Coco dispense 07(2008-9)chomsky
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Coco dispense 07(2008-9)chomsky

on

  • 409 views

 

Statistics

Views

Total Views
409
Views on SlideShare
409
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Coco dispense 07(2008-9)chomsky Coco dispense 07(2008-9)chomsky Document Transcript

  • Chomsky e la grammatica generativa. di Manuel Barbera (modificato E. Coco) Chomsky e la grammatica generativa. Il pensatore e linguista che dopo Saussure è stato più determinante ed influente per la linguistica contemporanea è probabilmente l'americano Noam Chomsky (1928 - ). Si può infatti dire che dopo il 1957 (data del suo primo libro, Syntactic Structure) il panorama della linguistica non sia più stato lo stesso, e la sua teoria, la "grammatica generativotrasformazionale" (o semplicemente "grammatica generativa"), nelle varie forme che ha assunto nel suo ormai quasi mezzo secolo di vita, è presto diventata un paradigma di riferimento. A differenza dello strutturalismo nato con Saussure che poneva l’accento sul ruolo dei segni e sulla funzione del loro significato (vedendo di conseguenza la comunicazione come convenzione sociale), la grammatica generativa di Chomsky si concentra soprattutto sulla sintassi (ossia sulle regole di combinazione dei costituenti) e sulla matrice biologica, individuale, del linguaggio. Le due impostazioni presuppongono anche due filosofie radicalmente diverse. L’inclinazione filosofica di Chomsky si è infatti espressa in una nutrita serie di pubblicazioni che hanno sempre affiancato la sua produzione più tecnicamente linguistica: al di là degli interventi politici (molto radicali e di larga diffusione) che non ci interessano in questa sede, dei suoi numerosi scritti di filosofia del linguaggio dobbiamo tenerne presenti New Horizons in the Study of Language and Mind, Cambridge (UK), Cambridge University Press, 2000, una raccolta organica di saggi che costituisce probabilmente la lettura più illuminante (e caldamente consigliabile) sul pensiero di Chomsky e sul dibattito filosofico attuale di cui è parte integrante. Si tornerà più avanti, in modo più diffuso, sulle questioni della teoria generativa che più hanno interazioni col piano biologico (cognitivismo, apprendimento del linguaggio). Le basi filosofiche: internismo vs esternismo, la naturalizzazione della mente. Le posizioni filosofiche tra fine Ottocento ed inizio Novecento riguardo alla teoria del significato, mostrano due linee: quella di Saussure-Wittgenstein si contrapponeva a quella che partiva da Frege. Avevamo, ossia, «da una parte una concezione antropologica per cui il significato è funzione dell'uso, e dall'altra una posizione "platonica" per cui il significato è funzione di una verofalsità possibile a priori, ossia insita nei segni stessi che rimandano ad una realtà esterna indipendentemente dall'uso che ne fa una comunità» Per Frege «l'umanità [deve avere] un patrimonio comune di pensieri che trasmette di generazione in generazione» (Frege, Senso e denotazione, in La struttura logica del linguaggio, a cura di Andrea Bonomi, Milano, Bompiani, 1995 [1973], p. 12). Orbene, Chomsky si colloca precisamente sulla linea "platonica" di Frege (Chomsky, per la verità, con la sua solita mossa di rifarsi al Settecento saltando i precedenti più diretti, si riallaccia esplicitamente a Cartesio), solo precisando in senso biologico, genetico, la natura di quel "patrimonio comune di pensieri" che in Frege restava piuttosto vago. Avremo modo di approfondire in seguito la soluzione "innatista" 1
  • di Chomsky; ora quello che ci preme è chiarire bene la contrapposizione generale tra le due possibili impostazioni. Cosa intediamo per “posizione platonica”? La filosofia di Platone nasce dall'esigenza di conciliare le conclusioni di Parmenide, il quale predicava la necessaria eternità e immutabilità di ogni cosa, con l'evidenza del divenire che si riscontra nella realtà sensibile. Platone inizia con il definire chi è il vero filosofo: è colui che ama la verità e non insegue l'opinione (doxa). La verità è conoscenza suprema, la verità è nella conoscenza dei puri concetti; l'opinione, per contro, è quella conoscenza fallace che deriva dalla comprensione dei soli fenomeni sensibili, i quali sono soggettivi quando addirittura contraddittori (argomento già presente nella riflessione socratica). (vedi power point per approfondimenti in merito) Usando molto alla buona una terminologia comune in filosofia, chiameremo le posizioni "antropologiche" del tipo di quelle di Saussure e Wittgenstein (il significato è funzione della comunità che lo usa, il linguaggio è pubblico) esterniste e le posizioni "platoniche", come quelle di Frege e Chomsky (il significato dipende da concetti che sono dati - idealisticamente o biologicamente - all'interno delle nostre menti, il linguaggio è individuale) interniste. Si ha dunque una distinzione che in campo filosofico è stata applicata a diversi domini, quella tra internismo ed esternismo. Ricordate, per esempio, quanto è stato detto nelle prime lezioni del corso a proposito di Prassi e Teoria e l’esempio che vi ho fatto sulla nascita della geometria e sulle posizioni di A.Koyré (vedi diapositive power point). E’ importante notare che l'internismo chomskyano si differenzia da quello di Frege per il diverso modo in cui i concetti all'interno delle nostre menti sono concepiti: idealisticamente (filosoficamente) nel caso di Frege, e biologicamente (organicamente) nel caso di Chomsky. La differenza è in realtà molto rilevante, e con conseguenza di vastissima portata dato che comporta una radicale naturalizzazione degli stati mentali. Cosa vuole dire questa strana espressione? Dobbiamo prendere la cosa un po' da lontano. Molto spesso, quando una disciplina nuova inizia a prendere forma si trova di fronte al problema di far riconoscere il proprio status scientifico. Molto spesso la strategia è stata quella di mostrare come le proprie teorie fossero esprimibili ("riducibili") anche nel linguaggio di un'altra disciplina già appartenente alle scienze forti (di solito la fisica). Così, ad esempio, nel Sette-Ottocento, la chimica fu "ridotta" alla fisica, prima di poter tornare a camminare con le proprie gambe. Quest'operazione di “riduzione” è stata usata molte volte nella storia della scienza, ma raramente con risultati di lunga durata. Si può dunque proporre la storia della linguistica chomskiana come un tentativo di rendere la linguistica una scienza alla pari di tutte le altre. Chimsky riduce gli stati mentali (quelli linguistici in particolare) ad oggetti naturali, fisici e reali, donando loro una consistenza paragonabile a quella degli oggetti della fisica e delle altre scienze "forti". Questa particolare riduzione è appunto la "naturalizzazione" del mentale. Nel fare ciò Chomsky è in compagnia di un buon numero di filosofi "cognitivi" che pure mirano alla naturalizzazione della mente, ossia alla sua riduzione agli stati fisici indagabili dai neurologi (si veda oltre). 2
