Programma politico amministrativo_loccisano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Programma politico amministrativo_loccisano

on

  • 412 views

Programma politico amministrative 2013 Gioiosa Ionica Loccisano Sindaco

Programma politico amministrative 2013 Gioiosa Ionica Loccisano Sindaco

Statistics

Views

Total Views
412
Views on SlideShare
412
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Programma politico amministrativo_loccisano Programma politico amministrativo_loccisano Document Transcript

  • LISTA CIVICA“PATTO CITTADINO”PROGRAMMA POLITICO-AMMINISTRATIVOLINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI ED AI PROGETTI DAREALIZZARE DURANTE IL MANDATO POLITICO AMMINISTRATIVO 2013-2018Si ringraziano tutti i cittadini che hanno contribuitoalla stesura del presente programma e che in futuro vorrannocollaborare alla realizzazione di quanto programmato.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo2INDICE DEL PROGRAMMACAP. 1 - LA LISTA “PATTO CITTADINO”___ - PAG. 4CAP. 2 - SCOPI E PRINCIPI ETICI GENERALI - PAG. 5CAP. 3 - UN NUOVO MODO D’AMMINISTRARE - PAG. 6CAP. 4 - ORGANI PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI - PAG. 7IL TOWN MEETING - PAG. 8I VIGILANTES - PAG. 9LE SQUADRE DI MUTUO SOCCORSO - PAG. 10LE COMMISSIONI - PAG. 10CAP. 5 - ACQUA – SPAZZATURA – PIANO STRUTTURALE COMUNALE - PAG.12IL PROBLEMA ACQUA - PAG.12IL PROBLEMA RIFIUTI - PAG.12IL PROBLEMA PIANO STRUTTURALE - PAG.13CAP. 6 - I SETTORI TRAINANTI - PAG.14AGRICOLTURA - PAG.14INDUSTRIA E ARTIGIANATO - PAG.15COMMERCIO - PAG.15TURISMO - PAG.16EDILIZIA - PAG.18CAP. 7 – I LAVORI PUBBLICI - PAG.18CAP. 8 - IL NUOVO ASSETTO URBANO - PAG.19VIABILITÀ,CIRCOLAZIONE E TRAFFICO - PAG.19VERDE E ARREDO URBANO - PAG.20CAP. 9 – MANIFESTAZIONI _ - PAG.20CAP. 10 - FESTIVITA’ RELIGIOSE - PAG.21
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo3CAP.11 - CULTURA - PAG.21L’IMPEGNO CULTURALE - PAG.21MANIFESTAZIONI CULTURALI - PAG.22I BENI CULTURALI - PAG.23CAP.12 – SCUOLA - PAG.24CAP.13 - ECOLOGIA ED AMBIENTE - PAG.25CAP.14 – SPORT - PAG.25CAP.15 – SICUREZZA, LEGALITA’ E TRASPARENZA - PAG.26CAP.16 – CIMITERO - PAG.27CAP.17 - POLITICA ENERGETICA - PAG.28CAP.18 - POLITICHE SOCIALI - PAG.29FAMIGLIA - PAG.26ASILI NIDO E PRIMA INFANZIA - PAG.29SERVIZI SOCIALI - PAG.29GIOVANI - PAG.30ANZIANI - PAG.30PERSONE DIVERSAMENTE ABILI - PAG.31IMMIGRAZIONE - PAG.31CAP.19 – SANITA’ - PAG.32CAP.20 – TUTELA DEGLI ANIMALI - PAG.33CAP.21 - PROTEZIONE CIVILE - PAG.33CAP.22 - GLI UFFICI COMUNALI E I RAPPORTI CON IL PUBBLICO - PAG.34CAP.23 – CONCLUSIONI - PAG.35
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo4CAPITOLO 1LA LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO”E’ un’aggregazione di persone di varia formazione culturale, professionale e politica,donne ed uomini accomunate dal desiderio di rendersi utili alla propria comunità con unprogramma politico - amministrativo che pone al centro la persona, l’individuo e i suoibisogni e da un progetto strategico che valorizzi, in particolare, quei principi di “gestioneefficiente” che devono ispirare l’azione di ogni pubblica amministrazione. Ciò significariconoscere e tutelare i diritti dei cittadini, evitare il rischio che il cittadino diventivittima di meccanismi clientelari in grado di trasformare in favore ciò che è diritto eservizio. Solo l’affermazione di regole certe per tutti potrà favorire la nascita e la crescitadi una moderna e sana imprenditoria privata, che in un libero mercato sia in grado diprodurre benessere, ricchezza e nuovi posti di lavoro.Il simbolo che abbiamo scelto “uno scorcio del centro storico” rappresenta il fortelegame della nostra lista alle tradizioni ed alla cultura della civiltà contadina cheoccorrerà riscoprire e valorizzare.Il nome racchiude le nostre idee in “un patto con gli elettori” per la crescita civile,culturale e politica di Gioiosa, col preciso obiettivo di dare la “parola alla gente comune”e cioè la possibilità di contribuire alla costruzione e realizzazione di un programma checrei un clima di progettualità diffuso ed intenso intorno ai temi del lavoro, dei diritti,della legalità, della trasparenza, della solidarietà, dell’economia, dell’ambiente,dell’istruzione, dell’edilizia, dello sviluppo, della cultura, dell’arte e dello sport.Abbiamo analizzato approfonditamente le problematiche della nostra città, del suovasto territorio e le possibili soluzioni. Siamo consapevoli che vi sono molte persone edaziende in grave difficoltà economico-finanziarie che temono per il proprio futuro.Problemi questi che richiedono oltre all’impegno dei cittadini e degli amministratori, ilcoinvolgimento e l’aiuto degli enti sovracomunali, quali la Provincia, la Regione e loStato.Da qui è nata l’idea di costituire una coalizione civica, unita nell’idea del massimoimpegno, con modalità innovative e sinergiche volte a velocizzare i processi dimodernizzazione e di sviluppo della nostra comunità, senza stravolgimenti, mamuovendoci con una forte impronta innovatrice che salvaguardi e migliori le situazioniche già funzionano e introduca, invece, una netta discontinuità rispetto ai temi ritenuticritici e bisognosi d’intervento di forte cambiamento.Siamo certi che su alcuni di questi temi potranno scontrarsi visioni e impostazionicontrapposte e che alquanto vivo sarà il confronto politico e dialettico nel corso dellacampagna elettorale, siamo però altrettanto certi che da parte nostra il confronto saràsempre basato sul reciproco rispetto e il dibattito saprà mantenere i livelli di civiltà checontraddistingue la nostra lista.In questa campagna elettorale sosterremo che Gioiosa deve tornare a riempirsi di idee,di progetti e di partecipazione. Occorre tutelare il centro storico, il ricco patrimonioarcheologico e quello monumentale, convinti che non si va da nessuna parte se non siconosce il passato, se non si vive il presente e se non si guarda al futuro; da questaanalisi, parte la costruzione del programma della nostra coalizione per rispondere alleesigenze di cambiamento che i cittadini si aspettano in un momento storico di grandedifficoltà economico finanziaria.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo5CAPITOLO 2SCOPI E PRINCIPI ETICI GENERALIScopo primario del programma è la promozione delle condizioni che possanopermettere a Gioiosa di progredire contestualmente in ogni settore della vita sociale,economica e culturale, per acquisire realmente la configurazione di città ericonquistare il ruolo di prestigio perso nell’ambito della Vallata del Torbido.È un traguardo molto ambizioso, ma allo stesso tempo doveroso, per valorizzare laconsistenza sociale e civile della nostra realtà, la sua storia, il suo patrimonio culturale, lesue importanti tradizioni commerciali, agricole ed artigianali, le sue potenzialitàintellettive e operative. Si tratta di un traguardo che appare ancora meno eludibilenell’ottica della competitività imposta oggi dalla complessa fenomenologia economica,dalle istanze sociali, dalla sensibilità culturale ed ambientale, dai modelli di vitaindividuale.Per centrare questo obiettivo l’Amministrazione Comunale provvederà a rimuoverequelle incrostazioni di assistenzialismo e di clientelismo, che, attestatesi nel tempo comebarriere comportamentali, hanno di fatto rallentato lo sviluppo della nostra società edindotto non pochi cittadini allo scetticismo e all’inerzia, con conseguente mortificazionedi valori, di energie, di possibilità.Si opererà, quindi, con nuovi impulsi mentali capaci di tradurre in pratica gli elementisostanziali della logica amministrativa. Ciò si riassume nell’idea secondo cui:- il mandato amministrativo si sviluppa non come esercizio di poterepersonale o partitico ma pensando alla funzione degli amministratori comeessenzialmente rivolta al servizio alla cittadinanza, caratterizzato da totaledisinteresse personale, obiettiva valutazione dei problemi, concretezzaoperativa, equità ed imparzialità ben visibili, costante tensione morale eappassionato fervore.Va, quindi, assunto un atteggiamento innovativo, non tanto per l’affermazione diprincipi a cui è facile richiamarsi nella fase teorica della propaganda, quanto per lapuntualità con cui si mantengono gli impegni a vario termine e nella realtà operativaquotidiana.La dignità di ogni singolo cittadino deve ispirare ogni atto. È la dignità del singolocittadino che i pubblici amministratori devono proteggere ed esaltare, e quella deglistessi amministratori, degli impiegati comunali, legata costantemente a un’immaginerispettabile e credibile, sulla base delle qualità morali e dei meriti obiettivamenteriscontrabili.E’ compito dell’Amministrazione Comunale sopperire alle carenze degli amministrati edeliminare le loro debolezze con la creazione di condizioni generali favorevoli allosviluppo, con la parificazione delle opportunità di partenza nei vari settori, con lapromozione ed il sostegno della mentalità cooperativistica. Proprio quest’ultimaacquisizione va perseguita con attenzione e tenacia per rimuovere le remore e leincertezze che ne hanno finora impedito un effettivo decollo, poiché può produrre lesinergie capaci di superare le inadeguatezze proprie degli individui. Da qui la nascitadegli organi cittadini di cui al capitolo 4.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo6L’obiettivo più auspicabile è, comunque, la stabilizzazione di un clima di fiducia e dioperosità, non condizionato da interessi individualistici o ideologici, in cui cittadini edamministratori, sorretti da comuni aspirazioni, siano costantemente sensibilizzati dareciproci segnali di comprensione e di rispetto delle regole e degli impegni.CAPITOLO 3UN NUOVO MODO D’AMMINISTRAREProponiamo un modo nuovo di amministrare che parte dal coinvolgimentodiretto dei cittadini nelle scelte amministrative.Il voto non deve essere una delega in bianco data allamministratore di turno, noi ciproponiamo come "dipendenti dei cittadini" .Il governo della città, i bilanci annuali, il piano regolatore non sono affari solo per i pochiaddetti ai lavori. Con l’affermazione della nostra lista il cittadino è chiamato a decideresulle principali scelte.Ogni progetto di forte impatto sulla comunità sarà reso pubblico ed integrato con leosservazioni degli stessi cittadini. Proponiamo un forte cambiamento nello stile diamministrare, dando priorità assoluta al rispetto della persona, all’ascolto dei cittadini,all’ascolto delle varie realtà organizzate sul territorio, per una condivisione delle scelteamministrative che saranno messe in campo.Saranno istituiti, nei modi avanti descritti, una serie di organismi checonsentiranno la partecipazione attiva della cittadinanza.Ciò al fine di garantire a tutti un nuovo modo di fare politica vera, basata sul dialogo esul confronto tra amministratori ed amministrati. I meccanismi di partecipazionesaranno estesi in modo particolare ai giovani, perché loro saranno i cittadini di domanied è quindi importante che crescano nella piena consapevolezza dellappartenenza allaComunità in cui vivono.I cittadini e le associazioni saranno chiamati a prendere parte ai lavoridell’amministrazione affiancando gli assessori e i consiglieri.Riteniamo irrinunciabile la strada di una futura efficace azione amministrativa che debbapassare attraverso una rinnovata cultura civica, fondata sulla condivisione dei valori e suuna perfetta coesione delle varie realtà presenti nella nostra comunità. I criteriamministrativi dovranno essere improntati a promuovere forme di democraziapartecipativa come regola permanente di governo al fine di gestire le priorità diintervento sulla base delle reali esigenze della nostra comunità.Il presente programma garantisce l’osservanza dei principi della legalità e dellatrasparenza amministrativa.Esso è rivolto a tutti i cittadini indipendentemente dalla loro convinzione politica, apertoal confronto, all’approfondimento ed all’arricchimento. Riteniamo che il programmadebba essere sempre “aperto”, pronto a recepire integrazioni e correzioni da parte deicittadini, da parte delle varie categorie sociali, dalle associazioni di categoria, dalleassociazioni culturali e movimenti vari.