Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this document? Why not share!

Educazione allo sviluppo

on

  • 1,513 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,513
Views on SlideShare
1,503
Embed Views
10

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

2 Embeds 10

http://www.ilsole.org 9
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Educazione allo sviluppo Educazione allo sviluppo Document Transcript

  • EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO
  • Il Sole Onlus Associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza Nel 1997 nasce, a Como, l’Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo uguaglianza di Diritti, opportunità e dignità. Il Sole Onlus opera, per raggiungere i suoi obiettivi, indipendentemente da etnia, religione e appartenenza socio-culturale dei bambini. I suoi interventi sono mirati a dare concrete e adeguate risposte ai bisogni dei bambini più emarginati, bisognosi e vulnerabili con l’obiettivo di garantirgli una vita dignitosa nel rispetto dei loro diritti fondamentali. In funzione della propria mission Il Sole Onlus si occupa prevalentemente delle seguenti problematiche: • Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale • Promozione e tutela del diritto all’identità di ogni bambino • Lotta contro la povertà Strumenti idonei per dare una risposta adeguata a queste problematiche sono i progetti di cooperazione allo sviluppo e le adozioni a distanza. Il Sole Onlus si occupa, nei Paesi del Sud del Mondo, di sostegno a distanza ravvicinata, declinato in progetti di sviluppo e adozioni a distanza. Il sostegno, che vuole riavvicinare la distanza, cerca di creare un ponte per uno sviluppo partecipato capace di coinvolgere, in egual misura, Nord e Sud del Mondo, sostenitori e beneficiari. In Italia l’Associazione cerca, attraverso progetti di educazione allo sviluppo, di sensibilizzare bambini, con interventi nelle scuole, e adulti, attraverso convegni, seminari e mostre fotografiche sull’importanza dei Diritti dei più piccoli, sulla loro negazione e sul divario tra Nord e Sud del Mondo. Per quanto riguarda i progetti di cooperazione allo sviluppo, Il Sole Onlus è presente in Etiopia, Benin, Burkina Faso, India, Sri Lanka e Cambogia, dove collabora con partner locali, prevalentemente Organizzazioni Non Governative (ONG) selezionate sulla base della loro affidabilità ed autorevolezza sul territorio. Il Sole Onlus promuove l’incontro, la collaborazione e la cooperazione internazionale come uno strumento di alleanza nel pieno rispetto delle proprie autonomie culturali, religiose e politiche.
  • “Esploriamo i Diritti” Progetto di educazione allo sviluppo Il Sole Onlus è un’Organizzazione Non Governativa riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri come idonea per organizzare, realizzare e gestire percorsi di educazione allo sviluppo volti a sensibilizzare la società civile italiana, rispetto a tematiche relative al divario tra Nord e Sud del Mondo. In questo ambito Il Sole Onlus propone l’inserimento del progetto “Esploriamo i Diritti” nel vostro Piano di Offerta Formativa. Questo progetto prevede interventi strutturati nelle scuole atti a diffondere la conoscenza dei diritti dei bambini previsti dalla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia promulgata nel 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991. Per i bambini delle scuole primarie è stato creato il laboratorio: “X un mondo diritto” mentre per i ragazzi delle scuole medie inferiori e , superiori il laboratorio è: “Filiamo Diritti” . In particolare Il Sole Onlus attraverso “Esploriamo i Diritti” vuole proporre un percorso formativo ed educativo volto a: • migliorare, incoraggiare, sostenere la partecipazione attiva degli studenti, intesa come conditio sine qua non per creare cittadini consapevoli e responsabilizzati • migliorare, approfondire, perfezionare le tematiche legate al divario tra Nord e Sud del Mondo inerenti le diverse modalità e concezioni di (non) rispetto e tutela dei diritti dei bambini. Gli interventi e i laboratori sono pensati per attivare un percorso di produzione creativa di materiale: fiabe, videoclip, canzoni, racconti che si possano trasformare in bagaglio didattico ed espositivo. Gli elaborati degli studenti verranno presentati al pubblico Il 27 maggio 2011, in occasione del ventennale della ratifica, da parte dell’Italia, della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia. Sarà l’occasione per rendere protagonisti i Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza interpretati, tramite le più svariate forme creative, dai bambini e dai ragazzi stessi.
