Porsche presenta una nuova, insolita campagna pubblicitaria chevuol promuovere la ripresa dalla crisi economica, rassicura...
Se per qualche motivo non fosse possibile visualizzare il video,http://www.youtube.com/watch?v=Ni6YPl-qIQk
MODALITÀ DI ANALISI:Di seguito proponiamo una modalità di analisi dei testi presentati.                                   ...
Lo sviluppo della campagna pubblicitaria«PROPORRE L’ACQUISTO DI AUTO MERAVIGLIOSE OGGI VUOL DIRE DAREUNA SPINTA ALLECONOMI...
Riportiamo il comunicato stampa pubblicato da PorscheItalia, in cui vengono messi in evidenza prettamente imotivi economic...
TALK SHOWLa campagna "Il tuo sogno è possibile" è stata presentata alle ore 11.30 del 22 novembre 2012 a Milano in un even...
SITO DEDICATO ALLA CAMPAGNA         http://www.iltuosognoèpossibile.it
I MEDIA TRADIZIONALI – I GIORNALI               Questo è l’annuncio che Porsche ha               pubblicato sui maggiori r...
TOSCANI E GIANNINO PUNTANO                          SULLA PORSCHEUna Porsche per continuare a sognare nonostante la crisi ...
CHI HA LA PORSCHE PAGA LE                                            TASSE?Titolo: “Il tuo sogno è possibile”. Seguito da ...
PORSCHE RIBATTE A CRISI E                                                     FISCALITÀ «PUNITIVA» PER LE AUTO            ...
Gian Primo Quagliano in unanalisi riguardante tutto il comparto dellautomobile pubblicata su Il Sole 24 Ore di lunedì hatr...
SE L’AUTO RISCOPRE LA VOGLIA                                    DI SOGNAREScende il mercato dell auto, sale la paura per u...
I MEDIA TRADIZIONALI - TGA riprova del fatto che la campagna ha avuto visibilità prettamentenel contesto di Internet (sul ...
I NUOVI MEDIA – I BLOG                                 LA PUBBLICITÀ PORSCHE CON TOSCANI                                 P...
PORSCHE, UNA NUOVA CAMPAGNA                                               FIRMATA OLIVIERO TOSCANI19.11.2012La casa tedesc...
OLIVIERO TOSCANI FIRMA LA CAMPAGNA                               PORSCHE ITALIA                               Il fotografo...
IL LUSSO PUÒ AIUTARE L’ECONOMIASECONDO TOSCANI      La nuova provocazione firmata Oliviero Toscani è la campagna realizzat...
BLOG PRIVATO – INTERPRETAZIONEDELLA CAMPAGNAhttp://senzaerroridistumpa.myblog.it/archive/2012/11/26/c.html
I NUOVI MEDIA - FACEBOOKPorsche Italia ha creato una pagina facebook dedicata alla campagna, chiamandola per l’appunto “Il...
Come si può notare dal grafico di Google Trends, nel periodo di lancio della campagna «Il tuo sognoè possibile» (19-22 Nov...
Anche in questo caso è evidente come l’interesse per il marchio Porschesia maggiormente sviluppato in Germania, Paese di p...
UN CONTATTO DIRETTO CON IL MONDO         PORSCHE…Per concludere il nostro elaborato, riportiamo di seguito le mail scambia...
Il Direttore Generale delle Pubbliche Relazioni di Porsche Italia ci dà qualche informazione in piùsui dettagli della camp...
Il tuo sogno è possibile   porsche
Il tuo sogno è possibile   porsche
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il tuo sogno è possibile porsche

497 views
404 views

Published on

ricerca sulla campagna pubblicitaria di Porsche "Il tuo sogno è possibile", realizzata per il CdL di Comunicazione e Psicologia dell'Università degli Studi di Milano Bicocca.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
497
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il tuo sogno è possibile porsche

  1. 1. Porsche presenta una nuova, insolita campagna pubblicitaria chevuol promuovere la ripresa dalla crisi economica, rassicurando iconsumatori sui numerosi controlli fiscali applicati dallo Stato negliultimi tempi e spingendoli ad investire sui propri sogni, come quellodi possedere auto di lusso al pari di quelle della Casa tedesca.Il tentativo, per questa campagna, è quello di risvegliare la passioneper l’auto e le emozioni che suscita, una passione che pare essersiassopita.
