Your SlideShare is downloading. ×
VeneziaCamp 09  - seminario Aicel Relazione Normativa E Etica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

VeneziaCamp 09 - seminario Aicel Relazione Normativa E Etica

497
views

Published on

“Normativa e etica: ostacoli o risorse per lo sviluppo dell’e-commerce?

“Normativa e etica: ostacoli o risorse per lo sviluppo dell’e-commerce?


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
497
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Normativa e etica – ostacoli o risorse per lo sviluppo del e-commerce? Partiamo subito dalla normativa: di regola viene percepita dall’operatore più come un ostacolo (come una pastoia, un impaccio) alla propria attività commerciale, soprattutto ove questa imponga mille adempimenti di carattere diciamo burocratico. Lo scopo di questo intervento è in primo luogo quello di fornire qualche spunto di riflessione sul se la normativa (ogni tanto) possa anche costituire una risorsa. A) NORMATIVA La normativa che regola, sotto il profilo civilistico, il commercio elettronico è la seguente: 1) Dlgs n. 70/2003: è la norma che in Italia regola l’ e-commerce. E’stata emanata in attuazione della direttiva europea 2000/31 relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società di informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico. - Si tratta di una norma attesa, perché fino a quel momento in Italia non esisteva una disciplina specifica sull’e-commerce, per cui esso veniva regolato attingendo alla normativa di carattere generale sulla vendita, generando ovviamente incertezza interpretativa. - Si tratta di una norma che il Legislatore italiano ha inteso predisporre al fine di accrescere la fiducia degli utenti/consumatori elettronici verso questo innovativo strumento negoziale . Come: a) Agevolando la trasparenza per il marchiant l’obbligo di fornire al potenziale acquirente informazioni sul: chi: chi è il marchant, quindi l’obbligo di fornire informazioni idonee ad identificarlo cosa: cosa viene comparto, a che prezzo, quindi informazioni sulle condizioni relative alla conclusione del contratto, sul’indicazione in modo chiaro ed inequivocabile dei prezzi dei prodotti o servizi offerti 1
  • 2. Questa normativa è prevista dall’art. 7), e la sua violazione comporta, tra l’altro, una sanzione pecuniaria che va da €. 103,00 ad €. 10.000,00 Inoltre il legislatore ha inteso introdurre norme allo scopo di eliminare gli ostacoli allo sviluppo dell’e-commerce, chiarendo innanzitutto, all’art. 6 che di regola, fatte salve eccezioni per casi specifici, è un’attività libera che non richiede autorizzazione preventiva. 2) Codice al Consumo (D.lgs. n.206/2005) applicabile solo nel caso del cosiddetto B2C, ovverosia quando l’acquirente è un consumatore. Si tratta di una norma che ha previsto a favore del consumatore tutele applicabili in sede negoziale e post – negoziale (si pensi al diritto di recesso, previsto dagli artt. 64 e 65, esercitabile fino a 10 gg lavorativi, quando gli obblighi di informazione sono adempiuti, oppure alla garanzia biennale di conformità del bene prevista dall’art. 132) 3) norme sulla vendita previste dal codice civile (artt. 1470 e ss) applicabili in via residuale 4) normativa sulla tutela della privacy (Dlgs n.196/2003) anche se non disciplina specifica, viene applicata in quanto l’attività di e-commerce richiede la raccolta dei dati personali Conclusioni: La normativa è un ostacolo o una risorsa? Il legislatore italiano ha inteso introdurre una disciplina specifica sull’e- commerce e diretta, almeno nell’intento, ad accrescere, come si diceva, la fiducia degli acquirenti elettronici Sotto questo aspetto la normativa può essere vista come una risorsa *** B) ETICA Quesito: E’ opportuno per favorire lo sviluppo dell’ e-commerce che il marchant, gravato dagli obblighi già imposti dal legislatore, si autoimponga una serie di ulteriori regole di carattere etico? Si badi che le norme etiche , se violate, non comportano alcuna conseguenze di carattere giuridico perché non generano alcun tipo di responsabilità civile o penale. 2
  • 3. Per inciso occorre comunque puntualizzare che è lo stesso legislatore che chiede al marchant di darsi dei codici di condotta quanto all’art. 18 della normativa sul commercio elettronico stabilisce che le associazioni o le organizzazioni imprenditoriali, professionali o di consumatori promuovono l’adozione dei codici di condotta ( però il legislatore non impone un obbligo di dotarsi di questi codici di condotta) Perché darsi dunque norme etiche? Perché attenersi ad un codice di condotta ha l’obiettivo di elevare, come si legge nel codice di etico dei Marchant Aicel gli standard di comportamento per fare sì che l’acquirente SI SENTA SICURO quando acquista da un Marchant. Perché chi acquista su internet non sa chi stia al di là dello schermo. In questo senso l’etica può essere una risorsa perché è soprattutto guadagnandosi la fiducia del consumatore che il mercato può essere adeguatamente sviluppato. L’adesione ad un codice etico, che significa poi autorizzare l’associazione che lo ha predisposto a svolgere un’attività di vigilanza sul rispetto delle norme imposte dal codice stesso, diventa un’ulteriore forma di tutela del consumatore e quindi un ulteriore veicolo di fiducia, perché l’acquirente sa che chi aderisce a quel codice etico è costantemente sottoposto ad un’attività di controllo sulla correttezza del suo operato. E sa che per il mancato rispetto delle norme del codice etico scatta da parte dell’associazione l’applicazione di una sanzione, la quale viene comminata con una prontezza che sarebbe impensabile per qualsiasi forma di controllo da parte dell’Autorità statale o da parte della Giustizia Conclusioni: In questo senso l’etica può essere una risorsa per lo sviluppo dell’e- commerce 3