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo7La nostra lista avvierà un percorso politico-amministrativo completamentenuovo, lontano dalla logica delle divisioni interne e opererà in manieratrasparente e coesa nel solo interesse della comunità, con la massima lealtà neicomportamenti improntati alla risoluzione delle varie problematiche cheassillano il territorio Gioiosano, con un solo traguardo che è quello delmiglioramento della qualità dei servizi, la diminuzione dell’imposizione diimposte e tasse, con uno stile operativo rispettoso della legge e delle istituzioni.CAPITOLO 4ORGANI PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINIIl progetto che abbiamo in mente è quello di creare quattro importanti organismigestiti da liberi cittadini che interagiranno con i loro amministratori.Ad essi auspichiamo che potranno prendere parte tutti i cittadini, ognuno sulla basedelle proprie competenze e possibilità di tempo da dedicare, attraverso lapartecipazione e il coinvolgimento in forma diretta.Detti organismi, svolgendo una pluralità di azioni, interagiranno tra di loro e conl’Amministrazione Comunale, generando percorsi virtuosi, tali da produrre servizi diqualità che favoriscono tutta la cittadinanza nel suo insieme e consentano anche unaprogressiva riduzione delle imposte e tasse comunali.Nel contempo saremo tutti chiamati a diffondere in modo più diffuso e impegnativo lacultura della legalità e della sicurezza del cittadini in un contesto rispettoso delleistituzioni, degli altri e dell’ambiente in cui viviamo.I quattro organismi da predisporre saranno i seguenti:Il Town Meeting (TM);Il Corpo dei Vigilantes;Le Commissioni;Le Squadre di Mutuo Soccorso (SMS).Lo strumento del Town Meetig nasce negli Stati Uniti circa quattrocento anni fa,qui è stato usato come espressione di democrazia diretta, attraverso assembleeche si tenevano per discutere tra gli abitanti le esigenze e le politiche del paese;nella sua forma originaria si è ben adattato alla costruzione di politichepubbliche in realtà urbane di piccola scala, ed è tuttora adottato in molti piccolicentri statunitensi. Ci sono vari tipi di Town Meeting, tra cui si segnalano quello“open” che conta sul coinvolgimento e la partecipazione diretta di tutti gliabitanti, e quello “rappresentativo”, in cui alcuni cittadini, selezionati fra latotalità della popolazione locale, discutono e votano in vece della collettività cherappresentano. La pratica della democrazia deliberativa si è evoluta, negli ultimi30 anni in USA, con l’introduzione delle nuove tecnologie, che permettono di
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo8riunire molte persone, anche in luoghi diversi, per discutere ed esprimersi aproposito di politiche pubbliche.Una delle metodologie più riconosciute utilizzate in Gran Bretagna, Danimarca eAustralia oltre che negli USA è il “deliberative polling” che si basa su dei sondaggid’opinione, effettuate a seguito di discussioni informate, su gruppi socio-demografici rappresentativi. Altre esperienze fanno uso di forum e discussionionline facilitate e a più voci. Accanto a questa, e sempre nell’ambito delleriflessioni sulla democrazia deliberativa e le sue possibili applicazioni,recentemente è stata sperimentata una nuova versione del Town Meeting cheoffre alcuni elementi di innovazione dal punto di vista della tecnologia adottata:l’electronic Town Meeting che si distingue per l’uso di una combinazione ditecniche che consentono di coniugare i vantaggi della discussione per piccoligruppi, con quelli di un sondaggio rivolto ad un ampio pubblico. In questacontinua alternanza fra momenti di discussione e di momenti di voto individualesi può ottenere anche un ulteriore vantaggio: quello di costruire l’agenda deilavori in modo progressivo, ossia permettendo che l’esito della discussioneproduca delle domande da sottoporre immediatamente all’assemblea.Abbiamo ritenuto opportuno fare questa breve introduzione per significare chesi tratta di nuove forme di coinvolgimento e partecipazione attiva di tutti icittadini alla vita politica già sperimentate con successo in tanti stati esteri. Qualeoccasione migliore di introdurre anche nella nostra comunità forme diaggregazione e di riavvicinamento della gente alla politica, visto il fossato che si èscavato fin qui tra le istituzioni ed i cittadini, ormai stanchi dei soliti ritualiinconcludenti che hanno finito per generare sconforto e rabbia sociale, inun’epoca storica caratterizzata da una profonda crisi congiunturale e di sistemache getta giorno dopo giorno persone, famiglie ed imprese nella disperazione,senza vedere segnali di luce all’orizzonte.Anche gli Enti locali vivono un momento difficile per i continui tagli alle lororisorse da parte del governo centrale che nell’arco di alcuni anni ha ridotto del50% i trasferimenti, al nostro Comune sono stati tolti circa un milione di euro,motivo per cui è sempre più difficile recuperare questa ingente somma perassicurare i servizi e dare risposte concrete ai cittadini. Basta sfogliare la stampadi tutti i giorni per leggere quanti comuni segnalano situazioni di dissestofinanziario e quanti addirittura denunciano il rischio di non poter corrisponderegli stipendi ai propri dipendenti.In questo scenario così desolante e per tanti versi depressivo, ci è sembratodoveroso proporre alla nostra comunità una “nuova forma di gestione della cosapubblica” già sperimentata altrove con successo ed attraverso la quale ognicittadino contribuisce in maniera attiva e propositiva alla gestione della propriacittà.Per la costituzione dei suddetti istituti di partecipazione popolare si prevede la revisionedello Statuto Comunale e apposite Delibere Consiliari.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo9IL TOWN MEETING (l’assemblea municipale)Il progetto prevede preliminarmente la creazione di un Town Meeting del tipo“rappresentativo” composto da un folto gruppo di cittadini volontari che discuteranno evoteranno per conto della collettività che rappresentano. Il Town Meeting, inizialmente“rappresentativo”, tenderà ad essere del tipo “open” ovvero aperto a tutta lacittadinanza, fino a giungere a un più auspicato Elettronic Town Meeting con l’aiuto dellamoderna tecnologia informatica.I componenti condivideranno i principi del corretto vivere civile, economico e sociale.Il presupposto cardine che regge quindi il progetto è che bisogna far propri detti principie comportarsi di conseguenza, a questo punto solo la persona che li condivide e li mettein pratica può diventare parte attiva integrante e sostanziale del Town Meeting.Quest’insieme di persone che comporrà il Town Meeting traccerà amaggioranza le priorità e gli indirizzi ai quali il governo cittadino si dovràattenere.Ogni componente si ritaglierà un compito da svolgere nella partecipazione alla vitapubblica dei prossimi cinque anni.Azioni politiche, interventi sul territorio anche di piccola entità, proposte tese araggiungere obiettivi ritenuti utili e necessari per lo sviluppo del paese, sarannosostenute con grande forza e decisione da tutto il gruppo.Ciò costituirà garanzia di successo dell’azione da intraprendere, ed i cittadini, diconseguenza, non potranno che operare, anch’essi, secondo i principi guida indicati eportati avanti dal gruppo nell’interesse esclusivo dell’intera collettività.Appare chiaro come i componenti dell’Amministrazione Comunale, e quindi lalista “Patto Cittadino”, faranno tutti parte del Town Meeting.Il Town Meeting, quindi, in qualità di cellula madre eserciterà una funzione diindirizzo e di controllo sull’Amministrazione Comunale, cellula figlia,intimamente collegata alla cellula-madre da un robusto cordone ombelicale.La caratteristica principale del Town Meeting sarà quella di fornire un imponentesupporto cittadino all’azione dell’Amministrazione Comunale, cioè un ventaglio di azionia supporto e si amplierà attraverso gli altri organismi da creare di cui si dirà e cioè:Vigilantes, Commissioni e SMS (squadre di mutuo soccorso). Tali organismi sarannocreati, controllati e diretti dal Town Meeting così come succede per l’AmministrazioneComunale.I VIGILANTESIl territorio comunale sarà suddiviso in 25 quartieri.Non appena la nuova Amministrazione Comunale si sarà insediata, il Town Meetingprovvederà ad istituire il Corpo dei Vigilantes che sarà composto da due, o più di due perquartiere. Uno dei Vigilantes dovrà essere donna affinché possa raccordarsi meglio conle donne del proprio quartiere.I Vigilantes non saranno vigili urbani, poliziotti o ronde, ma solo cittadini virtuosi chevolontariamente si porranno al servizio del proprio quartiere, del Town Meeting edell’Amministrazione Comunale.Ci saranno inizialmente almeno 50 Vigilantes, un folto gruppo pronto agenerare un rapporto virtuoso e costruttivo tra quartiere e AmministrazioneComunale.La loro opera sarà gratificata con attestati di merito, nonché da sgravi sulle imposte etasse comunali a loro carico, appositamente deliberati dal Consiglio Comunale,
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo10ovviamente sulla base di uno specifico regolamento che tratterà l’intera iniziativa sullabase della nostra legislazione.Essi svolgeranno una duplice funzione:La prima: porteranno in Comune le esigenze del proprio quartiere, medianteaccesso agli uffici sulla base delle norme regolamentari, rivolgendosi ai responsabili deiservizi (Capitolo 22 : “Gli uffici comunali e i rapporti con il pubblico”)per avere contezzadello stato delle pratiche di cui si occupano. Nell’ipotesi che il Comune non possapredisporre l’intervento richiesto nei tempi necessari, essi solleciteranno l’interventodelle Squadre di Mutuo Soccorso come si dirà avanti.Segnaleranno le necessità di ogni singolo cittadino o le necessità del quartiere, tipoorgani illuminanti mal funzionanti, perdite dalla rete idrica o fognante, buche sullesovrastrutture stradali, ecc. portando in comune le istanze dei residenti del quartiere diappartenenza e si adopereranno per ottenere risposte certe e rilascio didocumentazione nei termini previste dalle normative in vigore. Condurranno,altresì, in seno al Town Meeting tutte le iniziative che il quartiere intenderàintraprendere e si prenderanno carico della loro organizzazione, ricevendo supporto dalTown Meeting stesso, dall’Amministrazione Comunale e da tutti gli altri quartieri.La seconda: porteranno nel quartiere le esigenze del Comune.Con la loro presenza capillare nel territorio i Vigilantes diffonderanno le ordinanze delSindaco o le decisioni del Town Meeting, vigileranno sulla pulizia del quartiere in quantoogni cittadino virtuoso terrà pulito lo spazio prospiciente la propria abitazione,diffonderanno la cultura del verde, vigileranno sul decoro degli edifici, sulla finitura deiprospetti.I vari quartieri gareggeranno tra loro per ottenere i primati di quartiere più pulito, diquartiere più verde, di quartiere più intraprendente.Pensiamo alla raccolta differenziata (Capitolo 5 : “Il problema rifiuti”), problemaprioritario da affrontare. Essa potrebbe essere attuata più facilmente con un apparatosimile. I Vigilantes spiegheranno ai residenti del loro quartiere le modalità di raccolta,aiuteranno gli anziani e vigileranno sulla corretta suddivisione delle varie categorie dirifiuti, carta, metalli, vetro, plastica, frazione umida, ecc.Le ricadute in termini di qualità dei servizi nel quartiere, di risparmio sull’imposizione edi difesa dell’ambiente dovranno presto essere palpabili.LE SQUADRE DI MUTUO SOCCORSOAnche in questo caso le SMS non saranno che cittadini volontari che si porranno alservizio, non dei singoli quartieri stavolta, ma dell’intera comunità e dell’intero territoriocomunale, ovunque quindi se ne presentasse la necessità, offrendo un significativo eulteriore supporto all’azione dell’Amministrazione Comunale.Tutti i cittadini potranno iscriversi in una squadra secondo le proprie competenze e leproprie possibilità.Nasceranno così ad esempio le seguenti squadre: dei Legali, dei Tecnici, dei Sanitari, deiPensionati, dei Commercianti, dei Ristoratori, degli Elettricisti, degli Idraulici, deiFalegnami, degli Artigiani, degli Operai generici, delle Imprese Edili e Movimento Terra,ecc.I compiti che le squadre svolgeranno sono facilmente immaginabili, esse provvederannoai pronti interventi laddove il Comune sarà impossibilitato ad intervenire per mancanzadi professionalità, di mezzi, di operai e di attrezzature.