  2. 2. Se per qualche motivo non fosse possibile visualizzare il video,http://www.youtube.com/watch?v=Ni6YPl-qIQk
  3. 3. MODALITÀ DI ANALISI:Di seguito proponiamo una modalità di analisi dei testi presentati. Promozione dell’idea Dettagli (chi, dove, perché?) e struttura della campagna Analisi del punto di vista economico Riteniamo importante focalizzare l’attenzione prima di tutto sulle informazioni date da Porsche Italia, procedendo poi con l’analisi dell’informazione proposta dagli altri media.
  4. 4. Lo sviluppo della campagna pubblicitaria«PROPORRE L’ACQUISTO DI AUTO MERAVIGLIOSE OGGI VUOL DIRE DAREUNA SPINTA ALLECONOMIA, CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO E, NELLOSTESSO TEMPO, RITORNARE A SOGNARE» OLIVIERO TOSCANIPorsche Italia propone allattenzione dellopinione pubblica una campagna di comunicazione insolita, seria e divertente al tempo stesso. Il tema è il sogno, più precisamente quello che si può realizzare acquistando una Porsche. La campagna, il cuiconcept è stato affidato a Oliviero Toscani, ha un copy d’eccezione: il giornalista specialista in economia OscarGiannino. Il visual è colorato, il testo circonda con il suo significato provocatorio la classica silhouette dellaPorsche 911."Nellattuale momento di recessione i sogni non devono essere frenati - dice Oliviero Toscani - Non possiamointristirci. Noi italiani eravamo conosciuti per essere vitali, simpatici, perfino un po spacconi, tutti "MarcelloMastroianni" che facevano innamorare ed abituati a lanciare il cuore oltre lostacolo. Ho risposto volentieri allinvitodi Porsche perché è un’Azienda che crea auto meravigliose e proporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spintaalleconomia, contribuire allo sviluppo e, nello stesso tempo, ritornare a sognare. Non male in questa Italia incupitadalla crisi”."Con questa campagna Porsche intende attirare lattenzione su un prodotto di eccellenza - dice Pietro Innocenti,Direttore Generale di Porsche Italia –concentrato di tecnologia e design capace di scatenare emozioni uniche.Porsche è attenta ai valori del contesto in cui opera; siamo consapevoli del periodo economicamente sfavorevoleche stiamo vivendo, ma proprio per questo crediamo che continuare ad emozionarsi possa ridare grintaalleconomia". La campagna presenta l’auto sportiva come "unemozione razionale" e invita i sognatori a nonfrenare i loro desideri, a non farsi impaurire dalle tasse sul lusso, a non farsi paralizzare dai controlli su strada.
  5. 5. Riportiamo il comunicato stampa pubblicato da PorscheItalia, in cui vengono messi in evidenza prettamente imotivi economici della creazione della campagna.
  6. 6. TALK SHOWLa campagna "Il tuo sogno è possibile" è stata presentata alle ore 11.30 del 22 novembre 2012 a Milano in un eventodedicato, presso il Circolo della Stampa (sala Montanelli) in corso Venezia 48 in un talk show cui hanno partecipato PietroInnocenti, Oliviero Toscani e Oscar Giannino. Moderatore dell’incontro è stato Carlo Cavicchi, direttore di Quattroruote.
  7. 7. SITO DEDICATO ALLA CAMPAGNA http://www.iltuosognoèpossibile.it
  8. 8. I MEDIA TRADIZIONALI – I GIORNALI Questo è l’annuncio che Porsche ha pubblicato sui maggiori rotocalchi nazionali, come si può notare a fianco.Da sinistra in alto: Corriere della Sera, Il Giornale, La Stampa, Il Messaggero, LaRepubblica e Il Sole 24 Ore.
