Your SlideShare is downloading. ×
Presentazione scuola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Presentazione scuola

97
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
97
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Capire non giudicare Catanzaro
  • 2. Presentazione L’idea della “Scuola di politica” nasce dalla necessita di ovviare alla approssimazione con cui si parla di politica ai nostri giorni. Chi amministra le Istituzioni dovrebbe conoscere perfettamente quelli che sono i meccanismi che regolano i rapporti tra le persone e quali sono le conseguenze, positive o negative, provocate da una scelta. Non vogliamo entrare nel merito delle scelte indicando quale, secondo ciascuno di noi, possa essere la scelta migliore. Siamo del convincimento che non esiste una “scelta migliore” , ma semplicemente quella che più si avvicina al soddisfacimento dei bisogni dei singoli. La somma delle scelte consapevoli dei singoli fa trovare la soluzione migliore. E’ proprio sulla parola “CONSAPEVOLE” che questa iniziativa vuole dare il suo contributo! Non è tollerabile infatti che una persona di destra non sappia cosa sia una tassa patrimoniale e una persona di sinistra non sappia cosa siano i trasferimenti dello stato (pensioni e incentivi). E’ inconcepibile che la maggioranza della popolazione consideri solo due sistemi politici : Liberalismo e Collettivismo. Alla fine del corso non vogliamo avere dei laureati in scienze politiche ma persone Libere capaci di valutare, col dovuto senso critico, le scelte che fanno o che vengono fatte sulle loro spalle.
  • 3. PROGRAMMA DEI CORSII sistemi di amministrazione della collettività Concetto di Stato e concetto di Nazione (storia del concetto di Stato e di nazione) Potere legislativo, Potere Esecutivo e Potere Giudiziario. (i tre poteri nei vari orientamenti politici) L’Amministrazione dello Stato (Monarchia, Aristocrazia, Oligarchia, Democrazia) Monarchia Assoluta e Monarchia Costituzionale Aristocrazia (Governo dei Giudici, Governo degli Optimati e Governo dei Filosofi) Oligarchia (Governo dei ceti abbienti, Caste e lobby) Democrazia (assembleare e rappresentativa) Parlamento, Dieta, Camera dei rappresentanti
  • 4. PROGRAMMA DEI CORSILe ideologie e i sistemi politici Aristocrazia Liberalismo Teocrazia Totalitarismo Imperialismo
  • 5. PROGRAMMA DEI CORSIIl mondo del lavoro Il mondo dei lavoratori I sindacati Il modo dell’industria e del padronato La Confindustria Il paternalismo industriale Il Latifondismo L’economia bancaria e la spersonificazione dell’economia Le Corporazioni Le Cooperative La Riconversione industriale Il fallimento dei Piani quinquennali Sovietici
  • 6. PROGRAMMA DEI CORSIMacroeconomia ed intervento dello Stato Stato Sociale e Stato Solidale Il Volontariato Sociale Trasferimenti Leva Economica e Leva Finanziaria Edilizia Sociale
  • 7. PROGRAMMA DEI CORSII bisogni dell’uomo Sicurezza Alimentazione Approvvigionamento Idrico Energia Smaltimento dei Rifiuti.
  • 8. Attestazioni ed Esami È previsto il rilascio di un attestato di frequenza per ogni lezione. Il ciclo di lezioni si concluderà con un test a risposta multipla con un minimo di tre domande a lezione fino ad un massimo di nove domande Il risultato finale verrà comunicato in busta chiusa ad ogni partecipante senza alcuna indicazione della posizione in graduatoria. Possono accedere agli esami coloro che hanno frequentato almeno 10/15 delle lezioni. Coloro che hanno risposto correttamente al 60% delle domande otterranno l’attestato finale.