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo11Anche l’opera dei singoli componenti le Mutuo Soccorso sarà gratificata con attestati dimerito, con sgravi sui tributi comunali nella misura stabilita dal Consiglio Comunale e dalRegolamento.LE COMMISSIONIIl terzo organo che sarà istituito dal Town Meeting sarà quello delle Commissioni.Per ogni problema di particolare importanza per la cittadinanza si costituiràuna Commissione che avrà il compito di affrontarlo e risolverlo.Essendo purtroppo già esistenti nel nostro Comune una moltitudine di problemi ecriticità, il Town Meeting provvederà immediatamente a costituire una serie diCommissioni con esplicita funzione, per ognuna di esse, di affrontare e avviare asoluzione il problema specifico del quale si andrà ad occupare.Ogni Commissione sarà formata da un Presidente, dall’Assessore al ramo investito dalproblema in qualità di rappresentante istituzionale, da un funzionario dell’ufficiocomunale interessato, da una rappresentanza della squadra dei legali, da unarappresentanza della squadra dei tecnici, da componenti del Town Meeting esperti sullaproblematica da affrontare, da altri volontari. Il numero totale di componenti saràdeterminato in funzione della portata del problema.Le Commissioni potranno avere durata temporanea e in questo caso si scioglieranno asoluzione avvenuta dell’impegno assunto; invece perdurare per tutta la legislatura, inquanto il problema affrontato è del tipo permanente e deve essere costantementemonitorato e tenuto sotto controllo, come per esempio il problema dell’acqua potabileo quello della raccolta differenziata dei rifiuti, le manutenzioni degli immobili facentiparte del patrimonio comunale, le manutenzioni delle scuole, ecc.Nasceranno così ad esempio le seguenti Commissioni:1. Commissione Ricerca Finanziamenti sui fondi europei, nazionali e regionali;2. Commissione Sistema Idrico Integrato;3. Commissione Raccolta Differenziata dei rifiuti;4. Commissione Piano Strutturale Comunale;5. Commissione Centro Storico;6. Commissione Cultura;7. Commissione Parco Archeologico del Naniglio;8. Commissione Sanitaria;9. Commissione Cimitero comunale;10. Commissione Scuole;11. Commissione Commercio;12. Commissione Mercato Domenicale;13. Commissione Sport e tempo libero;14. Commissione Protezione Civile;15. Commissione Diversamente abili;16. Commissione Trasporto Scolastico;17. Commissione Strade sul territorio comunale;18. Commissione Pubblica illuminazione;19. Commissione Verde Pubblico e parchi giochi;20. Commissione Controllo Lavori in Appalto;21. Commissione Protezione Animali;22. Commissione Manifestazioni ed eventi culturali;23. Commissione Edilizia pubblica e privata;24. Commissione Artigianato tradizionale ed artistico;…e tante altre.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo12CAPITOLO 5I TRE PROBLEMI PRINCIPALI DI GIOIOSA IONICA SONO:L’ACQUA – LA SPAZZATURA – IL PIANO STRUTTURALE COMUNALEACQUAL’acqua è nata libera, è un bene inalienabile di tutti, deve essere pubblica e non deveessere sprecata.La situazione attuale nella nostra città è sotto gli occhi di tutti. La fonte diapprovvigionamento, da oltre mezzo secolo ormai, è costituita dai pozzi ubicati neipressi dello svincolo della superstrada ed in località Fiumarina. Questo sistema diapprovvigionamento presenta molte negatività: eccessivo costo, qualità non eccellente,rischio inquinamento della falda acquifera. La nostra Lista Civica si propone di abbatterei costi, riducendo di conseguenza i tributi e migliorare la qualità dell’acqua e del serviziodi gestione.Il progetto è ambizioso ma fattibile ed è la prima priorità da affrontare e risolvere inmodo strutturale. Le sorgenti che sgorgano a monte sono numerose e ricchissime diacque pregiate che da sempre si disperdono scorrendo nei sottostanti valloni; sicercherà di convogliarle verso una camera di raccolta, da qui una condotta le faràaffluire verso il nostro serbatoio.Non è un’idea teorica o propagandistica quella di realizzare un nuovo acquedottocomunale per affrancarci dalla morsa della società di gestione SORICAL a partecipazioneregionale il cui costo annuo si aggira sugli 800.000 euro. Le somme necessarie per larealizzazione del nuovo impianto saranno reperite dall’Amministrazione, tra tutti gliutenti, attraverso una contenuta tassa di scopo “una tantum” prevista dalla legislazionein vigore. Con tale sacrificio tutte le famiglie godranno per sempre del doppio beneficiodi acqua buona e costi molto ridotti che dovranno coprire soltanto le esigue spese digestione degli impianti.II quattro organismi istituiti potranno garantire il successo dell’operazione, in strettacollaborazione con la Commissione Sistema Idrico Integrato, che sarà a sua volta istituitadal Town Meeting e curerà l’iter autorizzativo e garantirà la velocizzazione delle variefasi supportando gli uffici comunali, mentre la squadra dei tecnici curerà il progetto delnuovo acquedotto comunale.Finalmente si comincerà a capire che con la cooperazione e la forza del gruppomolte cose ritenute immutabili si potranno modificare.Questa lista si propone di realizzare una gestione totalmente pubblica della distribuzionedellacqua. I regolamenti ed i particolari saranno studiati dalla Commissione SistemaIdrico Integrato e sottoposte all’approvazione del Consiglio Comunale.RIFIUTI SOLIDI URBANILa gestione dei rifiuti va finalizzata prioritariamente alla loro massima riduzione allafonte. Il rimanente sarà destinato al riciclo, reimpiego e riutilizzo.Le strade che intendiamo seguire per avvicinarci a questo obiettivo sono:
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo13- Redazione del Regolamento Comunale Raccolta Rifiuti da parte della CommissioneRifiuti con successiva immediata approvazione del Consiglio Comunale.- Raccolta rifiuti porta-a-porta fondata sul massimo recupero del materiale prelevatoattraverso una accurata differenziazione;- Istituzione isola ecologica e conseguente eliminazione totale dei cassonetti. In questosito troveranno posto i containers delle ditte che acquisteranno i prodotti differenziati ei containers per la frazione umida da inviare in discarica o in altro punto di raccolta adincenerimento e conseguente produzione di energia.- Tariffa rifiuti non basata sui metri quadrati di un appartamento in quanto ciòè già oggetto di altra tassazione, ma che tenga conto dei seguenti parametri:a) quantità di rifiuto prodotta ovvero chi meno produce meno paga;b) numero dei residenti nell’abitazione distinti in permanenti etemporanei;- Divulgazione capillare continua nei quartieri e nelle scuole del problema smaltimentorifiuti e del sistema di raccolta differenziata attraverso gli organismi istituiti e cioè TownMeeting, Commissione Rifiuti e Vigilantes.- Promozione di una più approfondita differenziazione della raccolta utilizzando leSquadre di Mutuo Soccorso per i ritiri speciali tipo batterie, computers, telefonini,prodotti farmaceutici e quant’altro possa trovare collocazione sul mercato ed esserericiclato.Appare chiaro come diminuire il quantitativo di rifiuti conferiti in discarica ci consenta didiminuire enormemente le spese.Altrettanto chiaro è il fatto che vendere i prodotti differenziati, plastica, carta, vetro,alluminio, ecc., produca delle entrate comunali invece di produrre spese con il selvaggioconferimento di tali prodotti in discarica.Siamo convinti di poter generare con questo tipo di raccolta differenziata dei rifiuti portaa porta la creazione di almeno 15-20 posti di lavoro da affidare a cooperative giovaniliper lenire la dilagante disoccupazione.PIANO STRUTTURALE (EX PIANO REGOLATORE)Con le nuove disposizioni urbanistiche il nostro Comune già da tempo avrebbe dovutodotarsi del Piano Strutturale Comunale in sostituzione del vecchio Piano Regolatore.L’obiettivo purtroppo non è stato raggiunto per i notevoli ritardi della Regione nellafornitura delle cartografie all’equipe del prof. Imbesi ed alla lentezza dei Comuniassociati nel fornire le risorse finanziarie e la documentazione tecnica necessaria perl’elaborazione del piano, che nonostante tutto ciò, risulta ad oggi quasi concluso nellaprima fase del progetto preliminare al 90% , motivo per cui si ritiene che entro pochimesi dall’insediamento della nuova amministrazione si possa completare e passare allefasi successive per giungere all’approvazione definitiva in Consiglio comunale.Un altro motivo che ha accumulato notevole ritardo, oramai comunque superato, èstata la scelta dell’Amministrazione Tarzia di optare per un “Piano Strutturale Associato”con altri comuni anziché orientarsi verso un più opportuno Piano Strutturale Comunaleda sviluppare in forma autonoma. La scelta operata per formare l’associazione con icomuni di Martone, Mammola e San Giovanni di Gerace, è stata a dir poco infelice inquanto questi centri urbani non sono contigui né i territori presentano caratteristiche diomogeneità. Mentre i requisiti per l’associazione sarebbero stati invece presentinell’ipotesi di conurbazione con il contiguo comune di Marina di Gioiosa Ionica.La Commissione Piano Strutturale che sarà immediatamente costituita, unendo leproprie forze con la Squadra dei Tecnici, la Squadra dei Legali e con gli Uffici Comunali,sarà chiamata a collaborare anche col prof. Imbesi e la sua equipe per concludere tutte
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo14le procedure e dotare il paese di un importante strumento capace di incidere in modopositivo nell’ordinato sviluppo del paese.Dotarsi subito del piano significa anche poter accedere a finanziamenti altrimenti negati,significa avviare un ordinato sviluppo urbano del territorio, significa sbloccare tutte leattività legate alla edilizia privata, pubblica e turistica, evitando in tal modo anche abusidifficili da sanare.CAPITOLO 6I SETTORI TRAINANTIAGRICOLTURAL’Agricoltura, fortemente penalizzata negli ultimi decenni per l’introduzione sul mercatodi prodotti importati da altre nazioni, deve trovare la strada per ritagliarsi un ruolo nonsecondario nell’economia locale.Siamo perfettamente consapevoli di non poter sviluppare una produzione di varietàlocali in grande scala in quanto il territorio è fortemente frazionato in minuscolipossedimenti. Siamo in presenza però di una produzione che supera il fabbisognofamiliare e ciò si traduce nella possibilità di commercializzare tale sovrapproduzione.Si punta a promuovere l’esportazione di olio, vino, agrumi, cipolle, peperoncini, origano,ecc. verso i punti dove c’è maggior richiesta e cioè verso le famiglie di nostri emigrantisistemati nel nord Italia ed in tal modo troverebbero maggior occupazione le ditte ditrasporti che collegano Gioiosa col nord del paese. Analoga promozione dovrà esseresvolta presso le comunità calabresi in Canada, USA, Australia, ecc.Identica cosa sarà portata avanti nei confronti dei turisti che stagionalmente sonopresenti nel nostro territorio incentivandoli ad approvvigionarsi di prodotti locali eprenotarsi per la spedizione di prodotti nei restanti mesi dell’anno. Ai prodotti agricoli siaggiungeranno i prodotti dolciari e i prodotti derivati dalla macellazione dei suini informa privata.In tal modo vi potrà essere un ritorno alle coltivazioni agrarie facendo attenzione adindirizzarsi esclusivamente sui prodotti tipici e tradizionali.Le Commissioni per l’Agricoltura, per il Commercio e per l’Artigianato provvederanno adorganizzare le partecipazioni nelle manifestazioni del settore agro-alimentare.Sarà promossa ed incentivata la vendita dei prodotti a “chilometri zero” per soddisfarele esigenze del mercato locale.Saranno sostenuti e pubblicizzati i GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) affinché gli acquistidelle materie prime e dei mezzi di lavorazione siano effettuati in modo tale da spuntareun minor costo. In particolare i mezzi agricoli potranno essere acquistati ed utilizzati dagruppi di agricoltori.Si promuoverà così lo sviluppo di aziende contadine coltivatrici-dirette a conduzionefamiliare che potranno praticare lauto-produzione e vendere le eccedenze per favorireun consumo locale di quanto prodotto.Attenzione particolare e sostegno saranno rivolti verso tutti coloro che si affaccerannoverso il settore dellagricoltura biologica.