  • 1.2.1 La ricorsività. La ricorsività, o più correttamente "funzione ricorsiva", è propriamente un concetto matematico con il quale si definisce il dominio dei numeri naturali, che è un insieme infinito di unità discrete, ognuna delle quali non si può che definire ricorsivamente come la somma un unità al suo antecedente (se la serie dei numeri naturali è infinita, come potremmo definirli tutti in modo diretto?). La «idea of "infinite use of finite means"» viene da Chomsky, con la sua usuale mossa di ricavarsi gli antenati nel periodo precedente la glottologia otto-novecentesca, fatta risalire a Wilhelm von Humboldt (1767–1835), poliedrica figura di diplomatico, studioso e linguista. L'esigenza di spiegare (nei termini, almeno, che saranno poi di Chomsky) «l'apparente paradosso [...] - per usare le parole di Andrea Bonomi, Le immagini dei nomi, Milano, Garzanti, 1987, p. 35 - che un insieme finito di mezzi, quali sono appunto i dispositivi grammaticali di una qualsiasi lingua, producono un insieme virtualmente infinito di enunciati» risale, in realtà, al filosofo Edmund Husserl (1859-1938), il padre della fenomenologia che, nelle sue 'Ricerche logiche' (1900-1901) «individua questa capacità generativa nell'iterabilità delle regole grammaticali» (ibidem; è degno di nota il fatto che le Ricerche logiche anticipano la prospettiva chomskyana anche nella concezione di una "grammatica universale" formale, "generativa" ed a regole). Analogamente, in grammatica generativa, l'accento è sempre sulla capacità delle regole della lingua di generare (non a caso la teoria è detta "generativa") ricorsivamente sempre nuove frasi. La ricorsività investe ogni aspetto della lingua, anche se i generativisti la evidenziano prevalentemente come capacità di generare infinite frasi semplici (ad es. "Tizio dorme", "Caio mangia la zuppa", "Piove"), e come possibilità teoricamente illimitata di incassare frasi dipendenti (ad es. "[Sempronio compra la casa [che ha fatto il muratore [che viene dal paese [che è nella valle [che è bagnata dal fiume [che nasce dal monte [dove mia nonna raccontava [che ...]]]]]]]]": uno decide di fermarsi solo per ragioni pratiche, ma teoricamente potrebbe proseguire all'infinito). Naturalmente, possiamo aggiungere noi, ciò è vero, evidentemente, anche per il lessico (il dizionario dei "segni" elementari della lingua, aspetto che interessa di meno alla prospettiva chomskyana): possiamo sempre introdurre lessemi nuovi per nuovi oggetti (pensate ad esempio ai frutti "esotici" entrati in occidente: non conoscendo la Bromelia ananas non avevamo certo una parola per designarla, ma questo non ci ha impedito di introdurla quando ne abbiamo avuto bisogno, nella fattispecie prendendola indirettamente dal guaraní, la lingua indigena del Paraguai) o per nuovi concetti (pensate a molti "nuovi" concetti introdotti dalla scienza come cibernetica, topologia, ecc.). 1.2.2 La dipendenza dalla struttura, il principio di proiezione e la teoria X-barra. Quando diciamo "Pippo chiama Topolino" non diciamo la stessa cosa di "Topolino chiama Pippo" in quanto il significato delle due proposizioni è chiaramente diverso, ma quando diciamo "2+3" e "3+2" il significato, "5", non cambia. Il linguaggio umano, ossia, è caratterizzato da una dipendenza dalla struttura ("Structure Dependency"), laddove il linguaggio dell'addizione aritmetica è "indipendente" dalla struttura. Molti linguaggi "artificiali" (cfr. più avanti), compreso quello dell'aritmetica e compresi molti linguaggi informatici di programmazione, sono in effetti "structure independent": non così il nostro linguaggio naturale. Se, però il linguaggio umano è sempre dipendente dalla struttura, a tutta prima la "struttura" in questione non sembra essere sempre la stessa. Se confrontiamo, ad 3
  • esempio, in italiano e giapponese la composizione di una frase semplice, una volta eliminate le combinazioni agrammaticali (tipo "del padre la casa di Taro") e insensate (tipo "una mela mangia Taro") in entrambe le lingue, otterremo il quadro seguente: Taro mangia una mela Taroo ga tabe ringo o ....|.... Taro una mela mangia ....|.... Taroo ga ringo o tabe La tavola evidenzia come l'ordine dei costituenti immediati sia diverso (in giapponese il verbo è in posizione finale, in italiano centrale). Chomsky, invece, pensa di potere andare più in là, e sostiene che in realtà alcuni principi della struttura del linguaggio sono universali. Cosa intendiamo per trasformazionale? Il trasformazionalismo, detto anche grammatica generativo-trasformazionale, è una teoria fondata dal linguista statunitense Noam Chomsky negli anni Cinquanta. La nuova teoria prende l'avvio da una critica fatta dallo studioso allo strutturalismo. Chomsky infatti sosteneva che allo strutturalismo era sfuggito un problema fondamentale che era quello della creatività del linguaggio. Egli afferma che per poter comprendere il funzionamento di una lingua non è sufficiente scoprirne la struttura come non basta descrivere i componenti e i rapporti che intercorrono tra essi, né analizzarli e classificarli. Lo strutturalismo, secondo Chomsky, non sa rispondere alla domanda: "come avviene che i parlanti di una lingua sono in grado di produrre e di comprendere un numero indefinito di frasi che non hanno mai udito prima o che addirittura possono non essere mai state pronunciate prima da qualcuno?". A questa domanda Chomsky risponde asserendo che esiste una creatività governata da regole per la quale vengono continuamente generate nuove frasi e pertanto la capacità linguistica che ciascun parlante possiede non è fatta solamente di un insieme di parole, espressioni e frasi, ma è un insieme di regole ben definite e di principi. La teoria di Chomsky, nell'affermare che la grammatica è una competenza mentale posseduta dal parlante che gli permette di formare infinite frasi, si basa quindi sulla conoscenza innata dei principi universali che regolano la creazione del linguaggio. Si viene così ad affermare il concetto di innatismo del linguaggio. Le frasi vengono quindi trasformate attraverso una “competenza” del parlante. Esempi di trasformazione: Trasformazione passiva il ragazzo mangia la mela diventa la mela è mangiata dal ragazzo Trasformazione nominale le automobili circolano diventa la circolazione delle automobili 4
