fortemente interrelate che è possibile considerare provvisoriamente come sottoproblemi separati. Ogni FUOCO costituisce un macro problema la cui soluzione dovrà rispettare le incompatibilità e le sinergie delle OPZIONI delle AREE DI DECISIONE che ne fanno parte. p 22 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali 23 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Le AREE DI DECISIONE dei 5 FUOCHI La Salvaguardia ecologico ambientale dell’ ecosistema lagunare Porto Marghera e il Petrolchimico Lo sviluppo urbano di Marghera La città storica Lo Sviluppo socio economico delle aree di gronda socio-economico 24 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nella modalità CONFRONTARE sono d fi iti i criteri di valutazione definiti it i l t i (AREE DI CONFRONTO). 25 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Il metodo di valutazione si basa sull’uso di INDICATORI, quantitativi e qualitativi. Esso consente di attribuire un “peso” ad ogni AREA DI peso CONFRONTO e di valutare in termini multicriteri le conseguenze delle singole OPZIONI e degli SCHEMI DI AZIONE. La valutazione non si configura come semplice tecnica per scegliere la soluzione migliore tra più alternative, ma è soprattutto STRUMENTO DI PROGETTAZIONE che retroagisce sulle scelte già fatte. In particolare stimola il progettista a rivedere l’elenco delle AREE DI DECISIONE e lo induce ad approfondire le soluzioni progettuali prefigurate (OPZIONI). 26 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • PUNTI PRINCIPALI DEL PROCESSOed incertezzadinamiche territoriali Complessità PROGETTUALE un approccio multidisciplinare per la comprensione delle nella pianificazione: Le AREE DI CONFRONTO selezionate per avviare un processo di trasformazione orientato allo SVILUPPO SOSTENIBILE sono le seguenti: • sostenibilità socio-economica: uso appropriato delle risorse locali anche ai fini del superamento della crisi economica ed occupazionale del territorio; p p ; ruolo del patrimonio storico-culturale come fattore di sviluppo locale e risorsa competitiva. • sostenibilità ecologico-ambientale: valorizzazione e salvaguardia degli ecosistemi naturali e delle risorse primarie presenti nel territorio territorio. • sostenibilità urbano-territoriale: rispetto delle regole di produzione e riproduzione del territorio atte a promuovere processi di riterritorializzazione: salvaguardia della qualità dello spazio costruito e del g q p paesaggio, con particolare attenzione alle specificità del contesto locale ed ai suoi valori identitari. • sostenibilità socio-culturale: rafforzamento della coesione sociale e dei valori culturali della comunità • fattibilità economico-finanziaria: disponibilità/accesso alle risorse finanziarie necessarie per realizzare i progetti. 27 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Le OPZIONI di tutte le AREE DI DECISIONE presenti nel FUOCO sono valutate rispetto p ad ogni singolo criterio (AREA DI CONFRONTO). I criteri possono essere sia di tipo quantitativo, sia di tipo qualitativo (UNITA’ AR- BITRARIE, U.A.). 28 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Grazie alla valutazione è p possibile elencare gli g schemi SCHEMI DI AZIONE in ordine di preferenza. Gli SCHEMI preferibili compaiono nella parte alta del diagramma. 29 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nella modalità SCEGLIERE vengono esplicitati i dubbi emersi durante le altre fasi del lavoro: le AREE D’INCERTEZZA vengono g identificate. La gestione delle incertezze Uno degli elementi maggiormente innovativi di STRATEGIC CHOICE consiste nel fatto che questo approccio riconosce esplicitamente le incertezze ed i conflitti come fattori intrinseci del processo di piano e progettuale progettuale. STRATEGIC CHOICE costituisce quindi un supporto metodologico che aiuta a metabolizzare da subito le incertezze e i conflitti che via via si presentano nel processo decisionale. 