Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

La prima guerra mondiale

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Upcoming SlideShare
Prima guerra mondiale
Prima guerra mondiale
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 31 Ad

La prima guerra mondiale

Download to read offline

Presentanzione in P.P. del primo grande conflitto mondiale. Attraverso le illustrazioni d'epoca e le foto dei protagonisti si ripercorrono i momenti più salienti, con particolare riguardo al ruolo del nostro paese.

Presentanzione in P.P. del primo grande conflitto mondiale. Attraverso le illustrazioni d'epoca e le foto dei protagonisti si ripercorrono i momenti più salienti, con particolare riguardo al ruolo del nostro paese.

Advertisement
Advertisement

More Related Content

Slideshows for you (20)

Similar to La prima guerra mondiale (20)

Advertisement

Recently uploaded (20)

Advertisement

La prima guerra mondiale

  1. 1. La Prima Guerra Mondiale
  2. 2. La scintilla che provocò lo scoppio della guerra fu l’uccisione del principe ereditario austriaco: il 28 giugno 1914 a Sarajevo un nazionalista serbo uccise Francesco Ferdinando. L’Austria inviò subito un ultimatum che imponeva alcune condizioni alla Serbia, la quale non le accettò tutte. Scoppia la guerra
  3. 3. Di conseguenza, il 28 luglio 1914 l’Austria dichiarò guerra alla Serbia.
  4. 4. Immediatamente, si innescarono le reazioni e il gioco delle alleanze: La triplice intesa (Francia, Gran Bretagna e Russia) a fianco della Serbia.
  5. 5. La Germania si schierò a fianco dell’Austria. Negli anni successivi altre nazioni (Giappone, Bulgaria, Romania, Turchia, Stati Uniti, Grecia e Portogallo) interverranno a fianco di uno o l’altro schieramento.
  6. 6. Nonostante l’Italia facesse parte della triplice alleanza, con Germania e Austria, l’Italia non intervenne subito perché tale alleanza aveva carattere difensivo e l’Austria aveva attaccato la Serbia. Maggioranza della popolazione e del parlamento condivideva questa posizione. Tuttavia l’opinione pubblica era divisa in due schieramenti: i neutralisti : contrari all’intervento (giolittiani, socialisti e cattolici). Gli interventisti : a favore dell’ingresso dell’Italia in guerra (sindacalisti rivoluzionari, nazionalisti, irredentisti, liberal-conservatori). L'Italia rimane neutrale
  7. 7. Questi ultimi erano una minoranza ma molto rumorosa ed organizzarono diverse manifestazioni pubbliche in piazza.
  8. 8. Inoltre, avevano l’appoggio del re Vittorio Emanuele III e del Primo Ministro Salandra , il quale, all’insaputa del parlamento, si accordò con l’Inghilterra per l’ingresso a fianco della Triplice Intesa. Il Patto di Londra, infatti, prevedeva diverse concessioni territoriali all’Italia in caso di vittoria (Terre irredenti, Dalmazia, Dodecanneso; Parte dell’Albania)
  9. 9. Di conseguenza, il 23 maggio 1915 l’Italia dichiara guerra all’Austria fra il tripudio di parlamentari e molti italiani.
  10. 12. Gli schieramenti dopo l'ingresso dell'Italia
  11. 13. Nulla di nuovo sul fronte OCCIDENTALE Sul fronte occidentale si fronteggiavano Germania e Francia, sicure entrambi di vincere in breve tempo con un guerra di movimento. Invece, dopo poche settimane, i due eserciti si fronteggiarono lungo una doppia trincea lunga 800 km, dando inizio alla lunga e logorante guerra di posizione..
  12. 14. La guerra in trincea
  13. 15. I soldati vivevano in trincee scavate nel terreno. Di fronte, separata da una terra di nessuno coperta da filo spinato, si trovavano le trincee del nemico.
  14. 16. All'attacco!!! Ogni tanto uno dei due eserciti lanciava un attacco a cui rispondeva il nemico con raffiche di mitragliatrice che falcidiavano i poveri soldati.
  15. 17. Il fronte orientale In Russia scoppia la rivoluzione comunista Sul fronte orientale , invece, si fronteggiavano imperi centrali e la Russia, la quale nel 1917, in seguito allo scoppio della rivoluzione, si ritirò dal conflitto (Pace di Brest-Litovsk).
  16. 18. ll fronte meridionale La prima volta degli "Italiani"
  17. 21. Il fronte italo-austriaco: le Alpi Nel 1915, con l’entrata in guerra dell’Italia, si aprì un nuovo fronte lungo il confine italo-austriaco. Anche qui i due eserciti si fronteggiarono in una guerra di trincea.
  18. 22. Gli austriaci attuano ritorsioni contro gli irredentisti
  19. 23. L'irredentista Cesare Battisti viene giustiziato
  20. 24. 1917: Russia si ritira. La disfatta di Caporetto Ma nel momento i cui la Russia si ritirò dal conflitto, l’Austria spostò le sue truppe dal fronte orientale a quello italiano e grazie, a questa superiorità, riesce a sfondare a Caporetto.
  21. 25. Gen. Luigi Cadorna Cadorna, il generale italiano vecchio e impreparato, non riuscì a guidare la resistenza di un esercito mal equipaggiato e armato. L’Italia subì una dura disfatta e dovette ritirarsi.
  22. 26. Gen. Armando Diaz Al suo posto venne nominato Capo di Stato Maggiore, il Generale Armando Diaz
  23. 27. Dopo alcuni giorni l’avanzata degli austriaci fu arrestata lungo il fiume Piave. L’esercito dovette chiamare alle armi i giovani del 1899.
  24. 29. L'affondamenteo della Lusitania. Gli Stati Uniti entrano in guerra
  25. 31. L’intervento degli stati uniti Lungo la manica, la Gran Bretagna, approfittando della sua supremazia marittima, cercò di bloccare i rifornimenti alla Germania che rispose con la guerra sottomarina: potenti sottomarini tedeschi affondavano tutte le navi che cercavano di approdare in Gran Bretagna. Molte di queste erano statunitensi. In particolare, l’affondamento della Lusitania , una nave mercantile, secondo gli americani, provocò l’ingresso nel conflitto degli Stati Uniti a fianco dell’Intesa. Grazie alla superiorità assicurata dalle truppe americane, nel 1918 l’Intesa lanciò l’offensiva decisiva che costrinse gli imperi centrali alla resa. Gli imperatori di Germania e Austria lasciarono il trono e si crearono due repubbliche.

×