  • L'opposizione mind - brain e l'emergere di strutture specializzate Il linguaggio umano, ormai ci è ben evidente, è un sistema estremamente complesso; come tale deve appoggiarsi a strutture specializzate per poterlo gestire. Alcune di queste strutture sono propriamente fisiologiche, come l'apparato fonatorio (che esamineremo perlando della fonetica), l'apparato auditivo, il cervello ed il sistema nervoso, altre più propriamente mentali come la memoria. Dire "mentali", nell'accezione più intuitiva, vale 'dotate senz'altro di un sostrato fisiologico, ma ad esso non interamente riducibili': in realtà l'opposizione tra mente e cervello o (come più spesso si dice, essendo la moderna filosofia della mente prevalentemente di area anglofona) mind - brain è uno dei problemi più dibattuti nella filosofia moderna: proprio intorno a questo problema si è sviluppata la cosiddetta Cognitive science e molta parte della moderna filosofia analitica. Cosa, in effetti, possa o debba più precisamente intendersi per "mentale" è un problema complesso quanto affascinante. Una consistente parte dei moderni filosofi della mente (tra cui Chomsky) ne sostengono invece la riducibilità agli stati naturali, ossia la loro "naturalizzazione". Da un lato, pertanto, si accentua l'opposizione mente - cervello, e dall'altra si cerca di ridurre il più possibile la mente al cervello. Le strutture per gestire il linguaggio (assumendo che una distinzione tra l'ordine del mentale e l'ordine del fisiologico di fatto ci sia, la si spieghi poi come si vuole) va poi sottolineato che sono frutto dell'evoluzione alla pari di tutti gli altri organi degli esseri viventi. Un "sistema nervoso" (che comprende le strutture associate al linguaggio), ad esempio, è stato sviluppato solo negli animali ("Metazoa"), ma un sistema centralizzato anziché una mera rete di gangli nervosi è innovazione di un solo gruppo di animali, i "Cordata", al cui sottogruppo "Vertebrata" appartengono i principali animali superiori (pesci, rettili, uccelli, anfibi, mammiferi), e pertanto anche l'uomo. Per rendersi conto della "singolarità" evolutiva dei vertebrati rispetto agli altri animali considerate la tavola seguente: La filogenesi dei Metazoa 5
  • Memoria e linguaggio. Intuitivamente, tutti sappiamo cosa è la memoria, e consideriamo il linguaggio come qualcosa di strettamente legato (nel senso la langue è qualcosa che deve essere "ricordato" dall'individuo). In generale, la memoria, le sue strutture fisiologiche ed il suo funzionamento, sono stati studiati molto approfonditamente, tanto da psicologi e linguisti quanto da neurologi e medici, sicché possiamo dire di averne una discreta conoscenza. Il primo dato interessante è che anche la memoria sembra una struttura frutto dell'evoluzione naturale. Tutti i mammiferi, ad esempio, uomo compreso sembrano condividere la stessa impostazione di funzionamento: Il funzionamento della memoria Il funzionamento della memoria nei mammiferi: riprodotto da Richard F. Thompson, The brain. A Neuroscience Primer, 3rd edition, New York, Worth Publishers, 2000, p. 354. L'informazione sensoriale entra in un "registro sensoriale" ("memoria iconica") dove è mantenuto per un tempo brevissimo (nell'ordine dei decimi di secondo: la dimostrazione risale a G. Sperling nel 1960). Alcune di queste informazioni sono scartate, altre invece sono trasferite nella "memoria operativa a breve termine" (nell'ordine delle decine di secondi), parte delle quali è poi salvata, in genere dopo essere stata adeguatamente esercitata, nella memoria a lungo termine (di durata teoricamente illimitata), mentre un altra parte viene definitivamente persa (alcune informazioni visive, inoltre, possono passare direttamente dal registro sensoriale alla memoria a lungo termine). Seguendo la via contraria, invece, le informazioni sono recuperate dalla memoria profonda, trasferite nella memoria operativa, e poste in esecuzione. Particolarmente interessante è che la memoria operativa sembra coincidere con la consapevolezza e con quello che chiamiamo di solito "coscienza", mentre la memoria a lungo termine ha più le caratteristiche dell' "inconscio" (è cioè un gigantesco serbatoio di conoscenze delle quali non siamo propriamente consapevoli, ma alle quali attingiamo al bisogno riportandole nella memoria operativa a breve termine). La concezione della memoria a breve termine come "coscienza", frequente in neuroscienza, converge anche nella nozione di intenzionalità, così come la avevamo definita, e rende linguisticamente assai interessante il problema della Animal Consciousness: la tradizione filosofica 6
  • (Cartesio) e la religione (cattolicesimo) occidentali negavano infatti agli animi una "coscienza"! Quanto al linguaggio (la "langue") dovrebbe, ragionevolmente, essere depositato nella memoria a lungo termine. In realtà, dobbiamo ormai specificare ulteriormente il nostro discorso: quando si parla di "memoria" intendiamo, in effetti, molte strutture diverse, solo con alcune delle quali il linguaggio ha relazioni: I principali tipi di memoria a lungo termine I principali tipi di memoria a lungo termine: riprodotto da Richard F. Thompson, The brain. A Neuroscience Primer, 3rd edition, New York, Worth Publishers, 2000, p. 365. La memoria non dichiarativa è procedurale, implicita (è relativa al "come"), quella dichiarativa è esplicita (ed è relativa al "cosa"). Il linguaggio, nello schema precedente, è posto nella memoria dichiarativa, più precisamente in quel suo sottotipo che è la "conoscenza semantica" (in base alla quale, ad es., uno ricorda il significato delle parole o le tabelline aritmetiche, ma non "quando" le ha imparate) - l'altro sottotipo è la "memoria episodica" (in base alla quale, ad es., uno ricorda cosa ha mangiato a pranzo, o chi ha incontrato il giorno prima, ecc.). Un dato interessante dello schema precedente è che le principali strutture "mentali" (tipi di memoria) sono messi in relazione alle strutture materiali (aree del cervello). Un ruolo centrale, in particolare, sembra giocato dall' "ippocampo", nel lobo medio temporale (ne sono presenti due, uno nel lato destro ed uno nel lato sinistro): è infatti famoso nella letteratura medica il caso di HM, un paziente che dovette subire la rimozione di entrambi gli ippocampi sviluppando una amnesia anterograda (vive esclusivamente nel presente, in tutto normale se non nella impossibilità di immagazzinare nuove informazioni ed esperienze nella memoria a lungo termine). Analoghe esperienze cliniche hanno però insegnato che le aree del cervello coinvolte dall'attività linguistica sono soprattutto altre, nell'adulto di solito localizzate nel solo emisfero sinistro (anche se questa "lateralizzazione" non è assoluta: nel bambino entrambi gli emisferi sono coinvolti, e solo gradualmente si specializza il sinistro), in particolare l'area di Broca e l'area di Wernicke: 7