  • 4. RUOLO DEL CODICE ETICO SECONDO LA NORMATIVA Il Codice etico di un ente o ancor meglio di associazione rappresentativa in alcuni casi ha un ruolo riconosciuto dalla legislazione. Un ruolo di base da cui impresa può partire per predisporre un modello di organizzazione e gestione. Infatti l’art.6 del Dlgs.231/2001 al comma 3 prevede : “I modelli di organizzazione e di gestione possono essere adottati, garantendo le esigenze di cui al comma 2, sulla base di codici di comportamento redatti dalle associazioni rappresentative degli enti, comunicati al Ministero della giustizia che, di concerto con i Ministeri competenti, può formulare, entro trenta giorni, osservazioni sulla idoneità dei modelli a prevenire i reati” L’IMPORTANZA DEL DLGS.231/2001 PER LE IMPRESE IL Decreto legislativo 231/2001 è stato introdotto nella legislazione italiana per reprimere fenomeni di criminalità realizzati nell’ambito dell’impresa. In conseguenza di tale testo normativo si ha, in sostanza, una “duplicazione” di sanzione: del reato risponde a livello penale il soggetto che lo compie e a livello amministrativo l’impresa nel cui organico si trova il soggetto. Quando il reato viene collegato all’impresa? 1) Quando il reato è commesso nell’interesse o a vantaggio dell’ente 2) gli autori sono in posizione apicale: rappresentanti, amministratori, persone che gestiscono di fatto l’impresa, oppure persone sottoposte alla direzione o vigilanza di tali soggetti 4
  • 5. 3) gli autori non hanno agito nell’interesse proprio o di terzi. Come viene sanzionata l’impresa? Con sanzioni amministrative: sanzioni pecuniarie = pagamento di somme notevoli - minimo di 25.800,00 euro in ordine alle ipotesi di reati informatici- e sanzioni interdittive tra cui a titolo di esempio: interdizione dell’esercizio dell’attività- sospensione o revoca autorizzazioni o licenze- divieto di pubblicizzare beni o servizi. In che modo può riguardare gli operatori dell’e-commerce? In generale in quanto si applica a imprese e persone giuridiche. In particolare per l’introduzione tra i reati previsti dal testo normativo dei delitti informatici così come aggiornati dalla recentissima Legge n.48/2008 a ratifica della convenzione c.d. cybercrime. “24-bis D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito di dati. 1. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 615-ter, 617-quater, 617- quinquies, 635-bis, 635-ter, 635-quater e 635-quinquies del codice penale, si applica all’ente la sanzione pecuniaria da cento a cinquecento quote. 2. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 615-quater e 615-quinquies del codice penale, si applica all’ente la sanzione pecuniaria sino a trecento quote. 3. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 491-bis e 640-quinquies del codice penale, salvo quanto previsto dall’articolo 24 del presente decreto per i casi di frode informatica in danno dello Stato o di altro ente pubblico, si applica all’ente la sanzione pecuniaria sino a quattrocento quote. 4. Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 1 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 9, comma 2, lettere a), b) ed e). Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 2 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 5
  • 6. 9, comma 2, lettere b) ed e). Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 3 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 9, comma 2, lettere c), d) ed e)” Questo significa che l’impresa può essere sanzionata qualora vengano commessi delitti strettamente collegati all’utilizzo sistemi telematici. L’impresa può essere esonerata dalla particolare responsabilità di cui al D.Lgs.231/2001? L’esonero della responsabilità dell’ente scatta solo allorché: 1) l’ente abbia adottato ed attuato efficacemente modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire i reati che poi sono stati commessi 2) ci sia comitato di vigilanza che controlla funzionamento e osservanza dei modelli 3) gli autori materiali del reato abbiano agito mediante elusione dei modelli Dall’analisi di questo testo normativo si trae l’importanza fondamentale per l’impresa e dunque anche per chi opera nell’e.commerce di dotarsi di modelli organizzativi e di gestione idonei a prevenire i reati anche informatici. Questi modelli possono essere idonei solo se individuino nello svolgimento dell’attività d’impresa i passaggi a “rischio” di reato, prevedano protocolli al fine di evitare tale rischio e introducano un sistema disciplinare per sanzionare il mancato rispetto del modello Ci sono delle ipotesi in cui merchant inteso come persona fisica potrebbe direttamente essere incriminato e quindi rispondere direttamente di un reato? 6
  • 7. E’ possibile anche perchè è da considerare la particolarità del settore della tecnologia informatica telematica. Ad esempio una violazione in cui facilmente il merchant può incorrere è quella relativa alla mancata adozione delle misure “ di sicurezza” poste a tutela del trattamento dei dati personali. Il T.U. Privacy all’ Art.169 ne sanziona l’omissione con la sanzione penale della contravvenzione. Per configurare tale reato è sufficiente la responsabilità colposa: dunque basta la mancanza di diligenza ovvero la trascuratezza per l’attribuibilità del fatto. Il merchant ha obbligo di predisporre idonea organizzazione al fine di evitare responsabilità a titolo di colpa. IN CONCLUSIONE Il merchant può essere destinatario di responsabilità amministrative e penali anche di una certa gravità. La normativa però, ha come finalità creare sicurezza e affidabilità nell’utilizzo della tecnologia telematica regolamentando i comportamenti. Quindi consente al merchant la possibilità di andare esente da sanzioni laddove ottemperi in maniera adeguata alle prescrizioni imposte dal legislatore. In questo senso evidentemente costituisce una risorsa per l’e- commerce. 7