D STAR -ARI VERONA - IR3DB 60-nov-2008

  • 753 views
Uploaded on

Presentazione DSTAR - by ARI VERONA sept.2008- agg. jan 2011 more info iw3hxo@gmail.com

Presentazione DSTAR - by ARI VERONA sept.2008- agg. jan 2011 more info iw3hxo@gmail.com

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
753
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Dedicato a soci Senior che tanto ci hanno insegnato …. 60 anni insieme… …..in sintonia con ARI Verona ! D-STAR Verona IR3DB ( ex IR3UQ ) . www.ariverona.it Il Presidente ARI Verona IW3HXO
  • 2. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Come funziona rev 1.0 - Conversione A/D & D/A CODEC SCHEMA di MODULAZIONE ( GSMK ) COMPARAZIONE con altre modulazioni PROTOCOLLO I PARAMETRI per l’ instradamento ALCUNI ESEMPI ( sperimentazioni ) Visione generale rev 1.0 - CENNI STORICI Le CARATTERISTICHE del SISTEMA I RIPETITORI GLI APPARATI La RETE ( net e wireless ) “ IR3DB B” D-STAR VERONA Come si utilizza- rev 1.0 - ESEMPI di CONFIGURAZIONE ( IC-2820 / IC 91/92 )  La programmazione degli apparati per le comunicazioni digitali D-STAR - Applicazioni con il pc , qualche esempio :  D- RAT  D-query  D-STARlet Applicazioni GPS  cenni D-prs Autocostruzione e sviluppi hardware qualche esempio :  *  * Aggiornato il 09-jan-2011
  • 3. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Visione generale CENNI STORICI – 1998: JARL viene incaricata dal governo Giapponese di studiare un protocollo “digitale” – 2001: presentazione standard D-Star – 2002: ICOM accetta di costruire apparati – Dic. 03: Ver 1.0: Utenti e apparati singoli – Gen.05: Ver 1.1: Introduzione Gateway – Mag.06: Ver 1.2: Ripetitori VHF/UHF/SHF - 5 FEBBRAIO 2008 avvio sperimentazione D-STAR VERONA IR3DB B - Giugno 2007 avvio sperimentazione D-STAR ARI ad iniziare dalla dorsale del Veneto orientale - SETTEMBRE 2010 Operativo IR3DB D-STAR da Sede sezione ARI VERONA -10 SETTEMBRE 2009 installazione sperimentale 1.800 mt Rifugio Primaneve Monte Tomba ( VR )
  • 4. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Installazione sistema D-STAR - IR3DB 5 Febbraio 2008 presso la sede della sezione ARI “ G. Faccioli “ Verona
  • 5. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 3 SETTEMBRE 2009 installazione sperimentale 1.800 mt Rifugio Primaneve Monte Tomba ( VR )
  • 6. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 • Trasmissione contemporanea di Voce e Dati • Migliore qualità ed efficienza spettrale • Protocollo open source della JARL • Modulazione GMSK VANTAGGI per MIGLIORARE il SISTEMA • Programmare correttamente gli apparati • Ottimizzare i programmi applicativi per la gestione dei gateway • Ottimizzare gli impianti di alta frequenza per le trasmissioni digitali
  • 7. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 • in 1,2 Ghz: dev. 130 Khz (DD) • in 10 Ghz: dev. 10,5 Mhz (DD) -DV: voce con 4,8 Kbps (effettivi 3,6 Kbps) e dati a 1.200 bps in banda 144 e 430 Mhz TEMPO di RITARDO TX & RX : 100 ms con voce 50 ms con dati - DD: dati a 128 Kbps in banda 1,2 e 10 Ghz Occupazione di banda : • in 144/430 Mhz: 6.25 kHz Spaziatura canale ~ 10 kHz Codifica: AMBE 2020 a 2,4 kbps FEC a 3,6 Kbps Occupazione di banda : • in 1200 MHz : 130 kHz Spaziatura canale 200 kHz
  • 8. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Occupied Band-width @ 3dB -6.25 kHz Channel Spacing ~ 10 kHz Occupied Band-width @ 3 dB –130 kHz Channel Spacing ~ 200 kHz
  • 9. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008
  • 10. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 DATI
  • 11. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 CONFRONTO : D-STAR PACKET
  • 12. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL SISTEMA
  • 13. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL SISTEMA
  • 14. OM RTX DV o DD RIPETITORE DD tipo A ( 1,2 GHz ) RIPETITORE DV tipo A ( 1,2 GHz ) RIPETITORE DV tipo B ( 70 cm ) RIPETITORE DV tipo C ( 2 mt ) RADIO LINK per collegamento fra ripetitori ( 5 / 10 GHZ ) GATEWAY ( ADSL ) PC Collegamento via RADIO Collegamento a INTERNET ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL SISTEMA
  • 15. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 GLI APPARATI DV DV DD DV DV DV DV DV
  • 16. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 VISIBILITA’ in INTERNET www. d-starusers.org
  • 17. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008
  • 18. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008