30 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Le AREE D’INCERTEZZA svolgono un ruolo fondamentale nella strutturazione del processo di scelta strategica. STRATEGIC CHOICE individua tre tipi di incertezze che, per la loro natura e per le relazioni che si stabiliscono t esse ed il problema progettuale, d li i t bili tra d bl tt l delineano il carattere di tt complessità irriducibile delle scelte: 1. Incertezze relative alla conoscenza l i ll del contesto fisico ed ambientale (Uncertain Environment). 2. Incertezze relative alle relazioni esistenti tra i differenti attori ed i diversi p processi di decisione (Uncertain Relations). 3. Incertezze relative alle politiche ed ai sistemi di valore che interagiscono e influenzano il processo di scelta (Uncertain Values). 31 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Nel FUOCO n. 3 sono state individuate molte AREE D’INCERTEZZA. Le principali sono: 1.Per quanto riguarda la Metropolitana Sublagunare: fattibilità tecnica dell intervento dell’intervento e impatto sull’ecosistema lagunare; impatti socio economici sull ecosistema economici. 2.Per i terminal di Tessera e di Fusina; possibilità di espropriare aree; possibile incremento dei flussi di traffico e conseguenze sul sistema della viabilità; richiesta di maggiori aree destinate ad uso pubblico a Tessera. 3.Per il riassetto della viabilità locale e metropolitana: impatto sull’ecosistema terrestre e lagunare; possibilità di espropriare aree. 4.Per 4 Per il sistema dei trasporti a Marghera: volontà dei residenti di utilizzare prevalentemente i mezzi pubblici per gli spostamenti. 5.Per il sistema del verde: gestione dei costi e mancanza di finanziamenti. 6. 6 Per la mobilità pedonale a Marghera: gestione dei costi la mancanza di finanziamenti; possibilità di espropriare aree; 7.Per l’area dismessa Pos Containers: volontà, da parte dei residenti, di utilizzare spazi pubblici localizzati in tale ambito; 8.Per l’area di Via delle Macchine: mancanza di finanziamenti; bonifiche in corso; volontà, da parte dei residenti, di utilizzare spazi pubblici localizzati in tale ambito; 32 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Al f fine di ridurre i livelli d’incertezza, sono state individuate alcune OPZIONI ESPLO- RATIVE, ovvero ulteriori indagini finalizzate al superamento dei problemi dovuti alla scarsa conoscenza del contesto, alla carenza di coordinamento e cooperazione tra i diversi attori coinvolti ed alla costruzione di obiettivi e valori condivisi t i bi tti i l i di i i dagli attori medesimi. 33 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Il PROGRESS rappresenta il risultato visibile più importante di tutto il ù processo incrementale e ciclico di STRATEGIC CHOICE. Il PROGRESS sintetizza i risultati del processo, individuando le azioni da attuare subito, le opzioni esplorative da intraprendere per ridurre le incertezze, incertezze le decisioni da differire nel tempo e le azioni contingenti da attuare in sostituzione di quelle stabilite nel caso di difficoltà non previste. previste Nella finestra, che si riferisce al FUOCO considerato, si possono individuare: • Le OPZIONI che si possono attuare subito (NOW); • Le OPZIONI ESPLORATIVE che occorre avviare immediatamente per eliminare le incertezze che impediscono di selezionare e realizzare altre OPZIONI (NOW); p ( ); • Le OPZIONI e le OPZIONI ESPLORATIVE che occorre differire nel tempo (FUTURE). 34 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali 35 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali AREA DI DECISIONE 15: PEDONIMARG? Come rendere sicuri e piacevoli gli spostamenti pedonali a Marghera? OPZIONE: ISOLEAMB Creazione di una serie di isole ambientali protette collegate a percorsi pedonali. Tali isole si configurerebbero come piazze pubbliche, dotate di attrezzature per la vita collettiva: aree destinate prevalentemente ai pedoni, dove si possono attivare relazioni con i principali servizi a carattere locale. 