L’armistizio	  dell’8	  settembre	  1943	                                                                        	        ...
Conseguentemente	  ogni	  atto	  di	  ostilità	  contro	  le	  forze	  angloamericane	  deve	  cessare	  da	   parte	   de...
storico	  ed	  ex	  deportato	  Claudio	  Sommaruga,	  vennero	  internati	  nei	  lager	  del	  Terzo	  Reich.	  L’evento...
 	                                                           Il	  rifiuto	  alla	  RSI	  	  Immediatamente	  dopo	  la	  c...
«dignità»,	   «solidarietà	   di	   gruppo»),	   il	   24%	   per	   motivi	   ideologici	   («anti-­‐nazifascismo»,	   «c...
sicurezza.	  Nelle	  stive	  alcuni	  energumeni,	  armati	  di	  bastoni,	  stipavano	  fino	  all`orlo	  gli	   italiani...
«Per	  ordine	  del	  Fuhrer	  e	  con	  effetto	  immediato,	  i	  prigionieri	  di	  guerra	  italiani	  non	  devono	  ...
ricevevano	   pacchi	   con	   una	   certa	   regolarità	   dalla	   Croce	   rossa	   o	   dai	   rispettivi	  governi	 ...
controllare	  l`intera	  area	  interna	  al	  lager,	  illuminandola	  con	  un	  riflettore	  di	  notte;	  sulle	   torr...
aggiungere	  le	  continue	  minacce,	  umiliazioni,	  violenze	  e	  pressioni	  psicologiche	  da	  parte	  dei	  nazist...
nero	  di	  segala,	  una	  fede	  matrimoniale	  per	  un	  paio	  di	  chili	  di	  fagioli,	  una	  catenina	  doro	  p...
espedienti	  ed	  attingendo	  alle	  proprie	  risorse	  corporee	  dell’ordine	  di	  80.000	  kcal	  utilizzabili.	   I...
La	  causa	  di	  ciò	  va	  individuata	  nel	  fatto	  che	  gli	  italiani	  giunsero	  a	  Oberhausen	  in	  uno	   st...
sua	   durata	   dipende	   dalla	   struttura	   del	   lager...	   Tutte	   le	   circostanze	   che	   possono	  abbrev...
ribellano	   e	   vengono	   subito	   fucilati.	   In	   questo	   scenario	   mobile,	   i	   nazisti	   hanno	  anche	 ...
temibili	   V2,	   i	   missili	   a	   cui	   Hitler	   aveva	   affidato	   le	   ultime	   speranze	   di	   vincere	   ...
La	  liberazione	                                                                              	  La	  liberazione	  dei	 ...
destinazioni	   interne	   al	   paese.	   Nella	   sostanza,	   nel	   caos	   dellItalia	   del	   primo	  dopoguerra,	 ...
“Ma	   chi	   sono	   mai?	   –	   si	   chiedeva	   il	   governo	   –	   fascisti…	   comunisti…	   gli	   avranno	  lav...
politica	   i	   diversi	   schieramenti	   in	   campo	   esaltarono	   (giustamente,	   ma	   anche	  appropriandosene	 ...
il	  filosofo	  Enzo	  Paci,	  il	  musicista	  Mario	  Pozzi,	  gli	  scrittori	  Roberto	  Rebora,	  Mario	  Rigoni	  St...
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Approfondimento storia contemporanea
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Approfondimento storia contemporanea

1,890 views
1,795 views

Published on

La storia negata...i militari internati italiani che iniziarono a resistere da partigiani...per chi vuole sapere oltre che ricordare qualcosa che non vedrà in tv

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,890
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Approfondimento storia contemporanea

  1. 1. L’armistizio  dell’8  settembre  1943      Questo  è  un  anno  importante  per  la  svolta  della  guerra.  In  particolare,  sono  due  gli  eventi  che  cambieranno  le  sorti  dell’Italia  nel  ‘43:   1. Il   10   luglio   1943   è   la   data   dello   sbarco   delle   truppe   alleate   in   Sicilia   nella  zona  del  siracusano  e  dell’agrigentino.   2. Il  25  luglio  dello  stesso  anno  Mussolini  si  dimette.  Mussolini  si  presenta   al   colloquio   settimanale   che   aveva   con   il   re   Vittorio   Emanuele   III,   (perché   solo   il   re   poteva   decidere   se   mantenere   un   governo   o   destituirlo)  pensando  che  gli  avrebbe  confermato  la  fiducia,  ma  stavolta   il   re   gli   chiede   di   dimettersi   e   di   nominare   Badoglio   come   capo   del   governo,  che  si  era  distinto  durante  la  prima  guerra  mondiale.  A  questo  punto  si  crea  una  situazione  difficile  in  Italia,  perché  gli  alleati  sono  in  Sicilia   e   avanzano,   essi   riescono   ad   occupare   tutta   l’isola   ed   inoltre   essi   si  apprestano  a  preparare  un  altro  sbarco  nel  continente  per  cacciare  i  tedeschi.  Qui  si   vede   la   difficoltà   che   ha   il   governo   italiano   con   Badoglio   ad   affrontare   la  situazione  poiché  da  una  parte  si  voleva  trattare  la  resa  con  gli  americani  e  quindi  si   voleva   la   pace,   ma   dall’altra   parte   Badoglio   dichiara   che   la   guerra   sarebbe  continuata  a  fianco  della  Germania,  sperando  di  tranquillizzare  Hitler  ed  i  nazisti.  Questa   situazione   ambigua   durerà   fino   il   3   settembre   quando   viene   firmato   a  Cassibile   in   provincia   di   Siracusa   l’armistizio.   Inizialmente   l’armistizio   venne  tenuto   segreto   perché   l’Italia   era   piena   di   tedeschi   e   le   loro   azioni   contro   gli  italiani  sarebbero  state  da  subito  evidenti  e  immediatamente  attuate  e,  dall’altra  parte   gli   americani   erano   solo   in   Sicilia   e     non   ancora   nella   parte     continentale  dell’Italia.   Il   patto   iniziale   prevedeva   quindi   che   l’Italia   doveva   arrendersi   senza  condizioni,  assumendo  il  ruolo  di  cobelligerante,  una  sorta  di  alleata  di  serie  “B”.  Tuttavia   questo   era   uno   status   ambiguo.   Solo   cinque   giorni   dopo,   cioè   l’8  settembre   1943   alle   ore   19.45   dai   microfoni   dellE.I.A.R.,   il   Maresciallo   Pietro  Badoglio  comunicò  agli  italiani  che:  «Il  governo  italiano  riconosciuta  l`impossibilità  di  continuare  l`impari  lotta  contro  la  schiacciante  potenza  avversaria,  nell`intento  di  risparmiare  ulteriori  e  più  gravi  danni  alla  nazione,  ha  chiesto  larmistizio  al  generale  Eisenhower,  comandante  in  capo   delle   forze   alleate   angloamericane.   La   richiesta   è   stata   accolta.     1  
  2. 2. Conseguentemente  ogni  atto  di  ostilità  contro  le  forze  angloamericane  deve  cessare  da   parte   delle   forze   italiane   in   ogni   luogo.   Esse   però   reagiranno   a   eventuali  attacchi  da  qualsiasi  altra  provenienza».  Il  re  Vittorio  Emanuele  III  fuggiva  a  Brindisi  e  il  23  settembre  Mussolini  proclama  la   Repubblica   Sociale   Italiana   (RSI),   conosciuta   anche   come   Repubblica   di   Salò,  rivendicando   la   propria   sovranità   (specialmente   nei   territori   del   nord   Italia)    sostenuto   da   Hitler   e   dall’esercito   tedesco.   In   questo   caos,   ancora   una   volta,  l’esercito  italiano  fu  lasciato  solo  e  privo  d’indicazioni.  Non  tutte  le  truppe,  infatti,  vennero   avvisate   che   dovevano   disarmarsi,   dissolvere   l’esercito,   scappare   e  tornare  a  casa.  Accadde  infatti  che  molti  italiani  vennero  catturati  dai  tedeschi.       La  “resistenza”  degli  IMI    Le   parole   di   Badoglio   gettarono   lItalia   nel   caos   più   completo   e   scatenarono  l`immediata   reazione   della   Germania   nazista:   mentre   il   re   e   il   governo   lasciavano  Roma,  i  tedeschi  scatenarono  la  controffensiva.  In  pochi  giorni  le  truppe  italiane,  prive  di  ordini  precisi,  furono  facile  preda  delle  milizie   naziste.   Oltre   alla   disorganizzazione,   alle   carenze   strutturali   del   regio  esercito   e   all’incapacità   dei   comandi   italiani   di   gestire   la   situazione,   in  quelloccasione   pesò   anche   il   comportamento   disonesto   degli   ufficiali   tedeschi   i  quali  promisero  in  perfetta  malafede  ai  loro  ex  alleati  che  li  avrebbero  rimpatriati  una   volta   consegnate   le   armi.   Nella   «retata»   organizzata   dai   nazisti   caddero  migliaia  e  migliaia  di  soldati:  «Consegnarono   le   armi   circa   416   mila   italiani   in   Italia,   nella   zona   di   Roma   e  nellItalia   meridionale   ne   furono   disarmati   circa   102   mila,   nella   Francia  meridionale  non  più  di  59  mila  e  nei  Balcani  e  nelle  isole  del  Mediterraneo  orientale  circa   430   mila.   Complessivamente   furono   disarmati   quindi   1   milione   e   7   mila  italiani»  .  Tra  i  disarmati  una  parte  accettò  di  restare  al  servizio  dei  tedeschi  o  di  passare  alle   milizie   fasciste,   unaltra   riuscì   in   qualche   modo   a   sottrarsi   alla   prigionia,  mentre   una   terza,   quella   più   numerosa   conobbe   la   tragica   esperienza   della  deportazione:  tra  soldati  e  ufficiali,  circa  716  mila  uomini,  secondo  il  calcolo  dello     2  