  • 19. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Esempio del TRENO : STAZIONE di PARTENZA / STAZIONE di DESTINAZIONE Eventualmente per andare a visitare UNA PERSONA residente in un’ altra città ( le informazioni vengono “ distribuite” sulle carrozze – ES una classe in gita ? ogni carrozza deve avere l ‘ indicazione da dove parte e dove deve arrivare Inoltre contiene l’ indicazione a chi appartengono le informazioni ( mittente ) ( cioè chi le trasmette e a chi sono destinate ) Le informazioni – es. la VOCE – vengono : 1° convertite in formato binario ( digitale ) 2°aggregate in sequenza ( di lunghezza prestabilita di bit ) cioè “pacchettizzate” COME FUNZIONA
  • 20. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 100 milli Secondi per DV COME FUNZIONA
  • 21. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 •La voce viene convertita in digitale •I dati binari vengono compressi e organizzati in “pacchetti” •Nei “pacchetti” ( sequenze dei dati “voce” ) vengono inseriti i DATI di IDENTIFICAZIONE e DESTINAZIONE per l’ instradamento in rete ( importante per i ripetitori collegati in gateway ) •Il segnale risultante è pronto per essere inserito nello schema di modulazione GMSK e successivamente modulare una portante ( VHF / UHF – 1.2 GHz ) ATTENZIONE ai RITARDI - tempi di attesa – dovuti al CONVERTITORE / CODEC etc.. + ritardo internet nei collegamenti GATEWAY IN TRASMISSIONE IN RICEZIONE •Le informazioni contenute nei “pacchetti” vengono separate ( voce e dati ) •I dati binari relativi alla VOCE vengono convertiti da digitale in formato analogico •I dati binari relativi ai “messaggi” vengono utilizzati dal RTX e/o visualizzati ( es. RX Msg.)
  • 22. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Modulatore GMSKConvertitore A / D UR Call My Call RPT1 RPT2 Dati “personali “ da inserire nei “pacchetti” PACCHETTI ASSEMBLATI Segnale audio convertito in formato binario CODEC COME FUNZIONA in TRASMISSIONE CATENA di TRATTAMENTO del SEGNALE
  • 23. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 COME FUNZIONA CODEC COdificatore - DEcodificatore
  • 24. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 CODEC
  • 25. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Voice Encoding Utilizes Digital Voice Systems AMBE 2020 Chip CODEC
  • 26. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL PROTOCOLLO cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 27. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL PROTOCOLLO cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 28. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 RPT 2 RPT 1 CQCQCQ IZ3ATU 2820 IL PROTOCOLLO cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 29. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 30. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 RPT 2 RPT 1 CQCQCQ IZ3ATU 2820 cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 31. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 IL PROTOCOLLO cortesia di IK0YYY Luca Ferrara
  • 32. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Utilizzo contemporaneo di voce e dati Instradamento delle chiamate è univoco e automatico Autorizzazione all’uso •Utilizzo solo di stazioni note •Accessi non desiderati non effettivi Routing •Struttura cellulare IL PROTOCOLLO I vantaggi
  • 33. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Operating Frequency Configuration Simplex or Duplex Mode FM or DV MyCall Source Call sign UrCall Destination Call Sign Rpt 1 1stRepeater Rpt 2 2ndRepeater RPT2 RPT1 URcall MYcall PER “INSTRADARE CORRETTAMENTE E LE INFORMAZIONI SI DEVE PROGRAMMARE NELL’ APPARATO I SEGUENTI 4 PARAMETRI : Es. Configurazione per chiamata su ripetitore locale MyCall : NOMINATIVO UrCall : CQCQCQ Rpt 1 : IR3DB B Rpt2 : NOT USE *
  • 34. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 GMSK Gaussian Minimum Shift Keying MODULAZIONE GMSK
  • 35. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Comparazione con analizzatore di spettro fra modulazione GMSK e FM
  • 36. Analisi del segnale di BF con Spectran tramite scheda audio
  • 37. Analisi del segnale di BF con Spectran tramite scheda audio
  • 38. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Misure su apparati IC 91 - Visualizzazione della modulazione GMSK Laboratorio misure I3VHF Ciro Mazzoni - Verona
  • 39. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Misure su apparati IC 91 - Visualizzazione della modulazione GMSK con segnale DTMF Laboratorio misure I3VHF Ciro Mazzoni
