Catalogo di Innova Day Motor Sport Technologies 2013

1,316 views

Published on

Catalogo delle idee d'impresa , delle tecnologie, dei brevetti, delle spinoff e dei gruppi di ricerca selezionati per Innova Day Motor Sport Tech 2013 ed.

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,316
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
98
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Catalogo di Innova Day Motor Sport Technologies 2013

  1. 1. CATALOGO Innova Day MOTORSPORTECHModena, 31 Gennaio 2013 0
  2. 2. IndiceSTART-UP, SPIN-OFF E TECNOLOGIE .................................................................... 1 Beond – Be On Drive .................................................................................................. 2 DiXidiasoft ................................................................................................................. 3 Glassup ..................................................................................................................... 4 MACH1 ...................................................................................................................... 5 R&D CFD ................................................................................................................... 6 Raleri ........................................................................................................................ 7 Tec Star .................................................................................................................... 8 TGS Race - Buggy a Benzina e Elettrico ......................................................................... 9 VisLab ..................................................................................................................... 10GRUPPI DI RICERCA .............................................................................................. 11 Gruppo di ricerca sui motori a combustione interna ...................................................... 12 Laboratorio analisi delle tensioni ................................................................................. 13 Laboratorio MilleChili - Materiali ................................................................................. 14 LIFT - Laboratorio Intermech di Fisica Tecnica .............................................................. 15 OPTOLAB ................................................................................................................. 16
  3. 3. START-UP, SPIN-OFF E TECNOLOGIE 1
  4. 4. BeonD – Be On DriveProvenienza:TORINO - I3P, Incubatore Imprese Innovative Politecnico di TorinoTipologiaIdea d’impresaShort descriptionLa mission di BeonD è progettare e realizzare prototipi industrializzabili di veicoli dedicati alla mobilitàurbana, proponendo soluzioni innovative e che siano implementabili su scala industriale. Beond èintegratore ed innovatore di sistema e potrà svolgere quindi compiti di coordinamento tecnico fra impreseper innovazioni architetturali sull’intero sistema veicolo e fra istituzioni regionali e nazionali per risolvere ilproblema del congestionamento e inquinamento nelle aree urbane.I principali contenuti tecnologici implementati sono:  applicazioni per carrozzeria e telaio di materiali compositi riciclabili in fibra naturale e rocciosa; analisi di processi produttivi abbinati per la produzione in piccola serie di un city vehicle;  aerodinamica per la riduzione dei consumi, layout interno, abitabilità ed ergonomia, Human - Machine Interface, sistemi cooperativi di comunicazione veicolo-struttura;  propulsione ibrida ed elettrica, pacco batterie al litio e ultracap come buffer energetico, energy management system.BeonD offre prototipi industrializzabili realizzando con partner industriali tutte le fasi di realizzazione: -progettazione; - engineering; - prototipazione; - testing.BeonD è inoltre in grado di fornire consulenza ingegneristica e per progetti già esistenti, fornendo glistrumenti decisionali associati al progetto.BeonD offre soluzioni progettuali di veicolo complete, partendo dalle esigenze concrete dellutente finale edalle analisi di mercato, realizzando progetti di veicolo semplici, essenziali e a basso costo. BeonD grazieal suo network di aziende partner è anche in grado di fornire ai suoi clienti prototipi in scala, prototipi inscala 1:1 e prototipi funzionanti.I prodotti di BeonD sono veicoli estremamente leggeri, performanti e dai consumi estremamente bassi,ma con un costo tale da consentirgli avere un prezzo di mercato alla portata di tutti.La mobilità elettrica permette infatti di avere: emissioni zero e prestazioni adatte per il traffico cittadino,un peso