“INCENTIVANZIONE E DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICADA FONTI RINNOVABILI ED INTERVENTIDI EFFICIENZA ENEGETICA DI PICCOLE...
Obiettivo: Creare un meccanismo incentivante sul modello del conto energia per le rinnovabili elettriche che contribuisca ...
Chi può usufruirne Le Amministrazioni Pubbliche: relativamente alla realizzazione di uno o più degli interventi stabiliti ...
Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2 Sono incentivabili gli interventi di incremento dell’efficienza   ...
Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2Art. 4 Comma 1 – Amministrazioni Pubblichea) Isolamento termico di ...
Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2Art. 4 Comma 2 – Soggetti Privati ed PAa) Sostituzione di impianti ...
Spese Ammissibili     Per gli interventi di cui all’Art. 4 del Decreto, sono ammissibili     all’incentivo, le spese compr...
Spese Ammissibili c) Interventi finalizzati alla riduzione della trasmittanza termica degli elementi opachi costituenti l’...
Modalità di Accesso all’incentivo Il tetto di spesa previsto per il Conto Energia Termico è pari a: 200 Mln/€ - Per interv...
Diagnosi e certificazione energetica Nel caso di realizzazione di interventi di cui allart. 4, comma 1, lettera a), le ric...
Modalità di Accesso all’incentivoL’incentivo viene erogato annualmente per un periodo di tempo paria:a)5 anni per gli inte...
SOLARE TERMICOPer questi interventi l’incentivo è calcolato secondo laseguente formula:                                  C...
ESEMPIO:Installazione di un Impianto Solare Termico da 4 m2  Calcolo dei costi:  FORNITURA, Installazione, Pratica GSE e C...
IMPIANTI A BIOMASSA    Per gli interventi di cui all’articolo 4, comma 2, lettera                          Coefficiente di...
Installazione di caldaia a Pellet ( 25 Kw ) Fornitura e posa in opera Costo pratiche, Comune, GSE e Certificazione Energet...
Pompe di caloreSono Incentivabili pompe di calore soddisfino i seguenti requisiti
CALCOLO INCENTIVO•FORNITURA E POSA IN OPERA POMPA DICALORE e SPESE TECNICHE da 12 KWP•TOTALE 6300 euroINCENTIVO =
Scaldacqua a pompa di calore:  Per gli scaldacqua a pompa di calore, l’incentivo è pari al  40% della spesa sostenuta per ...
Esempi Applicativi: Impianti <35kWZona Climatica: C Tipo Impianto         Costo Impianto   Conto Energia   Detrazione 50% ...
Per accedere agli incentivi, il Soggetto Responsabile presenta entro 60 gg dalla datadi effettuazione degli interventi, un...
Modalità di accesso agli Incentivih) Dichiarazione Sostitutiva di atto Notorio del SR in cui dichiara di non   ricorrere n...
Documenti per iniziare la pratica Copia bolletta della Luce e del Gas; Copia del Permesso di Costruire; Carta d’identità; ...
Scenario Incentivi 2013Abbiamo detto che il Presente Conto Energia prevede un tetto di spesa pari a: 700 MLN/€ per i sogge...
Vantaggi Conto energia termicoPer piccoli interventi, in due anni si ha un rimborso trail 18% al 40% dell’investimento;Pos...
BUON LAVORO!
Conto energia termico - Convegno 06.02.2013 Francavilla Fontana (BR)
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Conto energia termico - Convegno 06.02.2013 Francavilla Fontana (BR)

686 views

Published on

L'incontro approfondisce il tema del nuovo Conto energia termico, che disciplina l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.