  3. 3. storico  ed  ex  deportato  Claudio  Sommaruga,  vennero  internati  nei  lager  del  Terzo  Reich.  L’evento   storico   che   oggi   viene   maggiormente   ricordato   è   ciò   che   avvenne   a  Cefalonia,   un’isola   greca,   dove   un’armata   italiana   che   era   insieme   ai   tedeschi   si  rifiutò   di   consegnare   le   armi   e   di   farsi   prendere   prigionieri,   per   tale   ragione    vennero  tutti  massacrati.  Ma  non  fu  l’unico  evento.  L’Esercito   Italiano   contava   allora   quasi   2.000.000   di   combattenti   e   territoriali,  presenti   in   Italia   e   all’estero,   ma   il   giorno   dell’armistizio   fu   fatale:   l’esercito   fu  assalito   dall’illusione   del   “tutti   a   casa!”   e   fu   piantato   allo   sbaraglio   senza   ordini,  piani,   mezzi   e   collegamenti,   dal   Re,   da   Badoglio,   da   200   generali   in   fuga   e   nell’  indifferenza   degli   alleati   americani.   Le   eroiche   resistenze   di   13   nostre   divisioni  senza   rifornimenti   e   rinforzi,   in   Corsica,   Italia,   nelle   isole   greche   (come   a  Cefalonia,  Corfù,  Lero…)  e  nei  Balcani  (Montenegro,  Croazia…)  furono  disarmate  dai  tedeschi  (1.007.000  militari  italiani)  con  la  falsa  promessa  del  rimpatrio.  “Da   questi   eventi   nacquero   i   primi   “NO”   della   Resistenza   all’oppressore   tedesca,  dove   fu   istintivo,   corale   e   disarmato   per   la   maggioranza   dei   militari   italiani,   ex  giovani  fascisti  del  “ventennio”  in  approdo  alla  democrazia.  In  Italia  alcuni  reparti  con   le   armi,   avviavano   la   resistenza   armata   popolare   partigiana,   a   maggioranza  social-­‐comunista   e   repubblicana.   In   Grecia   e   nei   Balcani,   la   resistenza   fu  monarchica   badogliana,   combattuta   da   unità   del   Regio   Esercito   alleate   ai  partigiani  locali,  per  lo  più  comunisti,  oppure  fu  individuale  o  di  gruppi  di  militari  sbandati   e   finiti   prigionieri,   ausiliari   o   combattenti,   anche   in   alternanza,   nelle  contrapposte   bande   partigiane   (comuniste,   nazionaliste   ecc.)   greche   e   slave.  Successivamente   dall’Italia   del   sud,   ci   fu   la   rimonta   del   CIL,   il   Corpo   Italiano   di  Liberazione   del   Regio   Esercito,   cobelligerante   degli   Alleati.     In   due   parole,   la  Resistenza   nacque   monarchica   e   si   sviluppò   preponderantemente   repubblicana   e  ciò   influì,   come   vedremo,   sull’imbarazzata   accoglienza   in   patria   dei   reduci.   La  resistenza   degli   IMI,   nota   anche   come   l’altra   resistenza   (o   quella   senza   armi…  silenziosa…  bianca…)  fu  reiterata  in  ogni  istante,  per  venti  mesi,  stressante  più  della  fame   e   pagata   con   50.000   caduti.   Si   attuò   direttamente   e   a   rischio   di   morte,   col  sabotaggio,  la  non  collaborazione,  il  lavoro  rallentato  anche  a  un  terzo  della  norma  dell’operaio   tedesco   e,   indirettamente,   consumando   risorse   alimentari   ed  economiche   e   facendo   avvicendare   per   la   custodia,   in   venti   mesi,   60.000   militari  tedeschi  distolti  dai  fronti.  La  resistenza  degli  IMI  non  fu  quindi  passiva  e  inerme,  né  fu  moralmente  meno  valida  di  quella  armata!”.     3  
  4. 4.     Il  rifiuto  alla  RSI    Immediatamente  dopo  la  cattura,  gli  internati  italiani  furono  sollecitati  a  mettersi  agli   ordini   dei   comandi   nazisti   o   fascisti:   la   scelta   era   tra   una   vita   di   stenti   nei  lager  e  il  lavoro  coatto  o  un  «posto»  da  soldato  regolare  del  Terzo  Reich  o  della  nascente   Repubblica   sociale   (in   questultimo   caso   con   la   possibilità   di   ritornare  subito   in   patria).   Coloro   che   accettarono   furono   una   minoranza,   nel   complesso  tra   i   716   mila   internati,   i   «sì»   furono   poco   più   del   14%.   Le   adesioni   maggiori  furono   raccolte   tra   gli   ufficiali   (40%   circa,   contro   il   13%   dei   soldati).   Tante  centinaia   di   migliaia   di   prigionieri   italiani   nelle   mani   dei   tedeschi   costituiscono  un   plebiscito   negativo   così   imponente   contro   la   nascente   Repubblica   di   Salò   da  indurre   i   responsabili   nazisti   e   fascisti   a   cercare   di   persuadere   gli   internati   a  continuare  la  guerra  assieme  alle  forze  del  Reich.  Nei  primi  giorni  dopo  la  cattura  sono   gli   ufficiali   tedeschi   a   far   leva   sul   preesistente   patto   di   alleanza,   sul  cameratismo   nato   fra   soldati   italiani   e   germanici,   per   ottenere   ladesione   al  nazifascismo.   In   questa   prima   fase   lopera   di   persuasione   tende   ad   avere   il  consenso   all`inquadramento   nei   reparti   SS,   con   la   rinuncia   alla   divisa   italiana.   Il  risultato   non   fu   soddisfacente.   Il   regime   nazista   offrì   la   liberazione   dai   campi   di  prigionia  e  il  rinvio  in  Italia  a  quei  prigionieri  italiani  che  si  fossero  arruolati  nelle  forze  armate  tedesche.  Una  quota  di  prigionieri  aderì  a  tale  proposta,  ma  il  fatto  che   la   stragrande   maggioranza   degli   Imi   rifiutò   di   aderire   alla   Rsi   costituì   (per  Berlino   non   meno   che   per   Salò)   un   affronto   e   un   disconoscimento   di   massa   di  altissimo   valore   politico.   Vi   sono   interpretazioni   diverse   sulle   ragioni   che  spinsero   la   stragrande   maggioranza   di   essi   a   rifiutare   l’alleanza   con   i   tedeschi.  Sommaruga  crede  che:  “Ebbero   gioco,   senza   dubbio,   anche   il   risentimento   e   la   rabbia   per   le   molte  umiliazioni   subite.   Ma   è   più   giusto   dire   che   gli   Imi   affrontarono   da   soldati   quelle  situazioni  e  seppero  resistere  come  se  si  trovassero  su  una  ideale  prima  linea.  Una  prima   linea   che   ebbe   il   suo   triste   tributo   di   numerosi   caduti,   feriti,   ammalati,  invalidi  e  dispersi”.  Uno  studio  statistico  condotto  nel  1994  su  431  Imi  ha  dato  i  seguenti  risultati:  il  30%  ha  detto  «no»  per  ragioni  militari  («non  volevo  combattere  gli  italiani»,  «ero  stanco   della   guerra»),   il   26%   per   questioni   etiche   («fedeltà   al   giuramento»,     4  
  5. 5. «dignità»,   «solidarietà   di   gruppo»),   il   24%   per   motivi   ideologici   («anti-­‐nazifascismo»,   «cattolicesimo»,   «liberalismo»,   «marxismo»),   il   20%,   infine,   per  valutazioni   diverse.   I   soldati   che   fecero   questa   scelta   subirono   l`immediata  ritorsione   dei   tedeschi:   gli   uomini   di   truppa   furono   avviati   al   lavoro   coatto,   gli  ufficiali  vennero  rinchiusi  nei  campi  di  detenzione.       La  cattura  e  il  trasferimento  nei  lager    Subito   dopo   la   cattura,   l’efficiente   apparato   burocratico-­‐militare   nazista  organizzò   il   trasporto   dei   militari   italiani   nei   campi   di   concentramento.  Lobiettivo  di  Hitler  era  duplice:   1. eliminare   dallo   scacchiere   di   guerra   uomini   che   schierati   sul   fronte   opposto,  avrebbero  potuto  creare  problemi  alle  sue  armate   2. recuperare   braccia   giovani   e   forti,   a   costo   zero,   da   impiegare   nella   macchina  produttiva  tedesca  impegnata  nello  sforzo  bellico.  Dopo  l’8  settembre,  i  tedeschi  ricavarono  un  enorme  bottino:  armi,  materiale  di  ogni   genere   e   soprattutto   uomini.   Proprio   gli   uomini   prigionieri   di   guerra   o  lavoratori   coatti   furono   una   risorsa   importantissima   poiché   furono   adoperati  come   manodopera   sia   nelle   fabbriche   che   nei   campi,   mentre   i   soldati   tedeschi  erano   impegnati   su   molti   fronti.   