  • le strutture cerebrali usate dal linguaggio Le principali strutture fisiologiche (emisfero sinistro) del cervello coinvolte nell'attività linguistica: riprodotto da Richard F. Thompson, The brain. A Neuroscience Primer, 3rd edition, New York, Worth Publishers, 2000, p. 442. In particolare, l'area di Broca, che è vicina alle zone "motorie" della corteccia cerebrale che controllano i muscoli dell'apparato fonatorio (lingua, ecc.), sembra controllare la coordinazione di questi muscoli nel parlato: lesioni all'area di Broca provocano difficoltà nel parlare, ma non intaccano la comprensione. L'area di Wernicke, invece, che è più vicina alle aree che ricevono gli stimoli acustici (Herschel gyrus) e che le connettono (angular gyrus) con le aree della visione (corteccia visiva), sembra più legata alla elaborazione semantica: in caso di lesioni all'area di Wernicke la fonazione è fluente, ma senza senso, e la comprensione è persa. Entro certi limiti, sembra quindi che la distinzione tra signifiant e del signifié sia riprodotta anche al livello fisico delle strutture cerebrali (da Thompson cit. p. 442, modificato). Acquisizione del linguaggio: introduzione al problema. Un altro interessante punto, oltre a dove viene immagazzinato ed quali strutture si appoggia il linguaggio, è come viene acquisito - e se viene acquisito (non è infatti qui in questione l'apprendimento di una lingua seconda, "L2", quanto la acquisizione della propria madrelingua, "L1", ossia de "linguaggio" tout court). Schematizzando, vi possono essere due modi diversi di impostare il problema, ossia, estremizzando le posizioni: (1) nasciamo già "sapendo", già possediamo il linguaggio ed "imparare" vuole solo dire esercitare e portare alla coscienza; (2) alla nascita "non sappiamo" ancora nulla, non possediamo già il linguaggio, e siamo una tabula rasa che dobbiamo riempire imparando dall'esperienza. 8
  • Innatismo vs. empirismo in filosofia. La polarità di questo dibattito tra innatismo ed empirismo, al di là dell'aspetto specifico del linguaggio, è ben noto si può dire da sempre nella filosofia occidentale. La prima formulazione esplicita dell'innatismo risale a Platone (427-347 a.C.; cfr. soprattutto i dialoghi Fedro, Fedone e Menone, dei quali non v'è un e-text in italiano, ma si può liberamente scaricare almeno la versione inglese dal Project Gutenberg), con la sua concezione delle idee innate, che l'uomo non deve fare altro che "ricordare"; le prime critiche, invece, ad Aristotele, con la sua rivalutazione dell'esperienza come fonte di conoscenza. È tuttavia alla fine del Seicento che si assiste ad una migliore definizione, in senso moderno, del problema: da un lato abbiamo la radicale confutazione, su base empiristica, dell'innatismo da parte dell'inglese John Locke (1632-1704) nel primo libro de An Essay Concerning Human Understanding, con argomentazioni che riteniamo ancora oggi valide e conclusive; dall'altro lato abbiamo la riaffermazione idealistica su base razionalistica (la "mente" fa le veci delle "idee" di Platone ed è distinta dal "corpo" fisico), dell'innatismo da parte di Cartesio (cfr. anche Descartes' Epistemology), o meglio René Descartes (15961650). Comportamentismo e funzionalismo in psicologia. È soprattutto nella psicologia del Novecento, tuttavia, che il dibattito delineato nel paragrafo precedente ha trovato espressioni che sono state spesso trasportate anche nella teoria e nella pratica della linguistica. Un valoroso tentativo di fondare la psicologia su basi empiriste è il comportamentismo (o behaviourismo), una teoria psicologica fondata dall'americano John Broadus Watson (1878-1958) nel 1913 (con l'articolo Psychology as a Behaviorist Views It, in " Psychological Review" XX (1913) 158-77), e sostenuta poi in termini più radicali da Burrhus Frederik Skinner (1904-90). Il postulato fondamentale, d'altra parte, del behaviourismo è solo che (1) la psicologia studia il comportamento e non la mente, e che (2) le fonti del comportamento sono esterne, nell'ambiente, e non interne, nella mente. Nelle sue formulazioni più radicali (e non condivisibili), viene tuttavia anche sostenuta la posizione che (3) non esiste (e non solo che non è direttamente studiabile) altra attività mentale al di fuori dei comportamenti. Come che sia, in questo quadro teorico il comportamento può essere spiegato senza fare riferimento ad eventi mentali interni: empiristicamente, dunque, si vuole limitare il ricorso della psicologia ai soli dati osservabili ed eliminare il problema del dualismo tra "mente" e "corpo" introdotto da Cartesio "riducendo" la mente al comportamento. Siamo, in ultima analisi, di fronte ad un tentativo di riduzione del mentale analogo, come strategia, ma ben diverso nella sostanza, a quello che compieranno i filosofi (come Chomsky) "naturalizzatori": gli uni riducono gli stati mentali a comportamenti (cioè alle loro manifestazioni), gli altri direttamente ad oggetti naturali. È, da questo punto di vista, significativo che il programma behaviourista entri in crisi negli anni '60 proprio quando la grammatica generativa, il cognitivismo ed il funzionalismo computazionale prendono vigore: anzi, se si volesse assegnare una data di morte questa dovrebbe essere il 1959, in 9
  • cui viene pubblicata una tranciante recensione, a mano del giovane Chomsky (Syntactic Structures è di soli due anni prima) di Verbal Behaviour di Skinner (in "Language" XXXV (1959) 26-58). Di vero decesso, però, non è forse il caso di parlare dato che una forma ammodernata, molto più moderata (che tiene buono solo il punto 1, e riformula il 2, del programma originario) di behaviourismo è oggi risorto ed è una delle scuole psicologiche attualmente più influenti: il neocomportamentismo. Oltre al behaviourismo un'altra teoria meno radicale ma ugualmente "riduzionista" è il funzionalismo, in quanto riduce gli stati mentali a stati funzionali anziché a comportamenti; e dire "stati funzionali" vuole in generale dire 'stati non sempre riconducibili a motivazioni empiriche dirette': le "funzioni" sono pertanto di solito più complesse, nella loro origine e nel loro ruolo, dei semplici schemi "stimolo-risposta" del behaviourismo. In realtà, si dovrebbe parlare di vari tipi di funzionalismo, dato che se ne sono date diverse forme nella storia del pensiero novecentesco. Almeno due accezioni principali vanno considerate tra le molte. Il "primo" funzionalismo, come potremmo chiamarlo, o "funzionalismo classico", è quello fondante, fortemente legato alla filosofia americana di fine Ottocento ed alla tradizione del pragmatismo. È stato principalmente espressa ne The principles of Psychology (1890) di William James e ne The New Psychology (1884) di John Dewey. Per riassumere drasticamente, potremmo dire che, in una prospettiva al contempo pragmatista ed evoluzionista, questa teoria sosteneva che le funzioni mentali