Italia oggi24 06_2010

385 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
385
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
16
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Italia oggi24 06_2010

  1. 1. 54 Lunedì 28 Giugno 2010 AIDP Spunti e considerazioni dal 39° congresso nazionale dell’Aidp che si è svolto il 4 e 5 giugno Il manager HR guarda al futuro Compito del professionista generare valore nell’impresa estesa DI ENZO RULLANI Angelo Deiana ha sottolineato sensibilità e consapevolezza, no la possibilità concreta di inve- sione HR, immergendosi anche I le proprietà dell’economia della prima ancora che maggiore stire non solo in quello che è utile dal punto di vista emotivo nella l 4 e 5 giugno si è svolto a conoscenza, legata alla qualità competenza, nei confronti delle per l’azienda nell’immediato, ma complessità con la quale si con- Roma il 39° congresso na- del capitale umano. È questa la esigenze del nuovo «senso del anche in conoscenze e abilità che fronta quotidianamente da una zionale Aidp. Da quando risorsa distintiva con cui le no- lavoro», diventando parte attiva vanno oltre l’ottica meramente prospettiva nuova e diversa. È abbiamo iniziato a pensare stre imprese possono recuperare del processo. Non solo spettatore utilitaristica, creando capacità molto piaciuta la metafora del- al titolo e a occuparci dell’orga- produttività, ossia competitività, o controparte. Per esempio, tocca e linguaggi che allargano il loro lo sguardo dell’aquila che, in un nizzazione del congresso, circa un riposizionandosi sul mercato glo- a lui rivendicare, nei tavoli isti- campo di competenza e la loro vi- colpo d’occhio osserva un vasto anno fa, eravamo già nel «gorgo» bale nel medio periodo. Lo deve tuzionali a cui partecipa, la pos- sione del mondo. Per innovare in campo di mondo e dunque di della crisi anche se ancora non fare l’imprenditore, certo, ma può sibilità concreta di migliorare le fretta e senza sbagliare bisogna, possibilità, ma per selezionare se ne intravedevano gli effetti, farlo da solo? Ormai le imprese norme e gli accordi che è chia- infatti, che le persone messe in e calarsi, velocemente su un le conseguenze, le criticità, le lavorano come anelli inseriti in mato quotidianamente ad appli- campo sappiano e sappiano fare punto preciso, quello dove sta ciclicità. filiere che mobilitano molte altre care. E che spesso sono confuse e molto di più di quello di quello la preda da cogliere. Orizzonta- Ci troviamo di fronte a una persone e imprese: l’impresa si è controproducenti, essendo nate che è già in programma oggi, o lità (estesa) dello sguardo che nuova realtà non più locale, ma «estesa» oltre le mura della fab- dalla sovrapposizione di esigen- nei prossimi mesi. segue l’evoluzione del mondo, e diffusa che anche professionisti brica e degli uffici, in cui lavorano ze contraddittorie che non han- Questo vale per i dipendenti verticalità precisa, finalizzata e HR sono chiamati a guardare da i dipendenti, fino a coinvolgere no trovato sintesi nel negoziato. diretti (manager, quadri, impie- veloce che guida l’azione scelta una visuale diversa. nella creazione di valore, forni- Il professionista HR deve, per gati, operai), ma anche per tutta di volta in volta. Per poi tornare Il professionista HR, nella tori, applicatori, distributori, pro- esempio, difendere l’unicità del la catena del valore a cui l’im- alla visione generale e alla pos- crisi, si è trovato, per così dire, fessionisti che sono esterni al suo proprio ruolo, a tutela del senso di presa si affida: questa catena sibilità di re-inventare il disegno nell’occhio del ciclone. Stretto quadro di comando, e che vanno responsabilità delle diverse parti deve saper fare più di quello che da perseguire. tra la straordinaria pressione dunque contattati e motivati con con cui ha relazione: imprendi- viene richiesto nell’immediato. E L’aquila guarda ai processi del vertice aziendale per ridurre le modalità adatte al «lavoro in tori, capi azienda, collaboratori e questa apertura sul futuro possi- in corso come parti di traietto- i costi, tagliando personale, ora- rete». Un lavoro che non è né dipendenti. Nel mettere insieme bile, che è fonte di creatività e di rie ampie