contenuto grazie a batterie non voluminose e pesanti, i sistemi di range extender che aumentanol’autonomia consentendo di affrontare anche percorsi extraurbani.Proponente/i  Carello Massimiliana, ricercatore di Meccanica Applicata al Politecnico di Torino, docente di Chassis Design per il corso di Ingegneria dell’Autoveicolo e Faculty Advisor del Team H2politO;  Airale Andrea, laureato in ingegneria dell’autoveicolo, è stato Team Leader e responsabile del found raising, della gestione delle sponsorship e del piano strategico del progetto IDRA e XAM;  Ferraris Alessandro, laureato in ingegneria meccanica, è stato Project Manager e responsabile delle relazioni con i partner tecnici e del coordinamento della progettazione, della sperimentazione, della produzione e dei test in pista del progetto IDRA e XAM;  Oliaro Federico, laureato in ingegneria gestionale, è stato Management Leader e responsabile di ordini e acquisti, della pianificazione operativa, delle relazioni con i fornitori, della comunicazione e del marketing del progetto XAM. 2
  5. 5. DiXidiasoftProvenienza:BolognaTipologiaStart upShort descriptionDiXidiasoft è una società a responsabilità limitata semplificata di recente costituzione operante nel campodell’informatica, il particolare nel campo del software e della Games industry.DiXidiasoft è una software house indipendente in fase di startup, composta attualmente da un team di 19membri, per la maggior parte dai 20 ai 26 anni, particolarmente eterogeneo per competenze edesperienze: un reparto artistico qualificato (10 membri) e un reparto tecnico capitanato dallo sviluppatoredi eMule Adunanza 3.18+, Anis Hireche. Attualmente è in sviluppo un motore grafico top-tier in grado dicompetere con i big del settore, il Volcano Engine. Su questo motore sarà basato il prodotto di punta delDiXidiasoft, Realms of Swordfall Online, un action MMORPG rivoluzionario nel suo gameplay, che saràtuttavia il punto di arrivo di un franchise ben più lungimirante. Infatti lambientazione di Swordfall verràpresentata con il primo gioco, Realms of Swordfall TCG, disponibile per piattaforma Facebook e mobile.La missione di DiXidiasoft è di restaurare quel feeling presente nei giochi appartenenti ad un passato nonnecessariamente troppo lontano, valorizzando particolarmente la storia, soprattutto per quanto riguardaRealms of Swordfall Online, dal momento che particolarmente nel suo genere da un po di anni a questaparte gli MMORPG mancano della componente RPG, intesa come Roleplay a tutti gli effetti.I proponenti hanno preso parte allo “Svilupparty 2012” (24-25 marzo 2012), al quale hanno partecipatoin qualità di relatori Anis Hireche e Siro Toracchio. A partire dai mesi successivi DiXidiasoft ha riscossosuccesso in vari forum, pubblicando immagini dei propri lavori e suscitando notevole interesse.L’impresa è poi entrata in contatto con Microsoft ed è entrata nel prestigioso programma dipotenziamento Microsoft Bizspark, iniziativa per l’incubazione di nuove startup, fornendo consulenze,servizi e software gratuito negli anni a venire alle aziende incubate.DiXidiasoft ha ottenuto poi le prime interviste da parte di riviste gaming online nel settembre 2012:Matt’s Games, Gamesark.it e Gamesarmy.it. Nell’ottobre 2012 DiXidiasoft partecipa al VIEW Conference2012 di Torino, come candidato per il VIEW Award Game. In quest’occasione DiXidiasoft rilascia unavideo intervista a Matt’s Games, presente all’evento per scriverne articoli. Ad oggi DiXidiasoft continua asviluppare nuove soluzioni: i primi prodotti saranno pronti per il nuovo anno e il lancio sarà supportato dauna adeguata strategia di marketing e comunicazione.Proponente/i  Francesco Abbonizio, Art Director e game designer; esperto di modellazione 3D e level design, progettazione di giochi di ruolo da tavolo e creazione di contenuti personalizzati per i più famosi giochi (WarcraftIII, TheElderScrollsIV: Oblivion, TheElderScrollsV: Skyrim, NeverwinterNights2)  Anis Hireche, CTO & Lead Volcano Developer, è il capo programmatore del DiXidiasoft; esperto di linguaggi di programmazione (C,C++,ASM) e di sviluppo software per giochi MMORPG in 2D.  Mauro Leone, Lead Gameplay Programmer, secondo programmatore DiXidiasoft. Esperto programmatore in vari linguaggi e su pressochè tutti i dispositivi esistenti: PC Windows, Mac, Linux, Android, iOS, Windows Phone, Blackberry.  Walter Cossu, Web Director, è uno sviluppatore web indipendente, impiegato presso Formula SRL come Senior Developer ed è stato amministratore per 4 anni di una community di sviluppo (http://www.rpgmkr.net).  Siro Toracchio, CEO & Project Manager, amministratore dell’azienda. Attualmente gestisce una community di giocatori dal 2009 al 2011 (http://chroniclesofazeroth.forumfree.it). 3
