Your SlideShare is downloading. ×
L’OPINIONENo al cattivo                                                                          Il vantaggIo dI essere pI...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Opinione: Capitalismo Buono e Capitalismo Cattivo

71

Published on

Il vantaggIo dI essere pIccolI e gIovanI
La grande impresa, che pur è
necessaria per lo sviluppo armonico di un’economia, per l’inerzia connaturata alle sue dimensioni, non consente una rapida creazione di posti di lavoro

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
71
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Opinione: Capitalismo Buono e Capitalismo Cattivo"

  1. 1. L’OPINIONENo al cattivo Il vantaggIo dI essere pIccolI e gIovanI La grande impresa, che pur è necessaria per Lo sviLuppo armonico di capitalismo un’economia, per L’inerzia connaturata aLLe sue dimensioni, non consente una rapida creazione di posti di Lavorodi roberto siagri diventare attori attivi dell’eco- caratterizzato da stalli, inef- nomia e non relegarli a com- ficienze e non predisposto aC ome molti di noi sanno, parse. Insomma, se abbiamo a favorire lo sviluppo di idee im- tutte le crisi contengo- cuore il nostro futuro, dobbia- prenditoriali e a cogliere nuove no sempre anche op- mo creare un terreno fertile per opportunità.portunità, che alcuni riescono la partenza di nuove attività In un ambiente dinamico,a cogliere. Per poterlo fare, d’impresa. come quello su cui ad esempioperò, è necessario liberarsi da Nei momenti di crisi non si è fondato il sistema americano,vecchi schemi, che spingono può puntare sulla grande im- si crea invece una circolazionelontano da uno sviluppo sano presa per la creazione veloce di idee e persone, in un quadri-e sostenibile, e abbracciare di posti di lavoro. La grande latero del ‘buon capitalismo’con coraggio la ricerca di nuo- impresa, con l’inerzia che le i cui vertici sono: università evi venti favorevoli e spingersi Pochi, forse, lo dimensioni le conferisce, non centri di ricerca nazionali, pic-nel futuro. Da dove iniziare? sanno, ma negli Usa c’è è in grado di essere reattiva cole e medie imprese, grandi Per ribadire, se ce ne fosse nel breve periodo. Infatti, con- imprese, Stato. Questo creabisogno, quanto sono impor- grande attenzione verso trariamente a quanto comu- un ciclo virtuoso di sviluppotanti per la ripresa le piccole le Pmi, considerate nemente si può pensare, sono economico e ha inerenti i pre-e medie imprese, vorrei darvi motori dell’innovazione le Pmi e le nuove imprese che supposti per la creazione d’in-alcuni dati presi dal sito del e della crescita possono esplorare le opportu- novazione.governo degli Stati Uniti per le nità nella crisi, molto più dellePmi. Sì, in America, nota per dell’occupazione grandi aziende che invece vi- circolazione di soldi e ideele multinazionali, ci sono un vono dello sfruttamento effi-dipartimento e un sito proprio ancor di più le imprese giovani. ciente di una situazione di sta- Per far ripartire il Paese do-dedicati alle Pmi: esse impie- Venendo all’Europa, i dati bilità, attraverso produzioni ad vremmo, allora, sgretolare ilgano la metà dei dipendenti dell’Ocse confermano l’im- alta intensità di capitali, brand triangolo che è alla base deldi tutto il settore privato; han- portanza delle Pmi, come già e marketing. Se è di solito sba- nostro sistema capitalisticono generato, negli ultimi 15 detto per gli Usa. Inoltre, anche gliato puntare sulle grandi im- un po’ datato, per aprirci a unaanni, il 64% dei nuovi posti di l’Ocse conviene che le nuove prese per quanto riguarda la ri- forma di capitalismo impren-lavoro; escludendo l’agricoltu- aziende giocano un ruolo do- presa a breve, esse invece sono ditoriale dalla struttura qua-ra, creano più di metà del Pil; minante nella creazione di po- indispensabili per lo sviluppo drangolare, aperta alla circo-assumono il 40% di lavoratori sti di lavoro, soprattutto in mo- economico armonioso di un lazione di idee, di persone e dihigh-tech; producono 13 vol- menti di alta disoccupazione e Paese, in ragione delle loro capitali. Affinché questa nuovate più brevetti per dipendente ridimensionamento dell’eco- indiscusse capacità di servire struttura si sviluppi, dobbiamoche le grandi imprese e questi nomia. moltitudini di clienti e di pe- anche impegnarci a costruirlebrevetti hanno il doppio della netrare mercati internazionali. attorno un ‘ecosistema’ dei fi-probabilità di essere tra l’1% vecchi schemi da superare nanziamenti calibrato in fun-dei brevetti più citati. triangolo maledetto zione delle dimensioni e del Mi soffermerei soprattutto Se allora vogliamo affronta- rischio d’impresa, dal businesssulla creazione di posti di lavo- re seriamente la crisi aumen- In ambito italiano, e in mi- angel al venture capital fino alro, che credo sia un tema caro tando la velocità di recupero sura minore in quello europeo, private equity e al mercato re-a tutti: secondo uno studio del- dei posti di lavoro, da quanto emerge molto chiaramente la golamentato, anche attraversola Kauffman Foundation, che emerge dai dati non credo che rilevanza di quello che il presi- iniziative che portino all’at-promuove l’imprenditorialità ci siano dubbi: bisogna indi- dente della Fondazione Kauff- trazione dei capitali esteri egiovanile, la quasi totalità dei rizzare le attenzioni sulle Pmi man, Carl Schramm, chiama il aumentino la propensione alposti di lavoro netti creati negli e sulla generazione di nuove triangolo industriale del ‘cat- reinvestimento dei capitali fer-Usa dal 1977 al 2005 sono frut- imprese. Per favorire quest’ul- tivo capitalismo’, fondato su mi. Perché l’essenza del buonto di imprese con meno di 5 timo aspetto è essenziale dare alleanze tra grandi imprese, capitalismo è la circolazioneanni. Dunque, non solo le Pmi un ruolo più importante a uni- sindacato e Stato. Questo mec- del capitale, non il suo accu-sono rilevanti, ma forse lo sono versità e istituti di ricerca. Farli canismo produce un sistema mulo.7 OTTOBRE 2011 ilFRIULI BUSINESS 5

×