  9. 9. TOSCANI E GIANNINO PUNTANO SULLA PORSCHEUna Porsche per continuare a sognare nonostante la crisi economica e dare una spintaall’economia, senza farsi impaurire dalle tasse sul lusso o dai controlli sulla strada.È l’insolito invito rivolto da Porsche Italia nella nuova campagna di comunicazione "Il tuo sogno è possibile"che è stata affidata a Oliviero Toscani.Al più presto la campagna pubblicitaria sarà pianificata sui principali quotidiani, mentre domani verràpresentata a Milano alla stampa. Per sollecitare i sognatori a non frenare i loro desideri e a considerarequello che si può realizzare acquistando una Porsche, la campagna di Toscani avrà un testimoniald’eccezione: il giornalista Oscar Giannino.Il visual è colorato e il testo circonda con il suo significato provocatorio la classica silhouette della Porsche911."Nell’attuale momento di recessione i sogni non devono essere frenati - ha spiegato Toscani - nonpossiamo intristirci. Noi italiani eravamo conosciuti per essere vitali, simpatici, perfino un po spacconi, tuttiMarcello Mastroianni che facevano innamorare ed abituati a lanciare il cuore oltre l’ostacolo". Proprio perquesto, Toscani ha risposto volentieri all’invito della Porsche: "È una azienda che crea auto meravigliose eproporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spinta all’economia, contribuire allo sviluppo e, nello stessotempo, ritornare a sognare. Non male in questa Italia incupita dalla crisi”.Con questa campagna, Porsche intende attirare l’attenzione su un prodotto di eccellenza, concentrato ditecnologia e design capace di scatenare emozioni uniche. "Porsche è attenta ai valori del contesto in cuiopera - ha spiegato il direttore generale di Porsche Italia Pietro Innocenti - siamo consapevoli del periodoeconomicamente sfavorevole che stiamo vivendo, ma proprio per questo crediamo che continuare ademozionarsi possa ridare grinta all’economia".
  10. 10. CHI HA LA PORSCHE PAGA LE TASSE?Titolo: “Il tuo sogno è possibile”. Seguito da un messaggio nemmeno tanto subliminale: chi compra una Porsche non è unevasore fiscale.Metti una sera a cena. Oliviero Toscani, più noto come creativo che come porschista. Pietro Innocenti, neodirettore generaledi Porsche Italia, non noto ma meno contaminato di noi perché torna in Italia dopo sette anni vissuti a lavorare all’estero,Cina e Dubai (per la concorrente Ferrari). Sul tavolo, una campagna pubblicitaria del marchio tedesco che dichiaratamentevuole fare discutere: “Il tuo sogno è possibile”. Un testo co-firmato con Toscani da Oscar Giannino, giornalista economico, loallego più avanti.Intorno all’auto-mito 911, cinquant’anni l’anno prossimo, un invito a comprare alla faccia della crisi, a non farsi “intristire” eimpaurire dal governo Monti : “Non farti frenare dalle tasse sul lusso”, chiaro, il messaggio è solo per chi può. “Se ti fermanoper un controllo lasciali fare“, e ci mancherebbe, si vogliono forzare i posti di blocco?. “Se sei in regola andranno acontrollare quelli che non lo sono”, il gioco si fa duro. Noi porschisti ok, gli altri chissà…Insomma. Una pubblicità come questa, o la si butta via con più che comprensibile sdegno - in Italia il problema nazionale èla tristezza del lavoro perduto e il sogno-incubo di non trovarlo più - o la si tratta come una provocazione da un mondodell’auto in genere piuttosto paludato. Nella seconda accezione, due note a margine. Stando ai numeri ultimi di fine anno, inquesta ricca fascia di mercato la Porsche perderà tra il 20 e il 25% delle vendite rispetto al 2011, contro una media del 45%. Vuol dire che chi continua a comprare Porsche paga le tasse e non ha timore di dare nell’occhio? E Giannino, prossimo(incondivisibile) candidato alle elezioni, si arrischierebbe a battersi per dei presunti evasori?“Invece di guidare una Porsche, usate una Fiat e il problema è risolto”. L’anno scorso, il premier turco, Recep Tayyip Erdogan,fece a suo modo uno spot con il marchio tedesco in senso opposto alla campagna di Toscani, suggerendo ai consumatoriuna soluzione all’italiana per “sopportare” l’aumento della “tassa speciale sul consumo” con la quale il governo di Ankara haaffrontato la crisi e i debiti: l’aliquota per l’acquisto di automobili è salita dall’84% al 130% per i veicoli da oltre 2000 dicilindrata (+25%), mentre per quelli di cilindrata fra 1600 e i 2000 l’aumento è stato del 12,5%.La verità, ad Ankara come a Roma, è che la super aliquota e il super bollo sopra gli 185 kw sono misure per superpochi edannose soltanto per il mercato dell’usato. In Italia, il tetto della potenza dei motori è stato alzato appena un gradino sopraper salvare i 3000 turbodiesel (Porsche Cayenne compresa) che fanno davvero il mercato del lusso. Gran tecnico Monti. Ilresto sono idee, provocazioni, errori, cazzate o quello che volete, ma credo valga sempre la pena discutere un po’.