Gli   uomini   furono   impegnati   come   manovali,  braccianti  e  anche  le  donne  furono  sfruttare  per  fabbricare  camion  armati,  aerei,  proiettili,   cannoni   e   anche   prodotti   alimentari   destinati   allesercito   e   alla  popolazione   delle   città   bombardate   dagli   angloamericani.   Inoltre,   l’improvvisa  apparizione   sul   mercato   del   lavoro   dei   nuovi   schiavi   italiani,   che   è   possibile  impiegare  senza  dover  pagare  loro  alcuna  mercede  stabilita  per  contratto,  viene  salutata   dagli   imprenditori   gioia.   La   maggior   parte   dei   soldati   italiani   fu  deportata   nei   territori   del   Reich   nei   giorni   immediatamente   successivi   alla  cattura.   Gli   spostamenti   avvennero   via   ferrovia   e   via   nave,   in   condizioni  disumane.   Le   numerose   testimonianze   di   chi   viaggiò   in   treno   parlano   di   vagoni  merci  pieni  fino  allinverosimile,  che  non  venivano  aperti  per  giorni  e  giorni,  dove  mancavano  cibo  e  acqua  e  persino  la  possibilità  di  soddisfare  i  bisogni  corporali.  Chi   affrontò   il   viaggio   con   la   nave   testimonia   che   furono   emanati   ordini   ben  precisi,  ad  esempio,  stabilivano  che  lo  spazio  sulle  navi  dovesse  essere  utilizzato  fino   ai   limiti   estremi   senza   tener   conto   di   alcuna   considerazione   di   comodità   e     5  
  6. 6. sicurezza.  Nelle  stive  alcuni  energumeni,  armati  di  bastoni,  stipavano  fino  all`orlo  gli   italiani   via   via   che   giungevano.   Il   carico   era   enorme:   si   stava   in   piedi   uno  accanto  allaltro,  stretti,  senza  la  possibilità  di  muoversi,  e  già  dai  primi  momenti  laria  era  divenuta  irrespirabile.  I   militari   furono   divisi   in   campi   diversi   a   seconda   del   loro   status:   i   soldati  vennero  rinchiusi  negli  Stammlager  Stalag,  alle  cui  dipendenze  vi  erano  spesso  gli  Arbeitskommandos   (distaccamenti   di   minori   dimensioni   ubicati   nelle   vicinanze  delle   fabbriche   o   dei   luoghi   di   lavoro   in   cui   venivano   impiegati).   Gli   ufficiali  invece   furono   internati   negli   Oflager.   Altri   campi   erano   poi   i   Dulag   (   i   campi   di  transito   o   di   smistamento),   gli   Straflager   (i   campi   di   punizione)   e   i   Lazarett   (i  campi-­‐ospedale,  dove  venivano  ricoverati  i  militari  gravemente  ammalati).    Gli   italiani   vennero   distribuiti   o   smistati   in   249   lager   principali:   192   ubicati   in  Germania,  15  in  Polonia,  15  in  Russia,  14  in  Francia,  11  in  Iugoslavia,  2  in  Grecia.  Allarrivo  a  destinazione,  la  burocrazia  del  Reich  procedeva  all’identificazione  dei  prigionieri:   i   tedeschi   compilavano   una   scheda   con   tutti   i   dati   anagrafici,   quindi  assegnavano   a   ognuno   un   numero   che   poi   veniva   riportato   su   una   piastrina  metallica.         Da  prigionieri  di  guerra  (KGF)  a  internati  (IMI-­‐Italienische  Militär-­‐Internierten)    Fin  dal  17  settembre  1943,  Hitler  privò  agli  italiani  il  loro  status  di  prigionieri  di  guerra  con  le  tutele  internazionali  di  uno  stato  neutrale  e  l’assistenza  umanitaria  della  Croce  Rossa  Internazionale  (CICR).  I  prigionieri  italiani  vennero  declassati  e  marchiati   sulle   divise   con   un   IMI,   una   qualifica   arbitraria,   prevista   dalla  Convenzione   di   Ginevra     del   1929   sui   prigionieri   di   guerra,   solo   in   nazioni   non  belligeranti.  Appena  arrivati  nel  lager  di  destinazione  i  soldati  italiani  si  rendono  conto   di   non   godere   dello   status   di   prigionieri   di   guerra   e   quindi   di   non   essere  tutelati   in   alcun   modo   dagli   accordi   internazionali   in   materia.   Hitler,   il   20  settembre   1943,   con   un   provvedimento   stabilisce   che   essi   devono   essere  identificati   come   IMI   (Internati   Militari   Italiani).   Si   tratta   di   una   denominazione  del   tutto   impropria   poiché   per   internati   si   dovrebbe   intendere   i   militari   che   si  rifugiano  in  uno  Stato  neutrale  in  attesa  della  fine  delle  ostilità,  ma  la  Germania  non  era  di  certo  uno  Stato  neutrale.  Nel  testo  originale  si  legge:     6  
  7. 7. «Per  ordine  del  Fuhrer  e  con  effetto  immediato,  i  prigionieri  di  guerra  italiani  non  devono   più   essere   indicati   come   tali,   bensì   con   il   termine   di   internati   militari  italiani»  Con   questa   decisione   Hitler   si   vendicava   dei   soldati   italiani   ,   considerati  «traditori»,   e   si   garantiva   mano   libera   sul   trattamento   da   riservare   loro.   Gli   Imi  non  potevano  avvalersi  delle  protezioni  previste  dalla  Convenzione  di  Ginevra  sul  trattamento   dei   prigionieri   di   guerra   (27   luglio   1929)   e   non   avevano   diritto  allassistenza  della  Croce  rossa;  in  sostanza  erano  abbandonati  a  se  stessi  ,  schiavi  nelle   mani   della   Germania   nazista.   Come   detto   in   precedenza,   i   soldati   vennero  subito   utilizzati   nelle   fabbriche   e   nei   campi   agricoli   a   sostegno   dello   sforzo  bellico,   mentre   gli   ufficiali   restarono   segregati   nei   lager.   Lo   status   degli   Imi  cambiò,   ancora   una   volta,   e   sempre   per   volere   del   Fuhrer.   Il   20   luglio   del   1944  Hitler   e   Mussolini   strinsero   un   accordo   in   base   al   quale   i   militari   deportati  venivano   trasformati   in   «liberi  lavoratori  civili»:   era   lennesima   tragica   beffa.   La  formalizzazione  del  nuovo  status  non  produsse  effetti  particolari  sui  soldati.  Essi  erano   obbligati   a   lavorare   da   Imi   e   avrebbero   continuato   a   farlo   da   «liberi».   Di  fatto  Mussolini  non  volle  o  non  potè  far  nulla  per  i  militari  internati,  che  rimasero  totalmente   alla   merce   dei   nazisti.   Infatti   chi   si   sarebbe   dovuto   interessare   dei  prigionieri  italiani?  Ufficialmente  il  compito  spettava  allambasciata  di  Mussolini  a   Berlino   presso   la   quale   fu   allestito   nel   febbraio   del   1944   un   Servizio   Assistenza  Internati  militari  italiani  e  civili  (Sai),  allo  scopo  di  soccorrere  i  connazionali  fatti  prigionieri   dallalleato.   Ma,   i   responsabili   di   questo   Servizio   non   poterono   far  molto.   Essi   potevano   chiedere,   proporre,   insistere,   sollecitare,   ma   non   erano  assolutamente   in   grado   di   agire   efficacemente   o   prendere   qualcosa   sotto   la  propria   responsabilità.   Ad   esempio,   i   prigionieri   delle   altre   nazionalità  ricevevano   settimanalmente   qualche   pacco   dalla   Croce   Rossa   contenente   viveri  di   conforto,   sigarette   e   altro,   mentre   i   prigionieri   italiani   non   ricevevano   mai  nulla.   I   tedeschi   si   giustificavano   dicendo   che,   in   virtù   di   un   accordo   fatto   con  Mussolini,  i  prigionieri  italiani  dovevano  essere  considerati  lavoratori  volontari  e,  perciò,   non   aventi   diritto   a   godere   di   nessun   aiuto.   I   primi   soccorsi   arrivarono  con   grande   ritardo,   solo   nel   maggio   del   1944,   e   in   quantità   del   tutto   insufficiente.  Anche  il  generale  Badoglio  non  si  interessò  di  prestare  aiuto  agli  internati  italiani  con   la   scusa   che   non   poteva   intervenire   a   causa   del   fronte   di   guerra   che   lo  separava   da   ogni   possibile   contatto   coi   lattuale   "nemica"   Germania.   Qualche  aiuto  venne  dalle  famiglie  in  patria.  La  vicenda  dei  pacchi  e  delle  corrispondenze  è,   davvero,   illuminante.   Mentre,   come   sottolineato,   i   prigionieri   di   altri   paesi     7  