che, pur mutando nei ri e buste paga, e la necessità di pienamente indipendente né del le diverse idee e responsabilità, flessibilità sempre più preziose, particolari concreti, durano nel mantenere l’investimento fatto tutto dipendente, ma interdipen- deve usare la passione per il vale anche per i territori e per tempo, mantenendo stabili sia nel capitale umano, ossia nelle dente, appunto. Il professionista lavoro, se il lavoro è motivante, le società a cui l’impresa si lega: la visione del mondo esterno che persone e delle professionalità HR, come ha detto Giuseppe De come leva per dare autonomia e in esse devono essere presenti quella della propria identità. È messe a disposizione dell’azien- Rita, non può limitarsi a gestire il intelligenza alle persone, a tutti i «eccedenze cognitive», saperi in questo modo che possiamo da. La sfida è stata raccolta in «proprio» personale, ma deve con- livelli dell’organizzazione, solleci- non immediatamente utili, che usare l’intelligenza fluida degli tanti modi diversi, come sem- tribuire a individuare il modo con tando anche una loro assunzione rendano la scambio impresa- uomini e delle organizzazioni pre accade in questi casi. Alla cui l’impresa può usare al meglio, di rischio. Per questo è necessario società non solo una transazio- che li legano per navigare nel luce dell’esperienza fatta sin nella filiera, le disponibilità diffe- centrare la formazione continua ne utile per il presente, ma una mare in tempesta dei nostri qui, possiamo confermare che la renziate di lavoro disponibili nei sull’identità professionale e af- scommessa condivisa sul futuro. giorni, agitato dalle grandi onde leva dei costi possa essere utile vari paesi e per le varie attività. frontare la sfida sociale che è in Presidio di questo affollato cro- prodotte dal capitalismo globale in emergenza, se usata con cau- Un compito strategico, che va ol- atto. cevia di persone e di esigenze, della conoscenza. tela, in modo da non fare trop- tre la frontiera della negoziazio- Non solo. Occorre che il pro- non sempre concordanti tra loro, A partire, tuttavia, da quello pi danni. Ma certo essa risulta ne sindacale e che certo supera fessionista HR abbia, da questo è il «nuovo» professionista HR che più conta: la speranza di fu- drammaticamente insufficiente l’ordinaria amministrazione. punto di vista, una visione ampia che da questo congresso speria- turo che muove gli uomini e le in termini strategici, perché, ri- Emergono quindi temi fonda- e dinamica del suo ruolo, vedendo mo possa trarre una visione non cose, inducendo a esplorare con spetto ai nuovi competitors low mentali della tradizione HR, da non solo l’azienda come è, ma an- convenzionale dei compiti che lo coraggio lo spazio del possibile, cost, le nostre imprese sono sicu- rivisitare. che come potrebbe diventare. Egli attendono nelle singole realtà. Il andando oltre le certezze conso- ramente perdenti se si chiudono Per prima cosa, il professio- dovrebbe, per esempio, costruire congresso è voluto andare oltre latorie del presente. nel recinto di una concorrenza nista HR deve avere maggiore situazioni in cui le persone abbia- il luogo comune della profes- © Riproduzione riservata giocata sui costi. Il terreno su cui raccogliere la sfida, a valere sul futuro, è allora quello della crescita della produttività, ossia Cresce la flessibilità, aumentano le performance del valore prodotto da ogni ora Il 39° congresso nazionale Aidp è stata pensare che c’è molto lavoro da fare per sistematica e intuitiva; è sì un problem lavoro e da ogni euro di capitale anche l’occasione per presentare i risul- uno sviluppo organizzativo delle nostre solver, ma non è sempre attento alla vi- messo in gioco dalle nostre im- tati di due importanti ricerche: una con- imprese che, oltre a renderle a misura sione globale e strategica d’impresa. In prese. È un obiettivo che solo in dotta in collaborazione con Iese-Consel d’uomo, ne migliorino la competitività questo quadro generale, alcuni dati ri- parte si può delegare alla tecno- sull’impresa flessibile e familiarmente internazionale. sultano particolarmente interessanti: per logia e alle macchine, due aspetti responsabile e l’altra con Cornerstone Correlando i