  6. 6. GlassupProvenienza:Ganaceto (MO)Tipologia:Start upShort descriptionGluss Up è un’impresa modenese che ha come obiettivo lo sviluppo, la produzione e lacommercializzazione di occhiali in grado di mostrare all’utente che li indossa sms, email e aggiornamentidi eventuali siti o social network a cui è iscritto.L’impresa, consapevole della grande quantità di messaggi che ogni giorno ricevono gli utenti, ha dunquecercato di trovare una soluzione che consentisse agli utilizzatori di gestire il continuo flusso diinformazioni senza dover interrompere le proprie attività.Gli occhiali Glass Up consentono infatti all’utente di tenersi aggiornato e gestire i messaggi e leinformazioni in entrata, continuando a vivere la propria vita e a svolgere le normali attività.I messaggi vengono mostrati soltanto per qualche istante, in un lato del campo visivo e dunque inmaniera discreta, in modo che l’utente possa decidere se ignorarli, leggerli o prendere il telefono perrispondere.Gli occhiali Glass Up funzionano attraverso una applicazione Android gratuita e una connessionebluetooth, quindi è necessario che l’utente abbia con sé lo smartphone. Si tratta dunque di una soluzioneche permette la sola lettura, dal momento che per rispondere al messaggio l’utente deve comunqueutilizzare il telefono, come di consueto.Le informazioni in entrata che gli utenti possono visualizzare sono personalizzabili, infatti le notifichepossono riguardare: sms, email, aggiornamenti Facebook, tweets, breaking news, indicazioni stradali,sottotitoli di film, traduzioni di insegne o cartelli, etc…Proponente/i - Francesco Giartosio - CEO, Affari Fondatore e proprietario ContiPronti srl, primo e principale servizio di contabilità on-line in Italia. Fondatore e proprietario Agendina da Giarty, una personale applicazione directory cellulare che sarà presto lanciato negli Stati Uniti. Appassionato di tecnologie applicate e interazione uomo- macchina - Giovanni Tregnaghi – CTO Direttore R & D a AL.MA srl. Nel 1989 ha contribuito allo sviluppo della prima testa up display per un CISE auto, centro di ricerca di Enel. - Andrea Tellatin - CMO, COO In qualità di CEO dell’impresa Si14, Andrea ha diretto lo sviluppo e l’industrializzazione del prodotto I’m Watch; possiede elevate esperienze nell’ambito di sviluppo prodotti nell’ottica della progressiva riduzione del time to market. 4
  7. 7. MACH1Provenienza:RomaTipologiaTecnologiaShort descriptionIl progetto spazia in diversi ambiti di ricerca e aspetti tecnologici, comprendenti i materiali innovativi e lecostruzioni leggere, eco-conception, energie alternative, combustibili alternativi, trasporti a basso costo,riduzione delle emissioni.La ricerca consiste nello sviluppo di un prototipo di moto innovativa con le seguenti caratteristiche: - costi ridotti - consumi contenuti - basse emissioni - alte prestazioniIl prototipo sarà dotato di un motore a 3 cilindri, 1000cc, un sistema a doppia iniezione.Il progetto di ricerca potrà contribuire la competitività delle imprese Europee del settore automotive,attualmente presidiato dai produttori Giapponesi, che sono in grado di offrire prodotti ad alta tecnologia acosti contenuti.Proponente/i  Ing. Franco Barazzutti, 39 anni, laureato in ingegneria meccanica. Esperto ricercatore e progettista nel campo dei motori 2t da competizione con 20 anni di esperienza al fianco dei più importanti esperti del settore , per lo svolgimento di queste attività si avvale degli strumenti presenti in una piccola struttura di R&D fondata da lui stesso nel 2003 di nome integrale corse. 5
  8. 8. R&D CFDProvenienza:ModenaTipologia:Spin offShort descriptionR&D CFD è una Spin-Off del GruMo, il Gruppo di Ricerca sui Motori a combustione interna dell’Universitàdegli Studi di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento di Ingegneria "Enzo FerrariLa lunga esperienza acquisita nel corso degli anni nello studio dei propulsori, integrata dallimpiego deipiù moderni strumenti di calcolo fluidodinamico, viene messa a disposizione delle numerose aziendeautomotive presenti sul territorio al fine di fornire un supporto valido e competente soprattutto nellosviluppo dei propulsori e dei loro componenti.Lo spin off, costituito nel 2012, si occupa di progettazione e problem-solving nei settori dellafluidodinamica mono- e multi-fase, dello scambio termico, della generazione di energia e dell’analisi disistemi complessi.Proponente/iR&D CFD nasce dalla collaborazione tra  il Prof. Giuseppe Cantore, ordinario di Macchine a Fluido e naturale riferimento scientifico per il team,  l’Ing. Stefano Fontanesi, ricercatore universitario tra i pionieri dello studio dei propulsori attraverso l’analisi CFD,  l’Ing. Giuseppe Cicalese, dottorando all’interno del Gruppo di Ricerca sui Motori a Combustione Interna ed elemento operativo della Spin-Off. 6