  8. 8. ricevevano   pacchi   con   una   certa   regolarità   dalla   Croce   rossa   o   dai   rispettivi  governi  ,  gli  italiani  potevano  solo  sperare  nei  propri  cari,  e  per  chi  non  riceveva  nulla   (cibo,   vestiti,   notizie   da   casa)   il   senso   di   abbandono   diventava  insopportabile.      Prigionieri  di  guerra   Internati  militari   Internati   militari   italiani  (POW inglese, PDG francese Per la Convenzione di Ginevra Status illegale creato dae italiano, KGF tedesco) sono militari di stati belligeranti Hitler e non previsto dalle“dichiarata” o “non internati in stati neutrali (stati convenzioni perché detenutidichiarata”. Per la terzi non coinvolti nel conflitto) in uno stato belligeranteConvenzione di Ginevra con semilibertà di movimento (Terzo Reich), con uno stato(1929) sono dei combattenti e di lavoro, retribuito come ai tutore non neutrale manemici catturati e concentrati civili locali. Non presenti belligerante coinvolto (RSI),in “campi” (“Lager” in ovviamente nel Terzo Reich, senza assistenza dalla Crocetedesco) di transito, stato belligerante ma in Rossa Internazionale (CICR)smistamento o detenzione, Svizzera e paradossalmente in ma dalla Croce Rossasotto tutela e ispezioni di uno Romania (regno alleato del fascista della RSI (con sedestato tutore neutrale ed Terzo Reich e della RSI ma a Verona) con assistenzaassistenza umanitaria e con buoni rapporti diplomatici limitata a recapiti postali eispezioni della Croce Rossa col Regno d’Italia e al riguardo senza ispezione dei Lager.Internazionale (CICR).   neutrale ! ).   Assistenza limitata e propagandista politica del SA-IMI (ambasciata RSI di Berlino).         I  lager  e  i  continui  trasferimenti    «Il   lager»   era   organizzato   su   unarea   delimitata   da   una   recinzione   costituita   da  diverse   file   di   reticolati,   alternati   a   fosse   riempite   con   rotoli   di   filo   spinato  aggrovigliato.   In   alcuni   lager   il   reticolato   era   percorso   dalla   corrente   ad   alta  tensione.   Un   filo   spinato,   nel   lato   interno   del   perimetro,   preavvertiva   della  fucilazione  chiunque  lavesse  toccato  o  sfiorato  accidentalmente.  Esso  costituiva  così   una   delle   preoccupazioni   maggiori   degli   internati,   e   al   tempo   stesso   era  anche  lelemento  più  caratteristico   dellarchitettura   del   campo,   poiché  separava  i  vari   settori,   le   viuzze   e   le   baracche.   La   vigilanza   era   garantita   da   un   sistema   di  torrette   ubicate   ai   lati   e   agli   angoli   del   campo,   e   dalle   quali   era   possibile     8  
  9. 9. controllare  l`intera  area  interna  al  lager,  illuminandola  con  un  riflettore  di  notte;  sulle   torrette   prestavano   servizio   guardie   armate   di   fucili   e   mitragliatrici.   Nel  corso   del   periodo   di   detenzione   fu   abbastanza   frequente   lo   spostamento   da   un  campo  allaltro.    «Chi   non   lha   provato   difficilmente   può   immaginare   i   disagi,   le   sofferenze   e   le  umiliazioni  che  comportava  un  trasferimento  da  un  lager  allaltro».    Accanto   alle   difficoltà   in   cui   si   trovava   la   rete   ferroviaria   tedesca   per   i  bombardamenti,  sabotaggi,  intasamenti,  mancanza  di  materiale  rotabile,  cera  la  volontà   della   scorta   di   rendere   più   dura   possibile   la   vita   degli   internati.  Mediamente   un   trasferimento   durava   una   settimana,   con   lunghissime   soste   sui  binari   morti.   I   viveri   della   già   scarsa   razione   erano   distribuiti,   per   tre   o   quattro  giorni   soltanto.   Vagoni   merci   ghiacciati.   Erano   stipati   con   40,   50   e   in   certi   casi  perfino  100  uomini  per  carro,  sprangato  allesterno.  I  portelli  si  aprivano  una  sola  volta   al   giorno   e   per   appena   un   quarto   dora,   per   evacuare   a   comando.   Lacqua  era   distribuita   quando   faceva   comodo   alle   guardie.   Le   possibilità   di   riposare  erano   scarsissime,   anche   perché   mancava   lo   spazio   per   sdraiarsi.   Si   facevano   i  turni,   in   piedi   e   coricati.   Si   doveva   urinare   in   un   barattolo,   che   veniva   poi   passato  di  mano  in  mano  per  poterlo  vuotare  allesterno,  da  un  pertugio  sbarrato  dal  filo  spinato.   E   piuttosto   spesso,   bombardamenti   e   mitragliamenti   aerei,   con   morti   e  feriti:  ma  i  tedeschi  non  aprivano,  rifiutavano  aiuti  e  il  viaggio  continuava.  Le   condizioni   di   vita   nei   campi   erano,   nella   maggior   parte   dei   casi,   disumane:   il  cibo  era  cattivo  e  scarsissimo,  le  baracche  in  legno  (e  raramente  in  muratura)  in  cui  dormivano  i  prigionieri  (sui  cosiddetti  «castelli»:  letti  di  due,  tre  o  più  piani  in  tavolaccio)   malsane   e   sovraffollate,   la   situazione   igienica   terribile,   dappertutto  c’erano   pidocchi,   cimici,   scarafaggi   e   topi;   labbigliamento   era   spesso   costituito   di  pochi   indumenti   laceri,   assolutamente   inadeguati   per   combattere   i   rigori   del  freddo   pungente   che   d’inverno,   in   certe   zone,   toccava   anche   i   30-­‐40   gradi  sottozero;   le   malattie   erano   allordine   del   giorno,   moltissimi   internati   morirono  per   sfinimento,   denutrizione,   tubercolosi,   nella   totale   mancanza   di   assistenza  medica.   Nellorganizzazione   dei   lager   tedeschi   è   previsto   il   funzionamento  dell’infermeria   del   campo,   nella   quale   vengono   ricoverati   i   malati   più   gravi  provenienti  dai  campi  di  lavoro,  in  teoria  per  essere  curati,  in  realtà  per  lasciarli  morire  nei  lager  dove  sono  registrati.  In  tutti  i  lager  manca  lassistenza  sanitaria  perché   quella   è   la   direttiva.   I   malati   gravi   vengono   abbandonati   a   loro   stessi  perché  irrecuperabili  per  il  lavoro.  Allassenza  di  assistenza  medica,  si  devono  poi     9  
  10. 10. aggiungere  le  continue  minacce,  umiliazioni,  violenze  e  pressioni  psicologiche  da  parte  dei  nazisti:  il  lager  è  un  autentico  inferno.  La  sporcizia  come  arma  di  ricatto.  I   nazisti   volevano   i   pidocchi,   le   cimici,   le   pulci;   volevano   che   gli   indumenti  cadessero  in  brandelli,  che  maglie,  mutande,  calze  e  pezze  da  piedi  si  portassero  per   mesi,   stagioni   e   interi   semestri   senza   offrire   i   mezzi   per   lavarli   o   sostituirli.  Non   facevano   nulla   per   evitare   i   malanni   derivanti   dalla   sporcizia,   dissenteria   o  peggio   il   tifo.   L’interno   delle   baracche   era   lurido   per   l`impossibilità   di   tenerlo  pulito.  Se  poi  passiamo  al  capitolo  gabinetti...quando  andava  bene  consistevano  di  baracche  di  assi  sconnesse  che  circondavano  grandi  buche  malamente  ricoperte  con   tavolati   pericolanti.   Gli   escrementi   erano   dappertutto.     Si   effettuavano   due  appelli   giornalieri,   uno   nel   primo   mattino,   il   secondo   verso   sera.   Operazione  teoricamente   semplicissima:   si   trattava   di   fare   qualche   somma   contando   i  presenti  in  riga  e  quelli  che,  indisposti,  rimanevano  in  baracca.  Viceversa  era  raro  che  i  conti  tornassero  velocemente:  essi  venivano  fatti  e  rifatti  più  volte,  baracca  per   baracca,   poi   bisognava   fare   il   computo   totale.   Conclusione:   si   doveva   stare  allaperto   a   lungo,   a   volte   unora   o   due,   con   qualunque   tempo,   alla   pioggia   o   sotto  la  neve,  d’inverno  con  parecchi  gradi  sotto  zero.  Gelando,  denutriti  e  mal  vestiti,  la  sofferenza  si  moltiplicava.  In  più,  non  di  rado,  i  tedeschi  esigevano  formalismi  assurdi,  in  quelle  condizioni:  posizione  di  attenti,  niente  coperte,  passamontagna  (chi  li  aveva)  rialzati.  Spessissimo  erano  urlacci  degli  addetti  alla  conta,  e  di  tanto  in   tanto   anche   botte,   schiaffi,   e   carezze   coi   calci   dei   fucili:   anche   in   faccia.   Le  spoliazioni  degli  averi  degli  internati  e  i  commerci  per  procurare  cibo,  sono  due  aspetti   di   un   unico   proposito:   quello   di   rapinare   tutto   ciò   che   era   possibile   a  gente   indifesa   e   in   momento   di   estremo   bisogno.   All’arrivo   degli   italiani   al   loro  primo   lager   i   tedeschi   dicevano   che   era   severamente   proibito   tenere   oggetti  come   radio,   bussole,   binocoli,   macchine   fotografiche,   pinze;   pertanto   li  sequestrarono,  con  modi  perfino  cortesi,  rilasciando  quasi  sempre  delle  ricevute  che   -­‐   dicevano   -­‐   sarebbero   servite   per   riavere   gli   oggetti   stessi   alla   fine   della  guerra.   Inoltre   attuavano   perquisizioni   durante   la   prigionia.   I   tedeschi   si  prendevano  tutto  quello  che  gli  internati  erano  riusciti  a  salvare  nella  prima  fase  e   andavano   alla   ricerca   di:   penne   stilografiche,   accendini,   temperini.   Senza  ricevute.   Durante   le   perquisizioni   "pesanti"   cercavano   valuta,   sterline,   oro,  quaderni,   appunti.   Misero   in   piedi   dei   veri   e   propri   commerci   all`interno   dei  lager,  effettuati  personalmente  da  militari  e  sottufficiali  tedeschi,  o  tramite  civili  che   bazzicavano   nei   lager.   Questo   tipo   di   furto   poteva   essere   estremamente  redditizio:  un  orologio  doro  di  marca,  scambiato  per  due  o  tre  pagnotte  di  pane     10  