sono attività globali e non scomponibili (ossia non interpretabili se non olisticamente), ossia "processi dinamici" di carattere strumentale utili all'adattamento. Accanto a questa prima varietà tardo-ottocentesca ed evoluzionista, l'altra forma importante di funzionalismo è quella del funzionalismo computazionale (o "funzionalismo da macchina di Turing") proposto negli anni '60-'70 del Novecento dal filosofo e matematico Hilary Whitehall Putnam (nato il 31 luglio 1926), una delle figure più importanti della filosofia analitica dei nostri giorni. In questa teoria le "funzioni" sono considerate, anziché delle reazioni adattive, come delle specie di programmi, la mente come una sorta di computer, (o meglio, come la sua forma più semplice: la "macchina di Turing") e gli uomini come sostanzialmente degli "automi probabilistici". La macchina di Turing è così chiamata dal matematico Alan Turing (1912-1954) che la propose nel 1936 diventando di fatto il padre dei computer moderni. La sua macchina, antenato dei nostri computer, è un semplice automa a stati finiti una macchina di Turing per il calcolo dell'addizione «A Turing machine is an abstract representation of a computing device. It consists of a read/write head that scans a (possibly infinite) one-dimensional (bidirectional) tape divided into squares, each of which is inscribed with a 0 or 1. Computation begins with the machine, in a given "state", scanning a square. It erases what it finds there, prints a 0 or 1, moves to an adjacent square, and goes into a new state. This 10
  • behavior is completely determined by three parameters: (1) the state the machine is in, (2) the number on the square it is scanning, and (3) a table of instructions. The table of instructions specifies, for each state and binary input, what the machine should write, which direction it should move in, and which state it should go into. (E.g., "If in State 1 scanning a 0: print 1, move left, and go into State 3".) The table can list only finitely many states, each of which becomes implicitly defined by the role it plays in the table of instructions. These states are often referred to as the "functional states" of the machine. A Turing machine, therefore, is more like a computer program (software) than a computer (hardware).» Putnam, in realtà (Shangrir 2005 cit.) sviluppa la sua teoria in due fasi. Nei primi scritti si limita a proporre l'analogia tra menti e macchine. È solo negli scritti successivi che Putnam mette in campo una vera teoria sulla natura degli stati mentali ed identificandoli con gli stati funzionali. Il funzionalismo computazionale, va infine detto, ha avuto molto successo fino agli anni Settanta ed Ottanta, ma è oggi considerato abbastanza superato, e Putnam stesso negli anni Novanta se ne è esplicitamente distaccato. I tentativi, in effetti, anche se da un certo punto di vista nobili, del behaviourismo e del funzionalismo, non risolvono certo tutti i problemi, ad esempio il primo non rende conto degli stati mentali non accompagnati da comportamento, ed il secondo tanto degli stati mentali soggettivi e privati quanto degli stati intenzionali come le credenze ed i desideri. Entrambi questi punti sono stati dimostrati dal filosofo John Searle con il famoso "esperimento mentale della Camera Cinese" (J. Searl, Minds, Brains and Programs, in "Behavioural and Brain Sciences" III (1980) 417-457 e The Chinese Room Revisited, ibidem V (1982) 345-348), indirizzato, in realtà, soprattutto contro il "funzionalismo da macchina di Turing". «Immaginate di essere chiusi a chiave in una stanza che ha due finestre; attraverso una delle due finestre vi passano un fascio di fogli con dei segni che sembrano scrittura. Si trattano in effetti di ideogrammi cinesi, ma voi non sapete il cinese: per voi sono solo dei ghirigori senza senso. Ma vi vengono anche passate delle istruzioni (scritte in italiano, che voi conoscete) che vi dicono come fare corrispondere i segni che entrano dalla prima finestra a degli altri segni, per voi non meno incomprensibili, che vi si chiede di far passare attraverso l'altra finestra. Dopo un po', diventate abilissimi a seguire le istruzioni, sicché la messa in corrispondenza dei segni si svolge molto velocemente; ma ancora non capite che cosa sta succedendo. Ora, si scopre che la prima serie di segni erano domande (in cinese), e le istruzioni vi insegnavano a far loro corrispondere le risposte pertinenti (erano i segni che facevate passare dalla seconda finestra). Non sapevate il cinese prima, e continuate a non saperlo ora nonostante l'abilità che avete acquisito nel far corrispondere le due serie di segni; siete certamente in grado di manipolare i segni molto rapidamente seguendo le istruzioni che avete ricevuto, ma ancora non li comprendete. Ora, secondo Searle un computer su cui è implementato un sistema di comprensione del linguaggio naturale è esattamente nelle vostre condizioni: è in grado di manipolare simboli (che identifica in base alla loro forma) secondo regole tanto da emulare una seduta di domande e risposte, o qualsiasi altra prestazione linguistica; ma non capisce i simboli che manipola più di quanto voi, chiuso nella stanza, comprendiate il cinese.» (Diego Marconi in La competenza lessicale, Roma - Bari, Laterza, 1999, pp. 161-2) 11
  • 1.4.5 Apprendimento ed innatismo in grammatica generativa. Ad ogni buon conto, pur tra singoli problemi, il panorama della scena filosofica e psicologica fino all'inizio degli anni Sessanta del Novecento, era dunque sostanzialmente dominato da teorie di tipo empiristico, per cui tutti gli stati mentali sono determinati dall'esterno da fatti del mondo, apprendimento del linguaggio compreso. A spezzare il fronte è stato nel 1957 Noam Chomsky (di cui già abbiamo parlato) con la linguistica generativa, cui presto si alleeranno il cognitivismo in psicologia, la filosofia e le altre scienze cognitive. Avendendo visto nel la filiazione filosofica platonico-cartesiana dell' innatismo, è facile immaginare come Chomsky non possa non posizionarsi su questa linea. Al di là delle sue preferenze filosofiche, comunque, l'argomento principe che Chomsky usa è di tipo piuttosto empirico che non teorico. Si tratta della facilità con cui un bambino impara uno strumento complesso come il linguaggio in relativamente poco tempo ed in modo naturale e spontaneo (l'adulto è limitato alla correzione sporadica, non interviene remunerando od allenando), soprattutto paragonata alla difficoltà con cui un adulto impara una lingua straniera: l'output (strutture linguistiche che il bimbo produce) sembra superare l'imput (stimolo dato dalle persone che circondano il bimbo). Si vedano a questo punto le pp. 85-104 del Musgrave (in allegato) 12