  9. 9. RaleriProvenienza:BolognaTipologia:Start upShort descriptionCostituita nel 2008, Raleri si occupa di sviluppo, produzione e commercializzazione sul mercatomotociclistico e automotive di varie tipologie di prodotti e accessori contenenti tecnologie fotocromatichee anticondensa di nuova generazione. Al 2002 risalgono invece i primi prototipi di armonizzatore diluminosità a cristalli liquidi alimentati con celle solari, di cui limpresa detiene il brevetto internazionale.L’azienda propone i seguenti prodotti:  LCDrive®, un inserto visiera per casco moto a Cristalli liquidi che risolve radicalmente il problema dellentrata e delluscita dalle gallerie, nonché quello della condensa. I Cristalli liquidi sono alimentati da celle solari installabili all’interno dei caschi, che fungono da sensore di lumino- sità. Luso degli inserti si apprezza particolarmente col variare improvviso delle condizioni di illumina- zione, come allingresso e in uscita dalle gallerie o quando i raggi solari sono filtrati dagli alberi in zone boschive o attraverso i palazzi in città.  PCShade®, la linea inserti per visiere realizzati con una speciale plastica fotocromatica e trattati in modo da evitare la formazione della condensa. Inseriti allinterno del casco, assicurano un grado di oscuramento proporzionato alla luminosità, reagendo in pochi secondi al variare dellin- tensità della luce. Per questa caratteristica, adatta a diversi momenti della giornata e periodi del- lanno, linserto PCShade è denominato anche “visiera full time”.  LightShade®, la linea di inserti anticondensa per visiere, realizzati con diverse plastiche a se- conda delle caratteristiche desiderate (alta definizione, a specchio, Dark Smoke). Il prodotto offre le migliori caratteristiche anticondensa disponibili sul mercato grazie alla tecnologia FogStop®, utilizzata anche dalla nazionale di Bob.Attualmente, l’impresa si sta occupando dello studio e dello sviluppo di nuovi prodotti destinati agli spor-tivi non motociclisti.Al momento impiegate nel settore motociclistico e automotive, le tecnologie Raleri potranno essere in fu-turo indirizzate, oltre che al mondo dello sport, alloutdoor, alledilizia e ai trasporti, con applicazioni sog-gette a ogni possibile adeguamento e innovazione. Larea di riferimento è quella del miglioramento dellecondizioni di sicurezza alla guida e al lavoro in situazioni di luminosità variabile.I prodotti Raleri sono attualmente distribuiti nei negozi di abbigliamento e accessori moto in Europa, Asiae Sud America.Proponente/i  Ing. Francesco Rambaldi, 39 anni, Amministratore unico  Dott.ssa Serena Sollini, 29 anni, Product designer, laurea di 2° livello in Progettazione e Design di Prodotto 7
  10. 10. Tec StarProvenienza:Campogalliano (Mo)Tipologia:Start upShort descriptionTEC STAR è una giovane e dinamica società specializzata nello sviluppo di soluzioni hi-tech nel settoredelle nanotecnologie applicate all’industria.L’impresa si propone come fornitore di soluzioni tecnologiche per lutilizzo delle nanotecnologie nellaproduzione industriale. TEC STAR si occupa di ricerca, sviluppo, produzione, ingegnerizzazione e venditadi materiali innovativi nano-strutturati per lindustria meccanica, automobilistica, ceramica, vetraria,chimica, tessile, aeronautica, delle materie plastiche e dei materiali compositi anche polimerici, equantaltro ad esse collegate o ausiliario.I materiali nanostrutturati, in particolare quelli basati sulle nanoparticelle, sono applicabili a diversi enumerosi ambiti, che possono andare da prodotti igienici o di bellezza (quali pannolini o creme solari) aprodotti per l’industria aerospaziale (quali additivi per i propellenti dei razzi).TEC STAR prevede di collaborare attivamente con TEC Eurolab nel campo della caratterizzazione deimateriali.L’impresa si focalizza sulla produzione di nanoparticelle, da utilizzare come nanofiller allinterno diunampia varietà di materiali prodotti industrialmente, sviluppando soluzioni pensate su misura per leaziende clienti. TEC STAR offre dunque un servizio completo dall’idea al prodotto finito e un elevato gradodi personalizzazione sulla base delle specifiche fornite ed in termini di performance e proprietà deimateriali.TEC STAR offre anche materiali nanoabilitati, sviluppati anch’essi presso i propri laboratori, al fine difunzionalizzare materiali tradizionali con caratteristiche innovative. In particolare, l’impresa