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo15INDUSTRIA E ARTIGIANATOLa piccola industria, scarsamente presente nel territorio comunale, è stata da sempreimpossibilitata a crescere in quanto ristretta in ambiti lavorativi non idonei né allalavorazione, né al deposito e né alla movimentazione della merce. Ambiti questiricadenti quasi sempre in zone residenziali o commerciali con gravi disagi per i residentie per l’ambiente. Traversie quindi infinite nel richiedere attestati di destinazioneurbanistica atti a certificare l’idoneità del suolo a scopi industriali o artigianali, conricorso infine a forzate deroghe agli strumenti urbanistici al fine di salvaguardare postidi lavoro.Tutta questa situazione che si protrae da sempre non potrà essere scongiurata se noncon la redazione del Piano Strutturale Comunale (Capitolo 5). Solo allora potremo avereuna crescita degli insediamenti produttivi che potranno essere finalmente moderni ecompetitivi giovandosi delle nuove aree per essi assegnate dal nuovo strumentourbanistico.L’Artigianato locale, pur vantando tradizioni di operosità e di spessore qualitativo, versaoggi in condizioni di declino quasi totale.Tutte le forme artigianali hanno bisogno di sostegno e di rilancio, dal momento che,colpite dalla crisi generale, dalle incidenze fiscali e dalle difficoltà nel ricambiogenerazionale delle maestranze, languono nella mancanza di commesse in quanto, contutti i costi da sostenere, i prezzi per le prestazioni non possono essere competitivi.Occorre pertanto sbloccare la situazione e tentare di avviare un’inversione di tendenzamediante un’azione amministrativa orientata a:- varare il piano strutturale comunale vigilando che tenga nella dovuta considerazione ladestinazione di un’area per edilizia residenziale con possibilità di realizzare laboratoriartigiani non molesti annessi alla residenza.- individuare tutte le arti e i mestieri che anticamente venivano praticati nel centrostorico e proporne ai disoccupati del settore giovanile la riattivazione a “imposta zero”(acqua, Imu, spazzatura, ecc.). Promozione gratuita di detti laboratori.- organizzare, di concerto con società e associazioni di categoria, cicli di incontri e dilezioni teorico-pratiche da affidare a maestri artigiani e tecnici di riconosciutacompetenza, allo scopo di orientare i giovani all’apprendistato.- stimolare la Squadra dei Tecnici nella continua ricerca di fondi e di agevolazioni per lacategoria. Gli stessi tecnici si avvantaggeranno nel predisporre poi le relative pratiche difinanziamento a chi ne farà richiesta.COMMERCIOIl commercio locale, come quello nazionale, è in una fase di preoccupante stagnazionecon qualche connotato recessivo, derivante dalla riduzione dei consumi, dagliinsediamenti della grande distribuzione che tendono a soffocare e disgregare le aziendedi piccola e media potenzialità; dalla pesantezza con cui la burocrazia ed il fisco incidonosul reddito e sugli investimenti; da una politica priva di stimoli idonei a incentivare eanimare il tessuto commerciale.Riteniamo che sia compito della prossima amministrazione comunale valorizzare edincentivare le attività commerciali e produttive presenti sul territorio, ponendoparticolare attenzione ai seguenti aspetti:- semplificare i procedimenti amministrativi sia allinterno della stessa amministrazionecomunale che nei rapporti con altri enti;
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo16- prevedere nel piano strutturale comunale una corretta distribuzione edimensionamento delle concentrazioni commerciali che risponda all’esigenza di una piùrazionale diffusione degli esercizi;- promuovere le forme associative attraverso la Commissione Commercio al fine diottimizzare il sistema degli approvvigionamenti e le tecniche di vendita allo scopo diacquisire più concrete possibilità concorrenziali nei confronti di altri comuni verso iquali, e verso le grandi strutture di vendita, è abitudinariamente orientata una partedella popolazione locale;- agevolare miglioramenti per l’esposizione e l’estetica degli impianti commerciali e degliesercizi pubblici, sia ai citati fini concorrenziali, sia agli effetti di un più gratificanteaspetto della città;- composizione dell’area del mercato domenicale tale da permettere una più razionalesistemazione dei settori di vendita.- accogliere a Gioiosa in modo molto particolare tutti i visitatori del mercato domenicale,assicurando un parcheggio agevole dei mezzi, garantendo l’assistenza dei vigili urbani iquali si adopereranno ad accogliere i visitatori con la massima cortesia, insomma finchénon si garantirà un sistema di parcheggio comodo e nel contempo la scorrevolezza deltraffico.- promuovere le attività commerciali gioiosane e i prodotti locali che sarannocommercializzati tutte le domeniche attraverso giornali e canali televisivi locali,divulgano il concetto di esigere prodotti tipici e di alta qualità;- contattare più di un istituto bancario al fine di ottenere l’apertura di uno o più sportelliin modo tale da garantire i servizi finanziari in Gioiosa Ionica in regime di concorrenzacon le altre banche dei paesi viciniori; fare tutto il possibile per riportare il servizio ditesoreria comunale nel nostro paese e con esso l’eventuale spostamento correntistigioiosani che trovano molto disagio per spostarsi a Marina di Gioiosa e Roccella per farele operazioni giornaliere;- organizzare eventi in piazza ogni domenica a supporto del mercato, tali da attrarre unamaggiore presenza di acquirenti provenienti da fuori paese; offrire eventualmentedegustazioni di prodotti tipici locali con spese da ripartire tra tutti i commercianti aposto fisso, ambulanti e bar;- istituire ogni domenica delle corse gratuite con navette per consentire alle tantepersone che non dispongono di un mezzo proprio di raggiungere il centro del paese.Ogni particolare dovrà essere studiato dalle Commissioni Commercio e MercatoDomenicale.TURISMOSviluppare il Turismo a Gioiosa Ionica significa avviare un settore economicosostanzialmente poco presente.Appare chiaro che le risorse turistiche vanno ricercate nell’ambito delle realtà giàpresenti nel territorio allo stato di minima o media efficienza o ancora del tutto inattive,ma appare indispensabile, ed anche possibile, sviluppare altri elementi di richiamo e dicaratterizzazione.L’impostazione che la Commissione Turismo darà ad una proiezione in tale direzionefarà riferimento a due settori specifici: turismo enogastronomico e turismoambientale.Ad essi si possono affiancare offerte artigianali, culturali e religiose in un unico contestodi richiamo.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo17Tutto ciò risulterebbe, altresì, capace di indurre efficaci stimoli verso nuoveprofessionalità nell’ambito del settore turistico e verso forme innovative delle attivitàtradizionali.Il turismo enogastronomico ha una forte connotazione territoriale. Esso è caratterizzatodal fatto che presenta delle variabili che differiscono da luogo a luogo e da regione aregione, in relazione alla tipicità dei prodotti che vengono presentati.I prodotti tipici, quali il vino, l’olio, i salumi, i dolci, costituiscono indubbiamente unfattore di attrazione per i turisti. Affinché essi possano divenire la molla che devespingere il turista a visitarci devono essere supportati ed affiancati da una valorizzazionedel territorio e dell’ambiente, da una riscoperta delle nostre più antiche tradizioniculinarie, dalla valorizzazione della nostra proverbiale ospitalità, dall’organizzazione diun’attività alberghiera e ricettiva diffusa sul territorio, dalla presenza nel territorio diattrezzature sportive e per il tempo libero, oltre che dalla valorizzazione delle nostrestrutture architettoniche storiche e delle nostre valenze artistiche e culturali.In termini più ristretti, bisogna che l’amministrazione riesca ad organizzare un sistema-paese che si presenti al turista come perfettamente articolato ed armonizzato nelle suevarie componenti per accoglierlo e mantenerlo nel territorio a suo agio il più a lungopossibile.Tutto ciò impone una fattiva cooperazione tra i soggetti territoriali interessati, siapubblici che privati, che devono adottare logiche di sviluppo e politiche dei prezzi basatenon solo su finalità di ritorno economico a breve termine, ma su una programmazioneadeguata con sforzi ed investimenti nell’immediato, per garantirsi una rendita e unrisultato a medio e lungo termine.Dobbiamo inventarci nuovi servizi, un esempio può essere il bus navetta che durante legiornate estive accompagni i bagnanti locali e turisti nella vicina Marina di Gioiosa.L’obbiettivo di rendere il Turismo una delle voci economiche per il nostro paese è quindiun obbiettivo complesso ed abbastanza difficile da perseguire, non per questoimpossibile e per tale ragione anche più stimolante ed affascinante da intraprendere.Lo sviluppo di un territorio a vocazione enogastronomica, attraverso la leva turistica,impone alcune considerazioni generali che riguardano la fattibilità, la pianificazione,l’organizzazione e la promozione.Gli obbiettivi da raggiungere devono essere collegati fra di loro secondo logica e sipossono brevemente schematizzare nei seguenti punti:1) garanzia di qualità per i nostri prodotti più importanti (vino, olio, salumi, dolci) inmodo che l’ospite possa sentirsi tutelato;2) recupero delle tradizioni culinarie e folkloristiche;3) valorizzazione delle nostre bellezze architettoniche e paesaggistiche;4) salute e benessere attraverso un’attenzione particolare alla qualità degli ambienti;5) capacità di accoglienza attraverso la formula dell’albergazione diffusa sia fra le stradedel centro storico, sia nel territorio fra le contrade;6) rapporto qualità/prezzo e soddisfazione percepita;7) formazione del personale turistico mediante l’organizzazione di corsi diaccompagnatore turistico, tenuti da esperti che siano profondi conoscitori delle nostretradizioni storico culturali;8) corsi di lingua ”inglese parlato”, aperto a tutti, possibilmente gratuito, affinché lavocazione turistica del paese sia aperta al dialogo, anche con il turismo internazionale;9) corso breve di cucina in collaborazione con i nostri ristoratori, le nostre casalinghe econ il vicino istituto alberghiero di Locri, con particolare rilievo alla cucina mediterraneae locale;10) percorsi programmati ed accompagnati, in bici ed a piedi, nell’ambito del centrostorico, fra le vie del paese e fra le contrade, con soste dedicate alla degustazione deinostri prodotti tipici;
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo1811) coinvolgimento a pieno titolo delle contrade al programma turistico, ludico eculturale;12) commercializzazione dei prodotti locali;13) arredo urbano uniforme in particolare nel centro storico;14) organizzazione di spettacoli, conferenze, manifestazioni teatrali e di ballo, garesportive ed amatoriali, fra le varie zone del paese e delle contrade, con la partecipazionepiena della gente, della nostra comunità di immigrati e degli ospiti turisti.15) gemellaggio con una cittadina del Nord-Europa. Ciò in quanto parecchie famigliedella Scozia, dell’Inghilterra, dell’Olanda, della Norvegia, della Russia, ecc. hanno giàscelto i paesi della costa ionica per l’acquisto della seconda casa in Italia e altri siprevede che possano giungere favorendo oltre al turismo anche l’edilizia ed ilcommercio. I requisiti che loro cercano, clima mite, sole, mare, buona cucina, ospitalità,sono peculiarità che ci caratterizzano e che dovremo pubblicizzare al massimo.Attraverso questo gemellaggio si potrà avviare un turismo di scambio favorendo levacanze studio dei nostri e dei loro studenti per il reciproco apprendimento delle lingue.EDILIZIAL’attività edile, considerata tra quelle economicamente più importanti sia per il numerodi addetti che per la sua capacità di trainare molte altre potenzialità artigianali ecommerciali, è fortemente contenuta dalla situazione generale di crisi e dalla mancanzadi un piano urbanistico adeguato quale deve essere il Piano Strutturale Comunale.Le imprese edili, gli artigiani edili, gli operai giornalieri, dovranno avere la massimaassistenza e ogni tipo di agevolazione possibile.Le richieste di Permessi di Costruire, le DIA, i Certificati di Abitabilità dei locali, icertificati di Destinazione Urbanistica e quant’altro, dovranno essere evasi entro tempibrevissimi dalla presentazione al protocollo dell’ente, nulla dovrà essere d’ostacolo a chicon tale atti intende seguire le regole, pagare gli oneri concessori, produrre lavoro edoccupazione.CAPITOLO 7I LAVORI PUBBLICICi impegneremo a realizzare subito le opere pubbliche già finanziate che per intoppiburocratici non sono state ancora appaltate.L’apertura di tali cantieri potrà generare occupazione e dare impulso ai settori collegatiall’edilizia.Le opere già finanziate sono le seguenti:- Riqualificazione strada la ex SS 281 con, con marciapiedi e canalizzazione acquepiovane, da Contrada A. Candido fino al confine con Marina di Gioiosa.- Ristrutturazione dello Stadio Comunale.- Ampliamento Cimitero sul lato campo sportivo.- Realizzazione rotatoria e messa in sicurezza strada Via Lazio – Viale Stazione;- Messa in sicurezza plessi scolastici Annunziata e Circhetto;- Completamento strada Antonio Candido – C.da Zimbario;