Relatore del workshop è Sergio Cucchiara dell'Accademia Viessmann, con introduzione da parte dell’Ing. Nicola Demaio

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
686
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Conto energia termico - Convegno 06.02.2013 Francavilla Fontana (BR)

  1. 1. “INCENTIVANZIONE E DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICADA FONTI RINNOVABILI ED INTERVENTIDI EFFICIENZA ENEGETICA DI PICCOLE DIMENSIONI” ING. ANGELO SEMERANO ING.GIUSEPPE AGNUSDEI ING.TOMMASO MANDRISI
  2. 2. Obiettivo: Creare un meccanismo incentivante sul modello del conto energia per le rinnovabili elettriche che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi nazionali di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica. Introdurre un meccanismo di incentivazione dedicato per interventi di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione
  3. 3. Chi può usufruirne Le Amministrazioni Pubbliche: relativamente alla realizzazione di uno o più degli interventi stabiliti dall’Art. 4 Comma 1 – 2 del Decreto , possono avvalersi del finanziamento attraverso le ESCO I soggetti privati: intesi come persone fisiche, condomini, soggetti titolari di reddito di impresa, relativamente alla realizzazione di uno o più degli interventi stabiliti dall’art. 4 comma 2 del Decreto.
  4. 4. Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2 Sono incentivabili gli interventi di incremento dell’efficienza DETRAZIONE energetica in: - Edifici esistenti - Parti di edifici esistenti FISCALE 50% - Unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale A condizione che siano dotati di impianto di climatizzazione.
  5. 5. Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2Art. 4 Comma 1 – Amministrazioni Pubblichea) Isolamento termico di superficie opache delimitanti il volume climatizzatob) Sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzatoc) Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazioned) Installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da SSE a SSO, fissi o mobili, non trasportabili.
  6. 6. Tipologie di interventi incentivabili Art. 4comma 1 – 2Art. 4 Comma 2 – Soggetti Privati ed PAa) Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti pompe di calore elettriche o a gas, anche geotermicheb) Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore a biomassac) Installazione di collettori solari termici anche abbinati a sistemi di Solar Coolingd) Sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompe di calore
  7. 7. Spese Ammissibili Per gli interventi di cui all’Art. 4 del Decreto, sono ammissibili all’incentivo, le spese comprensive di IVA per:a) Interventi impiantistici concernenti la produzione di acqua calda, anche se destinata, con la tecnologia Solar Cooling, alla climatizzazione estiva.b) Interventi impiantistici concernenti la climatizzazione invernale (smontaggio e dismissione vecchi impianti, parziale o totale fornitura e posa in opera delle apparecchiature, delle opere idrauliche e murarie necessarie alla sostituzione a regola d’arte di impianti di climatizzazione invernale e/o produzione di acqua calda sanitaria, nonché gli interventi sulla rete di distribuzione idrica ed il trattamento delle acque, sistemi di regolazione e contabilizzazione dei combustibili etc.)
  8. 8. Spese Ammissibili c) Interventi finalizzati alla riduzione della trasmittanza termica degli elementi opachi costituenti l’edificio (cappotto termico, isolamento etc.) d) Interventi finalizzati alla riduzione della trasmittanza termica di chiusure apribili e assimilabili (porte finestre etc.) e) Interventi per la riduzione del’irraggiamento solare negli ambienti nel periodo estivo (tende tecniche, schermature solari esterne etc.) f) Prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi e per la redazione di diagnosi energetiche (progettazione, Certificazione energetica etc.)
  9. 9. Modalità di Accesso all’incentivo Il tetto di spesa previsto per il Conto Energia Termico è pari a: 200 Mln/€ - Per interventi effettuati dalle PA 700 Mln/€ - Per interventi effettuati da soggetti privati Trascorsi 60 giorni dal raggiungimento dell’impegno di spesa annua previsto, non saranno accettate ulteriori richieste di accesso agli incentivi fino all’entrata in vigore di un nuovo Decreto e/o aggiornamento di quello esistente. Per l’accesso al regime di incentivazione, sono stati stabiliti requisiti minimi per ciascuna tipologia di intervento. Il limite massimo di potenza è pari a 500 kW termici (700 mq lordi di superficie per il solare termico). In conferenza Stato Regioni, è stata approvata la richiesta di portare questo limite a 1MWt.