  11. 11. nero  di  segala,  una  fede  matrimoniale  per  un  paio  di  chili  di  fagioli,  una  catenina  doro  per  poche  patate.  Qualche  volta,  nel  corso  di  questi  commerci  clandestini,  ci  scappava  il  morto:  la  sentinella,  avuto  loggetto  attraverso  il  reticolato,  sparava.    Le  regole  internazionali  prescrivono  che  ai  prigionieri  di  guerra  sia  riservato  un  trattamento   alimentare   pari   a   quello   che   la   nazione   detentrice   offre   ai   propri  soldati   a   riposo.   Col   trucco   di   non   considerarli   prigionieri   i   nazifascisti   elusero  questa  regola.  La  novità  della  qualifica  di  internati  militari  italiani  offrì  loro  una  comoda   scappatoia   per   dosare   come   volevano   i   viveri.   E   il   dosaggio   fu  estremamente   parsimonioso...   erano   razioni   teoriche   che   venivano   decurtate   in  partenza,   assai   spesso,   per   trame   dei   quantitativi   con   i   quali   si   alimentava   il  mercato   nero.   Inoltre   bisogna   tenere   conto   della   qualità   dei   vari   alimenti:   ad  esempio,  era  frequente  il  caso  di  fornitura  di  patate  gelate,  immangiabili;  il  pane  conteneva   una   certa   percentuale   di   segatura   ed   era   sempre   umido;   la   minestra  (sbobba)   era   priva   di   grassi   e   di   sostanze   proteiche;   i   cosiddetti   generi   di  conforto   avevano   molto   saltuariamente,   specie   negli   ultimi   mesi  dell`internamento.  Comunque  la  razione  teorica  era  questa:  al  mattino,  un  infuso  caldo  di  erbe  varie  e  fiori  di  tiglio;  per  il  resto  della  giornata,  1  litro  di  sbobba  di  rape  da  foraggio,  tagliate  a  fettucce,  amare,  disgustose;  300  grammi  di  pane.  Agli  inizi   del   1944   calò   a   180   grammi   e   perfino   a   150;   200   grammi   di   patate;   25  grammi   di   margarina;   20   grammi   di   zucchero.   Quello   dellalimentazione   fu   il  problema  principale  per  la  sopravvivenza  nei  campi.    I   medici   e   gli   economisti   nazisti,   avevano   programmato   una   razione   annonaria  base,  per  i  civili  tedeschi,  i  lavoratori  liberi  stranieri  e  i  prigionieri,  di  quasi  1736  kcal/giorno,   appena   sufficienti   per   una   vita   vegetativa,   contro   le   2300/3500  necessarie  per  un  lavoratore.    I  contadini  si  arrangiavano,  i  cittadini  integravano  la  tessera  con  la  borsa  nera  e  i  lavoratori  con  integrazioni  aziendali.  I  prigionieri  di   guerra   alleati   (POW   -­‐   prisoners   of   war)   integravano   abbondantemente   la  razione  coi  pacchi  da  casa  e  della  Croce  Rossa.    I   prigionieri   senza   tutela   (come   gli   IMI,   i   deportati   civili,   gli   ebrei,   i   KGF   russi,  ecc.)   avevano   una   speranza   di   vita   programmata   dai   tedeschi   di   soli   nove   mesi,  ottimizzato  con  un  calcolo  ”costi  /  benefici”,  fondato  su  una  dieta  base  teorica  di  1736   kcal/giorno   ed   un   ricambio   di   schiavi   dai   territori   orientali,   possibile  quando  le  armate  tedesche  avanzavano.    Con   una   dieta   effettiva   di   900/1500   kcal/giorno,   per   furti   delle   guardie   e  cucinieri,   scarti   di   cucina,   punizioni   e   intimidazioni,   veniva   a     crearsi   un   deficit   di  500/2000   kcal/giorno,   che   i   prigionieri   cercavano   di   colmare   con   rischiosi     11  
  12. 12. espedienti  ed  attingendo  alle  proprie  risorse  corporee  dell’ordine  di  80.000  kcal  utilizzabili.   In   queste   condizioni,   pressione   sanguigna,   battiti   cardiaci   e   peso   si  abbassavano   fino   anche   a   dimezzarsi   e   si   dimagriva   anche   di   30/40   kg   (grasso,  muscoli…)   raggiungendo   un   peso   minimo,   mortale,   di   30/35   kg   (ossa,   acqua,  organi   vitali,   residuo   muscolare…),   in   stato   d’inedia,   depressione,   debolezza  estrema   e   malattie   conseguenti!   Gli   IMI   erano   trattati   come   i   prigionieri   russi  senza   tutele   e   quanti   sopravvissero   (il   92%),   lo   devono   agli   eventuali   pacchi   da  casa,   qualche   chilo   di   riso   e   gallette   (ma   non   a   tutti)   del   SA-­‐IMI   (“Servizio  Assistenza  IMI”  dell’Ambasciata  di  Berlino  della  RSI)  e  soprattutto  a  furti  di  patate  e   rifiuti   di   cucina   (vietati),   svendite   a   borsa   nera   dei   pochi   effetti   personali   non  rapinati   nelle   perquisizioni   e   autodigerendo   le   proprie   riserve   energetiche  corporee!  Secondo   studi   storici   24   mila   dei   circa   50   mila   caduti   nei   lager,   morirono   di   fame  e   di   malattie   conseguenti.   La   dieta   quindi,   per   apporto   calorico,   era   al   di   sotto   del  livello  minimo  di  sopravvivenza.  Lo  ammette  anche  lambasciatore  a  Berlino  della  Rsi,  Filippo  Anfuso,  che  in  un  rapporto  sul  lager  di  Luckenwalde  scrive:    «Gli  internati  si  lagnano  del  nutrimento  assolutamente  insufficiente.  Effettivamente  si   riscontrano   numerosi   casi   di   edemi   da   fame   e   di   grave   deperimento   organico,  spesso  seguiti  da  morte».    La   situazione   era   particolarmente   tragica   per   gli   internati   utilizzati   come  lavoratori   coatti   nelle   fabbriche   (quelli   che   furono   impiegati   nelle   fattorie   se   la  cavarono  meglio).  E  spesso  sono  le  industrie  stesse  a  farlo  presente,  lamentando  che   il   precario   stato   di   salute   di   molti   lavoratori,   provocato   dalla   denutrizione,  condizionava   il   loro   rendimento.   «Una   dipendenza   della   Mannesmannrohren-­‐Werken  la  Heinrich-­‐Bierwes-­‐Hutte  di  Duisburg,  riferiva:    "Il   medico   aziendale   si   è   occupato   in   particolare   del   cattivo   stato   nutrizionale   degli  internati   militari   italiani,   i   quali   al   momento   del   loro   arrivo   in   fabbrica   erano  talmente   denutriti   che   un   certo   numero   di   loro   presentava   già   grossi   rigonfiamenti  (edemi  da  fame)  sulle  gambe".    Un   altro   impianto   siderurgico   della   Rurh,   la   Gutehoffnungshutte   di   Oberhausen,  che  nellottobre  del  1943  ricevette  1.227  Imi,  ci  offre  un  quadro  simile:    "La  percentuale  di  ammalati  era  straordinariamente  alta  fra  gli  internati  militari  italiani.”       12  