  • Noam Chomsky, La linguistica contemporanea intervista rilasciata a Cambridge - U.S.A. il 28-5-92 Enciclopedia Multimediale delle scienze Filosofiche A chi dobbiamo, Professor Chomsky, i contributi più significativi nello studio del linguaggio in epoca moderna? All'inizio dell'Ottocento un grande linguista, Karl Wilhelm von Humboldt, osservò che il linguaggio in qualche modo ci fornisce dei mezzi finiti per usi infiniti. I mezzi che abbiamo per esprimerci sono collocati nel cervello, il che significa che sono finiti, mentre l'uso per il quale possiamo impiegarli è illimitato, sconfinato e infinito. Già Cartesio però sosteneva che per capire se un'altra creatura avesse una mente come la nostra, la migliore indicazione stesse proprio nel suo poter usare il linguaggio in quel modo creativo così caratteristico degli esseri umani. Egli intendeva un'uso del linguaggio prima di tutto infinito e, in secondo luogo, evidentemente non causato da situazioni esterne né da una disposizione interna. Ci può dire invece quando ci si è posti la domanda di come si sia formata questa attitudine? La questione di come possa essersi sviluppata questa capacità creativa riguarda un altro aspetto dello stesso problema, che può essere fatto risalire, ancora più in là di Cartesio, ai dialoghi Platonici. In questo senso l'interrogativo si estende anche alla spiegazione di come sia possibile agli uomini comprendere la grande quantità di cose che di fatto comprendono, dato il carattere limitato dell'esperienza disponibile. Se si considera più da vicino il linguaggio, infatti, è possibile dimostrare facilmente che qualsiasi bambino piccolo usa quei mezzi finiti per esprimere alcuni pensieri limitati senza avere quasi nessuna esperienza pertinente. Quello che si potrebbe definire "il problema di Platone", e cioè la domanda, "Come è possibile sapere tante cose avendo esperienze così minime?" può essere trasferita nel linguaggio traducendola nella formula seguente: "Come si possono sviluppare i mezzi finiti che ci mettono in grado di esprimere pensieri illimitati in maniera creativa, non causata, ma appropriata?". Fino a circa cinquanta anni fa non è stato mai possibile affrontare in modo molto preciso tali questioni fondamentali, che pure sono state sollevate più volte nel corso del tempo. L'idea, infatti, di un uso infinito di mezzi finiti rimase una metafora fino al ventesimo secolo. Da allora questo concetto è stato chiarificato anche in altri campi quali la matematica, lo studio dei sistemi logici e la computazione. Quali effetti ha prodotto in linguistica questa impostazione del problema? Il concetto di un uso infinito di mezzi finiti divenne molto chiaro e comprensibile. Esso fornì gli strumenti intellettuali per affrontare quei problemi che Humboldt, per esempio, riuscì a discutere solo in modo metaforico e creò così le condizioni per convertire quelle domande in un programma di ricerca veramente vivo. Solo allora, infatti, fu possibile formulare un progetto di ricerca specifico, il programma di grammatica generativa, con il quale si è cercato di definire l'esatto sistema di principi e di modi di computazione usati dal cervello nell'esprimere pensieri in quel modo illimitato. Non appena si giunse a questo risultato, ci si accorse presto del fatto che il materiale disponibile nelle grammatiche tradizionali o anche, in maggior copia, nelle grammatiche strutturalistiche moderne, non si avvicinava 13
  • nemmeno lontanamente alla quantità di conoscenze di cui dispone ogni persona normale o, di fatto, ogni bambino piccolo. Dalla formulazione precisa di questi principi, che collocavano il problema su una scala diversa da quella che si poteva immaginare, si arrivò ad approfondire il "problema di Platone", il render conto di come questa capacità umana si fosse sviluppata. Le conclusioni a cui si giunse riguardo tale questione non furono poi diverse da quelle a cui giunse lo stesso Platone e cioè che questa capacità ha potuto svilupparsi sulla base dell'esperienza solo perché era già presente come parte di ciò che oggi chiameremmo la dotazione biologica o genetica. Questi concetti furono sviluppati in quella che fu definita la "rivoluzione cognitivista" degli anni '50 e che rappresentò un cambiamento di prospettiva alquanto significativo in relazione allo studio del comportamento, del pensiero e dell'intelligenza umana. Si spostò l'attenzione dai comportamenti ai meccanismi interni che rendono possibile quei comportamenti, e lo sviluppo della grammatica generativa interna rientrò in questo programma rappresentando, di fatto, un grande stimolo allo sviluppo delle moderne scienze cognitive. Da quel periodo in poi abbiamo assistito a molti sviluppi importanti nel tentativo di formulare i principi che realmente rendono conto della nostra conoscenza delle frasi espressive e di ciò che esse significano. Ci si rese conto di come la complessità di questi meccanismi andasse molto aldilà di quanto potessimo mai immaginare. Professor Chomsky, secondo quali principi funziona il linguaggio nell'ottica della grammatica generativa? Qualsiasi sia l'aspetto del linguaggio che noi consideriamo, si tratti del significato delle parole o del modo in cui le parole si combinano in frasi, del modo in cui si possano formare certe costruzioni, come nel caso delle domande o anche delle relazioni semantiche tra parole, oppure si tratti delle relazioni tra un pronome e un antecedente o un nome, ci si affaccia subito su un vasto orizzonte di complessità. Alle questioni tradizionali - come quelle citate - sono connessi, inoltre, una serie di paradossi. Uno è quello per cui sembra di essere costretti a creare sistemi di regole estremamente intricati e complessi, in parte condivisi dalle varie lingue, e in parte differenti da lingua a lingua. I tentativi comunque di affrontare gli interrogativi connessi al "problema di Platone", di come si faccia ad acquisire il sapere, solo nel corso degli ultimi quarant'anni sono andati avanti seguendo un percorso naturale e abbastanza proficuo, cioè secondo un'idea di base che era quella di cercare di dimostrare che le regole semplici erano quelle veramente giuste. Lo sforzo è consistito nel mostrare l'esistenza di una regola elementare e di una semplice relazione strutturale tra i vari fattori, che sono universali e fissati in modo semplice nella natura del linguaggio, per cui questi interagiscono in svariate maniere in modo da rendere il ventaglio delle complessità fenomeniche. Questo, si dimostrò un programma di ricerca molto proficuo, col quale si proseguì per circa venticinque anni in modo attivo, su una varietà crescente di lingue, a partire dagli anni '50. Attorno al 1980, questo indirizzo giunse a una sorta di punto di svolta evidenziando un nuovo quadro che indicava una rottura davvero radicale rispetto alla tradizione dei duemila e cinquecento anni precedenti. Secondo questi nuovi orientamenti quali erano gli elementi innati e quali quelli da acquisire nell'apprendimento del linguaggio? I bambini possiedono già disponibili i concetti, come parte della loro natura interna e, pur con una quantità limitata di esperienza, sono in grado di legare questi concetti con suoni particolari. Essi, nei periodi di più intenso apprendimento acquisiscono circa dieci nuove parole al giorno nel loro ambiente; il che significa che stanno acquisendo parole sulla base 14