  11. 11. PORSCHE RIBATTE A CRISI E FISCALITÀ «PUNITIVA» PER LE AUTO DI LUSSOIn un contesto che è in contrazione del 45% come quello delle auto ad alte prestazioni di cui è leader in Italia – e in un mercatototale che si escludendo le flotte aziendali si può presumere che a fine anno annoterà 900mila vendite a privati come nel 1959 - laPorsche è il primo brand che lancia la sua ricetta, apparentemente solo provocatoria ma in realtà civile e propositiva, per avviarelinversione della tendenza o, per lo meno, laffievolimento dei nefasti effetti su tutto il comparto.Il compito è affidato alla nuova campagna pubblicitaria "Il tuo sogno è possibile" presentata a Milano durante un talk-show moderatoda Carlo Cavicchi, direttore di Quattroruote, e animato da Olivero Toscani che ne ha curato il concept e da Oscar Giannino che hainterpretato il ruolo di copy. E una campagna con una chiara connotazione sociale volta ad enfatizzare i valori positivi che sonosempre stati riconosciuti al brand Porsche.«In un momento in cui tutto sembra andare contro il mondo dellautomobile, nonostante sia una delle colonne portanti perleconomia e contribuisca al benessere del nostro Paese attraverso la creazione di posti di lavoro, ci sembrava opportuno - hacommentato Pietro Innocenti, direttore generale di Porsche Italia – essere al fianco di chi ama le automobili e non vuolenascondersi».Un primo effetto cè già stato, lincoraggiamento da parte dei diretti competitor, che forse porterà ad altre iniziative rivolte asostenere sia le reti di vendita sia lottimismo della clientela, formata in gran parte da persone che non hanno nulla danascondere, ma che si sentono colpevolizzate dallattuale fase fiscale. Questa strategia, ha ricordato Oscar Giannino, in altri settoriha portato allemigrazione di oltre 50mila natanti dai nostri porti turistici, a favore di quelli delle Nazioni confinanti che si sonoritrovate (inaspettatamente) maggiori introiti fiscali e di stazionamento, oltre a forti incrementi delle attività produttive e turistichelegate a questo fenomeno. Anche nel settore delle auto prestazionali sta accadendo la stessa cosa. Lo conferma quanto staaccadendo in casa Porsche.«Da noi ne circolano tra storiche e moderne oltre 75mila – riprende Innocenti - ma, purtroppo, da gennaio di questanno circa 1000ogni mese lasciano lItalia per andare in altri Paesi europei come diretta conseguenza dellintroduzione di misure fiscalipenalizzanti, come il superbollo e il perdurare di un clima di generale colpevolizzazione dellautomobile. Questo ha una ricaduta siasui fatturati della nostra azienda e della rete di vendita (anche con ripercussioni sulle situazioni occupazionali, ndr) sia sulloStato, che non potrà contare sul gettito fiscale stesso che è già largamente inferiore alle previsioni stante il calo delleimmatricolazioni e la perdita di vetture circolanti». Segue…
  12. 12. Gian Primo Quagliano in unanalisi riguardante tutto il comparto dellautomobile pubblicata su Il Sole 24 Ore di lunedì hatrasformato in soldoni la situazione, seguendo una stima di Econometrica: il bilancio complessivo per lacquisto e lesercizio diautoveicoli crollerà di quasi 13 miliardi di Euro passando dai 198,1 del 2011 ai 185,5 di questanno. Analogamente il CentroStudi Unrae ha di recente reso noto che solo a causa dellintroduzione del superbollo il segmento delle vetture di potenza oltre i185kw nei primi 9 mesi del 2012 ha avuto una contrazione del 44,1%. Se questo trend verrà mantenuto a fine anno si genereràun gettito da superbollo pari a 155 milioni di Euro a fronte del quale cè un minor gettito di Iva, Ipt e Bollo, pari a 90 milioni diEuro che porterà il beneficio