  13. 13. La  causa  di  ciò  va  individuata  nel  fatto  che  gli  italiani  giunsero  a  Oberhausen  in  uno   stato   di   totale   debilitazione   e   denutrizione.   All’inizio   quasi   tutti   erano   in  condizioni   tali   da   non   poter   essere   impiegati   al   lavoro   e   soffrivano   dei   tipici  sintomi  della  denutrizione.  La  situazione  si  ripete  uguale  dappertutto.  Al  peggio,  però,   non   cè   mai   fine.   l   tedeschi,   infatti   ,   per   risolvere   il   problema   della   scarsa  produttività   degli   italiani,   invece   di   aumentare   la   quantità   delle   razioni   di   cibo,  inventarono   l’alimentazione   proporzionata   alla   produttività.   Questo   metodo,  applicato   a   partire   dallottobre   del   1942   ai   prigionieri   sovietici   impiegati   nelle  miniere  di  carbone,  venne  esteso  rapidamente  a  tutto  il  settore  industriale:  Esso  consisteva  nel  dividere  i  lavoratori  stranieri  in  tre  scaglioni:  il  primo  costituito  da  coloro   che   avevano   un   rendimento   pari   o   superiore   all`80%   di   quello   di   un  operaio   tedesco   di   pari   qualifica;   il   secondo   costituito   da   coloro   il   cui   rendimento  oscillava  tra  l80%  e  il  60%;  e  il  terzo  costituito  da  coloro  il  cui  rendimento  era  inferiore   al   60%.   Questi   ultimi   subivano   una   decurtazione   della   razione   standard  e   ciò   che   veniva   tolto   a   loro   veniva   assegnato,   come   premio,   a   quelli   del   primo  scaglione.   Oltre   alla   riduzione   del   vitto   erano   inoltre   previste   anche   altre  punizioni,   come   lavoro   supplementare   e   lassegnazione   a   incarichi  particolarmente  sporchi.       Il  lavoro  da  schiavi    Nei   Lager   nazisti,   la   speranza   di   vita   di   uno   schiavo,   non   considerando  l’eventualità   di   morte   violenta   (criminale   o   per   fatti   di   guerra)   erano   ridotte   a  pochi  mesi,  con  75  ore  settimanali  di  lavoro  duro  in  fabbrica  o  in  miniera,  ma  di  fatto  100  coi  servizi  al  campo  e  le  marce  al  luogo  di  lavoro,  sempre  con  la  fame,  la  debilitazione  e  le  malattie  conseguenti.  Come  già  evidenziato,  una  volta  giunti  nei  lager  i  soldati  e  i  sottufficiali  vennero  rapidamente   avviati   al   lavoro,   mentre   gli   ufficiali   furono   chiusi   in   campi   a   parte   e  momentaneamente   esclusi   dallobbligo   di   lavorare   (ma   subirono   incessanti  pressioni  fisiche  e  psicologiche  per  convincerli  a  offrirsi  volontariamente).  Il  tutto  avvenne  con  le  regole  di  un  vero  e  proprio  mercato  degli  schiavi.  Un  mercato  di  carne   umana:   giovani   da   sfruttare   fino   alla   consunzione.   È   significativo   ciò   che  scrive,  già  nel  1942,  in  una  circolare  lObergruppenfuhrer  Oswald  Pohl:    «Limpiego  della  manodopera  deve  essere  completo,  nel  vero  senso  della  parola,  al  fine  di  ottenere  il  massimo  rendimento...  Il  tempo  di  lavoro  non  ha  alcun  limite.  La     13  
  14. 14. sua   durata   dipende   dalla   struttura   del   lager...   Tutte   le   circostanze   che   possono  abbreviare   il   tempo   di   lavoro   devono   essere   ridotte   al   massimo.   Spostamenti   e  pause   di   mezzogiorno   soltanto   per   mangiare,   che   portano   via   tempo   destinato   al  lavoro,  sono  vietati...  Il  direttore  di  fabbrica  è  corresponsabile  per  i  danni  aziendali  o   economici   e   gli   insuccessi...   Deve   essere   ampliato   l`impiego   di   guardie   a   cavallo,  cani  da  guardia,  torri  di  controllo  mobili  e  ostacoli  mobili».    Secondo   unanalisi   riferita   al   febbraio   1944,   gli   Imi   furono   utilizzati   in   diversi  settori  produttivi,  con  una  netta  prevalenza  dell`industria  pesante.  I  dati  parlano  chiaro:   il   56%   fu   impiegato   in   imprese   minerarie,   metalmeccaniche   e   chimiche;   il  12%  in  edilizia;  il  10,8%  nei  settori  energia,  trasporti  e  comunicazioni;  il  10,6%  in   altri   comparti   industriali,   compreso   quello   alimentare;   mentre   solo   il   6%   in  attività  agricole  o  similari.  In  circostanze  particolari,  ma  non  infrequenti,  gli  Imi  vennero   anche   utilizzati   per   rimuovere   le   macerie   delle   città   bombardate,   e  qualcuno  ci  lasciò  la  vita.  Il  lavoro,  nella  maggior  parte  dei  casi,  era  durissimo:  in  cambio  di  ore  e  ore  di  fatica,  sotto  la  ferrea  sorveglianza  dei  nazisti,  gli  internati  ricevano  un  misero  vitto  e  (non  sempre)  una  paga  in  lager-­‐mark,  una  moneta  che  circolava   solo   nei   campi,   ma   non   aveva   alcun   valore   legale   allesterno.   Sulle  condizioni  di  lavoro  è  significativo  lorario:  è  tremendo,  turni  di  12  ore  con  una  sola  mezzora  d`interruzione  per  cibarsi  con  una  zuppa  di  rape.    Un   esempio:   la   sveglia   al   campo   1011,   dove   si   costruiscono   camion   armati   e  componenti   degli   aerei,   viene   data   alle   2-­‐2.30   di   notte.   Fino   alle   5.30   si   svolge  lappello   allaperto,   poi   la   colonna   di   forzati   si   mette   in   marcia,   scortata   dagli  addetti   alla   sicurezza   della   ditta.   Chi   non   è   perfettamente   allineato   o   non  mantiene   il   passo,   per   qualunque   motivo,   viene   segnalato   al   comandante   del  campo,  un  maresciallo  tedesco,  il  quale  gli  nega  la  razione  giornaliera  di  pane  e  in  più  lo  fa  bastonare.  Il  ritorno  avviene  alle  18;  prima  di  andare  a  dormire,  si  beve  un  litro  di  rancio  caldo  di  rape  e  si  mangia  un  pezzo  di  pane,  un  filone  di  pane  di  circa  200  grammi  viene  suddiviso  tra  sette  prigionieri  con  un  bilancino,  con  pochi  grammi  di  margarina,  salame  o  marmellata.  Le  fabbriche,  le  aziende,  le  fattorie  e  gli   uffici   che   comprano   gli   schiavi   sono   autorizzati   ad   allestire   alloggiamenti   o  piccoli   lager   nelle   vicinanze   dei   posti   di   lavoro.   Nascono   in   tal   modo   migliaia   di  centri.    I   lavoratori   coatti   fanno   parte   di   quelli   che   la   burocrazia   definisce  Arbeitskommandos,  gruppi  di  lavoro.  Restano  isolati  dagli  altri,  sorvegliati  giorno  e   notte,   e   vengono   sfruttati   fino   al   midollo.   Molti   muoiono   per   lesaurimento  conseguente   alla   fame   che   riduce   la   loro   resistenza   al   lavoro   forzato,   altri   si     14  
  15. 15. ribellano   e   vengono   subito   fucilati.   In   questo   scenario   mobile,   i   nazisti   hanno  anche  modo  di  lamentarsi.  Gli  italiani  vengono  dipinti  come  lazzaroni,  pigri,  gente  che   non   ha   voglia   di   lavorare,   che   trova   ogni   scusa   per   darsi   ammalata.   Alcune  testimonianze  al  riguardo  (ma  ve  ne  sono  molte  altre,  dello  stesso  tenore):    «Alla   miniera   David,   su   quarantadue   lavoratori   dichiaratisi   malati   e   visitati   dal  medico,  soltanto  cinque  lo  erano  veramente».  Il  medico  di  Cels  dichiara  che  la  maggior  parte  di  coloro  che  si  danno  malati  vuole  solamente   allontanarsi   dal   posto   di   lavoro.   A   Lausitz   un   lavoratore   tedesco   si   è  visto  assegnare  sette  italiani  per  lavori  stradali.    «Il  tedesco  lavorava  nonostante  il  freddo  mattutino  e  il  sudore  della  fatica,  mentre  gli  italiani,  con  il  colletto  rialzato,  le  mani  nelle  tasche  dei  pantaloni  o  del  cappotto,  saltellavano  su  un  piede  e  sullaltro,  infreddoliti,  intorno  alluomo  che  lavorava».    Questo   pregiudizio   e   fanatismo   anti-­‐italiano   è   alimentato   ad   arte   dalla  propaganda   nazista.   Gli   Imi,   quando   attraversano   un   villaggio   per   recarsi   al  lavoro   scortati   dalle   guardie,   vengono   spesso   insultati   dalla   popolazione   civile,  dileggiati   con   sputi   e   lanci   di   pietre,   minacciati.   Peri   tedeschi   gli   italiani   sono  «traditori»,   «badogliani»,   «vigliacchi»,   «maiali»,   «vermi»   e   altre   amenità   del  genere.  Il  disprezzo  è  profondo  e  condiviso.         Le  vittime    La   vita   nei   lager   era   durissima.   La   fame,   il   freddo,   la   pesantezza   del   lavoro,   le  violenze   dei   tedeschi,   la   mancanza   di   assistenza   medica   provocarono   tra   gli  internati   migliaia   di   morti.   In   mancanza   di   informazioni   certe   si   stima   che   la  deportazione  costò  la  vita  a  circa  50  mila  persone:  circa  20  mila  morti  nei  lager  -­‐  in   base   alle   informazioni   tedesche   -­‐   una   cifra   che   dovrebbe   essere   certamente  incompleta;   circa   5.400   internati   morti   o   dispersi   nella   zona   di   operazioni  dellesercito   sul   fronte   orientale;   circa   13.300   che   persero   la   vita  nellaffondamento   delle   navi   da   trasporto;   fino   a   6.300   trucidati.   Senza   tener  conto   dei   caduti   in   combattimento   si   tratterrebbe   già   di   45   mila   morti.  Particolarmente  significativo  è  il  caso  di  Dora,  la  «fabbrica  più  crudele  dEuropa››,  unimmensa   officina   scavata   nel   cuore   della   montagna,   dove   si   producevano   le     15  