  • di una singola esposizione e che perciò alla base devono già avere fissi il concetto e la struttura sonora. Ciò che invece imparano è il legare le due cose tra loro, acquisiscono cioè il legame tra concetto e struttura sonora. C'è un aspetto per il quale le lingue variano ma, al di fuori di questo aspetto, sembra che le loro variazioni esistano soltanto nei tratti periferici delle parti non sostantive del lessico. Quali sono propriamente gli aspetti del significato per cui le lingue differiscono e quelli per i quali invece si assomigliano? Come per i sistemi computazionali, le diverse lingue non differiscono affatto, se non per alcune variazioni marginali, come per esempio il caso delle parole "house" e "home" in inglese. Per spostare una "house" da New York a Boston è necessario spostare un oggetto fisico, mentre per spostare una "home" non c'è affatto bisogno di spostare alcun oggetto fisico, pur essendo anche "home", in inglese, un oggetto fisico. La differenza tra "house" e "home" è una differenza che il bambino deve acquisire. In altre lingue l'equivalente della parola "home" è di fatto un avverbio, come nel caso del francese "chez moi" o come nel caso dell'italiano, "vado a casa" dove, in quest'espressione, all'oggetto concreto viene data un'interpretazione astratta. Nella lingua, secondo il concetto saussuriano di arbitrarietà, Z3:0 "house" può avere un certo suono in inglese e un diverso suono nella lingua vicina e le strutture sonore possono variare in un certo margine. Le parole possono essere imparate molto rapidamente, perché essenzialmente esse sono già note mentre la sola cosa che va conosciuta è come i concetti si legano ai suoni e il modo di sistemare il ventaglio di variazioni esistenti, per quanto ridotto. Posto dunque che il sistema computazionale è fissato e la variazione pare essere così come essa si manifesta nella sua articolazione in suoni e posto che anche nella mente le cose paiono procedere nello stesso modo è possibile, partendo da queste premesse, affrontare quello che è stato definito "il problema di Platone" che è lo stesso problema sollevato da Humboldt. A questa domanda si risponde essenzialmente con la natura del sistema computazionale che ha precisamente la proprietà di generare una serie illimitata di pensieri che possono essere espressi con un meccanismo finito. Al problema posto da Cartesio circa la creatività dell'uso linguistico è più difficile rispondere. E' possibile, infatti, parlare del tempo, di ciò che si mangia a cena e di qualsiasi cosa senza che ci sia nulla nello stato interno di chi parla che possa determinare ciò che si sta per dire. Da ciò deriva un comportamento fondamentalmente libero e non casuale appropriato però alle situazioni. Un comportamento tale da evocare nelle menti di chi ascolta pensieri che egli, prima di allora, non avrebbe mai avuto ma che può adesso pensare e che avrebbe potuto esprimere nello stesso modo. Per Cartesio questa collezione di proprietà diventò l'indicazione dell'esistenza di una mente distinta da un meccanismo. La domanda su come ciò sia possibile resta oggi misteriosa quanto allora e si può semplicemente osservare che queste sono le proprietà di cui evidentemente gode il linguaggio. Per il momento, rimane ancora un mistero il modo in cui un meccanismo biologico possa avere simili proprietà. 15
  • _______________ Chomsky etc – a cura I Steila, docente Università di Torino Nella riabilitazione della postulazione di oggetti mentali nella spiegazione dei processi cognitivi, ebbe un ruolo decisivo il linguista americano Noam Chomsky (1928-) Nel 1959 Chomsky pubblica una recensione del Comportamento verbale di Skinner, in cui critica assai duramente il comportamentismo. «Per quanto riguarda l’acquisizione del linguaggio, sembra chiaro che il rinforzo, l’osservazione casuale, e la naturale curiosità (accoppiate con una forte tendenza all’imitazione) sono fattori importanti, come lo è la notevole capacità da parte del bambino di generalizzare, ipotizzare ed “elaborare le informazioni” in una varietà di modi molto specifici e chiaramente assai complessi che non possiamo ancora descrivere o cominciare a comprendere, e che possono essere in gran parte innati o possono svilupparsi attraverso qualche tipo di apprendimento o attraverso la maturazione del sistema nervoso. Il modo in cui tali fattori operano ed interagiscono nell’acquisizione del linguaggio è completamente sconosciuto. E’ chiaro comunque che ciò che è necessario in questo caso è la ricerca, non le affermazioni dogmatiche e del tutto arbitrarie basate su analogie con quella piccola parte della letteratura sperimentale alla quale capita di interessarsi.» Secondo Chomsky per spiegare l'acquisizione del linguaggio bisogna supporre che la mente dei bambini sia dotata di dispositivi innati, di regole che determinano a priori le strutture grammaticali possibili. La prima esposizione della teoria generativista risale a Le strutture della sintassi del 1957, in cui Chomsky prospettò la sua dottrina della grammatica generativo-trasformazionale. La grammatica universale è una teoria della facoltà del linguaggio, il modulo - relativamente isolato - della mente umana devoluto alla conoscenza linguistica. 16
