Corso di formazione sui disturbi specifici dell

856 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
856
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corso di formazione sui disturbi specifici dell

  1. 1. ALLEGATO CCORSO DI FORMAZIONE DOCENTI SUI DISTURBI SPECIFICIDELL’APPRENDIMENTOQuesto corso di formazione docenti nasce per dare una risposta alle differentiproblematiche che i disturbi specifici dellapprendimento (D.S.A.) comportano sia peri bambini che ne sono affetti, sia per il contesto nel quale essi sono inseriti.Si tratta di disturbi di alcune abilità specifiche che non permettono una completaautosufficienza nellapprendimento, poiché le difficoltà si sviluppano sulle attivitàche servono per la trasmissione della cultura (la lettura, la scrittura e/o il far di conto).Nel merito l’apprendimento, posto nei normali tempi e con le consuete metodologiedinsegnamento non risulta efficace o è poco efficace. Per la complessità inerente idisturbi è facile confonderli con pigrizia e svogliatezza dei soggetti; ciò porta isoggetti stessi al drop-out scolastico.In Italia si calcola che le persone affette dalla sola dislessia siano 1.500.000.In questa realtà complessa la figura dell’insegnante è particolarmente rilevante poichéè la prima persona che riconosce lalunno con difficoltà nel percorso scolastico.Quando un insegnante si trovasse a dover insegnare ad uno o più alunni con D.S.A.dovrebbe creare uno spazio favorevole all’apprendimento e un percorso didatticopersonalizzato con metodologie didattiche adeguate e flessibili per i bisogni deisoggetti. L’insegnante dovrebbe utilizzare sia strumenti compensativi, come lacollaborazione con gli specialisti e la famiglia - concordare insieme i compiti a casa,le modalità di aiuto, gli strumenti compensativi, le dispense, le interrogazioni, lariduzione dei compiti - sia misure dispensative, e organizzare lattività didatticasecondo metodologie e strategie che non ostacolino il processo di apprendimento.Il corso di formazione è rivolto a coloro che operano in contesti di insegnamento-apprendimento, ed esso ha la finalità di fornire agli operatori le conoscenze, lemetodologie, gli strumenti, le competenze organizzative necessarie per facilitarel’apprendimento ai soggetti con D.S.A.. Inoltre, come ricaduta potenziale ha lafinalità di mettere in luce le condizioni favorevoli di un insegnamento-apprendimentoindividualizzato e contestualizzato ad ogni soggetto.
  2. 2. Il corso di formazione ha una durata di 450 ore ed è suddiviso in 2 sessioni modulari:“informativo-teorica” e “metodologico-didattica (piano educativo individualizzato)”Sessione informativo-teorica (200 ore)Teorie costruttiviste dell’apprendimento(10 ore)Contenuto:Il pragmatismo di J. DeweyLa zona di sviluppo prossimale di L. VigotskijLa costruzione del reale nel bambino di J. PiagetLa psicologia dei costrutti personali di G. KellyObiettivi del modulo:Conoscere le teorie costruttiviste tramite lo studio degli autori principali, e comequeste cambiarono fondamentalmente l’epistemologia moderna.Caratteristiche generali dei D.S.A.(30 ore)Contenuto:Capacità intellettiveFamiliaritàPrevalenza di genereAssociazione tra i diversi D.S.A.I profili di sviluppoAssociazione con disturbi psicopatologiciObiettivi del modulo:Conoscere le diverse caratteristiche dei disturbi dal punto di vista clinicoI disturbi specifici dell’apprendimento. Lineamenti generali(30 ore)Contenuto:Dislessia (F81.0/315.02)DisgrafiaDisortografiaDisturbo specifico della compitazione (F81.1/315.2)DiscalculiaDisturbo specifico del linguaggio (F80.0-F80.2/315.3)
  3. 3. DisprassiaDisturbo dellelaborazione auditivaDisturbo dellapprendimento non verbaleOlofrasia o lentissimo apprendimento del linguaggioObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze e lineamenti generali sui diversi disturbi dell’apprendimentodefiniti nella Classificazione Internazionale ICD-10 e compresi nel capitolo 315 delDSM-IV americanoModelli teorici e strategie per l’attenzione(15 ore)Contenuto:I modelli teorici dell’attenzione (Attenzione selettiva; Filtro di Broadbent; Teoria delfiltro attenuato della Treisman; Deutsch e Deutsch; La teoria di Norman; Selezioneprecoce e selezione tardiva; Attenzione divisa; Attenzione sostenuta)Lo sviluppo dell’attenzione secondo Mackworth A.K. e Piaget J.Le diverse strategie operative per l’insegnante (comprendere l’incoerenza; gli spazifisici, gli spazi temporali; utilizzo di segnali univoci; i rumori di fondo; la risoluzionedei compiti senza premi o punizioni; uso pianificatori quotidiani, come diari oagende;Obiettivi del modulo:Conoscere i diversi modelli teorici dell’attenzione. Capire come si sviluppaautonomamente l’attenzione e saper applicare le diverse strategie per facilitarel’attenzione dei soggetti con particolari difficoltà.I quattro ambiti specifici dei pre-requisiti in età prescolare(10 ore)Contenuto:Linguaggio e abilità fonologiche e metafonologicheCoordinazioneTempi di reazioneMemoriaObiettivi del modulo:Riconoscere nei soggetti in formazione i pre-requisiti di uno sviluppo ottimale dellapersona