  10. 10. Diagnosi e certificazione energetica Nel caso di realizzazione di interventi di cui allart. 4, comma 1, lettera a), le richieste di incentivo devono essere corredate da diagnosi energetica precedente•NEL caso di P.A sono incentivate lintervento e da certificazione energetica successiva.nella misura del cento per cento della spesa; Nel caso di realizzazione di interventi di cui allart. 4,•Nel caso di soggetti privati comma 1, lettere da b) a d) e comma 2, lettere da a) anella misura del 50%; e realizzato su interi c), quando lintervento stesso edifici con impianti di riscaldamento di potenza nominale totale del focolare maggiori o uguali a 100 kW,
  11. 11. Modalità di Accesso all’incentivoL’incentivo viene erogato annualmente per un periodo di tempo paria:a)5 anni per gli interventi di efficientamento energetico e per gli interventidi produzione di energia termica rinnovabile con potenze superiori a 35kWt (>50 mq lordi di superficie per solare termico)b)2 anni per gli interventi di produzione di energia termica rinnovabile conpotenze uguali o inferiori a 35 kWt (<50 mq lordi solare termico)
  12. 12. SOLARE TERMICOPer questi interventi l’incentivo è calcolato secondo laseguente formula: Coefficiente di Coefficiente di valorizzazione per valorizzazione per Tipologia di intervento impianti con superficie impianti con superficie solare lorda inferiore o solare lorda superiore a uguale a 50 mq 50 mqImpianti Solari Termici 170 (€/mq) 55 (€/mq)Impianti solari termici con 255 (€/mq) 83 (€/mq)sistema di Solar Cooling
  13. 13. ESEMPIO:Installazione di un Impianto Solare Termico da 4 m2 Calcolo dei costi: FORNITURA, Installazione, Pratica GSE e Comune costo 4000 euro GSE Riconosce un incentivo in 2 anni pari a :
  14. 14. IMPIANTI A BIOMASSA Per gli interventi di cui all’articolo 4, comma 2, lettera Coefficiente di Coefficiente di valorizzazione per b), l’incentivo è con potenza termica Tipologia di intervento calcolato secondo le seguenti formule: valorizzazione per impianti impianti con potenza termica superiore a 35 kW inferiore o uguale a 35 kWCaldaie a Biomassa 0,045 (€/kWht) 0,020 (€/kWht)Termocamini e stufe 0,040 (€/kWht) ----a legnaTermocamini e stufe 0,040 (€/kWht) ----a pellets
  15. 15. Installazione di caldaia a Pellet ( 25 Kw ) Fornitura e posa in opera Costo pratiche, Comune, GSE e Certificazione Energetica; Totale 6300 Euro INCENTIVO TOTALE=
  16. 16. Pompe di caloreSono Incentivabili pompe di calore soddisfino i seguenti requisiti
  17. 17. CALCOLO INCENTIVO•FORNITURA E POSA IN OPERA POMPA DICALORE e SPESE TECNICHE da 12 KWP•TOTALE 6300 euroINCENTIVO =
  18. 18. Scaldacqua a pompa di calore: Per gli scaldacqua a pompa di calore, l’incentivo è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto. L’incentivo massimo erogabile è pari a € 400 per prodotti con capacità inferiore o uguale a 150 litri ed è pari a € 700 per prodotti con capacità superiore ai 150 litri.