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo19- Sistemazione e consolidamento Rupe al Castello e viabilità lungo la Fiumarina;- Lavori di adeguamento strutturale dell’edificio Scuole Elementare “Don Minzoni” escuola materna “Limina”;- Recupero dell’ex Casello ferroviario Bernagallo e area antistante l’ex Stazione (PISL);- Recupero sito archeologico del Naniglio (PISL);- Completamento strada “Torre Elisabetta” e rete fognaria loc. Ponzo – VialeRimembranze;- Recupero “cisterna” Parco Archeologico del Naniglio (finanziamento regionale).Opere pubbliche finanziate e da realizzare dalla Provincia:- Parco Archeologico del Naniglio;- Liceo scientifico con annessa palestra;- Sistemazione idraulica Torrente Gallizzi e copertura stradale tratto Via A. Diaz –Palazzo Ierino’;- Completamento “Caserma forestale” in località Puccio.Per le necessità del paese sono state individuate una serie di altre opere ritenutenecessarie e strategiche per il suo ordinato sviluppo, per i quali punteremo sui varifinanziamenti europei, nazionali, regionali, provinciali e con la Cassa Depositi e Prestitiper la loro realizzazione nel corso della legislatura:- Condotta idrica che raccogliendo le acque dalle sorgenti esistenti sulle nostremontagne le convogli verso il serbatoio comunale;- Completamento pavimentazione centro storico.- Sistemazione strade provinciali verso le contrade.- Sistemazione strade comunali e intercomunali.- Sistemazione strade poderali.- Realizzazione di passaggi pedonali rialzati riduttori di velocità in tutti i punti critici(scuole, ASL, supermercati, ingressi in città, ecc.).- Costruzione Palazzetto dello sport per lo svolgimento di attività sportive (volley,pallacanestro, pallavolo, arti marziali, ecc.).- Area fieristica con mercato generale delle produzioni locali da realizzare nei pressidegli svincoli con box da fittare o vendere con vasta area parcheggi.- Sistemazione rete idrica con sostituzione dei tratti fatiscenti.- Completamento rete fognante con inserimento dei tratti mancanti.- Strada di accesso alla stele in località Prunia eretta in ricordo dei sei aviatoriabbattuti;- Acquisizione e recupero del Castello Medievale;- Recupero e valorizzazione della “Torre Elisabetta”.Relativamente alle opere per la sistemazione della rete fognante si attende l’imminenterealizzazione del nuovo depuratore intercomunale.CAPITOLO 8IL NUOVO ASSETTO URBANOVIABILITÀ, CIRCOLAZIONE E TRAFFICOAnche se il problema della viabilità non è dei più gravi è necessario eseguire interventiriguardo alle strutture viarie, alla regolamentazione del traffico ed ai comportamentiindividuali.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo20Questa lista civica ritiene che occorre:- puntare con priorità sulla copertura del torrente Gallizzi nel tratto scoperto a valle finoal ponte presso il supermercato. Ciò renderebbe agevole la circolazione e il parcheggiooltre ad essere un’opera opportuna per altri scopi come ampliamento del mercatodomenicale, area fieristica, ecc.- eliminare il semaforo presso l’incrocio Viale Rimembranze Nord, il semaforo presso iltrivio in località Madamalena ed il semaforo presso il Bar Aquila; ciò in accordo con lenormative europee, mediante la costruzione di punti di smistamento del traffico con ilsistema delle rotonde.- realizzare numerosi attraversamenti pedonali rialzati e colorati per aumentare lasicurezza dei pedoni obbligando gli automobilisti a rallentare; ciò in tutti i punti ritenuticritici e a rischio incidente, l’immagine del paese cambierebbe con questo tipo di opereche, oltre ad evitare incidenti, sono indice di civiltà.- promuovere il messaggio “frenare il traffico-muovere le persone”; la mobilità èunesigenza e una libertà fondamentale, occorre dare precedenza alla mobilità dellepersone a piedi, in bicicletta, sulla sedia a rotelle; occorre proteggere gli attraversamentie gli scivoli per i disabili.- progettare un piano per il traffico con variante domenicale a causa del mercato, tale daconsentire sicure e scorrevoli vie di fuga e di accesso.VERDE E ARREDO URBANOL’arredo urbano e il verde pubblico vanno considerati non come semplici riempitivi, macome complementi dell’assetto urbano in senso estetico e funzionale. Essi pertantovanno calibrati e distribuiti con il realistico intento di conferire al paese un immagine dimodernità e bellezza nelle zone di espansione e di conservazione nel centro storico.Le attuali aree verdi, zona Pretura, Cafia, S. Tecla, Limina, e altre di piccole dimensioni,dovranno essere fruibili da bimbi ed anziani, quindi mantenute pulite ed ordinate oltreche attrezzate a parchi giochi .Un ruolo determinante per raggiungere tale obiettivo sarà svolto dalle squadre e dallaCommissione Verde Pubblico nonché da sponsor che potranno usufruire in tal modo dipubblicità gratuita. Saranno aiutate soprattutto le associazioni ed i privati chestipuleranno o hanno già stipulato convenzioni con il Comune per la manutenzione delverde pubblico e dell’arredo urbano. Particolare attenzione sarà rivolta ai parchiattrezzati con giochi per bambini nelle contrade Limina e S. Tecla.CAPITOLO 9MANIFESTAZIONITra le Commissioni che saranno istituite vi sarà la “Commissione Manifestazioni”. Essasarà un organismo eterogeneo formato da un rappresentante per ogni associazione cheopera sul nostro territorio oltre che da un funzionario comunale addetto al ramo. L’exConsulta delle associazioni sarà assorbita da questa commissione.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo21Essa svolgerà un ruolo molto importante, infatti la sua principale finalità sarà laprogrammazione di tutte le manifestazioni pubbliche tradizionali, nonché di queglieventi e obiettivi che l’Amministrazione segnalerà nell’interesse della comunità.Essa pubblicherà ogni anno l’elenco generale della manifestazioni ricorrenti e deglieventi programmati, per i mesi estivi sarà elaborato un programma dettagliato conindicazione anche oraria degli stessi.A tali calendari sarà data ampia pubblicizzazione sul sito del Comune e sugli organi sia distampa locale e televisiva.La gestione delle singole manifestazioni sarà curata dalle associazioni presenti sulterritorio col supporto della Commissione al fine di garantire la buona riuscita deglieventi.CAPITOLO 10FESTIVITA’ RELIGIOSENon deve apparire strano che in un programma elettorale ci si occupi di festivitàreligiose e nello specifico delle feste patronali, in quanto riteniamo che sia compito diuna buona amministrazione favorire il recupero delle tradizioni religiose locali. GioiosaIonica è legata al suo Patrono S. Rocco da una devozione secolare.Il turismo religioso copre una discreta percentuale del comparto e la settimana di SanRocco deve essere introdotta nell’offerta turistica estiva dai tour-operetor.Si dovrà fare in modo che la festa di San Rocco, che ricorre appunto l’ultimasettimana di agosto, possa costituire l’evento principale dell’estate gioiosana.I punti programmatici relativi ai festeggiamenti civili si possono così schematizzare:1- L’evento dovrà avere inizio già da martedì e concludersi la domenica;2- Sarà predisposta un’ampia area ristorativa denominata “Area Ristorativa TradizionaleS. Rocco”, attrezzata per l’accoglienza dei pellegrini attraverso la cooperazione ed ilcoinvolgimento dei comuni della Vallata del Torbido.L’offerta culinaria non si dovrà fermare alle salsicce arrosto ma si dovranno proporretutte le pietanze tradizionali come: carni di maiale di “caddara”, “pasta di casa”, stoccoin tutte le sue varietà, soppressate, olive, dolci, melanzane ripiene, ecc. L’area dovràessere di dimensioni tali da consentire la presenza anche dei ristoratori locali e di quellidella Vallata del Torbido.3- Sarà predisposta anche un’area fieristica coperta denominata “Area Fieristica dellaVallata del Torbido”, in essa tutti i produttori agricoli, i commercianti, gli antiquari, gliartigiani, gli artisti, potranno esporre i loro prodotti contando per una settimana su unnotevole numero di visitatori.4- Da martedì inizieranno i festeggiamenti e saranno aperti con un gran ballo al suonodelle squadre dei “tamburinari”.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo22CAPITOLO 11CULTURAL’IMPEGNO CULTURALEdei prossimi cinque anni, si orienterà a sostenere, migliorare e potenziare le iniziativeculturali nei vari settori in modo tale che possano contribuire allo sviluppo del nostropaese, col chiaro indirizzo, da una parte verso il “turismo da itinerario”, visto come fontedi ricchezza culturale, sociale ed economica e, dall’altra, verso la disponibilità necessarianei confronti del mondo giovanile.A questo scopo ci siamo prefissati pochi ma semplici obiettivi:1 - istituire, come si è detto, la Commissione Cultura che si occuperà di organizzare ilsettore, stabilire degli indirizzi ed avviare una programmazione completa del settore.2 – attuare un “salotto letterario” permanente all’interno di Palazzo Amaduri che saràanche sede della Commissione Cultura.3 – inserire il nostro paese nella rete dell’offerta turistica nei circuiti provinciali eregionali, con l’obiettivo primario di dare visibilità e spazio alle nostre peculiarità,qualificando ulteriormente il nostro ambiente storico-culturale attraverso alcunielementi fondanti come il Centro Storico, il Castello medievale, la Villa Romana delNaniglio, ecc.4 - sostenere e regolamentare le visite per il pubblico al Castello, a Palazzo Amaduri edalla Villa Romana del Naniglio con modalità di gestione efficienti e rispettose dei luoghi.5 - creare un sito internet dedicato alla divulgazione delle attività culturali del paese.6 - ottimizzare la collaborazione tra scuole ed amministrazione attraverso latrasmissione di valori profusi dal senso civico, con appositi progetti educativi, qualevalore aggiunto a quanto previsto dai programmi scolastici.7 - rendere più efficienti gli sportelli Ufficio Europa e Informagiovani a Palazzo Amaduri,con l’obiettivo di fornire ai più giovani, agli studenti ed agli operatori e economici ingenerale, informazioni, bandi europei e altre notizie di comune interesse, per favorirel’inserimento nella vita sociale, professionale e culturale.Le politiche culturali dovranno concentrarsi sui servizi da destinare al pubblico come adesempio la biblioteca, che dovrà essere integrata nelle sue dotazioni informatiche emultimediali, attraverso la creazione di più postazioni per il collegamento degli utenti adinternet che rappresenta la rivoluzione vincente anche per le piccole realtà, più dellealtre lontane dalle novità. Per questo è fondamentale pubblicizzare e potenziare lastruttura sotto diversi profili ed in diverse sezioni tematiche, mediante l’aggiornamentocontinuo del sito internet del Comune.Si dovranno incentivare gli scrittori e giornalisti locali per la realizzazione dipubblicazioni relative al nostro territorio e di un eventuale periodico capace di suscitareinteresse nella comunità, come pure la catalogazione di tutte le opere d’arti presenti neivari siti pubblici e privati ed in particolare nelle chiese dove esiste un consistentepatrimonio.Si deve tendere verso una produzione della cultura e non ad un consumo di eventi fini ase stessi. La crescita del nostro Comune si ottiene anche con il sostegno al volontariato ealle varie e numerose associazioni presenti nel nostro Comune, composte di persone chenel campo sociale, sportivo, culturale e ricreativo rappresentano una colonna portantedella nostra comunità.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo23La vocazione al lavoro ed alla creatività, che ci ha fatto onore ovunque, è un valore chespetta ai nostri conterranei, adesso, con le numerose cittadinanze straniere che oggiabitano la nostra città, essere Gioiosani deve essere un vanto e bisogna creare lecondizioni per costruire insieme a loro una città più vivibile ed attenta a praticare queivalori forti come l’uguaglianza e la giustizia, servendo la comunità con obiettivi morali,civili e nel rispetto dell’ambiente, che sono tutti valori culturali poiché tendono a faracquisire comportamenti e atteggiamenti maturi e responsabili. Dobbiamo essere fieridella nostra identità collettiva, dunque la cittadinanza va chiamata a parteciparemaggiormente all’offerta culturale. L’amministrazione sarà impegnata a crearecollegamenti culturali tra i cittadini e l’amministrazione stessa. Ogni cittadino è chiamatoa impegnarsi nella vita culturale del proprio quartiere, ma più in generale nello sviluppoe nell’immagine della nostra città, non solo tramite i comitati di quartiere e i suoirappresentanti. (associazioni, comunità religiose, comitati di quartiere, operatori no-profit), garantendo comunque il buon livello qualitativo degli eventi culturali el’importanza degli stessi che possono generare cultura.L’azione amministrativa del nostro progetto culturale propone anche:- Mantenere le rassegne e le iniziative culturali esistenti.