  16. 16. temibili   V2,   i   missili   a   cui   Hitler   aveva   affidato   le   ultime   speranze   di   vincere   la  guerra.   In   queste   officine   i   turni   erano   di   12   ore,   giorno   e   notte,   e   dalle   gallerie  non   si   usciva   mai.   Morivano   in   media   200   prigionieri   al   giorno.   Racconta   un  sopravvissuto:    “Ogni   mattina   assistiamo   alla   raccolta   dei   morti   e   al   loro   trasferimento.   Vengono  caricati   confusamente   su   camole   o   vagoncini,   con   la   testa   penzoloni   e   le   membra  consunte   da   cui   sporgono   spaventosamente   i   muscoli   irrigiditi   per   i   crampi   o   per   la  paura   di   una   morte   infame,   senza   conforto   e   assistenza.   Talvolta   dal   mucchio  spunta   una   testa   con   le   ossa   sporgenti   e   gli   occhi   che   escono   dalle   orbite.   Uno  spettacolo   che   diventa   per   noi   una   visione   crudele   e   indimenticabile,   perché   si  ripete  ogni  giorno.  Molti  prigionieri  vengono  assassinati  per  punizione:  un  nonnulla  e  si  finisce  sulla  forca.”    Le  cifre  della  mattanza  sono  impressionanti:  dal  28  agosto  1943  allaprile  1945,  sui   60   mila   prigionieri   di   circa   venti   nazioni   che   hanno   popolato   l`intero  complesso  di  Dora,  i  morti  furono  oltre  20  mila.    La   situazione   nei   lager   si   fece   particolarmente   grave   verso   la   fine   della   guerra,  quando   da   Berlino   partì   Iordine   di   cancellare   le   tracce   della   loro   esistenza,  distruggendo   i   documenti,   le   strutture   e   facendo   scomparire   i   prigionieri.   La  decisione  di  Hitler  colpì  anche  gli  Imi,  molti  dei  quali  persero  la  vita  in  esecuzioni  di   massa.   Come   a   Hildesheim,   popolosa   città   della   Bassa   Sassonia,   dove   le   vittime  furono   oltre   200.   «I   prigionieri»   vennero   radunati   in   una   baracca,   i   nazisti   li  interrogarono   e   li   malmenarono,   dopo   di   che   scegliettero   i   condannati  all’impiccagione,  che  a  gruppi  di  tre  o  quattro,  vennero  fatti  salire  su  un  tavolo.  I  carnefici   posero   loro   il   cappio   intorno   al   collo,   e   altri   rovesciarono   quel   tavolo   su  cui  le  vittime  stavano  ritte,  le  mani  legate  dietro  la  schiena,  molte  con  un  pezzo  di  legno  in  bocca  per  non  gridare.  Appena  terminato  con  quel  gruppo  ne  avanzava  un  altro,  mentre  altri  prigionieri,  nellattesa  di  morire,  prelevavano  i  cadaveri,  li  spogliano   e   li   gettano   in   una   fossa   in   cui   si   trovano   già   altre   vittime   della   Gestapo  o   delle   ss.   Il   massacro   durò   tutta   la   notte,   alcuni   vennero   uccisi   anche   con   un  colpo  di  pistola  alla  nuca.               16  
  17. 17. La  liberazione    La  liberazione  dei  lager  avvenne  in  tempi  diversi,  con  lavanzare  dei  fronti,  già  nel  1944  in  Ucraina  e  Prussia,  per  lo  più  tra  il  gennaio  e  i  primi  di  maggio  del  1945  in  Polonia  e  Germania  e  prima  ancora  nei  Balcani.  I  prigionieri  vennero  liberati  dai  soldati   alleati   (o   si   liberarono   da   soli,   fuggendo   dai   nazisti   man   mano   che  avanzava  il  fronte  di  guerra).  La  liberazione  fu  un  momento  di  grande  gioia.  Per  gli  Imi  significava  la  fine  delle  sofferenze  e  il  ritorno  a  casa.  Ma  il  rimpatrio  non  fu  immediato.   La   gran   parte   di   essi,   prima   di   potere   rivedere   lItalia,   dovette  attendere   il   proprio   turno,   anche   a   lungo.   Con   le   fatiche   e   i   dolori   di   venti   mesi   di  prigionia   sulle   spalle   moltissimi   non   riuscirono   a   rientrare   prima   di   settembre,  ottobre   e   anche   oltre.   Sulla   vicenda   pesarono   il   caos   seguito   alla   guerra,   i  problemi   di   organizzazione   e   il   colpevole   disinteresse   mostrato   dal   governo  italiano.  Gli  Imi  furono,  sostanzialmente,  abbandonati  a  se  stessi.  La  dispersione  degli   Imi   liberati   ritardò   il   loro   raduno   in   centri   di   rimpatrio   organizzato.  Parecchi  tentarono  di  raggiungere  lItalia  per  proprio  conto.  A  complicare  le  cose,  oltre   al   gran   numero,   era   anche   il   particolare   stato   giuridico   degli   Imi,   ignorati  dalla   Croce   rossa,   classificati   dagli   inglesi   come   "displaced   persons"   (Dp,  profughi,   apolidi)   e   dagli   americani   come   "prisoners   of   war"   (Pow),   prigionieri   di  guerra.  Nellestate  del  1945  le  vie  e  i  mezzi  di  comunicazione  erano  ingolfati  da  milioni   di   soldati   vittoriosi   e   sconfitti,   ex   prigionieri   e   profughi   tedeschi   e   di   tutte  le   nazioni,   che   si   incrociavano   da   tutte   le   direzioni   cardinali,   con   ponti   di   fortuna,  ferrovie   malridotte,   ingorghi   stradali,   carenze   di   mezzi   di   trasporto.   LItalia,  combinata   comera   all`indomani   del   25   aprile,   non   poteva   fare   molto,   e   fece  ancora   meno,   per   recuperare   quel   milione   (come   lo   valutavano   allora)   di   ex  internati…   Il   rimpatrio   si   svolse   soprattutto   nellestate   e   nellautunno   1945,   da  Germania,   Francia,   Balcani   e   Russia.   Quello   dalla   Germania   fu   particolarmente  caotico   e   presentò   ritardi   per   ingolfamenti   e   scarse   sollecitazioni   delle   nostre  autorità.   Nessun   rappresentante   ufficiale   del   nostro   governo   si   presentò   nei  nostri   lager   liberati.   Dunque,   nessun   palese   interesse   dellItalia,   e   i   "liberatori"  alleati  si  meravigliavano  di  non  vedere  commissioni  italiane  tra  le  molte  straniere  in  visita  ai  campi  liberati.  Il  rimpatrio,  nella  maggior  parte  dei  casi,  fu  gestito  dagli  angloamericani  e  avvenne  su  camion  o  via  treno,  lungo  percorsi  spesso  tortuosi  e  accidentati.  Varcato  il  confine,  gli  Imi  provenienti  dalle  regioni  del  Reich  venivano  solitamente   dirottati   verso   Pescantina,   nel   veronese,   dove   era   stato   istituito   un  centro  di  smistamento  e  accoglienza,  e  dove  si  organizzavano  i  trasporti  verso  le     17  
  18. 18. destinazioni   interne   al   paese.   Nella   sostanza,   nel   caos   dellItalia   del   primo  dopoguerra,   la   tragica   vicenda   degli   Imi   fu   presto   dimenticata.   Di   loro   non   si  occupò  e  non  parlò  nessuno,  istituzioni  comprese,  come  se  non  fossero  neppure  esistiti.  Sugli  altari  finirono  i  partigiani,  i  protagonisti  della  Resistenza  in  armi,  ma  la   resistenza   attiva   degli   ex   internati,   che   pagarono   il   loro   «no»   al   fascismo   con  venti  mesi  di  durissima  prigionia,  non  venne  riconosciuta.  All`indifferenza  che  li  aveva  accolti  in  patria  gli  Imi  stessi  risposero  con  il  silenzio,  facendo  scattare  un  vero   e   proprio   meccanismo   di   rimozione   della   realtà,   come   se   quello   che   era  successo,   fosse   capitato   a   qualcun   altro.   Dal   loro   esilio   volontario   e   da   una  resistenza   attiva,   anche   se   disarmata,   dispersi   al   loro   arrivo   in   Italia   e  politicamente   non   organizzati   essi   furono   accolti   nel   1945   con   indifferenza   e  diffidenza,  se  non  con  ostilità,  da  un  popolo  che  non  voleva  più  sentir  parlare  di  guerra   e   stava   in   bilico   tra   il   post-­‐fascismo   della   Resistenza,   prerogativa   dei  partigiani   e   del   Corpo   di   liberazione,   lanticomunismo   strumentalizzato   dalla  "Guerra  fredda"  e  lagnosticismo  comodo  di  chi  sta  alla  finestra.    “Gli   IMI,   reduci   dai   Lager,   non   si   sentivano   eroi   perché   erano   tanti   (anche   se  individuali)  e  gli  eroi  per  definizione  non  possono  che  essere  pochi,  ma  erano  fieri  di  aver   compiuto   fino   ai   limiti   umani   il   proprio   dovere   patriottico   e   umano,   leali  all’Esercito,   allo   Stato   legalitario   e   alla   propria   coscienza.   