offre prodottie additivi ready to use, soprattutto nel settore dei polimeri (inchiostro e plastica), dei materiali metallici edei lubrificanti.In particolare, l’azienda offre i seguenti prodotti e servizi: - Consulenza su utilizzo nanoparticelle e materiali nanocompositi - Fornitura di nanoparticelle - Servizio di caratterizzazione/certificazione di materiali Nanocompositi e Nanoparticelle - Vernici e Rivestimenti nanocompositi - Polimeri Nanocompositi - Tailored nanoparticles wet dispersion - Lubrificanti NanocompositiProponente/i - Alberto Borghi, Vice presidente, laurea in Fisica - Leonardo Rettighieri, R&D manager, laurea in Fisica - Lorenzo Calabri, Project Manager, PhD Ingegneria Meccanica 8
  11. 11. TGS Race - Buggy a Benzina e ElettricoProvenienza:Fermignano (Pesaro)Tipologia:Start upShort descriptionL’impresa TGS Race, con sede Fermignano Provincia di Pesaro, fa riferimento al gruppo di ricercaDipartimento di Ingegneria dell’ Energia elettrica e dell’informazione, Università di Bologna.La TGS si occupa in R&S di telaistica e design di veicoli Side by side ed implementazione di tutto ilsistema dell’azionamento elettrico.TGS da circa due anni opera in stretta collaborazione con il Dipartimento dell’Energia Elettrica di Bologna,supportando i ricercatori negli step evolutivi necessari ad un progressivo avanzamento allo sviluppo edaffidabilità di tutto il sistema power train.L’impresa da circa 18 mesi sta effettuando test su veicoli prototipo utili alla messa a punto eall’integrazione del sistema, in un’ottica di miglioramento continuo dell’affidabilità.Proponente/i  Tomassini Eros, Amministratore della TGS Race srl, con il compito di seguire in generale tutto il progetto ma in particolare la telaistica il design ed implementazione.  Ingegner Claudio Rossi, Ricercatore e Docente della Facoltà di Ing. Elettrica di Bologna, responsabile al Powertrain.  Ingegner Matteo Marano, Ricercatore del Dipartimento di Ing. Elettrica dell’Università di Bologna responsabile al Pawertrain.  Ingegner Alessio Pilati, Ricercatore del Dipartimento di Ing. Elettrica dell’Università di Bologna, responsabile al Powertrain 9
  12. 12. VisLabProvenienza:ParmaTipologia:Spin offShort descriptionVisLab (the artificial Vision and Intelligent Systems LABoratory), azienda specializzata nella percezioneambientale in molti campi differenti, è uno spin off dell’Università di Parma, Ateneo da molti annirinomato per la grande esperienza e le elevate competenze sui veicoli intelligenti e la percezione ingenerale. L’impresa si occupa in particolare di ricerca di base e ricerca applicata, sviluppando algoritmi esistemi intelligenti per il settore automotive.Grazie alla collaborazione con importanti imprese in Europa, America e Asia, e ad una esperienza di più di15 anni nella ricerca sui sistemi di percezione, VisLab ha sviluppato soluzioni per il mercato automotive eoffre una grande varietà di sistemi di percezione e sicurezza.I campi di applicazione sono molteplici, con particolare riferimento al settore automotive: le soluzionisviluppate potrebbero infatti essere utilizzate per la guida autonoma su prototipi diversi, quali ad es.auto, furgoni, camion, barche, etc…; inoltre, possono essere impiegate per la rilevazione del traffico, perla visione notturna e per evitare collisioni.Il know how del laboratorio è riconosciuto a livello mondiale ed è stato acquisito durante la collaborazionecon importanti aziende, al fine di sviluppare sistemi di sicurezza attiva e passiva, sistemi avanzati diassistenza alla guida (Advanced Driver Assistance Systems), sistemi di percezione dell’ambiente…fino adarrivare allo sviluppo di soluzioni per la guida completamente automatica di un veicolo. Ad esempio, èpossibile identificare veicoli, pedoni e ostacoli, implementare fusioni con radar e laserscanner,implementare soluzioni per la visione notturna, etc..La mission dell’impresa è quella di ideare, sviluppare e implementare tecnologie estremamente sofisticateper dotare i veicoli di capacità sensoriali in grado di ridurre gli incidenti stradali e raggiungere la guidacompletamente automatica.Grazie ad un team altamente motivato, VisLab sta sviluppando progetti di R&D in diverse parti delmondo, quali ad es. Nord America, Asia, Africa ed Europa.Proponente/iIl team di ricerca di VisLab è composto da membri della Facoltà dell’Università di Parma, studenti post-dottorato e ricercatori, tutti impegnati nel portare le tecnologie per la visione artificiale all’interno delsettore della robotica. 10
  13. 13. GRUPPI DI RICERCA11