  • 40. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Quando il SEGNALE in antenna soffre di QSB , varia di intensità in continuazione e/o diventa improvvisamente troppo basso ( anche di poco sotto la soglia minima ) TUTTA la CATENA di TRATTAMENTO del SEGNALE INTERROMPE l’ ATTIVITA’ di CODIFICA e/o DECODIFICA Il riavvio di questa attività ha un tempo ben prestabilito ( 100 mSec per il DV e 50 per il DD ) Al di sotto del livello “minimo” non si ascolta più nulla , cioè si arresta il processo di conversione Nella finestra di “incertezza ( molto stretta ) “ fra segnale sicuro e costante nel tempo e segnale insufficiente , si potrà UDIRE l’ effetto “VOCE di PAPERINO “ ( espressione coniata da I3IVP – Marino Ari –Mestre Venezia ) Forse è improprio affermare genericamente che per garantire una ricetrasmissione in modalità D-STAR sia necessaria maggiore potenza di trasmissione Sicuramente è necessario un segnale di intensità e fase costante e che per tutta la durata del QSO non scenda mai al di sotto della soglia minima – questa regola vale anche per i QSO via ripetitore D-STAR ALCUNE CONSIDERAZIONI
  • 41. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 • RPT1: nominativo ripetitore locale 8 caratteri( Es. IR3DB B ) ( la lettera B è in 8° posizione ) • RPT2: nominativo rpt destinazione o Gateway 8 caratteri (Es. IR3DB G) ( la lettera G è in 8° posizione ) RPT2 RPT1 URcall MYcall 4 PARAMETRI • Mycall: fino a 8 caratteri • URcall: nominativo ricercato o CQCQCQ o “ / nominativo RIPETITORE ricercato” ( completo di carattere che indica la PORTA di USCITA in OTTAVA posizione A 1.200 MHz o B UHF o C VHF MAX 8 caratteri
  • 42. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 SIMPLEX - locale RIPETITORI CROSS BAND / RIPETITORI COLLEGATI Via RADIO LINK ( 5-10 GHz ) RIPETITORE LOCALE RIPETITORI COLLEGATI ALLA RETE INTERNTET GATEWAY OM “ A “ OM “ B “ Possibili tipologie di collegamento
  • 43. OM RTX RIPETITORE DD tipo A ( 1,2 GHz ) RIPETITORE DV tipo A ( 1,2 GHz ) RIPETITORE DV tipo B ( 70 cm ) RIPETITORE DV tipo C ( 2 mt ) RADIO LINK per collegamento fra ripetitori ( 5 / 10 GHZ ) GATEWAY ( ADSL ) PC Collegamento via RADIO Collegamento a INTERNET ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Rete Internet OM 1 OM 5 OM 4OM 3 GATEWAY PC RTX RTX RTX PC RIPETITORE DV B LINK OM 2 RTX RTX DV tipo B DV tipo C GATEWAYDV tipo A GATEWAY PC
  • 44. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 TIPO di CHIAMATA UR call RPT 1 call RPT 2 call Note & commenti Su Ripetitore locale CQCQCQ IR3DB B NOT USE* Chiamata su ripetitore locale porta B ( UHF ) Su Ripetitori locali equipaggiati con più bande CQCQCQ IR3UEF B IR3UEF A Chiamata su ripetitore locale dotato di 2 porte in UHF ( porta B e 1,2 GHz porta A ) Verso ripetitore remoto non collegato al gateway ma in rete via radiolink ( nb : attualmente non ci sono ripetitori collegati via LINK ) CQCQCQ IR3DB B IR3UEF B ( RPT 1 ripetitore di partenza – RPT 2 ripetitore di arrivo ) Verso ripetitore remoto collegato al GATEWAY /F1ZPL B IR3DB B IR3DB G Chiamata generale su ripetitore F1ZPL - porta B ( UHF ) Verso NOMINATIVO specifico Es. K1JT IR3DB B IR3DB G Chiamata specifica : attenzione il sistema impiega anche 10/15 minuti – viene interrotto il QSO sul ponte dove è registrato il destinatario ESEMPI di INSTRADAMENTO della CHIAMATA
  • 45. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 NOT USE * IR3DB B CQCQCQ IZ3ATU 2820 IR3DB G IR3DB B /F1ZPL B IW3HXO IC92 IR3DB G IR3DB B K1JT IZ3MEG 2820 CHIAMATA GENERALE su RIPETITORE LOCALE IR3DB – porta B CHIAMATA VERSO RIPETITORE REMOTO F1ZPL – gateway CHIAMATA VERSO NOMINATIVO SPECIFICO - gateway RPT2 RPT1 Ur Call My Call
  • 46. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 CHIAMATA GENERALE SIMPLEX – QSO SENZA RIPETITORE
  • 47. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Utilizzare la modalità GATEWAY solo quando si è sicuri di averne compreso il funzionamento complessivo . Questa funzionalità impegna molte risorse ( traffico dati della rete – server al quale è collegato il ripetitore di zona , etc.. ) MAI TRASMETTERE con ATTIVO nell’ apparato, in RPT2 il parametro RIPETITORE di ZONA con la porta G ( Es. RPT2 : IR3DB G ), si rischia di impegnare il server gateway di zona per nulla, anche per un QSO locale dove è sufficiente il solo RIPETITORE ALCUNE CONSIDERAZIONI …. QUALCHE SUGGERIMENTO UTILE !