36 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali AREA DI DECISIONE 15: PEDONIMARG? : ? Come rendere sicuri e piacevoli gli spostamenti pedonali a Marghera? OPZIONE: ISOLEAMB In realtà l’OPZIONE presenta alcune incertezze relative a questioni ancora da i i d risolvere; tuttavia si è deciso di procedere subito alla sua realizzazione, li i avviando contemporaneamente le indagini esplorative volte ad accertare: l d La possibilità di effettuare espropri nelle aree necessaria alla realizzazione di isole ambientali e dei percorsi pedonali di collegamento (AREA D’INCERTEZZA: ?ESPEDON). La disponibilità da parte di associazioni ambientaliste di partecipare alle operazioni di gestione e manutenzione del verde nelle isole pedonali (AREA D INCERTEZZA: D’INCERTEZZA: ?ISOLEFIN). 37 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali AREA DI DECISIONE 13: VERDEMARG? Come migliorare l'offerta di verde nel centro urbano Marghera? OPZIONE: GIARDINI L’OPZIONE prevede il miglioramento della accessibilità, per l’intera ,p collettività, dei giardini interni agli edifici della città giardino. Contestualmente all’avvio del progetto, è previsto l’avvio delle indagini volte ad accertare la disponibilità dei residenti di co-finanziare le opera- zioni di gestione e manutenzione dei giardini dei condomini e permet- terne quindi la fruibilità da p q parte di tutta la comunità ((AREA D’INCER- TEZZA: ?GIARDININT) 38 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Secondo STRATEGIC CHOICE la pianificazione è dunque un processo in cui ogni decisione è concepita come un processo che si svolge in condizioni di incertezza ed i situazioni caratterizzate d carenza di risorse e conflitti di i d in i i i i da i fli i interesse. L’approccio è i L’ i innovativo poiché elabora contestualmente scelte di piano e ti i hé l b t t l t lt i progetti di scala differente, diversamente da quanto avviene nelle tradizionali prassi di pianificazione e di progettazione basate su logiche lineari di gerarchia spaziale (dalla scala vasta al progetto di dettaglio) e temporale (prima le linee di indirizzo a scala vasta, poi lo sviluppo dei progetti alla piccola scala). STRATEGIC CHOICE si basa su un processo incrementale, dove la dimensione strategica delle scelte non è una questione di scala, ma consegue dalla quantità di legami che le mettono in relazione. 39 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE
    • Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio multidisciplinare per la comprensione delle dinamiche territoriali Bibliografia principale : CERQUA A. (2008) Complessità ed incertezza nella pianificazione: un approccio interdisciplinare per la comprensione d ll dinamiche territoriale, Aracne Ed., Roma. delle d h l d CERQUA A., (2007) Imparare ad apprendere. Strategie di pianificazione nell’epoca della complessità, AreaVasta n.12 – febbraio 2007 CERQUA A., Giangrande A., (2006) Pianificare nella città contemporanea, in “Visioni di territorio”, supplemento a Urbanistica Informazioni n. 208/2006. FRIEND J K JESSOP W N (1995) L l Government and S J. K., W.N., (1995), Local G d Strategic Ch Choice, P Pergamon P Press, O f d Oxford. FRIEND J.K., HICKLING A., (1997), Planning under pressure: The Strategic Choice Approach, Pergamon Press, Oxford. GIANGRANDE A., Un approccio innovativo alla pianificazione: Strategic Choice, disponibile su http://www.tipus.uniroma3.it/Master/lezioni/giangrande/dispense/schoice.htm GIANGRANDE A., MORTOLA E., (2007) N i hb h d R A E Neighbourhood Renewal in Rome Combining strategic choice with other li R C bi i i h i ih h design methods, in FRIEND J.K., HICKLING A., “Planning under pressure: The Strategic Choice Approach”, Pergamon Press, edizione 2007, Oxford. 40 Un approccio innovativo alla pianificazione: STRATEGIC CHOICE