risultati con gli indici esempio, le donne in genere e i professio- su cui i nuovi concorrenti hanno Institute a tema «Il professionista HR: il economici, è significativo notare che tra nisti che operano all’interno di aziende di ottime possibilità di azione, certo futuro della nostra identità professiona- le organizzazioni coinvolte, quelle che servizi sono più vicini al profilo atteso. Di non minori delle nostre. le». Ecco una breve panoramica di quanto attuano politiche di flessibilità organiz- contro, i manager del Nordovest e quelli Il terreno da privilegiare per emerso dalle indagini. zativa e conciliazione tra famiglia e la- di aziende di grandi dimensioni, appaiono andare in questa prospettiva è voro, risultano più performanti rispetto meno vicini al prototipo delineato. dunque un altro: quello dell’in- IESE /CONSEL /A IDP. Il contributo offer- a quelle disattente a questi temi. Sia il «Oggi, per rispondere alle esigenze novazione di uso, che implica la to al congresso nazionale dalla professo- fatturato che l’utile netto ne beneficiano, delle aziende moderne», sostiene Gianni ricerca di nuove applicazioni, lo ressa Nuria Chinchilla, direttore dell’In- sostenuti da una produttività più elevata, Perri, managing partner di Cornerstone sviluppo di significati attraenti, ternational center for work and family frutto, si ipotizza, di un livello di moti- Italia, «l’HR manager deve essere una la costruzione di esperienze emo- dello Iese business school di Barcellona, vazione delle persone in grado spingerle persona sempre più dotata di caratteri- tivamente gratificanti, la predi- ha dato nuova luce al concetto di conci- a contribuire maggiormente per reagire stiche personali in linea con quelle indi- sposizione di servizi e soluzioni liazione tra lavoro, famiglia e vita perso- alla crisi economica in corso. cate dalla ricerca, e non più meramente personalizzate, la creazione di nale, rispetto alle politiche di flessibilità un tecnocrate della contrattazione e del- identità e stili di vita coinvolgen- dell’impresa estesa. In questo scenario CORNERSTONE INSTITUTE/AIDP. Partendo la gestione dei costi del personale. Deve ti. Tutte cose che non si possono di estensione del perimetro d’influenza da un’analisi effettuata con un gruppo saper curare l’attivazione delle potenzia- delegare all’intelligenza repli- dell’impresa entrano in gioco soggetti di testimonial Aidp, è emerso l’identi- lità dei dipendenti coerentemente con le cativa della tecnica o delle mac- fino a oggi poco considerati. Tra questi, kit dell’HR manager ideale: un profes- strategie aziendali e adottare, nelle rela- chine, ma che mettono in prima famiglia, vita personale e community dei sionista capace di costruire forti reti zioni con le persone, uno stile empatico linea «l’intelligenza fluida» degli lavoratori, condizioneranno sempre più relazionali e di implementare azioni di e influenzante». uomini. la motivazione e il contributo individuale sviluppo delle risorse umane, non limi- Per approfondire i risultati di entram- apportato all’impresa. La ricerca inter- tandosi al controllo e al contenimento be le indagini è possibile consultare il nazionale Ifrei, International family re- dei loro costi; un individuo empatico, di sito www.aidp.it nella sezione congressi/ Pagina a cura di sponsible employer index, che si realizza mente aperta, dotato di valori orientati Atti del convegno. AIDP in 19 paesi nel mondo, ha evidenziato che al servizio e alla dimensione economica. a cura di Roberto Sorrenti l’Italia ha un lungo cammino da percorre- Confrontando questo profilo con quello responsabile sviluppo Associazione italiana re. I dati mostrano una marcata arretra- rilevato su un campione di oltre 130 pro- & innovazione Consorzio Elis per la Direzione del Personale, tezza culturale sul tema, solo il 21% delle fessionisti italiani, emerge però che l’HR Via E. Cornalia 26 216 imprese coinvolte adotta politiche manager attuale è più orientato ai valori e Gianni Perri 20124 Milano di conciliazione/flessibilizzazione con- di potere e competenza piuttosto che di managing partner www.aidp.it; aidp@aidp.it tro il 39% della media europea, e fanno servizio e di supporto; mostra una mente Cornerstone Italia

×