- Ampliare le iniziative della Biblioteca, il cui contenuto innovativo possa assumere lafunzione di volano per la crescita culturale della città.- promuovere la costituzione di un gruppo o di un’associazione “Amici della Biblioteca”,finalizzata al sostegno del servizio ed a un maggiore coinvolgimento dei cittadini,attraverso forme di collaborazione volontaria per un migliore funzionamento del serviziostesso, una sorta di “volontariato culturale” che entri nelle abitudini del cittadino.MANIFESTAZIONI CULTURALISi continueranno a promuovere nel corso dell’anno le rassegne teatrali e a valorizzare ilpatrimonio artistico del territorio, si cercherà di realizzare mostre varie di artisti locali enazionali. Questo consentirà anche di far conoscere Gioiosa e le sue bellezze ad unpubblico sempre più vasto e ad inserire il nostro paese in un circuito turistico avanzato.La Commissione Manifestazioni, le Associazioni culturali e la Pro-Loco in particolare,continueranno ad essere interlocutori privilegiati nella programmazione e realizzazionedei maggiori eventi pubblici promossi dall’Amministrazione Comunale e dallaCommissione Cultura.I BENI CULTURALIParticolare attenzione sarà rivolta ai Beni Culturali ed in particolare al Centro Storico coni suoi antichi palazzi, al Castello Medievale, alla Villa Romana del Naniglio ed allenumerose ed artistiche Chiese disseminate nel centro e nelle contrade.Si tenterà di rivitalizzare il Centro Storico stimolando i residenti a riattivare gli immobiliabbandonati attraverso sgravi sulle imposte e tasse comunali. Si individueranno tutte learti e i mestieri che anticamente venivano praticati nel centro storico e si proporrà aidisoccupati del settore giovanile l’apertura di queste o altre attività ad “impostacomunale zero” (acqua, spazzatura, ecc.).Molte delle Commissioni che si andranno ad istituire avranno la loro sede nel PalazzoAmaduri, i più importanti eventi durante il corso dell’anno saranno svolti tra Castello,Palazzo Amaduri, Centro Storico, Villa Romana del Naniglio e nelle piazze del centro.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo24Al fine di evitare l’abbandono degli abitati nel centro storico sarà opportuno creare deglislarghi in prossimità di vecchi edifici abbandonati e crollati e permettere così il passaggioed il parcheggio di piccole vetture.Relativamente alla Villa Romana del Naniglio, l’impegno della nuova amministrazionesarà profuso da subito affinché la Provincia appalti nel più breve tempo possibile i lavoriper rendere fruibile il Parco Archeologico. Allo stato il bando è presso la SUAP di ReggioCalabria, motivo per cui riteniamo che dopo una lunghissima attesa di molti annil’ingente finanziamento consentirà di poter aprire il Parco ai visitatori con una evidentericaduta in termini culturali ed economici.L’iter è stato lungo e laborioso, ma l’impegno e la sinergia della Soprintendenza ai BeniCulturali di Reggio Calabria e della Provincia in questa vicenda ha prodotto risultatipositivi, tanto che hanno portato a termine prima la fase progettuale molto complessaed articolata e poi l’iter amministrativo dell’appalto.Al termine dei lavori sarà stipulata una convenzione tra Comune, Provincia eSoprintendenza per la gestione del Parco Archeologico che con molta probabilità saràaffidato ad una cooperativa culturale di giovani che si occuperà della gestione,dell’accoglienza turistica, così come è già avvenuto per altri monumenti nell’ambitoprovinciale.CAPITOLO 12SCUOLALa scuola rappresenta un impegno prioritario per qualsiasi Amministrazione Comunale,che per tale ragione deve interagire in maniera continua nel tempo con le autoritàscolastiche nel territorio, con gli operatori, con le famiglie degli alunni e non ultimo congli alunni stessi che sono i fruitori del servizio. Questo allo scopo di collaborare con tuttele parti interessate per poter contribuire a fornire e progettare prestazioni sempremigliorative.La situazione degli edifici del nostro comune è caratterizzata da alcune criticità anche senel loro complesso in buone condizioni, in particolare si possono così riassumere:1) arredi scolastici in parte inadeguati dal punto di vista ergonomico, per cui l’azioneamministrativa sarà orientata verso una maggiore attenzione e risorse per la lorosostituzione, mentre gli alunni, da parte loro, dovranno rendersi responsabili del lorobuon uso degli stessi.2) normative sulla sicurezza e sulle barriere architettoniche non sufficientementerispettate. Sarà quindi necessario mettere a norma gli edifici che non lo sono, rendendogli stessi conformi alle normative sul risparmio energetico.La Commissione Scuole dovrà fare una completa ricognizione di tutte le strutture, degliarredi e delle attrezzature, attraverso un’ attento studio di tutto il comparto, con unarelazione finale sulle criticità individuate e fornendo motivate indicazioni sulle soluzionee sugli interventi da effettuare .Per l’importanza che la scuola occupa nella nostra società diviene un punto prioritarionel nostro programma il reperimento dei fondi necessari per l’esecuzione delle opere edegli arredi che si renderanno necessari.La squadra dei Tecnici e dei Legali dovranno adoperarsi nella ricerca di finanziamenti adogni livello.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo25Si cercherà di rendere disponibili gli spazi scolastici anche oltre lorario delle lezioni alfine di svolgere attività sociali e ricreative. Il tempo scuola aggiuntivo potrà così essereimpiegato per attività integrative tipo studio assistito, corsi di formazione einformazione sui temi dellalimentazione, dellambiente, della salute in generale, ecc.CAPITOLO 13ECOLOGIA ED AMBIENTEL ambiente è lunica vera eredità che lasciamo ai nostri figli. In tema di politicheambientali siamo convinti che l’obiettivo principale sarà quello di continuare amigliorare la qualità della nostra città, per migliorare la qualità della vita di ciascuno. Ilnostro non sarà un approccio ideologico, ma consapevole, convinti che “non c’è svilupposenza un ambiente sostenibile”.A tal fine riteniamo che è fondamentale l’attività di controllo e monitoraggio, inparticolare della qualità dell’aria, dell’acqua, del suolo e dei rifiuti.Un’adeguata attenzione sarà rivolta alle modalità di conferimento e raccolta dei rifiuti,sarà avviato il sistema di raccolta differenziata organizzando campagne disensibilizzazione per i cittadini attraverso il supporto dei Vigilantes. Sarà creata l’isolaecologica comunale attrezzata con i containers. Così facendo, si potrà ridurre il costodello smaltimento a favore dei cittadini. Si confida perciò nella collaborazione e nelbuonsenso di tutti i cittadini, permettendo un severo e costante controllo su tutto ilterritorio e garantendo così un maggiore rispetto verso l’ambiente.In merito al verde pubblico promuoveremo le aree verdi di quartiere per agevolare lafruizione da parte di tutti i cittadini e, in particolare dei bambini e dei ragazzi.Significativo per questo settore sarà la possibilità di ricercare accordi con enti privati alfine di creare corridoi, cosiddetti “verdi” e “piantumati”, attorno al nostro paese.L’Amministrazione Comunale in tale settore pensa di:- istituire la Commissione Ambiente composta da esperti e associazioni ambientali;- di valutare con il supporto di tecnici del settore e della suddetta CommissioneAmbiente, la possibilità di sfruttare adeguatamente le opportunità fornite dalle energiealternative, in particolare fotovoltaico minore;- di organizzare e favorire la raccolta differenziata dei rifiuti su tutto il territoriocomunale;- di mantenere puliti ed incrementare gli spazi verdi che insistono nel territoriocomunale.- di avviare ogni iniziativa utile per valorizzare le aree collinari e montane con i lorostupendi scorci paesaggistici;- di programmare le iniziative volte ad evitare gli incendi nei mesi estivi collaborando conle associazioni, con le autorità di protezione civile e le autorità forestali;- di assegnare lotti di terreno montano di proprietà comunale per uso agricolo conobbligo di mantenimento del verde esistente.- di verificare la possibilità di installazione di reti wireless.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo26CAPITOLO 14SPORTE’ nostra intenzione impegnarci al fine di ottenere i mezzi per intraprendere l’opera dimanutenzione straordinaria di tutti gli impianti sportivi.Lo sport e l’attività fisica in senso generale non possono certo allungare la vita dellepersone, ma sicuramente le aiutano a vivere meglio. Dunque, lo Sport oltre che unottimo modo di occupare il tempo libero è anche salute. La possibilità di effettuare unasana attività sportiva in un contesto ambientale sano è fortemente condizionata dallascarsa disponibilità di impianti sportivi, di attrezzature e di tutto quanto può servire perdare alla nostra popolazione la possibilità di svolgere tale attività unitamente a quellaludica con pieno gradimento e nella massima sicurezza e relax.Dalle considerazioni sopra esposte è evidente che l’Amministrazione Comunale deveprovvedere a soddisfare tali esigenze ed in considerazione di ciò, si riassumel’intervento previsto nei seguenti punti programmatici:1) ristrutturazione delle strutture già esistenti con ammodernamento delle stesse, taleoperazione dove possibile sarà affidata a privati cittadini o società e associazioni cheavrebbero poi in gestione l’area sportiva in questione, dietro lo scomputo sul canone dilocazione delle somme investite.3) realizzazione nell’ambito del territorio comunale di un campo per la pratica del tirocon l’arco, secondo le indicazioni della federazione nazionale di tale sport, per ampliarela scelta delle attività sportive praticabili e andare incontro alle esigenze di un certonumero di praticanti locali e dei paesi viciniori.4) realizzazione di percorsi ciclabili e podistici che insistano sul territorio fra le contradeed in minor misura nella stessa area urbana, debitamente segnalati da strisce di variocolore e da cartelli, in relazione alla tipologia ed alla difficoltà del percorso stesso, a curadell’amministrazione comunale e da mettere a disposizione dell’intera popolazione.CAPITOLO 15SICUREZZA, LEGALITA’ E TRASPARENZAE’ obiettivo primario dell’Amministrazione Comunale proseguire e potenziare le misureatte a garantire la sicurezza dei cittadini nel territorio comunale.Tale obiettivo verrà realizzato attraverso l’installazione di sistemi di video-sorveglianzain alcuni punti particolarmente sensibili come asili nido, scuole, piazze, uffici pubblici,comune, posta, ASL, ecc..Cercheremo di creare tutte le condizioni affinché i cittadini si sentano tutelati e sicuri,affiancando alle politiche preventive e di controllo del territorio, politiche di facilitazionealla convivenza e di educazione al senso civico con il rispetto delle regole.La sicurezza è tutela dei diritti dei cittadini ed in particolare delle fasce deboli dellanostra società, per cui è necessario raggiungere uno standard di realtà urbana che