complessivo per lerario a soli 65 milioni di Euro contro i 168 milioni di euro pianificati.Sempre secondo lUnrae, a causa delle manovre fiscali, nei primi 6 mesi del 2012 lo Stato ha avuto 1,25 miliardi di minor gettitoIva, che diventeranno 2,3 miliardi a fine anno. In negativo anche lincasso delle Ipt, visto che le stime dicono che sempre allafine del 2012 il minor incasso, si prevede sia inferiore di 100 milioni di euro rispetto al 2011. In questo quadro vanno ancoraaggiunta la crescita delle numero delle imposte e accise che colpiscono tutte le auto e tutti gli automobilisti che nellultimo annosono arrivate a quota 18, cioè sono quasi raddoppiate frenando acquisti e consumi, nel rispetto di un copione che affida alsettore il ruolo di Bancomat Inesauribile, impresso dal fatto che lo Stato riceve introiti quando vuole alzando le relative impostee il loro numero. Secondo Giannino, lattuale strategia fiscale premia persino la burocrazia perché prevede bonus per chi fa piùverifiche. E queste spesso partono dal fatto che lauto, insieme ai kW espressi dal motore, è usata come strumento per studiareil reddito.La depressione innescata da questa situazione è quella a cui si contrappone con forza Oliviero Toscani, che da italiano chepaga le tasse non intende assolutamente rinunciare allottimismo che generano i sogni. «Nellattuale momento di recessione isogni non devono essere frenati - ha spiegato - non possiamo intristirci. Noi italiani eravamo conosciuti per essere vitali,simpatici e perfino un po spacconi, tutti Marcello Mastroianni, che facevano innamorare ed abituati a lanciare il cuore oltrelostacolo. La situazione ha fatto passare limmagine dellItalia da simpatica, allegra e creativa a triste, con poche speranze erassegnata. La campagna "Il tuo sogno è possibile" vuole stimolare il recupero della passione verso le belle auto e a viveresenza sentirsi colpevolizzati da questo fattore. In generale, a ribellarci anche alla politica che ci sta auto-eliminando dal settoredel lusso, del quale in tutto il mondo siamo sempre stati presi come punto di riferimento».
  13. 13. SE L’AUTO RISCOPRE LA VOGLIA DI SOGNAREScende il mercato dell auto, sale la paura per una sorta di default dell intero settore, colpito da un insostenibile caricofiscale. I concessionari, ormai sull orlo di una crisi di nervi lanciano allarmi continui. L ultimo è quello della chiusura di unazienda al giorno per un totale di 10 mila nuovi disoccupati alla fine dell anno. I costruttori, o meglio l Unrae, l associazioneche rappresenta quelli esteri, ha rinunciato addirittura a parlare con il governo. Insomma, è un momento pessimo per ilsettore, colpito da una recessione senza precedenti. E che in Italia sta letteralmente dimezzando il mercato le auto di fasciaalta. A questo si aggiunge il deterioramento dell immagine di suv e supercar che coincide con quella dell evasione fiscale.Che fare? Oltre ad essere in regola nel pagamento delle tasse qualcuno cerca di rilanciare il sogno della bella automobile. Loaveva fatto Mercedes con la SL e ora ci prova la Porsche con un insolita e provocatoria campagna pubblicitaria firmata daOliviero Toscani. Dove l auto sportiva diventa un emozione razionale invitando a non frenare i desideri, a non farsi impauriredalle tasse sul lusso o paralizzare dai controlli su strada. Della serie: senza il sogno non si va da nessuna parte.
  14. 14. I MEDIA TRADIZIONALI - TGA riprova del fatto che la campagna ha avuto visibilità prettamentenel contesto di Internet (sul sito dedicato, su quello ufficiale PorscheItalia e su vari blog), non abbiamo rinvenuto servizi dei telegiornalidelle reti maggiori – Mediaset, Rai e LA7.