  14. 14. Gruppo di ricerca sui motori acombustione internaProvenienza:Modena – Università di Modena e Reggio Emilia (Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”)Short descriptionIl gruppo di ricerca opera da diversi anni nel settore della progettazione e dello sviluppo di motori acombustione interna e di componenti motore mediante simulazioni termo-fluidodinamiche (CFD) 3D e 1D,disponendo sia di software di ricerca (KIVA) che commerciali (Star-CD, GT-Power, Amesim).Il gruppo di ricerca di Motori a Combustione Interna (GRUppo MOtori) ha consolidato le proprie attività diricerca da diversi anni. Annovera tra le proprie competenze principalmente la simulazione numericamediante calcolatore, di fluidi reagenti e multifase nonché di problematiche di scambio termico. Gli ambitidi ricerca vertono su propulsori alimentati a Benzina, Diesel e con combustibili alternativi. Nel corso deglianni sono state definite numerose metodologie per lo sviluppo e l’ottimizzazione fluidodinamica dicomponenti motore.I principali ambiti operativi sono: o analisi di ciclo motore; o simulazioni ricambio carica motori 4-tempi e lavaggio motori 2-tempi; o simulazione spray e combustione motori Diesel e benzina GDI; o simulazione combustione motori benzina PFI; o analisi dell’accoppiamento motore/gruppo di sovralimentazione; o analisi circuiti idraulici motore (raffreddamento, lubrificazione, alimentazione combustibile); o simulazioni combinate 1D/3D; o analisi termo-strutturale motore; o previsione emissioni inquinanti.Le attività e i servizi del laboratorio riguardano: - Simulazione 1-D del motore a combustione interna. - Simulazione CFD-3D testa motore (ottimizzazione dei condotti d’aspirazione e scarico) e collettori. - Analisi termo strutturale dei circuiti di raffreddamento - Simulazione CFD-3D del processo di iniezione e miscelamento del combustibile in camera di combustione. - Simulazione CFD-3D del processo di combustione e analisi della formazione degli inquinanti.Il gruppo collabora attivamente e con continuità con le principali aziende motoristiche del territorio(Ferrari, Ducati, VM Motori, Lombardini, …) e, parallelamente, svolge progetti interni tra i quali lo sviluppodi un innovativo motore 2-tempi.A supporto delle attività di calcolo, il gruppo dispone di un banco di flussaggio per la misura dellapermeabilità di testate motore e di una sala prova in grado di ospitare motori benzina e Diesel conpotenza fino a 250 kW.Personale e staff  Prof. Giuseppe Cantore, Head  Prof. E. Mattarelli, Associate Professor  Dott. S. Fontanesi, Assistant Professors  Dott. C.A. Rinaldini, Assistant Professors  Dott. S. Malaguti, Assistant Professors  Ing. G. Cicalese, PhD student  Ing. E. Severi, PhD student  Ing. A. D’Adamo, PhD student  Ing. S. Paltrinieri, PhD student 12
  15. 15. Laboratorio analisi delle tensioniProvenienza:Modena – Università di Modena e Reggio Emilia (Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”)Short descriptionLunità operativa fa capo alla macro area di Costruzione di Macchine del Dipartimento di IngegneriaMeccanica e Civile (DIEM) dell’Università di Modena e Reggio Emilia.Essa svolge ormai da diversi anni unintensa attività di ricerca nellambito della simulazione strutturale etermo-strutturale di componenti di motori a combustione interna, componenti veicolo e componentimeccanici in genere, anche tramite collaborazioni con importanti realtà industriali e di ricerca nazionali edinternazionali.Dal 2005 è entrata a far parte del distretto HI-MECH come membro del Net-Lab SIMECH, laboratorio disimulazione e progettazione integrata nel settore automotive e della meccanica avanzata.Le attività del laboratorio si concentrano principalmente sullo sviluppo di tecniche di calcolo numeriche(Elementi Finiti) applicate allo studio di componenti meccanici in generale e componenti motore e veicoloin particolare. Le frequenti collaborazioni con le aziende che appartengono al territorio modenese e nonsolo hanno permesso a tutti i componenti del gruppo di ricerca di mettere a punto metodologieconsolidate per il calcolo strutturale di tali componenti.In particolare, in ambito motoristico, l’esperienza maturata dai singoli si concentra soprattutto sullaverifica e il dimensionamento di componenti motore quali bielle, spinotti, alberi a gomito, pistoni etestate, con un grado di raffinamento tale da permettere la corretta applicazione delle condizioni alcontorno sia meccaniche che termiche.Relativamente al campo telaistico, sono state sviluppate robuste metodologie di ottimizzazione chepermettono di massimizzare in fase di progetto le caratteristiche prestazionali dei singoli componenti odell’intero sistema telaio, con riferimento sia a materiali convenzionali che a materiali compositi. Accantoalle simulazioni