Ma   a   guerra   finita,   il  rimpatrio  di  questa  marea  apolitica  e  traumatizzata  di  reduci  fu  accolto  con  gioia  da   milioni   di   mamme,   spose,   fidanzate,   parenti   e   amici   e   con   imbarazzo   generale  dagli   italiani:   con   diffidenza   dai   politici   (fascisti   e   antifascisti,   monarchici   e  repubblicani,   resistenti,   dissidenti   e   attendisti,   socialcomunisti   e   laico/cristiani)   e  con   diffidenza   e   apprensione   dalle   autorità,   tanto   più   che   gli   IMI,   per   venti   mesi,  erano   stati   camuffati   dalla   propaganda   repubblichina   come   ”collaboratori”   e,  dall’agosto  1944,  come  “lavoratori  liberi”  volontari!”    Com’erano   visti   dunque   gli   IMI?     Per   i   tedeschi   e   gl’italiani,   nei   lager   e   dopo   i  lager,   gli   IMI   erano   un   rebus   di   difficile   soluzione:   di   fronte   ai   tedeschi   si  dichiaravano   “soldati   leali   di   Sua   Maestà   il   Re   d’Italia”   e   ripudiavano  coraggiosamente   la   loro   gioventù   fascista,   ma   in   cuor   loro,   soprattutto   i   più  giovani,   dopo   l’abbandono   sabaudo/badogliano   dell’“8   settembre”,   covavano  risentimenti  verso  la  monarchia  e  segrete  simpatie  repubblicane!    Il   ritorno   degli   IMI   si   svolse   quindi   nella   generale   incomprensione,   diffidenza   e  disinteresse  degli  italiani,  freschi  di  venti  mesi  di  propaganda  repubblichina  che  camuffava  gli  IMI  da  collaboratori!     18  
  19. 19. “Ma   chi   sono   mai?   –   si   chiedeva   il   governo   –   fascisti…   comunisti…   gli   avranno  lavato  il  cervello…  forse  saranno  da  rieducare…  e  magari  sono  anche  repubblicani…  e   come   voteranno?”   –   in   una   monarchia   traballante   che   li   aveva   inguaiati   l’   8  settembre”!   –   “E   che   cosa   mai   rivendicheranno?   Ma,   insomma…   chi   gliel’ha   fatto  fare  di  non  firmare…  di  non  voler  lavorare…  almeno  mangiavano!”.    Così   il   governo   non   sollecitò   il   rimpatrio   dei   suoi   prigionieri   (o   addirittura   lo  ritardò,  come  per  quelli  dalla  Romania,  sospettati  comunisti!),  con  sorpresa  degli  Alleati   assillati   dagli   altri   paesi   per   il   rimpatrio   dei   propri   concittadini.   Il  rimpatrio   degli   IMI   si   svolse   un   po’   alla   spicciolata,   per   i   meno   distanti   dalla  frontiera  e,  per  gli  altri,  grazie  alla  Pontificia  Commissione  di  Assistenza.  Poi   gli   IMI   erano   troppi,   concorrenti   privilegiati   nel   mercato   del   lavoro   in  un’Italia   collassata,   piena   di   disoccupati   e   si   sommavano   agli   altrettanti   ex  prigionieri  degli  Alleati:  erano  apolitici  e  non  interessavano  i  politici,  per  i  media  non  facevano  notizia  come  i  partigiani,  l’olocausto  e  l’ARMIR,  la  scuola  li  ignorava  perché   nessuno   gliene   parlava   e   l’insegnamento   della   storia   si   fermava   alla  Grande   Guerra,   evitando   il   “ventennio”   imbarazzante   e   infine,   la   gente,   dopo   anni  di  guerra,  non  voleva  confronti  e  rievocare  tristezze!    Ma  allora  gli  italiani  non  avevano  capito  nulla  del  perché  e  del  duro  prezzo  dell’  “altra   resistenza”!   E   se   quella   marea   di   700.000   “NO!”   fosse   stata   invece   di  700.000  “SI”  dando,  fin  dall’  “8  settembre,  il  sostegno  politico  e  militare  a  Hitler  e  a   Mussolini,   quanti   sarebbero   stati   i   partigiani,   con   quali   armi,   addestrati   da   chi   e  con   quali   prospettive?   Gli   Alleati   avrebbero   vinto   lo   stesso   la   guerra,   ma   che  storia   si   sarebbe   scritta   con   un’avanzata   alleata   rallentata,   dando   per   esempio  fiato  ai  tedeschi  nella  corsa  alle  armi  missilistiche  e  atomiche?  I   pregiudizi   degli   italiani   offesero   e   avvilirono   gli   IMI   che   finirono,   già  traumatizzati   dai   Lager,   a   ghettizzarsi   tra   loro,   apolitici   ma   antifascisti,   a  rimuovere  la  memoria  del  Lager  e  della  loro  scelta,  buona  o  meno  buona  e  forse  inutile  ed  a  chiudersi  in  sé  stessi,  anche  in  famiglia!    Così   la   storia   degli   IMI   fu   psicologicamente,   politicamente   e   colpevolmente  affossata  da  tutti!  Delusi,  gli  ex  internati  ammutolirono,  chi  per  decenni  e  chi  per  sempre,  rimossero  il   "trauma   del   reticolato"   convinti   quasi   dell`inutilità   del   sacrificio   loro   e   dei  caduti.   Del   resto   i   nazisti   lavevano   previsto   :   "Se   mai   uno   di   voi   sopravviverà,  qualunque  cosa  dirà  ,  non  gli  crederanno".  E  non  parlando  gli  internati,  gli  altri  li  ignorarono:   la   stampa,   lopinione   pubblica,   la   scuola,   la   generazione   dei   figli.   Le  ragioni   che   precipitarono   questa   vicenda   nelloblio   furono   molteplici.   Nella     19  
  20. 20. politica   i   diversi   schieramenti   in   campo   esaltarono   (giustamente,   ma   anche  appropriandosene   per   il   proprio   interesse)   i   meriti   della   lotta   partigiana,   quella  con  le  armi,  e  il  molo  decisivo  dei  liberatori  americani.  Degli  Imi,  questo  magma  così   composito   di   vite   sperse,   nessuno   sapeva   bene   cosa   farne,   dove   collocarli  politicamente.  Non  solo,  gli  internati  militari,  nonostante  il  sacrificio  personale  e  il   fatto   che   fossero,   nella   stragrande   maggioranza,   dei   «ragazzotti»   trascinati   loro  malgrado  in  una  guerra  che  non  avrebbero  voluto  combattere,  rappresentavano  il   passato,   lombra   lunga   del   regime   che   si   stendeva   sulla   nuova   Italia.   Gli   Imi  erano   infatti   i   resti   dellesercito,   prima   protagonista   e   poi   vittima   della   guerra  fascista.   Metterli   al   centro   della   scena   avrebbe   implicato   una   piena   assunzione,  nell`identità   nazionale,   del   peso   della   guerra   fascista   e   della   quasi   totale  acquiescenza   con   la   quale   era   stata   portata   avanti,   senza   entusiasmo,   ma  nemmeno   senza   apprezzabili   forme   di   dissociazione,   fino   al   disastro   finale,   ai  bombardamenti,  alla  fame,  all8  settembre.    Sono  queste,  probabilmente,  le  ragioni  di  fondo  per  cui  per  decenni  gli  internati  militari   hanno   fruito,   tuttal   più,   dello   status   di   “assenti   giustificati"   o   di  protagonisti   di   una   “resistenza   passiva".   Lenorme   massa   dei   reduci   è   prima   di  tutto   una   massa   di   ex   combattenti   e,   soprattutto,   nel   biennio   1943-­‐45,   di   non  combattenti.   Nella   guerra   cui   lantifascismo   militante   ha   affidato   la   rinascita  morale  e  politica  della  nazione  -­‐  guerra  anche  civile,  di  valori  di  civiltà,  armata  e  sanguinosa  -­‐  i  militari  internati  non  ci  sono.  Loblio  è  durato  a  lungo,  gli  studiosi  hanno   cominciato   ad   occuparsi   degli   Imi   solo   dalla   metà   degli   anni   Ottanta:   tardi,  ma  forse  ancora  in  tempo  per  far  conoscere  questa  pagina  di  storia  e  rendere  il  giusto  omaggio  ai  «600  mila»  che,  con  il  loro  sacrificio,  contribuirono  a  portare  la  libertà  e  la  democrazia  nel  nostro  paese.  Fu  un  vero  atto  di  resistenza.    Il  segretario  del  partito  comunista  Alessandro  Natta,  ex  internato,  parlò  di  “altra  resistenza”   ma   il   suo   libro   fu   rifiutato   nel   1954   e   pubblicato   solo   quarantadue  anni  dopo  da  Einaudi,  che  contribuì  al  riscatto  dell’Italia  e  degli  italiani  verso  la  democrazia  e  la  libertà.  L’esperienza   dei  lager   riguardò   (e   segnò)   anche   alcuni   tra   i   più   importanti  esponenti  della  cultura,  dell’arte,  della  politica  e  delle  professioni  del  dopoguerra,  di   cui   nel   libro   sono   contenuti   diversi   scritti   inediti   dell’epoca   (come   l’attore  Gianrico  Tedeschi,  i  senatori  Paolo  Desana  e  Carmelo  Santalco,  lo  storico  Vittorio  Emanuele   Giuntella,   il   manager   d’industria   Silvio   Golzio,   l’intellettuale   cattolico  Giuseppe  Lazzati,  il  pittore  Antonio  Martinetti,  il  caricaturista  Giuseppe  Novello,     20  
  21. 21. il  filosofo  Enzo  Paci,  il  musicista  Mario  Pozzi,  gli  scrittori  Roberto  Rebora,  Mario  Rigoni  Stern  e  Giovannino  Guareschi)       La  rimozione  degli €

×