  15. 15. I NUOVI MEDIA – I BLOG LA PUBBLICITÀ PORSCHE CON TOSCANI PERCHÉ «IL TUO SOGNO È POSSIBILE» L’annuncio stampa, serio e divertente al tempo stesso, è anche un «inno» contro la tassa sul lusso20/11/2012 15:55La nuova campagna di comunicazione di Porsche Italia è insolita, seria e divertente al tempo stesso, a realizzarne il concept èOliviero Toscani, mentre la copy, su cui poggia tutto l’annuncio, è del giornalista di economia Oscar Giannimo.Il visual è colorato e il testo circonda, con il suo significato provocatorio, la classica silhouette della Porsche 911.“Il tuo sogno è possibile, non ucciderlo, è la cosa più importante per te. Non farti frenare dalla tasse sul lusso”, questo è l’attaccodella copy che avrà di certo fatto fischiare le orecchie al premier Mario Monti."Nellattuale momento di recessione i sogni non devono essere frenati - dice Oliviero Toscani - Non possiamo intristirci. Noi italianieravamo conosciuti per essere vitali, simpatici, perfino un po spacconi, tutti Marcello Mastroianni che facevano innamorare edabituati a lanciare il cuore oltre lostacolo. Ho risposto volentieri allinvito di Porsche perché è un’Azienda che crea auto meravigliosee proporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spinta alleconomia, contribuire allo sviluppo e, nello stesso tempo, ritornare asognare. Non male in questa Italia incupita dalla crisi”. La campagna presenta l’auto sportiva come "unemozione razionale" e invitai sognatori a non frenare i loro desideri, a non farsi impaurire dalle tasse sul lusso, a non farsi paralizzare dai controlli su strada.
  16. 16. PORSCHE, UNA NUOVA CAMPAGNA FIRMATA OLIVIERO TOSCANI19.11.2012La casa tedesca lancerà una nuova pubblicità nelle prossime settimane, basata sul claim "Il tuo sogno è possibile". Per dareuna spinta alla vendita delle proprie vetture, contro lattuale crisi.Il mercato dellauto è in crisi e le vetture più costose sono tra quelle che risentono di più del momento difficile delleconomiamondiale. Porsche ha voluto così lanciare una nuova campagna pubblicitaria, firmata dal celebre fotografo epubblicitario Oliviero Toscani, con il messaggio "Il tuo sogno è possibile". Il visual è colorato, il testo circonda con il suosignificato provocatorio la classica silhouette della Porsche 911."Noi italiani eravamo conosciuti per essere vitali, simpatici, perfino un po spacconi, tutti Marcello Mastroianni che facevanoinnamorare ed abituati a lanciare il cuore oltre lostacolo - ha spiegato Toscani - Ho risposto volentieri allinvito di Porscheperché è unazienda che crea auto meravigliose e proporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spintaalleconomia, contribuire allo sviluppo e, nello stesso tempo, ritornare a sognare".La campagna presenta lauto sportiva come "unemozione razionale" e invita i sognatori a non frenare i loro desideri, a nonfarsi impaurire dalle tasse sul lusso, a non farsi paralizzare dai controlli su strada. La pubblicità sarà pianificata sui principaliquotidiani nazionali, a partire dalle prossime settimane.
  17. 17. OLIVIERO TOSCANI FIRMA LA CAMPAGNA PORSCHE ITALIA Il fotografo milanese assieme alla Casa tedesca con il claim «il tuo sogno è possibile»Tutti a parlare di crisi, a preoccuparsi di Mario Monti e del suo risanare i conti italiani con piccole o grandi tasse. E i sogni? Cèancora spazio per loro oppure la realtà li ha cancellati con un colpo di spunta? Per Porsche (e anche per noi) è la secondarisposta quella più vera e per sottolineare il proprio "credo" la Casa tedesca ha lanciato una nuova campagna di comunicazionebasata proprio sui sogni.Firmata da Oscar Giannino e Oliviero Toscani la campagna Porsche lancia il claim "Il tuo sogno possibile", indicando comeunauto sportiva non sia solo un oggetto da sogno, ma anche una spinta importante per economia e sviluppo.Una 911 (la Porsche per eccellenza) circondata da numerose parole colorate a formare frasi di invito a non smettere di sognareperché lei (la 911) è "emozione razionale", perché "il 50% di quello che spendi per me va allo Stato che dovrebbe stimolare apossedermi ed esserti riconoscente perché, comprandomi, contribuisci con coraggio allo sviluppo di cui tutti parlano."Naturalmente non è un invito a evadere "Se ti fermano per un controllo lasciali fare. Se sei in regola, andranno a controllarequelli che non lo sono."Una campagna volutamente provocatoria che però, come deve essere presa come un invito positivo a non piegarsi, comespiegato da Toscani stesso "Nellattuale momento di recessione i sogni non devono essere frenati […] Ho risposto volentieriallinvito di Porsche perché è un’Azienda che crea auto meravigliose e proporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spintaalleconomia, contribuire allo sviluppo e, nello stesso tempo, ritornare a sognare. Non male in questa Italia incupita dalla crisi”.