  • “X un Mondo diritto” Il progetto nasce dall’esigenza di far conoscere ai nostri ragazzi, figli dell’occidente industrializzato, la Convenzione dei Diritti dell’Infanzia, promulgata dall’ONU nel 1989 e ratificata dall’Italia con la Legge n. 176/91. Il fine primario di questo laboratorio è quello di sensibilizzare e rendere partecipi i bambini delle scuole elementari nei confronti dei diritti dell’infanzia e delle gravi violazioni che avvengono nel Sud del mondo. La meta di “X un mondo diritto” è quella di responsabilizzare i bambini affinché si facciano essi stessi promotori dei diritti dell’infanzia perché il mondo appaia, a tutti, meno “storto”. E’ un fatto tristemente noto che, benché tutti i bambini siano titolari degli stessi diritti, per molti di essi la negazione dei diritti è la vera norma di vita. “X un mondo diritto” risponde alla necessità di promuovere i diritti dell’infanzia e cerca un modo alternativo per farli conoscere nelle scuole e far sì che gli stessi bambini se ne facciano portavoce. Inventiamo una fiaba per sensibilizzare tutti sui diritti dei bambini I bambini verranno stimolati con la lettura di fiabe Africane e Asiatiche a meditare sulle condizioni dei loro coetanei nel Sud del mondo e saranno invogliati a improvvisare su situazioni tipo “immagina di essere un bimbo in Africa o dell’Asia che deve andare a lavorare” e a inventare possibili fiabe che abbiano come tematica i diritti e in particolare: il diritto all’identità il diritto al gioco il diritto all’infanzia e la lotta contro la violenza il diritto all’infanzia/protezione del minore. A seconda di come si svilupperanno gli incontri, i bambini potranno illustrare tali fiabe con disegni o fumetti, oppure animarle o ancora scrivere lettere a bambini di altri paesi o ai loro genitori o ai capi di Stato. “X un mondo diritto” è un progetto aperto, ad ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estro artistico e la propria sensibilità secondo le modalità e le espressioni più congeniali ai partecipanti.
  • “X un Mondo diritto” Come si svolge il laboratorio Incontri e durata Gli animatori, l’attrice Erika Renai e il musicista Luca (Pepe) Schiavo, dopo un primo incontro introduttivo in cui i bambini potranno constatare le condizioni di un bambino del Sud del mondo e verranno spiegati i principi fondamentali della Carta dei diritti, condurranno la classe in un viaggio immaginario sulle note e sulle parole di fiabe dal sapore lontano, alla scoperta di culture, usi e costumi diversi dai nostri, affinché la loro creatività prenda spunto dal confronto. Sarà previsto l’utilizzo di strumenti multimediali e la realizzazione di qualche semplice lavoro manuale. “X un mondo diritto” si articolerà in un minimo di 4 incontri di 1 ora e mezza ciascuno, fino a un massimo di 7 incontri, con cadenza settimanale o mensile + 1 incontro di 2 ore circa, in cui un operatore de Il Sole Onlus illustrerà, nello specifico, i progetti globali di cooperazione allo sviluppo di cui si occupa. A ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estro artistico e la propria sensibilità secondo le modalità e le espressioni più congeniali ai partecipanti, nello specifico i bambini saranno invogliati a creare fiabe da illustrare o animare che abbiano come tematica i diritti dell’infanzia e che potranno poi essere eventualmente raccolte in una piccola pubblicazione. Proposta lezione aperta Il laboratorio si potrebbe chiudere con una “lezione aperta” in cui parenti, amici, insegnanti e le altre classi saranno spettatori di una presentazione del lavoro svolto, sui quali testare l’efficacia di quanto prodotto dalla classe interessata sul tema dei diritti dei bambini. La lezione aperta sarà un incontro in più, extra budget, un’occasione in cui invitare tutti coloro che non hanno potuto convenire durante gli incontri precedenti e ai quali potremmo proporre di partecipare in futuro.
  • “Filiamo diritti” Conoscere i diritti dei bambini per diventarne promotori “Filiamo Diritti” risponde alla necessità di promuovere i diritti dell’infanzia e cerca un modo alternativo per farli conoscere nelle scuole e far sì che i ragazzi se ne facciano portavoce. I ragazzi verranno stimolati con la visione di video e la lettura di alcuni testi a lavorare sui principali diritti dei bambini e con un lavoro d’improvvisazione saranno invogliati a inventare una canzone - su una base musicale già data - e a girare un videoclip (qualora il numero degli incontri fosse sufficiente a realizzarlo), oppure inventando una storia e illustrandola a fumetti o con fotografie, insomma usare la creatività per “pubblicizzare” i diritti e in particolare: il diritto all’identità il diritto al gioco il diritto all’infanzia la lotta contro la violenza il diritto all’infanzia/protezione del minore “Filiamo Diritti” è un progetto aperto, nel senso che a ogni classe verrà data la possibilità di esprimere il proprio estro artistico e la propria sensibilità secondo le modalità e le espressioni più congeniali ai partecipanti (suddividendo anche la classe in diversi gruppi di lavoro), questo comporterà una varietà e una molteplicità di “prodotti/slogan” sui diritti dell’infanzia che potranno essere eventualmente raccolti in supporti cartacei o multimediali e diffusi in altre scuole e in altre sedi. Una canzone, un videoclip o un fumetto, una storia, uno slogan per i Diritti dell’infanzia La scelta del percorso da intraprendere (video clip, canzone, storia illustrata, fumetto, eccetera) dipenderà sia dalla sensibilità e dalla volontà dei ragazzi che dalla durata del laboratorio stesso.