numeriche vengono poi proposte analisi sperimentali di laboratorio finalizzate sia alrilevamento dello stato deformativo e tensionale dei componenti tramite prove estensimetriche sia allacaratterizzazione statica e a fatica di materiali metallici e non attraverso le normali macchine di prova(trazione, compressione, flessione rotante ecc.).Il gruppo di ricerca svolge ormai da diversi anni, presso i laboratori del Dipartimento di IngegneriaMeccanica e Civile dell’Università di Modena e Reggio Emilia, unintensa attività nellambito dellasimulazione strutturale di componenti meccanici anche tramite collaborazioni con importanti realtàindustriali e istituti di ricerca nazionali ed internazionali.Avendo a disposizione numerose apparecchiature presso la stessa Università, il gruppo di ricerca è ingrado di proporre simulazioni al calcolatore, analisi sperimentali e caratterizzazioni di materiali di elevataqualità. Gli strumenti dei quali è possibile disporre spaziano dalle simulazioni al calcolatore alle analisisperimentali di laboratorio.Personale e staff - Prof. Antonio Strozzi – Professore ordinario - Ing. Andrea Baldini – Ricercatore confermato - Ing. Matteo Giacopini – Ricercatore confermato - Ing. Enrico Bertocchi – Ricercatore a tempo determinato (RTD) - Ing. Roberto Rosi – Tecnico Amministrativo a tempo determinato - Ing. Luca Bertocchi – Assegnista di Ricerca - Ing. Enrico Torricelli – Assegnista di Ricerca - Ing. Dario Costi – Assegnista di Ricerca 13
  16. 16. Laboratorio MilleChili-MaterialiProvenienza:Modena - Università di Modena e Reggio Emilia (Dipartimento di Ingegneria "Enzo Ferrari")Short descriptionIl Laboratorio MilleChili nasce nel 2008 a seguito di un progetto sviluppato dalla Facoltà di Ingegneria“Enzo Ferrari” in collaborazione con Ferrari SpA.Lobiettivo primario era quello di formare studenti in grado di svolgere attività di ingegneria avanzata,riguardanti in particolare lo studio di strutture meccaniche innovative, quali i telai automobilistici pervetture sportive.Scopo principale del progetto è quello di realizzare un telaio in ottica riduzione peso che, rispettando ivincoli industriali imposti da Ferrari S.p.A., possa essere utilizzato per una vettura sportiva con motorecentrale. A oggi le attività del laboratorio di calcolo riguardano principalmente simulazioni FEA su telaiautomobilistici per quanto riguarda le rigidezze, inertanze, modali e comportamento a crash e a fatica.Il Laboratorio MilleChili - Materiali, fondato nel 2012 come sezione aggiuntiva, cerca di risolvere una delleprincipali criticità del laboratorio di simulazione ovvero il reperimento di dati fisico-meccanici dei materialioggetto di indagine.I dati di interesse sono infatti raramente resi disponibili dai fornitori di materie prime, semilavorati emanufatti per cui è spesso necessario ricorrere alla realizzazione di opportuni provini e alla lorocaratterizzazione fisico-meccanica attraverso laboratori esterni all’Ateneo con evidenti problematiche intermini di costi e di tempi di risposta.Il Laboratorio MilleChili - Materiali è dotato di attrezzature necessarie per la caratterizzazione fisico-meccanica di materiali metallici, plastici e compositi necessaria sia per la determinazione delle proprietàutili alla successiva simulazione e progettazione presso il Laboratorio ‘MilleChili’ che per attività dicontrollo qualità e caratterizzazione materiali finalizzati ad attività di didattica e ricerca allinterno delCentro Intermech così come per attività di conto terzi.Personale e staffIl Laboratorio è fondato sulla interdisciplinarietà di competenze derivanti dai ricercatori del Dipartimentodi Ingegneria Enzo Ferrari (DIEF) e coinvolge in particolare i seguenti ricercatori: - Andrea Baldini, Ricercatore Universitario (RU), competenze sulla correlazione fra dati sperimentali e calcolo numerico. - Elena Bassoli, RU, competenze su tecniche di Time Compression applicate alla costruzione di prototipi ed attrezzature, linnovazione nei processi e nei materiali. - Paola Fabbri, RU, competenze sui materiali polimerici. - Roberto Giovanardi, RU, competenze sulla corrosione dei materiali metallici. - Francesco Leali, RU, competenze su metodi e strumenti finalizzati alla produzione di progetti tecnicamente validi nell’ambito del comparto industriale meccanico. - Massimo Messori, Professore Associato, competenze sui materiali polimerici e compositi a matrice polimerica. - Paolo Veronesi, RU, competenze sui materiali metallici. 14