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo27riconosca le esigenze delle donne, dei disabili, dei bambini, degli anziani e degliemarginati.In questa ottica proponiamo:Miglioramento dellilluminazione pubblica, utilizzando lampade a basso consumoenergetico (o a Led) in quelle aree oggi scarsamente illuminate e poco frequentate.Contestualmente si cercherà di far rivivere quelle zone, per esempio favorendone leattività commerciali o culturali.In collaborazione con la Direzione Didattica e la Squadra Anziani si avvierà l’opera disorveglianza a favore degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado.Daremo attuazione alle procedure di controllo interno degli atti con organismi esterni edal “piano anticorruzione”, come pure incaricheremo una specifica commissioneconsiliare della vigilanza sulla trasparenza degli atti di giunta e di determinazionidirigenziali.Daremo la possibilità di seguire via internet lo svolgimento di tutti i consigli comunali,anche in differita, sul sito web del Comune.Garantiremo chiarezza e accessibilità delle gare di appalto e delle assegnazioni di lavoripubblici;Valorizzeremo e ristabiliremo il ruolo della polizia Municipale con continuomiglioramento della professionalità specifica. Ai nostri vigili va restituito il ruolo dipresenza rassicurante nella quotidianità dei cittadini.CAPITOLO 16CIMITEROLa situazione cimiteriale è alquanto complessa e foriera di evidenti criticità che vengonoda molto lontano e che comunque occorre definire nonostante le ristrettezze finanziariedi questi tempi.E’ noto a tutti che da oltre trenta anni il Cimitero è privo del custode e che la situazionedel bilancio comunale non ha consentito e non consente tutt’ora di assumere tale figura,ritenuta indispensabile per una normale gestione dei servizi nel loro complesso.L’unico sbocco possibile è quello di esternalizzare i servizi di : custodia, realizzazionetombe e manufatti, potatura degli alberi e pulizia, attraverso un bando già redatto le cuiprocedure sono state attivate presso la SUAP di Reggio Calabria, motivo per cuinell’arco di qualche mese si procederà all’assegnazione alla ditta aggiudicataria cheprovvederà ad espletare la gestione che comunque rimane sotto il controllo e l’indirizzodell’amministrazione comunale.Il nostro cimitero è un’enorme struttura che occorre regolamentare meglio anche conl’ausilio della costituenda Commissione Cimitero che dovrà occuparsi di raggiungerealcuni obiettivi perfarlo diventare un luogo dignitoso per i nostri defunti e per tutti i cittadini chegiornalmente si recano a pregare sulle tombe dei loro cari.L’impegno sarà prioritario per assicurare nel più breve tempo possibile risultati visibili,attraverso la realizzazione dei seguenti interventi:-Completamento dei lavori per la costruzione dei loculi in atto e rivestimento in marmodei muri perimetrali nella zona di ingresso;-Pulizia generale e costante di tutta l’area cimiteriale;
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo28-Inserimento di verde fiorito e piante ornamentali a cura di sponsor, cittadini ed aziendevivaistiche locali;-Realizzazione lungo i viali principali e secondari di strutture reticolari a sostegno dellepiante ombreggianti;-Collocazione di numerose fontanine;-Realizzazione di adeguati bagni pubblici;-Ampliamento del Cimitero sul lato campo sportivo utilizzando le somme già disponibilie non ancora utilizzate;-Risoluzione problema lampade votive sulle tombe;-Collocamento sul fabbricato centrale esistente di un impianto fotovoltaico perabbattere il costo dell’energia utilizzata nella struttura cimiteriale;-Ristrutturazione del’obitorio adibito a servizi e sosta delle salme;-Ristrutturazione chiesa, cappelle e tombe abbandonate e monumentali;-Adeguata copertura del tetto e grondaie sui vecchi loculi posti lungo il muroperimetrale copertura;-Ristrutturazione dell’ossario principale.Con gli interventi già in atto e con quelli che si ritiene di realizzare nel corso della nuovalegislatura, contando di reperire le risorse necessarie, il cimitero diverrà quel luogo sacroal quale tutti i cittadini sono legati nel ricordo dei propri defunti.CAPITOLO 17POLITICA ENERGETICAPosto che la miglior fonte di energia è la riduzione degli sprechi si attuerà unaprogressiva riduzione dei consumi di energia e degli usi inefficienti di essa. Per ottenerequesti risultati riteniamo che sia necessario creare una Commissione Energia o un ufficioapposito (eco-sportello) gestito da cittadini esperti in materia, con lo scopo di fornireinformazioni sulle tecniche di isolamento per abbattere i consumi e sulla produzione dienergia elettrica autonoma.L’Amministrazione istituirà specifici corsi di aggiornamento destinati agli operatorielettrici e delledilizia al fine di diffondere le migliori tecnologie volte al risparmioenergetico e favorire la nascita di associazioni di professionisti nel settore.La Commissione Energia provvederà per ogni immobile di proprietà comunale a redigereun apposito documento preventivo attestante tutte le dispersioni energetiche presentinelledificio per migliorarne lefficienza, verificando altresì se il singolo immobilenecessita di opere di restauro o manutenzione.Ci si impegnerà per giungere alla progettazione e posa in opera di impianti fotovoltaicisu tutti gli edifici comunali, ancora sprovvisti.Si cercherà di creare la copertura Wireless nel centro storico e nella periferia grazie alsostegno di negozi, banche e associazioni di categoria, attraverso la creazione di unproprio marchio “Gioiosa Wireless”.I locali pubblici Bar, pizzerie, ristoranti ed alberghi potrebbero offrire il collegamentogratuito a Internet ed essere inseriti nel circuito, facendosi pubblicità anche tramite ipropri banner.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo29Banche e associazioni commerciali potrebbero “adottare”, su richiestadell’amministrazione una piazza o un punto wi-fi. Questo significherebbe toglieredall’isolamento chi in questo periodo di crisi non può permettersi un collegamentocostante a ciò che succede nel mondo, specialmente i giovani e gli immigrati.CAPITOLO 18POLITICHE SOCIALIFAMIGLIALa famiglia è cellula fondamentale per la società. Partendo da questo principio,l’Amministrazione si impegna ad ampliare e consolidare molte iniziative volte al suosostegno, in particolare per le giovani coppie che decideranno di stabilirsi nel nostropaese, si attuerà politiche di sostegno attraverso forme di agevolazione sulle imposte etasse comunali.Altre proposte importanti di sostegno al nucleo familiare di possibile attuazione sarannoquelle di:- iniziative per facilitare laccesso a punti di sostegno ed ascolto per famiglie in difficoltàsoprattutto nelleducazione e nella crescita dei figli;- l’istituzione di un servizio gratuito di Mediazione Familiare in caso di separazioneconflittuale ed in presenza di minori;- la promozione di un piano di supporto mirato alle famiglie che assistono malati;- le agevolare per laccesso alledilizia pubblica e privata per le giovani coppie.PRIMA INFANZIAProposta a sostegno dellinfanzia:Il "Progetto Nonni" che verrà sviluppato dall’amministrazione ed inserito in un appositoRegolamento per costituire un supporto da parte di anziani volontari, che avranno lapossibilità ed il tempo di prendersi cura dei bambini, favorendo in questo modo unoscambio generazionale e un sostegno concreto alla prima infanzia, nelle scuole materneed elementari.SERVIZI SOCIALILe nostre priorità e gli obiettivi da perseguire riguardano in primis il settoredell’assistenza verso tutti coloro che vivono una situazione di disagio, per questosaranno intensificati e migliorati gli attuali servizi sociali, quali l’assistenza domiciliare, iltelesoccorso, il trasporto anziani, il servizio civile e lo sportello immigrati.Occorre sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica riguardo il problema del sociale,coinvolgendola il più possibile assieme a tutte le associazioni di volontariato cheoperano sul nostro territorio.Si cercherà di abbattere le barriere architettoniche nei punti del paese dove ancorasussistono, col ripristino degli scivoli ove si siano danneggiati.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo30Si porrà maggiore attenzione nei confronti degli immigrati attraverso il costantemonitorando dell’Assessorato ai Servizi Sociali delle criticità esistenti e si avvia eranoappositi progetti volti a favorire una completa integrazione degli stessi.La sanità ed i servizi sociali rappresentano due punti programmatici essenziali nelcompimento dell’azione amministrativa, che sarà orientata alla massima attenzione sulleesigenze esistenziali per le fasce di popolazione minoritarie ed in evidente difficoltà. Lenostre attenzioni verso queste esigenze spesso drammatiche e la disponibilità più totaleverso questi cittadini poco fortunati, qualificano il grado di civiltà di una popolazione.GIOVANII giovani devono diventare il punto di riferimento sociale della nostra comunità, perquesto l’obiettivo dell’Amministrazione è quello di coinvolgerli sempre più attivamentenel circuito degli organismi di cui si è detto e cioè Commissioni, Vigilantes e Squadre diMutuo Soccorso, responsabilizzandoli e rendendoli partecipi delle scelte che si dovrannoaffrontare.Nel nostro territorio sono già attive varie strutture, che rispondono ai bisogni legati aquesto tipo di utenza, ad esempio la palestra e gli impianti sportivi, che affiancate allarete delle strutture scolastiche, favoriscono l’aggregazione, sia in contesti istituzionaliche spontanei.Il nostro obiettivo è quello di accrescere le forme di socializzazione volte a contrastarepossibili devianze, che altrimenti rischierebbero di sfociare in situazioni preoccupanti edifficilmente governabili. Questo riteniamo che sarà possibile anche attraverso ilvolontariato, che già nella nostra realtà ha messo in campo attività ricreative, destinatea colmare il distacco generazionale proponendo materiale, offrendo collaborazione espunti di riflessione sull’importanza dei legami con il territorio e le sue tradizioni.Le scelte effettuate nel comporre il nostro attuale gruppo di lavoro, come nello stabilirele linee guida dei progetti per il prossimo mandato, si basano in modo evidente su uncomune intento, quello di capire i giovani, conoscere le loro aspettative, ascoltare le loroproposte e svilupparne le loro enormi potenzialità culturali e lavorative. Solamente così igiovani potranno identificarsi ed integrarsi nel segno di un proficuo “senso diappartenenza” nella loro comunità, partecipando alla vita pubblica a sostegno delleistanze di cambiamento in un confronto dialetto teso ad affermare valori ed iniziativerispondenti alle loro esigenze politiche, sociali ed economiche in grado di assicurare unfuturo migliore del presente.Il problema dei “giovani disoccupati”, è a loro, ai giovani che aspettano da sempre unasoluzione al problema occupazionale, che rivolgeremo impegno particolare; è a loro chenoi intendiamo dedicare la maggior parte del nostro tempo, dei nostri sforzi e dellenostre risorse, dovremo mettere a disposizione dei giovani non solo le nostreintelligenze e la nostra fantasia propositiva ma, anche e soprattutto il nostro cuore e lenostre energie.ANZIANIGli anziani rappresentano una risorsa per la nostra società, perché sono la nostramemoria storica, ci ricordano e ci vanno rivivere le nostre tradizioni e la loro esperienza.Purtroppo il nostro tempo registra un progressivo distacco tra gli anziani e i giovani inmodo tale che diventa sempre più difficile la comunicazione e lo scambio di conoscenzee cultura, nello stesso tempo una società sempre meno attenta alle esigenze di questefasce di età tende con modalità differenti ad emarginare gli uni e gli altri.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo31È importante individuare nell’anziano una risorsa e non un peso, e far sì chel’indifferenza nei suoi confronti non diventi causa di emarginazione sociale. Per questolavoreremo con costanza perché il problema della solitudine e del decadimento fisico siareso meno faticoso e perché l’anziano possa sentirsi più protetto.Gli anziani sperano in una vecchiaia salubre e di poter continuare ad essere utili in mododa poter riempire il loro tempo.In quest ottica faremo tutto il possibile per attivare iniziative tese:- alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare e nel territoriosociale;- al sostegno alle associazioni che operano nel campo dellassistenza ed aiuto neiconfronti di queste persone;- alla redazione di un progetto “carta d’argento” con una serie di facilitazioni edagevolazioni per gli anziani;- alla realizzazione di un Circolo per Anziani con spazi all’aperto attrezzati per lo svago econfortevoli spazi interni;- all’utilizzo degli anziani volontari nelle più svariate mansioni da loro scelte;- istituzione di una “casa di riposo” per anziani, intesa come luogo dove poter anchevalorizzare l’immenso patrimonio di conoscenza che le persone anziane custodiscono,fatto di storia, di esperienze di vita e di consigli. Questo luogo permetterà agli stessi lapartecipazione alla vita sociale in termini di cultura, informazione e gestione del tempolibero.PERSONE DIVERSAMENTE ABILINel tracciare le linee guida della prossima legislatura abbiamo ritenute volgere il nostrosguardo soprattutto sulle persone meno fortunate che hanno più bisogno di altri diattenzioni ed iniziative che possano alleviare le loro condizioni di vita. Per loro sarannoattivate precise proposte operative quali:- la ricerca continua e costante di risorse finanziarie per sostenere le associazionipresenti nel Comune al servizio dei disabili;- l’eliminazione delle barriere architettoniche ancora esistenti e la verificadellaccessibilità negli uffici e locali pubblici;- l’intensificazioni dei passaggi e dei parcheggi riservati a queste categorie;- il potenziamento degli interventi di assistenza domiciliare;- l’aumento di aiuti alle famiglie bisognose con persone disabili;- le convenzioni con palestre e centri riabilitativi per il supporto durante tutto lanno econ associazioni di sostegno.IMMIGRAZIONELimmigrazione è uno dei fenomeni più rilevanti degli ultimi anni, destinato a modificareil territorio, la struttura dei servizi, lorganizzazione del mondo del lavoro, le politichedella casa. Considerando che nel nostro Paese cè una pericolosa tendenza a creare unasocietà di serie A e una di serie B, che noi non intendiamo favorire, anzi contrastare, peruna semplice ma essenziale questione di civiltà, per cui ci attiveremo per:- promuovere iniziative di monitoraggio e assistenza per le vittime delle discriminazioni edi situazioni di violenza o di grave sfruttamento;- garantire la piena uguaglianza civile e giuridica agli immigrati regolari;- tutelare il loro diritto allassistenza sociale, sanitaria e abitativa e un pieno sostegnoalla loro formazione professionale;