  • “X un Mondo diritto” Come si svolge il laboratorio La conduttrice del laboratorio, l’attrice Erika Renai in un primo incontro mostrerà ai ragazzi video, spezzoni di film, leggerà loro delle storie di vita vissuta, affinché possano constatare le condizioni di un bambino del Sud del mondo, inoltre gli verranno letti e spiegati i principi fondamentali della Carta dei diritti dell’infanzia. Nei successivi incontri verrà chiesto ai ragazzi di manifestare il proprio interesse per la realizzazione di una canzone o per la narrazione di una storia. In base alle preferenze i ragazzi verranno suddivisi in gruppi e, e con un lavoro d’improvvisazione saranno invogliati a mettere in gioco la propria creatività, provando a inventarsi un testo di una canzone (magari rap) con una base musicale data o già esistente e a realizzare - qualora ce ne fosse il tempo - un videoclip, oppure a provare a narrare una storia da animare, o illustrare a fumetti o con foto o video. Sarà previsto l’utilizzo di strumenti multimediali e la realizzazione di qualche semplice lavoro manuale. “Filiamo Diritti” si articolerà in un minimo 3 incontri di 2 ore circa, fino a un massimo di 7 incontri ciascuno con cadenza settimanale o mensile + 1 incontro di 2 ore circa in cui un operatore de Il Sole Onlus illustrerà, nello specifico, i progetti globali di cooperazione allo sviluppo di cui si occupa. A uno degli incontri si consiglia caldamente la presenza di un musicista che aiuterà i ragazzi nell’adattamento del testo alla melodia. Proposta lezione aperta Il laboratorio si potrebbe chiudere con una “lezione aperta” in cui parenti, amici, insegnanti e le altre classi saranno spettatori di una presentazione del lavoro svolto, sui quali testare l’efficacia di quanto prodotto dalla classe interessata sul tema dei diritti dei bambini. La lezione aperta sarà un incontro in più, extra budget, un’occasione in cui invitare tutti coloro che non hanno potuto convenire durante gli incontri precedenti e ai quali potremmo proporre di partecipare in futuro.
  • Artisti/animatori Erika Renai Attrice diplomata presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Dopo aver lavorato con registi come Ronconi, Stein e De Bosio, con il Maestro e pianista Giorgio Gaslini e aver calcato decine di palcoscenici con la compagnia teatrale I Guitti, dal 2004 - alternando a questa attività anche quella di speaker radiofonica - ha lavorato anche dietro la telecamera, svolgendo varie mansioni. Ha collaborato come autrice e speaker con la trasmissione Cult Book di Stas’Gawronski (RAI Tre e RAI Storia) per il progetto Booktrailers (brevi cortometraggi/spot sui libri). Molti dei booktrailers realizzati per la trasmissione hanno la sua voce off e tutti la sua direzione artistica. Inoltre, è stata ed è formatrice, nell’ambito dell’iniziativa sperimentale promossa in collaborazione con Rai Educational, di laboratori di booktrailers. Da qualche anno svolge attività di didattica con laboratori di dizione e di educazione teatrale per bambini e adulti. Attualmente è conduttrice, insieme al musicista Luca Schiavo, dei laboratori/ animazione “Il Giro del mondo in 80 fiabe” e “Animali da favola” per bambini dai 3 ai 10 anni. Questi laboratori sono da lei ideati e condotti presso la Casa delle Culture del Mondo, provincia di Milano.
  • Artisti/animatori Luca “Pepe” Schiavo Classe 1975, inizia gli studi di chitarra classica con il Maestro Gianni Bonelli all’età di 11 anni. Con gli anni la passione si sposta verso la chitarra moderna e successivamente verso la chitarra jazz. Studia in Italia con Luciano Zadro, in Spagna con Chema Vilchez e presso il Conservatorio di Musica di Como con Roberto Cecchetto, Marco Micheli, Alberto Mandarini e Riccardo Luppi. Attualmente è laureando in jazz presso il Conservatorio di Como. Negli anni è cresciuta anche la passione per l’insegnamento e in particolare si è specializzato nell’insegnamento di musica nella scuola primaria. Da molti anni collabora con diverse scuole elementari e scuole civiche di musica (Nerolidio) e si dedica anche a progetti di musica come terapia (CPA , Centri di Aggregazione Giovanile, Progetto “Fiori che rinascono “ ad Addis Abeba in collaborazione con Il Sole Onlus), e musica nel teatro (compagnia teatrale Cuarta Pared di Madrid e AttivaMente di Como) , colonne sonore. Con Erika Renai conduce i laboratori/animazione “Il Giro del mondo in 80 fiabe” e “Animali da favola” per bambini dai 3 ai 10 anni, presso la Casa delle Culture del Mondo, provincia di Milano.
  • Il Sole Onlus Associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza via L. Leoni, 20 22100 Como (CO) Tel. (+39) 031.275.065 Fax (+39) 031.275.7275 www.ilsole.org Per informazioni: Vittorio Villa vittorio.villa@ilsole.org Tel. (+39) 031.275.065