  4. 4. Riconoscere la presenza di un disturbo di letto-scrittura(30 ore)Contenuto:Orientamento dei grafemi nello spazio (“p-b”; “d-q”; “u-n”;”a-e”; “b-d”)Fonemi con somiglianze percettivo-uditiveLe coppie di fonemi simili (“f-v”; “t-d”; “p-b”; “c-g”; “l-r”; “m-n”;”s-z”)I grafemi diversi (“m-n”; “c-e”; “f-t”)La codifica sequenziale (seguire con lo sguardo la direzione sinistra-destra e alto-basso)Omissione di grafemi e sillabeOmissione di parole e salti da un rigo all’altroInversione di sillabeAggiunte e ripetizioni di sillabe o grafemi della parolaDifficoltà di riconoscimento dei gruppi consonantici complessi (gn, gh, gl, sc)Difficoltà nella lettura di parole a bassa frequenza d’usoPrevalenza della componente intuitivaObiettivi del modulo:Conoscere e saper riconoscere in un soggetto gli errori che caratterizzanogeneralmente un disturbo di letto-scritturaProcesso di elaborazione delle informazioni(15 ore)Contenuto:Elementi che denotano una buona elaborazione delle informazioni:Saper riconoscere le informazioni rilevanti di un testo;Focalizzazione (saperle collegare in modo coerente);Inferenziazione (meccanismo di previsione attraverso il quale si immagina ciò che èscritto prima di decifrare il testo);Si basa su indici linguistici (struttura ortografica, titolo, grammatica) edextralinguisitici (immagini, conoscenze preesistenti, informazioni del contesto);Saperle confrontare con il proprio bagaglio di conoscenze.Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze su come generalmente avviene un efficace processo dielaborazione delle informazioni
  5. 5. Dislessia(20 ore)Contenuto:La dislessia evolutiva (come e quando si manifesta)La dislessia acquisita (come e quando si manifesta)Le cause della dislessia (deficit fonologico; deficit nei processi di automatizzazione;deficit nell’elaborazione visivo–percettiva; disfunzionamento memoria a brevetermine; deficit del controllo motorioObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladislessiaDisgrafia(15 ore)Contenuto:Quando è consigliabile fare una diagnosiQuando si manifestaLe caratteristiche generali (posizione e prensione; orientamento nello spazio;pressione sul foglio grafico; direzione del gesto grafico; produzioni e riproduzionigrafiche; esecuzione di copie; dimensioni dei grafemi; unione dei grafemi; ritmografico)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladisgrafiaDisortografia(10 ore)Contenuto: Le difficoltà generali (confusione tra fonemi somiglianti; confusione tra grafemisimili; dimenticanza di parti di parole; inversioni di fonemi)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladisortografia
  6. 6. Discalculia(15 ore)Contenuto:Le difficoltà aritmetiche (comprensione di termini o dei segni matematici;riconoscimento dei simboli numerici; allineare correttamente i numeri; inseriredecimali o simboli durante i calcoli; l’organizzazione spaziale dei calcoli aritmetici;apprendere in modo soddisfacente le tabelle)Le capacità “linguistiche” (comprendere o nominare i termini, le operazioni, o iconcetti matematici, e decodificare problemi scritti in simboli matematici)Le capacità “percettive” (riconoscere o leggere simboli numerici o segni aritmetici eraggruppare oggetti in gruppi),Le capacità “attentive” (copiare correttamente numeri o figure, ricordarsi diaggiungere il riporto e rispettare i segni operazionali)Le capacità “matematiche” (seguire sequenze di passaggi matematici, contare oggetti,e imparare tabelline)”Gli errori più frequenti nella discalculia (gli errori sintattici dei numeri; ilriconoscimento del valore dello zero nella transcodifica; gli errori nell’unire glielementi miscellanei con i numeri primitivi; gli errori di calcolo)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladiscalculiaSessione metodologico-didattica (piano educativoindividualizzato) - 250 oreLe tecniche individuali di studio(30 ore)Contenuto:Lidea e la sua strutturaCome si associano le ideeLa lettura accelerataTecniche per ricordareI ripassiLe parole chiaveGli appunti ad elenco, a tabella, a blocchi, a diagramma.Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze avanzate sulle varie tecniche di studio e su come generalmentesi studia.