  • Prima considerazione critica all’ipotesi di Chomsky E. Coco Martin Hollins e Steven Lukes, non meno di altri autori (si pensi a Chomsky) hanno ipotizzato l’esistenza di “universali culturali” comuni e uguali in tutti gli esseri umani. Tali universali garantirebbero un’intesa sicura tra soggetti appartenenti a culture differenti. Un esempio di tale intesa si manifesta allorché si provi a tradurre per la prima volta parole in una lingua del tutto sconosciuta. Da dove cominciare infatti se non si dispone di nessuna parola di partenza con cui descrivere il significato delle altre? Si può rispondere a questo tema anti-relativista – come fanno Barnes e Bloor – osservando le modalità di apprendimento del linguaggio. Il bambino, infatti, non si richiama ad un universali culturali, ma apprende dagli adulti come associare una parola ad un determinato significato. L’esempio riportato è quello del sostantivo “uccello”. Eventuali errori, come chiamare uccello un aeroplano, saranno prontamente corretti dai genitori o dagli altri appartenenti alla comunità. L’apprendimento del linguaggio (e a maggior ragione ogni tipo di traduzione) è quindi determinato dall’ambiente in cui viviamo e dagli individui che ci circondano. _______________________________________________________________________ LINGUISTICA: DA ROCHESTER E S. DIEGO L'ULTIMO ATTACCO ALLA TEORIA INNATISTA DI CHOMSKY (di Carlo CALABRÒ ) Sono trascorsi esattamente quarant'anni da quando Noam Chomsky, pubblicando il volume Syntactic Structures, rivoluzionava irreversibilmente il mondo della ricerca sulla linguistica introducendo il concetto e la teoria della costruzione della grammatica generativo-trasformazionale. Il mondo della ricerca, entrato immediatamente in ebollizione, percepì che quella elaborazione teorica così innovativa avrebbe rappresentato il nodo cardanico su cui sarebbero confluiti gli strali di tutte le correnti di pensiero interessate ad un immediato ridimensionamento dei suoi contenuti. Oggi sono attivi in tutto il pianeta oltre mille specialisti della linguistica raggruppati in varie scuole di pensiero e tutti, per un verso o per l'altro, sono tributari della "rivoluzione chomskiana". Ma vediamo quali sono i lineamenti essenziali della teoria della linguistica generativotrasformazionale che hanno segnato una svolta epocale nella metodologia di ricerca sul linguaggio che, da Platone, Aristotele e dagli stoici fino agli anni `50, ha seguito uno sviluppo di impronta filosofica, basato fondamentalmente sull'idea che il linguaggio sia una riproduzione di immagini mentali e, pertanto, dimensionato sulla logica e sulla diversificazione fra tre elementi costitutivi determinanti: il segno, il significante ed il significato. L'ipotesi di fondo su cui Chomsky ha impostato la teoria della grammatica generativa, connotata come "teoria standard" , assume la competenza quale elemento discriminante principale di cui ogni parlante nativo di un idioma linguistico dispone per il riconoscimento e l'etichettamento dei sintagmi grammaticali e contestualmente evidenzia che la prerogativa cognitiva gli consente la loro distinzione dalle sequenze a-grammaticali. Assolvono una funzione eminentemente esecutiva e rimangono estranei alla "realtà psicologica" tutti i processi di costruzione e percezione della fraseologia utilizzata nella interazione con il contesto ambientale e con i gruppi sociali. Numerose indagini sperimentali di verifica cui è stata sottoposta la "teoria standard" hanno sottolineato che alcuni fenomeni linguistici non obbediscono ai protocolli di indagine. 17
  • Chomsky, incalzato dalle obiezioni che da più parti piovono addosso alla sua dottrina, appronta una proposta evolutiva della teoria innatista originaria denominandola "teoria standard estesa" nella quale, armonizzando gli studi fatti da R.S. Jackendoff, R.C. Dowgherty e J. Emonds, esamina la possibilità di dimostrare l'esistenza di principi a valenza universale (rintracciabili in lingue di ceppo diverso) e non oggettivabili sulla scorta di dati esperienziali, che possano essere definiti innati. Al termine di un tormentato percorso di indagine individua alcuni principi di tipo biologico che farebbero parte integrante del patrimonio genetico del genere umano e che nel loro insieme delimitano la regione cognitiva, qualificata come "grammatica universale" che funge da cornice all'interno della quale i diversi linguaggi hanno la facoltà di differenziarsi, trasformarsi, evolversi e predisporre i meccanismi di base per ulteriori costruzioni marginali o interventi di ristrutturazione radicale soggiacenti alla discontinuità generazionale (molti autori, sulla scorta della formulazione chomskiana, annettono molta importanza alla circostanza che ogni generazione deve percorrere un iter di maturazione che gli consente di acquisire ex novo la lingua e alla predisposizione del bambino ad armonizzare i paradigmi sintattici e tassonomici che implicano la propensione ad innovare semplificando). Nel corso dei decenni larghe schiere di studiosi hanno dato vita ad un vivacissimo dibattito ideologico che ha fatto di Chomsky e della sua teoria innatista il bersaglio preferito dei tentativi di falsificazione della grammatica generativo-trasformazionale. Ultimo in ordine di tempo e probabilmente il più incisivo e gravido di conseguenze lo studio di alcuni ricercatori dell'Università di Rochester i quali, in una ricerca condotta in ambiente sperimentale appositamente predisposto, sottoponendo bambini di 8 mesi all' ascolto di una serie di cluster di sillabe ripetute ad intervalli di frazioni di secondo e mescolate ad interferenze acustiche (rumori di sottofondo) hanno constatato che i bambini, dopo 120 secondi di martellanti input, non solo sono in grado di riconoscere l'inizio e la fine di una parola, ma riescono a distinguerla ed estrapolarla dal contesto. L'esperimento è stato sottoposto, successivamente, alla valutazione di E. Bates e J. Elman, psicologi di scuola cognitivista dell'Università di S. Diego. Essi, dopo un' attenta analisi, non hanno esitato ad affermare che, in effetti, se l'esperimento dovesse avere ulteriori conferme, rimetterebbe in discussione la teoria innatista di Chomsky e avvalorerebbe la tesi dell'apprendimento progressivo del linguaggio. Chomsky, trovandosi in Italia nel mese di gennaio per una serie di conferenze all'Università di Milano, coglie l'occasione offertagli dalla domanda di uno studente per controbattere per la prima volta ai severi attacchi provenienti da Rochester e da S. Diego. Egli contesta che i riscontri sperimentali dei ricercatori di Rochester sono viziati dalla approssimazione con cui è stato predisposto l'impianto scenografico della somministrazione dello stimolo e che, comunque, un isolato esperimento, non confortato dai risultati di ulteriori indagini, non possa costituire elemento di apodittica certezza circa la confutazione delle tesi esposte nella teoria della grammatica generativa. Senza contare che la supposta capacità di elaborazione statistica dei dati, dimostrata dai bambini, non fa altro che confermare che è prerogativa biologica e genetica dell'uomo il possesso del corredo di Immagini Mentali che gli permettono di elaborare le categorie del linguaggio e gli consentono di interagire con il contesto in cui si sviluppa la sua personalità e di modulare gli interventi correttivi, adattandoli alle proprie esigenze di crescita. L'antica disputa tra sostenitori dell' innatismo e dell' apprendimento che ha appassionato i filoni teorici della ricerca non solo nell' area linguistica, ma anche e soprattutto, in quella psicologica e antropologica, si arricchisce di un nuovo capitolo che rende sempre più affascinanti le problematiche emergenti dal dibattito epistemologico in corso. 18