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo32- garantire il pieno acceso ai pubblici servizi grazie anche all aiuto di mediatori culturali elinguistici;L’extracomunitario che deciderà di stabilirsi nel nostro paese dovrà essere in grado diintegrarsi con la realtà locale e provvedere al mantenimento del proprio nucleofamiliare. L’Amministrazione promuoverà l’inserimento di quei cittadini che, provenientida altri paesi, intendano lavorare e crescere nel nostro territorio nel rispetto delle leggi edei regolamenti vigenti.Verranno proposti vari corsi di lingua italiana rivolti anche alle donne e alle fasce socialipiù deboli.Parallelamente si eserciterà una costante vigilanza sulla regolarità dei permessi disoggiorno e sulla reale vigenza dei contratti di lavoro. Per ogni irregolarità riscontrata siprocederà a norma di legge.CAPITOLO 19SANITA’Nell’ambito del comparto sanitario l’azione di un’amministrazione comunale non può enon deve essere svincolata da quella svolta in un alveo più ampio, che è quellorappresentato dai comuni appartenenti al nostro distretto, a sua volta inserito in unambito ancora più ampio che è quello rappresentato dall’autorità regionale, cheregolamenta l’attività sanitaria tramite le ASL e stabilisce, in base alle esigenze locali, iservizi da erogare.Tutto ciò non impedisce comunque all’Amministrazione di intervenire direttamente sualcuni servizi, che possono essere erogati grazie alla collaborazione ed all’appoggio dellastessa con le numerose associazioni di volontariato che già operano nell’ambito delnostro territorio comunale.Partecipazione di tutti gli operatori sanitari (medici, paramedici, volontariato) allaCommissione Sanitaria che sarà istituita al fine della individuazione delle problematichee criticità esistenti nel territorio ed alla loro risoluzione condivisa.Tutta la programmazione degli obiettivi di salute e dei servizi per i cittadini dovràadeguarsi ed essere pianificata secondo le esigenze attuali della popolazione residente.Acquisizione e pubblicazione delle statistiche delle cause di mortalità nella città degliultimi 50 anni, e creazione di un percorso per poter avere tempestivamente tali dati peril futuro, così da poter individuare ed isolare i pericoli per la popolazione.Programma di educazione sanitaria rivolto alla popolazione e alle scuole riguardanteluso corretto dei farmaci, loro benefici e rischi.Concertare con gli operatori sanitari le politiche di prevenzione.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo33CAPITOLO 20TUTELA DEGLI ANIMALIPer i componenti la nostra lista civica, ogni animale ha diritto allesistenza, al rispetto ealla protezione.Seguendo questo principio, proponiamo:- il sostegno alle azioni intraprese e da intraprendere dall’associazione A.I.V.A. che ha giàrealizzato un rifugio in località S. Domenica denominato L’Oasi di Stefania;- il progetto di sostegno “un cane per amico” a tutti gli altri rifugi diffusi nel territorio davolontari e relativi controlli dei requisiti previsti dalla legge;- l’affidamento dei cani randagi abbandonati alle strutture locali in grado di tutelare almeglio gli animali, con evidenti ricadute occupazionali;-Affidamento dei randagi da mandare in canile ai privati che facciano richiesta diadozione. A tutti coloro che adotteranno un cane sarà concesso un premio in denaroproporzionato alla spesa che il Comune avrebbe dovuto sostenere presso il canile. Unaprima parte del premio sarà concessa subito e il resto a distanza di un anno previocontrollo della effettiva cura dell’animale.-Prevenzione del randagismo di cani e gatti. La prevenzione non deve però avveniretramite una politica di repressione e di cattura degli animali ma istituendo un servizio disterilizzazione gratuita estesa anche agli animali domestici.CAPITOLO 21PROTEZIONE CIVILESarà costituita la Commissione Protezione Civile, che opererà in conformità a quantoprevisto dalla normativa nazionale e regionale.L’Amministrazione avvierà attività di formazione alle squadre di volontari, specifiche perogni tipologia di intervento sul territorio e nell’interesse della comunità, in modo dafavorire anche l’integrazione tra i gruppi della Protezione Civile dei comuni limitrofi.Saranno attivate le procedure per reperire i finanziamenti necessari per l’acquisto diattrezzature al fine di migliorare ulteriormente l’efficienza e l’efficacia operativa delgruppo comunale.La Commissione Protezione Civile attraverso i Vigilantes si occuperà di diffondere il“Piano di Emergenza Comunale” tra i cittadini e nelle scuole in particolare e,annualmente saranno eseguite delle esercitazioni per valutare lo stato della formazioneconseguita.Le procedure saranno elaborate in attuazione del D. Lgs. 626/94 e del DM 10.3.1998 esaranno identificate le figure necessarie ad individuare le misure tecniche organizzativedi tipo preventivo, nonché diffuse le modalità di attuazione delle varie procedure diintervento e i compiti affidati a ciascuna figura.Tale “piano di emergenza”, non sarà altro che uno strumento per dare una tempistica aisoccorsi in caso di sisma, alluvioni o altri eventi imprevedibili e conterrà le iniziative dicoordinamento organizzato specialmente per i cittadini residenti nel centro storico dovel’accesso si presenta già difficoltoso in normali condizioni.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo34L’idea è quella di costituire diverse squadre di emergenza, ognuna di esse composta daalmeno cinque persone per ogni quartiere, in modo tale che durante eventuali calamità,possano interagire con la popolazione del quartiere e rappresentare alle figuredesignate i problemi e le necessità della loro area.CAPITOLO 22GLI UFFICI COMUNALI E I RAPPORTI CON IL PUBBLICOLa lista si propone di snellire i tempi e le procedure del sistema burocratico perqualificarlo come efficace e realmente di supporto alle esigenze individuali, familiari eoperative dei cittadini.Occorre una precisa conoscenza degli adempimenti di legge da parte di tutti gli impiegaticomunali e si dovrà puntare molto sulla loro formazione.Percorsi burocratici snelli e rapidità di risposta sono fattori di modernità ed elementi disostegno reale per tutte le esigenze dei cittadini, sia nel quadro individuale e familiareche nello sviluppo delle attività di lavoro.Sono, pertanto, indispensabili le condizioni tecnico-operative e l’atmosfera umana, permettere tutti gli utenti a loro agio, eliminando l’idea che il passaggio attraversol’Amministrazione Comunale sia un grosso ostacolo.In questo modo si favorirà la sensazione di trovarsi a contatto con un efficiente esensibile strumento di ausilio.Gli sportelli degli uffici saranno aperti al pubblico tutti i giorni con orariocoincidente con l’orario di apertura e di chiusura degli stessi.Importanza particolare va attribuita alla trasparenza gestionale oltre che allatempestività informativa, mediante apposite procedure di controlli interni previste dallenormative in vigore, come pure l’attuazione del “piano anticorruzione” a cui gli entilocali sono tenuti ad uniformarsi.Per far funzionare meglio l’apparato comunale è necessario mettere il personaledipendente nelle migliori condizioni ambientali ed economiche possibili, dotandoli ditutte le attrezzature informatiche e quant’altro necessario per poter espletare il lorolavoro, in un clima di reciproca fiducia con gli amministratori.Il personale del nostro Comune è composto da persone di elevata esperienza e capacitàprofessionali che fa il proprio dovere fino in fondo, in particolare i dirigenti che svolgonocompiti di grande responsabilità, molto spesso ed a torto sottovalutati ed additatinell’opinione pubblica, i quali, devono invece essere lasciati operare in piena autonomiagestionale così come previsto dalle norme in vigore, perché solo così possono dare ilmeglio di se stessi.Anche i collaboratori LPU e LSU svolgono compii essenziali per l’ente e per i cittadini,senza dei quali, molti servizi non potrebbero essere erogati, noi ci impegneremo in tuttele direzioni possibili affinché tutti possano essere stabilizzati per dare sicurezza alle lorofamiglie, uscendo da una situazione precaria che non meritano e che dura da lunghianni. Contiamo nel corso della legislatura di poter scrivere la parola fine ad un’annosa eper certi versi assurda vicenda che li ha segnati in modo negativo e poco dignitoso datroppo tempo.
  • LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO” Programma politico-amministrativo35In un rinnovato clima di rispetto reciproco e di serenità, confidiamo nell’impegno chec’è sempre stato di tutto il personale per eliminare quelle criticità che ancora persistononel loro interesse e soprattutto in quello dei cittadini tutti.A tal fine riteniamo necessario:- porre gli uffici per il pubblico nelle condizioni di fornire con immediatezza e precisionetutte le notizie sulle procedure e sugli adempimenti relativi alle varie richieste;- distribuire alle famiglie e ai Vigilantes di quartiere un “vademecum”, che riporti leprocedure e gli adempimenti di cui sopra, nonché informazioni su attività e servizi divario interesse per la cittadinanza;- conferire agli uffici che svolgono funzioni tecniche capacità organizzative e strumentali,affinché possano dare risposte più aderenti alle esigenze ed in tempi più adeguati;- attivare un numero telefonico verde per le richieste di informazioni e di documenti.I futuri amministratori della nostra Lista sono pronti ed impegnati a promuovere amigliorare la “macchina comunale” rendendola un’azienda snella, in grado di assicurareai cittadini servizi sempre più efficienti, ma soprattutto capaci di migliorare lo standarddi vita di quanti, giovani e meno giovani, amano abitare e vivere il nostro paese.CAPITOLO 23CONCLUSIONIQuesto programma non deve essere considerato un libro dei sogni, la sua fattibilità èsubordinata ad una stretta collaborazione fra le varie componenti dell’Amministrazione,degli enti pubblici ed istituzionali e dagli stessi cittadini organizzati secondo gli organismidi cui si è detto e cioè Town Meeting, Squadre di Mutuo Soccorso, Commissioni eVigilantes.Per la prima volta saranno i cittadini i veri protagonisti della politica locale e sarannoloro gli attori del prossimo quinquennio amministrativo.Le linee programmatiche esposte che questa lista civica è convinta di poter attuare,permetteranno a Gioiosa, nonostante la grave fase congiunturale in atto, di poterprogredire in ogni settore della vita sociale, economica e culturale, facendola acquisire laconfigurazione di una cittadina più moderna, laboriosa e progredita, proiettata ariconquistare il ruolo di prestigio che fu nell’ambito della Vallata del Torbido e sull’interoterritorio provinciale.Appare evidente, dalla sua lettura ed analisi, che molti punti potranno essere sviluppatie risolti nel breve periodo, altri nel medio e per i restanti potrebbe essere necessario unperiodo più lungo e comunque nell’arco della legislatura.Ciò non toglie che come per tutti i progetti di ampio respiro è indispensabile tracciare lelinee generali di intervento e dare un inizio agli stessi, confidando nell’ottimismo e nellecapacità di una struttura organizzata e professionalmente preparata qual è la nostraLista Civica, composta da cittadini pensanti, tutti motivati e ben consapevoli cheamministrare un Comune è un compito sicuramente difficile, ma i sacrifici si fanno perun nobile fine “il bene della propria comunità”.LISTA CIVICA “PATTO CITTADINO”