  18. 18. IL LUSSO PUÒ AIUTARE L’ECONOMIASECONDO TOSCANI La nuova provocazione firmata Oliviero Toscani è la campagna realizzata per Porsche. Il tanto discusso fotografo e creativo italiano cerca di choccare il pubblico sottolineando il fatto che il Lusso è un bene per la società quindi tasse e controlli fiscali non ci dovrebbero spaventare. Ma riesce davvero a colpire? Le aziende fanno bene a rivolgersi a lui? Ora si parlerà di Porsche per la sua campagna o semplicemente di Toscani? Quanto l’immagine del creativo fagocita l’immagine del brand in questo caso, e i brand ne traggono dei benefici? Come lasciano intendere questi quesiti e i relativi commenti, non tutti sono fiduciosi nei confronti della nuova campagna pubblicitaria Porsche.
  19. 19. BLOG PRIVATO – INTERPRETAZIONEDELLA CAMPAGNAhttp://senzaerroridistumpa.myblog.it/archive/2012/11/26/c.html
  20. 20. I NUOVI MEDIA - FACEBOOKPorsche Italia ha creato una pagina facebook dedicata alla campagna, chiamandola per l’appunto “Il tuo sogno è possibile”.Se inizialmente questa pagina veniva utilizzata per promuovere la campagna e riportare i principali siti web in cui la stessaveniva pubblicata, ora è bacheca per ogni sorta di foto/post/commento/pubblicità/avviso che abbia a che vedere conun’auto del Marchio o con un pensiero ad essa rivolto.http://www.facebook.com/pages/Il-tuo-sogno-è-possibile/526348827394679?fref=tsCi sembra giusto e doveroso puntualizzare che Porsche non si limita a pubblicare i link degli articoli, o dei frammenti, chepromuovono positivamente la campagna “Il tuo sogno è possibile”, ma sfida i più diffidenti, pubblicando anche le critiche dichi, in questa campagna, non vede altro che un buco nell’acqua.
  21. 21. Come si può notare dal grafico di Google Trends, nel periodo di lancio della campagna «Il tuo sognoè possibile» (19-22 Novembre 2012) non ci sono stati picchi nell’interesse verso Porsche, bensì viè stato un leggero calo nelle ricerche ad essa dedicate.
  22. 22. Anche in questo caso è evidente come l’interesse per il marchio Porschesia maggiormente sviluppato in Germania, Paese di produzione e sededegli stabilimenti principali della Casa.A lato, invece, i termini più ricercati in correlazione con il marchio.
  23. 23. UN CONTATTO DIRETTO CON IL MONDO PORSCHE…Per concludere il nostro elaborato, riportiamo di seguito le mail scambiate con Mauro Gentile, Direttore Generale delle PR diPorsche Italia:
  24. 24. Il Direttore Generale delle Pubbliche Relazioni di Porsche Italia ci dà qualche informazione in piùsui dettagli della campagna. Come si può vedere, non abbiamo ricevuto risposte esaurienti inmerito alla nostra domanda sui possibili riscontri governativi della campagna stessa. Possiamoimmaginare che la ragione dipenda dal fatto che questo genere di informazioni sia daconsiderarsi strettamente riservato, oppure che non ci siano effettivamente stati riscontri degni dinota.È evidente, inoltre, che ci sia un’incongruenza tra la spiegazione del Sig. Gentile e quantopresentato in precedenza sulle motivazioni per cui “Il tuo sogno è possibile” è nata.Stando a quanto detto finora, la campagna avrebbe dovuto avere lo scopo di risvegliare l’animo ela passione degli Italiani per le auto di lusso, con la logica conseguenza che l’investimento dicapitale avrebbe potuto contribuire alla ripresa dell’economia nazionale. Il Sig. Gentile ciconferma, invece, l’impressione che noi avevamo avuto in merito al font utilizzato per l’immaginesimbolo della campagna: non si tratta di un “banale” messaggio in grado di raggiungere unelevato numero di clienti (potenziali e storici), bensì del tentativo di raggiungere soltanto laclientela più attenta, nonché quella più fidata.Questo, in effetti, spiegherebbe anche perché la campagna non abbia avuto vasta visibilità sullereti televisive, ma sia rimasta, per così dire, confinata nei blog e in poche pagine di giornale.

×