L'effetto di-egitto-sulla-religione-della-grecia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

L'effetto di-egitto-sulla-religione-della-grecia

on

  • 439 views

 

Statistics

Views

Total Views
439
Views on SlideShare
439
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L'effetto di-egitto-sulla-religione-della-grecia Presentation Transcript

  • 1. L'Effetto di Egitto sulla Religione della Grecia
    Braden Dison
  • 2. Metis e Maat
    Maat
    Metis
  • 3. Metis
    Metis, dea della mitologia greca, fu la prima moglie di Zeus. Era una donna molto intelligente e Zeus, invidioso della sua intelligenza, la ingoiò. Metis, che era incinta, quando fu nello stomaco di Zeus, partorì Athene trasferendole la sua intelligenza. Athene si liberò uscendo dalla testa di Zeus, dimostrando così che l'intelligenza riesce sempre vittoriosa sulla forza. Da Metis mangiare, Zeus accresciuto il suo potere come monarca.
  • 4. Maat
    Maat è l'incarnazione della giustizia. Era la figlia di Ra "Dio sole "a cui nulla sfugge e padre del faraone, nonchè dispensatrice della giustizia. Maat rappresentava anche l'ordine universale, la legge grazie alla quale il mondo vive nell'armonia, la forza per la quale la creazione di Ra, non ripiomba nel caos primordiale.
  • 5. Entrambe le dee rappresentavano la giustizia e la saggezza. Entrambe le dee erano responsabili per legittimare il forza delle monarce.
  • 6. Zeus e Amun
    Amun
    Zeus
  • 7. Amun
    In origine Amun è stato una delle otto divinità primordiali adorate ad Ermopoli. Diviene poi il dio supremo, la divinità solare Amon-Ra. Ammon era il capo supremo delle divinità egizie, e di Egitto. Il suo significa "il misterioso", assieme alla moglie Muth e al figlio Khons forma la triade di Tebe. Il suo animale è l'ariete. Amun è spesso raffigurato con un ariete.
  • 8. Zeus
    Secondo la mitologia greca Zeus è stato il dio supremo di tutti gli dei è stato una divinità celeste dispensatrice di luce, di calore e da lui dipendevano tutti gli eventi atmosferici è stato infatti anche il re del tuono, dei lampi, dei fulmini mediante i quali manifestava la sua approvazione o no. Zeus regolava tutto l'ordine universale. Era spesso rappresentato da un'aquila.
  • 9. Ammon era chiamato Zeus-Ammon dagli antichi greci. Lo hanno dimostrato come Zeus con le corna di un ariete.
    Ammon- Zeus
  • 10. Io, Isis, e Hathor
  • 11. Io
    Nella mitologia grecia Io è una sacerdotessa di Hera. Zeus si innamorò di Io e, temendo la gelosia di Hera, quando la andava a trovare la nascondeva in una nuvola dorata. Hera, accortasi del sotterfugio, trasformò la giovane in una giovenca, ma Zeus continuò a vederla trasformandosi in toro. Allora la dea decise di farla sorvegliare da Argo, il gigante dai cento occhi. Hermes, incaricato da Zeus, addormentò Argo e lo uccise, liberando la giovenca. In seguito Hera mandò un tafano a pungere Io, che cominciò a correre per tutta la Grecia per sfuggire all'animale. Io giunse in Egitto, dove partorì Epaforus, riacquistando le fattezze umane. Io viene spesso raffigurata come una giovane donna con in testa le corna della vacca. Per questo fu identificata con Isis e Hathor.
  • 12. Isis
    Isis è la dea della maternità e della fertilità nella mitologia egizia. Solitamente viene raffigurata come una donna vestita con una lunga tunica, che reca sul capo il simbolo del trono, mentre tiene in mano l'ankh. Più tardi, in associazione con Hathor, è stata raffigurata con le corna bovine, tra le quali è racchiuso il sole. Isis è stato una delle divinità più famose di tutto il bacino del Mar Mediterraneo.
  • 13. Hathor
    Hathor era una dea madre, associata alla vacca celeste, motivo per cui la sua acconciatura include le corna bovine e il disco solare. Si riteneva che Hathor, i cui nome significa letteralmente "Palazzo di Horus", fosse stata la nutrice del dio Horus. Isis, madre di Horus, venne in seguito assimilata a Hathor, tanto che a volte è difficile distinguerle. Hathor era anche la patrona della gioia, della danza, della musica e dell’amore.
  • 14. Gli ArticolidelleFotofrafie
    http://www.rainbowcrystal.com/atext/egypt10.html
    http://www.greek-islands.us/greek-gods/athena/
    http://www.essaysbyekowa.com/Maat%20and%20the%2010%20commandments.htm
    http://www.utexas.edu/courses/larrymyth/7Athena2009.html
    http://www.blindloop.com/index.php/2010/07/5-mythical-greek-gods-and-goddesses/
    http://www.mlahanas.de/Greeks/Mythology/ZeusOtricoliPioClementinoInv257.html
    http://www.livius.org/am-ao/ammon/ammon.html
    http://www.pantheon.org/areas/gallery/mythology/africa/egyptian/ammon.html
    http://www.touregypt.net/featurestories/amun-re.htm
    http://www.crystalinks.com/amun.html
    http://www.africawithin.com/kemit/aset.htm
    http://www.goddessgift.net/page34.html
    http://www.maicar.com/GML/Io.html
  • 15. Gli Articoli
    Hicks, Ruth Ilsley “Egyptian Elements in Greek Religion” Transactions and Proceedings of the American Philological Association, Vol. 93 (1962), pp. 90-108
     
    Faraone, Christopher A. and Teeter, Emily “Egyptian Maat and Hesiodic Metis” Mnemosyne, Fourth Series, Vol. 57, Fasc. 2 (2004), pp. 177-208
     
    Dow, Sterling “The Egyptian Cults in Athens” The Harvard Theological Review, Vol. 30, No. 4 (Oct., 1937), pp. 183-232
     
    Smith, Dennis Edwin “The Egyptian Cults at Corinth” The Classical Journal, Vol. 84, No. 3 (Feb. - Mar., 1989), pp. 216-221
     
    Simms, Ronda R. “Isis in Classical Athens” Journal of the American Research Center in Egypt, Vol. 28 (1991), pp. 187-200
     
    Tobin. Vincent Arieth “Isis and Demeter: Symbols of Divine Motherhood” The Harvard Theological Review, Vol. 70, No. 3/4 (Jul. - Oct., 1977), pp. 201-231