  19. 19. Esempi Applicativi: Impianti <35kWZona Climatica: C Tipo Impianto Costo Impianto Conto Energia Detrazione 50% Pompa di Calore 1400 3.159,00 6.300,00 (24 kW) (2 anni) (10 anni) Caldaia a 1.600,00 2.000,00Condensazione (25 4.000,00 (2 anni) (10 anni) kW)Solare Termico (4 1.380,00 2.000,00 4.000,00 mq) (2 anni) (10 anni)Solar Cooling (20 22.500,00 35.000 70.000,00 kW – 50 mq) (2 anni) (10 anni)Caldaia a Pellet (25 3.000,00 3.150,00 6300,00 kW) (2 anni) (10 anni)
  20. 20. Per accedere agli incentivi, il Soggetto Responsabile presenta entro 60 gg dalla datadi effettuazione degli interventi, una richiesta di incentivazione sul portale del GSE.La richiesta deve essere firmata dal SR e deve riportare il tipo di interventoeffettuato, la spesa totale ammissibile e il documento di identità dello stesso.Nella richiesta, il SR deve allegare i seguenti documenti:a)Attestato di Certificazione energetica riferito alla situazione ante operam, nelquale sia raccomandato l’intervento oggetto della richiesta di incentivo e siacertificata la classe energetica raggiunta post operam.b)Schede tecniche dei componenti utilizzati.c)Asseverazione di un tecnico abilitato.d)Fatture attestanti le spese sostenute e relativi bonifici di pagamento.e)Diagnosi energetica ove sia prevista (isolamento termico).f)Delega del SR che affida la pratica ad un professionista.g)Contratto di fornitura di energia qualora il SR sia un fornitore di servizi energetici.
  21. 21. Modalità di accesso agli Incentivih) Dichiarazione Sostitutiva di atto Notorio del SR in cui dichiara di non ricorrere nel divieto di cumulazione degli incentivi con altre detrazioni e/o incentivazioni.i) Ottenimento del Titolo Autorizzativo, quando previsto, dall’Ente incaricatoj) Dichiarazione di Conformità dell’impiantok) Certificato di corretto smaltimento dei materiali oggetto di sostituzionel) Certificato rilasciato dal Produttore che attesti il rispetto dei livelli emissivi in atmosfera (caldaie a condensazione, stufe a pellet etc.)Il GSE stabilirà nelle prossime linee guida, il tempo massimo necessario per lavalutazione della pratica e per l’erogazione dell’incentivo. In tale frangente il GSEpuò sospendere la pratica e far richiesta di integrazione documentale.E’ chiaro, che il SR debba avvalersi di un Tecnico Delegato che produca tutta ladocumentazione e che segua l’iter burocratico della richiesta di incentivo al GSE.
  22. 22. Documenti per iniziare la pratica Copia bolletta della Luce e del Gas; Copia del Permesso di Costruire; Carta d’identità; IBAN SR; Materiali utilizzati; DURC; Visura Camerale impresa ; Titolo Proprietà dell’immobile
  23. 23. Scenario Incentivi 2013Abbiamo detto che il Presente Conto Energia prevede un tetto di spesa pari a: 700 MLN/€ per i soggetti privati 200 MLN/€ per la P.A. Cosa ci aspetta nel 2013?Attualmente esistono due forme di incentivazione passiva, sotto forma didetrazione fiscale.a)D.F. per opere di Ristrutturazione Edile 36% oggi 50% (solo per privati)b)D.F. per opere di Riqualificazione Energetica 55% (per privati ed aziende)Con l’approvazione del Conto Energia Termico, nel 2013 avremo il sovrapporsi diqueste tre forme di incentivazione.Questo scenario, continuerà fino al 30/06/2013, dopodiché decadrà la possibilità didetrazione per Riqualificazione Energetica e resterà la sola detrazione perRistrutturazione Edile insieme al Conto Energia
  24. 24. Vantaggi Conto energia termicoPer piccoli interventi, in due anni si ha un rimborso trail 18% al 40% dell’investimento;Possibilità di investimento per chi paga meno IRPEF,per Imprese e lavoratori autonomi;Possibilità di integrare la detrazione Fiscale fatta peraltri interventi;Possibilità di interazione Tecnici-installatori ( dallafase di preventivo fino allo sviluppo della pratica)
  25. 25. BUON LAVORO!

×