  17. 17. LIFT - Laboratorio Intermech di Fisica TecnicaProvenienza:Modena - Università di Modena e Reggio Emilia (Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”)Short descriptionIl LIFT incentra la propria attività sullo studio dell’aerodinamica, della fluidodinamica e dellatermofluidodinamica dei sistemi industriali, utilizzando tecniche computazionali e sperimentali.Sono di riferimento del Laboratorio i settori meccanico, automotive, energetico, ceramico.Il Laboratorio ha un’esperienza consolidata nell’ambito delle tecniche passive di promozione dello scambiotermico e dell’analisi dei sistemi termici mediante l’uso di tecniche numeriche e sperimentali, hariconosciute capacità nel campo della simulazione CFD per usi industriali, dispone di competenze estrumentazioni per analisi fluidodinamiche e ha maturato competenze specialistiche nell’ambito dellamodellazione aerodinamica di tunnel e gallerie stradali.I servizi offerti dal laboratorio sono i seguenti: - Prove sperimentali e simulazioni fluidodinamiche, aerodinamiche e termofluidodinamiche di componenti e sistemi complessi - Analisi sperimentali e modellazioni numeriche sulla ventilazione di tunnel stradali e ferroviari - Analisi predittiva di sistemi termici, scambiatori e dissipatori di calore - Ottimizzazione di sistemi termici e superfici di scambio termico - Rilievi sperimentali di distribuzioni termicheIl laboratorio utilizza strumenti all’avanguardia, accreditati e autorizzati dal DIMeC, quali: - Sistema multi-sensore Schiltknecht per rilievi anemometrici in tunnel - Sistema Stereo PIV ad alta velocità Dantec per rilievo di campi dinamici 3 D instazionari - Sistema velocimetrico a tubi di Pitot-PrandtlPersonale e staffResponsabile: Prof. Giovanni S. BarozziStaff: - Prof. Mauro A. Corticelli - Dr. Enrico Stalio - Dr. Paolo Levoni - Dr. Diego Angeli - Dr. Marco Cavazzuti - Dr. Orsola Errico - Dr. Elisabetta Salerno - Dr. Erica Gagliano 15
  18. 18. OPTOLABProvenienza:Modena - Università di Modena e Reggio Emilia (Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”)Short descriptionL’esperienza del gruppo è vasta ed orientata sia sul fronte della ricerca di base, documentata danumerose pubblicazioni su prestigiose riviste internazionali, che su quello della ricerca applicata. OptoLabpuò infatti vantare importanti collaborazioni pluriennali con il Glenn Research Center-NASA di Cleveland(OH-USA) e con l’Health Science Center dell’University of Texas di Houston. Tali attività sonoprincipalmente orientate allo sviluppo di nuove metodiche di misurazione basate su tecniche non invasiveda utilizzare in ambienti ostili quali lo spazio. In particolare queste collaborazioni hanno portato allosviluppo di un sensore innovativo per la misura oculare del livello glicemico degli astronauti. A riprovadella validità del brevetto che ne è scaturito, nell’agosto del 2007 Luigi Rovati e Rafat Ansari sono statiinsigniti del “Certificate of Recognition” dalla NASA. Il fervente interesse per le applicazioni industriali ed ilpragmatismo del gruppo, lo hanno inoltre portato negli anni a diverse collaborazioni industriali.Le competenze che Optolab è in grado di mettere in campo riguardano principalmente la sensoristica e lamisura di grandezze fisiche fondamentali quali: occupazione e moto, posizione, spostamento e livello,velocità ed accelerazione (angolari e lineari), forza, deformazione e sensori tattili, pressione, flusso,sensori acustici, sensori di umidità, rivelatori di radiazioni ottiche e ionizzanti, sensori di temperatura,sensori chimici, metodiche di misurazione “senza contatto”.I principali servizi che il laboratorio offre sono i seguenti: - Prospezioni tecnologiche; - Studi di fattibilità; - Sviluppo dimostratori/prototipi; - Analisi e caratterizzazione di sistemi di misura e sensoriLe attività di OPTOLAB sono principalmente focalizzate sul design e sullo sviluppo di sensori ottici adelevate prestazioni; le principali attività di ricerca riguardano le seguenti aree: - Fluorescenza - Dynamic Light Scattering e Diffusing Wave Spectroscopy (DLS and DWS) - Self-mixing Laser Doppler Velocimeter - Spettroscopia - Polarimetria - Interferometria - Spettrometria - Riflettometria - Sensori wireless - Rilevazione radonPersonale e staffIl laboratorio è stato fondato ed è tuttora diretto dal Professor Luigi Rovati.Oltre al Professor Rovati, attualmente il gruppo di ricerca si compone di due dottori di ricerca, duedottorandi, tre assegnisti/borsisti e svariati tesisti. 16
  19. 19. Organizzatori: Patrocinatori: Media partner: SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Fondazione Democenter-Sipe Via Vignolese, 905 - Modena www.democentersipe.it Dott.ssa Valentina MatlìTel. 059.2058150 Fax: 059.2058161 E-mail: v.matli@democentersipe.it Dal lunedì al venerdì, 9.30-13.00 e 14.30-18.00 PER INFORMAZIONI www.innovaday.it 17

×