  • 48. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Qualche consiglio per non “congestionare” il traffico GATEWAY in previsione di una crescita degli utilizzatori del sistema : Prima di usare la funzionalità GATEWAY (RPT2) è buona norma individuare con precisone il ripetitore e la porta di PARTENZA ( RPT1 ) e la DESTINAZIONE ( Urcall ) • Assegnare intervalli di tempo troppo brevi per l’ invio automatico dei dati di posizione GPS-A •Utilizzare intensamente chiamate a SINGOLO NOMINATIVO poichè vanno a interrompere QSO su I ponti ripetitori “remoti” ALCUNE CONSIDERAZIONI ... da EVITARE !
  • 49. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 UR Call : /IR3UEF B RPT 1 : IR3DB B RPT2 : IR3DB G Chiamata generale Ripetitore IR3UEF ( porta UHF ) Tramite ripetitore locale IR3DB con funzionalità di collegamento GATEWAY via internet attivata In questo modo si è sicuri di : •NON INTERROMPERE il QSO sul ripetitore remoto, •Da dove si PARTE e dove si ARRIVA ALCUNE CONSIDERAZIONI ….UN BUON ESEMPIO !
  • 50. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 ALCUNE CONSIDERAZIONI ….QUALCHE NOVITA’ ! Alla pressione del tasto PTT, contrariamente a quanto accade nei normali apparati, viene inviata immediatamente la serie di informazioni di protocollo tra cui: My Call – UR Call – RPT1 e RPT2 Se il PTT non viene premuto per almeno 2/3 secondi il TX non riesce ad inviare la stringa completa, il ripetitore NON risponderà quindi con il classico BIP, ma si vedrà solo il segnale della portante del ripetitore sullo S-Meter. Se i dati vengono riconosciuti correttamente dal ripetitore, dopo alcuni secondi comparirà sullo s/meter il segnale e il msg del ripetitore. Il “BIP” ascoltato conferma che i dati sono stati ricevuti dal ripetitore in modo corretto .
  • 51. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 D-PRS
  • 52. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 ARI RE - 16 Febbraio 2008 disinnesco ordigno bellico – utilizzato per la prima volta D-STAR con IR3DB per servizi operativi R.E. D-PRS
  • 53. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 D-PRS
  • 54. ARI – Sezione di VERONA “ G. Faccioli “ D-STAR IR3DB IW3HXO – IZ3MEG – IZ3ATU / 29 Febbraio 2008 Il team D-STAR ARI Verona IZ3KEO IK3MAB IW3IHJ IZ3HPH IZ3ATU IZ3MEG IW3HXO www.ari.verona.it nuovo web www.ariverona.it Sperimentazione D-STAR VERONA Iniziata il 5 febbraio 2008 Sentiti ringraziamenti ai soci della sezione di Verona che hanno collaborato per l’ installazione del sistema In particolare ai consigliere IK3MZS Andrea IZ3BUR Livio Al socio : I3VHF Ciro Mazzoni per i test e le misure in laboratorio e a IZ3CLG Gianluca – responsabile nazionale ARI ponti ripetitori - per la competenza e assistenza tecnica fornita costantemente con pazienza e generosità