Leno: Villa Badia

594 views

Published on

Partecipazione della classe 2^ D Cat dell'I.I.S. Vincenzo Capirola al progetto didattico 2013-14 "Dall'archivio alla scuola, al territorio". Insegnanti Milena Moneta, Graziella Freddi, Violeta Piria.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
594
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
324
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Leno: Villa Badia

  1. 1. VILLA BADIA Classe: 2D c.a.t ● Alice Lazzari ● Gianluca Pelizzari ● Beatrice Marazzi
  2. 2. VILLA BADIA: ● È stata edificata agli inizi dell'800 per conto di Alessandro e Giovanni Dossi. ● In questo anno l'avvocato Alessandro insieme al fratello medico acquistarono l'area sulla quale persisteva ancora una parte degli edifici abbaziali. ● I Dossi trasferiti in campagna dovettero affrontare il problema della demolizione di quanto rimaneva del complesso monastico.
  3. 3. STORIA: ● Alessandro Dossi agli inizi del XIX secolo si ritirò a Leno con la sua famiglia e si dedicò alla sistemazione della sua proprietà. ● Del cantiere degli inizi dell'800 non sappiamo nulla né sulle date né sulla paternità della costruzione.
  4. 4. PIANTA INTERNA DEI FABBRICATI ABBAZIALI
  5. 5. COSTRUZIONE: ● Alessandro Dossi si rivolse ad un architetto aggiornato sulle nuove tendenze, infatti l'abitazione riprendeva la tipologia della villa isolata che rileva un impianto ad U con fronte rivolto a sud e l'ingresso principale verso Contrada dell'Abbazia in parte coincidente con l'attuale ingresso.
  6. 6. DIVISIONE DELLA VILLA ATTUALE: ● La mappa napoleonica mostra invece la situazione precedente e forse riferibile al cantiere stesso: il corpo della villa appare ancora frammentata in tre unità distinte e la porzione maggiore presenta un impianto a L simile all'attuale.
  7. 7. ● Alla morte di Alessandro Dossi, la villa passò per eredità ai suoi sette figli. ● Nel 1863, uno dei figli, Carlo e Alessandro Legnazzi ereditarono i beni della famiglia mentre nel 1872 ne risulta proprietario solo Alessandro. ● La villa, passata ai Legnazzi, fu radicalmente ristrutturata e corrisponde all‘edificio attuale.
  8. 8. PLANIMETRIA (piano terra)
  9. 9. PLANIMETRIA (Primo piano)
  10. 10. PLANIMETRIA (Vista dall’alto)
  11. 11. SUCCESSIONE DEI PROPRIETARI: ● Nel 1899 la villa viene venduta ad Antonio Signorelli e Andrea Battaglia; ● Nel 1929 la villa passa a Iside Signorelli, erede Battagliola e venne frazionata longitudinalmente. ● Attuale villa è di proprietà di Cassa padana BCC di Leno
  12. 12. Entrata della Villa • All’entrata della villa venne collocato un cancello d’entrata con quattro pilastri. Inoltre il ‘grande fronte’ presentava sessanta metri di lunghezza attraverso il probabile accesso carraio centrale.

×