  7. 7. Tecniche e metodi didattici(60 ore)Contenuto:Misure compensative (uso di software specifici per disabilità specifiche)Misure dispensative (Modificazioni nell’espletamento dell’attività didattica)Mediatori didattici: tabelle, schemi, mappeI componenti di basso livello e di alto livello nella scrittura (Basso livello: Aspettiesecutivi, ortografici, morfosintattici; Alto livello: aspetti di pianificazione eideazione testuale, il tempo di esecuzione)Uso della scrittura associativa (scrittura non pianificata)La scrittura collaborativa (lista associativa; scrittura di una idea; individuazioneparola chiave; dalla parola chiave generazione altra idea; grappolo associativo;riordinamento/scelta idee attraverso liste predisposte; riordinamento lista predisposta)Pre-scrittura (precede la pianificazione; fase preparatoria; fase del pensare insieme)Esercizi di riscrittura – uso degli argomenti linguistici (la trasformazione di un testo)La didattica metacognitiva (monitoraggio cognitivo; autovalutazione; autocontrollo)La valutazione (valutare i progressi dalla situazione iniziale; come separare ciò che èlegato alla disabilità da ciò che è frutto di studio e impegno)La didattica metacognitiva a livello di Istituto (lo studente; l’insegnante; il ruolo delpreside; il ruolo dei genitori; formazione e aggiornamento degli insegnanti)Obiettivi del modulo:Acquisire metodi e tecniche didattiche ai fini di un’apprendimento efficace neisoggetti con D.S.A.Le variabili per l’interpretazione del testo(30 ore)Contenuto:Le conoscenze precedenti (lessicale, inerenti l’argomento, generali riguardanti laconoscenza del mondo)Le aspettative del lettore rispetto all’argomentoL’atteggiamento attivo/passivo (variazione ritmo lettura secondo gli scopi,focalizzazione parti, operare inferenze)Funzionamento della MBTDispositivi extratestuali (titolo, sommari, caratteri tipografici per la segnalazione difrasi/parole)La struttura retorica del testo (che può favorire le previsioni a livello semantico)La decodifica (riconoscere e denominare correttamente le parole che compongono untesto)Bottom-up (automatizzazione del processo);
  8. 8. Comprensione (capacità di cogliere il significato - rappresentazione mentale delcontenuto)Meccanismo di anticipazione cognitivoObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite su come avviene il processo di lettura e su qualielementi è basata l’elaborazione del testo scrittoLettura decifratoria compromessa. Cosa fare?(20 ore)Contenuto:La lettura a voce altaLettori esterni (compagno/tutor) o software didatticoCome ridurre i testiPredisporre scalette degli argomenti (favorendo la registrazione delle lezioni)Come sollecitare le conoscenze precedentiCome far esercitare la focalizzazione, l’inferenziazione, l’interpretazioneObiettivi del modulo:Acquisire competenze didattiche di base per mettere in condizione il soggetto conD.S.A. di leggere e comprendere un testoUso delle TIC (Information and Comunication Technology)(30 ore)Contenuto:Programmi di training delle abilità di base (Metodo Tachistoscopico – su basineuropsicologiche)Programmi di lavoro specifico per l’analisi visiva e la lettura guidata (softwareLETRAS CAI-CAL)Multimedialità (comunicare attraverso l’uso di più codici comunicativi)Programmi di facilitazione alla scrittura (predizione delle parole)Programmi elaborazione testo con correzione ortografica (Word)Programmi elaborazione testo con sintesi vocale (C.A.R.L.O.)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze sui diversi software che facilitano l’apprendimento nei soggetticon D.S.A.Lo screening(25 ore)Contenuto:Le prove di sceening precoce per i D.S.A.
  9. 9. La diagnosi (criterio di discrepanza e criterio di esclusione)I test più comunemente usati nella pratica clinica. Cosa valutano (attenzione,memoria, efficienza intellettiva, lettura nelle componenti di correttezza e rapidità diun brano, correttezza e rapidità nella lettura di liste di parole e non parole, scritturanella componente di dettato ortografico, calcolo nella componente del calcolo scrittoe del calcolo a mente, lettura di numeri e scrittura di numeri)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze e competenze sulle pratiche di screening. Saper effettuare unoscreening dei soggetti in formazioneLe buone pratiche(30 ore)Contenuto:Progetto "Un credito di fiducia al bambino che apprende" (screening, formazionedocenti, coinvolgimento A.S.L., scuola, famiglia, istituzioni)Progetto A.P.RI.CO. (Attivazione di Interventi di Prevenzione, Rieducazione eCompensazione – uso delle ICT)Progetto T-islessia (utilizzo di un programma televisivo creato ad hoc per attività dipotenziamento)Obiettivi del modulo:Conoscere le buone pratiche sul territorio e saperle riprodurre nel contesto formativoin cui si operaLe tecniche di potenziamento di letto-scrittura più utilizzate(25 ore)Contenuto:Trattamento Percettivo-motorio (Benetti, 2002)Trattamento Davis-Piccoli (Godi, 2002)Trattamento linguistico genericoTrattamento Balance-Model (Lo Russo)Trattamento lessicale con parole isolate (Judica, De Luca, Spinelli; Zoccolotti, 2002)Trattamento per l’automatizzazione del riconoscimento sublessicale e lessicaleObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze di base sulle tecniche di potenziamento più utilizzate in ambitodi letto-scrittura

×